WiFi cittadino, Filadelfia ci riprova

Un consesso di imprenditori afferra la rete WiFi di Filadelfia e tenta di sottrarla all'imminente decesso. Nuovo modello di business e qualche router in più. Funzionerà?

Roma – Di nuovo alla ribalta la tormentata vicenda della rete WiFi cittadina a Filadelfia: la municipalità ci riprova e tenta di risollevare un business – se così può essere definito, a questo punto – che tenta di mettersi in piedi dal 2004 con alternanze di galoppo, pause, ripensamenti e disturbi tecnico-economici d’ogni genere.

Uno dei pali serviti Si tratta di coprire poco meno di 350 Km quadrati: se venisse fatto, sarebbe la più vasta area coperta dal WiFi negli States . Il progetto, che ha preso effettivo avvio nel 2005, ha visto il primo autunno quando Earthlink, l’azienda che aveva installato i ripetitori sui pali della luce, dopo tanti squilli di tromba ha abbandonato il proposito per le lamentele sulla scarsezza del segnale .

Ma ora sembra che un gruppo di investitori abbia acconsentito a prenderne il controllo. Tra i componenti del gruppo, annunciati la scorsa settimana, c’è Boathouse Communications Partners , con sede nella città, l’imprenditore Richard Rasansky e un politico, Tom Knox.

Mancano i dettagli dell’accordo, ma il modello di business è destinato a cambiare rispetto a quanto preventivato in origine: invece di chiedere 20 dollari al mese per l’accesso – prezzo che anche in altre circostanze simili si è dimostrato essere un forte vento contrario – sembra che il gruppo intenda offrire l’accesso gratuito finanziato da pubblicità.

Earthlink, che aveva investito circa 17 milioni di dollari nell’affare, aveva installato l’ 80 per cento dei nodi , spiega Cnet , e il nuovo gruppo sarebbe intenzionato ad espanderne la percentuale.

Tra le possibilità offerte, il gruppo vorrebbe comprendere quella di far acquistare un ripetitore per circa 200 dollari. L’acquisto, oltre a fornire accesso al compratore, porterebbe il segnale all’interno degli edifici. L’offerta viene “condita” con la mira di consentire, acquisendo la tecnologia (ovvero il ripetitore), l’accesso alle reti aziendali per i lavoratori residenti in zone marginali, prive di rete fissa.

Tutto potrebbe anche funzionare, ma c’è chi esprime serie perplessità. La critica viene , tra gli altri, da chi in quell’area ci ha vissuto per molto tempo e ha visto con i propri occhi router quanto sia difficile impedire ai freeloaders (gli “scrocconi” wireless, in breve) di impadronirsi di tutta la banda e quanto la disponibilità di quest’ultima risulti – all’atto pratico – comunque molto più critica di quanto emerge dalle più rosee previsioni.

Fortunatamente, questa volta la decisione di mantenere le spine attaccate non dovrebbe spettare ad Earthlink, come accaduto in altre occasioni. Non resta che tenere sotto osservazione le reazioni del mercato: il consesso di imprenditori dice che occorre solo qualche mese per partire e che tutto è pronto. Resterà in piedi ? Ai posteri l’ardua sentenza.

Marco Valerio Principato

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sacco lallo scrive:
    bravo sarcozy, creato l'effetto opposto!
    Adesso non solo il numero di connessioni dalla francia aumenteranno perchè si sa, le regole soprattutto se ingiuste e create da idioti di stato fanno si che si crei l'onda contraria.Sarcozy come tanti non si è accorto che anzichè spengere il fuoco, ha buttato del liquido infiammabile, che non farà altro che scatenare dure polemiche e ovviamente la figura della francia verrà vista ancora una volta come un paese dittatoriale.Inoltre gli utenti che continueranno a ricevere minacce dallo stato e infine taglio della connessione, non solo non pagheranno l'abbonamento, ma scateneranno dure manifestazioni e cortei in tutta europa per far valere i loro diritti di cittadini liberi.aia ia ai questa volta il presidente l'ha fatta proprio grossa, peccato e pensare che erano cosi contenti i francesi di averlo messo al potere, beh ben gli sta, come d'altronde anche a noi su berlusconi, che come sempre c'entra in ogni caso.
  • ALESSANDRO FERRISE scrive:
    FINALMENTE
    QUESTA LEGGE E' IMPORTANTE XKE' ORA MOLTA MUSICA DIGITALE E MOLTE COMPILATION COSTANO UNA MANCIATA DI EURO MOLTI CD SONO SCESI SOTTO I 15 EURO TIPO COMPILATION ITALIANE X DJ COME DJ SELECTION DJ ZONE DJ SET E MOLTE ALTRE PER NON PARLARE DEI FILE DAI PORTALI CHE DI MEDIA VENGONO 1 EURO A SINGOLO!IO COME ALTRI DJ DI VECCHIA DATA NEGLI ANNI 90 NON AVEVO IL PRIVILEGIO DI QUESTI PREZZI QUINDI DICIAMOLA TUTTA CHE IN ITALIA MOLTO PUBBLICO VUOL AVERE TRACCE GRATIS SENZA PAGARE MA LA BENZINA GUAI PUO' ARRIVARE A 3 EURO AL LITRO CHE TUTTI LA METTONO QUINDI ORA TUTTI I PRODUCER CHE HANNO FATTO SACRIFICI X ANNI E NON STANNO GUADAGNANDO ASSOLUTAMENTE NULLA VERRANNO ALMENO CONSOLATI DA UNA LEGGE CHE LA VEDO MOLTO INTELIGENTE!
  • auriga scrive:
    Davvero credete che siano così poveri?
    Ma veramente credete che l'Industria Audio/Video si sostenga con i proventi delle vendite di cd e dvd??? Qualche cifra: la Disney, solo lei, eh?, ha fatturato nel 2008 30 Ml di dollari (questi sono quelli che si sanno, ovviamente).In Europa, nel 2008, si è stimato che il giro d'affari dei pirati sia di 4,5 Ml di Euro.Se la matematica non è un'opinione, basterebbe SOLO la Disney, una sola azienda, per di più non impegnata nel campo musicale, per coprire le perdite dei prossimi 7 anni dell'Europa!Da quando c'è il p2p: da 10 anni?E fino ad ora come hanno fatto a farsi i trilioni di miliardi di dollari che hanno?I proventi dalle vendite di cd sono una parte molto marginale degli introiti: il resto viene dalle sponsorizzazioni pubblicitarie, dai diritti Tv, dagli intrallazzi paurosi che ci sono sotto...Altrimenti come spiegate i soldi che dànno a certi "artisti" di oggi, che poi magari non sanno nemmeno parlare nella loro lingua?Se coprono d'oro, per esempio, un Jovanotti, state pur certi che in cambio avranno almeno cento, mille volte quello che gli dànno.Sapete, in questo campo sono mooolte le bocche da riempire, ma proprio tante, eh...Non fatevi spaventare da queste notizie da "Cronaca vera".Ricordatevi poi che in Francia c'è un governo di destra (molto più di destra che in Italia, dove vige un governo di "ambidestri"); è naturale che propongano leggi di questo genere.Sono le classiche sparate da fascista, sennò che fascista sarebbe?Se qualcuno si ricorderà di questa notizia, diciamo, il prossimo febbraio, e proverà a vedere cosa è successo in Francia, son sicuro che vedrà che non sarà successo proprio una benemerita fava.Lo sapremo solo vivendo... Ci risentiamo a febbraio 2009.
  • amosis2000 scrive:
    ....
    Si però non è che la gente è stufa e vuole copiarsi tutto..è proprio una compulsione, ci sono tizi che manco mai vedranno o ascolteranno ciò che hanno scaricato, gente che appronta veri e propri server che scaricano 24h su 24ha tutta velocità tutto lo scibile possibile, questa si chiama compulsione isterico ossessiva. ribadisco, non è perchè siamo nel 2008 che tutti abbiano diritto a tutto. la fruzione e la godibilità di un prodotto è subordinata aldesiderio che si prova in relazione al prodotto stesso. laspasmodica attesa di un bel film al cinema o in dvd è parteintegrante del successo del film stesso, ormai ci sono stuoli di lobotomizzati che tirano giù tutto, anche coseche manco conoscono e manco vedrebbero mai..e purtroppo inciò vi è insita anche una valenza sessuale, un pò come perquelli (senza saperlo) devono avere il SUV perchè questoappaga il latente appetito di affermazione virile che forse gli manca nella vita reale..
    • krane scrive:
      Re: ....
      - Scritto da: amosis2000
      Si però non è che la gente è stufa e vuole
      copiarsi tutto..è proprio una compulsione, ci
      sono tizi che manco mai vedranno o ascolteranno
      ciò che hanno scaricato, gente che appronta veri
      e propri server che scaricano 24h su
      24h a tutta velocità tutto lo scibile possibile,
      questa si chiama compulsione isterico ossessiva.Ma l'equo compenso non lo paghiamo per quello ???Un po' di coerenza suvvia !!
      • amosis2000 scrive:
        Re: ....
        La coerenza abita nel civico pensiero, in coloro che non sostano l'auto negli spazi per i disabili, in coloro che non sventolano la nostra bandiera solo alle partite, in quegli che ti fanno passare per primi e ti sorridono, in tutti coloro che scorre vivo il concetto di evoluzione civica vera e propria..non in questa mera accozzaglia di villici vacui...basta con sta storia dei prezzi alti, per vedersi un bellissimo film bastano si e no 2 euro e te lo noleggi per un be pò, nei grandi magazzini si trovano edizioni di svariati titoli a prezzi irrisori...spesso addirittura cofanetti interi...
        • krane scrive:
          Re: ....
          - Scritto da: amosis2000
          La coerenza abita nel civico pensiero, in coloro
          che non sostano l'auto negli spazi per i
          disabili, in coloro che non sventolano la nostra
          bandiera solo alle partite, in quegli che ti
          fanno passare per primi e ti sorridono, in tutti
          coloro che scorre vivo il concetto di evoluzione
          civica vera e propria..Perfetto, allora io ci sto dentro e considero l'equo compenso (che pago) il giusto per quel poco che mi scarico.
  • amosis2000 scrive:
    si aprano le danze finalmente...
    FINALMENTE...finalmente qualcuno con le palle che prende decisioni severe in merito. gente, la vita non è il paese dei balocchi dove tutto è gratis..cè gente che si fa il mazzo per produrre arte e creatività e non certo per darlagratis a tutti i parassiti del web..ovviamente il dito puntato resta contro le major che passano le briciole agliautori o a organismi come la SIAE che servono solo a far mangiare coloro che vi appartengono. ribadisco però che ilmondo non è una cesta dove ogni frustrato può affondare le mani e prendere ciò che gli serve per passare una serata..Ben venga (presto spero) la stessa legge anche in Italia,identica a quella Francese, avremo più banda libera se allafine disconnettono questa manica di sanguisughe...
    • krane scrive:
      Re: si aprano le danze finalmente...
      - Scritto da: amosis2000
      FINALMENTE...finalmente qualcuno con le palle che
      prende decisioni severe in merito. gente, la vita
      non è il paese dei balocchi dove tutto è
      gratis..cè gente che si fa il mazzo per produrre
      arte e creatività e non certo per
      darla
      gratis a tutti i parassiti del web..ovviamente il
      dito puntato resta contro le major che passano le
      briciole agli
      autori o a organismi come la SIAE che servono
      solo a far mangiare coloro che vi appartengono.
      ribadisco però che
      il
      mondo non è una cesta dove ogni frustrato può
      affondare le mani e prendere ciò che gli serve
      per passare una
      serata..
      Ben venga (presto spero) la stessa legge anche in
      Italia,
      identica a quella Francese, avremo più banda
      libera se
      alla
      fine disconnettono questa manica di sanguisughe...No: avremo meno banda libera poiche' i pacchetti criptati sono piu' grandi e se ti senti al sicuro perche' tutti criptano fai piu' p2p, in compenso le linee collasseranno perche' i provider non saranno piu' in grado di filtrare certi tipi di pacchetti piuttosto che altri.
      • amosis2000 scrive:
        Re: si aprano le danze finalmente...
        Son certo che si troverebbe un rimedio anche a questo problema tecnico..il punto basilare è che pian piano si ricostituisca un civile comportamento, e di certo in moltitorneranno davvero a gustarsi un film o un pezzo di musicavisto che l'abbondanza produce solo insoddisfazione...
        • krane scrive:
          Re: si aprano le danze finalmente...
          - Scritto da: amosis2000
          Son certo che si troverebbe un rimedio anche a
          questo problema tecnico..il punto basilare è che
          pian piano si ricostituisca un civile
          comportamento, e di certo in molti
          torneranno davvero a gustarsi un film o un pezzo
          di musica visto che l'abbondanza produce solo
          insoddisfazione...Peccato che al momento si stia andando nelle direzioni opposte :- ci fanno pagare l'equo compenso inutilemente- le major vogliono accusare senza nemmeno prove- la gente stufa vuole copiarsi tutto...Secondo me sara' uno scontro frontale e ci sara' da farsi male per tutti.
    • BlackUnderground scrive:
      Re: si aprano le danze finalmente...
      - Scritto da: amosis2000

