2009, minitonfo dell'advertising

La pubblicità su web è in caduta libera, certificano le organizzazioni di controllo. Si spende meno in advertising ma la ripresa dovrebbe essere rapida. Anche se qualcuno prevede un terrificante tracollo a doppia cifra

Roma – Per l’advertising online made in USA il primo quarto del 2009 è stato negativo come non se ne vedevano da parecchi anni. Lo comunicano Interactive Advertising Bureau e Pricewaterhouse Coopers , che certificano la caduta di cinque punti percentuali nel flusso di ricavi provenienti da banner, ad contestuali e quant’altro.

Non si vedeva un tonfo del genere, e a dirla tutta nemmeno un calo nella crescita della monetizzazione dell’advertising su web dal 2002, subito dopo l’infausto periodo della bolla speculativa della “net economy” con la morìa di start-up e bizzarrie telematiche che ne conseguì. Dal 2002 in poi il mercato non ha fatto che crescere, arrivando al valore complessivo di 5,8 miliardi di dollari del primo trimestre del 2008.

Nel Q1 2009 i ricavi si sono al contrario attestati a “soli” 5,5 miliardi di dollari, mettendo il segno meno a un incremento che nel trimestre precedente era stato di 18 punti percentuali .

Nonostante la recessione il presidente e CEO di IAB Randall Rothenberg concede che “i consumatori stanno spendendo sempre più tempo con i media interattivi”, e per questo e altri motivi tali nuovi media continueranno ad accaparrarsi quote di mercato. “Siamo fiduciosi – continua ancora Rothenberg – nel fatto che la crescita tornerà con il miglioramento del clima economico degli Stati Uniti”. Dopotutto “i media interattivi sono il modo più affidabile per raggiungere i consumatori”, ragion per cui il futuro non potrebbe che essere radioso per l’advertising online.

Qualcuno dovrebbe raccontarlo anche a Nick Denton, founder del celebre network di weblog “professionali” comprendenti (tra gli altri) Lifehacker , Gizmodo , io9 e Kotaku che in una sua profezia del 2008 previde un disastroso calo dei ricavi provenienti dagli ad, pari al 40% del loro valore complessivo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 3my78 scrive:
    bellissima notizia!!!
    Sono contento di tutto ciò!http://3my78.blogspot.com/
  • Hers scrive:
    [OT] E intanto dd è offline
    ove stanno facendo sospetti "lavori di manutenzione"meglio evitarlo x un po'
    • krane scrive:
      Re: [OT] E intanto dd è offline
      - Scritto da: Hers
      ove stanno facendo sospetti "lavori di
      manutenzione"
      meglio evitarlo x un po'Ma no., basta usare Tor
  • aid85 scrive:
    stiamo parlando della svezia
    In svezia non sono in italiaLi la mafia non c'è la cultura e la civiltà sono purtroppo per noi molto diverse da qui.La vincita di un partito del genere in italia sarebbe fantascienza.Evidentemente in svezia non hanno grossi problemi e al tempo stesso la sentenza contro piratebay a sconvolto molti.In una nazione libera in cui la legge e il diritto sono al di sopra di ogni cosa trovarsi modificata la costituzione dietro richiesta di società straniere col fine di ARRESTARE dei ragazzi (che sia chiaro non commettevano nulla di illegale) forse ha scandalizzato qualke svedese non solo giovane !!Da noi la costituzione cambia tutti i giorni.Da noi i giudici esprimo sentenze fantasiose tutti i giorni e i potenti vincono anche difronte alla legge sia che essi siano nel giusto o nel torto o nel neutro.Immagina di essere in un paese dove lo stato regola civilmente la vita dei cittadini da più di 300 anni con la trasparenza come caposaldo.Immagina che questa cosa avvenga non in italia (dove se non accadono è solo perchè non interessano) ma lì.SE riesci a immaginare una società del genere investita dall'arroganza e dal modus operandi di culture liberticide allora forse riesci a capire come quasi l'8% della popolazione abbia prestato il suo voto a un partito che cerca di dare un freno a tutto ciò!
    • EffeGGI scrive:
      Re: stiamo parlando della svezia
      Ben vengano i cambiamenti, ci mancherebbe.Però, andrebbero segnalati i cambiamenti, non ci si può ritrovare con le cose cambiate così... sotto al naso, senza che nessuno dica nulla!Non sono stato avvisato dei cambiamenti alla lingua italiana: non sapevo si potesse usare il verbo "avere" senza usare la lettera h, non sapevo si potessero omettere acenti qui e là, addirittura che si potessero scrivere intere frasi senza senso o che fosse stato sdoganato l'uso della k.Hai mezzo stuprato la lingua italiana. Tristezza:/
      • Skywalker scrive:
        Re: stiamo parlando della svezia
        Hai presente la storia della trave e della pagliuzza nell'occhio altrui?- Scritto da: EffeGGI
        sapevo si potessero omettere acenti qui e là,Comprendi che quando fai un attacco "ad hominem", perché funzioni, non ti devi esporre allo stesso attacco, vero?Lui ha stuprato la lingua italiana, ma visto che non stava parlando di Accademia della Crusca ed il fulcro della sua argomentazione era altro, si può anche magnanimamente soprassedere.Se invece tu ti concentri sull'ortografia italiana, come minimo avresti dovuto rileggerti cinquanta volte prima di premere "Invia".Perché scrivere "acenti" dopo tutto lo sproloquio che hai fatto, se non ti include tra gli "stupratori" della lingua italiana, ti avvicina ai suoi "molestatori". Chi di lingua colpisce, di lingua perisce.
      • tardi per logare scrive:
        Re: stiamo parlando della svezia
        già gli ac[b]c[/b]enti
      • taribo99 scrive:
        Re: stiamo parlando della svezia
        - Scritto da: EffeGGI
        non sapevo si potesse usare il
        verbo "avere" senza usare la lettera hcaro il mio grammarnazi (come ti chiamerebbero gli utenti di 4chan), a parte gli "acenti", hai anche fatto confusione circa l'uso della h nel verbo avere. rileggendo il testo non c'è traccia di un simile errore... forse volevi mettere una h di fronte al congiuntivo "abbia"? ti informo che non ci va.detto questo, l'utente aid85 secondo me ha colto nel segno, ma ha anche dimenticato questo dato, che non è trascurabile: (cito i dati a memoria... scusate gli errori grossolani) in svezia circa l'80% delle famiglie ha acXXXXX a internet, in italia solo il 40%. inoltre da una ricerca del censis è emerso che solo il 2,1% degli italiani ha consultato internet per l'informazione elettorale (http://www.censis.it/277/372/6697/6837/6838/6839/content.ASP).la realtà è che noi, che usiamo internet per diversificare l'informazione e non ci mangiamo la pappa servita da giornali e televisioni, siamo un'avanguardia qui in italia.
        • Fiamel scrive:
          Re: stiamo parlando della svezia

          caro il mio grammarnazi (come ti chiamerebbero
          gli utenti di 4chan), a parte gli "acenti", hai
          anche fatto confusione circa l'uso della h nel
          verbo avere. rileggendo il testo non c'è traccia
          di un simile errore... forse volevi mettere una h
          di fronte al congiuntivo "abbia"? ti informo che
          non ci
          va.Riporto il testo originale:Evidentemente in svezia non hanno grossi problemi e al tempo stesso la sentenza contro piratebay a sconvolto molti.Non noti niente?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 giugno 2009 12.37-----------------------------------------------------------
    • Hurt scrive:
      Re: stiamo parlando della svezia
      - Scritto da: aid85
      In svezia non sono in italiaarrghhh ! l'itaGliano
  • Felipe scrive:
    GRADE VITTORIA DEI PIRATI
    Molto meglio i pirati seduti al Parlamento Europeo che un CORRUTTORE a capo del governo Italiano.
  • W La Svezia scrive:
    un voto contro i papponi del copyright !
    il sucXXXXX di questo partito è la risposta degli internauti alla persecuzione che si sta attuando nei confronti di Pirate Bay, ed è la conferma che le azioni esclusivamente repressive non fanno altro che condurre a risultati esattamente opposti a quelli che sperano i papponi del copyright! W IL PARTITO DEI PIRATI!!!
  • nome cognome scrive:
    pirati e grillini si siedono al tavolo
    Il pirati hanno un seggio in parlamento, i grillini hanno un seggio nei comuni dove si sono presentati.Sembra poco ma è un punto di svolta: un rappresentate eletto entra in tutte le porte, siede a tutti i tavoli, guarda in tutti gli armadi e soprattutto diffonde all'esterno LEGALMENTE quello che vede... e viene pagato per farlo!
  • Anonimo scrive:
    Anonimous likes it!
    Sono proprio contento! Alla faccia di Sarcozy
    • Get Real scrive:
      Re: Anonimous likes it!
      - Scritto da: Anonimo
      Sono proprio contento! Alla faccia di SarcozyPeccato che il partito di Sarkozy abbia stravinto.
  • fred scrive:
    Il giudice di TPB e' regolare
    Riporto solo il testo, ho perso il link:ho i miei dubbi su questo giudizio conoscendo le forti pressioni a cui erano stati sottoposti e il fatto che uno dei 3 giudici era stato nuovamente selezionato fra i supporter del copyright smentendo per la seconda volta il procuratore:The Stockholm District Court reviewing the charge of bias leveled against presiding Pirate Bay trial Judge Tomas Norström has concluded that the accusation is unfounded.The charge was leveled after revelations that during the trial for which the Swedish BitTorrent tracker site would eventually be convicted for the facilitation of copyright infringement, Judge Tomas Norström was an active member of several pro-copyright groups, one of which even actively lobbies for more stringent copyright laws.Even more startling is that membership included some of the entertainment industrys own lawyers, the IFPIs Peter Danowsky in particular.The court found that his membership alone in these groups didnt make him bias, that they were important educational opportunities that helped keep him up to date on copyright issues. If a ridiXXXXus argument. One doesnt have to be a member of a group in order to be up current with a given topic. More importantly, how can one argue impartiality if that same group lobbies for the sort of conviction he subsequently metes out in his court rulings?The ruling is sure to further anger the huge number of Swedish youth (19% of those under age 30) who turned out to vote in droves yesterday, and gave the Swedish Pirate Party 2 seats in the EU Parliament.Many of the countrys youth have been angered over what they see as an intrusion by foreign, primarily US-based, entertainment industry conglomerates into the private affairs of a sovereign country. They understand that copyright laws were essentially written in a world before digital content that no longer exists, and that ultimately paralyze the ability of citizens to freely communicate and interact with one another.With the Pirate Party now having 2 seats at the table, all of that may soon change.The first thing that will happen in the the new EU parliament is the third reading of the telecom reform package, said Pirate Party leader Rick Falkvinge the day after his partys spectacular win.
    • pabloski scrive:
      Re: Il giudice di TPB e' regolare
      prevedo un ricorso alla Corte UE e una sonora bastonatura per la Corte distrettuale di Stoccolma
      • GianlucaGil ardi scrive:
        Re: Il giudice di TPB e' regolare
        - Scritto da: pabloski
        prevedo un ricorso alla Corte UE e una sonora
        bastonatura per la Corte distrettuale di
        StoccolmaAh.E da quando gli organi giuridizionali comunitari sono competenti a conoscere delle istanze di ricusazione (o simili)?
        • pabloski scrive:
          Re: Il giudice di TPB e' regolare
          da quando c'è Maastricht
          • GianlucaGil ardi scrive:
            Re: Il giudice di TPB e' regolare
            - Scritto da: pabloski
            da quando c'è MaastrichtAh.Modifichi tu la voce in Wikipedia (giusto per cominciare, poi passiamo a tutti i testi di diritto comunitario....)?http://it.wikipedia.org/wiki/Corte_di_giustizia_delle_Comunità_europee
          • pabloski scrive:
            Re: Il giudice di TPB e' regolare
            ma hai bevuto?da Wikipedia "col ricorso per annullamento il ricorrente chiede alla Corte l'annullamento di un atto legislativo di un'istituzione comunitaria."
          • __________ scrive:
            Re: Il giudice di TPB e' regolare
            - Scritto da: pabloski
            ma hai bevuto?

            da Wikipedia "col ricorso per annullamento il
            ricorrente chiede alla Corte l'annullamento di un
            atto legislativo di un'istituzione
            comunitaria."Non c'entra nulla quello che hai citato
          • GianlucaGil ardi scrive:
            Re: Il giudice di TPB e' regolare
            - Scritto da: __________
            - Scritto da: pabloski

            ma hai bevuto?



            da Wikipedia "col ricorso per annullamento il

            ricorrente chiede alla Corte l'annullamento di
            un

            atto legislativo di un'istituzione

            comunitaria."

