Wine 1.2 supporta 64bit

La nuova versione è ora in grado di far girare sotto Linux anche le applicazioni Windows a 64 bit. Migliorate molte altre caratteristiche di uno dei software più noti distribuiti con licenza GPL

Roma – Due anni dopo il rilascio della versione 1.0 , il celebre software open source Wine ha raggiunto la release 1.2, la prima ad introdurre ufficialmente il supporto alle applicazioni Windows a 64 bit.

Wine è un’implementazione aperta delle API di Windows, che consente di far girare le applicazioni scritte per la piattaforma Microsoft su Linux e altre varianti di Unix. Il suo codice è pubblicato sotto la licenza GPL.

Secondo Alexandre Julliard, project leader, la nuova versione di Wine apporta a quella precedente circa 23mila modifiche e risolve oltre 3mila bug. Ma ciò che più interesserà gli utenti finali è che Wine 1.2 permette finalmente di far girare su Linux le applicazioni Windows a 64 bit: per farlo occorre ovviamente una CPU che integri le istruzioni x86-64.

La nuova versione di Wine migliora poi il supporto alle librerie grafiche Direct3D, ai cursori animati, alle finestre di dialogo di stampa, alle gestione delle applicazioni, al subpixel font rendering ecc. Per l’elenco integrale delle novità e migliorie si rimanda alle note di rilascio .

Wine 1.2 può essere scaricato dai link forniti in questa pagina , mentre la relativa documentazione è disponibile qui .

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Wolf01 scrive:
    UltraViolet
    bhe intanto è già il titolo di un film, quindi è dovrebbero iniziare prima loro a pagare i diritti ai legittimi detentori (ma lol, un prodotto per proteggere i diritti che deve pagare i diritti per esistere)
    • krane scrive:
      Re: UltraViolet
      - Scritto da: Wolf01
      bhe intanto è già il titolo di un film, quindi è
      dovrebbero iniziare prima loro a pagare i diritti
      ai legittimi detentori (ma lol, un prodotto per
      proteggere i diritti che deve pagare i diritti
      per esistere)Bhe, cosi' da' il buon esempio (rotfl)
    • MeX scrive:
      Re: UltraViolet
      guarda che posso fare un'azienda che si chiama Apple e vende succhi di frutta
  • MeX scrive:
    Maruccia delirante...
    Apple implementa il DRM perché é l'unico modo per avere i contenuti!La dimostrazione PALESE é il FATTO che abbiano tolto il DRM dalla musica.Il "legame" tra iPod / iPad non é certo il DRM, quanto la sincronizzazione con iTunes.Apple stessa puó giovare di un formato DRM comune, in quanto l'iPad e l'iPHone potrá essere usato con materiale proveniente da qualsiasi fonte (ne é dimostrazione pure l'approvazione di Kindle app per gli ebook sull'iPad e l'iPhone)Alla Disney, interessa vendere su piú piattaforme possibili e non mi sembra che i film Disney siano disponibili solo su iTunesQuindi Maruccia, per fare il fanboy contro hai inciuccato comlpetamente la tua analisi.VOTO: 4
    • angros scrive:
      Re: Maruccia delirante...
