WebTheatre/ Il dating online e le webserie non sentimentali

di G. Niola - Storie reali d'amore e di incontri, rimesse in scena con l'ausilio di pupazzi. Favole ciniche dalla Rete per la Rete

Roma – Il cinema e la tv possono attingere da storie vere, la rete attinge da storie vere della rete. In linea di massima le webserie preferiscono molto di più adattare qualcosa che è accaduto online oppure tramite i mezzi di comunicazione che sfruttano internet, piuttosto che i fatti storici. È una questione di intimità e di piccola scala (di certo è più facile raccontare un appuntamento che un evento clamoroso) ma anche una di questione carattere. Le storie che avvengono online solitamente coinvolgono tipologie umane più vicine ai potenziali spettatori. Questo è ancora più vero nel caso delle storie sul dating in rete.

Tales from Tinder

Il fenomeno non è certo nuovo, del resto anche le webserie che lo raccontano non sono recenti, ma la freschezza e lo stato di salute delle produzioni a tema è dimostrata dal fatto che non solo continuano ad uscire, ma anche ad essere aggiornate. Le webserie sul dating sono praticamente l’equivalente delle commedie sentimentali al cinema, solo che non vanno mai a finire bene e non hanno un atteggiamento favolistico ma, anzi, molto cinico. Ancora una volta la rete produce ciò che non trova negli altri media, girando intorno ai medesimi argomenti. Se le commedie sentimentali cercano i medesimi temi (il destino, l’amore di una vita, l’irresistibile potenza del sentimento che sboccia anche tra i caratteri più diversi) in contesti sempre diversi e sempre attuali, le webserie fanno lo stesso, cercano i medesimi temi in contesti propri di chi abita internet, solo che questi temi non sono positivi, non restituiscono una visione gioiosa del sentimento ma una sempre problematica.

Tales from Tinder spiega tutto nel suo titolo: storie vere, raccontate dalle stesse persone che le hanno vissute. In ogni episodio la voce fuoricampo del protagonista accompagna le immagini messe in scena con l’idea intelligente di usare dei pupazzi al posto degli esseri umani. La cosa non solo dà modo agli autori di ricreare senza problema le scene più intime, se non proprio quelle di sesso, senza doversi porre il problema del tono da usare e l’approccio da avere, ma soprattutto aggiunge un livello ulteriore di finzione e di metafora a quello che è un racconto vero.

La cosa è più importante di quel che non sembri. Rimettere in scena qualcosa di reale pone sempre il problema di quanta distanza prendere dagli eventi, una ricostruzione anche fedele non è mai la verità e in rete l’impressione di una ricostruzione pessima è una trappola molto grossa. Al contrario, usare dei pupazzi risolve il problema alla radice non affrontandolo, scegliendo di lavorare sulla suggestione invece che sulla presentazione. Non tanto cercando di mostrare un racconto ma suggerendolo per allegoria.

Le storie ovviamente si svolgono nel mondo reale ma la loro forza è radicata nell’assurdo concetto proprio del dating online: incontrare qualcuno in base all’immagine che egli ha creato di sé online. Del resto ci sono le trame più varie e le motivazioni più diverse dietro ogni storia: ogni tanto si respira una certa amarezza, in altre è solo divertimento, ma in linea di massima, ancora una volta, questa serie sul dating dipinge un mondo di piccoli uomini e piccole donne che implica qualcosa di più grande. C’è in ogni episodio, insomma, un non detto che risiede nella folla dalla quale i due personaggi sono usciti per incontrarsi e nella quale rientrano finito l’incontro. Invece che sembrare predestinati come nelle commedie romantiche i protagonisti di queste webserie sembrano incontrarsi per un puro caso o un destino poco capace.

Tales From Tinder non ha la potenza nel creare in pochi minuti delle storie profonde e umane che ha dimostrato di avere un prodotto molto più sofisticato ma ugualmente “episodico” come High Maintenance , tuttavia è animata da più di una buona idea e restituisce in pieno il piacere di un racconto fatto ad una voce sola.

TALES FROM TINDER – GOING TOO FAR

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    troppe presentazioni, pochi fatti
    AMD ultimamenti si e' specializzata nel fare belle presentazioni dove dice sempre che il prossimo chip sara' il 40% migliore del precedente, peccato che non si vendono presentaizoni ma chip.quindi facessero meno marckette e piu' chip BUONI.Ho un Phenom II e non ho nessuna intenzone di cambiarlo tanto presto: ma, se e quando decidessi di comrare un nuovo tower, vorrei un AMD e mi spiacerebbe fallisse nel frattempo, tanto piu che le nuove cpu Intel sono "NSA inside" e mi garba punto averle.
  • il fuddaro scrive:
    AMD come Intel
    Se AMD dimostra di avere cpu con core o cache che sia "senza doppi fini", da oggi è per il restante futuro tecnologico(intendo il mio), le prossime compere saranno targate AMD-ATI.
  • il fuddaro scrive:
    AMD pulita..........
    Se AMD dimostra di avere cpu con core o cache che sia "senza doppi fini", da oggi è per il restante futuro tecnologico(intendo il mio), le prossime compere saranno targate AMD-ATI.
  • iRoby scrive:
    Triste
    Mi rattrista vedere quest'azienda sempre fanalino di coda...I suoi prodotti non sono male, i prezzi anche.Mi piacerebbe rivaleggiasse come si deve con intel. E che fosse una reale alternativa!
    • ces scrive:
      Re: Triste
      - Scritto da: iRoby
      Mi rattrista vedere quest'azienda sempre fanalino
      di
      coda...

