A Parma, Informatica e robomobili

Annuncio


Parma – Si terrà il prossimo 30 maggio al Centro Congressi della Camera di Commercio di Parma l’evento Il Veicolo Intelligente dedicato alle ricerche e alle soluzioni funzionanti di sistemi di guida e gestione assistita dall’informatica dei veicoli.

L’incontro si avvarrà della collaborazione scientifica dell’Università degli Studi di Parma e avrà come chairman il professor Alberto Broggi, docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione e responsabile del Laboratorio di Visione Artificiale e Sistemi intelligenti, studioso di fama mondiale e guida di uno dei team partecipanti al DARPA Challenge , uno dei più importanti eventi relativi all’intelligenza artificiale e alla robotica.

Si parlerà, tra le altre cose, di sistemi per la guida notturna o in scarse condizioni di visibilità (es. nebbia); sistemi che preavvertono di ostacoli non ancora visibili; sistemi di visualizzazione delle informazioni relative al veicolo e all’itinerario che superano il tradizionale concetto di cruscotto e plancia; sistemi di gestione e guida dei treni ad alta velocità e tradizionali; tecnologie e soluzioni per mezzi pubblici urbani (metropolitane) senza conducente; guida attraverso attuatori non meccanici (drive-by-wire), fino a sistemi che si sostituiscono al guidatore in certe situazioni (posteggio, crociera) o del tutto.

All’evento parteciperanno istituzioni accademiche, centri di ricerca e aziende italiane ed internazionali, con aree di incontro tra aziende, associazioni, laboratori e media.