            Non c'entra nulla quello che hai citatoGrazie. Il grassetto lo metterei, giusto a scanso di equivoci, anche su "istituzione comunitaria" :-)
  • Marcello Mazzilli scrive:
    Ho contribuito
    Dal sito di TPB c'è comunque modo di acquistare le loro magliette anch se ufficialmente sono cose diverse. Io gli ho dato 40 euro per una maglietta e ne vado fiero.
  • Newton scrive:
    Azione e reazione
    Negli anni '90 c'è stato il fenomeno Napster e lì si è esagerato in una direzione provocando la reazione delle label. Qualche anno dopo è toccato ai film e ai telefilm, provocando la reazione delle major.Negli ultimi anni sono state major e label ad esagerare nella direzione opposta e così stanno nascendo i movimenti come il partito dei pirati in Svezia.Prevedo che anche loro inizialmente esagereranno un po' provocando ulteriori reazioni di segno opposto. A colpi di reazioni reciproche però prima o poi si troverà un equilibrio ma è difficile dire quando e dove sarà.Quel che penso è che tra qualche decennio chi è venuto grande essendo abituato a pagare per la musica (è una cosa degli ultimi cent'anni, non è stato così sempre) sarà morto, e chi è nato in questi anni non avendo quest'abitudine produrrà leggi, regolamenti e modelli di business differenti.Prevedo allora che nella seconda metà del secolo ci sarà un ritorno al modello di business storico, ossia quello che ha retto per tutta la storia dell'umanità: i contenuti sono gratis, e si paga il performer, che sia un musicista, un mimo, un acrobata, un narratore. Anche i libri faranno la fine di musica e film e Benigni fa tutt'ora un po' di soldi andando in giro per l'Italia a recitare la Divina Commedia, che non ha scritto lui. Perché non si dovrebbe far lo stesso con Harry Potter? I film per un po' si salveranno finché richiederanno grandi schermi e apparecchiature speciali per la proiezione e quindi forse le grandi produzioni ad alto budget continueranno ad esserci. La tecnologia però metterà sempre più a disposizione strumenti per fare buone produzioni a bassi costi e così chi avrà qualcosa da dire potrà farlo anche con pochi soldi, e non è una legge di natura che un attore o un regista debbano guadagnare di più di un impiegato.E questo è tutto, ma i tempi sono lunghi e quando accadrà sarò già morto da un po' insieme alla maggior parte di chi mi legge, per cui non accapigliamoci troppo sul forum oggi :-)
    • Por scrive:
      Re: Azione e reazione
      "non è una legge di natura che un attore o un regista debbano guadagnare di più di un impiegato"Sono assolutamente d'accordo:1. perché in effetti le royalties non sono un modo giusto di far pagare le cose. Il costo per chi produce viene pagato una volta sola. Mentre per chi compra il costo è sempre lo stesso e non è proporzionale a quello che è stato speso ed investito per produrre un determinato bene.2. gli artisti non producono niente. E' vero che non si vive di solo pane e forse le emozioni sono la cosa più importante nella vita. Però non sta scritto da nessuna parte che bisogna "pagare per le emozioni". Anzi, gli "artisti" (nell'accezione di cantanti, attori, ecc.) di solito sprecano (al meno gente com XXXXXXX) e hanno il gusto per l'esagerazione. In più gli "artisti" sono spesso legati alla pubblicità, che mi pare pesi in media per il 30% del prezzo di produzione di un bene. La pubblicità è il modo meglio sperimentato di far pagare dei soldi in cambio di ninete.
      • Newton scrive:
        Re: Azione e reazione
        Gli artisti nella storia del mondo o facevano i girovaghi facendosi pagare per suonare musica o recitare storie oppure si fermavano presso qualche ricca personalità dell'economia o della politica che li manteneva magari anche molto bene per riempirgli il palazzo di musica, parole, quadri, statue, a seconda dei casi. E' stato con la produzione di massa degli ultimi due secoli che alcuni tipi di artisti sono riusciti a farsi pagare da milioni di persone e diventare ricchi. Può essere giusto oppure no, ma è una legge di mercato e non di natura, per cui quando il mercato chiederà (pretenderà!) il costo zero dell'arte prodotta, i loro eredi dovranno tornare al modello di business degli avi, usando la distribuzione gratuita via internet per farsi conoscere e prepararsi le tournee. Sarà una vita più scomoda e meno ricca, ma non si può neppure pretendere che il mondo sovvenzioni gli agi di pochi, in particolar modo i loro editori.Va notato che gli artisti che si sono arricchiti sono solo di quelli che operano nei mercati giusti, perché artisti celebri come Michelangelo (pittore e scultore) o Brunelleschi (architetto) non potrebbero neppure oggi proporsi alle masse. Per loro non sarebbe cambiato nulla, pirati o non pirati.
      • Scoramento scrive:
        Re: Azione e reazione
        Gli artisti producono. Un bene.Un bene perchè, secondo le leggi basilari dell'economia, è fruibile anche a distanza di tempo dalla sua produzione. Un bene che costa tanto, e non in termini di soldi, quanto di tempo: acquisire una buona tecnica per il proprio strumento, mettere insieme un'ensemble capace, comporre i pezzi, provarli a lungo e registrarli, e adesso serve anche una notevole capacità tecnica per autoprodursi (unico modo per produrre un demo nel 2009, a fronte dei costi pazzeschi degli studi).Per carità, io adoro autoprodurmi. E sono in tanti a pensare come me: in questo modo, l'artista (e non il produttore o qualunque altro XXXXXXX pagato dall'etichetta) può intervenire su ogni fase della registrazione, e la resa finale dei pezzi è quella che vuole LUI. Geniale.La sostanza è comunque che noi spendiamo per produrre musica; un ritorno (sto parlando di pura sussistenza, più copertura delle spese affrontate) sarebbe auspicabile. Non mi piace per niente il discorso che alcuni mi fanno a tal proposito: ossia, che è giusto che la musica diventi solo un hobby, e che l'intero panorama musicale si mantenga grazie all'apporto di "musicisti della domenica" che non chiedono nulla in cambio delle proprie performances "domenicali".No, purtroppo per fare BUONA musica serve TEMPO. E il tempo va, almeno un minimo, retribuito... (non ho la minima intenzione di delegittimare il filesharing con questo, perchè grazie a quest'ultimo molti possiedono attualmente una cultura musicale 10 volte superiore alla media :D )
        • Newton scrive:
          Re: Azione e reazione
          Sono d'accordo con te, ma è il mercato che decide il prezzo del tempo del musicista così come di quello di qualsiasi altro lavoratore.Se un giorno nessuno sarà più disposto a comprare registrazioni (ed è in questa direzione che stiamo andando), i musicisti dovranno cambiare modello di business ed invece che farsi pagare per le copie delle registrazioni dovranno farsi pagare per altre cose. In ordine più o meno proporzionale alla loro popolarità: performance live, magliette, autografi, comparsate a cene o feste, apparizioni in tv, testimonial in pubblicità.
    • klez scrive:
      Re: Azione e reazione
      - Scritto da: Newton
      sarò già morto da un po' insieme alla
      maggior parte di chi mi legge
      :-)tua sorella! :Pscherzi a parte, anche io spero che il cambio generazionale porti le novità che auspichi. e se non lo farà... mah...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 giugno 2009 12.14-----------------------------------------------------------
  • Kappa scrive:
    A quando il partito della Mafia ?
    Sarà anche democrazia, sarà anche che ha preso un seggio, ma seriamente parlando è come se in Italia avessimo il partito della Mafia...E' molto preoccupante che cosi tante persone abbiano votato per un partito simile, e come se in Olanda si fosse aggiudicato un seggio il partito dei pedofili ( mi pare fosse Olanda, ma non ricordo bene ).Bene o male molti di noi scaricano da internet. Ma in fondo lo si fa finchè lo si può fare. Difendere anche un azione illegale e legittimarla secondo me è troppo.
    • Rattuso scrive:
      Re: A quando il partito della Mafia ?
      - Scritto da: Kappa
      Sarà anche democrazia, sarà anche che ha preso un
      seggio, ma seriamente parlando è come se in
      Italia avessimo il partito della
      Mafia...Arrivi tardi, c'è già da un pezzo.
      • ASUNO scrive:
        Re: A quando il partito della Mafia ?
        Perchè non te vai a cvivere in america? Li è pieno di gente ottusa e bigotta come te, che confnonde l'olanda con il belgio, la svezia con la svizzera e l'australia con l'austria... potresti trovarti come a casa tua...
      • Kappa scrive:
        Re: A quando il partito della Mafia ?
        Ah si ?E si chiama mafiapartit ?
        • dont feed the troll scrive:
          Re: A quando il partito della Mafia ?
          - Scritto da: Kappa
          Ah si ?

          E si chiama mafiapartit ?Come si chiama non si puo' dire...sai com'è...
        • djebel scrive:
          Re: A quando il partito della Mafia ?
          Paragonare mafia al partito pirata è degno di una mente perversa e cattiva. secondo me sei uno della siae. posto che la mafia uccide e fa cose illecite, i pirati vogliono ridiscutere il diritto d'autore deconto altri criteri. almeno informati e non fare disinformazione di stampo carlucci...
          • Kappa scrive:
            Re: Re: A quando il partito della Mafia ?
            Paragono l'illegale con l'illegale. La Mafia, forse hai ragione, è un esempio troppo grosso e importante. Ma è giusto per dar l'idea.Comunque non sono della Siae e anche io qualche volta scarico musica. Ma sai anche che faccio ? La compro. Esce il nuovo album degli U2, lo scarico, se mi piace lo compro, se non mi piace lo cancello.
      • dont feed the troll scrive:
        Re: A quando il partito della Mafia ?
        - Scritto da: Rattuso
        - Scritto da: Kappa

        Sarà anche democrazia, sarà anche che ha preso
        un

        seggio, ma seriamente parlando è come se in

        Italia avessimo il partito della

        Mafia...

        Arrivi tardi, c'è già da un pezzo.In Italia ce n'è sempre stato uno, da quando l'hanno Costituita.Ed è sempre stato il partito di maggioranza relativa.E' veramente scandaloso chi poi viene su queste pagine a puntare il dito contro il p2p tacciandolo di essere un crimine immondo. Solo chi è estremamente e intollerabilmente ipocrita puo' farlo.
    • krane scrive:
      Re: A quando il partito della Mafia ?
      - Scritto da: Kappa
      Sarà anche democrazia, sarà anche che ha preso un
      seggio, ma seriamente parlando è come se in
      Italia avessimo il partito della Mafia...Bhe, avere uno della p2 al governo cos'e' ????
    • lufo88 scrive:
      Re: A quando il partito della Mafia ?
      Il partito dei pirati è un nome provocante. Non vuole permettere il download selvaggio da internet, ma bensì legalizzarlo ad esempio facendo pagare la famosa tassa sulla linea ADSL, vale a dire tutti pagano 5-6 al mese e possono scaricare quello che vogliono, se lo fanno per scopo personale.La pirateria, non la puoi fermare, se non uccidendo la libertà civile (vedi Sarkozy che vuole togliere la linea internet agli scariconi) e violando qualsiasi principio giuridico (sempre Sarkozy che prevede l'assurdo del "colpevole fino a prova contraria" quando è l'esatto contrario).Prima di fare confronti assurdi, informati.ciao
      • Kappa scrive:
        Re: A quando il partito della Mafia ?
        Ma scusa, ma ti pare che 5-6 al mese a persona siano abbastanza da sostituire la visione al cinema, l'acquisto di CD e DVD e via dicendo ?Al massimo dovrà essere 5-6 al giorno!!Mettiti un attimo nei panni di chi fa arte.Io sto scrivendo un libro, sto perdendo un tempo infinito, ricerca delle fonti, "perdita" di tempo nello scrivere e ricercare che tutto sia corretto. Insomma mi sto facendo un XXXX tanto cosi.Se io quando ho finito questo libro, lo pubblico e magari, dico magari, ha sucXXXXX. Secondo te non dovrei essere ripagato almeno per quello che ho fatto ?Perchè dovrei condividere i miei sforzi con tutti ?Vedi il problema è del mondo in cui viviamo. Non viviamo in un posto utopico dove tutti condividono quello che fanno.Ognuno di noi vuole avere un suo piccolo orticello da coltivare e quello che ne esce lo vuole per se. Non credo che se ti smazzi per far uscire i pomodori o l'insalata, poi la condividi a 5-6 al mese con il primo che passa.
        • krane scrive:
          Re: Re: A quando il partito della Mafia ?
          - Scritto da: Kappa
          Ma scusa, ma ti pare che 5-6 al mese a persona
          siano abbastanza da sostituire la visione al
          cinema, l'acquisto di CD e DVD e via dicendo ?Veramente non mi sembra che il cinema stia risentendo della cosa : http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/cultura/news/2009-06-08_108374019.htmlHa incassato nel primo weekend di programmazione 1.465.406 euro in solo italia ????
          Al massimo dovrà essere 5-6 al giorno!!
          Mettiti un attimo nei panni di chi fa arte.Ecco, che so, fai un libro da cui viene tirata fuori la sceneggiatura di un film come quello sopra ?
          Io sto scrivendo un libro, sto perdendo un tempo
          infinito, ricerca delle fonti, "perdita" di tempo
          nello scrivere e ricercare che tutto sia
          corretto. Insomma mi sto facendo un XXXX tanto
          cosi.Ma tu non solo non hai voglia di farti il XXXX, ma vuoi essere pagato anche per le copie che non vendi se il tuo libro fa schifo.
          Se io quando ho finito questo libro, lo pubblico
          e magari, dico magari, ha sucXXXXX. Secondo te
          non dovrei essere ripagato almeno per quello che
          ho fatto ?
          Perchè dovrei condividere i miei sforzi con tutti ?Perche' altrimenti i soldi nessuno te li da', o dovremmo fidarci e darteli prima solo perche' tu tu chiami Pinco Pallino ?
          Vedi il problema è del mondo in cui viviamo. Non
          viviamo in un posto utopico dove tutti
          condividono quello che fanno.E questo ci impedisce di puntare in quella direzione ? Di tentare di abbattere di soggetti che tentano arbitrariamente di inventare passaggi inutili su cui mangiare denaro aggratis ?
          Ognuno di noi vuole avere un suo piccolo
          orticello da coltivare e quello che ne esce lo
          vuole per se. Non credo che se ti smazzi per far
          uscire i pomodori o l'insalata, poi la condividi
          a 5-6 al mese con il primo che passa.Veramente chi ha un orto di solito non si fa problemi a distribuire un po' dei suoi prodotti in giro ai vicini "a buon rendere", forse semplicemente tu un orto non l'hai mai avuto e parli come uno che invidia l'orto altrui.
    • beebox scrive:
      Re: A quando il partito della Mafia ?
      - Scritto da: Kappa
      Sarà anche democrazia, sarà anche che ha preso un
      seggio, ma seriamente parlando è come se in
      Italia avessimo il partito della
      Mafia...Il Partito Pirata nasce proprio per opporsi a quello della Mafia (anzi di varie Mafie), che in Italia esiste almeno dal 1946.
  • jfk scrive:
    Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
    - Scritto da: Roberto Valiani
    Esatto, sono cerebroleso, e te sei un ladro.Non e' questione di essere ladri o meno.Io ti dico che regolarmente andavo al cinema a vedere XXXXXte di ogni genere, perche' i trailer erano spettacolari. Ora dopo innumerevoli inc..late, li scarico e li guardo. Se sono belli, li vado a vedere al cinema altrimenti amen. Da premettere, che NON ne conservo NEMMENO UNO, ed una volta usciti in dvd, TUTTI ORIGINALI, li vado ad acquistare. Ho una discreta videoteca, con tanto di copie di backup, per le quali SONO costretto a pagare a quei LADRI della SIAE l'equo compenso su i supporti vergini, per farmi una copia di backup del supporto che legalmente e' mio. Vogliamo mettere poi l'accento sui brevetti software che stanno tentando di far approvare in europa, dove esiste una societa' che lo brevetta nonostante non abbia nessun valore legale. Stanno tentando di farli entrare anche dal buco del XXXXX, perche' i vari tentativi sono sinora falliti. L'ultimo perche' era troppo penalòizzante per BSA & C, e quindi sotto la spinta di microsoft (eh, le lobby), e' andato tutto a carte e quarantotto. Ed il bello che ci sono i piccoli XXXXXXXXX che li appoggiano, non riuscendo a capire che se dovessero prendere piede tutte queste cazate , sarebbero loro i primi a rimanere fregati. Ci server della gente che ci protegga da queste sanguisuge. Vogliamo poi vedere in costo in Italia ed all'estero della stessa copia di dvd? beh allora risintonizziamoci un attimino e poi parliamo.Ciao.
  • sw3ntrax scrive:
    proposta interessante...
    non ho ancora capito perché non copiamo dagli States: per i primi 15 giorni il cd costa solo 12/15 euretti, poi risale a 24 (prezzo da ladri, ndr)...finché i prezzi dei cd saranno sui 24 la pirateria ci sarà sempre... le lobby discografiche vogliono guadagnarci sempre troppo... guardate m2o, prezzi bassi e vendite alte... mai sentito uno che ha scaricato un cd m2o...
  • Ignorante scrive:
    Meno male che ci sono gli svedesi
    Da noi niente..... ma forse perchè stiamo ancora troppo bene: da buon paese del sommerso scarichiamo senza dirlo troppo in giro. Mi lascia un po’ interdetta invece la francia… che non si siano accorti della dottrina Sarkozy; ma se va bene a loro!
    • Get Real scrive:
      Re: Meno male che ci sono gli svedesi
      - Scritto da: Ignorante
      Mi lascia
      un po’ interdetta invece la francia…
      che non si siano accorti della dottrina Sarkozy;
      ma se va bene a
      loro!Se ne sono accorti ed evidentemente non è una questione importante. A loro va bene e anche a noi dovrà andar bene, per forza di cose.
      • tandreatta scrive:
        Re: Meno male che ci sono gli svedesi


        Mi lascia
        un po' interdetta invece la francia

        che non si siano accorti della dottrina Sarkozy;

        ma se va bene a loro!

        Se ne sono accorti ed evidentemente non è una
        questione importante. A loro va bene e anche a
        noi dovrà andar bene, per forza di cose.I francesi hanno ancora una Corte Costituzionale che applica la Costituzione (HADOPI non reggera' alla verifica costituzionale ...)
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Meno male che ci sono gli svedesi
      Meno male che ci sono le svedesi :p :p :p :p :p :p :p :p :p
  • Paolo Garbet scrive:
    PER I MUSICISTI
    Se con la musica non riuscite a guadagnare, andate a lavorare in fabbrica, chè c'è bisogno di manodopera! E non preoccupatevi per il futuro della musica: di musicisti più bravi di voi ce ne saranno sempre, anche troppi!
    • BLah scrive:
      Re: PER I MUSICISTI
      Sì infatti in TV gira Marco Carta... bravo vero?
    • Eugenio Odorifero scrive:
      Re: PER I MUSICISTI
      Guarda che sono le fabbriche a chiudere: le band sono in aumento... ;)- Scritto da: Paolo Garbet
      Se con la musica non riuscite a guadagnare,
      andate a lavorare in fabbrica, chè c'è bisogno di
      manodopera! E non preoccupatevi per il futuro
      della musica: di musicisti più bravi di voi ce ne
      saranno sempre, anche
      troppi!
    • Marco Ravich scrive:
      Re: PER I MUSICISTI

      Forward AgencyIn progress we (always) trust.
    • Scoramento scrive:
      Re: PER I MUSICISTI
      - Scritto da: Paolo Garbet
      Se con la musica non riuscite a guadagnare,
      andate a lavorare in fabbrica, chè c'è bisogno di
      manodopera! E non preoccupatevi per il futuro
      della musica: di musicisti più bravi di voi ce ne
      saranno sempre, anche
      troppi!Mavvà, il piatto piange! Di musicisti tecnicamente preparati è pieno il mondo, ma di gente che ha il coraggio (e la voglia) di mettersi a scrivere proprio materiale... beh, se all'estero ce ne sono pochi, in italia si contano proprio sulle dita di una mano. Escludendo i tentativi "amatoriali" di band di adolescenti che scrivono canzoni copiandole quasi paro-paro dagli album dei propri beniamini, nessuno lavora a un proprio stile.Ovviamente il motivo è che nessuno finanzia chi lavora a un proprio stile, e non sto parlando dei consumatori che non comprano, quanto dei locali che non ingaggiano e delle etichette che snobbano (per investire anzi su "prodotti" in serie come i Dari, con un ritorno sicuro).
  • Enjoy with Us scrive:
    Spero serva in Europa...
    .... a dare spazio alle ragioni dei cittadini!Spero rappresenti una spia del malessere dei vari utenti e che spinga ad attenta meditazione le forze politiche convenzionali.... rende di più prestare ascolto all'industria dei contenuti o agli utenti... alla fine sono loro che votano e il 7% dei consensi in tre anni non è poco!
  • sk000ks scrive:
    a quando in Italia?
    siamo pronti a votarlo alle prossime elezioni
    • Get Real scrive:
      Re: a quando in Italia?
      Per allora sarà stato messo fuori legge.
      • Rattuso scrive:
        Re: a quando in Italia?
        - Scritto da: Get Real
        Per allora sarà stato messo fuori legge.Questo solo nei tuoi sogni baganati di videotecaro, però poi ti tocca svegliarti @^ @^ @^
        • Get Real scrive:
          Re: a quando in Italia?
          Non sono un frequentatore delle videoteche. Il fatto che ragioni secondo il principio "chiunque non mi dica quel che voglio sentire è un nemico" tradisce la tua ingenuità e la tua scarsa capacità di comprensione. Sei il migliore amico degli schiavizzatori, perché non sei capace di vedere oltre la tua ristretta ottica e di fronte allo scontro ti presenterai tutto solo o come parte di uno sparuto gruppetto che sarà ignorato con tranquillità.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: a quando in Italia?
            - Scritto da: Get Real
            Non sono un frequentatore delle videoteche.Non credo che lui intendesse darti del frequentatore di videoteche (rotfl) (rotfl) (rotfl)
      • nononloso scrive:
        Re: a quando in Italia?
        - Scritto da: Get Real
        Per allora sarà stato messo fuori legge.Apologia di reato. Ci avete già provato :)
    • alexbottoni scrive:
      Re: a quando in Italia?
      Dal 2005.Potevi votarci anche a queste elezioni:http://www.ilprogettoarancione.it/http://www.partito-pirata.it/http://www.alessandrobottoni.it/Durante la campagna elettorale ne hanno parlato, tra gli altri:Il Corriere della Sera (su carta e su web)ZeusNewsL'Unità (su carta e su web)L'Altro (su carta e su web)Il ManifestoCiao
      • desto sinistro scrive:
        Re: a quando in Italia?
        Intanto vorrei un partito che non si dichiarasse di destra o di sinistra.
      • Paride scrive:
        Re: a quando in Italia?
        - Scritto da: alexbottoni
        Dal 2005.

        Potevi votarci anche a queste elezioni:

        Alessandro, io lo avrei fatto piu' che volentieri, ma il problema e' che non ti ho trovato tra i candidati presento in puglia...
      • Carlo scrive:
        Re: a quando in Italia?
        - Scritto da: alexbottoni
        Dal 2005.

        Potevi votarci anche a queste elezioni:Caro Alessandro,sono fra quelli che ritengono che un Partito Pirata italiano è quantomai necessario. Però secondo me (e lo dico con tutta l'umiltà possibile) avete commesso un errore strategico: quello di presentarvi con una delle formazioni più etichettabili come "di sinistra". Questo, in tempi in cui la sx è in generale ribasso di sicuro non vi ha aiutati. Se voi aveste cercato una alleanza con l'IdV o con la Lega (in questa occasione non ne avevano bisogno ma in altri tempi io non lo avrei ritenuto impossibile, per una serie di motivi che non sto a discutere qui), forse ne avreste tratto maggior beneficio. Te lo dico di cuore e senza polemiche, ma te lo dico qui su un forum pubblico per suscitare una discussione e vedere quali sono le opinioni in proposito. Magari il Partito Pirata italiano dovrebbe aprire un dibattito interno su questo tema, per il futuro. Perché IMHO in Italia di sx e di dx ce n'è già anche troppa: quello che manca è un Partito Pirata.
        • Senbee scrive:
          Re: a quando in Italia?
          In effetti la vostra collocazione naturale, a livello proprio di programma - che è identico al vostro sulla vostra materia - è decisamente la lista Bonino-Pannella. Avreste anche preso più voti alle europee, riuscendo magari nell'impresa di superare il 4% anche in Italia.
          • Bastard Inside scrive:
            Re: a quando in Italia?
            - Scritto da: Senbee
            In effetti la vostra collocazione naturale, a
            livello proprio di programma - che è identico al
            vostro sulla vostra materia - è decisamente la
            lista Bonino-Pannella. Avreste anche preso più
            voti alle europee, riuscendo magari nell'impresa
            di superare il 4% anche in
            Italia.Mi hai letto nel pensiero! Per carità, sono sicuro che la "becera" Lega si darà da fare per rompere le uova nel paniere alle lobby e multinazionali, magari anche IdV, però per certe questioni la presenza dei Radicali in Europa, magari alleati coi "Pirati", sarebbe stata più utile, sono più abili dialetticamente e sanno darsi da fare meglio di chiunque altro anche quando sono in pochi.
      • aPenguin scrive:
        Re: a quando in Italia?
        Io ti ho votato e ti ho fatto votare almeno da un'altro paio di persone, però purtroppo non è servito. Molti seguono e votano solo quello che conoscono e con l'attuale monopolio televisivo e di buona parte della stampa immaginavo che sarebbe stato molto difficile avere almeno il 4% necessario per un seggio in EU.Per me non aveva importanza il partito a cui vi siete legati ma vedo che per qualcuno è stato così, forse dovevate slegarvi dalla destra/sinistra ma vabbè.. stavolta è andata così e magari non avevate molto spazio di manovra.C'è anche da considerare che buona parte di italiani sono tecnologicamente ignoranti (digital divide e tutto il resto) e delle tematiche della rete ne sanno poco o poco gli interessa.Almeno fino ad ora.. La cosa sarà ben diversa quando anche qui inizieranno a parlare insistentemente di multe e disconnessioni. Ora che le votazioni sono finite prevedo che a breve ne sentiremo parlare anche qui.Anzi.. date una bella occhiata al forum di categoria del videonoleggio e leggetevi il topic, ci sono cose molto interessanti (e tristi):http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=20499 Per quanto mi riguarda voterò di nuovo chi cercherà di frenare tutta questa follia dell'antipirateria.
      • tonino molisano scrive:
        Re: a quando in Italia?
        io sono stato l'unico nel mio comune a votartiammetto che ero molto indeciso, vista la presenza dei verdi e dei post-comunisti, ma riflettendo mi son detto: "ci sono le preferenze!", quindi non è come alle politiche, in cui i pseudo-progressisti contribuiscono ad eleggere la Binetti...mi spiace per la debacle, spero tu possa essere nuovamente coinvolto nel progetto, mi auguro in una nuova Rosa Nel Pugno (a me gustava molto quella formazione radical-progressista)
      • sandro scrive:
        Re: a quando in Italia?
        forse avrebbe aiutato l'evitare di scrivere un articolo così pieno di castronerie...
    • atamata scrive:
      Re: a quando in Italia?
      in italia i pirati sono già al governo anche se non sono informatici
      • pippo scrive:
        Re: a quando in Italia?

