WebTheatre/ La sintesi di cinema, tv e web

di G. Niola - Tutta la serie è vista dalla parte del supercattivo e non del supereroe buono. L'ennesima rivincita del geek, ma più autoironica e grottesca. Il video in rete è sempre dalla parte dello sfigato, del perdente e del disperato

Roma – Prima o poi doveva capitare ed è capitato con Dr. Horrible Sing-a-long Blog : è arrivato il primo vero punto di fusione tra cinema, televisione e video online. L’idea è nata durante il noto sciopero degli autori di Hollywood dell’inverno scorso ed è stato poi realizzato in soli sei giorni come una miniserie di tre episodi diretta e scritta da Joss Whedon (creatore di Buffy: L’Ammazzavampiri e sceneggiatore di Toy Story, Alien 4, Serenity e una quantità di altre produzioni per la tv statunitense) assieme ai fratelli Jed e Zack.

un'immagine dello show A recitare ci sono attori professionisti come Neil Patrick Harris , star un po’ decaduta della tv americana, Nathan Fillion (Desperate Housewives, Serenity e Buffy) e Felicia Day (già vista nella premiatissima web serie The Guild e in Buffy). È un piccolo circolo di amici conosciuti sul set della serie dell’ammazzavampiri che ha contribuito a realizzare quest’esperimento di produzione professionale per Internet.

Ma Dr. Horrible è molto di più: si tratta del singolo progetto audiovisuale online più importante che sia mai stato realizzato.

Una produzione assolutamente indipendente ma di alto profilo (si parla di cifre a sei zeri), con attori professionisti, scrittori e troupe di professionisti e un regista esperto sia di televisione che di cinema che del mondo online. Tutto al servizio di un’opera che si inserisce perfettamente nei criteri del video in rete.
Dr. Horrible, alternando un tipo di racconto di stampo cinematografico a scene, sequenze ed inquadrature del tutto televisive, è in realtà il prodotto perfetto per Internet, in grado sia di parlare al pubblico che ora guarda materiale prodotto per andare unicamente online che di rappresentare quel tipo di universo e di mondo attraverso un racconto divertente e musicale. Dr. Horrible Sing-a-long Blog è infatti un musical (le canzoni sono scritte sempre dai fratelli Whedon) che racconta appunto del dottore del titolo, tipico scienziato malvagio da fumetto che vuole impadronirsi del mondo (per affermare l’importanza della rottura del concetto di status quo) ma che andando in lavanderia si innamora di una ragazza alla quale non osa dichiararsi, cosa che gli creerà non pochi problemi nella sua scalata verso il dominio del pianeta, almeno quanto la presenza della sua nemesi, il supereroe Capitan Hammer, bello, prestante, ignorante, stupido e chiaramente abile con le donne.

In questo senso Dr. Horrible è una produzione in pieno stile Internet poiché pur raccontando di supereroi e supercattivi inserisce tutto con ironia in un ambiente “locale”, di quartiere, agito da pseudo trentenni disillusi che vivono da single dividendo un appartamento con un amico.

Come già Four Eyed Monster , We Need Girlfriends , The Guild o ancora I.Channel , Dr. Horrible mette in scena i suoi spettatori cioè racconta una storia di supereroi adattandola al loro contesto.

Gli episodi iniziano con una videoconfessione del Dr. Horrible (come se stesse registrando il proprio vlog) in cui risponde ad alcuni commenti sarcastici dei suoi ipotetici lettori e fa il punto della situazione (come accade in The Guild ma anche nel premiatissimo corto seminale My Name Is Lisa e nelle fondamentali serie della EQAL: Lonelygirl15 e KateModern ).

Fin dall’inizio quindi dichiara la sua adesione al mondo di Internet e stimola l’immedesimazione nel personaggio da parte di quel tipo di pubblico. Tutta la serie infatti è vista dalla parte del supercattivo e non della sua nemesi, il supereroe buono. È l’ennesima rivincita del geek, ma più autoironica, più consapevole, più grottesca e meno autoconsolatoria. Il video in rete è sempre dalla parte dello sfigato, del perdente e del disperato. L’eroe dei racconti in rete non è mai un vero eroe ma sempre l’outsider.