      - Scritto da: MeX
      Apple implementa il DRM perché é l'unico modo per
      avere i
      contenuti!Quindi, sono contrari al DRM, ma avrebbero subìto una sorta di "ricatto" dalle majors?
      • MeX scrive:
        Re: Maruccia delirante...
        si non é questione di "ricatto" é questione che le major non si fidano a lasciarti il loro "prezioso" contenuto in un formato cosí facilmente duplicabile e condivisibileQuando feci il portale di download musicale per la casa discografica per cui lavoravo abbiamo prima acquisito tutte le altre etichette proponendo il DRM, e poi dopo 6 mesi siamo passati all'MP3 ma non avremmo convinto nessuno a rilasciarci il suo catalogo DRM free
        • angros scrive:
          Re: Maruccia delirante...
          Quindi, fondamentalmente stai dicendo che le majors sono un branco di dementi, a cui bisogna raccontare la favoletta del drm per farli contenti.Non credevo che nemmeno le majors potessero essere gestite da gente così stupida...
          • MeX scrive:
            Re: Maruccia delirante...
            - Scritto da: angros
            Quindi, fondamentalmente stai dicendo che le
            majors sono un branco di dementi, a cui bisogna
            raccontare la favoletta del drm per farli
            contenti.esattamente
            Non credevo che nemmeno le majors potessero
            essere gestite da gente così
            stupidanon é gente stupida semplicemente ignorante in ambito telematico, ognuno ha il suo campo di "specializzazione"Anche se in effetti non ci vuole molto a capire che farmi pagare un contenuto e penalizzarmi rispetto a quello che il contenuto lo ha scaricato gratis non é una gran mossa di marketing :D
  • Cico scrive:
    Mi sa che non ho capito...
    "Stando ai piani di Hollywood e dell'industria informatica che supporta l'iniziativa, DECE/UltraViolet permetterà la proliferazione di contenuti digitali protetti garantendo nel contempo tutti i diritti di fruizione che un utente potrebbe voler mettere in pratica: i DRM "plug and play" blinderanno i contenuti che nondimeno potranno essere spostati da PC a smartphone, da download digitali a copie su DVD masterizzati e via dicendo."Ma che razza di DRM è se ti permette comunque di copiare i contenuti?
    • angros scrive:
      Re: Mi sa che non ho capito...
      Questo:http://it.wikipedia.org/wiki/Vaporware(fortunatamente)
    • ruppolo scrive:
      Re: Mi sa che non ho capito...
      - Scritto da: Cico
      "Stando ai piani di Hollywood e dell'industria
      informatica che supporta l'iniziativa,
      DECE/UltraViolet permetterà la proliferazione di
      contenuti digitali protetti garantendo nel
      contempo tutti i diritti di fruizione che un
      utente potrebbe voler mettere in pratica: i DRM
      "plug and play" blinderanno i contenuti che
      nondimeno potranno essere spostati da PC a
      smartphone, da download digitali a copie su DVD
      masterizzati e via
      dicendo."