        in italia i pirati sono già al governo anche se
        non sono
        informaticiQUOTO
      • rock3r scrive:
        Re: a quando in Italia?
        il nostro ministro dell'interno si è dichiarato orgogliosamente pirata: http://www.webnews.it/news/leggi/4701/maroni-scarico-illegalmente-musica-da-internet/
    • lufo88 scrive:
      Re: a quando in Italia?
      Nella sezione nord-est di Sinistra e libertà era candidato il segretario del partito pirata, Bottoni. :-)
      • rock3r scrive:
        Re: a quando in Italia?
        l'avrei anche votato se non fosse stato in sinistra e libertà ;)
        • alexbottoni scrive:
          Re: a quando in Italia?
          Sinistra e Libertà è stato l'unico partito ad averci offerto questa possibilità. Voi cosa avreste fatto?Ovviamente, una volta accettata questa proposta, era meglio che me ne occupassi io (che sono un vecchio comunista) piuttosto che qualcun'altro della nostra associazione, magari più orientato a destra.Convincete Silvio a farci la stessa proposta e forse uno dei membri "destrosi" del Partito Pirata Italiano sarà disposto a presentarsi come candidato nelle sue liste (di sicuro non io).Tenete presente che abbiamo rapporti formali e non formali con quasi tutti i partiti esistenti da quando esistiamo e nessun'altro, oltre a Sinistra e Libertà, è mai arrivato a farci una proposta concreta. Questo non è un caso, ovviamente.
          • Senbee scrive:
            Re: a quando in Italia?
            Non è vero: i Radicali vi avrebbero accolti a braccia aperte.Vi corteggiano anche su Radio radicale: http://www.radioradicale.it/scheda/276004/festa-dei-pirati
          • Carlo scrive:
            Re: a quando in Italia?
            - Scritto da: Senbee
            Non è vero: i Radicali vi avrebbero accolti a
            braccia
            aperte.
            Vi corteggiano anche su Radio radicale:
            http://www.radioradicale.it/scheda/276004/festa-deEcco, infatti. Io dicevo IdV, ma ancora meglio i Radicali. Credo che di voti non ne avreste presi di meno di quelli che avete preso con Sx e Libertà.
          • tonino molisano scrive:
            Re: a quando in Italia?
            ma certo... nell'Italia dei Valori!i pirati nel partito delle Manettequesti vogliono più controlli, più polizia (postale), più interrogatori e meno diritti per l'indagato (leggiti i PDF delle loro orrende proposte di legge di riforma del codice di procedura penale, fanno rabbrividire!)
          • Carlo scrive:
            Re: a quando in Italia?
            - Scritto da: tonino molisano
            ma certo... nell'Italia dei Valori!
            i pirati nel partito delle Manette

            questi vogliono più controlli, più polizia
            (postale), più interrogatori e meno diritti per
            l'indagato (leggiti i PDF delle loro orrende
            proposte di legge di riforma del codice di
            procedura penale, fanno
            rabbrividire!)Se mi dai qualche link le leggerò senz'altro. Comunque, a scanso di equivoci, avevo parlato di IdV e di Lega, giusto per sottolineare come il punto sia un altro. Indubbiamente, come qualcun altro suggeriva, la cosa più logica in questo particolare momento sarebbe stata quella di cercare un'alleanza con i Radicali, ovviamente al prezzo di non buttarla troppo sul "sinistrorso".
          • Carlo scrive:
            Re: a quando in Italia?
            - Scritto da: alexbottoni
            Sinistra e Libertà è stato l'unico partito ad
            averci offerto questa possibilità. Voi cosa
            avreste
            fatto?Immaginavo che il motivo fosse quello, e comprendo. Però per il futuro io ci rifletterei seriamente. Non mi aspetto che ci possano essere spazi di accordo con il PdL, ovviamente, ma con IdV penso di si. E in altri tempi sono certo potrebbero esservene con la Lega , perché Maroni non è che non ne sappia proprio nulla di queste cose. E la Lega è quel tanto "euro-scettica" che basta per rendere Bruxelles un po' meno soggetta alle "tirate di giacchetta" da parte di questa o quella lobby di multinazionali di quanto non lo sia il PPE (a BXL fra quelli che osteggiavano l'EPLA c'era proprio la Lega).
            Convincete Silvio a farci la stessa proposta e
            forse uno dei membri "destrosi" del Partito
            Pirata Italiano sarà disposto a presentarsi come
            candidato nelle sue liste (di sicuro non
            io).L'importante è che nel Partito Pirata ci siano anche quelli che pur di portare avanti i temi di fondo non stanno troppo a cavillare su sx e dx e fanno quello che più conviene al Partito Pirata medesimo e alle idee che esso rappresenta.
            Tenete presente che abbiamo rapporti formali e
            non formali con quasi tutti i partiti esistenti
            da quando esistiamo e nessun'altro, oltre a
            Sinistra e Libertà, è mai arrivato a farci una
            proposta concreta. Questo non è un caso,
            ovviamente.Come ripeto, io capisco e comprendo, ma le alleanze possono portare voti o farli perdere, quindi bisogna poi rifletterci su alla luce dei risultati.Come ripeto, non voglio dare lezioni di strategia a nessuno, sto solo riflettendo ad alta voce e in pubblico.
          • rock3r scrive:
            Re: a quando in Italia?
            coi radicali vi avrei probabilmente votati :) no alessandro guarda io sono di centrosinistra e non vi avrei votati nemmeno se foste stati in lista col papi... però se aveste avuto un candidato nel pd, nell'idv o nei radicali probabilmente vi avrei votati.il punto è che comunque non vorrei votare qualcuno troppo lontano dal mio sentire e dal momento che ovviamente non vi siete presentati da soli non me la sono sentita, anche se vi appoggio in pieno (molto più di quanto non appoggi la linea oltranzista del piratpartiet svedese...) però ecco mi pare strano che nemmeno i radicali, che da tempo danno segnali in materia di p2p e libertà digitali che vanno nello stesso vostro segno, vi abbiano proposto candidature... mah valli te a capire probabilmente erano troppo impegnati a gridare al totalitarismo ed ad indossare la stella di david...
          • Senbee scrive:
            Re: a quando in Italia?
            No no, i Radicali hanno appoggiato moltissimo il Partito Pirata. Se non si sono avvicinati è stato solo per volontà del Partito Pirata Italiano.Cappato è d'accordo al 100% con le posizioni del Partito Pirato italiano. A livello di Parlamento Europeo ha fatto più Cappato di chiunque altro per la salvaguardia delle libertà digitale.La proposta di legge per la legalizzazione del p2p e la depenalizzazione del reato di sharing è sua e del gruppo radicale.
    • Marco scrive:
      Re: a quando in Italia?
      Fin quando ci sarà Bottoni la vedo dura. "Noi non siamo figlio del novecento" grida uno slogan dell'onda anomala e mi sembra che il partito pirata svedese intercetti proprio questo tipo di persone e di disagi a loro connessi. Bottoni è figlio del Novecento e quindi legato ancora al concetto di destra e sinistra storica, cosa che non fanno in Svezia perchè chi ha fatto il partito pirata è frutto del nuovo secolo.Il caro Bottoni purtroppo è un ex militante FIGC (buon per lui, anche mio padre lo era) quindi militante del PCI (buon per lui, a volte li invidio) quindi abituato a ragionare secondo dinamiche ormai vecchie. Vedete la difficoltà del centro sinistra in Italia secondo me è proprio dettata da questo problema. Non sono più in grado di fare politica perchè legati a dinamiche politiche vecchie e morte e quindi lasciano un vuoto in cui il più populista arranca voti. Vorrei capire da Bottoni qual'è la loro politica come partito pirata. Quello di candidarsi con Sinistra e Libertà? Povero Vendola avrà già molti problemi dopo queste elezioni, perchè caricarlo di altro.Ciao
      • alexbottoni scrive:
        Re: a quando in Italia?
        Si, io sono una persona del '900.Se qui nel forum sono presenti persone del XXI secolo disposte a darsi da fare CONCRETAMENTE per questa causa, possono contattare la nostra o qualunque altra associazione che si occupa di questi temi e dimostrare CONCRETAMENTE di cosa sono capaci.Il Partito Pirata Italiano NON è un mio trademark. E' una associazione di cui chiunque può fare parte ed all'interno della quale chiunque può tentare di far valere le proprie opinioni.Fatelo.
        • Guybrush scrive:
          Re: a quando in Italia?
          - Scritto da: alexbottoni
          Si, io sono una persona del '900.[...]
          Il Partito Pirata Italiano NON è un mio
          trademark. E' una associazione di cui chiunque
          può fare parte ed all'interno della quale
          chiunque può tentare di far valere le proprie
          opinioni.E' stata rivolta una domanda:[B]Vorrei capire da Bottoni qual'è la loro politica come partito pirata. Quello di candidarsi con Sinistra e Libertà? Povero Vendola avrà già molti problemi dopo queste elezioni, perchè caricarlo di altro[/B]In risposta e' arrivato... cosa? Perfavore, puo' rispondere alla domanda? Basta anche un link eh?Nel '900 ci sono nato anche io e sono cresciuto a suon di gambizzati, attentati, rapine di autofinanziamento e stelle a 5 punte capovolte.Non e' stato un bel periodo, no.Vivaddio adesso ci si preoccupa piu' del copyright che di alcuni criminali che si facevano chiamare Proletari Armati Combattenti, Brigate Rosse e compagnia bella.Pero' anche allora i politici di entrambe gli schieramenti davano a domande concrete come questa, rispondevano con l'aria fritta che si, e' buonissima, ma non offre molto.Sto divagando.Tornando a bomba (pardon) sulla domanda:Cosa fa di bello il partito pirata che durante le elezioni si e' nascosto dietro una falce e martello? Le stesse cose che fa Sinistra e Liberta'? Ha a cuore il copyright e le liberta' digitali? Intende dare il voto anche ai computer?Non lo so.A parte qualche articolo su P.I. non s'e' mai visto dalle mie parti alcun simbolo, non s'e' sentito nessuno parlare come partito pirata alle tribune elettorali trasmesse in radio (e me le sono sciroppate tutte), non ho avuto notizia di nulla. Come ho detto prima basta un link, qualcosa che permetta (oltretutto) l'adesione di chi e' interessato altrimenti questo: [B]Il Partito Pirata Italiano NON è un mio trademark. E' una associazione di cui chiunque può fare parte ed all'interno della quale chiunque può tentare di far valere le proprie opinioni.Fatelo.[/B]Rimane una sterile sparata, perfettamente in linea con la politica degli ultimi 20 anni (direi pure 30, ma e' da 20 che voto e mi faccio scrupolo di non rivotare mai chi mi delude).Saluti.-- GT-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 giugno 2009 13.59-----------------------------------------------------------
          • tasso scrive:
            Re: a quando in Italia?
            veramente Bottoni non si è candidato "dietro alla falce e martello", ma in Sinistra e Libertà, che è quella forza politica (neonata) che vorrebbe dare un taglio al passato... forse ti confondi con Rifondazione Comunista...Personalmente ho trovato buona la scelta, che ha pagato solo una scarsa conoscenza da parte dell'elettorato di questa nuova proposta. Son convinto che S&L potrebbe recepire adeguatamente le istanze del partito pirata, e son d'accordo che non sarà l'unica forza compatibile. L'IDV, no, ma i Radicali sì, ad esempio.Poi uno, se si candida personalmente, non può candidarsi in una forza che su altri argomenti (magari più rilevanti) è in disaccordo...
          • Marco scrive:
            Re: a quando in Italia?
            Il problema del partito pirata è Bottoni. Lui non risponde, lui indica la strada giusta. Premesso che ho simpatia per Sinistra e Libertà, vorrei capire l'astuta mossa politica di Bottoni di candidarsi con Sinistra e Libertà. Quale istanze del partito pirata avrebbe portato costui in campagna elettorale? Oppure ci si è candiadati con Sinistra e libertà proprio perchè figlio del Novecento e figlio di un modo di far politica che, si è visto, ormai non porta a nulla?Quale e quanto spazio ha avuto Il partito pirata in Italia? Forse è ora di pensare che l'associazionismo politically corect di centro sinistra non funziona poi così bene come si credeva. In Svezia 5 persone sono andate a testa alta in tribunale, si sono presi una condanna e il partito pirata svedese prede il 7%. L'attività ricreativa di qui parla Bottoni dentro un'associazione ormai non basta più, si rischia di essere presi per dei NERD fissati con i computer. Serve un'attività politica forte, che sia in grado di radicarsi nel territorio e soprattutto una politica che a volte deve essere di scontro contro i poteri forti che hanno determinato il disagio che sta alla base del partito pirata.
    • Paolo T. scrive:
      Re: a quando in Italia?
      Tipica affarmazione da scaricatore aggratis. Un musicista (che campa anche con i diritti d'autore) avrebbe detto: ora lo creo anche in Italia, un partito così. Ma figurarsi: alzarsi dalla sedie si fa solo per andare a prendere una bibita gassata dal frigo.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    I post dei videotecari...
    ... TRISTEZZA A PALATE!!![yt]y30X3W2xto4[/yt][yt]LZEvg9zQfX4[/yt]
  • Rin Kobayashi scrive:
    Enzo Mazza
    so che ogni tanto leggi PI, spero che tu abbia letto questo articolo e spero che tu legga questo commento e mi auguro che una volta tanto ti renda conto di dove portano certe posizioni talebane.Ora avete a che fare con un partito... che rappresenta ben il 7% di un intero Paese. Numero che è destinato a crescere in futuro, che lo vogliate o no, mano a mano che le vecchie generazioni che di PC non capiscono, né vogliono capire, un tubo fanno spazio alle nuove.La vostra guerra vi sta portando alla rovina, la vostra insistenza nel non voler accettare nuove forme di commercio e di adattarvi ai tempi vi sta facendo estinguere. Più cercate di usare il pugno di ferro più gente fate XXXXXXXre e meno sostegno avete.Vuoi qualche proposta concreta per far andare le persone al cinema e far comprare loro DVD? Facile... perché quando compriamo un DVD non possiamo ottenere un forte sconto sul film se lo abbiamo già visto al cinema presentando il biglietto? Quante volte dobbiamo pagare per intero il diritto d'autore?Vuoi che la gente vada ai concerti? Perché non vendete il CD al solo prezzo del supporto (includici gli artwork e le lyrics se proprio vuoi) all'uscita del concerto? Se ho pagato per ascoltarmi Ligabue perché poi devo ripagare il prezzo per intero per acquistarmi il CD relativo?Vedi caro Enzo, le idee ci sono, sono attuabili e sensate. Diminuireste la pirateria e avreste ingressi in più. Ma no invece, continuate pure a fare la voce grossa, a urlare e sbraitare, a pagare i vostri servi perché vadano in TV a fare le vittime quando sappiamo tutti bene che fuori dagli studi televisivi c'è la Ferrari che li aspetta e la villa al mare, continuate pure a spararvi sui piedi e martellarvi le p*lle. Vi state suicidando da soli. Lo vedi che sta succedendo? Vuoi che il copyright svanisca del tutto? È questo che vuoi davvero? Perché è questa la strada che state per imboccare. Io non lo voglio, penso che abbiate il diritto di ricevere il _giusto_ compenso per il vostro lavoro, ma che sia giusto però.Adattatevi ai tempi, o estinguetevi. Le cose funzionano così e non ci vuole un genio a capirle.Ora il 7% degli svedesi... domani quale altra nazione? Quanti pensi siano le persone che si schiederebbero dalla vostra parte? Vi siete inimicati tutti, persino diversi stessi autori che vi stanno vedendo affondare e abbandonano la nave prima che sia troppo tardi.La mia non vuole essere una critica feroce e distruttiva nei tuoi e nei vostri confronti, sono solo suggerimenti per evitare ciò che oramai si profila essere inevitabile.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 giugno 2009 03.16-----------------------------------------------------------
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Enzo Mazza
      Signor Enzo Mazza, qualora davvero lei leggesse il post dell'amico Rin Kobayashi qui sopra, Le ricordo che il post linkato qui sotto, a lei dedicato il 21 aprile scorso in occasione del suo articolo su punto informatico, è ancora in attesa di una sua risposta:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2605143&m=2605406#p2605406
    • Get Real scrive:
      Re: Enzo Mazza
      Continua a sognare. Il partito pirata ha avuto UN seggio mentre le formazioni che appoggiano la lotta alla pirateria, vedi il partito di Sarkozy, hanno stravinto. Sarà una piccola, risibile voce di minoranza in un oceano pro-major.Sperare nel ricambio generazionale fa sorridere: quando i "giovani" avranno l'età per entrare nelle stanze del potere, non saranno più giovani. I politici di adesso con la loro linea pro-corporation erano i figli dei fiori degli anni sessanta.Il giogo rimane: cambia solo chi regge la cavezza.
      • Bastard Inside scrive:
        Re: Enzo Mazza
        - Scritto da: Get Real
        Continua a sognare. Il partito pirata ha avuto UN
        seggio mentre le formazioni che appoggiano la
        lotta alla pirateria, vedi il partito di Sarkozy,
        hanno stravinto. Sarà una piccola, risibile voce
        di minoranza in un oceano
        pro-major.

