Westminster, la calata dei blogger

Chi crede che la blogosfera sia fucina di idee e innovazione? Lo pensano i partecipanti ad un piccolo significativo summit di blogger britannici dotato di avanguardia parlamentare

Londra – Un paio di giorni fa le umide notti londinesi si sono animate con un vivace dibattito organizzato, voluto, tenuto e partecipato dai blogger d’Oltremanica, decine di avventurieri dell’informazione digitale, decisi a mostrare la creatività della blogosfera al disattento Legislatore.

Il tutto si è infatti tenuto a Westminster , luogo sacro della politica inglese, che per la prima volta ha conosciuto l’ebbrezza di ospitare una rete wi-fi alla quale i circa 130 blogger partecipanti si sono connessi. Una rete che per motivi di sicurezza è stata però smantellata alla fine dell’incontro.

A guidare la calata dei blogger su Londra è stato James Crabtree, anima creativa ed operativa di Voxpolitics , blog divenuto celebre per le sue tirate sulla democrazia elettronica e la militanza cybernetica. Accanto a lui c’erano nomi grossi, come il primo parlamentare britannico a mettere su un blog, Tom Watson , e altri politici che possono farsi invidiare con iniziative telematiche dal sapore pionieristico.

Il Parlamento britannico All’incontro hanno partecipato altresì parlamentari non britannici e anche per questo il gossip sull’evento è già finito su tutti i newsmagazine britannici. Ed è interessante notare come anche Oltremanica il giornalismo ufficiale trovi difficile far fede ai blogger, spesso accusati di soffrire di autoreferenzialità ed elitarismo oppure di essere fondamentalmente degli utopisti. Ma la partecipazione massiccia all’evento e l’interesse riscosso dall’incontro a Westminster danno credito a quello che qualcuno scriveva qui da noi a proposito dei blogger, che sono da considerarsi in realtà un’avanguardia.

Di che si è parlato? Naturalmente di blogosfera, di wireless e di tecnologie dell’accesso, di informazione e di partecipazione all’informazione, di democrazia elettronica e persino di copyright. Perché? Per offrire suggerimenti ai normatori britannici e dare indicazioni a tutti gli altri. Come spiegava Crabtree: “Sei mesi fa nessuno aveva sentito parlare di Tom Watson. Ora se uno cerca la parola “Parlamentare del Labour” su Google al primo link non trova Tony Blair, trova Tom Watson”. Scusate se è poco.

Dettagli, trovate, idee ed altro sull’incontro sono a disposizione di tutti su plastic bag .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ...sai che originalita...
    mbra la semi-clonazione di un vecchio progetto della Nasahttp://prime.jsc.nasa.gov/iliad/
  • Anonimo scrive:
    Li internet e cosi' lento ma cosi' lento
    Che quando richiedi una pagina fanno prima a spediterla per posta normale :DBello il servizio di ricerca via mail, ma poi le pagine da chi me le faccio telegrafare? :DEd il servizio web via segnali di fumo? l'avranno mica sospeso.Ed installare una connessione Internet seria nelle loro biblioteche pubbliche? no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Li internet e cosi' lento ma cosi' lento
      - Scritto da: Anonimo
      Che quando richiedi una pagina fanno prima a
      spediterla per posta normale :D

      Bello il servizio di ricerca via mail, ma
      poi le pagine da chi me le faccio
      telegrafare? :D

      Ed il servizio web via segnali di fumo?
      l'avranno mica sospeso.

      Ed installare una connessione Internet seria
      nelle loro biblioteche pubbliche? no?Mamma mia...Certa gente è talmente abituata a vivere nella propria torre d'avorio che si dimentica come si vive nella gran parte del mondo!Chiedere a governi di nazioni poverissime, che faticano a garantire dei servizi minimi quali l'istruzione di mettere Internet nelle biblioteche (ammesso che ci siano, le biblioteche) è semplicemente ridicolo.Il fulcro di questo progetto, che pare sia sfuggito a molti di quelli che postano qui, è quello di creare un motore di ricerca che possa fare finalmente una selezione decente delle pagine, per evitare di far spendere troppo a chi non può permettersi di stare ore a sfogliare google. Perché in paesi dove il reddito di pochi dollari al giorno è un sogno, connettersi ad internet può significare restare digiuni per quel giorno. E non sto esagerando.E per far spendere ancora di meno lo si fa via email: con l'email non arrivano solo i link ma anche dei dati da consultare con calma offline. Dati accuratamente selezionati per non far perdere tempo.Un progetto del genere merita la massima attenzione e il massimo rispetto: certe battutine sono proprio fuori luogo. Chi ci scherza sopra pensi almeno che se andrà in porto potrebbe guadagnarci anche lui, visto che sarebbe un enorme step evolutivo dei motori di ricerca, quello di essere finalmente in grado di fare una buona selezione. Se proprio non si riesce ad essere altruisti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Li internet e cosi' lento ma cosi' lento

