AMD sfiderà Intel CULV con Congo

Verso la fine dell'anno AMD lancerà una nuova piattaforma per i notebook ultraportatili. Mira ad insidiare la piattaforma CULV di Intel e quella Ion di Nvidia. Al cuore di Congo ci sarà un Athlon Neo dual-core

Roma – In attesa di scoprire se AMD stia realmente progettando un processore Atom-killer , l’attenzione degli analisti si sta rivolgendo verso un prodotto assai più concreto come Congo , nome in codice della piattaforma mobile che entro fine anno succederà a Yukon .

Introdotto all’inizio dell’anno, e attualmente utilizzata sul portatile Pavilion dv2 di HP, la piattaforma per ultraportatili Yukon è costituita dal processore low voltage Athlon Neo a 64 bit con package BGA da 27 x 27 mm, da un chipset AMD 960E con southbridge SB600, da un chipset grafico ATI Radeon X1250 o da una GPU Mobility Radeon HD 3410, e da un controller di rete WiFi.

Congo, il cui debutto sul mercato è previsto il prossimo autunno, aggiornerà questa configurazione introducendo una versione dual-core di Neo (nome in codice Conesus ), un chipset M780 con southbridge SB710 e chipset grafico Radeon HD 3200 IGP : quest’ultimo supporta la decodifica in hardware dei video HD, i giochi DirectX 10, la tecnologia Hybrid Graphics di AMD e le porte DisplayPort, HDMI e eSATA.

Come la piattaforma che l’ha preceduta, Congo non si pone in diretta competizione con la piattaforma Atom, ma piuttosto con quella Intel CULV e con Nvidia Ion (GeForce 9400M). Il segmento di mercato sarà quello dei notebook a basso costo con display da 12-13 pollici, sistemi appena più grandi e pesanti di un comune netbook e con funzionalità più simili ad un laptop tradizionale.

Alessandro Del Rosso

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mario staderani scrive:
    titolo
    Beh fare i soldi con i contenuti di wikiepia non è reato :) dal resto Wales..andate un po a vedere come se la spassa..mica XXXXX ;)
  • dave28 scrive:
    Se neutra e ben scritta è ok. Ecco xché
    Il punto è: se la voce scritta dall'esperto di wiki è neutra e onesta arricchisce sia Wikipedia (di contenuto) che l'azienda (citata su una fonte autorevole).Tipicamente le voci aziendali scritte dal manager o dal prezzolato esperto di marketing fanno semplicemente schifo e vengono rapidamente individuate e corrette o cancellate.Se la voce invece è scritta in _malafede_ da un esperto di wiki con un linguaggio adeguato e costruendo attorno ad essa una nuvola di fonti solo apparentemente affidabili, ma in realtà di parte e atte a sostenere una determinata "tesi"... invece siamo di fronte ad un grosso problema. E' il timore per questa possibilità che spinge la comunita' di wikipedia ad essere diffidente nei confronti delle voci che parlano di cose/persone che avrebbero un significativo vantaggio nell'apparire su wikipedia.
  • Francesco_Holy87 scrive:
    Non ci vedo nulla di male.
    Anche io mi farei pagare per il servizio di scrivere una pagina su una persona in Wikipedia... Che sia o meno l'amministratore, sono libero di fare qualsiasi articolo come un comune mortale, a patto di non sfruttare i miei privilegi.Anche sul software libero ci si viene pagati se si fanno modifiche a un codice per fini aziendali, ma non per questo si viola il significato di Open Source o si va contro alle regole della GNU/GPL.
  • eTomm scrive:
    Per me potrebbero anche farsi pagare....
    ...a patto che scrivano solo la verità, nient'altro che la verità e che una parte del compenso venga devoluta in donazioni e che sia forzata la dichiarazione dei redditi su quel compenso.Le voci create a quel modo potrebbero venire etichettate in modo particolare e gli annunci e le offerte potrebbero essere fatti solo su siti "amici" di wikipedia.Tutte le altre sarebbero truffe perseguibili per legge.Ovviamente, cariche remunerate dalla fondazione di wikipedia non sono compatibili con quest'altro lavoro... quindi...Per me si può fare.
  • Ciobix scrive:
    Prima o poi...
    ... anche Wikipedia cederà; è solo questione di tempo! Purtroppo.
    • NeRON scrive:
      Re: Prima o poi...
      - Scritto da: Ciobix
      ... anche Wikipedia cederà; è solo questione di
      tempo!
      Purtroppo.ma perché dici cosí!?! alla fine é li.. i costi mi pare che siano praticamente pareggiati dalle donazioni... pian piano continua... poi ovvio se quel "poi" é tra 20anni ti do anche ragione :P
      • Tarekaziz scrive:
        Re: Prima o poi...
        - Scritto da: NeRON
        - Scritto da: Ciobix

        ... anche Wikipedia cederà; è solo questione di

        tempo!

