Yahoo spera di accelerare con il podcasting

La parola d'ordine è semplificare. Poi si tratta di coinvolgere un'intera comunità di utenti nel creare contenuti per la radioweb in differita, come la definì qualcuno


Ontario (USA) – Il podcasting è una moda? Se lo è, Yahoo! ha tutta l’intenzione di afferrarla, scagliandole contro anche nuove tecnologie dedicate . Alla Portable Media Expo & Podcasting Conference californiana, il product manager dell’azienda, Joe Hayashi, ha fatto vedere alcune delle carte con cui sta giocando l’importante net company statunitense.

Hayashi ha parlato dello sviluppo di una nuova soluzione software dedicata al podcasting, un applicativo che a suo dire permetterà di semplificare la realizzazione e la pubblicazione di podcast , strumento di comunicazione sempre più utilizzato in rete (e che il rapper italiano Frankie Hi-Nrg ebbe modo di definire “radio in differita”).

“Gli utenti hanno difficoltà a mettere insieme feed RSS, e nel pubblicare podcast. La creatività non manca, anche il desiderio di sperimentare. Il problema è riuscire a far utilizzare facilmente XML e magari tag iTunes. E’ una sfida quella di semplificare queste operazioni. Siamo sulla giusta strada”, ha dichiarato Hayashi.

Yahoo, inoltre, starebbe vagliando nuove possibilità per facilitare la produzione di contenuti video . Il formato per realizzare podcast richiede un sistema di cattura diverso da quello utilizzato con le tracce audio.

Che Yahoo creda nel podcast come mezzo per distinguersi dai competitor si era capito già un mese fa quando è stato inaugurato podcasts.yahoo.com , un motore di ricerca per podcast. Ancora in versione beta, permette di cercarli e scaricarli dal Web. “Trovare podcast era come andare in un Blockbuster dopo un terremoto. Adesso non è solo più facile individuare qualcosa di interessante e curioso, ma anche riprodurre immediatamente i filmati”, ha dichiarato Hayashi.

“Bisogna rendere la pubblicazione più semplice. Attualmente online vi sono già più 25 mila podcast disponibili. Questo numero dimostra che si può prescindere dal portale iTunes”, ha confermato Tim Bourquin, fondatore e CEO di NTC New Media – organizzatrice del Portable Media Expo & Podcasting Conference 2005. “Prima che il podcasting prenda veramente il volo ci sarà bisogno di un tool semplice ed intuitivo. Adesso bisogna far parte di quel gruppo ristretto di appassionati per produrre e metterne online uno, o comunque conoscere qualcuno che possa aiutarti”.

Il podcasting è diventato un fenomeno mondiale, almeno per ora molto chiacchierato e ci sono indiscrezioni, trapelate nel corso della Portable Media Expo & Podcasting Conference 2005, che anche Google potrebbe presto lanciare le sue tecnologie in questo settore. Vero o no, di certo non sorprenderebbe nessuno, visto il dinamismo del gigante di Mountain View.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sono l'ultimo giapponese?
    Io per questo giro ho deciso di restare col CRT.Ho preso un 17" Philips per il PC per una manciata di euro e in casa abbiamo fatto riparare i vecchi televisori.I TV al plasma che costano meno sono ancora comunque cari e c'è il rischi che siano i modelli più vecchi con vita troppo breve, per i monitor da PC aspetterò finché non ci saranno 19" o 21" a buon mercato, con buon tempo di risposta e rigorosamente con risoluzione nativa coerente con l'aspect ratio, su un monitor 4:3, specialmente se LCD, che scala male alle risoluzioni non native, una risoluzione nativa 1280x1024 è una cretinata.
  • Anonimo scrive:
    Esistono anche i CRT Slim
    http://www.mytech.it/speciali/smau2005/articolo/idA028001063737.artChissà come vanno : ...
  • Anonimo scrive:
    LCD e Plasma = PESSIMI. PROIETTORI=OK
    Da persona che li ha avuto entrambi: lasciateli perdere. I Plasma (anche quelli di ultima generazione) già dopo un anno perdono colore *visibilmente*. Dopo due anni sono da buttare (io l'ho dato a mia madre, che tanto ormai non ci vede più). Gli LCD sono anche peggio. Non solo il nero e i colori scuri in genere sono sbiaditi, l'angolo di visuale è ridicolo tanto che lo potevo vedere solo io e la mia donna, se veniva un ospite mi *alzavo* e lo facevo sedere al posto mio per non fagliene accorgere, se ne venivano due era la fine... ma c'è di peggio: le partite con l'lcd non le puoi vedere perchè ha un effetto "scia" mostruoso dietro alla palla e ai giocatori che incasina tutto. Dopo la quarta partita vista così l'ho rivenduto.Finale: mi sono tenuto il vecchio TV crt per la visione giornaliera, e la sera i film me li vedo con un proiettore lcd: SANYO Z2 (dopo lunghe prove vi garantisco che è il migliore in assoluto).I vantaggi del proiettore:1- L'immagine è pazzesca. Meglio del TV crt. Non con tutti i proiettori, ma lo Z2 spacca il mondo. Plasma ed LCD non li vede neanche.2 - Spegni la luce ed hai un 200 pollici. Regoli anche la dimensione dello schermo e l'inclinazione con la manovella, comodamente. Ripeto, un 200 pollici per 1400 euro.3 - Funziona anche su una parete bianca, ma con 50 euro ti compri un telo da diapositive e vedi i singoli pixel a 1280x1024.4 - Supporta HDTV fino a 720p. Il che significa XBOX360 ready. (Già lo uso per collegarci xbox, ps2 e gamecube, e giocare è un altro mondo).5 - E' Piccolo e lo puoi portare in ogni stanza. Io l'ho messo sopra la libreria in sala da pranzo (così in alto se qualcuno si alza non si vede neanche la sagoma sulla parete).6 - la sera affitti un DVD e (se hai un 5.1) SEI AL CINEMA. Non scherzo. Un altro pianeta.Quindi ripeto:COSTA UN TERZO DI UN PLASMA E UN LCDQUALITA' VIDEO CHE BATTE TUTTI E TRESCHERMO DA 200 POLLICI (SEI AL CINEMA!)E' PICCOLO E PORTABILE IN OGNI STANZAHDTV readyUnico svantaggio: la lampadina di ricambio costa 300 euro. Sul manuale c'è scritto che dura 2 anni: io ce l'ho da un anno e più ed è ancora al 100%. Ma visto il risparmio su plasma ed lcd, non c'è paragone.INSOMMA, punto informatico: CONSIGLIA I PROIETTORI!!!
  • frog scrive:
    appassionati o truffatori
    **********************Gli appassionati più smaliziati spesso vanno in negozi super-specializzati che trattano magari home-video e hi-fi top level, poi acquistano negli store per evidenti vantaggi correlati ai listini. Sanno bene quello che vogliono: si presentano, ordinano e pagano.******************Io leggo: Gli appassionati piu' truffatori, vanno nei negozi dove gli spiegano tutto per filo e per segno, perdendo delle ore, e poi non sono disposti a riconoscere al negoziante il suo tempo e la sua professionalita'.Comprate nei megastore, fino a quando un negoziante vi da' le dritte, quando esisteranno solo piu' i megastore nei quali non ti c***a nessuno, si che ci sara' da ridere.
    • Anonimo scrive:
      Re: appassionati o truffatori
      Quello che dici e' giusto, tuttavia ti assicuro che mi e' capitato piu' di una volta di trovare amici/colleghi che prima vanno a farsi spiegare tutto nel negozio specializzato e poi, belli pompati, andare al centro commerciale dove un abile venditore con 0 interesse verso il lavoro che svolge riesce a inchiappettarli alla grande :-)La verita' e' che nei centri commerciali i prodotti di qualita' non sono nascosti o fuori catalogo, semplicemente mancano.
      • Anonimo scrive:
        Re: appassionati o truffatori
        - Scritto da: Anonimo
        Quello che dici e' giusto, tuttavia ti assicuro
        che mi e' capitato piu' di una volta di trovare
        amici/colleghi che prima vanno a farsi spiegare
        tutto nel negozio specializzato e poi, belli
        pompati, andare al centro commerciale dove un
        abile venditore con 0 interesse verso il lavoro
        che svolge riesce a inchiappettarli alla grandePer ogni ufficio del personale di questi centri, quelli sono i migliori dipendenti. Vendono.
        :-)