Lo spiega lo stesso Whedon al Los Angeles Times : “Non è che tutti quelli che navigano in rete sono nerd che vivono nello scantinato dei genitori e guardano Star Trek, l’abbiamo ormai superata quella fase. Ma c’è anche una vera fascia sociale che sente il bisogno di raccontare al mondo i suoi problemi e mostrare il proprio talento”.

un'immagine dello show Purtroppo i sistemi di revenue non sembrano accuratamente pianificati come la produzione. La serie tutta intera è un medio metraggio di 42 minuti che può essere visto solamente in due modi: acquistandolo attraverso iTunes a 2$ l’episodio (4$ per comprarli tutti e tre insieme) oppure gratuitamente dal sito ufficiale ma con un limite temporale. Il primo episodio è andato in rete il 15 luglio, il secondo il 17 e il terzo andrà in onda domani, ma dal 20 luglio non ve ne sarà più traccia e chi vorrà vedere Dr.Horrible potrà solamente acquistare i file o il DVD che uscirà (con ovvi contenuti extra).

È difficile che Dr. Horrible si ripaghi ma il successo almeno al momento sembra non mancare. Quando questo articolo viene scritto è stato possibile vedere solo il primo e il secondo episodio e non è stato nemmeno facile. Chi non ha potuto acquistare da iTunes americano i file e ha dovuto fruire della versione gratuita ha constatato come all’esordio il sito sia rimasto congestionato per ore, sorprendendo tutti gli autori che hanno dovuto “iniettarlo” di più banda. Segno che la promozione attraverso testate, blog e social network ha funzionato.

Ad ogni modo il risultato vale le aspettative, Dr. Horrible Sing-a-long Blog se continua come promette può tranquillamente essere la produzione migliore che sia mai stata distribuita attraverso Internet, una pietra angolare su cui costruire il futuro sia della produzione che della distribuzione online e la prova che esistono margini per uno stile e un modo di fare racconti audiovisuali in rete.

DR.HORRIBLE SINGE-A-LONG BLOG – TRAILER

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ilmassi scrive:
    manca un piccolo dettaglio...
    quanto costano?? o se le potrà usare solo la nasa e il laptop di gheddafi...?
    • pabloski scrive:
      Re: manca un piccolo dettaglio...
      - Scritto da: ilmassi
      quanto costano?? o se le potrà usare solo la nasa
      e il laptop di
      gheddafi...?la tecnologia produttiva è la stessa delle normali flash, per il costo è ovvio che più la domanda aumenta, più il costo diminuiscepure gli SSD l'anno scorso costavano uno sproposito oggi si sono più che dimezzati e in un altro anno arriveranno ai prezzi degli HD magnetici
    • qwerty scrive:
      Re: manca un piccolo dettaglio...
      Per non parlare del dettaglio della velocità di scrittura, che non è così irrilevante
      • Ricky scrive:
        Re: manca un piccolo dettaglio...
        Speculate sull'ignoto...Quando usciranno vedremo, non e' detto che una innovazione introduca PER FORZA deicosti aggiuntivi,non e' nemmeno detto che il materiale di cui sono composte sia piu' costoso e cosi' anche la semplice creazione.A volte si trova roba migliore,con medesimi processi produttivi e a costi inferiori.L'idea di possedere un pc con ram ultraveloce e hd con caratteristiche simili a me non dispiace...certo non voglio vandere casa per averlo :)
      • il signor rossi scrive:
        Re: manca un piccolo dettaglio...
        - Scritto da: qwerty
        Per non parlare del dettaglio della velocità di
        scrittura, che non è così
        irrilevantegià certo... ecco i soliti ingegneroni del forum di PI... così immagino che quando uscirono i primi hard disk voi avreste detti: "eh, ma costano troppo!" oppure "eh ma se cadono si rompono"... per fortuna che non tutti ragionano a questo modo...
  • Enjoy with Us scrive:
    Quando sarà disponibile?
    Di promesse mirabolanti se ne sentono tutti i giorni o quasi:1. memorie olografiche2. Memorie magnetiche3. Altre evoluzioni delle NandTutte tecnologie che promettono Terabyte di memoria, velocissime e dai consumi limitati, tutto molto bello, ma finchè non sono disponibili realmente lasciano il tempo che trovano.L'unica cosa certa è che gli HD tradizionali hanno veramente i giorni contati, quanti siano questi giorni però per ora nessuno lo sa!
    • fox82i scrive:
      Re: Quando sarà disponibile?
      Di solito il porting di nuove tecnologie da laboratorio a "catena di montaggio" non è semplice: soliti conti di costi di produzione e miglioramento di essi per abbattere i costi applicati al cliente....
      L'unica cosa certa è che gli HD tradizionali hanno
      veramente i giorni contati, quanti siano questi giorni però
      per ora nessuno lo sa!Quoto
  • guast scrive:
    RAM più disco
    Se ho letto bene la pubblicazione linkata dovrebbe esser in grado di sostituire anche la RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente. Se fosse vero il sistema operativo avrebbe a disposizione molta più memoria e non dovrebbe decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una bella semplificazione e un bel guadagno di prestazioni. Vediamo quando arriverà su mercato sono molto curioso
    • chojin scrive:
      Re: RAM più disco
      - Scritto da: guast
      Se ho letto bene la pubblicazione linkata
      dovrebbe esser in grado di sostituire anche la
      RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente. Se
      fosse vero il sistema operativo avrebbe a
      disposizione molta più memoria e non dovrebbe
      decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una
      bella semplificazione e un bel guadagno di
      prestazioni.