      il
      mondo non è una cesta dove ogni frustrato può
      affondare le mani e prendere ciò che gli serve
      per passare una
      serata..E noi, i nostri genitori, i nostri amici, non lavorano 1 mese, per poi andare in un negozio di dischi che ti chiede 20,25,30,40,50 per un disco, che magari lo compri solo per 1 o 2 canzoni. Molte persono non si fidano a comprare su internete, e quindi anche se Itunes o altri fanno prezzi abbordabili (0,99 a canzone +o-), molte persone preferiscono uscire e comprare il disco.ciao-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 giugno 2008 10.30-----------------------------------------------------------
      • amosis2000 scrive:
        Re: si aprano le danze finalmente...
        Appunto...meglio I-tunes allora, ci sono svariate modalità per comprare sul web senza rischi. ci sono poi decine di web radio che danno musica 24h su 24h, per non parlare poi della classica radio tradizionale..insomma, se uno vuole deliziarsi le orecchie con della buona musica, ci sono i mezzi a disposizione senza dover comprare per forza un LP intero a prezzi esosi.
  • Amelie scrive:
    Il Favoloso Mondo di Nicolas
    Sto ancora ridendo per l'immagine, fantastica!
  • babbuzzi scrive:
    è solo un pagliativo.
    Pretendere che la circolazione di file pirata si abbatta del 80% è utopico.Da quello che ho capito la legge vuole solo sradicare l'utilizzo di soft P2P, ma forse ancora in pochi politicanti si sono accorti che stanno spopolando in rete siti filesharer quali rapidshare.Sono molto duttili anche se serve una ricerca un pò più 'pesante' rispetto ad un P2P.Quindi (come al solito per ciò che riguarda la rete) non è ancora stata fatta la legge, ma è già stato trovato l'inganno.
  • H5N1 scrive:
    Motivo in più...
    ...per avere una rete wifi e aircrack-ng(commento volutamente provocatorio)
  • Andreabont scrive:
    Sconvolgente...
    Quello che mi sconvolge di più non è il fatto di togliere internet a chi scarica da reti P2P (anche qui bisognerebbe fare articoli su articoli per vedere se è lecito bloccare anche chi scarica file leciti) ma il fatto che afferma non cè alcuna ragione perché Internet sia una zona di non-diritto. Il fatto è che la Francia si sta arrogando il diritto di imporre le SUE leggi alla rete Mondiale Internet: che gli piaccia o no internet è davvero una zona "franca" poiché altamente interconnessa tra più paesi tanto da essere onnipresente ovunque. E' come se la Francia imponesse le sue leggi in Antartide (territorio extra nazionale) oppure su acque intercontinentali.Il fatto è che così facendo le loro decisioni influenzano la rete anche per nazioni vicine, violando di fatto la sovranità di altri paesi: e di certo la Francia non ha il diritto di farlo.Concludo con una piccola osservazione personale: considerando come stanno attualmente le cose, più che far calare la pirateria del 80% fanno calare gli abbonamenti internet del 80%, a discapito dei poveri provider che si vedranno i conti calare verso un "profondo rosso".
  • Ermak scrive:
    Ecco come cambiare operatore
    Ci vorrebbe in Italia, la Telecom non ti libera la linea e tu vuoi cambiare operatore? Diventa pirata! Almeno nel giro di un anno sei sicuro che riesci a cambiare provider :D
    • bontakun88 scrive:
      Re: Ecco come cambiare operatore
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • uno scrive:
      Re: Ecco come cambiare operatore
      - Scritto da: Ermak
      Ci vorrebbe in Italia, la Telecom non ti libera
      la linea e tu vuoi cambiare operatore? Diventa
      pirata! Almeno nel giro di un anno sei sicuro che
      riesci a cambiare provider
      :Dasdno no loro ti staccano la linea ma poi i moduoli per arrivare ad un altro isp ci mettono cmq un secolo!
  • CarlaBruni scrive:
    Piratoni che scaricate i miei dischi...
    ben vi sta!
  • mpeg scrive:
    ma.....
    ma chi condivide file in rete non condivide L'ESATTA COPIA DELL'ORIGINALE ma bensì una compressione dati e quindi una perdita di qualità audio o video che sia.in poche parole non hai di illegale niente se non è la stessa ESATTA COPIA!!!!RICORDO INOLTRE CHE LA "PIRATERIA" NON E' LA CAUSA MA LA CONSEGUENZA DEI PREZZI ELEVATI DEI CD/DVD.
  • Robotica scrive:
    Ma i marocchini?
    per essere un pirata non c'è bisogno di tenere acceso per giorni e giorni il pc.basta scendere sotto casa e per 3 compri un cd/dvd con tanto di custodia e copertina. non so in Francia, ma a Roma ce ne sono in ogni angolo.xché infieriscono sulla rete quando il problema è sotto gli occhi di tutti ma fanno finta di niente?non dico che la pirateria sia giusta, sicuramente questa legge è sbagliata
    • marto tortio scrive:
      Re: Ma i marocchini?
      Secondo me infieriscono sulla rete ,proprio perchè la camorra,la mafia e dir si voglia, non riesce più a guadagnarci..insomma penso che siamo governati più dalla mafia che da altro....
    • 01234 scrive:
      Re: Ma i marocchini?
      ma sono cose incomparabili!!!!!il diritto d'autore che protegge l'autore (vabbeh, andatevi a vedere la puntata di report "il sottofondo della siae") contro la vendita non autorizzata io lo capisco e lo rispetto, quindi non i marocchini poracci che lo fanno pe' campa', ma gli italiani che masterizzano e vendono abusivamente sono censurabili e punibili.Io che scarico senza scopo di lucro a bassa qualità e non c'ho i 20 per i dvd e cd e in più ho pure pagato l'iniquo compenso su hd, cd e dvd, se permetti penso di non avere niente a che fare con quelle persone...
  • Niko Sarko scrive:
    Veniamoci incontro, dai...
    ...basta che non piratate i dischi di Carlà e chiudiamo un occhio, aummaumma. ;) :p O)
  • msdead scrive:
    SARKOZY CONTRO I PIRATI O IL CONTRARIO?
    Siamo sicuri che è Sarkozy che va addosso ai pirati o sarà che i pirati spareranno a zero contro questa legge?Sarei anche curioso di vedere se uno scarica con Qtrax...è un P2P anche quello e nulla toglie che qualcuno infili del materiale losco anche lì...anche se è un sistema delle major e legale.
    • cameldead scrive:
      Re: SARKOZY CONTRO I PIRATI O IL CONTRARIO?
      sono proprio gli ottusi come te che ci faranno perdere anche l'ultimo mezzo di comunicazione libero che ci è rimasto...internet!!Arricchire le case discografiche nn fa altro che aumentare il loro potere e il monopolio che detengono sul mercato!e poi ricordati sempre una cosa: l'open source (in questo caso il p2p) è come il sesso....è meglio quando è libero!
  • eds scrive:
    ...beh se passa sa legge
    ...leggetevi un bel libro, di qualunque tipo, costa meno e dura di più che un film o un brano musicale...
  • VE LO DICO IO scrive:
    Fosse solo un problema di pirati...
    ..qui ci vogliono disconnettere tutti dalla rete!!http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=4736
    • Mr.God scrive:
      Re: Fosse solo un problema di pirati...
      - Scritto da: VE LO DICO IO
      ..qui ci vogliono disconnettere tutti dalla rete!!