        La verita' e' che nei centri commerciali i
        prodotti di qualita' non sono nascosti o fuori
        catalogo, semplicemente mancano.
  • Anonimo scrive:
    Gli LCD sono PIU' CARI dei Plasma!
    Probabilmente sarà una svista dell'autore, ma è piuttosto noto che gli LCD costano il 30%-40% in più dei plasma di pari dimensione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli LCD sono PIU' CARI dei Plasma!
      E tra l'altro la qualità di un LCD è decisamente superiore rispetto ad un plasma e anche i problemi di contrasto sono in gran parte risolti dai modelli recenti.Ma se si vuole spendere meno resta solo il plasma.
      • starlette scrive:
        Re: Gli LCD sono PIU' CARI dei Plasma!
        permettemi, come è risaputo la qualità video dei plasma è superiore a quella degli LCD, basta leggere qualche forum specializzato.Allo stesso tempo non è vero che a parità di dimensioni costano meno. Intanto perchè gli LCD non arrivano ai 42 pollici di solito (da dove partono i plasma) e poi perchè la sensazione dei prezzi inferiori è data dal fatto che sono ancora presenti nei negozi modelli vecchi che tentano di svendere.lo lasciamoci fregare dalle promozioni
        • starlette scrive:
          Re: Gli LCD sono PIU' CARI dei Plasma!
          scusate, faccio una precisazionenell'ultimo passaggio mi sono spiegato male. Gli LCD a 32 pollici sostano di + dei plasma dalle stesse dimensioni perchè nella maggior parte dei casi questi ultimi sono modelli vecchi.s.
  • Anonimo scrive:
    Distanza di visione minima.
    Sicuri "per definirne la distanza di visione minima" "si moltiplica per tre la diagonale del display"? Io sapevo che si molticava per 2,5 la base... Utilizzare la base è più logico, anche perché vale sia per i 16:9 che per i 4:3, considerando che il problema è l'effetto "partita di tennis". Vedre i componenti di un pixel da oltre un metro mi pare improbabile anche con 12/10... :|
  • Anonimo scrive:
    Redazione in "ombra"
    "L'ultimo "difetto" degli LCD riguarda la profondità del nero, che ovviamente è nettamente inferiore rispetto ai modelli al Plasma. Il motivo è da ricercare proprio nel tipo di tecnologia che contraddistingue gli LCD. Il nero è il frutto del lavoro dei filtri dei sotto-pixel, che comunque lasciano passare un po' di luce. Nei Plasma, invece, il colore nero viene prodotto dalla combinazione delle cromie RGB."Attenti, mi cadete sul finire.Se negli LCD il nero di un pixel equivale a bloccare il passaggio della luce attraverso il controllo dei filtri, nel Plasma il nero si ottiene spegnendo i pixel.Senza corrente il gas nei pixel non viene eccitato quindi non emette luce UV.Il risultato della combinazione delle cromie RGB è una luce bianca, altrimenti avreste inventato una lampadache emette luce nera, un vero controsenso.Ricordate l'arcobaleno ?Saluti
Chiudi i commenti