Windows Phone, Mango aspettando Tango

Il primo, sostanzioso upgrade per il sistema operativo mobile di Redmond si avvicina e Microsoft dà agli sviluppatori la possibilità di saggiarne una preview in stato di beta. E già emergono i primi particolari dei futuri aggiornamenti

Roma – Windows Phone “Mango” è quasi pronto , ma prima che il mercato e gli utenti finali possano metterci le mani sopra saranno gli sviluppatori di app – tramite un apposito programma di seeding – a saggiare le funzionalità del primo aggiornamento della piattaforma mobile di Microsoft.

I primi inviti a testare l’attuale build di WP7 “Mango” sono già partiti, e nel corso delle prossime due settimane il testing del codice verrà aperto a tutti gli sviluppatori senza distinzioni di sorta. “Questa build di Mango dovrebbe essere considerata come beta”, avverte Microsoft, “quindi ci sono funzionalità consumer ancora mancanti”.

Nondimeno gli sviluppatori di mezzo mondo – i paesi coinvolti nei primi test comprendono tra gli atri Australia, Brasile, Francia, Germania, Regno Unito, USA, Spagna, Svezia, USA e Italia – potranno toccare con mano quello che Mango ha da offrire e tarare la compatibilità con le app sviluppate o in via di sviluppo, potendo tra l’altro contare sulla possibilità di usare anche smatphone commerciali piuttosto che essere obbligati a installare l’upgrade su dispositivi specifici per sviluppatori.

Windows Phone Mango è quasi pronto per il debutto commerciale, e già si intravedono i primi dettagli della futura evoluzione dell’OS mobile: dopo Mango dovrebbe esserci un nuovo aggiornamento col nome in codice di “Tango”, a seguire ancora ci sarà Windows Phone 8 noto come “Apollo”.

Apollo dovrebbe uscire entro la fine del 2012, e per quel tempo gli analisti stimano ottimisticamente che Windows Phone avrà raggiunto un market share di ben 17 punti percentuali dietro Android (40%) e iOS (19%).

Alfonso Maruccia


Get Microsoft Silverlight

<a style='text-align: center; color: #7db0d2; text-decoration: none; font-size: 80%; font-family: "Segoe UI", Segoe, Tahoma, Verdana, sans-serif;'
href=’mms://msnvidweb.wmod.msecnd.net/a10026/e1/ds/fa832beb-f0d2-4d8a-b982-f7a043f276fd.wmv'” > Visualizza il video come WMV

DCSIMG

document.write(” “);

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo codardo scrive:
    300 Androidi al minuti
    Secondo gli ultimi dati vengono attività più di 300 Android al minuto ( 500k al giorno). Fossi nella dirigenza di RIM un po' di preoccupazione l'avrei.Da consumatore sono preoccupato perché non vedo bene un duo polio Google/Apple.
    • Italiano ucciso scrive:
      Re: 300 Androidi al minuti
      Ripassati l'italiano
    • il solito bene informato scrive:
      Re: 300 Androidi al minuti
      - Scritto da: Anonimo codardo
      Secondo gli ultimi dati vengono attività più di
      300 Android al minuto ( 500k al giorno). Fossi
      nella dirigenza di RIM un po' di preoccupazione
      l'avrei.

      Da consumatore sono preoccupato perché non vedo
      bene un duo polio
      Google/Apple.Dire 300 Android venduti al minuto significa diversi tipi di dispositivi, dal modello da 99 euri a quello da 600 e diverse marche, da Samsung a Sonyericsson, passando per HTC, LG e Motorola...
  • ovvero scrive:
    il punto debole
    il punto debole di bberry e' il sistema opertivo. Dovevano fare l'accordo con Microsoft come lo ha fatto Nokia, per il resto esiste un appmarket di Rim, un loro sdk ed e' la piattaforma piu' importante che ancora support java quindi non c'entra niente il mancato appoggio agli smanettoni indiani e cinesi, che la qualita' purtroppo dipende dalla nazionalita'...
    • MacGeek scrive:
      Re: il punto debole
      Ne hanno comprato uno eccellente, forse il migliore a livello kernel (QNX), ma un po' tardi. E stanno pasticciano lato userland: vogliono strafare permettendo lo sviluppo di applicazioni in troppi modi diversi (soprattutto si castrano spingendo Flash) e non con delle API native coerenti e ottimizzate.
    • dionigi scrive:
      Re: il punto debole
      in tutta onesta non ho capito nulla
Chiudi i commenti