      http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?Si, e ci leggono la mente, e avvelenano gli yogurt.
      • VE LO DICO IO scrive:
        Re: Fosse solo un problema di pirati...
        mmmh... cioè?
        • BIc Indolor scrive:
          Re: Fosse solo un problema di pirati...
          - Scritto da: VE LO DICO IO
          mmmh... cioè?Cioè è una bufala.E tutto l'articolo di comedonchisciotte al riguardo è pure pieno di link a notizie vecchie, molte delle quali già smentite da tempo e DAL tempo.
  • Mod scrive:
    Lista
    Sono sicuro che non tutti gli artisti traggono svantaggio dalla diffusione dei loro brani sulla rete p2p, farsi conoscere, far emergere il proprio nome da una nicchia può anche essere una cosa positiva, e per molti artisti questa porta verso le masse si chiama proprio p2p, se non esistesse il file sharing, l'unico canale possibile per far ascoltare la propria musica sarebbero i concerti e le major musicali appunto. Però se nessuno ti conosce è difficle organizzare tour e concerti, e se ti affidi alle major, esse non ti permettono di esprimere liberamente la tua musica, ma ti impongono dei cliché. Dall'altra parte ci sono gli interessi di chi fa musica esclusivamente per fare soldi facili, e anche loro hanno diritto aiu loro diritti di autore.Io butto là una proposta, si dovrebbe istituire una lista, un database con i nominativi degli artisti e delle bands che NON vogliono che i loro brani siano condivisi nel p2p, e una lista o un database con i nominativi di chi invece ne sarebbe favorevole. A questo punto l'utente sarebbe libero di ascoltare i brani "liberi" e di boicottare gli altri.
    • krane scrive:
      Re: Lista
      - Scritto da: Mod
      Sono sicuro che non tutti gli artisti traggono
      svantaggio dalla diffusione dei loro brani sulla
      rete p2p, farsi conoscere, far emergere il
      proprio nome da una nicchia può anche essere una
      cosa positiva, e per molti artisti questa porta
      verso le masse si chiama proprio p2p, se non
      esistesse il file sharing, l'unico canale
      possibile per far ascoltare la propria musica
      sarebbero i concerti e le major musicali appunto.
      Però se nessuno ti conosce è difficle organizzare
      tour e concerti, e se ti affidi alle major, esse
      non ti permettono di esprimere liberamente la tua
      musica, ma ti impongono dei cliché. Dall'altra
      parte ci sono gli interessi di chi fa musica
      esclusivamente per fare soldi facili, e anche
      loro hanno diritto aiu loro diritti di
      autore.Secondo me gia' un buon contributo sarebbe che la SIAE in italia smettesse di chiedere improponibili balzelli alle birrerie per far suonare i ragazzi nei locali.
    • mosilon scrive:
      Re: Lista
      giusto!artisti famosi altrove come: dennis brown, sizzla, buju banton, yellowman, mutabaruka, sly & robbie, u-roy, i-roy, toots, burning spear, franky paul, junior reid, yami bolo, black uhuru, e tutti gli altri musicisti rasta dove li metti?
  • Fascista scrive:
    Bravi
    Benissimo! E che i comunisti si tappino la bocca! Speriamo che il Cavagliere faccia stessa cosa!!!
    • 01234 scrive:
      Re: Bravi
      tapparsi la bocca? ROTFLmi sa che accadrà solo dopo l'ultimo respiro, se pure...
    • tux scrive:
      Re: Bravi
      impara a scrivere e a parlare altrimenti tappati la boccabimbominkia fascista
    • EffeElle scrive:
      Re: Bravi
      - Scritto da: Fascista
      Benissimo! E che i comunisti si tappino la bocca!
      Speriamo che il Cavagliere faccia stessa
      cosa!!!Mi sembra normale, adesso la farà anche lui perché non gli era ancora venuta in mente, sappiamo che in fatto di idee buone è piuttosto scarso. Quindi direi che si annullerà ancora un paio di processi in corso e noi ci metterà in carcere perché scarichiamo i film pirata. Come dire, usiamo lo stesso metro di giudizio per tutti.
  • saimonegarf anchel scrive:
    ma se al posto di tutte ste baggianate..
    .... che andate sbofonchiando, proponeste ai vostri "autori" preferiti di cambiare la licenza con la quale distribuiscono la loro musica ?no eh ?Troppo sbattimento, meglio scaricare a sbafo e venire a fare i piagnistei qua
    • 01234 scrive:
      Re: ma se al posto di tutte ste baggianate..
      sarà anche a sbafo, però nessuno è in grado di dire COSA toglie chi scarica a chi produce, quando chi scarica non ha la possibilità di pagare il prodotto (peraltro riproducibile all'infinito con spesa irrisoria, quindi fonte di guadagni spaventosi) per via dei costi troppo alti...
      • saimon e garfanchel scrive:
        Re: ma se al posto di tutte ste baggianate..
        - Scritto da: 01234
        sarà anche a sbafo, però nessuno è in grado di
        dire COSA toglie chi scarica a chi produce"una rotonda sul mare" costa 1 euro ? (esempio).Tu l'hai scaricata a sbafo dal mulo ?Bene hai tolto un euro a chi l'ha prodottaChe poi 1 euro sia troppo/poco/giusto e' un'altro discorso
        • Sba scrive:
          Re: ma se al posto di tutte ste baggianate..
          non è un altro discorso, è IL discorso, questo non vuoi capire.Inoltre io ritengo che ognuno dovrebbe essere libero di fruire gratuitamente dell'arte, della musica così come dei dipinti o dei film. Ognuno dovrebbe poter scaricare gratuitamente ogni opera d'arte, fruirne, e decidere liberamente se finanziare con una donazione l'artista.Così è meglio, io ad esempio compro sempre ogni cd del mio gruppo preferito e vado sempre ai loro concerti, pure ai concerti in cui magari fanno solo una comparsata.SEMPRE. Loro da me i soldi li prendono, xè loro, per me, li meritano in quanto hanno un "qualcosa" + degli altri che mi fa impazzire in ogni senso. Sono innamorato della loro musica e lo sarò sempre.I radiohead hanno mostrato come il sistema sia STRA vincente. La canzone la scarichi gratis. Ti piace? Bene puoi donare. Non ti piace? Non doni niente.Come numero hanno venduto meno cd che tramite un'etichetta, ma guadagnando il 100% dalle vendite hanno preso molti più soldi che con il solito sistema delle case discografiche.Grandissimi radiohead, e grande anceh il mio gruppo che ha scelto di abbandonare la virgin per auto produrre le canzoni, mitici!! :D
          • cisco1 scrive:
            Re: ma se al posto di tutte ste baggianate..
            Inoltre io ritengo che ognuno dovrebbe essere libero di fruire gratuitamente dell'arte, della musica così come dei dipinti o dei film. Ognuno dovrebbe poter scaricare gratuitamente ogni opera d'arte, fruirne, e decidere liberamente se finanziare con una donazione l'artista. mamma mia, per fortuna non è cosi! l'artista produce arte e la vende come gli pare e piace, se a te non va bene sei libero di non comprarla, andare da un altro che ti aggrada di piu o fartela da solo, se ci riesci!chi produce una cosa ha il diritto di venderla come preferisce, e i clienti decidono se acquistarla o no.
        • 01234 scrive:
          Re: ma se al posto di tutte ste baggianate..
          occhio però! se io fruttivendolo ho una mela che singolarmente mi è costata 10 centesimi, e la vendo a 20, e tu me la rubi, mi togli la mela e i 10 c di guadagno (e io ci vado sotto). Quei soldi sono persi, irrimediabilmente e per sempre.Nel caso di film e canzoni invece, la spesa per i film è fissa, mentre è virtualmente infinita la capacità del produttore di moltiplicare senza troppe spese gli oggetti da vendere per rientrarci. Esemplifico al max: se il film mi costa 10mln di euro, e io ne faccio dvd da 10 per guadagnare basterà fare 11mln di dvd, ma non è che se io ti rubo anche fisicamente un dvd tu vai in malora, perché ne puoi fare quante copie vuoi (spendendo forse l'equivalente della mela :-D) mentre il fruttivendolo non può. Hai perso un cliente (10, 100, 100000, col p2p), ma resti in possesso del mezzo di guadagno. Rimane sempre un furto, perché il dvd ha un costo suo che mantiene anche il venditore al dettaglio etc e perché potenzialmente io potrei venderli e farci soldi col tuo ingegno e la tua produzione.Ma, e finalmente arrivo al caso "nostro": se io MAI E POI MAI avrei comperato il dvd perché io 10 li devo usare per mangiare e non prendo il dvd nella sua fisicità (che cmq di ne costa molti di più e spropositati rispetto ai costi) ma solo il contenuto, cmq tu i soldi DA ME e quelli come me non li avresti avuti quindi io non ti tolgo niente. E questo contenuto non lo vendo un po' perché non si fa (e di questo sono straconvinto) e poi perché è degradato, la qualità va bene solo per una fruizione alla buona, giusto scotto da pagare per non...pagare. Aggiungo la possibilità di conoscere storie, idee, eventuialmente emozioni, che mi aiutano nella mia qualità della vita, già provata da situazioni precarie lavorative, logistiche (affitti=pizzo) etc che sono esattamente le stesse che mi impediscono di comperare costosissimi dvd e cd.Certo, si potrebbe dire "lavoro di merda, vita di merda". Io, finché posso, non mi adeguo alla seconda parte della frase. Speriamo bene....
  • roberto scrive:
    Re: Geniale il distacco forzoso degli utenti
    sei un po ottimista..intanto la legge e' fatta e i provider francesi non hanno fatto grandissima resistenza.inoltre non tutti i provider sono contenti in italia della situzione di semi monopolio di alcuni provider che si fanno pagare le loro retiveloci il doppio.. non e' vero che senza il p2p la gente rinuncia ai suoi 2 o 3 mega di linea, certo pero rinuncia alla megalinea..e se i provider sono costretti a cedere i dati o a controllare loro col cavolo che coi guardian ce la fai. ma hai invece ragione sugli altri punti.
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Geniale il distacco forzoso degli utenti
      - Scritto da: roberto
      sei un po ottimista..
      intanto la legge e' fatta e i provider francesi
      non hanno fatto grandissima
      resistenza.La legge poi ancora non è stata approvata, vedremo se lo sarà!
      inoltre non tutti i provider sono contenti in
      italia della situzione di semi monopolio di
      alcuni provider che si fanno pagare le loroHa e perdere un'ampia platea di utenti interessati al P2P li aiuterebbe?
      retiveloci il doppio.. non e' vero che senza il
      p2p la gente rinuncia ai suoi 2 o 3 mega di
      linea, certo pero rinuncia alla
      megalinea..
      Guarda che con una linea da 640 Kb già scaricavo circa 5Gb in media al giorno, ora con una 8 Mbit arrivo a 10 - 12 Gb al di e faccio veramente fatica a trovare qualche cosa che meriti di essere scaricato, se mi levassero il P2P una semplice ADSL a consumo o una dial Up mi basterebbero abbondantemente! e se i provider sono costretti a cedere i dati o
      a controllare loro col cavolo che coi guardian ce
      la fai.
      I provvider sarebbero obbligati solo a rivelare l'intestatario di un determinato IP, gli accertamenti sul materiale scaricato li farebbe una organizzazione parastatale, il cui IP quindi sarebbe ben presto arcinoto e disponibile ai programmi di filtraggio tipo Peer Guardian, anzi renderebbe il loro lavoro più semplice!. Oggi infatti devono difenderti da centinaia di organizzazioni diverse sovvenzionate dalle Major, domani magari solo da un'unica organizzazione. Non credo che potranno variare con tanta facilità il range di IP utilizzati!
      ma hai invece ragione sugli altri punti.
  • Miki scrive:
    La risposta a tutto ciò
    Ma se io uso tor, il client che mascherà i miei movimenti sulla rete, non dovrei avere alcun problema di minacce di disconessione....quindi il problema è risolto....
  • Enjoy with Us scrive:
    Bravo Sarcozy!!!!
    Ora che abbiamo punito quegli sporchi pirati del P2P (l'80% degli intestatari di ADSL flat), lo vogliamo riformare il diritto d'autore?Visto che i brevetti sulle medicine, il cui sviluppo è un pò più costoso della solita canzoncina o filmetto, durano solo 10 anni, perchè non riduciamo anche il diritto d'autore a questi livelli. Non mi sembra poco guadagnare da un pezzo scritto e pubblicato fino a 10 anni prima!Avere profitti fino a 70 anni dalla morte dell'autore mi sembra francamente inaccettabile!Dopo una simile riforma allora poi si può pensare a come stangare chi viola il diritto d'autore, non prima!!!!
    • Tripla_A scrive:
      Re: Bravo Sarcozy!!!!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ora che abbiamo punito quegli sporchi pirati del
      P2P (l'80% degli intestatari di ADSL flat), lo
      vogliamo riformare il diritto
      d'autore?
      Visto che i brevetti sulle medicine, il cui
      sviluppo è un pò più costoso della solita
      canzoncina o filmetto, durano solo 10 anni,
      perchè non riduciamo anche il diritto d'autore a
      questi livelli. Non mi sembra poco guadagnare da
      un pezzo scritto e pubblicato fino a 10 anni
      prima!
      Avere profitti fino a 70 anni dalla morte
      dell'autore mi sembra francamente
      inaccettabile!
      Dopo una simile riforma allora poi si può pensare
      a come stangare chi viola il diritto d'autore,
      non
      prima!!!!Quotone!
  • anonimous scrive:
    Re: Geniale il distacco forzoso degli utenti
    non fa una grinza
  • roberto scrive:
    e la responsabilita civile?
    andrebbe letta bene la legge.una multa non sostituisce un danno civile, ma solo la responsabilita penale. chi fosse diffidato (dallo stato, con la prova fornita dal provider) potrebbe poi trovarsi comunque una causa civile di quelle che conosciamo?poiche vanno di moda i partenalismi, mi aspetto un paciugone, ma il core e' ancora una volta obbligare o no i provider a fornire i dati senza ordine del giudice o a far da controllore (con quali strumenti?), e mi pare sia poco costituzionale, al di la dello stacco .l'idea mi pare sia di sostituire al binomio attuale impunita-causamilionaria che si traduce in stallo,una punizione severa ma applicabile (consentire il controllo e sanzionare con lo stacco), ammesso che ci sia la possibilita costituzionale di farlo.ma questa inmpostazione deve azzerare la possibilita di causa-milionaria, seno lo stacco non ha senso. giusto?
  • Enjoy with Us scrive:
    E le prove?
    Potrà l'utente dopo la lettera di Warning verificare le prove che effettivamente lo inchiodano?Mi sembra che già in altri casi ci siano stati dei problemi in tribunale da parte delle major per dimostrare che effettivamente quel determinato IP aveva condiviso opere protette dal diritto d'autore.
    • Wolf01 scrive:
      Re: E le prove?
      e qui li voglio vedere!certo possono identificare lo scaricamento di un mp3, ma se un pezzetto di quell'mp3 è contenuto in un demo?Cioè, mi spiego meglio, come fanno a sapere se ho scaricato quell'mp3 pirata o un demo dal sito dell'artista che l'ha reso pubblico?Controllano da dove l'ho scaricato? interrogano l'artista? vanno a vedere se veramente c'è un mp3 nel sito dell'artista?E se quell'mp3 è stato scaricato dal sito dell'artista e messo nei p2p?E se sto spostando l'mp3 dal mio pc a casa al mio pc al lavoro perchè ho voglia di sentirmi la musica?Ci sono troppo SE, qui non funziona un c...o :D
      • krane scrive:
        Re: E le prove?
        - Scritto da: Wolf01
        e qui li voglio vedere!
        certo possono identificare lo scaricamento di un
        mp3, ma se un pezzetto di quell'mp3 è contenuto
        in un demo?
        Cioè, mi spiego meglio, come fanno a sapere se ho
        scaricato quell'mp3 pirata o un demo dal sito
        dell'artista che l'ha reso
        pubblico?
        Controllano da dove l'ho scaricato? interrogano
        l'artista? vanno a vedere se veramente c'è un mp3
        nel sito
        dell'artista?
        E se quell'mp3 è stato scaricato dal sito
        dell'artista e messo nei
        p2p?
        E se sto spostando l'mp3 dal mio pc a casa al mio
        pc al lavoro perchè ho voglia di sentirmi la
        musica?
        Ci sono troppo SE, qui non funziona un c...o :DLa risposta e' IPV6 e dobbiamo evitarlo come la peste.
  • Obi Lan Kenoby scrive:
    scarsamente applicabile
    Cosa succede se uno studente scarica un MP3? tolgono la connessione a tutto il campus? E se mi ciulano il wifi? etc. etc.Inizieranno a sequestrare i dischi fissi rimuovibili? come la mettiamo con gli hard disk da 2.5" da 500 gb annunciati oggi? posso mettere 1Tb nel mio portatile, e far persino sparire la partizione, etc.Bof, spaventeranno lo "scaricatore occasionale", che tornera' "a farsi fare il cd dall'amico", che fa pure prima.
    • doctord scrive:
      Re: scarsamente applicabile
      Infatti, ne prenderanno qualcuno tanto per far vedere che sono forti e per mettere paura ai più. E chi scarica al posto di lavoro che su un IP può avere centinaia di PC??? Che fanno, chiudono la connessione all'azienda? Controllano tutti i PC??? Con tutti i problemi che ci sono vale la pena di sprecare tante risorse? Bah
  • Stacy think positive scrive:
    Idiozia collettiva
    Sembra che prima tutta l'economia mondiale si sostenesse grazie alla musica e al cinema. E se le cose stessero in un altro modo...Il P2P ha fatto nascere in molte persone la voglia di conoscere questi due mondi; chi già era un estimatore di musica o di cinema, ha potuto approfondire e ampliare la sua conoscenza, chi non era interessato ha comunque potuto avere accesso a questa enorme libreria informatica per provare a crescere culturalmente vedendo film che non avrebbe mai visto pagando, o sentendo canzoni che nessuno gli avrebbe mai fatto sentire.Da utonto scaricante quale sono, vi assicuro che chi compra i film e dischi sicuramnte scarica anche altri materiali che ritiene inferiori e quindi da valutare.Se io trovo un Film o un disco particolarmente interessante, sarò spinto dal desiderio di far creare ancora qualcosa alla persona o al gruppo che lo ha realizzato e quindi andrò al concerto nel caso si tratti di musica o andrò al cinema a vedere il film successivo del regista nell'altro caso. E basta proteggere la siae le major e tutta questa mafia che arricchisce solo i ricchi, cioè i soliti noti della brutta musica...vi consiglio la visione di http://www.southparka.com/watch/105/Christian_Rock_HardCiao!!!
  • sss scrive:
    inutile
    E' una legge inutile...la copia e distribuzione di questi materiali c'è sempre stata e sempre ci sarà...cambiano solo le modalità...prima o poi (più prima che poi) qualcuno implementerà un sistema di scambio anonimo...e il gioco è fatto.Sarebbe più sensato abbassare i prezzi ( ma non di 2 o 3 euro) per aumentare le vendite ed eliminare in gran parte il fenomeno.Oppure ci sarebbe la soluzione estrema ... nessuno dovrebbe comprare più nulla per almeno un anno e poi stare a vedere cosa succede...se per un anno non un cd musicale, un vinile, un dvd video non saranno venduti magari anche solo in alcune nazioni...forse le major capirebbero che i prezzi sono troppo alti....( questo vale anche per i cinema , teatri e stadi... concerti compresi) quanto costa il biglietto del cinema x una famiglia di 4 persone?Ma realizzare una protesta così è utopistico...anche se sarebbe il solo modo di far valere le ns richieste....esiste una teorica economica che sostiene che il prezzo di un bene è dato dall'incontro della domanda e dell'offerta...tanta domanda e poca offerta=prezzo alto....tanta offerta e poca domanda=prezzo basso....se io non compro il cd a 20 euro...tu non guadagnise tu lo vendi a 5 euro...magari lo compro....ciao
  • lufo88 scrive:
    incostituzionale?
    Dai tanti commenti ho visto che nessuno si è posto il mio problema:Distaccare la linea internet è incostituzionale?Secondo me sì. è una palese limitazione della libertà di espressione.è come se ti vietassero di spedire lettere e/o telefonare, come faceva Mussolini a suo tempo.Altra cosa, è come arrestare il propietario di un'automobile per un incidente. Finché non si scopre chi guidava la macchina nessuno può essere arrestato.
    • Get Real scrive:
      Re: incostituzionale?
      E' più come ritirarti la patente per un anno. Possedere una licenza di condurra è spesso condizione sine qua non per ottenere/mantenere un posto di lavoro.In Italia la Costituzione dice che il lavoro è un diritto, però se ti tolgono la patente molti lavori non puoi più svolgerli.Per lo Stato il problema non esiste. Sei tu che sei costretto a "reinventarti professionalmente" (= fare un grosso salto indietro).
  • Bic Indolor scrive:
    Lavoratore in proprio?
    Se a un libero professionista seghi la connessione lo ammazzi. E se il libero professionista il cui figlio ha scaricato tre canzonette col mulo non può più lavorare perché privato di uno strumento di lavoro indispensabile (ormai molte pratiche vengono svolte in via esclusivamente telematica), chiude la baracca per un anno. E se chiude la baracca per un anno perde i clienti e non fa più ricavi per tanti anni. E se non fa più ricavi per tanti anni non paga più tante tasse come gli studi di settore vorrebbero. Anzi, visto che gli studi di settore lo obbligano a pagare almeno tot tasse, chiude la baracca del tutto. Niente più studi di settore. Poco o niente più tasse.Per recuperare qualche decina di euro per le majors (e sostenere magari i costi del recupero) lo stato ci perde qualche decina di MILA euro. Per ogni singola violazione.Qualche governante dovrebbe meditare...(ah già che problema c'è? se non fai abbastanza tasse ne fai pagare di più a tutti, no?)
    • Bic Indolor scrive:
      Re: Lavoratore in proprio?
      - Scritto da: Bic Indolor
      Se a un libero professionista seghi la
      connessione lo ammazzi.
      Ah dimenticavo... se il libero professionista ha dipendenti? a casa pure loro? certo! E i posti di lavoro se ne vanno.se invece è un'azienda con tanti dipendenti? Se non sono in grado di identificare chi ha scaricato? via la connessione all'azienda (e gli euro di mancate tasse diventano centinaia di migliaia, forse milioni!), ditta chiusa e tanti dipendenti a mendicare lavoretti?Oppure scopriamo chi è stato e lo licenziamo in tronco? cosa ne pensano i sindacati?
      • saimonegarf anchel scrive:
        Re: Lavoratore in proprio?
        - Scritto da: Bic Indolor
        - Scritto da: Bic Indolor

        Se a un libero professionista seghi la

        connessione lo ammazzi.



        Ah dimenticavo... se il libero professionista ha
        dipendenti? a casa pure loro? certo! E i posti dicazzi suoi again, internet la usa per lavoro quindi deve prendere le dovute precauzioni, se non le prende e' un fesso ed e' giusto che chiuda
    • Get Real scrive:
      Re: Lavoratore in proprio?
      Nessun libero professionista genera introito fiscale quanto un big dell'intrattenimento.Economicamente parlando, Vivendi vale milioni di cittadini francesi.
    • saimonegarf anchel scrive:
      Re: Lavoratore in proprio?

