Zuckerberg: come costruire una comunità globale

Lettera aperta del CEO di Facebook: ammette di avere un problema di bufale, ma invita gli utenti a risolverlo insieme, per crescere collettivamente e salvare il mondo. Globalizzazione contro populismo ed estremismi: un manifesto politico?

Roma – Con una lettera aperta a quella che definisce la propria comunità, Mark Zuckerberg ha voluto parlare non solo del futuro di Facebook, ma in generale della sua visione del mondo, della necessità di non chiudersi e di migliorare insieme, globalmente : un vero e proprio manifesto, che risponde a chi chiama in causa il social network nella pressante questione della lotta alla qualità dei contenuti diffusi online e alla conseguente e collegata avanzata del populismo e degli estremismi nei risultati politici.

Quello che così emerge dal lungo post del giovane CEO di Facebook è una vera e propria ricetta per cercare di invertire la tendenza che sembra avere assunto la politica mondiale, aggrappandosi alla voglia di creare una vera e propria comunità globale: dal suo punto di vista l’obiettivo del social network in blu diventa non più semplicemente quello storico di “dare alle persone il potere di condividere e rendere il mondo più aperto e connesso”, ma di “sviluppare un’infrastruttura social per permettere alle persone di avere il potere di costruire una comunità globale che funzioni per tutti noi”. Non più connettere semplicemente amici e famigliari, ma – da tale base – costruire qualcosa in più. Con l’ambizione più grande che diventa quella di trovare soluzioni globali a problemi che non possono essere risolti se non globalmente .

Le paure che stanno portando a contrastare la globalizzazione, chiudere i confini e ritornare a rivendicare la supremazia della definizione di cittadino rispetto a quella di essere umano, insomma, sono da combattere con la forza di soluzioni globali, che significano in particolare che l’umanità deve unirsi non solo in città e nazioni, ma in una vera e propria comunità globale .
Tale concetto di infrastruttura social non è definito da Zuckerberg, che però parla dell’obiettivo di aiutare le persone a costruire comunità che siano “collaborative, sicure, informate, civilmente impegnate e inclusive”.

Per farlo, Zuckerberg parte dall’affrontare lo spinosa e attuale questione delle fake news : non si nasconde più dietro la tesi per cui Facebook non possa influenzare le elezioni, ma afferma chiaramente che essendo un megafono nel caso di messaggi sbagliati e di determinati tipi di comunicazione, rischiando così di “semplificare troppo importanti argomenti e spingere verso soluzioni estreme”. Ed è proprio questa estremizzazione il vero problema, che dà origine a certi tipi di populismo e, appunto, ad estremismi.

Si tratta, d’altra parte, di un argomento su cui non ha avuto tregua , anche perché il 2016 è stato contrassegnato dalla “post-verità” e il social network in blu si è trovato al centro delle polemiche per il numero di bufale condivise sulla sua piattaforma e sulla loro presunta influenza sull’andamento delle elezioni di diversi paesi, Stati Uniti in primis.

Anche per questo il CEO di Facebook è stato sempre più impegnato (con iniziative e promesse ) e sempre più diretto nel rivolgersi al pubblico, anche perché direttamente chiamato in causa: in questo senso la lettera dalla Presidente della Camera Laura Boldrini è solo uno degli esempi di appelli nei suoi confronti per collaborare con le autorità e/o trovare risposte efficienti ad un problema che sembra effettivamente poter influenzare la vita pubblica reale di tutto il mondo. Ma anche Berlino e Parigi hanno cercato di tirarlo per la maglietta.

L’altra sfumatura dell’impegno pubblico di Zuckerberg è quello di coloro che lo vedono, per gli stessi motivi, come colui che è destinato ad essere l’anti-Trump nelle prossime elezioni, sia per la sua visione del mondo ed il suo potere mediatico, sia perché appunto gli antagonisti del neo eletto Presidente vedono negli errori di Facebook una delle cause della vittoria elettorale di Trump. Questo nuovo post, che ha il sapore di un ( ambizioso ) manifesto politico, potrebbe dunque confermare tale predisposizione di Zuckerberg a giocare un ruolo attivo in ambito politico.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Se costa poco
    Credo che il più versatile sia ancora il precedente Chromecast full hd venduto sotto i 30 euro, magari anche a 20 euro.Mio fratello lo ha trovato in offerta a 29 euro, l'ho usato un po' da lui e l'ho trovato utile.Difficile fare lo streaming con tablet o smartphone dai siti pirata come Cineblog01 o AltaDefinizione, ma funziona se fatto usando un laptop che poi trasmette al Chromecast tramite Google Chrome, la tab aperta in quel momento.È utile anche così perché ti evita di tirare un cavo dal computer al TV in salotto, o anche il dover posizionare un laptop o mini PC sotto al TV.Io il TV non lo voglio, ma prenderei volentieri un enorme monitor 55" da mettere in salotto con un dongle come Chromecast proprio per le occasioni in cui vedere qualcosa insieme a qualcuno può essere utile.Il canone RAI mi sta qua sugli zebedei. Mi interesserebbe sapere se quando si passerà al DTT2 acquistare un TV usato o nuovo vecchio stock col decoder DTT ormai inutile, porti all'obbligo del pagamento del canone, non essendo atto alla recezione dei canali TV. Ma sarebbe usato solo come monitor gigante per il computer.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 febbraio 2017 12.46-----------------------------------------------------------
  • iptv chromecast scrive:
    iptv to chromecast
    https://play.google.com/store/apps/details?id=com.iptv2cast
Chiudi i commenti