      Ma che razza di DRM è se ti permette comunque di
      copiare i
      contenuti?Il DRM non è un anti copia, ma un gestore dei diritti digitali.
      • angros scrive:
        Re: Mi sa che non ho capito...

        Il DRM non è un anti copia, ma un gestore dei
        diritti
        digitali.Ma, di fatto, quali diritti gestisce?I diritti sono più di uno (di copia, di realizzazione di opere derivate, di utilizzo commerciale... per citare quelli contemplati dalle licenze più comuni); il drm si occupa solo del diritto di copia, e solo tentando di limitarlo.Un vero gestore dei diritti digitali dovrebbe, ad esempio, se io scarico una immagine ed intendo usarla in una mia presentazione, o una musica ed intendo usarla come colonna sonora per un mio filmato, avvisarmi di situazioni tipo "il file che vuoi usare si può usare solo in opere derivate non commerciali, e devi indicarne l'autore": sulla base di questo, dovrebbe indicarmi poi i tipi di licenza che posso e non posso usare per il mio lavoro, e stilarmi l'elenco dei collaboratori che devo obbligatoriamente citare.Al momento, non mi risulta che esista un software di questo tipo.Per questo dico: i sistemi DRM gestiscono solo il diritto di copia, quindi di fatto sono meccanismi anti-copia.
  • asvero.panc iatici scrive:
    Male che vada...
    uscita analogica della scheda audio nell'entrata di un preamplificatore.La qualità ne perde? perché, che qualità avete con qugli impianti di XXXXX che usiamo tutti quanti? l'HiFi è morto.I film me li vedo al cine.
    • Alessio scrive:
      Re: Male che vada...
      USA, MPAA tura il buco analogicoL'industria cinematografica statunitense ottiene un'importante concessione da parte delle autorità di controllo federali: connessioni analogiche bloccate in cambio di prime visioni in contemporanea con i cinemaShare70emailRoma - C'è voluto qualche anno ma alla fine la lobby del cinema a stelle e strisce ha ottenuto quello che voleva, vale a dire la consacrazione di un controllo "ex-machina" sui dispositivi digitali per stabilire, a priori e nell'esclusivo interesse dei produttori, chi può vedere cosa dove e quando. In cambio, Hollywood promette uscite in contemporanea nei cinema e sullo schermo domestico. Promesse vane in cambio di una concessione enorme e pericolosa, sottolineano invece i critici.A parole la Federal Communications Commission (FCC) ancora impone il divieto tassativo di utilizzare la tecnologia di Selectable Output Control (SOC), un sistema di blocco selettivo di certe porte di output presenti nei dispositivi multimediali e TV-set. In pratica la commissione federale ha stabilito di che i membri di MPAA possono, a loro totale piacimento, cominciare ad adoperare una forma di DRM già da tempo "dormiente" all'interno dell'elettronica di consumo domestica.La concessione di utilizzo di SOC viene giustificata - dalla FCC come da esponenti dell'industria - con la possibilità di fornire ai consumatori salottieri primizie cinematografiche in contemporanea con l'uscita nelle sale, con un aumento dell'offerta reso possibile dal fatto che le major potranno d'ora in poi "istruire", attraverso il broadcasting dei contenuti, la filiera dei dispositivi connessi al televisore (media center o PVR che siano) in merito al blocco delle connessioni analogiche (component, composito e altre).L'impossibilità di usare le connessioni analogiche più capaci come il component (in grado di visualizzare un output pari alla risoluzione digitale "HD Ready" a 1080i) metterà il freno alla pirateria, o perlomeno è quello che spera l'industria alla costante ricerca di nuovi modelli di business capaci di far respirare l'home video e far moltiplicare i profitti dell'intero settore cinematografico.Per nulla entusiasti della concessione di FCC sono al contrario i gruppi a difesa dei diritti digitali, i quali evidenziano (in un modo o nell'altro) le tante criticità dell'iniziativa e usano tinte forti per descrivere l'ecXXXXX di zelo dei funzionari federali nel fare gli interessi dell'industria multimediale. "Non siamo sicuri che ci sia stata una precedente occasione in cui la FCC abbia conXXXXX a entità private il diritto di disabilitare i prodotti dei consumatori nelle loro case", commenta la Consumer Electronics Association. "Il fatto che gli studios cinematografici vogliano creare un nuovo modello di business - continua la dichiarazione di CES - non significa che prodotti perfettamente funzionanti debbano essere disabilitati per il loro comodo".Public Knowledge ci va giù ancora più duro, sostenendo come la FCC abbia praticamente "ceduto alle richieste delle grandi società multimediali in favore dei loro interessi particolari". Cory Doctorow spiega poi su BoingBoing perché la decisione di FCC rappresenta un fatto "ridicolo", che non bloccherà nemmeno per un istante la tanto temuta "pirateria ad alta definizione" (vista anche l'esistenza di dispositivi specifici utili allo scopo) ma in compenso metterà il futuro dell'home video, dei PC e dell'elettronica di consumo direttamente nelle mani di un management poco propenso al cambiamento e al progresso e molto interessato al mantenimento dello status quo.Alfonso Maruccia http://punto-informatico.it/2880436/PI/News/usa-mpaa-tura-buco-analogico.aspx
    • Osvy scrive:
      Re: Male che vada...
      - Scritto da: asvero.panc iatici
      l'HiFi è morto.Per fortuna no... Ampli NAD con casse Chario Constellation... ;-)un buon CD tipo 4 Stagioni di Trevor Pinnock, o le Cantate di Bach,o De' André con la PFM ecc. ecc. Ovviamente serve un divano, non puoi portartelo a passeggio :-). saluti
    • poiuy scrive:
      Re: Male che vada...