      E se il libero professionista il cui figlio ha
      scaricato tre canzonette col mulo non può piùcazzi suoi, non glielo ha mica detto il dottore di lasciare il computer e/o la connettivita con la quale lavora in mano al figlio
    • krane scrive:
      Re: Lavoratore in proprio?
      - Scritto da: Bic Indolor
      Se a un libero professionista seghi la
      connessione lo ammazzi.
      E se il libero professionista il cui figlio ha
      scaricato tre canzonette col mulo non può più
      lavorare perché privato di uno strumento di
      lavoro indispensabile (ormai molte pratiche
      vengono svolte in via esclusivamente telematica),
      chiude la baracca per un anno. Da quando si permette ai gagni di toccare gli strumenti di lavoro ?Ma cosa credi che siano i pc del luogo di lavoro ??? Giocattoli ?
      E se chiude la baracca per un anno perde i
      clienti e non fa più ricavi per tanti anni.Bene, un p1r1a in meno e gia' buono che lavorava nei computer invece che con le auto da corsa senno' lasciava giocare il ragazzino anche li' e ci si trovava con un figlio di meno.
      • DeAbner scrive:
        Re: Lavoratore in proprio?
        No, se la connessione internet è condivisa magari fra lo studio e la casa, per il provider è solo uno l'IP.Frega niente alla legge se è la PSP del cucciolo o il DS della fighetta o il PC del padre lavoratore
        • krane scrive:
          Re: Lavoratore in proprio?
          - Scritto da: DeAbner
          No, se la connessione internet è condivisa magari
          fra lo studio e la casa, per il provider è solo
          uno l'IP.Se lasci i tuoi strumenti di lavoro in mano ai bambini sono cazVoli tuoi...Basta che si faccia dei nemici in chat per trovarti floddato una settiamana in cui stai fuori rete.
          Frega niente alla legge se è la PSP del cucciolo
          o il DS della fighetta o il PC del padre
          lavoratore
        • ste scrive:
          Re: Lavoratore in proprio?
          La connessione per lavoro va utilizzata per lavoro, non per scaricare cose illegali. Se poi vuoi avere l'ADSL a casa, fai un altro contratto, come sarebbe giusto anche dal punto di vista fiscale!
  • ilmassi scrive:
    ecco cosa succede a sposare carla bruni.
    stasera te la do solo se mi blocchi i pirati che non pagano i miei cd che ti piacciono tanto...Speriamo bene con Apicella.
  • Nilok scrive:
    Vedremo...
    Augh,sono proprio curioso di vedere se anche la Francia si è "italianizzata"....e cioè si fa una legge "inapplicabile" e non la si applica...Ho parlatoNilok
  • kattle87 scrive:
    La PolPost è spacciata!!!!
    Vista tutta la roba che immagino regolarmente scaricata dai PC degli agenti della Polizia Postale, entro tre mesi la metà dei loro PC sarà disconnessa da internet!!! :D
  • ilmassi scrive:
    e nelle famiglie???????
    mettiamo che un 20enne scarichi un mp3 e venga considerato pirata fuorilegge ladro bastardo e quindi gli viene giustamente staccata l'adsl per mille anni in modo che non possa più commettere i suoi crimini. Bene, e se ha un fratello 22enne in casa che mai e poi mai scaricherebbe un mp3 protetto senza lasciare il numero di carta di credito alla emi siae e carla bruni?? gli stacchiamo l'adsl anche a lui e genitori?? mah...
    • Liberte scrive:
      Re: e nelle famiglie???????
      Da quel che ho capito sarebbe sconnesso a vita il genitore a cui è intestata la connessione. Meglio non far figli, no? :-)
  • Gingio scrive:
    Finalmente avremo un P2P anonimo!
    Ben vengano queste restrizioni! Finalmente vedremo uno sviluppo del P2P.Non sarebbe bello avere un mulo che funziona come Mute o Ants P2P senza quelle schfose interfacce?Attendo pazientemente le evoluzioni.... ;-)
    • sergio scrive:
      Re: Finalmente avremo un P2P anonimo!
      hai ragione, ora come ora e' delirio, norme capestro e log pluriennali.. ants, stealthnet, dovrebbero riempirsi di utenti e sarebbe ora! certo le efficienze sono minori.
  • ruppolo scrive:
    La legge è giusta
    Da quando in qua sarebbe moralmente lecito rubare?Ma siete fuori di testa?L'unico caso moralmente lecito, a mio avviso, è rubare il cibo per non morire di fame. Che è a anche la legge della natura, in vigore da prima che arrivassimo su questo simpatico pianeta...Film, musica e software vanno comprati, non rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno, non morirete di certo. NE FATE A MENO, avete capito?
    • Moner scrive:
      Re: La legge è giusta
      Rubare è sottrarre qualcosa di proprietà di un'altra persona, col p2p non ti sto portando via niente, quindi datti all'ippica- Scritto da: ruppolo
      Da quando in qua sarebbe moralmente lecito rubare?
      Ma siete fuori di testa?
      L'unico caso moralmente lecito, a mio avviso, è
      rubare il cibo per non morire di fame. Che è a
      anche la legge della natura, in vigore da prima
      che arrivassimo su questo simpatico
      pianeta...

      Film, musica e software vanno comprati, non
      rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno,
      non morirete di certo. NE FATE A MENO, avete
      capito?
      • Get Real scrive:
        Re: La legge è giusta
        Chi fa le leggi e le fa applicare evidentemente la pensa in maniera diversa dalla tua. Sei libero di pensarla come vuoi, ma loro hanno ragione per il semplice fatto che le leggi le FANNo, tu hai torto perchè le leggi devi RISPETTARLE altrimenti sei PUNITO.Ora chi deve darsi all'ippica?
        • vivalamusic a scrive:
          Re: La legge è giusta
          Chi fa le leggi lo fa anche spinto da importanti lobby...che come vedo hanno inculcato in una parte della gente che copiare è uguale rubare ! Chi ci guadagna sulla musica altrui è giusto che paghi (discoteche, radio, locali), gli artisti prendessero i soldi lavorando come tutti (facendo concerti !). La verità è che chi veramente guadagna da questo sistema sono le case discografiche e tutti quegli impiegatucci della siae, che di certo (e to dico per esperienza) non hanno certo lo scopo di promuovere buona musica , buona cultura musicale, ma solo di fare più soldi.Quindi se vuoi veramente bene alla musica , vai ai concerti e soprattutto scambia tantissimi file con i tuoi amici. Scoprirai tantissima musica che radio e varie non passano mai, amplierai la tua cultura musicale, e comprerai i cd degli artisti che meritano (pure controvoglia , dovendo dare buona parte agli impiegatucci) e andrai a tanti concerti in cui ti divertirai veramente. Questa è la musica. Emozioni e non solo soldi.
          • Get Real scrive:
            Re: La legge è giusta
            Questo argomento non funziona con me: non compro CD da 15 anni e vado regolarmente ai concerti delle band che mi interessano.Ma non mi faccio illusioni: la musica è un business enorme, per le persone che contano e che grazie al loro potere economico influenzano i governi. Caro mio, contro lo strapotere del dio denaro non c'è *NULLA* da fare.
          • viva la musica scrive:
            Re: La legge è giusta
            Quindi mi dai ragione ? ;)Ma se non compri i cd e se le radio passano sempre quei 4 artisti, come scopri le band per andarci al concerto ?Il p2p è possibile ancora proprio perchè il buonsenso della maggior parte delle persone SA' che è giusto. Tutti scaricano. Tutti hanno qualche cd copiato (magari da un suo amico). Ma pensi che i finanzieri, i carabinieri, i poliziotti a casa non hanno files musicali ?Non tutte le cose imposte dall'alto vengono rispettate se la maggior parte delle persone la pensa diversamente. L'italia è fatta di tante persone con molto buonsenso.Certo peccato che quelle al comando sono le altre... ;)aaaa.. quante cassette registrate dalla radio avevo..viva la musica
          • nanoBastardo scrive:
            Re: La legge è giusta
            - Scritto da: viva la musica
            Quindi mi dai ragione ? ;)
            Ma se non compri i cd e se le radio passano
            sempre quei 4 artisti, come scopri le band per
            andarci al concerto
            ?
            Il p2p è possibile ancora proprio perchè il
            buonsenso della maggior parte delle persone SA'
            che è giusto. Tutti scaricano. Tutti hanno
            qualche cd copiato (magari da un suo amico). MaOra se premettevi, o inserivi da qualche parte nel tuo periodo la parola IMHO potevo anche darti ragione ma poiche' scrivi Tutti, spiacente di contraddirti, non tutti, ci sara' sempre qualcuno che la pensa diversamente, viva il pensiero indipendente ed eterogeneo. Io personalmente sono contro l'omologazione del pensiero in qualsiasi cosa pure riguardo il p2p, sia contro che a favore del p2p, che poi a me interessa pochissimo, poiche' non uso il p2p...
            pensi che i finanzieri, i carabinieri, i
            poliziotti a casa non hanno files musicali
            ?Penso che prima di essere finanzieri, carabinieri, poliziotti sono esseri umani, per cui magari sensibili a determinate pulsioni umane e non robot disumani che eseguono gli ordini e basta. Penso che una buona parte di loro siano dopo essere umani, cittadini di un imperialismo capitalistico distorto come noi, come tali soffocati da una pressante richiesta di denaro per vivere, dunque lavoratori per procurarsi quel denaro per vivere, infine e solo infine finanzieri, carabinieri, poliziotti.
            Non tutte le cose imposte dall'alto vengono
            rispettate se la maggior parte delle persone la
            pensa diversamente.
            A mio modesto parere, penso che qui ti stai confondendo fra anarchia, democrazia ed oligarchia pseudodemocratica. Penso che la prima rispecchi cio' che hai scritto, ma puo' darsi che abbia capito male io, la seconda e' esistita nell'antichita' ad Atene ma solo se eri maschio e non femmina, non esiste nell'era moderna a mia conoscenza, ma puo' darsi che la mia ignoranza non mi permetta di conoscerla, la terza infine e' quella che nel mondo occidentale e non solo ormai, ci fanno credere essere democrazia...
            L'italia è fatta di tante persone con molto
            buonsenso.
            Certo peccato che quelle al comando sono le
            altre...
            ;)
            Secondo me chi governa di buon senso e di cervello ne ha molto solo che non lo usa per cio' che tu ritieni essere interesse pubblico, sinceramente nemmeno io riesco a capire per quale interesse pubblico tutta questa intelligenza venga usata, ma come ho scritto sopra la mia incapacita' a comprendere e' dovuta alla mia ignoranza... @^
            aaaa.. quante cassette registrate dalla radio
            avevo..
            Questo non mi pare sia illegale poiche' la trasmissione gia' paga i diritti per la diffusione stessa, tra l'altro postresti anche notare che i "radio-edit" sono differenti dalla musica che si trova nei dischi, di solito la finalita' non e' riconoscere una registrazione dalla radiodiffusione ed una copiata da un originale bensi' diffondere un pezzo piu' accattivante e commercialmente vendibile...
            viva la musicaquesto lo posso quotare in toto: viva la musica.
          • viva la musica scrive:
            Re: La legge è giusta
            Allora IMHO ! Ok ?Sarà che quando parlo "secondo me" è sempre sottointeso.La verità assoluta non esiste in bocca ad una persona.Per "tutti" chiaramente intendevo tanti, ma era giusto specificare.Per quanto riguarda le forze dell'ordine quindi dici la stessa cosa.
            Non tutte le cose imposte dall'alto vengono
            rispettate se la maggior parte delle persone la
            pensa diversamente.Per questa frase non scomoderei anarchia , democrazia , etc..Significa semplicemente quello che avviene costantemente in più settori e non solo col p2p.Se una cosa è illegale ma si pensa ingiusta, tanta gente chiude un occhio. Pensa una cosa che ancora non si sa neanche in che maniera è illegale e quale no...Sul fatto al comando (governo, amministrazioni, etc) ci siano tante persone con molto cervello, non mi trovi proprio daccordo, l'intelligenza (IMHO !!!! ;))non si misura con il profitto personale, quella è furbizia.Ti informo che registrare e far circolare cassette è vietato. Come anche registrare su file le radio on-line. Loro pagano i diritti, ma tu non puoi registrarli comunque.ehi.. IMHO sempre.ciaoaoaaoaooa e allora ?VIVA LA MUSICAAA(vado subito a farmi una bella suonata.. Speriamo che la SIAE non mi becchi mentre suono la chitarra con il canzoniere scaricato illegalmente..)
          • piter scrive:
            Re: La legge è giusta
            scusate voi due, volevo chiedere... ok la musica etc, ma per i film come la mettiamo? uno produce un film, che costa quello che costa, ed è lecito vederselo senza versare un cent?senza contare che mentre la musica è fruibile tante volte, normalmente un film si guarda una volta soltanto, massimo due...
          • krane scrive:
            Re: La legge è giusta
            - Scritto da: piter
            scusate voi due, volevo chiedere... ok la musica
            etc, ma per i film come la mettiamo? uno produce
            un film, che costa quello che costa, ed è lecito
            vederselo senza versare un cent?
            senza contare che mentre la musica è fruibile
            tante volte, normalmente un film si guarda una
            volta soltanto, massimo due...Mi sapresti dire quando ha guadagnato Iron Man nelle prime settimane di proiezione al cinema ???
          • piter scrive:
            Re: La legge è giusta
            che c'entra? e allora il piccolo film indipendente se la piglia in quel posto?
          • krane scrive:
            Re: La legge è giusta
            - Scritto da: piter
            che c'entra? e allora il piccolo film
            indipendente se la piglia in quel
            posto?Quanto cosa produrre un piccolo film indipendente ?Vai qui che c'e' gente che ci prova senza spendere troppi soldi : www.tomovie.it
          • nanoBastardo scrive:
            Re: La legge è giusta
            - Scritto da: piter
            scusate voi due, volevo chiedere... ok la musica
            etc, ma per i film come la mettiamo? uno produce
            un film, che costa quello che costa, ed è lecito
            vederselo senza versare un
            cent?
            Forse non hai letto tutti i miei post in questo forum io vado al cinema e pago il biglieto d'ingresso, semplicemente ci vado quando costa meno come il sabato pomeriggio nei cineplex, affitto i film in dvd, compro i film i dvd e la musica in cd... Se leggevi bene io non uso il p2p...
            senza contare che mentre la musica è fruibile
            tante volte, normalmente un film si guarda una
            volta soltanto, massimo
            due...Non sono d'accordo quel tipo di fruizione cinematografica sara' cosi' per te ma non per tutti. Per me ad esempio che il cinema mi piace e molto, un film, quando riesco me lo vedo al cinema, poi se mi e' piaciuto lo compro il dvd e me lo rivedo molte volte, ogni volta che lo desidero...
          • Tano scrive:
            Re: La legge è giusta
            - Scritto da: piter
            scusate voi due, volevo chiedere... ok la musica
            etc, ma per i film come la mettiamo? uno produce
            un film, che costa quello che costa, ed è lecito
            vederselo senza versare un
            cent?

            senza contare che mentre la musica è fruibile
            tante volte, normalmente un film si guarda una
            volta soltanto, massimo
            due...A me piace molto andare al cinema e vedere un buon film, ci vado spesso con moglie e figlio al seguito, diciamo 10 volte in un anno.Siccome a me piace anche tenere un po di videoteca in casa, anche se qualche dvd lo acquisto, non credo debba spendere 2 volte per vedere un film.Quelli che acquisto li condivido con altri e quelli che non acquisto, altri li condividono con me.Domanda:è rubare questo?Aprite la vostra mente e non fatevi fottere il cervello dalla legge business
          • emmeesse scrive:
            Re: La legge è giusta
            Purtroppo e' la legge sui prodotti licenziati con tutti i diritti riservati.Aggiriamo l'ostacolo. CC e GNU/linux e il FLOSS che volete. Esistono tanti altri modi di licenziare e remunerare l'opera.Certo si guadagna di meno. Ma c'e' piu' spazio per molte idee diverse.
          • emmeesse scrive:
            Re: La legge è giusta
            Sei pignolo ma hai ragione :-)
          • 0verture scrive:
            Re: La legge è giusta

