YouTube, abbonamento senza pubblicità

Una comunicazione inviata da Google ai suoi partner conferma quanto accennato nei mesi scorsi: la nuova versione della piattaforma potrebbe fare il suo esordio entro la fine dell'anno

Roma – Proseguono i piani di YouTube per sviluppare delle modalità di abbonamento per una versione della sua piattaforma video senza pubblicità , come testimonia una lettera inviata dal Tubo ai suoi Creator : il servizio potrebbe essere pronto per l’esordio entro la fine dell’anno.

Si tratta di un’ipotesi di cui si parla ormai da qualche mese : Google, d’altra parte, si trova davanti alla necessità di sperimentare nuovi canali di remunerazione per la piattaforma di condivisione che, pur avendo fatto finora il pieno di successo, si ritrova a rischiare di rimanere con in mano un pugno di mosche. L’advertising a quanto pare non basta: pur raggiungendo un fatturato di circa 4 miliardi di dollari nel 2014, Google si ritrova appena in pareggio con i pagamenti che YouTube richiede per i contenuti, la ripartizione degli introiti pubblicitari ed i servizi tecnici necessari a garantire il servizio. La concorrenza, inoltre, è destinata a diventare sempre più serrata come dimostra l’ interessamento di Facebook nei confronti del settore.

Così, accanto a Music Key , il servizio di streaming su abbonamento che si affiancherà al potenziamento della sezione musicale e che offre ad un prezzo in linea con la concorrenza brani senza advertising anche offline per desktop e mobile, YouTube si prepara ad avere una versione della sua offerta di video a pagamento e senza pubblicità.

Secondo quanto notato da alcuni osservatori , i termini del servizio proposto da YouTube ai suoi partner, prevede ora la ripartizione a loro favore del 55 per cento del fatturato generato , suddiviso in base alla “percentuale di visualizzazioni mensili o sul tempo totale di visione nella relativa offerta ad abbonamento, come determinata da YouTube”.

Ma non basta: il Tubo ha intenzione anche di migliorare la qualità (e quindi il valore) dell’advertising offerto accanto ai video: l’ idea è quella di rendere le pubblicità interattive, fornendo agli inserzionisti la possibilità di aggiungere delle schede con cui offrire informazioni ulteriori alle platee degli spettatori.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti