Windows XP è stato ritirato dagli scaffali

Tutto come previsto: Microsoft tenta di dare uno scossone a Vista nonostante il piagnisteo globale. Chi vuole XP può comprare Vista Business o Ultimate. Supporto extended fino al 2014. Da oggi XP solo per i leggerissimi - La videosatira

Roma – Accedere al sito di Microsoft in queste ore significa essere accolti da uno splash screen su Silverlight , prodotto di punta dell’azienda. Più difficile trovare info su Windows XP, ci vogliono un paio di clic in più . Arrivando sul sito italiano di XP un’intera sezione è dedicata a Il futuro di Windows XP . Non è un caso: da oggi XP non è più in vendita come prodotto stand-alone . Nonostante le innumerevoli richieste , petizioni e quant’altro, Microsoft ha deciso che il suo sistema operativo più apprezzato fino ad oggi debba uscire di scena, per lasciare posto a Windows Vista e al Windows 7 che verrà.

“L’anno scorso – scrive oggi Microsoft – ci avete detto che non eravate ancora pronti a dare l’addio a Windows XP. Vi abbiamo dato ascolto. Ecco perché abbiamo posticipato la decisione di terminarne la vendita al 30 Giugno 2008. Apprezziamo molto il vostro attaccamento a Windows XP. Lo abbiamo visto sul nostro sito Web, nei messaggi di posta elettronica e attraverso petizioni online indipendenti. I nostri tecnici lavorano duramente per produrre software innovativi, in grado di migliorare le possibilità operative dei nostri clienti. È bello sapere da voi di essere stati determinanti”.

“Ma – aggiunge l’azienda – la nostra spinta verso l’innovazione a volte comporta scelte difficili. Questa è una di quelle.
Dopo aver consultato attentamente i nostri clienti e i partner di settore, abbiamo deciso di procedere con il nostro programma per il superamento graduale di Windows XP a giugno”. Da oggi, Windows XP non viene più fornito ai grandi produttori di PC come Dell, HP o Lenovo. Le copie di Windows, così come i PC con sopra XP, saranno ancora in circolazione solo laddove vi siano scorte di magazzino. Presso gli assemblatori, invece, PC con XP saranno in vendita fino a gennaio 2009 .

Diverso il destino per gli ultraleggeri: come noto la versione “Home” di XP per questi dispositivi portatili sarà commercializzata fino a giugno 2010.

Per poter attivare comunque Windows XP sul proprio PC nuovo, è necessario che quest’ultimo sia dotato di Windows Vista Business o Windows Vista Ultimate: solo con queste due versioni di Windows Vista è possibile effettuare il downgrade , un modo per spingere le vendite di Vista contando sull’eventuale necessità di continuare a comprare XP.

Ad ogni modo – avverte Microsoft – per XP “sarà un lungo addio”. Come noto, sebbene XP oggi ceda definitivamente il posto a Vista sugli scaffali, il supporto extended per XP da parte del big di Redmond si protrarrà fino al 2014 .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luxgraph scrive:
    protezione del diritto
    secondo me si risolvera' tutto quando si capira che internet ha cambiato la sostanza della propieta' intellettuale , la soluzione potra' essere nella gestione da parte dei singoli stati di fondi da destinare alla propieta' intellettuale eliminando di fatto i limiti attuali.
  • Wolf01 scrive:
    Sinceramente...
    ...non ci ho capito niente... che è sto materiale ottenuto illecitamente? un videogame o un cd di musica rubato al supermercato del quale è stata fatta una copia di "backup"?oppure sono porno amatoriali? da quando è vietato farsi una copia di un dvd porno amatoriale?Non riesco a capire cos'è sto illecito...
    • Marcello scrive:
      Re: Sinceramente...
      Banalmente.Se scarichi un mp3 e lo passi a 100 amici, non è certo una copia ad uso privato.. :)Un modo per dire forse "non crediate che scaricare mp3 dal internet sia considata una copia ad uso privato"?Magari è un modo per dire che se compro un cd e lo voglio passare ad un amico per farglielo ascoltare, posso fargliene una copia.Certo questo crea una serie di fraintendimenti infiniti, è ovvio, ma non saprei come interpretare altrimenti la situazione
      • Wolf01 scrive:
        Re: Sinceramente...
        Tratto dal testo dell'articolo: "quando si opera una copia di materiale ottenuto illecitamente, la copia privata non è consentita ed ogni copia è anzi ulteriore distribuzione illegale"Bhe certo che se scarico un album mp3, che faccia o no la copia di backup non ci piove che sia illegale...Probabilmente il caso si pone se io presto un mio cd ad un amico e lui si fa la copia, lui l'ha ottenuto illecitamente perchè io non posso prestarglielo per legge, e per di più si è fatto una copia, se l'avessi fatta io per me non ci sarebbe stato problema (ma anche si, visto che non si può fare copia di niente senza infrangere la protezione drm)(Ma l'antispam viene attivato alle 17.00? Stavo scrivendo alle 16.40 e non c'era poi mi sono messo a fare altro mentre pensavo a che scrivere, invio adesso e me lo chiede ma non ho il box :D )
    • rockroll scrive:
      Re: Sinceramente...
      - Scritto da: Wolf01
      ...non ci ho capito niente... che è sto materiale
      ottenuto illecitamente? un videogame o un cd di
      musica rubato al supermercato del quale è stata
      fatta una copia di
      "backup"?
      oppure sono porno amatoriali? da quando è vietato
      farsi una copia di un dvd porno
      amatoriale?

      Non riesco a capire cos'è sto illecito...Eppure è semplicissimo, pur nella parzialità della legge a favore della nostra controparte sanguisugatrice: qualunque prodotto o contenuto coperto dagli assurdi "diritti" a sanguisugare, può essere bene detenuto (e non cedibile) solo se si è pagato il "pizzo" imposto dalle sanguisugatrici suddette. Ma fortunatamente resta sacrosanto il diritto del sanguisugato di farsi una o più copie "ad uso strettamente personal/familiare", a patto che tali copie non eludano l'eventuale sistema di protezione, per ridicolo che sia (ossia lo conservino, ovvero siano copie identiche all'originale) e detto tra noi la tecnica per realizzarle esiste inevitabilmente sempre e comunque. Ovviamente questo esclude la possibilità di conversioni in formati adatti ad apparecchiature diverse da quelle ammesse dal sanguisugatore, e questa è chiaramente una diaposizione vessatoria, ma purtroppo legale. Dura lex atque iniqua, sed (sanguisugarum) lex.
Chiudi i commenti