      Vediamo quando arriverà su mercato sono molto
      curiosoLa MRAM magnetica esiste già in prototipi avanzati e fa la stessa cosa.
      • chojin scrive:
        Re: RAM più disco
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: guast

        Se ho letto bene la pubblicazione linkata

        dovrebbe esser in grado di sostituire anche la

        RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente.
        Se

        fosse vero il sistema operativo avrebbe a

        disposizione molta più memoria e non dovrebbe

        decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una

        bella semplificazione e un bel guadagno di

        prestazioni.



        Vediamo quando arriverà su mercato sono molto

        curioso

        La MRAM magnetica esiste già in prototipi
        avanzati e fa la stessa
        cosa.http://www.mram-info.com/MRAM: new memory technology, based on electron spin. MRAM promises to bring non-volatile, low-power, high speed memory, and at a low cost, too. MRAM is called "the holy grail" of memory, and has the potential to replace FLASH, DRAM and even hard-discs.
    • Andrea Win scrive:
      Re: RAM più disco
      - Scritto da: guast
      Se ho letto bene la pubblicazione linkata
      dovrebbe esser in grado di sostituire anche la
      RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente. Se
      fosse vero il sistema operativo avrebbe a
      disposizione molta più memoria e non dovrebbe
      decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una
      bella semplificazione e un bel guadagno di
      prestazioni.

      Vediamo quando arriverà su mercato sono molto
      curiosoE con questa tecnolgia sarà sancita la morte definitiva delle brutture opensorcie.Solo i prodotti delle aziende serie, come Microsoft, sarà in grado di utilizzarla.Windows rulez!!!Andrea Win (win)(win)(win)
      • guast scrive:
        Re: RAM più disco
        Su un punto non hai tutti i torti.Vista la schifosa gestione della memoria virtuale Windows avrebbe molto da guadagnare
      • Salestrofa scrive:
        Re: RAM più disco
        - Scritto da: Andrea Win
        - Scritto da: guast

        Se ho letto bene la pubblicazione linkata

        dovrebbe esser in grado di sostituire anche la

        RAM. Chissà se il transfer rate è sufficiente.
        Se

        fosse vero il sistema operativo avrebbe a

        disposizione molta più memoria e non dovrebbe

        decidere se usare la RAM o lo swap. Sarebbe una

        bella semplificazione e un bel guadagno di

        prestazioni.



        Vediamo quando arriverà su mercato sono molto

        curioso

        E con questa tecnolgia sarà sancita la morte
        definitiva delle brutture
        opensorcie.
        Solo i prodotti delle aziende serie, come
        Microsoft, sarà in grado di
        utilizzarla.
        Windows rulez!!!L'argomento mi sembra abbastanza serio.Ritengo alquanto fuori luogo la tua provocazione.Non mi sembra che qualcuno abbia tirato in ballo in tipo di O.S. da te osannato.
Chiudi i commenti