Washington: I terroristi mangiano kebab

La passione per la cucina mediorientale è una variabile utile ad individuare terroristi? L'FBI è partita dalle abitudini alimentari per profilare alcuni sospetti

San Francisco – I Feds seguivano l’aroma speziato della cucina araba, si appostavano accanto ai fast food nei quali gira instancabile lo spiedo su cui rosola il kebab, setacciavano i dati raccolti dalle gastronomie mediorientali di San Francisco. Raggranellare dettagli sulla vita di coloro che nutrono questa passione culinaria era per l’FBI una questione prioritaria: la cucina araba è cibo per terroristi iraniani .

I terroristi mangiano kebab? Questa, spiega Congressional Quarterly Politics , era la convinzione che, a cavallo tra 2005 e 2006, ha mosso le indagini promosse dai vertici dell’FBI nell’area di San Francisco e San Jose.

Non è chiaro come si svolgessero le indagini: i gestori dei ristoranti fornivano spontaneamente i dati all’FBI? I federali inoltravano loro delle richieste affinché fornissero informazioni sulla clientela? Possibile: lo prevede la sezione 215 del Patriot Act , che consente all’FBI di ottenere da aziende e privati informazioni su soggetti sulla base di ragionevoli sospetti .

Nessun dettaglio nemmeno riguardo alla destinazione dei dati raccolti: mangiatore di felafel e kebab è una delle variabili contemplate dal famigerato Automated Targeting System per tracciare profili di immigrati e viaggiatori e assegnare loro un terror score ? Non è dato saperlo: l’esperto di sicurezza Bruce Schneier aveva già stigmatizzato la segretezza che avvolge il monitoraggio, capace di costruire una reputazione del cittadino nota esclusivamente allo stato.

Pare però che gli estimatori della cucina mediorientale possano ora dare sfogo al loro appetito. Al monitoraggio e alla raccolta dei dati riguardo ai frequentatori di chioschi e gastronomie arabe non è seguito alcun arresto . La tecnica investigativa ha avuto vita breve: CQ Politics riporta che Michael A. Mason, dirigente FBI, ha bloccato i lavori lo scorso anno. La pratica di inserire chi si nutre di cucina araba in una lista di terroristi sarebbe, a suo parere, ridicola e potenzialmente illegale .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Moref scrive:
    Give 1 Get 1?
    Solo per l'America...peccato per 270 euro ci avrei fatto un pensierino...
    • ... scrive:
      Re: Give 1 Get 1?
      270 euro... sogna... come per qualcuno che non si deve pronunciare negativamente onde non far scattare la censura, prezzeranno tutto 1 a 1 e la differenza "chi lo sa dove finirà..."
      • anonimo01 scrive:
        Re: Give 1 Get 1?
        - Scritto da: ...
        270 euro... sogna... come per qualcuno che non si
        deve pronunciare negativamente onde non far
        scattare la censura, prezzeranno tutto 1 a 1 e la
        differenza "chi lo sa dove
        finirà..."a parte quella ditta che dici (che quel vizio ce l'ha, ma per politiche interne che poco centrano col cambio) quasi nessuno fa quel giochetto, eh?il problema è la dogana.(li si che sono czz non basici - a conti fatti lo pagho dal 20 al 40% in più)
  • maaaaaaaaaa aaaah scrive:
    Secondo voi funzionerà ?
    400$ per un gadget iniziano ad essere parecchi, a questa campagna compri un chilo di mele ne regali altrettante ci credo poco. Alla fine dei giochi non è economicamente interessante.
    • ... scrive:
      Re: Secondo voi funzionerà ?

      Alla fine dei giochi non è economicamente
      interessante.Punti di vista... se stai dall'altra parte (non quella dei bambini poveri s'intende) la penseresti diversamente...
    • policy scrive:
      Re: Secondo voi funzionerà ?
      - Scritto da: maaaaaaaaaa aaaah
      400$ per un gadget iniziano ad essere parecchi, a
      questa campagna compri un chilo di mele ne regali
      altrettante ci credo poco.
      Io 400 dollari li spendevo volentieri, per dare la possibilità di imparare le basi dell'informatica....
      Alla fine dei giochi non è economicamente
      interessante.Dipende dai punti di vista....
    • mha scrive:
      Re: Secondo voi funzionerà ?
      400 $ per un pc non mi sembrano tanti :)
    • www scrive:
      Re: Secondo voi funzionerà ?
      - Scritto da: maaaaaaaaaa aaaah
      400$ per un gadget iniziano ad essere parecchi,Se c'e' gente che compra l'iphone può benissimo comprare anche questo e fare una buona azione ;)
  • Pino La Lavatrice scrive:
    "Digital diviso"...
    "... e di donarne un altro ad un bambino di qualche paese digital diviso."Quindi vale anche per i bambini italiani?
    • pentolino scrive:
      Re: "Digital diviso"...
      - Scritto da: Pino La Lavatrice
      "... e di donarne un altro ad un bambino di
      qualche paese digital
      diviso."

      Quindi vale anche per i bambini italiani?No perchè hanno fatto da cattivi, solo pigne (il carbone di questi tempi è diventato prezioso!)
    • ... scrive:
      Re: "Digital diviso"...
      I bambini italiani sono ricchi infatti possono comprarsi ogni anno l'edizione aggiornata del libro di geografia (sapessi di quanto si spostano montagne, fiumi, oceani, confini in un anno...) per non parlare di matematica (ogni anno puntuali, Eulero, Archimede, Pitagora, Euclide ecc. resuscitano, aggiornano i loro teoremi, anzi li rivoluzionano e poi tornano nella tomba) o del dizionario di italiano (che oramai s'aggiorna solo a botte di neologismi e versi gutturali usciti dall'ultima ed. del GF).Neanche i libri di storia si aggiornano così in fretta (per quanti sforzi facciano i governanti del momento di riadattare il passato a proprio uso e consumo)...
      • anonimo01 scrive:
        Re: "Digital diviso"...
        - Scritto da: ...
        I bambini italiani sono ricchi infatti possono
        comprarsi ogni anno l'edizione aggiornata del
        libro di geografia (sapessi di quanto si spostano
        montagne, fiumi, oceani, confini in un anno...)
        per non parlare di matematica (ogni anno
        puntuali, Eulero, Archimede, Pitagora, Euclide
        ecc. resuscitano, aggiornano i loro teoremi, anzi
        li rivoluzionano e poi tornano nella tomba) o del
        dizionario di italiano (che oramai s'aggiorna
        solo a botte di neologismi e versi gutturali
        usciti dall'ultima ed. del
        GF).
        Neanche i libri di storia si aggiornano così in
        fretta (per quanti sforzi facciano i governanti
        del momento di riadattare il passato a proprio
        uso e
        consumo)...(rotfl)
Chiudi i commenti