      I suoi prodotti non sono male, i prezzi anche.

      Mi piacerebbe rivaleggiasse come si deve con
      intel. E che fosse una reale
      alternativa!Purtroppo AMD sta pagando da un lato i propri errori oggettivi, il flop Phenom e quello ancora peggiore delle CPU Bulldozer, mentre dall'altro lato si trova schiacciata dallo strapotere di Intel ed nVidia, spesso acquisito con pratiche di mercato scorrette sfociate talvolta nel boicottaggio (un esempio recente è nVidia Gameworks che, laddove utilizzata, penalizza fortemente le prestazioni delle GPU AMD).
      • user_ scrive:
        Re: Triste
        il flop phenom? non è stato un flop!
        • marcione scrive:
          Re: Triste
          - Scritto da: user_
          il flop phenom? non è stato un flop!boh, io ho un Phenom II X4 940 BE overcloccato a 3.4 GHz che funziona da dio..
          • ... scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: marcione
            - Scritto da: user_

            il flop phenom? non è stato un flop!

            boh, io ho un Phenom II X4 940 BE overcloccato a
            3.4 GHz che funziona da dio..E infatti il "Phenom" e diverso dal "Phenom II"... il primo era una mezza chiavica, col secondo hanno sistemato gli errori. purtroppo e' di moda inculare gli utenti del primo modello usandoli come beta tester, dopodiche' si butta fuori la versione 2 con gli errori corretti. ecco perche' non bisogna MAI comprare la prima versione di qualunque prodotto.Seguendo questa semplice regola ho evitato di buttare al vento centinaia di euro.
          • ces scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: marcione

            - Scritto da: user_


            il flop phenom? non è stato un flop!



            boh, io ho un Phenom II X4 940 BE overcloccato a

            3.4 GHz che funziona da dio..

            E infatti il "Phenom" e diverso dal "Phenom
            II"... il primo era una mezza chiavica, col
            secondo hanno sistemato gli errori. purtroppo e'
            di moda inculare gli utenti del primo modello
            usandoli come beta tester, dopodiche' si butta
            fuori la versione 2 con gli errori corretti. ecco
            perche' non bisogna MAI comprare la prima
            versione di qualunque
            prodotto.

            Seguendo questa semplice regola ho evitato di
            buttare al vento centinaia di
            euro.Mi riferivo alla prima generazione, i phenom II spesso avevano prestazione migliori delle prime CPU Bulldozer.
          • user_ scrive:
            Re: Triste
            Io ho un "phenom II x2 550" 3.10 ghz e non ho mai provato a vedere se può funzionare il terzo o il quarto core, non ho la scheda madre giusta, ho una asus m4n78 se.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 gennaio 2016 23.45-----------------------------------------------------------
          • marcione scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: ces
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: marcione


            - Scritto da: user_



            il flop phenom? non è stato un
            flop!





            boh, io ho un Phenom II X4 940 BE
            overcloccato
            a


            3.4 GHz che funziona da dio..



            E infatti il "Phenom" e diverso dal "Phenom

            II"... il primo era una mezza chiavica, col

            secondo hanno sistemato gli errori.
            purtroppo
            e'

            di moda inculare gli utenti del primo modello

            usandoli come beta tester, dopodiche' si
            butta

            fuori la versione 2 con gli errori corretti.
            ecco

            perche' non bisogna MAI comprare la prima

            versione di qualunque

            prodotto.



            Seguendo questa semplice regola ho evitato di

            buttare al vento centinaia di

            euro.

            Mi riferivo alla prima generazione, i phenom II
            spesso avevano prestazione migliori delle prime
            CPU
            Bulldozer.mea culpa. pensavo ti riferissi a tutta la famiglia phenom.comunque sono fiero del mio 'deneb', recentemente 'pensionato' e rimpiazzato con un FX 8370.
    • Nonsonoio scrive:
      Re: Triste
      - Scritto da: iRoby
      Mi rattrista vedere quest'azienda sempre fanalino
      di
      coda...

      I suoi prodotti non sono male, i prezzi anche.

      Mi piacerebbe rivaleggiasse come si deve con
      intel. E che fosse una reale
      alternativa!Come schede grafiche è ormai al passo di nvidia (si veda il paragone r9 280 vs gtx 960 e r9 290 vs gtx970) E tra poco uscianno i nuovi chip grafici...
Chiudi i commenti