      La qualità ne perde? perché, che qualità avete con qugli impianti di XXXXX che usiamo tutti quanti?Guardate che le cuffie esistono!
  • non so scrive:
    UltraFregatura
    I membri:Adobe, Alcatel-Lucent, Ascent Media, Best Buy, Blueprint, BT, CableLabs, Catch Media, CinemaNow, Cineplex Entertainment, Cisco, Comcast, Cox Communications, CSG Systems, Deluxe, DivX, Dolby, DTS, ExtendMedia, Fox Entertainment, Hewlett-Packard, Huawei Technologies, IBM, Intel, Irdeto, LG Electronics, Liberty Global, Lionsgate, LOVEFiLM, Marvell Semiconductor, Microsoft, MOD Systems, Motorola, Nagravision, NBC Universal, NDS Group, Netflix, Neustar, Nokia, Panasonic, Paramount Pictures, Philips, RIAA, Red Bee Media, Rovi, Saffron Digital, Samsung, Secure Path, Sonic Solutions, Sony, Switch Communications, Tesco, Thomson, Toshiba, Verimatrix, VeriSign, Warner Brothers, Widevine Technologies, ZoranOuch!
    • il solito bene informato scrive:
      Re: UltraFregatura
      - Scritto da: non so
      I membri:

      Adobe, Alcatel-Lucent, Ascent Media, Best Buy,
      Blueprint, BT, CableLabs, Catch Media, CinemaNow,
      Cineplex Entertainment, Cisco, Comcast, Cox
      Communications, CSG Systems, Deluxe, DivX, Dolby,
      DTS, ExtendMedia, Fox Entertainment,
      Hewlett-Packard, Huawei Technologies, IBM, Intel,
      Irdeto, LG Electronics, Liberty Global,
      Lionsgate, LOVEFiLM, Marvell Semiconductor,
      Microsoft, MOD Systems, Motorola, Nagravision,
      NBC Universal, NDS Group, Netflix, Neustar,
      Nokia, Panasonic, Paramount Pictures, Philips,
      RIAA, Red Bee Media, Rovi, Saffron Digital,
      Samsung, Secure Path, Sonic Solutions, Sony,
      Switch Communications, Tesco, Thomson, Toshiba,
      Verimatrix, VeriSign, Warner Brothers, Widevine
      Technologies,
      Zoranzoran... boicottiamo zoran!
  • Dura lex sed lex scrive:
    Monopolio ????
    Non riesco a capire dov'è il monopolio di steve jobs nel multimediale.I contenuti non sono di Apple. Dal mio punto di vista l'unica cosa se proprio vogliamo, negativa e che per acquistare canzoni o film o telefilm bisogna usare itunes. Per il resto devo dire grazie ad Apple. Se non fosse stato per jobs non potrei scaricarmi canzoni senza drm da iTunes music store. Il formato aac non e free ? Amen non essendoci drm lo converto nel formato che più mi aggrada.Apple avrà cose negative di sicuro ma questa del drm non e tra queste. Imho.
    • non so scrive:
      Re: Monopolio ????
      - Scritto da: Dura lex sed lex
      Non riesco a capire dov'è il monopolio di steve
      jobs nel multimediale.forse intendeva nei dispositivi multimediali. indubbiamente iPod/iTunes è il sistema più usato attualmente, anche se non si tratta esattamente di un monopoliopoi probabilmente l'autore ha fantasticato un po' anche su un iPad diffuso a livello mondiale e magari anche su Apple TV
      I contenuti non sono di Apple.steve pero' è dentro anche in Pixar, diciamo che qualcosa è anche suo
      Apple avrà cose negative di sicuro ma questa del
      drm non e tra queste. Imho.Infatti non è nel gruppo dell'UltraFregatura di cui si sta parlando, è il succo dell'articolo
      • Sgabbio scrive:
        Re: Monopolio ????
        Stave ERA dentro alla pixar, ha venduto la sua quota alla Disney.
        • lordream scrive:
          Re: Monopolio ????
          - Scritto da: Sgabbio
          Stave ERA dentro alla pixar, ha venduto la sua
          quota alla
          Disney.di cui è nel consiglio di amministrazione.. da questo punto di vista ricorda i maneggi italiani dove riesci a trovare la stessa persona in piu consigli di amministrazione
    • higgybaby scrive:
      Re: Monopolio ????
      aggiungo ulteriore carne al barbecue, ma perché dovrei comprare un file con il DRM quando posso comprarlo da iTunes (ma anche da altri se non cambieranno politica nel qual mentre) privo di blocchi strani?non riesco a capire perché vogliono continuare a farsi del male!!!con le loro stesse mani poi...ciaoigor
      • angros scrive:
        Re: Monopolio ????
        - Scritto da: higgybaby
        aggiungo ulteriore carne al barbecue, ma perché
        dovrei comprare un file con il DRM quando posso
        comprarlo da iTunes (ma anche da altri se non
        cambieranno politica nel qual mentre) privo di
        blocchi
        strani?E rincaro la dose: perchè comprare un file con DRM, quando posso scaricarmelo da megaupload gratis senza DRM?Stanno costruendo una porta blindata nel deserto: non c'è neanche bisogno di forzarla, basta ignorarla e passarci a fianco.
        • kmtnck scrive:
          Re: Monopolio ????
          - Scritto da: angros
          - Scritto da: higgybaby