        Sperare nel ricambio generazionale fa sorridere:
        quando i "giovani" avranno l'età per entrare
        nelle stanze del potere, non saranno più giovani.
        I politici di adesso con la loro linea
        pro-corporation erano i figli dei fiori degli
        anni
        sessanta.

        Il giogo rimane: cambia solo chi regge la cavezza.Non credo proprio che chi ha eletto Sarkozy avesse in mente la lotta alla pirateria, forse manco l'ha menzionata in campagna elettorale. Sarkozy ha pescato voti aggiuntivi sufficienti a stravincere fra gli abitanti delle periferie degradate che, a torto o a ragione, si vedrà dai risultati, sperano che agisca concretamente contro la violenza e delinquenza che le piaga. Questa sua conversione alla causa delle major ha spiazzato molti anche fra i suoi elettori e c'è molto malcontento da destra a sinistra su questo.
  • Marco scrive:
    Democrazia
    Hanno fatto un partito e sono stati votati, bravi. È un esempio il loro che potrebbe essere replicato anche in altri paesi ma non sulla falsariga italiana dove il "Partito Pirata" si è alleato/sciolto all'interno di "sinistra e libertà" facendogli raggiungere un misero 3% che sarebbe stato molto più alto presentandosi da soli.
    • marcov scrive:
      Re: Democrazia

      facendogli raggiungere un misero 3% che
      sarebbe stato molto più alto presentandosi da
      soli.affermazione difficilmente dimostrabile.
      • Guybrush scrive:
        Re: Democrazia
        - Scritto da: marcov

        facendogli raggiungere un misero 3% che

        sarebbe stato molto più alto presentandosi da

        soli.

        affermazione difficilmente dimostrabile.Be', per quel che vale li avrei votati volentieri. Nascosti dietro la falce e martello proprio non li ho notati.
        • G F scrive:
          Re: Democrazia
          - Scritto da: Guybrush
          - Scritto da: marcov


          facendogli raggiungere un misero 3% che


          sarebbe stato molto più alto presentandosi da


          soli.



          affermazione difficilmente dimostrabile.

          Be', per quel che vale li avrei votati
          volentieri. Nascosti dietro la falce e martello
          proprio non li ho
          notati.Per forza non li hai notati: sul simbolo di Sinistra e Libertà non c'è la falce e il martello.
          • Ale scrive:
            Re: Democrazia
            Ma i nostri problemi sono diversi, noi abbiamo la corruzione galoppante e per questo , quelli che vogliono un cambiamento in italia hanno votato un magistrato preso di mira dai politicanti e cioè de magistris , che io sono fiero di aver votato
  • Ste scrive:
    Per chi li critica
    Le loro posizioni sono condivisibili o meno.Ma i voti li hanno presi. Ed è lo stesso discorso per i partiti più o meno razzisti e xenofobi che hanno preso seggi in Europa (Italia compresa).La xenofobia è condivisibile? La pirateria è condivisibile?Questione di punti di vista. Sta di fatto che finchè rispettano le regole democratiche tali idee non possono essere estromesse dal gioco politico.L'unica cosa che si può fare se non si condividono certe idee è non votarli. Se si pensa il viceversa...votarli.Detto questo: con 1 seggio (forse 2?...ma poca differenza fa) non credo che tale partito potrà essere determinante in nessun modo. Nè che potrà anche minimamente portare avanti il proprio programma. Però potrà "entrare" nel sistema, ovvero potrà sbirciare meglio dal buco della serratura. Oltre che naturalmente cercare di rompere le scatole il più possibile ai soliti "giochetti" tra venduti: una funzione prettamente di testimonianza e di denuncia.
    • Roberto Valiani scrive:
      Re: Per chi li critica
      moolto piu' facile che si facciano corrompere dal sistema in tempo reale.come SEMPRE.per ora si becchera' lo stipendio intanto...
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Per chi li critica
        - Scritto da: Roberto Valiani
        moolto piu' facile che si facciano corrompere dal
        sistema in tempo reale.

        come SEMPRE.

        per ora si becchera' lo stipendio intanto...Tu dai per scontato che tutti i politici all'estero siano come quelli italiani. Non è così. Specialmente nel Nord Europa.
      • Roberto Di scrive:
        Re: Per chi li critica
        - Scritto da: Roberto Valiani
        moolto piu' facile che si facciano corrompere dal
        sistema in tempo
        reale.

        come SEMPRE.

        per ora si becchera' lo stipendio intanto...Mi sa che dici queste cose perché tu faresti esattamente cosí
      • p4in scrive:
        Re: Per chi li critica
        Almeno non è lo stesso stipendio che prendono i nostri e almeno i loro non occupano metà della classifica dei peggiori assenteisti.Non sono mie illazioni, queste informazioni vengono dai giornali, e se le hanno pubblicate lì nonostante tutta la censura che normalmente viene fatta, figuramoci quale sarà la realtà.
    • Aname scrive:
      Re: Per chi li critica
      Secondo me invece possono fare molto di più, sono comunque delle persone dotate di un background culturale eccellente, sono giovani e sono estremamente intelligenti e sospinti da motivazioni profonde. Non penso che il loro scopo sia quello di andare a spiare o a rompere le scatole... in mezzo a tanti ignornati in materia informatica, possono dare un enorme contributo, per esempio per incentivare lo sviluppo dell'open source, per proporre e dare il via a progetti di sviluppo informatizzato delle istituzioni europee, delle scuole, delle università, delle amministrazioni pubbliche ecc.
    • attonito scrive:
      Re: Per chi li critica
      - Scritto da: Ste
      Le loro posizioni sono condivisibili o meno.
      Ma i voti li hanno presi. Ed è lo stesso discorso
      per i partiti più o meno razzisti e xenofobi che
      hanno preso seggi in Europa (Italia
      compresa).
      La xenofobia è condivisibile? La pirateria è
      condivisibile?Ho perso il nesso logico xenofobia = pirateria.
      • marcov scrive:
        Re: Per chi li critica
        Sono due cose che fino a pochissimo tempo fa erano socialmente riprovevoli e ora sono politicamente sdoganate. Ma per una persona intelligente le similitudini dovrebbero finire qui.
    • soulista scrive:
      Re: Per chi li critica
      - Scritto da: Ste
      Detto questo: con 1 seggio (forse 2?...ma poca
      differenza fa) non credo che tale partito potrà
      essere determinante in nessun modo. Nè che potrà
      anche minimamente portare avanti il proprio
      programma. Però potrà "entrare" nel sistema,
      ovvero potrà sbirciare meglio dal buco della
      serratura. Oltre che naturalmente cercare di
      rompere le scatole il più possibile ai soliti
      "giochetti" tra venduti: una funzione prettamente
      di testimonianza e di
      denuncia.I Radicali sono riusciti a far approvare la moratoria contro la pena di morte... e non sono certo il partito popolare...
  • Ale scrive:
    Quante chiacchiere
    Dentro i post precedenti noto molto flame , sicuramente in quel paese erano stanchi dei soliti politici e cosi' in molti hanno votato il partito pirata perchè il governo ormai la fà troppo sXXXXX.Come in italia molti hanno votato un giudice perseguitato da una classe politica corrotta fino al midollo spinale.Io ho votato Demagistris per vedere se davvero si ha ancora la possibilità di cambiare qualcosa nel paese.Per la lotta contro il p2p , ho avuto un pensiero perverso , e cioè visto che ormai le organizzazioni criminose non ci guadagnano nulla (nessuno che fà p2p ha un reale profitto) , lo si cerca di distruggerlo in modo da ridare il loro business ai mafiosi.Tanto la pirateria esisterà sempre come è sempre esistita ma ora il guadagno non cè + visto che ci si scambia le cose senza chiedere in cambio nulla se non al massimo altro materiale e non'è sempre richiesto
    • Srokia scrive:
      Re: Quante chiacchiere
      Non si tratta solo di pirateria, le nuove misure "anti pirateria" minano internet alla base, lo rendono meno democratico, per me la musica e i film possono infilarseli dove meglio credono, ma non esiste che il provider ha il diritto di vedere quello che faccio quando sono online.Anche perchè la sicurezza lascia a desiderare... i governi si perdono gli hdd :D
      • Guybrush scrive:
        Re: Quante chiacchiere
        - Scritto da: Srokia
        ma non esiste che il provider ha il diritto di
        vedere quello che faccio quando sono
        online.90 minuti di applausi, uso del congiuntivo a parte, hai proprio Ragione: non potevi centrare meglio il problema.La naturale conseguenza di una eventuale perquisizione delle connessioni di rete saranno le connessioni cifrate. Per dirla in breve il provider restera' completamente all'oscuro di quello che faranno gli utenti, gli resteranno in mano gli IP dei siti raggiunti, ma non sara' in grado di sapere, non subito almeno, se quell'utente sta violando o no la legge.
    • faccio cassa scrive:
      Re: Quante chiacchiere
      Vendo :VENDO SCHEDA VIDEO SAPPHIRE HD2600XT 256 MB GDDR4 pci-e 30 VENDO SCHEDA VIDEO PALIT HD2600XT 512 MB GDDR3 PCI-E 35 prezzo trasporto escluso ( versioni oem )per info contatto xfire: tgaserver
  • barbapapa scrive:
    proposta a PI
    perche' non fate una intervista a qualche musicista vero?mi piacerebbe proprio sapere cosa pensano loro della pirateria.Che qua, ognuno fa il buon samaritano amico dei musicisti che prendono poco dalle major. Domande chiavi:La pirateria vi aiuta? vendete di piu' se in 100.000 vi scaricano l'ultimo album?Metter su un concerto e' un gioco da ragazzi e potreste guadagnare anche se la musica fosse gratuita?
    • Roberto Valiani scrive:
      Re: proposta a PI
      Non non si guadagnerebbe.1- perche' lo stipendio di un musicista (il vero precario ante litteram) e' sempre stato composto da varie voci. un po' di siae, un po' di vendita dischi, un po' di concerto.2 - oggi e' praticamente rimasto solo il concerto e pure cn una concorrenza terribile, e solo sui prezzi.3 - si puo' fare musica SOLO come dopolavoro o con il grano del babbo alle spalle, se no si schiatta.tutto il resto sono XXXXXXX
      • ggiannico scrive:
        Re: proposta a PI
        Questo vale solo per gli artisti poco o per nulla conosciuti. Per tutti gli altri le cose stanno diversamente.. Ps.. gli artisti poco conosciuti non prendono nulla dalla Siae
        • Roberto Valiani scrive:
          Re: proposta a PI
          se togli quelli che escono da amici e xfactor cosa pensi che prendano gli altri?la musica e' finitauccisa dal p2pprendere senza dare non ha riscontro in natura.
          • ggiannico scrive:
            Re: proposta a PI
            E meno male che tu stesso hai parlato di concerti..
          • Roberto Valiani scrive:
            Re: proposta a PI
            COncerti?ho visto un gruppo di 4 persone (un manager e 3 artisti) venire in italia a fare un tour promozionale e beccavano 200 dollari a serata IN TUTTO per promozionare cosa? un album che te lo scarichi?ma per favore.Intanto rubando a man bassa si e' solo svalutata la musica, dando un sacco di potere mediatico a chi CREA miti e artisti (tra virgolette) come le cagate come xfactor e simili.e quelli GUADAGNANO.E' l'effetto Attila... si consuma tutto e poi si sparge il sale che non cresca piu' nulla...QUello che sta succedendo-
          • Sus Scrofa scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Roberto Valiani
            COncerti?