            Chi fa le leggi lo fa anche spinto da importanti
            lobby...Importa qualcosa ? Sono sempre leggi e vanno rispettate
        • CCC scrive:
          Re: La legge è giusta
          - Scritto da: Get Real
          Chi fa le leggi e le fa applicare evidentemente
          la pensa in maniera diversa dalla tua. Sei libero
          di pensarla come vuoi, ma loro hanno ragione per
          il semplice fatto che le leggi le FANNo, tu hai
          torto perchè le leggi devi RISPETTARLE altrimenti
          sei
          PUNITO.
          Ora chi deve darsi all'ippica?quindi la legge per cui ai ladri si tagliano le mani (cina) è una legge giusta in quanto è legge?quindi la pena di morte per i dissidenti (cuba, cina, ecc.) è una legge giusta in quanto è legge?altro che ippica... ma non ti vergogni delle ca@@ate che dici?
      • Cameo scrive:
        Re: La legge è giusta
        "se tu hai una mela ad io ho una mela, quando io do a te la mia mela e tu a me la tua, alla fine rimaniamo con una mela ciascuno. Se tu hai unidea e io ho unidea e ce le scambiamo, alla fine abbiamo due idee ciascuno".CHANGE 'idea' 'canzone' ALL
    • XYZ scrive:
      Re: La legge è giusta
      - Scritto da: ruppolo
      Film, musica e software vanno comprati, non
      rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno...Film, musica e software vanno Condivisi, non Comprati, proprio perchè la "Condivisione" nasce e fà parte dell' essenza stessa del concetto di opera d'ingegno...Il concetto di diritto di autore applicato a musica, cinema e libri è un offesa alla natura stessa dell'opera, e la motivazione di quest'affermazione và cercata proprio nell'ultima parte della tua frase...Grazie, Ma Non Ci Sto.
      • krane scrive:
        Re: La legge è giusta
        - Scritto da: Leviathan
        Certo, sei un regista o un musicista, ti spaki il
        c**o per fare un film o un pezzo magnifico e
        poi??
        Certo uno può dire che i musicisti potrebbero
        accontentarsi dei concerti e dei diritti radio,
        ma nel caso dei film, perchè una persona normale
        dovrebbe andare a pagare per vedere un film al
        cinema, se sa che legalmente fra un mese lo può
        trovare online??E' esattamente quello che accade adesso eh...Eppure non mi sembra che i cinema stiano chiudendo.
    • Shiba scrive:
      Re: La legge è giusta
      - Scritto da: ruppolo
      Da quando in qua sarebbe moralmente lecito rubare?
      Ma siete fuori di testa?
      L'unico caso moralmente lecito, a mio avviso, è
      rubare il cibo per non morire di fame. Che è a
      anche la legge della natura, in vigore da prima
      che arrivassimo su questo simpatico
      pianeta...

      Film, musica e software vanno comprati, non
      rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno,
      non morirete di certo. NE FATE A MENO, avete
      capito?Ma brutta testa... vuota, se tu mi rubi una macchina, ti faccio sbattere dentro, non ti taglio gambe e braccia!
    • Fily84 scrive:
      Re: La legge è giusta
      Se al mondo non esistessero i soldi non ci sarebbero tutti 'sti problemi...
    • Tripla_A scrive:
      Re: La legge è giusta
      - Scritto da: ruppolo
      Da quando in qua sarebbe moralmente lecito rubare?
      Ma siete fuori di testa?
      L'unico caso moralmente lecito, a mio avviso, è
      rubare il cibo per non morire di fame. Che è a
      anche la legge della natura, in vigore da prima
      che arrivassimo su questo simpatico
      pianeta...

      Film, musica e software vanno comprati, non
      rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno,
      non morirete di certo. NE FATE A MENO, avete
      capito?Vero, hai ragione, in fin dei conti ascoltare la musica delle minor non serve ad un razzo...infatti personalmente non le ascolto dal l990 almeno e dato che non le colleziono in quanto sui miei HD, CD e amenità simili c'è posto solo per dati più interessanti sono anche estremamente inc@77@to di dover pagare il disequo compenso! :@ :@ @^ @^Mi consolo pensando che non avendo acquistato CD musicali, DVD et altro al costo medio di 22Euto cadauno il danno per mancata vendita da parte mia è notevole! :DPer quanto riguarda il software uso solo cose Open, GPL e CC docet!, e vivo bene comunque....So di essere una anomalia del sistema, ma vorrei ci fossero 2 miliardi di anomalie come me nel pianeta... :D
    • ilmassi scrive:
      Re: La legge è giusta
      piccolo uomo dipendete siae che vivi da parassita con i VOSTRI furti e tasse immorali e inutili su opere e supporti vergini, sappi che esiste internet e nel giro di 5 anni ti ritroverai con il culo per terra perchè i cd li comprerà solo carla bruni.
    • Homo Equilibrat us scrive:
      Re: La legge è giusta
      Ruppolo, nessuno mette in dubbio che la musifca e i film vadano adeguatamente compensati.Ma togliere la connessione a chi scarica sarebbe come confiscare le auto in divieto di sosta, togliere a vita la patente a chi paga il bollo un giorno in ritardo, vietare la televisione a chi non paga il canone RAI, proibire l'uso del telefono a chi bestemmia...O istituire la pena di morte per i reati gravi.La pena, oltre che certa deve essere equilibrata.E né i 1000 dollari a canzone comminati un USA, nè la disconnessione perenne predicata dai Francesi sono una contromisura equilibrata.- Scritto da: ruppolo
      Da quando in qua sarebbe moralmente lecito rubare?
      Ma siete fuori di testa?
      L'unico caso moralmente lecito, a mio avviso, è
      rubare il cibo per non morire di fame. Che è a
      anche la legge della natura, in vigore da prima
      che arrivassimo su questo simpatico
      pianeta...

      Film, musica e software vanno comprati, non
      rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno,
      non morirete di certo. NE FATE A MENO, avete
      capito?
      • abcdef scrive:
        Re: La legge è giusta
        - Scritto da: Homo Equilibrat us
        Ruppolo, nessuno mette in dubbio che la musifca e
        i film vadano adeguatamente
        compensati.
        Ma togliere la connessione a chi scarica sarebbe
        come confiscare le auto in divieto di sosta,
        togliere a vita la patente a chi paga il bollo un
        giorno in ritardo, vietare la televisione a chi
        non paga il canone RAI, proibire l'uso del
        telefono a chi
        bestemmia...
        O istituire la pena di morte per i reati gravi.

        La pena, oltre che certa deve essere equilibrata.
        E né i 1000 dollari a canzone comminati un USA,
        nè la disconnessione perenne predicata dai
        Francesi sono una contromisura
        equilibrata.
        Beeeeello!!!!Allora fanno bene i nostri gestori di telefonia che ci "tolgono la banda" a loro gusto e piacimento xchè ritengono che stiamo "facendo del P2P"?Tu non puoi protestare xchè non 6 in grado di dimostrare niente, scarichi alla velocità del bradipo così e resti connesso maggiormente a internet.
        - Scritto da: ruppolo

        Da quando in qua sarebbe moralmente lecito
        rubare?

        Ma siete fuori di testa?

        L'unico caso moralmente lecito, a mio avviso, è

        rubare il cibo per non morire di fame. Che è a

        anche la legge della natura, in vigore da prima

        che arrivassimo su questo simpatico

        pianeta...

        Certo "a tuo avviso". Rubare è sempre sbagliato.Se ti manca da mangiare lo chiedi.Ma rientra nello spirito giustizialista/ comunista/dipietrano:Ai poveri è concessa l'illegalità + totale.Ai ricchi non è consentito nulla xchè sono ricchi e con i soldi possono cmq fare tutto quello che vogliono.Chi ci rimette sono solo e sempre chi sta in mezzo.il difficile, poi è stabilire le soglie di ricchezza e povertà...

        Film, musica e software vanno comprati, non

        rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno,

        non morirete di certo. NE FATE A MENO, avete

        capito?Anche i cantanti sono ricchi in modo schifoso anche se non come i discografici: e sono in tanti ad esserlo...
    • alfonso baroni scrive:
      Re: La legge è giusta
      Il problema è che io non rubo a nessuno ma semplicementefaccio sentire ad un amico il cdrom che ho comprato.Ora se questo avviene nella realta' nessuno puo' obbiettarese inviti a casa tua degli amici e metti un film o un cdromnessuno ti puo' dire nulla. La stessa cosa avviene nel mondo virtuale. Il problema che internet ha azzerato lo spazio e i politici usano la foglia di fico per coprire il .... del MULO!!!!!!!!
    • Liberte scrive:
      Re: La legge è giusta
      Esiste anche il concetto di proporzionalità della pena, che funziona in due modi.Se uno ruba pochi soldi la pena deve essere piccola, se ne ruba tanti deve essere grande.Inoltre non te la puoi cavare con pochi mesi (sempre che li si facciano) se rubi 100 euro ad un tabaccaio ed essere scollegato a vita se ne rubi 100 ad una major o a una label. Questa proposta di legge francese prevede una pena sproporzionata sia al danno sia alle altre per reati confrontabili. E' chiaro che major e label hanno lobby migliori di quelle dei tabaccai, o anche dei semplici cittadini che vengono visitati di notte da dei ladri o borseggiati per strada. Se danno la sconnessione a chi scarica, per chi borseggia voglio almeno il taglio dei piedi e delle mani.
      • Leviathan scrive:
        Re: La legge è giusta
        Quello che dici è vero, la proporzionalità fra pena e reato è uno dei principi enunciati nel Dei Delitti e Delle Pene di Beccaria, ma volendo continuare a leggere quel libro c'è anche una parte in cui si dice che è necessario Togliere il privileggio acquisito dal reato, e impedire la reiterazione del reato stesso, con pene "educative" e "certe". Internet è un posto magnifico per fare un sacco di cose, noi adesso stiamo scambiando le nostre idee, ed è una cosa eccezzionale che nessun mezzo oltre internet fa, ma una cosa è agire nella legalità, un'altra e agire nella illegalità.Una canzone nasce come un opera intellettuale, e come tale è la mente che l'ha fatta a decidere per lei, prendiamo i Radiohead che hanno publicato il loro ultimo album online, gratuitamente o ad offerta libera, i coldplay che hanno permesso il download del loro ultimo singolo, e sono solo due casi, ne esistono molti altri.Se io faccio un software, pretendo che chi lo vuole usare debba pagarmi le ore perse a farlo, se non ci stanno c'è un universo di software open source altrettanto buono, ma se faccio una canzone "bella", li il discorso cambia, la musica indipendente e gratuita, o siti come downlovers, non sono più una alternativa valida, bisogna avere per forza quella canzone, e per forza gratis...Il problema è l'omologazione dei gusti musicali, c'è gente che ascolta canzoni solo perchè sono in classifica, non perchè siano un granchè.Ognuno con la propria "creatura artistica" fa quello che vuole, e se non voglio accettare le sue condizioni, non la "uso", stop.E poi da ora, ognuno sarà cosciente in Francia di quello in cui va in contro, io rubo/condivido file protetti da diritto d'autore, io vado contro la legge.Non ostiniamoci sempre e comunque a dire che non si rispettano più le leggi, quando alla prima che non ci piace, ci ribelliamo e la ignoriamo.Dal momento in cui quella legge sarà attiva, i francesi dovranno mettersi il cuore in pace, quella è la legge, e quelle sono le sue pene.
    • Testazza scrive:
      Re: La legge è giusta
      Questo e fuori di testa, si è alzato molto male
    • Wolf01 scrive:
      Re: La legge è giusta
      Rubare è sbagliato, ma anche penalizzare senza sicurezza di come siano realmente le cose lo è, per loro i dati devono essere statici, non devono passare attraverso le linee telefoniche, se voglio passarmi un qualsiasi cosa mi venga in mente, anche protetta da diritto d'autore, dal mio pc a casa al mio portatile mentre sono al bar in spiaggia e uso la connessione wifi disponibile (dopo essere stato schedato), per loro avrei semplicemente rubato, indipendentemente dal fatto che abbia usato P2P o qualsiasi altro metodo, e verrei colpito, perchè indagando risalirebbero all'ip del bar, l'ora in cui è stato usato e chi c'era in quel momento nel bar: io
      • ruppolo scrive:
        Re: La legge è giusta
        - Scritto da: Wolf01
        Rubare è sbagliato, ma anche penalizzare senza
        sicurezza di come siano realmente le cose lo è,
        per loro i dati devono essere statici, non devono
        passare attraverso le linee telefoniche, se
        voglio passarmi un qualsiasi cosa mi venga in
        mente, anche protetta da diritto d'autore, dal
        mio pc a casa al mio portatile mentre sono al bar
        in spiaggia e uso la connessione wifi disponibile
        (dopo essere stato schedato), per loro avrei
        semplicemente rubato, indipendentemente dal fatto
        che abbia usato P2P o qualsiasi altro metodo, e
        verrei colpito, perchè indagando risalirebbero
        all'ip del bar, l'ora in cui è stato usato e chi
        c'era in quel momento nel bar:
        ioQueste sono solo delle scuse.Il tuo materiale, se la licenza lo permette, lo puoi trasferire dove di pare e con il mezzo che ti pare e piace.Ad esempio i brani acquistati su iTunes Store possono essere trasferiti a piacere ovunque ti pare: c'è il DRM a garantire agli aventi diritto tutti i diritti. E tu, acquirente, sei tra gli aventi diritto. Cosa che con i brani rippati da un CD non puoi fare.
        • Wolf01 scrive:
          Re: La legge è giusta
          come sanno loro che quello è tuo materiale?spiegami come fanno a determinare efficacemente la differenza tra:1) prima lo hai scaricato legalmente comprandolo da itunes o altro e poi trasferito 2) lo stai scaricando in quel momento3) lo hai precedentemente scaricato dal p2p e lo stai trasferendonon vedo la differenza, forse solo dalle porte utilizzate, ma chi mi vieta di usare il p2p per trasferire file tra 2 pc, oppure scaricare direttamente tramite ftp o http?
          • ruppolo scrive:
            Re: La legge è giusta
            - Scritto da: Wolf01
            come sanno loro che quello è tuo materiale?
            spiegami come fanno a determinare efficacemente
            la differenza
            tra:
            1) prima lo hai scaricato legalmente comprandolo
            da itunes o altro e poi trasferito