          aggiungo ulteriore carne al barbecue, ma perché

          dovrei comprare un file con il DRM quando posso

          comprarlo da iTunes (ma anche da altri se non

          cambieranno politica nel qual mentre) privo di

          blocchi

          strani?

          E rincaro la dose: perchè comprare un file con
          DRM, quando posso scaricarmelo da megaupload
          gratis senza
          DRM?

          Stanno costruendo una porta blindata nel deserto:
          non c'è neanche bisogno di forzarla, basta
          ignorarla e passarci a
          fianco.bingo!! il p2p sembra morto... ma semplicemente è offuscato da altri fenomeni di massa (vedi facebook), ma il p2p è vivo e piu forte che mai!
          • angros scrive:
            Re: Monopolio ????

            bingo!!
            il p2p sembra morto... ma semplicemente è
            offuscato da altri fenomeni di massa (vedi
            facebook), ma il p2p è vivo e piu forte che
            mai!E oltre ad essere vivo, non è più solo: è affiancato dai siti di streaming, e dai siti come megaupload. Il fronte si è allargato, tanto che ormai, anche se il p2p cadesse, la pirateria proseguirebbe comunque indisturbata.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Monopolio ????
            Servizi di file hosting sono molto utili quando da torrent non riesci a prendere quello che cerchi :D
          • lordream scrive:
            Re: Monopolio ????
            - Scritto da: angros

            bingo!!

            il p2p sembra morto... ma semplicemente è

            offuscato da altri fenomeni di massa (vedi

            facebook), ma il p2p è vivo e piu forte che

            mai!