            ho visto un gruppo di 4 persone (un manager e 3
            artisti) venire in italia a fare un tour
            promozionale e beccavano 200 dollari a serata IN
            TUTTO per promozionare cosa? un album che te lo
            scarichi?non hai capito. Io pago per sentir cantare dal vivo. Io pago il concerto.io pago anche se l'artista mette online il suo disco. Ma pago l'artista. non voglio pagare nessun altro. Visto che esiste la possibilità tecnica di trasferire la musica dall'artista a me senza intermediari e i soldi a lui senza intermediari, perchè dovrei pagare le major?Quando una figura professionale viene resa obsoleta da una tecnologia, deve morire o trasformarsi. Oppure vogliamo vietare le lavatrici per non fare uno sgarbo alla corporation delle lavandaie?
          • angros scrive:
            Re: proposta a PI

            E' l'effetto Attila... si consuma tutto e poi si
            sparge il sale che non cresca piu'
            nulla...Questo è voluto: non vogliamo correre il rischio che "cresca" nuovamente gente che ragiona come te, o come le major.
          • Ale scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Roberto Valiani
            se togli quelli che escono da amici e xfactor
            cosa pensi che prendano gli
            altri?

            la musica e' finita

            uccisa dal p2p

            prendere senza dare non ha riscontro in natura.non'è vero perchè un cd originale è sempre una chicca.Però sai cos'è io la musica l'ascolto poco , però se il gruppo che piace viene in italia a fare un concerto io sono disposto anche a farmi 600km come il 16 farò per i "depesch mode" o come anni fà me ne sono fatto 400 per gli alpha blonde
          • Mariuolo scrive:
            Re: proposta a PI
            Ci sono anche io a vedere i DM e di km ne farò moooolti di più. Partenza da Bari, prima tappa Roma... seconda tappa Milano :DMa queste cose si fanno solo quando ne vale la pena... mica mi scomodo per Arisa.
          • Ale scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Mariuolo
            Ci sono anche io a vedere i DM e di km ne farò
            moooolti di più. Partenza da Bari, prima tappa
            Roma... seconda tappa Milano
            :D

            Ma queste cose si fanno solo quando ne vale la
            pena... mica mi scomodo per
            Arisa.io parto da brindisi :p
          • Marco scrive:
            Re: proposta a PI
            La musica è finita perchè il 99% dei cosiddetti musicisti fa spazzatura. Vedasi sanremo vinto dal pupillo della de filippa.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Roberto Valiani
            se togli quelli che escono da amici e xfactor
            cosa pensi che prendano gli
            altri?

            la musica e' finita

            uccisa dal p2p

            prendere senza dare non ha riscontro in natura.Dillo a loro:[yt]iI6mc46lxFA[/yt]
          • Giambo scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Roberto Valiani
            la musica e' finita
            uccisa dal p2pla musica e' finitauccisa dalle musicassetteil cinema e' finitoucciso dal VHSHmmmm ...
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Giambo
            - Scritto da: Roberto Valiani


            la musica e' finita

            uccisa dal p2p

            la musica e' finita
            uccisa dalle musicassette

            il cinema e' finito
            ucciso dal VHSSentenza Betamax :)
          • anonimo scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Roberto Valiani
            se togli quelli che escono da amici e xfactor
            cosa pensi che prendano gli
            altri?

            la musica e' finita

            uccisa dal p2p

            prendere senza dare non ha riscontro in natura.Hai perfettamente ragione, ma gli abituali frequentatori di PI non lo capiranno mai.
        • Eugenio Odorifero scrive:
          Re: proposta a PI
          - Scritto da: ggiannico
          Questo vale solo per gli artisti poco o per nulla
          conosciuti. Per tutti gli altri le cose stanno
          diversamente.. Ps.. gli artisti poco conosciuti
          non prendono nulla dalla
          SiaeDimentichi i discografici...
      • Srokia scrive:
        Re: proposta a PI
        vale lo stesso per i programmatori, ma a differenza i programmatori in genere hanno un etica migliore... per questo esiste software opensource :P
      • Pasquale Giulio Cesare scrive:
        Re: proposta a PI
        Non ti viene in mente che sia finito un modo di considerare i contenuti artistici?
      • Joe Tornado scrive:
        Re: proposta a PI

        2 - oggi e' praticamente rimasto solo il concerto
        e pure cn una concorrenza terribile, e solo sui
        prezzi.
        Perfetto, la pacchia è finita !
        3 - si puo' fare musica SOLO come dopolavoro o
        con il grano del babbo alle spalle, se no si
        schiatta.
        E va bene così, dopo che hai passato una giornata al lavoro sei libero di fare quello che più ti piace !
        tutto il resto sono XXXXXXXmi auguro che per certi "musicisti" la giornata lavorativa sia da passare in miniera e della durata di 15 ore, affinchè non abbiano il tempo e la voglia di inquinare l'aria con le loro XXXXXte
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: proposta a PI
      - Scritto da: barbapapa
      perche' non fate una intervista a qualche
      musicista vero?Che intendi per musicista vero? Uno che ha venduto il sedere alle major o uno che sa cantare o suonare? Perché le due cose sono mutualmente escluse.
      mi piacerebbe proprio sapere cosa pensano loro
      della pirateria.

      Che qua, ognuno fa il buon samaritano amico dei
      musicisti che prendono poco dalle major.Perché è la verità.
      Domande chiavi:Cioè chiavi con le domande? :D
      La pirateria vi aiuta?La pirateria diffonde l'arte e la conoscenza rendendoli accessibili a tutti senza limite geografico o di status sociale. E' indipendente se vivi in Africa o negli USA, se hai 50 dollari al mese o se ne hai 100.000. Quindi se chi ti risponde è intelligente ti dirà che la pirateria permette il travalicare delle barriere, sia sociali sia geografiche. Quindi aiuta.
      vendete di piu' se in
      100.000 vi scaricano l'ultimo album?Vendete l'album no. Ma l'album non si dovrebbe proprio vendere. L'album è una copia già di per sé che ha come tale costo zero (fare ctrl+c seguito da ctrl+v per me ha costo zero, se tu ti fai pagare per questo sarà stupido chi ti paga). Il fatto che per registrare l'album ci siano dei costi (comunque bassi visto che in tanti casi riescono a farlo gratis con qualità paragonabile se non anche superiore a quella delle major) non significa nulla, perché la regola di costo di un prodotto èCOSTO GENERICO DI PRODUZIONE moltiplicatoCOSTO DEL SINGOLO PEZZOSe il singolo pezzo viene replicato meccanicamente con un intervento umano praticamente nullo, allora è pari a zero.E la matematica insegna che qualsiasi numero (per quanto alto esso possa essere) moltiplicato per zero darà come risultato sempre zero. Quindi il costo dell'album per l'utente deve essere zero. Qualsiasi cifra più alta di zero, fosse pure 5 centesimi, sarebbe sempre un furto perché il costo della copia è pari a zero.L'album è un oggetto promozionale, chi apprezza andrà al concerto e pagherà lì. Quello che pretendono le major è come se tu per la pubblicità che ti arriva nella posta (normale o elettronica) dovresti pagare e ringraziare chi te la manda. E questo anche se quella pubblicità ti interessasse o l'avessi esplicitamente richiesta (quindi anticipo qualche idiota che dicesse "eh ma la pubblicità non l'hai richiesta")
      Metter su un concerto e' un gioco da ragazzi e
      potreste guadagnare anche se la musica fosse
      gratuita?Se si è bravi a suonare e cantare dal vivo si guadagnerà SEMPRE coi concerti, persino se il concerto stesso fosse gratuito per gli utenti (io comunque non ho mai detto che le esibizioni dal vivo debbano esserlo, anzi) perchè in quel caso ci sono comunque gli sponsor.Cosa ci guadagnano in tutto questo le major? Ben poco. E sarebbe giusto così, perchè sono gli artisti a doverci guadagnare e non loro. Loro che hanno fatto per meritarsi quei soldi? Il rubare i soldi dell'equo compenso a chi masterizza Linux? Oppure con la scusa patetica della pirateria il dare percentuali da fame a chi non è un grande nome ma suona e canta meglio del grande nome?
      • _kaiser_ scrive:
        Re: proposta a PI
        beh, non è proprio zero il costo di duplicazione di un cd, considera almeno il prezzo (anche se ridicolo) del supporto e della stampa.oltretutto, io ad esmpio, quando posso, sono ben contento di comprare un cd originale col libretto ecc, piuttosto che pagare per scaricare una cosa immateriale da itunes.secondo me la differenza sta li, nell'avere materialmente in mano qualche cosa.in ogni caso, cmq, il tuo post è geniale. :D
        • rock3r scrive:
          Re: proposta a PI
          sono d'accordo anche io, se trovo un cd che vale la pena di acquistare lo prendo appena lo trovo in offerta all'estero (sei-sette euro spedizione inclusa è un prezzo accettabile per un cd e sono felice di avere quel dato album) però dover anche pagare gli mp3 mi sa da assurdo..
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: proposta a PI
          - Scritto da: _kaiser_
          beh, non è proprio zero il costo di duplicazione
          di un cd, considera almeno il prezzo (anche se
          ridicolo) del supporto e della stampa.E il download dell'mp3 legale? Non ci sono costi di stampa o del supporto... Non parlare di costi dei server e della banda: i banner che ci stanno a fa?
          oltretutto, io ad esmpio, quando posso, sono ben
          contento di comprare un cd originale col libretto
          ecc, piuttosto che pagare per scaricare una cosa
          immateriale da itunes.Appunto, ma con la sempre maggiore diffusione dei lettori mp3 e simili questo sistema "materiale" è destinato a rimenre d'elite come lo è oggi il vinile, che non è scomparso è semplicemente passato su un altro livello, collezionistico. E che, per inciso, è migliore del CD (almeno nei primi ascolti su un impianto come si deve).
          in ogni caso, cmq, il tuo post è geniale.

          :DGrazie :D
      • Guybrush scrive:
        Re: proposta a PI
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        - Scritto da: barbapapa

        perche' non fate una intervista a qualche

        musicista vero?

        Che intendi per musicista vero? Uno che ha
        venduto il sedere alle major o uno che sa cantare
        o suonare? Perché le due cose sono mutualmente
        escluse.


        mi piacerebbe proprio sapere cosa pensano loro

        della pirateria.



        Che qua, ognuno fa il buon samaritano amico dei

        musicisti che prendono poco dalle major.

        Perché è la verità.


        Domande chiavi:

        Cioè chiavi con le domande? :D


        La pirateria vi aiuta?

        La pirateria diffonde l'arte e la conoscenza[...]
        significa nulla, perché la regola di costo di un
        prodotto
        è
        COSTO GENERICO DI PRODUZIONE
        moltiplicato
        COSTO DEL SINGOLO PEZZO[...]Vero, verissimo, ma incompleto.Vedi alla voce "formazione del prezzo".In regime di concorrenza perfetta il prezzo coincide esattamente col costo: cioe' spendi 1000 per produrre 100, ogni unita' avra' prezzo 10 (e' una semplificazione).Insomma a causa del fatto che possono esserci altri n-1 venditori oltre a te che offrono lo stesso identico prodotto, il tuo prezzo di vendita deve essere il piu' vicino possibile a quanto ti e' costato.Si chiama "massimizzazione delle vendite".Sempre alla voce "formazione del prezzo" abbiamo un'altro sistema di formazione che e' definito "massimizzazione del profitto" e si ha quando... ?Dai che che la fai.Gia'.Bravo.Si ha massimizzazione dei profitti quando vi e' un solo venditore che ha un determinato bene e puo' escludere tutti gli altri dalla vendita. Allora questo venditore potra' fregarsene di vendere tot mila copie, quel che gli importa e' di ottenere tot mila euro e il prezzo sara' basato non sui costi di produzione, ma sulla stima di vendita.Per farla piu' semplice: non e' che tutti possono pubblicare l'ultimo album di Masini o un'antologia dei Beatles. Solo un individuo (fisico o giuridico) ha tale diritto, secondo quanto si evince dalla disciplina sul diritto d'autore.Questo regime non e' piu' di concorrenza, perfetta o parziale che sia. Si chiama MONOPOLIO. In teoria sarebbe un po' da disciplinare... in generale in un libero mercato di monopoli non dovrebbero essercene.Il P2P e' considerato una "perdita" perche' abbassa le stime di vendita e riduce il profitto massimo ottenibile da ogni opera immessa nel mercato.Un'ultima considerazione: la pirateria contribuisce a diffondere le opere, non necessariamente l'arte. A meno di non considerare arte certe... emissioni di gas che vibra e che qualcuno chiama musica.-- GT
      • barbapapa scrive:
        Re: proposta a PI
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        - Scritto da: barbapapa

        perche' non fate una intervista a qualche

        musicista vero?

