Zuckerberg: tutti i miei sbagli

Il giovane miliardario parla di molti argomenti, Incalzato tra domande sul passato, sulla portabilità dei dati e su Google, non lesina l'autocritica. Pur restando convinto dei suoi meriti

Roma – Sarà che si è visto con occhi diversi grazie al film di David Fincher , sarà che un recente incontro con liceali potrebbe avergli fatto pesare molto di più i suoi appena 26 anni, sarà che le domande del Summit Web 2.0 lo spingevano in questo senso, ma il Mark Zuckerberg salito sul palco dell’evento era uno Zuckerberg portato al bilancio, che ha parlato apertamente della sua giovane azienda e degli errori finora commessi.

Guardando al passato non ha negato, infatti, di aver commesso “tanti errori e tanti continuerò a fare nei prossimi anni”: tuttavia ha messo questi primi anni di Facebook in una prospettiva univoca.

Partendo dall’acquisto di piccole startup (come Hot Potato e Drop.io), passando per i brevetti su tecnologie relative alla geolocalizzazione per arrivare fino a Facebook Groups, Facebook Places e, da ultimo, la piattaforma di messaggistica , tutto ha sempre avuto l’obiettivo, dice, di costruire un ambiente dove altre aziende possano lavorare. Non escludendo, dunque, ma coinvolgendo gli altri. Dai gruppi, passando per la geolocalizzazione e fino ai messaggi, tutto concorre a costituire canali di distribuzione e socializzazione da integrare nella grande piattaforma FB.

Parlando di passato, presente e futuro, le domande hanno naturalmente portato a paragonare la sua azienda al grande avversario di oggi: Google.

A tal proposito, tuttavia, il CEO del social network ha detto di considerare Facebook più precoce di BigG: questa ha sviluppato la sua rivoluzionaria (e molto remunerativa) piattaforma di advertising al sesto anno di attività; FB, invece, già da tempo sta portando avanti un suo servizio di advertising e accordi di monetazzazione, come per esempio quelli stretti con gli sviluppatori di giochi.

Come l’azienda di Mountain View, poi, Facebook non riesce a sottrarsi da dibattiti e polemiche circa la privacy e il trattamento dei milioni di dati privati che passano nelle sue mani.

Nell’occasione, rivolgendosi alla recente polemica con Google sulla portabilità dei contatti Gmail, Zuckerberg ha fatto in parte autocritica: affermando di non essere “sicuro che abbiamo ragione al cento per cento, non è tutto bianco e nero”. Tuttavia è subito dopo caduto in parte in contraddizione affermando , a proposito di Ping, che – a differenza di quanto fatto lei stessa ha fatto nei confronti di Google – per passare i propri dati Facebook pretende reciprocità.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fisico scrive:
    CPU vs GPU computing
    Credo che Intel stia perdendo la corsa al parallel computing.Io stesso ho fatto simulazioni Monte Carlo, quasi stesso codice, uno l'ho fatto andare su un Intel I/7 920, l'altro su una Nvidia 220 GTS.Risultato? La GPU batte di 12 volte la CPU, e la 220 GTS é una scheda nemmeno tanto nuova.
    • ninjaverde scrive:
      Re: CPU vs GPU computing
      - Scritto da: Fisico
      Credo che Intel stia perdendo la corsa al
      parallel
      computing.
      Io stesso ho fatto simulazioni Monte Carlo, quasi
      stesso codice, uno l'ho fatto andare su un Intel
      I/7 920, l'altro su una Nvidia 220
      GTS.
      Risultato? La GPU batte di 12 volte la CPU, e la
      220 GTS é una scheda nemmeno tanto
      nuova.Non mi stupisco di questo poichè la struttura del Pc è obsoleta. Possono sì potenziare con una moltitudine di core la CPU, ma il meccanismo complessivo è quello che è. Entrano i gioco i fattori come la gestione delle memorie bios ecc. che non sono ottimizzate con una struttura harware moderna (struttura di base intendo). La GPU ha già di per sè una struttura molto più recente (su di una scheda indipendente o autonoma) ha quindi un rendimento più ottimale.Il problema è che se si crea un Pc rinnovato alla base si perde la compatibilità col sotware ed i SO attualmente usati, e questo è un grosso problema che comunque prima o poi bisognerà affrontare.
      • ruppolo scrive:
        Re: CPU vs GPU computing
        - Scritto da: ninjaverde
        Il problema è che se si crea un Pc rinnovato alla
        base si perde la compatibilità col sotware ed i
        SO attualmente usati, e questo è un grosso
        problema che comunque prima o poi bisognerà
        affrontare.Problema che Apple ha già affrontato e risolto con sucXXXXX 2 volte (nel 1994 con PowerPC e nel 2006 con x86)È Microsoft che non ci riesce.
        • pippO scrive:
          Re: CPU vs GPU computing
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: ninjaverde

          Il problema è che se si crea un Pc rinnovato
          alla

          base si perde la compatibilità col sotware ed i

          SO attualmente usati, e questo è un grosso

          problema che comunque prima o poi bisognerà

          affrontare.