            2) lo stai scaricando in quel momento
            3) lo hai precedentemente scaricato dal p2p e lo
            stai
            trasferendo

            non vedo la differenza, forse solo dalle porte
            utilizzate, ma chi mi vieta di usare il p2p per
            trasferire file tra 2 pc, oppure scaricare
            direttamente tramite ftp o
            http?Tutti sanno che è il tuo materiale perchè riporta il tuo nome e cognome. Inoltre tu sei in grado di produrre in qualsiasi luogo e qualsiasi momento le relative fatture. Parlo di iTunes Store.Puoi addirittura masterizzare illimitatamente i brani, e sono tutte copie legali. Questi sono i benefici del DRM, di cui quasi nessuno ha capito nulla.
          • Wolf01 scrive:
            Re: La legge è giusta
            Eh si proprio, ora che trovi lo scontrino del cd comprato 5 anni fa ti hanno già disconnessoNon posso provare che è mio neanche quello che ho addosso, figurati un file digitale
          • ruppolo scrive:
            Re: La legge è giusta
            - Scritto da: Wolf01
            Eh si proprio, ora che trovi lo scontrino del cd
            comprato 5 anni fa ti hanno già
            disconnesso
            Non posso provare che è mio neanche quello che ho
            addosso, figurati un file
            digitaleVedi che non sai?Anche dopo 5 anni entri nello store (da qualsiasi computer), inserisci il tuo username e password e visualizzi tutte le fatture, dalla prima all'ultima. Fatture, non scontrini, il che significa che trovi "nome e cognome" di tutto ciò che hai acquistato, quando e quanto lo hai pagato.Mentre il CD non puoi provare che è tuo manco 5 minuti dopo che l'hai comprato.
    • CCC scrive:
      Re: La legge è giusta
      - Scritto da: ruppolo
      Da quando in qua sarebbe moralmente lecito rubare?lo sfruttamento economico del diritto d'autore che genera rendite "eterne" e parassitarie a tutto vantaggio di pochi (pochi che che non sono MAI gli autori) sottraendo saperi, conoscenza, arte al pubblico beneficio lo sfruttamento dei brevetti che anch'esso genera rendite "eterne" e parassitarie del tutto ingiustificate a esclusivo vantaggio del profitto di multinazionali "criminali" (che per es. lasciano morire di malattie milioni di persone, bambini compresi, pur di non rinunciare alle rendite dei "loro" brevetti farmaceuticiecco cosa è rubarela scienza, la conoscenza, la cultura sono beni pubblici, beni di tutti (come l'aria, l'acqua, la terra, ...)
      Ma siete fuori di testa?tu e quelli come te sono fuori di testa e, peggio, chi sostiene queste infamie consapevolmente è quantomeno criminale
      L'unico caso moralmente lecito, a mio avviso, è
      rubare il cibo per non morire di fame. Che è a
      anche la legge della natura, in vigore da prima
      che arrivassimo su questo simpatico
      pianeta...ma per favore... questi non sono argomenti: solo meschine banalità
      Film, musica e software vanno comprati, non
      rubati. E se non avete i soldi ne fate a meno,
      non morirete di certo. NE FATE A MENO, avete
      capito?fammi una cortesia: FAI A MENO DI DIRE "CASTRONERIE"e fammene anche un'altra: VERGOGNATI!!!hai capito?
    • 0verture scrive:
      Re: La legge è giusta

      Da quando in qua sarebbe moralmente lecito rubare?Nel momento in cui, colui che affermo questo, sa benissimo quello che sta facendo e vuole continuare a farlo, parandosi dietro paroloni e discorsi che non gli appartengono.
    • Joe Tornado scrive:
      Re: La legge è giusta
      are iou from videoteche forum.itti ?
    • slash scrive:
      Re: La legge è giusta
      hai provato a farti una siringa di allucinogeno?secondo me ne hai bisogno!!!!
  • Liberte scrive:
    In altre parole
    E' come se a chi registra per tre volte un programma su VHS/DVD venisse impedito di guardare la televisione. Questo ci potrebbe anche stare, gli farebbe solo bene, ma è anche come se a chi prende tre multe venisse ritirata per sempre la patente. Questo ci sta già un po' di meno, ma ancora non rende quello che stanno facendo in Francia, perché l'accesso ad internet è una parte importante per informarsi, dire la propria opinione, accedere a servizi (home banking, comprare l'assicurazione della macchina, prenotazioni viaggi, etc).In altre parole, è come se in epoca pre-internet per tre furti di poche decine di euro (in fondo bastano tre DVD scaricati in divx) ti avessero detto: niente più telefono, niente più giornali, niente più automobile, niente più mezzi pubblici, per qualsiasi cosa ora devi andare a piedi e per le notizie hai la tv. Un po' sproporzionato, non trovate? Evidentemente le major e le label pagano fior di quattrini anche oltralpe.
  • pizza margherita scrive:
    in italia funzionerebbe?
    Proprio adesso che l'argomento del giorno è il decreto blocca processi, quanto tempo ci vorrebbe per giudicae una contestazione o (brividi) per riavere una linea ingiustamente disconnessa?
    • Green Lens scrive:
      Re: in italia funzionerebbe?
      Uccidi un paio di persone oppure lanci qualcosa a testa d'asfalto e ti da pure un lavoro.
    • 01234 scrive:
      Re: in italia funzionerebbe?
      già detto da altri eh? ma se non si può intercettare per reati con pena sotto 10 anni.... :-D
  • Ricky scrive:
    La "dottrina" del venduto
    Lo sappiamo come viene definito Sarkozy, il nano francese!Quindi ci si puo' solo aspettare che tiri dritto per la sua strada strabattendosene di tutto e tutti a meno che qualcuno non lo fermi.In Italia per rete4 il nostro GRANDE STATISTA ha fatto in modo che TUTTI NOI si paghi milioni di euro di multone solo per salvare una sua rete e quindi impedire che lasci un buco emittivo potenzialmente recuperabile da una emittente LIBERA che lo sputtani in tutta Italia, isole comprese.E i soldi dati ad Alitalia?EH?L'Europa ha detto che vanno restituiti con gli interessi perche' assolutamente non dovuti e lui che fa?Se NE FREGA!Quindi...certa gente non sente ragione, solo il BASTONE.
  • naruto scrive:
    risate
    Ma vi pensate un anno senza linea adsl? uauauauauama dai questa fa proprio ridere, si e poi magari bisogna anche continuare a pagare la bolletta se fossi io farei cosi ok tu mi hai tolto adsl allora io mi dismetto dall'operatore e me ne vado da un altro. Secondo voi le grandi aziende permetteranno una cosa del genere, al solo pensarci mi vien da ridere.
    • Get Real scrive:
      Re: risate
      Non funziona così, non crederai che la legge non provveda a coprire le spalle degli ISP che sono comunque un'importante risorsa economica.Tu perdi la connessione perchè da parte tua hai violato la legge, e non ti viene consentito di terminare il contratto se non alle condizioni degli ISP.Quanto a fare un altro abbonamento, il tuo nome viene iscritto in un registro: nessun altro di consente alcuna forma di abbonamento. Per te niente più internet, finito.
  • padre preoccupat o scrive:
    meglio il carcere
    l'unica punizione esemplare per i nostri figli e' il carcere, la perdita della connettivita' lascia il tempo che trova , e' come proibire di giocare a videogiochi violenti come GTA che sappiamo tutti essere in vetta alle classifiche di vendita.Chi ruba deve pagare o si finisce come il presidente del consiglio a bloccare 100.000 processi di stupratori e assassini per salvarsi dalla meritata galera
  • aghost scrive:
    grande schiavoni!
    non ho potuto trattenermi, luca schiavoni è troppo forte con le sue illustrazioni :))http://www.aghost.wordpress.com/
    • sabba scrive:
      Re: grande schiavoni!
      - Scritto da: aghost
      non ho potuto trattenermi, luca schiavoni è
      troppo forte con le sue illustrazioni
      :))quotone
  • TdQ scrive:
    Vote with your money
    e si cagheranno addosso in un attimociao
  • anonimo codardo scrive:
    Alla seconda lettera intesti al coniuge
    poi al figlio, poi alla nonna, poi ricominci ...
    • DarkDantesh scrive:
      Re: Alla seconda lettera intesti al coniuge
      peccato che questo giochino non funzioni per sempre...hai voglia ad avere così tanti parenti da non far mai ricominciare il giro!la cosa piò al massimo andar bene giusto per temporeggiare un po', ma neanche tanto...la cosa migliore da fare piuttosto è quella di contestare già fin dalla prima lettera di avviso.Avranno anche messo su tutto 'sto sistema di "warnings" etc. ma il diritto di contestarlo non mi pare l'abbiano negato, no? e vorrei vedere se osassero negare pure quello.e di motivi per una possibile contestazione ce ne sono a bizzeffe: dal semplice fatto che dietro ad un determinato IP non è detto che ci debba per forza essere l'intestatario, ma magari un suo parente, o anche un suo amico che era giusto venuto a trovarlo a casa sua quella sera e si era messo a scaricare; fino al fatto che essere identificati con il solo indirizzo IP vuol dire poco o niente, chiunque potrebbe aver preso il controllo del computer da remoto ed averlo usato per scaricare, senza che l'intestatario ne fosse a conoscenza, perchè magari non proprio esperto di informatica. e così via..capisco che la normativa punti semplicemente a colpire l'intestatario dell'abbonamento in quanto responsabile delle sue cose (e quindi anche della connessione a lui stesso intestata) indipendentemente dal fatto se veramente abbia commesso lui l'illecito oppure no. il tutto col chiaro intento di spaventare più gente possibile, e farla quindi desistere dallo scaricare.ma ciò comunque non toglie la possibilità di contestare in ogni caso.certo, mi rendo conto che contestare costa soldi e porta via tempo, ma mi sembra l'unica strada percorribile nel caso una tale legge dovesse divenire realtà.se in tanti cominciassero a contestare a raffica, magari accompagnando il tutto con una bella disdetta dell'abbonamento, voglio proprio vedere se non torneranno sui loro passi... 'sti pazzoidi.
    • Liberte scrive:
      Re: Alla seconda lettera intesti al coniuge
      Al figlio no, perché gli rovini la vita. Roba che se lo fai bannare da internet per sempre poi lui giustamente ti affoga nella Senna.
    • nanoBastardo scrive:
      Re: Alla seconda lettera intesti al coniuge
      - Scritto da: anonimo codardo
      poi al figlio, poi alla nonna, poi ricominci ...Premetto che:1)Non uso il p2p.2)Trovo eticamente estremamente scorretto scaricare senza averne licenza musica, film, software e quant'altro.3)Trovo obsoleto, superato ed oramai sempre piu' distorto a favore dell'interesse privato anziche' pubblico l'attuale comparto normativo riguardante sia i brevetti che i diritti d'autore.4)Di qualsiasi opera artistica o dell'ingegno preferisco sempre fruirne legalmente quella che non mi chiede il pagamento a fronte della fruizione, leggi open-source, creative commons, ecc... In ogni caso riconosco il diritto di artisti, programmatori e quant'altro ad avere un redditto e quindi a percepire denaro per il lavoro che fanno, quindi acquisto cd musicali, film in dvd, libri, software, naturalmente pochi secondo le mie possibilita' e preferendo quando possibile sempre le versioni "open" a quelle "closed".Ora dopo una cosi' lunga premessa vengo al punto. In Italia Telecom Italia si scandalizza poco su chi sia l'intestatario di una linea telefonica, mi spiego meglio quante linee sono intestate a morti? Si morti, ce ne sono e piu' di quelle che pensate, Telecom Italia e' interessata solamente al fatto che le fatture che invia risultino pagate, se poi l'intestatario di quella fattura pagata e' morto da tempo non puo' interessare minimamente. Per fare un esempio che capita spesso in Italia, pensate ad una signora anziana che rimane vedova ed aveva la linea telefonica intestata al marito, sovente la vedova continua ad utilizzare la linea ed a pagare regolarmente le fatture che arrivano ma difficilmente fa il subentro. Ora immaginiamo il nipote "scaricone" che decide d'installare un proprio server proprio a casa della nonna, proprio al fine di sfruttare una linea intestata ad un morto...Se invece si desidera essere un poco piu' sofisticati e chiaramente dedicato a chi abbia anche grndi quantita' di denaro da sprecare per aggirare tale norma, basta usare una societa' di capitale, meglio una srl, ed affidarne la rappresentanza legale ad un cittadino estero. Quando si viene disconnessi, se fonda una societa' nuova e cosi' via...Questa norma cosi' come la descrive PI mi pare di difficile applicazione...Saluti,
  • user 23948273 scrive:
    se aveste la morosa cantante...
    anche voi vi muovereste velocemente!HOP HOP HOP!!! scattareeeeeeeeeee
    • Name & Surname scrive:
      Re: se aveste la morosa cantante...
      - Scritto da: user 23948273
      anche voi vi muovereste velocemente!

      HOP HOP HOP!!! scattareeeeeeeeeeePer prima cosa è sua moglie....e poi definirla "cantante" ce ne vuole...
  • kappa scrive:
    Grande Fratello
    Controllo totale: il Grande Fratello è realtà. Si controllano le telefonate, si decide che cosa si deve leggere, ascoltare o vedere, che cosa acquistare e come pagare. Si filtrano le informazioni e si incarcerano i blogger. Il mondo sta prendendo una piega autoritaria per niente rassicurante. La gente, plasmata dai mass media, crede che tutto ciò sia giusto. E' uno scenario da paura. Chi si ribella viene perseguito eliminando la possibilità di utilizzare internet e di attingere alla libera informazione. I potenti temono la libertà.
    • Get Real scrive:
      Re: Grande Fratello
      - Scritto da: kappa
      I potenti temono la
      libertà.Nessuno teme ciò che può facilmente distruggere.
  • 0verture scrive:
    L'idea non sarebbe sbagliata ma...
    ...sarà sempre da vedere come sapranno riconoscere il pirata in mezzo alla massa, quali strumenti utilizzeranno per certificare con assoluta certezza chi dovrà essere disconnesso.
    • mak77 scrive:
      Re: L'idea non sarebbe sbagliata ma...
      - Scritto da: 0verture
      ...sarà sempre da vedere come sapranno
      riconoscere il pirata in mezzo alla massa, quali
      strumenti utilizzeranno per certificare con
      assoluta certezza chi dovrà essere
      disconnesso.facile, guardano se hai la benda sull'occhio (rotfl)
    • bubba scrive:
      Re: L'idea non sarebbe sbagliata ma...
      - Scritto da: 0verture
      l'idea non sarebbe sbagliata ma...sarà sempre da vedere come sapranno riconoscere il pirata in mezzo alla massa,quali
      strumenti utilizzeranno per certificare con
      assoluta certezza chi dovrà essere
      disconnesso.ma tu sei un eretico, Overture! come non e' sbagliata l'idea??? prima anche solo di titillarsi con un idea del genere, andrebbe riformato COMPLETAMENTE l'insieme di deliranti normative sul copyright e proprieta' intelletuale.
    • Liberte scrive:
      Re: L'idea non sarebbe sbagliata ma...
      L'idea non è sbagliata? Per 3 download illegali, che sono un risparmio di poche decine di euro (tre DVD comprati o peggio, affittati) ti sganciano per sempre da internet. Niente più email, niente più IM, niente più web, niente più caz... su Punto Informatico, niente più home banking. Completa pure tu la lista (occhio, è molto lunga). Tutto questo per pochi euro. La punizione giusta è una multa o al limite una condanna, in fondo se è un furto è giusto essere condannati. Però 1) Se è un furto di pochi euro deve essere trattato come gli altri furti di pochi euro ossia, in Italia, un passaggio dai carabinieri e poi a casa per attenuanti, indulto, etc.2) Non possono dirti che, ok non ti mettiamo in galera però in compenso non farai più niente di quello di cui sopra. No grazie, meglio un anno in prigione.
      • 0verture scrive:
        Re: L'idea non sarebbe sbagliata ma...
        Se loro disconnettono qualcuno dicendo che ha fatto download illegali che non sono tali fanno saltare tutto
  • pinco101 scrive:
    Le regole su internet giusto o sbagliato
    Nel 1600 non c'erano regole tra gli stati. Successivamente venne realizzato un codice commerciale che guarda caso era più rispettato di quello del re (diremo oggi costituzionale) e anche valeva fra stasti diversi ....perchè....c'erano degli interessi da tutelare... tuttora è possibile leggere nelle varie costituzioni come il fallito (commerc. parlando) sia trattato peggio di un criminale.LA STORIA SI RIPETEMettere le regole su internet? giusto sbagliato? Se le attivita economiche si spostano su INTERNET ci saranno sempre più regole e meno P2P, giusto o sbagliato che sia.
    • Get Real scrive:
      Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
      - Scritto da: emmeesse
      Incominciamo a ricordarci che questa e' casa
      NOSTRA, e che le regole le abbiamo inventate
      molto tempo prima del loro
      arrivo.
      No. Internet è un servizio commerciale, fornito da entità commerciali. Noi siamo solo utenti. Sarebbe come dire che la rete telefonica è nostra perchè la usiamo per parlarci.
      Incominciamo a ricordarci che la rete, le BBS,
      telnet e quindi internet lo abbiamo creato
      NOI
      I BBS forse, Internet no. E' l'evoluzione di un network ad uso militare, poi passato in mani civili. Non è mai stato "nostro". Mostrami il contratto se ancora credi il contrario.
      E che da noi non c'e' MAI stato un omicidio o una
      guerra.
      Bimbo innocente, ho capito...
      Ma se pensano che internet (e di conseguenza il
      web) debba piegarsi alle loro pretese per
      assecondare le loro onanistiche fantasie di
      "mancato guadagno" o peggio, per evitare che
      dissenso politico o culture alternative si
      formino e convivano, allora dobbiamo renderci
      conto che i nuovi arrivati sono da ricacciare a
      pedate nella
      realta'.
      Non hai il potere di farlo. Viceversa, loro hanno il potere di fare tutto quello che vogliono. Sei un pedalò contro un gruppo portaerei.
      E la realta' e' che dobbiamo riprendere in mano
      il controllo della
      situazione.
      Non l'avete mai avuto. C'era solo un vuoto di cui avete approfittato, e ora quel vuoto non c'è più.