        Che intendi per musicista vero? Uno che ha
        venduto il sedere alle major o uno che sa cantare
        o suonare? Perché le due cose sono mutualmente
        escluse.che centri te? sei un musicista?Voglio sentire un musicista vero. (uno che fa il musicista di mestiere)Sono stufo di leggere la solita solfa di persone che fanno i conti in tasca a tutti senza essere veramente nel giro.Si come quelli che contano i clienti in un bar e calcolano quando il proprietario ci guadagna senza pensare alle spese, affitto, pizzo, possibili debiti, cose varie..
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: proposta a PI
          - Scritto da: barbapapa
          che centri te? sei un musicista?Mi conosci per poter dire di no?
          Voglio sentire un musicista vero. (uno che fa il
          musicista di mestiere)Ce l'hai davanti.
          • barbapapa scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Ce l'hai davanti.ma non eri un attore di un finto reality show?dai, appena esce il film lo scarico a sbafo e ti faccio sapere.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: proposta a PI
            - Scritto da: barbapapa
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            Ce l'hai davanti.

            ma non eri un attore di un finto reality show?:D
            dai, appena esce il film lo scarico a sbafo e ti
            faccio sapere.Non ci sono problemi la shortcut production (che ha fatto "Il divano scomodo") ha tutti i filmati delle sue produzioni gratuitamente disponibili (e scaricabili) sul proprio sito.http://www.short-cut.it
    • sk000ks scrive:
      Re: proposta a PI

      Metter su un concerto e' un gioco da ragazzi e
      potreste guadagnare anche se la musica fosse
      gratuita?che avete paura di lavorare?oppure volete campare gratis tutta la vita perchè 25 anni prima avete scritto un brano che ha venduto un po?
      • barbapapa scrive:
        Re: proposta a PI
        - Scritto da: sk000ks

        Metter su un concerto e' un gioco da ragazzi e

        potreste guadagnare anche se la musica fosse

        gratuita?

        che avete paura di lavorare?
        Porc, adesso chi glielo dice a Uto Ughi che e' uno scansafatiche?
  • Pissicologo scrive:
    Qualcuno fondi il partito dei cretini
    Sarà faro e rifugio per i cerebrolesi che continuano a chiamare ladri persone che non privano nessuno della disponibilità di un bene. Anzi.
    • Roberto Valiani scrive:
      Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
      Esatto, sono cerebroleso, e te sei un ladro.
      • Pissicologo scrive:
        Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
        - Scritto da: Roberto Valiani
        Esatto, sono cerebroleso, e te sei un ladro.Mai rubato niente a nessuno.
      • ajambo scrive:
        Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
        - Scritto da: Roberto Valiani
        Esatto, sono cerebrolesoQUOTOe te sei un ladro.no, questo no.
        • Roberto Valiani scrive:
          Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
          Siete fantastici, fate i finocchi col XXXX degli altri e ve ne vantate pure....Fatemi capire: voi componete e registrate o filmate la robe che scambiate o fte p2p solo con cose che manco avete comprato?dove sta l'equita'?siete esattamente come i pedofili, fuorilegge e furbini.
          • ggiannico scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            A roberto... Ma le Major quanto ti stanno pagando per queste tue affermazioni su questo sito?
          • berto scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            la tua XXXXXXXXXtà è tale che se fanno un partito per celebrolesi ne saresti fatto il presidente onorario.... rosica rosica te la carlucci sarkozy e tutti i rappresentanti di bananas schiavi delle lobby
          • Roberto Valiani scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            sei proprio inutile a te stesso e alla societa'.fai un favore al mondo e scompari.
          • Srokia scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            il bue che da cornuto all'asino :P
          • faccio cassa scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            Vendo :VENDO SCHEDA VIDEO SAPPHIRE HD2600XT 256 MB GDDR4 pci-e 30 VENDO SCHEDA VIDEO PALIT HD2600XT 512 MB GDDR3 PCI-E 35 prezzo trasporto escluso ( versioni oem )per info contatto xfire: tgaserver
          • P2P scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini

            siete esattamente come i pedofili, fuorilegge e
            furbini.Ma ti rendi conto che metterli sullo stesso piano banalizza quel CRIMINE ORRENDO che è la pedofilia?La prossima volta rifletti prima di scrivere certe caxxate.
          • pippo scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            anche rubare è un CRIMINE ORRENDO
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            - Scritto da: pippo
            anche rubare è un CRIMINE ORRENDOSpecialmente se si rubano i soldi degli utenti con la scusa dell'equo compenso senza dare a quegli utenti nulla in cambio.
          • Pietro scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            - Scritto da: Roberto Valiani
            Siete fantastici, fate i finocchi col XXXX degli
            altri e ve ne vantate
            pure....

            Fatemi capire: voi componete e registrate o
            filmate la robe che scambiate o fte p2p solo con
            cose che manco avete
            comprato?

            dove sta l'equita'?

            siete esattamente come i pedofili, fuorilegge e
            furbini.Vuoi sapere dov'è il lato comico in tutto questo? Che sono stati proprio loro, quelli che lamentano il furto di opere protette, ad aver prodotto per anni una cultura amorale tramite film e musica. Praticamente hanno cresciuto dei piranha che ora li stanno divorando.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
            - Scritto da: Roberto Valiani
            Siete fantastici, fate i finocchi col XXXX degli
            altri e ve ne vantate
            pure....

            Fatemi capire: voi componete e registrate o
            filmate la robe che scambiate o fte p2p solo con
            cose che manco avete
            comprato?

            dove sta l'equita'?

            siete esattamente come i pedofili, fuorilegge e
            furbini.Torna a scuola[img]http://bayimg.com/image/caaikaacc.jpg[/img]Quando avrai imparato il concetto, vieni qui che ti interrogo.
      • P2P scrive:
        Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
        - Scritto da: Roberto Valiani
        Esatto, sono cerebrolesoSe lo dici tu... :-D
      • Gabriele scrive:
        Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
        ajkdfa afha fasahu shda duhas -
        Tradotto dal mongolo, lingua di Valiani, "ma vada via i ciap"
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
        - Scritto da: Roberto Valiani
        Esatto, sono cerebroleso, e te sei un ladro.Sei talmente cerebroleso da guardarti allo specchio e darti del tu? Chi è che ruba i miei soldi quando compro i supporti vuoti? Chi è che ruba i soldi del mondo open source quando su quei supporti ci metto le iso di Linux?Di certo non sono io.In effetti sì le major sono dei ladri. Rubano soldi agli utenti e rubano soldi al mondo open. E hanno pure la faccia tosta di non consentire agli utenti (CHE LI HANNO PAGATI!!!!) di usare quei supporti come meglio vogliono, anzi se provano a copiarci le loro opere (PERCHE' LI PAGANO SE NON POSSONO FARLO???) devono andare al rogo...Divertente sentirsi dare del ladro da chi fa questi ragionamenti. Davvero divertente.Non è invece che chi ruba soldi senza dare niente in cambio, neanche un'autorizzazione implicita, è invece un ladro?E adesso vai con lo spot:[img]http://bayimg.com/image/caaihaacc.jpg[/img]E viva Grillo[yt]CGNsSR5Mzpk[/yt][yt]NNpjv_zDCsM[/yt]Dice bene Grillo: una VERGOGNA VERGOGNOSA.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 giugno 2009 02.48-----------------------------------------------------------
    • incuso scrive:
      Re: Qualcuno fondi il partito dei cretini
      - Scritto da: Pissicologo
      Sarà faro e rifugio per i cerebrolesi che
      continuano a chiamare ladri persone che non
      privano nessuno della disponibilità di un bene.
      Anzi.In Italia ne abbiamo già 2: PDL e PD. Di un terzo che ce ne facciamo?
  • Bastard Inside scrive:
    Oltre al Partito Pirata...
    ...un po' ovunque sono cresciuti gli euroscettici (o come minimo eurocritici). Gli euroentusiasti ringrazino per questo di aver mandato a governare l'europa dei burosauri ottusi e dei venduti alle multinazionali, spesso neppure europee (vedi per esempio sul sito di Report il comportamento riguardo alla carne agli ormoni di un noto mortadellone quando per nostra disgrazia fu presidente della Commissione Europea, oppure, sui siti delle organizzazioni per il SW libero, il comportamento scandaloso dell'ex-commissario europeo McCreevy riguardo ai brevetti SW), per non parlare del modo approssimativo e facilone con cui fu effettuato il passaggio all'euro, consentendo le speculazioni che hanno portato all'esplosione dei prezzi. Ora la gente comune s'è proprio stufata, la reazione è stata fin eccessiva e il proliferare di estremisti in europarlamento potrebbe causare più spesso dei muro contro muro nelle decisioni da prendere, ma i buffoni che ci hanno portato a questo dovrebbero avere il pudore di non dare alla gente e ai partiti euroscettici colpe che sono solo loro.
    • faccio cassa scrive:
      Re: Oltre al Partito Pirata...
      veroVendo :VENDO SCHEDA VIDEO SAPPHIRE HD2600XT 256 MB GDDR4 pci-e 30 VENDO SCHEDA VIDEO PALIT HD2600XT 512 MB GDDR3 PCI-E 35 prezzo trasporto escluso ( versioni oem )per info contatto xfire: tgaserver
    • beebox scrive:
      Re: Oltre al Partito Pirata...
      - Scritto da: Bastard Inside
      ...un po' ovunque sono cresciuti gli euroscettici
      (o come minimo eurocritici). Gli euroentusiasti
      ringrazino per questo di aver mandato a governare
      l'europa dei burosauri ottusi e dei venduti alle
      multinazionali, spesso neppure europeeSottoscrivo.
      • canis solaris scrive:
        Re: Oltre al Partito Pirata...
        ottimo post... c'è molta più intelligenza poltica nei commenti di un forum che in quelle teste vuote dei politici di professione (sic!)..il che la dice lunga
  • Roberto Valiani scrive:
    che tristezza...
    E poi dicono che abbiamo mandato al governo Berlusconi...Il partito dei LADRI.Demagogia allo stato puro.E gli pagheranno pure lo stipendio da parlamentare...Ma vaff....
    • gos scrive:
      Re: che tristezza...
      ma XXXXXXX, fai il confronto tra un pedo-mafio-fascio-piduista corruttore e lo scambio di opere protette... mi sa tanto che tu sei uno di quelli che va a cantare menomalechesilviocè per strada magari perchè ha paura dell'invasione comunista...
      • ggiannico scrive:
        Re: che tristezza...
        QuotoVoglio proprio vedere se Roberto Valiani ha tutto originale..- Scritto da: gos
        ma XXXXXXX, fai il confronto tra un
        pedo-mafio-fascio-piduista corruttore e lo
        scambio di opere protette... mi sa tanto che tu
        sei uno di quelli che va a cantare
        menomalechesilviocè per strada magari perchè ha
        paura dell'invasione
        comunista...
      • Roberto Valiani scrive:
        Re: che tristezza...
        Naaaa. silvio mi fa XXXXXX come mi fa XXXXXX chi caca in faccia alla legge.La legge dice una roba e te fai il contrario perche' ti fa comodo e mi vieni a raccontare che siete in tanti e allora ciai ragione te?e allora sei uguale e a quelli che disprezzi, solo che stai dalla parte sbagliata della barricata, se no facevi pure peggio di loro....
        • Pissicologo scrive:
          Re: che tristezza...
          - Scritto da: Roberto Valiani
          Naaaa. silvio mi fa XXXXXX come mi fa XXXXXX chi
          caca in faccia alla
          legge.

          La legge dice una roba e te fai il contrario
          perche' ti fa comodo e mi vieni a raccontare che
          siete in tanti e allora ciai ragione
          te?

          e allora sei uguale e a quelli che disprezzi,
          solo che stai dalla parte sbagliata della
          barricata, se no facevi pure peggio di
          loro....La legge si può anche cambiare, specie se è assurda e non piace quasi a nessuno...
        • Nome e cognome scrive:
          Re: che tristezza...
          Ancora sveglio? Vai a letto che è tardi, domani devi aprire la videoteca!
        • GGLaTr8la scrive:
          Re: che tristezza...

          La legge dice una roba e te fai il contrario
          perche' ti fa comodo e mi vieni a raccontare che
          siete in tanti e allora ciai ragione
          te?bravo.qui stiamo parlando di gente che INVECE di violare la legge preferisce cercare di cambiarla e migliorarla.Rispetto a costoro (e alla civiltà di quel popolo che li vota)
        • Pasquale Giulio Cesare scrive:
          Re: che tristezza...
          Da "Il Giornale" del 300 Dopo Cristo XXXXXXX, avevo degli schiavi perche' la legge me lo permetteva e adesso arrivano i cristiani che dicono che siamo tutti uguali.Che comunisti questi cristianiMeno male che Tibberio c'e'
        • staza scrive:
          Re: che tristezza...
          - Scritto da: Roberto Valiani
          Naaaa. silvio mi fa XXXXXX come mi fa XXXXXX chi
          caca in faccia alla
          legge.

          La legge dice una roba e te fai il contrario
          perche' ti fa comodo e mi vieni a raccontare che
          siete in tanti e allora ciai ragione
          te?

          e allora sei uguale e a quelli che disprezzi,
          solo che stai dalla parte sbagliata della
          barricata, se no facevi pure peggio di
          loro....basta vedere nel nostro parlamento quanti condannati ci sono e che nonostante ciò stanno ancora al governo/parlamento/comuni/province
    • nome e cognome scrive:
      Re: che tristezza...
      - Scritto da: Roberto Valiani
      E poi dicono che abbiamo mandato al governo
      Berlusconi...

      Il partito dei LADRI.

      Demagogia allo stato puro.

      E gli pagheranno pure lo stipendio da
      parlamentare...