“Il Veicolo Intelligente” è parte delle Giornate della Meccatronica (30-31 maggio 2006).
Tutte le info sul sito dedicato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    perchè questa filantropia?
    mi chiedo il perchè di questa filantropia
    • Anonimo scrive:
      Re: perchè questa filantropia?
      nulla si fa per 'filantropia' ;-) però resta il fatto che sono due strumenti utili e 'gatis' che in questo periodo conta molto.
    • Solvalou scrive:
      Re: perchè questa filantropia?
      Se non erro per essere una certificate authority (C.A, chi permette di verificare un numero arbitrario di certificati) e fare certificati SSL con chiavi sicure, basta gnupg (versione open di pgp), pochi secondi sull'hardware odierno, e, cosa faticosa, una macchina sicura e sufficientemente isolata da attacchi via rete che te lo fornisca.Infatti anche cacert.org li regala per i siti web, durata sei mesi.I certificati commerciali hanno solo il vantaggio di essere prodotti da enti che sono riconosciuti dai maggiori browser (immagino perche' hanno un certo standard di qualita') e quindi permettono al sito che usa i loro certificati di essere immediatamente messo in condizione di operare con SSL. Mentre per i siti che usano certificati di CACert bisogna autenticarli manualmente o arriva un dialog che chiede se fidarsi di una CA sconosciuta.Ora, con tutta la fatica che certi siti hanno per avere traffico, quella di offrire una cosa utile e poco costosa da produrre mi sembra abbastanza buona. Gli obiettivi possono essere di avere traffico per il sito e relativa pubblicita', o di usare l'offerta come base per stabilire una reputazione e offrire servizi professionali ad un prezzo. Se avessero tanto successo senza fare figuracce potrebbero venir inclusi nei browser, ma su questo penso che gli altri certificatori farebbero una certa resistenza...
    • tonypenco scrive:
      Re: perchè questa filantropia?
      La domanda andrebbe fatta anche a:ADOBE,Google,Yahoo e tanti altri.Se ti riferisci alla posta elettronica:1) Perchè Internet è utile atutti e va difesa e usata e resa fruibile2) Se Internet finisce finiscono tutte le imprese che lavorano con essa.3)L'anti PEC in quanto è la non risoluzione al problema della posta elettronicae Tanto altro ancora!!!!
  • Anonimo scrive:
    Anti-Phishing
    Ehi ma il Vengine è un super prodotto...finalmente qualcosa di veramente utile contro il maledetto Phishing...l'unica pecca è la grafica! Anonimo da Pescara
    • Anonimo scrive:
      Re: Anti-Phishing
      - Scritto da: Anonimo
      Ehi ma il Vengine è un super
      prodotto...finalmente qualcosa di veramente utile
      contro il maledetto Phishing...l'unica pecca è la
      grafica! Anonimo da Pescarafosse ancora più leggero sarei felice
  • Anonimo scrive:
    Wow
    Wow finalmente qualcosa di gratuito ed utile in questa bolgia infernale   8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Wow
      - Scritto da: Anonimo
      Wow finalmente qualcosa di gratuito ed utile in
      questa bolgia infernale 8)beh, ma se cerchi questo allora vai qui:http://punto-informatico.it/download/index.asp
  • Anonimo scrive:
    solo per uso PERSONALE
    occhio, solo per uso personale!
    • Anonimo scrive:
      Re: solo per uso PERSONALE
      - Scritto da: Anonimo
      occhio, solo per uso personale!e vedo anche "Nel rapporto tra privati il riconoscimento della validità dell'autocertificazione resta a discrezione del privato che richiede il certificato o documento/auto-dichiarazione, ai sensi della Legge 24 novembre 2000, n. 340 "beh... allora... boh...
      • Anonimo scrive:
        Re: solo per uso PERSONALE
        sinceramente non capisco il legame tra certificato S/MIME e quanto l' autocertificazione "Nel rapporto tra privati il riconoscimento della validità dell'autocertificazione resta a discrezione del privato che richiede il certificato o documento/auto-dichiarazione, ai sensi della Legge 24 novembre 2000, n. 340 ". Il certificato S/mime rilasciato dalla GlobalTrust non è un autocertificazione, ma è un certificato digitale per posta elettronica utilizzato per cifrare e firmare i propri messaggi di posta e rendere in questo modo la posta elettronica sicura. Il certificato digitale non rappresenta una autocertificazione, in quanto, x ottenere il certificato S/mime suddetto, ( e in generale qualsiasi certificato digitale) prima di tutto vengono effettuati controlli rigorosi sulle informazioni fornite dal richiedente e per di più il certificato digitale ha una terza parte che garantisce l' identità del proprietario del certificato (è la Certification Autority, cioè l' organizzazione che emette i certificati, in questo caso la GlobalTrust).La legge citata invece, riguarda la validità di un' autocertificazione (documento redatto personalmente che riporta dati personali"e non l' uso dei certificati digitali.
        • Anonimo scrive:
          Re: solo per uso PERSONALE
          Caspita che poema! ;-P Comunque quello che hai detto penso sia giusto. Volevo puntualizzare che nel momento in cui si chiede il certificato è li che entra in gioco l'autocertificazione...cioè non si possono inserire dati falsi.   :o
          • Anonimo scrive:
            Re: solo per uso PERSONALE
            - Scritto da: Anonimo
            Caspita che poema! ;-P Comunque quello che hai
            detto penso sia giusto. Volevo puntualizzare che
            nel momento in cui si chiede il certificato è li
            che entra in gioco l'autocertificazione...cioè
            non si possono inserire dati falsi. :oil punto è questo! SI PUO'!!!se vuoi ottenere un certificato per darti una certa credibilità e in realtà sei un fake... ci riesci!!!! :-(
          • Anonimo scrive:
            Re: solo per uso PERSONALE
            Però hai appena certificato il falso e se ti beccano ci sono fino a 3 anni di reclusione...quindi?!
        • Anonimo scrive:
          Re: solo per uso PERSONALE
          - Scritto da: Anonimo
          sinceramente non capisco il legame tra
          certificato S/MIME e quanto l' autocertificazione
          "Nel rapporto tra privati il riconoscimento della
          validità dell'autocertificazione resta a
          discrezione del privato che richiede il
          certificato o documento/auto-dichiarazione, ai
          sensi della Legge 24 novembre 2000, n. 340 ".
          Il certificato S/mime rilasciato dalla
          GlobalTrust non è un autocertificazione, ma è un
          certificato digitale per posta elettronica
          utilizzato per cifrare e firmare i propri
          messaggi di posta e rendere in questo modo la
          posta elettronica sicura. Il certificato digitale
          non rappresenta una autocertificazione, no, intendono che se vuoi che il certificato CORRISPONDA ad un identificativo, ti fai l'autocertificazione.certo che una C.A che permette una autocertificazione, senza nemmeno una catena di trust "fisico" ... mah!!!ti puoi spacciare per chiunque :))
Chiudi i commenti