      Che dite, la piantiamo con la pigrizia e
      spieghiamo ai nuovi arrivati come ci si comporta
      a casa
      nostra?Non è casa vostra, non lo è mai stato. Provateci pure, vedrete quanto dura e pesante sarà la vostra disfatta.Giusto o sbagliato che sia, il potere politico-economico è arrivato e imporrà la sua legge. Chi si opporrà verrà travolto.
      • nanoBastardo scrive:
        Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
        - Scritto da: Get Real
        - Scritto da: emmeesse
        ...
        Giusto o sbagliato che sia, il potere
        politico-economico è arrivato e imporrà la sua
        legge. Chi si opporrà verrà
        travolto."We are the Borg. Lower your shields and surrender your ships. We will add your biological and technological distinctiveness to our own. Your culture will adapt to service us. Resistance is futile."P.S.: Non ho espresso la mia opinione riguardo all'argomento ma non ho resistito, ho dovuto postare la citazione :D :D :D
      • casppuccett o rotto scrive:
        Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
        Eccone un altro che non ha ancora capito la differenza tra "Rete" , "Internet" e "Web".Caro Get Real, chiarisciti le idee prima di parlare come un politico italiano...
        • Get Real scrive:
          Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
          Differenza? Il WWW si appoggia su Internet, e l'accesso a Internet è fornito dai provider, che essendo aziende risiedenti sul territorio debbono sottostare alle leggi della nazione che li ospita. Pensi di poterti collegare senza passare per un ISP? Illuso.
          • Armisael Garrick scrive:
            Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
            una domanda: ma a te, a fare il profeta di sventura e di devastazione incombente prossima futura, viene qualcosa in tasca? Si nota nei tuoi post il voler fare come se fossi il Super Io del forum, pronto a bacchettare chiunque che la pensa in maniera speranzosa. Se ti diverte, sei veramente da compatire, posizioni riguardanti internet a prescindere.
      • 01234 scrive:
        Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
        vero - prima o poi vincono semprefacile profeta, dunque...
      • emmeesse scrive:
        Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
        http://www.intercom.publinet.it/2001/manifesto.htm
    • 01234 scrive:
      Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
      grande! hai ragione :-)sto in rete dai primissimi 90 (ah che tempi epperò pure che palle :-D ) e adesso mi sento pure io "ista" della rete (non riesco a dirlo, scusate)
    • krane scrive:
      Re: Le regole su internet giusto o sbagliato
      - Scritto da: emmeesse
      - Scritto da: pinco101
      Che dite, la piantiamo con la pigrizia e
      spieghiamo ai nuovi arrivati come ci si comporta
      a casa nostra?Io sono per criptare tutto, l'unico modo per far criptare tutto a tutti e' mettere a conoscenza del pesante spionaggio industriale a cui sono sottoposte le ditte europee dagli stati extraeuropei.
  • Jeremy Bentham scrive:
    Parere negativo del Consiglio di Stato
    Qui: http://www.pcinpact.com/actu/news/44208-conseil-etat-hadopi-albanel-avis.htmQui: http://www.pcinpact.com/actu/news/44216-hadopi-conseil-detat-riposte-graduee.htmQui: http://www.pcinpact.com/actu/news/44218-hadopi-engagements-accords-elysee-musique.htmE anche qui: http://www.pcinpact.com/actu/news/44208-conseil-etat-hadopi-albanel-avis.htmPer chi non ha troppa voglia di leggere il francese, il Consiglio di Stato ha detto che la legge va riscritta in almeno una mezza dozzina di punti. Il parlamento deve discuterne in una data da destinarsi. La combriccola di Sarkozy deve tenere anche in considerazione che l'Unione Europea ha detto alla Francia che quella legge va contro la Carta Internazionale dei Diritti dell'Uomo perche' parte dal presupposto che l'utente e' comunque colpevole e viene giudicato da un ente amministrativo e non da un tribunale. Il Consiglio di Stato ha anche giudicato fin troppo severe, se non addirittura draconiane, le misure punitive contro chi scarica senza permesso materiale protetto da copyright.Il progetto di legge difficilmente trovera' la sua strada con questi presupposti.
    • Jeremy Bentham scrive:
      Re: Parere negativo del Consiglio di Stato
      Dimenticavo: numerose critiche sono piovute anche sul metodo per l'individuazione dei pirati informatici. Si traccia l'indirizzo IP e si mandano le lettere di avviso. Alcuni studiosi universitari hanno dimostrato come sia possibile ingannare i sistemi di individuazione e far risultare che a scaricare qualcosa d'illegale sia stata addirittura una stampante collegata ad una rete universitaria.
    • Anonymous scrive:
      Re: Parere negativo del Consiglio di Stato


      Il progetto di legge difficilmente trovera' la
      sua strada con questi
      presupposti.L'europa ha detto di no.Noi ci becchiamo una valanga di multe. E loro? Voglio proprio vedere. Spero in una mega-multa. Così la prossima volta staranno più attenti a chi votano.
    • pippopluto scrive:
      Re: Parere negativo del Consiglio di Stato
      - Scritto da: Jeremy Bentham
      Qui:
      http://www.pcinpact.com/actu/news/44208-conseil-et
      Qui:
      http://www.pcinpact.com/actu/news/44216-hadopi-con
      Qui:
      http://www.pcinpact.com/actu/news/44218-hadopi-eng
      E anche qui:
      http://www.pcinpact.com/actu/news/44208-conseil-et

      Per chi non ha troppa voglia di leggere il
      francese, il Consiglio di Stato ha detto che la
      legge va riscritta in almeno una mezza dozzina di
      punti. Il parlamento deve discuterne in una data
      da destinarsi. La combriccola di Sarkozy deve
      tenere anche in considerazione che l'Unione
      Europea ha detto alla Francia che quella legge va
      contro la Carta Internazionale dei Diritti
      dell'Uomo perche' parte dal presupposto che
      l'utente e' comunque colpevole e viene giudicato
      da un ente amministrativo e non da un tribunale.
      Il Consiglio di Stato ha anche giudicato fin
      troppo severe, se non addirittura draconiane, le
      misure punitive contro chi scarica senza permesso
      materiale protetto da
      copyright.

      Il progetto di legge difficilmente trovera' la
      sua strada con questi
      presupposti.ecco, sei un cattivone, hai rovinato l'articolo apocalittico a PI... lolma quando la smetteranno di scrivere parole in liberta' con la pretesa di giustificare i loro facili allarmismi?
    • Corbelleria scrive:
      Re: Parere negativo del Consiglio di Stato
      Giusto per info: il consiglio non ha rilevanza se vota il parlamento.
    • Robin scrive:
      Re: Parere negativo del Consiglio di Stato

      Per chi non ha troppa voglia di leggere il
      francese, il Consiglio di Stato ha detto che la
      legge va riscritta in almeno una mezza dozzina di
      punti. Si ma il parere del Consiglio di stato vale zero se la legge passa eh! Occhiò!
  • Alessio scrive:
    Non fatevi illusioni...
    ...questa cosa si allargherà a macchia d'olio. Da noi c'è già gente che propone di proibire i siti porno provate ad immaginarvi se si perderanno l'occasione di copiare questa genialata dai francesi. Chi è oggi a palazzo Chigi ha più volte affermato di ispirarsi a Sarkozy.
    • Non Processate mi scrive:
      Re: Non fatevi illusioni...
      - Scritto da: Alessio
      ...questa cosa si allargherà a macchia d'olio.
      Da noi c'è già gente che propone di proibire i
      siti porno provate ad immaginarvi se si
      perderanno l'occasione di copiare questa
      genialata dai francesi. Chi è oggi a palazzo
      Chigi ha più volte affermato di ispirarsi a
      Sarkozy.Fascisti e amici di mafiosi, inconsapevolmente ovviamente.... (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • abcdef scrive:
        Re: Non fatevi illusioni...
        - Scritto da: Non Processate mi
        - Scritto da: Alessio

        ...questa cosa si allargherà a macchia d'olio.

        Da noi c'è già gente che propone di proibire i

        siti porno provate ad immaginarvi se si

        perderanno l'occasione di copiare questa

        genialata dai francesi. Chi è oggi a palazzo

        Chigi ha più volte affermato di ispirarsi a

        Sarkozy.

        Fascisti e amici di mafiosi, inconsapevolmente
        ovviamente....
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Non mi sembra che i comunisti Cinesi siano granchè meglio(vedi quello che hanno fatto e stanno facendo al Tibet...e il conseguente tentativo di censurare internet)
    • Sgabbio scrive:
      Re: Non fatevi illusioni...
      già l'unione europea ha già dato peste è corna. Poi sarebbe la morte degli ISP una cosa del genere.
      • Anonymous scrive:
        Re: Non fatevi illusioni...
        - Scritto da: Sgabbio
        già l'unione europea ha già dato peste è corna.
        Poi sarebbe la morte degli ISP una cosa del
        genere.Dissobedienza civile. Sarebbe bellissimo. Tutti che si mettono a scaricare e vengono segati. Gli ISP costretti a chiudere (perchè là dice che è vietato proprio esteso a tutti, non ad un ISP particolare).Ricordate una cosa: volete che vi ascoltino? Toccategli il portafoglio. Quando non arriveranno più soldi, potete star sicuri che faranno sparire la legge in pochi istanti.
      • trullo scrive:
        Re: Non fatevi illusioni...
        no perche' il cliente continuera' a pagare per qualcosa che in realta' non usera'.ti credevi mica che i provider si facessero levare i soldi di un abbonamento cosi senza protestare vero ? Quindi sono stati accontentati e ora se staccano la linea al tipo il tipo comunque paga il suo abbonamento fino alla scadenza del contratto originale e per un anno non potra' comunque andare da un altro provider
        • EffeElle scrive:
          Re: Non fatevi illusioni...
          - Scritto da: trullo
          no perche' il cliente continuera' a pagare per
          qualcosa che in realta' non
          usera'.

          ti credevi mica che i provider si facessero
          levare i soldi di un abbonamento cosi senza
          protestare vero ? Quindi sono stati accontentati
          e ora se staccano la linea al tipo il tipo
          comunque paga il suo abbonamento fino alla
          scadenza del contratto originale e per un anno
          non potra' comunque andare da un altro
          providerSi ma tempo 3-4 anni gli abbonamenti alle ADSL avrebbero un crollo terribile. Oggi almeno il 50% degli abbonamenti ADSL non avrebbero ragione di esistere se sparisse il P2P.
          • trullo scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            trovami un consiglio di amministrazione che fa progetti a 3-4 anni in un isp e potrei anche darti ragione.comunque se danno una bastonata devono dare anchuna carota quindi daranno tanti bei programmi da scaricare a pagamento alla gente che sara' felice e contenta di pagare per cio' che prima aveva gratis, tanto saranno prezzi bassi 3-4 euro... e con drm. dici che non lo fara' nessuno ? e quelli che si comprano le canzoni e i film da itune da dove sono usciti ?
        • Liberte scrive:
          Re: Non fatevi illusioni...
          Non hai capito: quel cliente è perso per tutti gli ISP. Non può andare da un altro, è staccato da Internet per sempre. Quindi che paghi fino a fine contratto è un ben misero compenso per l'azienda nel suo complesso, e pure per il suo ISP che si ritrova con tanti anni di accesso pagato in meno.L'unica cosa che chi è sganciato potrà fare è accedere ad internet dal posto di lavoro, a meno che non facciano una legge che impedisca alle aziende di dargli una connessione, di fatto mettendolo fuori dal mercato del lavoro.
          • Get Real scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            - Scritto da: Liberte
            Non hai capito: quel cliente è perso per tutti
            gli ISP. Non può andare da un altro, è staccato
            da Internet per sempre. Quindi che paghi fino a
            fine contratto è un ben misero compenso per
            l'azienda nel suo complesso, e pure per il suo
            ISP che si ritrova con tanti anni di accesso
            pagato in
            meno.
            E allora? Non crederai che staccheranno milioni di utenti di colpo. Cominceranno a colpirne pochi alla volta, per dimostrare a tutti gli altri che la legge c'è e sarà applicata.Gli altri si adegueranno. Vedi ancora gente che fuma nei locali pubblici?
            L'unica cosa che chi è sganciato potrà fare è
            accedere ad internet dal posto di lavoro, a meno
            che non facciano una legge che impedisca alle
            aziende di dargli una connessione, di fatto
            mettendolo fuori dal mercato del
            lavoro.Si può fare anche questo, ci sono condanne per certi reate che di fatto escludono chi ne è oggetto da molte tipologie di lavoro. Anche qui, una volta che vedranno qualcuno privato della connessione e costretto ai lavori più umili, capiranno che è meglio rigare dritto.Anche meglio per loro: colpire pochi, colpirli duro, farne degli esempi. La paura è una grande maestra.
          • VE LO DICO IO scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            Hai ragione la paura è grande maestra, peccato che, escludendo il nemico fantasma che non esiste (il terrorismo), nelle società moderne non ce n'è mai abbastanza...Sarebbe bella una società in cui il malvivente ha paura del carcere!!!Noi lo stiamo chiedendo a gran voce... uno stato autoritario... alla fine lo chiederemo noi... uno stato dittatoriale che ci governerà al di sopra di ogni parte... secondo voi perchè ora c'è tutta questa libertà anarchica? Perchè così è il popolo a chiedere uno stato autoritario... fra 10 anni l'europa sarà una grande nazione dittatoriale... non lo avete ancora capito??!!? Saremo proprio noi a chiederlo!!!SVEGLIATEVI!!
          • 01234 scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            libertà anarchica? :-D amico, la libertà c'è per chi se la può comprare...(non faccio nomi) o per chi c'ha tanta malizia/faccia di culo... certo se ci metti la furberia "pe' campa'" allora sì, nel dna civile l'italia 'sta cosa ce l'ha, e sarebbe meglio di no. Ma un duce non risolverebbe, ANZI...quanto a me, personalmente preferisco, se DEVO scegliere, tra jungla piuttosto che dittatura, anche fanno schifo entrambe
          • trullo scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            e passeranno dalla pirateria su internet alla pirateria in real life.
          • PICO scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            - Scritto da: Get Real
            - Scritto da: Liberte

            Non hai capito: quel cliente è perso per tutti

            gli ISP. Non può andare da un altro, è staccato

            da Internet per sempre. Quindi che paghi fino a

            fine contratto è un ben misero compenso per

            l'azienda nel suo complesso, e pure per il suo

            ISP che si ritrova con tanti anni di accesso

            pagato in

            meno.