      Ma vaff....Già, però guai a dirlo su PI, altrimenti uno viene subito tacciato di essere un ignorante che non capisce nulla di informatica...
      • Roberto Valiani scrive:
        Re: che tristezza...
        Be' me lo vengano a raccontare a me che lavoro nell'IT da prima che nascessero questi.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: che tristezza...
          - Scritto da: Roberto Valiani
          Be' me lo vengano a raccontare a me che lavoro
          nell'IT da prima che nascessero questi.Io credo invece che quando ho iniziato a programmare tu facevi ancora ngue ngue...
          • staza scrive:
            Re: che tristezza...
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: Roberto Valiani

            Be' me lo vengano a raccontare a me che lavoro

            nell'IT da prima che nascessero questi.

            Io credo invece che quando ho iniziato a
            programmare tu facevi ancora ngue
            ngue...IO ho inventato la carta da bucare per i primi personal computer, che tanto personal non erano tra l'altro! :D
      • nome e cognome scrive:
        Re: che tristezza...
        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2639379&m=2639750#p2639750CVD
    • Gabriele scrive:
      Re: che tristezza...
      Prendi un cappio, mettitelo al collo e poi...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: che tristezza...
      E' davvero divertente accusare di furto...E' davvero divertente quando ci si rende responsabili di furto a tutti gli italiani attraverso la tassa sui supporti vuoti che finisce alla SIAE e cioè proprio ai consociati della FIMI, della FIPM e soci vari...E' davvero divertente che gli italiani non possono mettere su quei supporti (per cui hanno pagato soldi alle major) il materiale di quegli autori e quegli editori che prendono quei soldi.E' davvero divertente che gli editori quindi prendano soldi sui supporti su cui gli italiani mettono materiale non protetto da copyright (i privati non hanno alcun modo di ottenere rimborsi della tassa in questione).E' davvero divertente che gli editori e le persone come lei perseguano quegli italiani che nonostante tutto la pagano, con i loro soldi, anche quando del materiale delle major non gliene può XXXXXXX di meno.E' davvero divertente che lei accusi di furto tutte quelle persone che le stanno pagando lo stipendio, anche se su quei supporti ci mettono il video della festa di compleanno del figlio o la iso di Linux.E' davvero divertente, signor Roberto Valiani.Non trova?Ma chissà come mai credo che questo messaggio o verrà censurato (è troppo divertente, rischia di fare la fine delle vignette di Vauro) oppure il fatto di dire la verità dei fatti verrà bellamente ignorata da lei, signor Roberto Valiani, così come i suoi amici della FIMI, della FIPM, della SIAE e di tutte le associazioni di categoria.Perché è davvero divertente svicolare dal discorso e facendosi fare le leggi per tutelare gli artisti (gli ARTISTI hanno sempre fatto a meno dei diritti d'autore, tant'è vero che la musica ha smesso di essere ARTISTICA quando è stato introdotto il copyright... o vuole farmi credere che ARTISTI come Beethoven o Mozart erano tutelati dal copyright?).E' davvero divertente che persone come lei continuino imperterrite a cercare di venderci lumi a petrolio, quando è chiaro che esiste l'energia elettrica.E' davvero divertente che discorsi sensati e DAVVERO innovativi, come l'ottimo articolo di Alessandro Bottoni di ieri, vengano da lei liquidati con ingiurie come "teorie anacronistiche".E' davvero divertente che messaggi come questo mio di qualche giorno fahttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=2603715&m=2604162#p2604162vengano definiti da uno dei suoi ammiratori (o comunque da una persona chiaramente sulla sua stessa lunghezza d'onda) come "discorso strampalato".E' davvero divertente che sempre più spesso la gente prende coscienza che l'arroccamento medioevale delle major dietro all'idea di "tutto ciò che è creato dagli autori deve generare soldi per le major" (per le major, mica per gli autori... che spesso si vedono rifiutare i manoscritti o i cd di demo o addirittura si vedono recapitare richieste di soldi per la pubblicazione).E' davvero divertente che sempre più persone, capita questa antifona decidano di utilizzare licenze libere, proprio perché per un ARTISTA è più importante che la sua opera circoli tra molte persone piuttosto che venga limitata a poche persone.E' davvero divertente che in tempi di chiara recessione economica, dove la gente tenderà sempre più a tagliare il superfluo per mantenersi l'indispensabile (tra cui, è ovvio per tutti tranne che per le major, NON rientrano CD e DVD), lei e le major pensiate davvero che il sistema basato su "pago per avere musica, software, libri, film e videogiochi" possa ancora funzionare.La possibilità è sempre esistita e paradossalmente l'avete avuta sempre a portata di mano. E sono gli sponsor. Se avete costi di produzione (che comunque sono molto più bassi di quanto voi pensiate, visto che c'è tanta gente che riesce a coprire le stesse identiche cose che voi lamentate come spese alte a costo ZERO e la prova sono le tante canzoni rilasciate con licenze libere) potete farli coprire dagli sponsor, e rilasciare i brani (che altro non sono che dei file promozionali per il concerto che solo i veri interessati andranno a vedere a pagamento... ed essendo promozionali, ovviamente, non devono costare nulla al consumatore) gratuitamente via internet senza DRM. Anzi, siete voi a dire che Pirate Bay ci guadagna con gli adsense (io non ho mai visto adsense su pirate bay e come me chissà quanti altri) quindi come lo fa pirate bay (secondo il VOSTRO parere) lo potevate fare anche voi.Nessuno si sarebbe lamentato al riguardo.Perché invece volete vendere, addirittura spacciando per prodotto di qualità, un disco, cioè qualcosa che suonerà sempre uguale tutte le volte che lo si ascolta e che quindi altro non è che una specie di midi allargato?Perché mai dovrei spendere 18 euro per sentire una copia digitalizzata (e quindi approssimativa, per tacere degli aggiustamenti che fate in studio per correggere le stonature e quant'altro) della Pausini che canta sempre le stesse canzoni e sempre allo stesso modo?Perché dovrei pagare 25 euro un film di uno che per recitare ogni scena l'ha dovuta ripetere venti volte? Se voglio vedere un vero attore vado a teatro, mi siedo in poltrona e lo vedo da vicino. E vedo se sa reggere una rappresentazione senza intoppi dal principio alla fine, o se invece è uno, preso magari da qualche reality, che ha solo la bella faccia (peccato che quella non serva a niente in palcoscenico) ma non sa recitare, e che qualsiasi gruppo di scolari delle superiori sarebbe capace di fare meglio di lui? Perché il cinema vero era quello dei "buona la prima", dei Totò, degli Alberto Sordi. Ma quella generazione sta scomparendo. E se mi sta per dire che Benigni (tanto per dire uno che considero artista) anche lui deve guadagnare, le rispondo che guadagna tanto lo stesso anche solo col passaggio al cinema. Cinema che la gente va comunque a vedere, anche se il film si trova su internet, non tanto per la qualità (spesso è pari al dvd) quanto perché il MEZZO cinema è insostituibile a meno di avere impianti costosissimi con schermi da 20 e passa metri di base (lo schermo minimo nei cinema seri è 15 metri di base, per arrivare nei multisala anche a 30 e oltre), di fatto assolutamente non sostenibili da un appassionato.Avete ucciso il super8, poi vi siete scannati contro la videocassetta, avete sempre promosso il media successivo come panacea perché si vedeva meglio (mica vero... da super8 a VHS c'è stato un degrado da non poco), in realtà perché vi dava garanzie di protezione tali da XXXXXXX i consumatori. Poi sempre a lamentarvi quando hanno fatto il DeCSS e quando hanno aperto le codifiche dell'HD-DVD prima e del Blu-Ray dopo. Vi sfugge che il digitale è stato la vostra rovina, perché con certe attrezzature da molto tempo si potevano copiare INTEGRALMENTE i DVD, compreso il lead-in contenente le chiavi CSS, e quindi non era neanche necessaria la decodifica... ovvio non erano attrezzature a portata di tutti ma comunque relativamente semplici da costruire o meglio da modificare, perché il digitale è così, si tratta di copiare dei numeri...
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: che tristezza...
        Specifico che il post qui sopra è un repost leggermente modificato di un vecchio messaggio dedicato al presidente della FIMI Enzo Mazzahttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=2605143&m=2605406#p2605406che ancora attende risposta dal diretto interessato
    • sk000ks scrive:
      Re: che tristezza...


      Ma vaff....affanXXXX vacci tu e il tuo padrone pluriprescritto per reati gravi
    • Giuseppe Rossi scrive:
      Re: che tristezza...
      Vacci piano con le parole anche se sei su un forum hai delle responsabilità penali e civili, Valiani è il tuo vero cognome ?mmm che tipo imprudente !
  • __________ scrive:
    Assolutamente impreciso
    Due cose: la svezia ha a disposizione 18 seggi, non 20, e, soprattutto, il partito pirata ha UN seggio, non due, come riportano tutti i maggiori siti di informazione e pure il sito ufficiale del parlamento europeo:http://www.elections2009-results.eu/it/sweden_it.html(sotto la voce PP)Solo wikipedia inglese riportava inizialmente due seggi, ed ora hanno specificato: se il trattato di lisbona entrerà in effetto. Cioè fantascienza e comunque se ne riparlerebbe tra qualche anno. Immagino che non siano errori casuali, ma dovuti all'enorme bias di questo sito, tutt'altro che imparziale.
    • P2P scrive:
      Re: Assolutamente impreciso

      Immagino che non siano errori casuali, ma dovuti
      all'enorme bias di questo sito, tutt'altro che
      imparziale.uuh, come vi rode... :-D
    • Roberto Valiani scrive:
      Re: Assolutamente impreciso
      A quando il partito dei pedofili? In fondo e' solo ammmore.E quello dei ladri di telefonini? Comunicare e' un diritto.E quello dei rapinatori in villa? Chi ha una villetta indipendente e' un XXXXX capitalista, quindi e' giusto rapinarlo e se possibile rovinarlo di botte, e se reagisce ammazzarlo.Sto esagerando?Certo, ma la china e' quella...
      • diego delgado scrive:
        Re: Assolutamente impreciso
        tzà!che bella rosicata!
      • kurtz77 scrive:
        Re: Assolutamente impreciso
        http://www.repubblica.it/2006/05/sezioni/esteri/prtito-dei-pedofili/prtito-dei-pedofili/prtito-dei-pedofili.html .Il partito dei pedofili, in olanda, ci sarebbe già a quanto pare...Ciao
        • Roberto Valiani scrive:
          Re: Assolutamente impreciso
          Visto? la democrazia giustifica quindi qualunque XXXXXXXXX?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Assolutamente impreciso
            - Scritto da: Roberto Valiani
            Visto? la democrazia giustifica quindi qualunque
            XXXXXXXXX?Fa parte delle regole del gioco democratico. Se non sei d'accordo fai un partito per cambiare le regole. Ma prima fai il partito, poi raccogli i voti e poi, quando avrai abbastanza seggi per cambiare le cose, le cambi.Prima di tutto questo si può sempre fare una legge che fa di quelli che difendono le major delle cavie umane su cui sperimentare le armi biologiche.
          • staza scrive:
            Re: Assolutamente impreciso
            a quando gli italiani apriranno gli occhi per accorgersi che stiamo per tornare nell'era del fascismo?!di rogne ne abbiam fin sopra a casa nostra, lasciate perdere la Svezia per ora
      • P2P scrive:
        Re: Assolutamente impreciso

        A quando il partito dei pedofili? In fondo e'
        solo ammmore.Ah, ecco, mi sembrava...Però ti sei dimenticato di citare i terroristi, i satanisti, ecc......ma va, va :-D
      • Gabriele scrive:
        Re: Assolutamente impreciso
        Io fonderei un partito per tua sorella che l'è tanto bona!!!
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Assolutamente impreciso
          - Scritto da: Gabriele
          Io fonderei un partito per tua sorella che l'è
          tanto bona!!!Dici che almeno lei è uscita dalla madre dal buco che sta davanti?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 giugno 2009 03.05-----------------------------------------------------------
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Assolutamente impreciso
        - Scritto da: Roberto Valiani
        A quando il partito dei pedofili? In fondo e'
        solo ammmore.C'è già.
        E quello dei ladri di telefonini? Comunicare e'
        un diritto.Se vai in un'isola ecologica recuperi un telefonino usato tanto ormai è pieno di idioti che li cambiano ogni 3 mesi, ci comunichi lo stesso. Ed è GRATIS.
        E quello dei rapinatori in villa? Chi ha una
        villetta indipendente e' un XXXXX capitalista,
        quindi e' giusto rapinarlo e se possibile
        rovinarlo di botte, e se reagisce
        ammazzarlo.

        Sto esagerando?

        Certo, ma la china e' quella...Ti sfugge la differenza tra furto e copia. Studia:[img]http://bayimg.com/image/caaikaacc.jpg[/img]
  • NO copyright scrive:
    E aggiungo...
    Disco Sambahttp://www.youtube.com/watch?v=IHKl63d-TfM:-D :-D :-D :-D
    • P2P scrive:
      Re: E aggiungo...
      Fantastica :-D
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: E aggiungo...
      - Scritto da: NO copyright
      Disco Samba

      [yt]IHKl63d-TfM[/yt]

      :-D :-D :-D :-DBello... chi viene a fare il trenino??CIUUUUUUUF CIUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUF :D :D :D :D :D :D p) p) p) p) p) p) p) p) p)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 giugno 2009 02.58-----------------------------------------------------------
    • faccio cassa scrive:
      Re: E aggiungo...
      Vendo :VENDO SCHEDA VIDEO SAPPHIRE HD2600XT 256 MB GDDR4 pci-e 30 VENDO SCHEDA VIDEO PALIT HD2600XT 512 MB GDDR3 PCI-E 35 prezzo trasporto escluso ( versioni oem )per info contatto xfire: tgaserver
  • NO copyright scrive:
    EVVIVA !!!
    EVVIVA !!!:-D :-D :-D :-D
Chiudi i commenti