            E oltre ad essere vivo, non è più solo: è
            affiancato dai siti di streaming, e dai siti come
            megaupload. Il fronte si è allargato, tanto che
            ormai, anche se il p2p cadesse, la pirateria
            proseguirebbe comunque
            indisturbata.in effetti il traffico 2p2 è molto diminuito.. le major sono contente ma non si rendono conto che questo è dovuto al fatto che tutti hanno scaricato l'impossibile ed oltre e non sanno piu cosa scaricare..
          • angros scrive:
            Re: Monopolio ????
            Se il P2P era considerato la nave dei pirati... i pirati ormai sono sbarcati nella città, sulla nave non c'è quasi più nessuno, e affondarla non cambierà nulla, perchè il fronte della battaglia si è spostato.Dieci anni fa, nessuno avrebbe osato mettere siti come megaupload, e se l'avesse fatto lo avrebbero fatto chiudere subito: ora ce ne sono decine, di siti così. La condivisione sta guadagnando terreno.Se noti, anche gli attacchi contro il P2P sono praticamente solo contro il protocollo torrent (che è il più facile da attaccare, avendo tracker e motori di ricerca abbastanza centralizzati): contro le reti decentralizzate (come eDonkey) hanno praticamente rinunciato ad agire (mentre in passato lo facevano).Anche la stessa mentalità cambia: prima, quasi tutti ritenevano illegale scaricare, anche se lo facevano: ora, sempre più gente lo considera giusto (del resto, scaricare senza uppare non è illegale)Piano piano, le majors si stanno ritirando...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Monopolio ????
            Non direi c'è chi condivide e le persone prendono ciò che condividi e via cosi, per non parlare che la gente cerca adesso robe introvabili :D
        • non so scrive:
          Re: Monopolio ????
          - Scritto da: angros
          Stanno costruendo una porta blindata nel deserto:
          non c'è neanche bisogno di forzarla, basta
          ignorarla e passarci a fianco.Si è così, inoltre per come sta andando ora il mercato vedo difficile che masse di utenti andranno ad acquistare ad esempio mp3 sullo store di UV che poi non potranno ascoltare con un iPod.L'assenza di Apple in questo progetto è importante.Immagino che un giorno si potrà comprare materiale UV direttamente dai dispositivi. Ad esempio tramite i tools delle nuove televisioni. Questo sarà comodo, ma sfido chiunque a ricomprare tutti gli apparecchi multimediali della famiglia con il logo UV per poter usufruire dei contenuti come dicono loro. I lato sfruttabile di questo DRM avrà un grado di penetrazione lentissimo, difficile da vederlo realizzare. Senza contare che basta avere un'alternativa senza DRM per, come dici tu, ignorare UV e passarci di fianco.
      • lordream scrive:
        Re: Monopolio ????
        - Scritto da: higgybaby
        aggiungo ulteriore carne al barbecue, ma perché
        dovrei comprare un file con il DRM quando posso
        comprarlo da iTunes (ma anche da altri se non
        cambieranno politica nel qual mentre) privo di
        blocchi
        strani?

        non riesco a capire perché vogliono continuare a
        farsi del
        male!!!

        con le loro stesse mani poi...

        ciao

        igora dire il vero mi chiedo perchè comprarlo da itunes visti i prezzi quando puoi scaricarlo gratis ed in ottima qualità.. se poi ti piace te lo compri in bluray.. vabbè anche se non lo inserisci su una macchina apple avrai pure una ps3
  • angros scrive:
    Fallirà come gli altri
    Sarà craccato ancora prima di uscire.
    • kmtnck scrive:
      Re: Fallirà come gli altri
      - Scritto da: angros
      Sarà craccato ancora prima di uscire.non uscirà mai... come accadde per il progetto palladium e sucXXXXXri. La sony tentò di imporlo ma questa volta la massa si ribellò, semplicemente evitando il logoultraviolet sarà ricordato per il film della jovovic ;)stavolta la apple fa bene ad andare per la sua strada e magari fomentare il suo business come una vera e propria disneyland...e poi non scordiamoci della filosofia google... e del suo intento di conquistare la televisione
      • Sgabbio scrive:
        Re: Fallirà come gli altri
        Palladium cambio nome in una sigla incomprensibile, poi parte di quelle idee di microsoft fini nel Trusted computer group.
    • James Kirk scrive:
      Re: Fallirà come gli altri
      - Scritto da: angros
      Sarà craccato ancora prima di uscire.Magari ci metteranno un po' ma grazie all'unificazione del formato i tutti i cracker si concentreranno su un solo sistema DRM.
  • ullala scrive:
    come direbbe marù
    Se fosse libero di dirlo in questa forma... :DChe vadano al quel paese loro e i loro DRM!
Chiudi i commenti