            E allora? Non crederai che staccheranno milioni
            di utenti di colpo. Cominceranno a colpirne pochi
            alla volta, per dimostrare a tutti gli altri che
            la legge c'è e sarà
            applicata.
            Gli altri si adegueranno. Vedi ancora gente che
            fuma nei locali
            pubblici?


            L'unica cosa che chi è sganciato potrà fare è

            accedere ad internet dal posto di lavoro, a meno

            che non facciano una legge che impedisca alle

            aziende di dargli una connessione, di fatto

            mettendolo fuori dal mercato del

            lavoro.

            Si può fare anche questo, ci sono condanne per
            certi reate che di fatto escludono chi ne è
            oggetto da molte tipologie di lavoro. Anche qui,
            una volta che vedranno qualcuno privato della
            connessione e costretto ai lavori più umili,
            capiranno che è meglio rigare
            dritto.

            Anche meglio per loro: colpire pochi, colpirli
            duro, farne degli esempi. La paura è una grande
            maestra.E questo è il metodo Mao, altro che fascisti!Hahhahaha, i trollazzi sinistrosi del P2P bastonati a colpi di falce e martello!!!
          • trullo scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            e' staccato inizialmente "solo" per un anno.
      • Corbelleria scrive:
        Re: Non fatevi illusioni...
        - Scritto da: Sgabbio
        già l'unione europea ha già dato peste è corna.Stiamo attenti, ha solo votato un emendamento, aggirabile, per ora :(
        • Sgabbio scrive:
          Re: Non fatevi illusioni...
          vedremo quando la francia pagera le multe :D
          • no euro scrive:
            Re: Non fatevi illusioni...
            - Scritto da: Sgabbio
            vedremo quando la francia pagera le multe :DLe multe di chi? Dell'Olanda? O del Belgio? O della Svezia?Attenzione che il voto irlandese ha già sepolto (e definitivamente) quella cretinata del Parlamento Europeo, che alla fine si era ridotto ad essere il misero paravento dietro cui si sono rifugiati i sinistrosi sconfitti dalle elezioni.L'UE non resisterà alla vittoria dei conservatori in Gran Bretagna e sarà finalmente archiviata per quello che è stata: il rifugio di chi, sconfitto prima dalla storia e poi dal voto popolare, pensava così di rientrare dalla finestra dopo che erano stati cacciati a pedate nel culo dalla porta principale.
    • lucente scrive:
      Re: Non fatevi illusioni...
      ce una sottile differenza:che la gran parte dei siti porno son stranieri e quindi non ce una lobby che possa farsi sentire in italia... ti immagini la telecom che subisce passivamente una normativa del genere?? già stanno con un piede nella fossa, poi gli tocca pure disconnettere le adsl... come minimo ti fanno cadere il governo!! :D
      • Darshan scrive:
        Re: Non fatevi illusioni...
        Quindi una volta tanto devo tifare per la telecom
      • sh4d scrive:
        Re: Non fatevi illusioni...
        il problema non si porrebbe, basterebbe "oscurarli" con la stessa metodologia oggi in vigore per i siti di gioco on-line non approvati da AAMS. Estero o non estero il modo per mettercelo dove non batte il sole è facilmente attuabile.
        • bubba scrive:
          Re: Non fatevi illusioni...
          - Scritto da: sh4d
          il problema non si porrebbe, basterebbe
          "oscurarli" con la stessa metodologia oggi in
          vigore per i siti di gioco on-line non approvati
          da AAMS. Estero o non estero il modo per
          mettercelo dove non batte il sole è facilmente
          attuabile.facessero cosi saremmo tutti contenti. l'"oscuramento" siffatto si basa solo sulla risoluzione del DNS...dns italiani tra l'altro.
      • Fra Martino scrive:
        Re: Non fatevi illusioni...
        ma è tutta pornografia! (e non intendo certo quella dei maschioni o delle fighette prive di veli che si danno da fare)
    • James Kirk scrive:
      Re: Non fatevi illusioni...
      - Scritto da: Alessio
      ...questa cosa si allargherà a macchia d'olio.
      Da noi c'è già gente che propone di proibire i
      siti porno provate ad immaginarvi se si
      perderanno l'occasione di copiare questa
      genialata dai francesi. E' quello che temo anch'io: non dimentichiamoci che il Decreto Urbani proviene proprio da chi ora è al governo.
  • lucente scrive:
    ed ora...
    ..Francia fuori dall'Europa!!! "Per gli ISP è in fondo una liberazione: per anni si sono trovati tra l'incudine dell'industria e il martello dei consumatori. Ora è la normativa che stabilisce quello che possono o non possono fare, sono ufficialmente sollevati dalle responsabilità, basterà loro agire come verrà richiesto dalla nuova agenzia"ahahahhaah voglio proprio vedere cosa ne penseranno gli isp qualche mese dopo l'entrata in vigore di questa faziosa e sciagurata normativa! ma che ridicolata...
    • Get Real scrive:
      Re: ed ora...
      - Scritto da: lucente
      ahahahhaah voglio proprio vedere cosa ne
      penseranno gli isp qualche mese dopo l'entrata in
      vigore di questa faziosa e sciagurata normativa!
      Perchè immagino tu ti illuda che la gente rinuncerà ad un servizio ormai essenziale come internet perchè tu possa continuare a scaricare gratis.Sarai tu a uscirne scornato.
      • Liberte scrive:
        Re: ed ora...
        No, quello che accadrà è che dopo le prime sconnessioni a vita un bel po' di francesi smetterà di scaricare, ma a quel punto disdirà anche l'abbonamento broadband e tornerà su una ADSL lenta a costo inferiore. Gli ISP non saranno molto soddisfatti e qualcuno chiuderà o sarà comprato da altri.In Italia ad esempio Fastweb perderebbe (azzardo) metà dei clienti. Scommetto che almeno farà un bel po' di lobby contro una legge simile.
        • Homo Technicus scrive:
          Re: ed ora...

          In Italia ad esempio Fastweb perderebbe (azzardo)
          metà dei clienti. Scommetto che almeno farà un
          bel po' di lobby contro una legge
          simile.Se TUTTI i residenziali si staccassero da Fastweb, questa perderebbe circa il 20% del fatturato.Lascerebbero a casa un mezzo migliaio di dipendenti e il danno sarebbe piuttosto limitato.;-)
          • Liberte scrive:
            Re: ed ora...
            Azzardavo male. 500 dipendenti (ma diciamo 250 visto che non tutti i residenziali si staccheranno) però non sono un danno limitato. Conta anche i promotori che tempestano le portinerie con volantini. Anche loro dovrebbero cercarsi un'altra attività.
      • 01234 scrive:
        Re: ed ora...
        si vedrà - intanto liberiamo spazio sugli HD (sul prezzo dei quali abbiamo già pagato l'iniquo compenso) e riprendiamo a scaricare :P
    • trullo scrive:
      Re: ed ora...

      ahahahhaah voglio proprio vedere cosa ne
      penseranno gli isp qualche mese dopo l'entrata in
      vigore di questa faziosa e sciagurata normativa!


      ma che ridicolata...ne pensano bene da quando e' stato sancito che il tipo gli deve comunque pagare i soldi restanti dell'abbonamento e che non puo' collegarsi con un altro provider
    • VE LO DICO IO scrive:
      Re: ed ora...
      Sarebbe meglio che uscissimo noi italiani dall'europa, almeno potremmo fare leggi su misura per noi.... l'UE ad oggi è un bavaglio pe qualsiasi paese che ne fa parte... peccato che lo ignori...
    • krane scrive:
      Re: ed ora...
      - Scritto da: lucente
      ..Francia fuori dall'Europa!!!
      "Per gli ISP è in fondo una liberazione: per anni
      si sono trovati tra l'incudine dell'industria e
      il martello dei consumatori. Ora è la normativa
      che stabilisce quello che possono o non possono
      fare, sono ufficialmente sollevati dalle
      responsabilità, basterà loro agire come verrà
      richiesto dalla nuova agenzia"Bene, la domanda e' : a fronte di pacchetti criptati con criptazione forte come si devono comportare ?
  • AdessoBasta scrive:
    Per fortuna!
    Se la connettività internet fosse un servizio dato gratuitamente ai cittadini. Temerei molto questo provvedimento e la sua possibile diffusione anche in Italia.Per fortuna qui in Italia la connessione la paghiamo tutti, la paghiamo salata e la paghiamo a gente che ha già molta influenza sul governo. Ergo, se anche venisse in mente una legge del genere e i primi utenti venissero distaccati, basterebbe creare un effetto domino, disdicendo gli abbonamenti volontariamente, dichiarandosi apertamente utenti peer to peer e pure pirati. La legge rientrerebbe in meno di 30 giorni, ve lo dico io. Interesse, questo è, lobby che fanno pressione Monsieur le Président, altro che tanta morale e blah blah blah.
    • trullo scrive:
      Re: Per fortuna!
      perche' secondo te in francia la danno gratis ?tra l'altro, prevede la legge, che se il provider ti stacca la linea per quel motivo tu gli devi comunque pagare l'abbonamento per l'anno, quindi che gli frega, anzi tanto meglio paghi per qualcosa che non usi e non puoi comunque andare da un altro fornitore.
      • EffeElle scrive:
        Re: Per fortuna!
        - Scritto da: trullo
        perche' secondo te in francia la danno gratis ?
        tra l'altro, prevede la legge, che se il provider
        ti stacca la linea per quel motivo tu gli devi
        comunque pagare l'abbonamento per l'anno, quindi
        che gli frega, anzi tanto meglio paghi per
        qualcosa che non usi e non puoi comunque andare
        da un altro
        fornitore.Si ma a quel punto potrei anche decidere di non pagare più, scommetto che se si andasse in tribunale con una class action (visto che in francia si possono ancora fare a differenza dell'italia) si otterrebbe almeno di non dover pagare per un servizio non erogato. E a quel punto crollerebbe tutto il loro castello.
        • Get Real scrive:
          Re: Per fortuna!
          Perchè tu pensi che la legge non preveda protezioni per gli ISP che stanno solo rispettando la legge, povero illuso.
          • soulista scrive:
            Re: Per fortuna!
            - Scritto da: Get Real
            Perchè tu pensi che la legge non preveda
            protezioni per gli ISP che stanno solo
            rispettando la legge, povero
            illuso.Il bello di queste leggi é che vengono costruite in fretta e furia e con i paraocchi e spesso vanno, loro stesse, a violare altre leggi e diritti vigenti.
          • 01234 scrive:
            Re: Per fortuna!
            rieccoloooo :-D lo posso dire? mi mancava :-) ma certo certo che alla fine i ricchi vincono sempre, però intanto in F fino a gennaio daje sotto, e poi si vedrà :-Pquanto a noi, speriamo si riesca più a lungo possibile :-D
    • VE LO DICO IO scrive:
      Re: Per fortuna!
      Bello, qui siamo in italia e pensiamo al proprio orticello mica a quello comune!! Se al mio vicino gli staccano la linea perch scarica illegalmente materiale protetto, mica disdico la mia linea!! Che cacchio me ne fotte, problemi suoi... anzi dato che scarica illegalmente, gli dovrebbero sequestrare anche la casa!!Magari il nostro governo facesse una cosa del genere... almeno i furbetti la smetteranno di rubare...
  • Sarkosi non Tromba scrive:
    Fascisti
    Si vede che la bruni non lo soddisfa.
    • fred scrive:
      Re: Fascisti
      Questa e' cattiva, e forse ci hai pure azzeccato :D :D :D
      • poba scrive:
        Re: Fascisti
        Avete notato che le vite di Berlusconi, Putin, Sarkozym, Brown ecc... siano MOLTO simili?C'è anche una notevole vicinanza con la massoneria, che per berlusconi è palese, l'ha ammesso lui stesso e se ne fa vanto.
        • God bless America scrive:
          Re: Fascisti
          Non c'è nulla di male a far parte della massoneria. (e io non sono massone).
        • ilmassi scrive:
          Re: Fascisti
          se è per questo Prodi ha dichiarato di aver saputo in anticipo la via dove era nascosto Moro attraverso una seduta spiritica...fate un po' voi.
    • Claudio scrive:
      Re: Fascisti
      - Scritto da: Sarkosi non Tromba
      Si vede che la bruni non lo soddisfa.Se non lo soddisfa, probabilmente è comunista, e allora lei farebbe anche bene a mandrlo in bianco
    • rockroll scrive:
      Re: Fascisti
      - Scritto da: Sarkosi non Tromba
      Si vede che la bruni non lo soddisfa.Infatti ha una faccia da segaiolo "extreme"...
    • EffeElle scrive:
      Re: Fascisti
      - Scritto da: Sarkosi non Tromba
      Si vede che la bruni non lo soddisfa.Ma scherzi? Le è famosa e ne ha passati anche tanti, secondo me è più probabile che sia lui a non riuscire a soddisfarla a dovere. A me lei sembra una che domina, lui invece viene troppo bene nella parte del dominato, legato al letto con lei che gli cammina sulla schiena coi tacchi a spillo.
    • jj kkkkk scrive:
      Re: Fascisti
      NON CHIAVA IL NANO!
Chiudi i commenti