        Mamma mia...
        Certa gente è talmente abituata a vivere
        nella propria torre d'avorio che si
        dimentica come si vive nella gran parte del
        mondo!
        Chiedere a governi di nazioni poverissime,
        che faticano a garantire dei servizi minimi
        quali l'istruzione di mettere Internet nelle
        biblioteche (ammesso che ci siano, le
        biblioteche) è semplicemente ridicolo.Pero spedirgli le pagine web via mail no? :D :D :DInvece di darli un trattore ed un aratro diamoli 10 zappe :D :D :D
        E per far spendere ancora di meno lo si fa
        via email: con l'email non arrivano solo i
        link ma anche dei dati da consultare con
        calma offline. Dati accuratamente
        selezionati per non far perdere tempo.Certo ricevere il risultati di google via email non e' una perdita di tempo :D :D
        finalmente in grado di fare una buona
        selezione. Se proprio non si riesce ad
        essere altruisti...Altruisti si, prendere per il sedere chi gia' se la passa male proprio no :-|Se veramente vogliono dare una mano che dotino le loro scuole di uno o due pc collegati ad una linea decente, oppure possono sempre tornare al vecchio caro uucp, li gira tutto via mail.
  • Anonimo scrive:
    nella foto : "ce l'ho così!"
    :D--buontempone
  • Anonimo scrive:
    Ma a che cacchio serve???
    Che differenza c'e' a consultare via email i risultati piuttosto che direttamente nel motore??? risparmio i tempi di connessione? ma e se la mia query di ricerca mi torna indietro 10.000 pagine quanto tempo perdo a scaricarle??? e a leggerle tutte??? vabbe' che e' dedicato a gente che ha tempo da perdere ma secondo me se ne perde meno a consultare il motore direttamente...
    • ZioPepe scrive:
      Re: Ma a che cacchio serve???
      - Scritto da: Anonimo
      Che differenza c'e' a consultare via email i
      risultati piuttosto che direttamente nel
      motore??? risparmio i tempi di connessione?
      ma e se la mia query di ricerca mi torna
      indietro 10.000 pagine quanto tempo perdo a
      scaricarle??? e a leggerle tutte??? vabbe'
      che e' dedicato a gente che ha tempo da
      perdere ma secondo me se ne perde meno a
      consultare il motore direttamente...Ma hai letto l'articolo fino in fondo?a me sembra chiaro.CordialmenteZioPepe
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma a che cacchio serve???
        anche a me sembra chiaro e l'unico motivo per cui uno debba usare questa "novita' " e' che sia obbligato ad accedere a internet solo per leggere l'email altrimenti, visto che il sistema sara' automatico, non vedo che cosa cambi tra usare direttamente google piuttosto che farsi arrivare 24 ore dopo via email 10Mb di dati coi risultati di una richiesta magari approssimativa, se non perdere piu' tempo.altrettanto cordialmente -- Ciccio- Scritto da: ZioPepe

        Ma hai letto l'articolo fino in fondo?
        a me sembra chiaro.
        Cordialmente

        ZioPepe
    • Macs scrive:
      Re: Ma a che cacchio serve???
      Madonnaaaa.. mi sembri la regina Antoniettache quando c'erano i francesi che morivano di fameassaltando le panetterie per il pane diceva "non c'e'il pane, comprassero le brioces"
  • Anonimo scrive:
    ..google via email
    perche' costruire un altro motore quando basterebbe appoggiarsi ad uno buono gia' esistente.. boh!
    • Goul_duKat scrive:
      Re: ..google via email
      - Scritto da: Anonimo
      perche' costruire un altro motore quando
      basterebbe appoggiarsi ad uno buono gia'
      esistente.. boh!su google ci passi ore a cercare qualcosa ... non e' proprio immediato ...loro stanno dicendo che cosi ti daranno l'informazione certa cercata ... non 30000 link che devi decidere tu se erano quelli interessati.se poi lo stesso motore di riconoscimento lo passeranno anche sui motori di ricerca normali si ridurra' il tempo passato sui vari google vari, e si passerebbe piu' tempo a leggere veramente quello che ci interessava.
    • Anonimo scrive:
      Re: ..google via email
      - Scritto da: Anonimo
      perche' costruire un altro motore quando
      basterebbe appoggiarsi ad uno buono gia'
      esistente.. boh!A me sembra un pò che stiano tentando di reinventare l'acqua calda, è già possibile effettuare ricerche vi e-mail, tramite server di posta smtp, ad esempio per Google puoi utilizzare(però non so se sia ancora attivo):----TO: www4mail@unganisha.idrc.caSUBJECT: [whatever, useful for your own loggings]BODY: get http://www.google.com/search?q=search+hints&num=100&sa=Google+Search Replace search and hints with subjects of your own choice.----E non è cosi semplice dare solo risultati interessanti di una ricerca, altrimenti lo avrebbero fatto in molti:)LnZ (Lorenzo Porro)
    • Anonimo scrive:
      Re: ..google via email
      - Scritto da: Anonimo
      perche' costruire un altro motore quando
      basterebbe appoggiarsi ad uno buono gia'
      esistente.. boh!T = K applications: A farmer walks into a tele-center in a sub-Saharan African coutnry. He is looking for information on the blight which is affecting his papaya crop. He types in his query. The query - with information about the geography, climate and language of this country -- is sent to the TEK Server. There TEK gathers a set of information matching the query, and returns a dossier of information to the tele-center. When the farmer returns in a few days, his information is waiting for him as a collection of local web pages. He can read through these at his leisure.
    • Anonimo scrive:
      Re: ..google via email
      - Scritto da: Anonimo
      perche' costruire un altro motore quando
      basterebbe appoggiarsi ad uno buono gia'
      esistente.. boh! mi sa che a furia di fare doppio click alcuni stiano disimparando a leggere
Chiudi i commenti