Wikipedia è un testo da studiare

Comparirà nei programmi scolastici australiani: gli studenti impareranno ad osservare le dinamiche partecipative e svilupperanno lo spirito critico utile a selezionare i contenuti dell'enciclopedia libera

Roma – Wikipedia sarà un libro di testo, l’enciclopedia libera farà la propria comparsa nel programma scolastico dei corsi tenuti presso le scuole medie del New South Wales, in Australia.

Ai ragazzi che frequenteranno il corso “Global Village” della specializzazione in Inglese sarà raccomandato lo studio di Wikipedia: dovranno fare proprie le dinamiche partecipative e collaborative sulle quali si regge l’enciclopedia libera, dovranno imparare a sviluppare lo spirito critico che consentirà loro di valutare l’autorevolezza degli articoli che prendono forma in rete.

La motivazione della scelta di annoverare Wikipedia nel programma scolastico, spiega Don Carter, responsabile delle linee guida governative per l’istruzione, risiede nel fatto che l’enciclopedia “rispecchia il funzionamento del Villaggio Globale, quella fluidità nell’aggiornamento e quel modo di evolvere così diverso rispetto agli altri siti web”.

Ma non tutti i docenti sono d’accordo: a fronte di chi considera Wikipedia un utile sussidio didattico , c’è chi ne condanna l’uso da parte degli studenti, spesso incapaci di individuare ciò che di buono l’enciclopedia libera può offrire loro. Ma gli educatori australiani non hanno dubbi: “La realtà è che le scuole e i sistemi scolastici dovranno avere a che fare con Internet, che lo vogliano o meno”. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Michele Selvaggio scrive:
    Domanda: Red Hat
    Ma questa distribuzione è gratuita ?Grazie in anticipo per un eventuale interessamento.
  • 0verture scrive:
    Obbligo alla ri-certificazione ?
    Perchè la cosa mi suona stranamente imparentata con il concetto di licenza, tanto caro a microsoft ?Mah...
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Obbligo alla ri-certificazione ?
      infatti Red Hat Entrerprise non è gratis.
    • UKBoy scrive:
      Re: Obbligo alla ri-certificazione ?
      - Scritto da: 0verture
      Perchè la cosa mi suona stranamente imparentata
      con il concetto di licenza, tanto caro a
      microsoft
      ?
      Mah...Perchè non sai cos'è un'applicazione certificata suppongo.Se sviluppi un tuo software, e vuoi che venga certificato da red hat per ottenere il supporto ufficiale, quando avviene un major change di versione, la fai ricertificare per verificare che l'aggiornamento non abbia introdotto problemi di compatibilità dovuti a errori di coding da parte tua.Ma questo ovviamente si riferisce ad applicazioni business e/o mission critical, non certo a gimp e kwrite, anche perchè rhel non è orientata all'utente finale, ma ai server.
    • filippo colombo scrive:
      Re: Obbligo alla ri-certificazione ?
      Secondo me la certificazione è una cosa normale nel mondo enterprise.Vuol dire che Red Hat certifica che il software funziona al meglio, e da il supporto nel caso non funzioni.Un azienda non puo risolvere i problemi cercando nei forum, deve avere un'azienda dietro.
Chiudi i commenti