        Purtroppo.
        ma perché dici cosí!?! alla fine é li.. i costi
        mi pare che siano praticamente pareggiati dalle
        donazioni... pian piano continua... poi ovvio se
        quel "poi" é tra 20anni ti do anche ragione
        :Pin ogni caso i contenuti sono in GFDL o GPL o come si chiama... quindi se non ti sta bene, fai la nonpaypedia e continui come prima! :)e gli altri fanno la spammopedia :)
    • Lori Lucius scrive:
      Re: Prima o poi...
      ma cosa dici? wikipedia è un insieme di persone, non è che se una persona ha sbagliato allora tutto il mondo di wikipedia diventa spazzatura...Che bella la filosofia Open Source
      • Ciobix scrive:
        Re: Prima o poi...
        - Scritto da: Lori Lucius
        ma cosa dici? wikipedia è un insieme di persone,
        non è che se una persona ha sbagliato allora
        tutto il mondo di wikipedia diventa
        spazzatura...
        Che bella la filosofia Open SourceNono ma io non mi riferivo all'onestà delle persone. Dico che purtroppo (imho ovviamente) il progetto non riuscirà a reggersi a lungo. Non si può andare avanti con le donazioni. L'anno scorso anch'io ho donato, e molto volentieri; ma ho paura che se stavolta ci sono voltui 8 milioni, ce ne vorranno in futuro sempre più e ad un certo punto le donazioni non basteranno. E questo mi spiace molto, perchè Wikipedia, in un'una ipotetica lista delle invenzioni più importanti, viene subito dopo internet; è l'anima di internet, è tutto ciò che internet rappresenta, è una risorsa incredibile.
        • Pao scrive:
          Re: Prima o poi...
          - Scritto da: Ciobix
          - Scritto da: Lori Lucius

          ma cosa dici? wikipedia è un insieme di persone,

          non è che se una persona ha sbagliato allora

          tutto il mondo di wikipedia diventa

          spazzatura...

          Che bella la filosofia Open Source


          Nono ma io non mi riferivo all'onestà delle
          persone. Dico che purtroppo (imho ovviamente) il
          progetto non riuscirà a reggersi a lungo. Non si
          può andare avanti con le donazioni.

          L'anno scorso anch'io ho donato, e molto
          volentieri; ma ho paura che se stavolta ci sono
          voltui 8 milioni, ce ne vorranno in futuro sempre
          più e ad un certo punto le donazioni non
          basteranno.Vero... pero' si potrebbe sempre "cedere" e lasciare spazio a qualche banner.Ok, non sara' bello. Ma meglio che chiudere :)Io non ci troverei nulla di male nella cosa. A patto che siano usati esclusivamente per il mantenimento dell'infrastruttura e non per lucro (altrimenti qui cade lo spirito wikipediano)
    • Pao scrive:
      Re: Prima o poi...
      - Scritto da: Ciobix
      ... anche Wikipedia cederà; è solo questione di
      tempo!
      Purtroppo.Non credo.E questo caso dimostra l'opposto.Che e' solida e che casi come questo possono venire scoperti e isolati.Molto molto peggio dei casi in cui chi scrive le enciclopedia e' pagato dall'editore...per scrivere anche la sua biografia... per esempio :)
      • Ciobix scrive:
        Re: Prima o poi...
        - Scritto da: Pao
        - Scritto da: Ciobix

        ... anche Wikipedia cederà; è solo questione di

        tempo!

        Purtroppo.

        Non credo.
        E questo caso dimostra l'opposto.
        Che e' solida e che casi come questo possono
        venire scoperti e
        isolati.


        Molto molto peggio dei casi in cui chi scrive le
        enciclopedia e' pagato dall'editore...per
        scrivere anche la sua biografia... per esempio
        :)Bah, che dire... Spero tu abbia ragione :D
Chiudi i commenti