          Problema che Apple ha già affrontato e risolto
          con sucXXXXX 2 volte (nel 1994 con PowerPC e nel
          2006 con
          x86)
          È Microsoft che non ci riesce.Facile quando hai il TOTALE controllo sull'hardware...
        • ninjaverde scrive:
          Re: CPU vs GPU computing

          Problema che Apple ha già affrontato e risolto
          con sucXXXXX 2 volte (nel 1994 con PowerPC e nel
          2006 con
          x86)
          È Microsoft che non ci riesce.Ma Micro$soft pensa solo al mercato "drogandolo" con i suoi prodotti.Ma volevo dire un'altra cosa. Forse il problema dei rinnovamento hardware era stato tentato dalla Olivetti in passato con un proXXXXXre del tutto nuovo.Tuttavia la Olivetti (italia) non è stata sostenuta dal settore pubblico a sufficienza, quindi oggi nel nostro paese manca una ricerca ed una ditta nel settore. Se pensiamo che la Olivetti era la prima più importante azienda Europea...Insomma mi riferisco all'architettura elettronica, non tanto ad un SO in sè.Il sistema di gestine della memoria è di base sempre quello su di una base obsoleta, (Idem cpu 8088 implementata) e questo non si potrà cambiare solo non con una circuiteria diversa e più moderna. Questo però richiede anche un assembly nuovo ed apposito, non PowerPc o x86. Ma questo lavoro di riprogettazione è assai oneroso, inoltre c'è il problema della compatibilità del software. Come dicevo, tuttavia prima o poi si dovrà modernizzare la macchina dalla base per avere un'ottimizzazione della stessa ed un adeguamento all'elettronica più moderna.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 novembre 2010 18.51-----------------------------------------------------------
          • pippO scrive:
            Re: CPU vs GPU computing
            - Scritto da: ninjaverde

            Problema che Apple ha già affrontato e risolto

            con sucXXXXX 2 volte (nel 1994 con PowerPC e nel

            2006 con

            x86)

            È Microsoft che non ci riesce.

            Ma Micro$soft pensa solo al mercato "drogandolo"
            con i suoi
            prodotti.Veramente loro girano su milioni di combinazioni di hardware diverse, apple, quante ne ha: due?
            Ma volevo dire un'altra cosa. Forse il problema
            dei rinnovamento hardware era stato tentato dalla
            Olivetti in passato con un proXXXXXre del tutto
            nuovo.
            Tuttavia la Olivetti (italia) non è stata
            sostenuta dal settore pubblico a sufficienza,Ah i nostri mitici impreditur coi soldi degli altri... :D
          • ninjaverde scrive:
            Re: CPU vs GPU computing

            Ah i nostri mitici impreditur coi soldi degli
            altri...
            :DGià però adesso mandiamo i $$ negli USA o in Cina ed anche un pò in Giappone...Gli imprenditori devono pagare bustarelle ai politici per ottenere qualcosa, poi fanno falso in bilancio poichè le bustarelle vanno pagate in nero. Poi vengono perseguiti poichè hanno corrotto qualcuno (O MOLTI). I CORROTTI SALVO POCHE ECCEZIONI SE LA PASSANO LISCIA. :@Quindi gli imprenditori vanno all'estero, e non solo in Cina, ma anche più vicino: Svizzera, Austria, Ex Jugoslavia, Inghilterra, Germania.Eppure non sono paesi del 3° mondo. Forse perchè pagano un "tantino" in meno di tasse. :s O perchè lì non c'è la "faccenda" delle bustarelle? (newbie)
          • pippO scrive:
            Re: CPU vs GPU computing
            - Scritto da: ninjaverde

            Ah i nostri mitici impreditur coi soldi degli

            altri...

            :D

            Gli imprenditori devono pagare bustarelle ai
            politici per ottenere qualcosa, poi fanno falso
            in bilancio poichè le bustarelle vanno pagate in
            nero. Poi vengono perseguiti poichè hanno
            corrotto qualcuno (O MOLTI).Stai pensando a qualche nano a caso, uno che preferiva pagare la protezione alla mafia, invece delle tasse? :D
            Quindi gli imprenditori vanno all'estero, e non
            solo in Cina, ma anche più vicino: Svizzera,
            Austria, Ex Jugoslavia, Inghilterra,
            Germania.
            Eppure non sono paesi del 3° mondo. Forse perchè
            pagano un "tantino" in meno di tasse. :s O perchè
            lì non c'è la "faccenda" delle bustarelle?Sei mooooooolto male informato: le bustarelle alla siemens (tedesca) erano una prassi normale per vincere appalti nei paesi del terzo mondo, itaGlia compresa... :D
          • ninjaverde scrive:
            Re: CPU vs GPU computing
            Stai pensando a qualche nano a caso, uno che
            preferiva pagare la protezione alla mafia, invece
            delle tasse?
            :D"Nani" e "magrolini" e "medi" come anche un ex prima di "lui" che fece affari con Telecom Serbia. Vi fu un testimone che fornì le prove del fattaccio.Per fortuna ci pensò "la Provvidenza" che viene in soccorso ai deboli, e fece sparire le prove. Il testimone si beccò una querela per diffamazione.Ma forse sei uno che si illude ancora che qualcosa cambi cambiando il governo? Con la sinistra che bisticciano fra loro come la destra? MA! :(E che forse certi politici (da ambo le parti) non si beccano i voti anche dalla mafia? Forse chi è in "odore" di organizzaziona a delinquere non vota? :sQuesto è un grosso problema delle democrazie. Ma fondamentalmente: "Ogni popolo ha il governo che si merita".ooooolto male informato: le bustarelle
            alla siemens (tedesca) erano una prassi normale
            per vincere appalti nei paesi del terzo mondo,
            itaGlia compresa...
            :DBeh certo anche da altre parti ci sono corrotti e corruttori, però pare che l'Italia sul tema se la cavi molto bene... Sicuramente i paesi (certi paesi del 3° mondo) sono all'avanguardia, e guarda a caso sono normalmente i paesi più poveri ad avere anche i governi più corrotti.La corruzione genera poverà dei molti e super ricchezza per qualcuno.
Chiudi i commenti