AMD taglia i prezzi degli Athlon XP

Il chipmaker di Sunnyvale marca Intel molto da vicino e dà una sforbiciata alla sua linea desktop e mobile di processori Athlon XP


Sunnyvale (USA) – AMD risponde ai tagli di prezzo recentemente annunciati da Intel e lo fa con ribassi che vanno dal 17% al 52% per gli Athlon XP mobile e fra l’11% e il 32% per la versione desktop. AMD sostiene che questi ribassi sono necessari per rimanere competitiva sul mercato, anche se questo, come si è visto lo scorso anno, non giova di certo alle sue finanze.

Nel segmento desktop, AMD ha tagliato il prezzo dei tre Athlon XP top di gamma: il 2100+ è passato da 330$ a 224$ (- 32%), il 2000+ da 280$ a 193$ (- 31%) e il 1900+ da 220$ a 172$ (- 22%).

Nel segmento mobile il chipmaker ha compiuto un’operazione analoga andando ad abbassare il prezzo del modello 1700+, passato da 489$ a 235$ (- 52%), del 1600+, passa da 380$ a 192$ (- 49%), del 1500+, che da 250$ costa ora 175$ (- 30%), e del 1400+, che dai precedenti 190$ è finito a 150$ (- 21%).

Nella guerra dei prezzi Intel sembra avere un margine di vantaggio rispetto ad AMD, margine dato soprattutto dal fatto che il colosso di Santa Clara può contare sui maggiori margini di profitto del mercato hi-end, un segmento dove AMD è appena entrata e ha quote ancora marginali.

E’ per questo che AMD in questi ultimi anni ha cercato di differenziare la sua offerta, da un lato rivitalizzando la divisione che produce memorie Flash e dall’altra estendendo il range di applicazioni dei suoi processori, che con gli Athlon XP e gli imminenti Opteron puntano con più decisione alla fascia del mercato enterprise.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    professional
    Microsoft ha spiegato di aver classificato la vulnerabilità come "critica" perché, fino a che Exchange non abbia finito di processare il messaggio, l'attacco può essere fermato solo riavviando il servizio o il server.====questo dice tutto sulla professionalita...
    • Anonimo scrive:
      Re: professional

      Microsoft ha spiegato di aver classificato
      la vulnerabilità come "critica" perché, fino
      a che Exchange non abbia finito di
      processare il messaggio, l'attacco può
      essere fermato solo riavviando il servizio o
      il server.

      ====

      questo dice tutto sulla professionalita...
      la scarsa professionalita' sta nel fatto che l'hanno classificato come critical?o nel fatto che bisogna riavviare il server?nel secondo caso quello e' proprio a causa del bug... non e' un comportamento voluto...adesso ci sono anche bug professionali? :)ciao
  • Anonimo scrive:
    Conoscenze non comuni?
    Visto il livello d'ignoranza che la M$ vuolediffondere tra gli amministratori e che nonrendono pubblico l'exploit c'e' da supporre cheper "conoscenze non comuni" intendano la sequenzaHELO ecceteraMAIL FROM: ecceteraRCPT TO: ecceterao sbaglio?I tecnici M$ tendono sempre a sottovalutare ipropri bachi... tanto nessuno li puo' contraddire!Se hanno indicato il baco come critico significa che e' peggio dell'ebola!
    • Anonimo scrive:
      Re: Conoscenze non comuni?

      per "conoscenze non comuni" intendano la
      sequenza
      HELO eccetera
      MAIL FROM: eccetera
      RCPT TO: eccetera
      o sbaglio?si proprio quelli (almeno a leggere l'articlo).Il protocollo sm
  • Anonimo scrive:
    Nessuno trolleggia.
    Come da oggetto nessuno trolleggia fra gli utenti linux. Se fosse stato un bug di postfix vi sareste riversati in massa, cari troll M$sari.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nessuno trolleggia.
      esattamente quello che ho pensato io.ciaogodz
    • Anonimo scrive:
      Re: Nessuno trolleggia.
      - Scritto da: aS
      Come da oggetto nessuno trolleggia fra gli
      utenti linux. data la frequenza di tali avvenimenti, i troll in questione si sono stancati...;)cmq credo sia la prima vulnerabilita' di exchange... e un DoS non e' poi cosi' grave, se lo sai gestire.
      • Anonimo scrive:
        Re: Nessuno trolleggia.

        data la frequenza di tali avvenimenti, i
        troll in questione si sono stancati...;)

        cmq credo sia la prima vulnerabilita' di
        exchange... e un DoS non e' poi cosi' grave,
        se lo sai gestire.Adesso non esageriamo, saranno almeno 30 dal 98. Guarda su securityfocus.
        • Anonimo scrive:
          Re: Nessuno trolleggia.
          - Scritto da: CmdrTraco

          data la frequenza di tali avvenimenti, i

          troll in questione si sono stancati...;)



          cmq credo sia la prima vulnerabilita' di

          exchange... e un DoS non e' poi cosi'
          grave,

          se lo sai gestire.

          Adesso non esageriamo, saranno almeno 30 dal
          98. Guarda su securityfocus.Exchange 2000 è diventato usabile dal secondo service pack in poi. Prima c'erano alcuni connettori che si comportavano in modo... ehm... "bizzarro" diciamo, soprattutto il connettore di lotus notes e quello X.400.Probabilmente nessuno trolleggia perchè pochissima gente conosce realmente come funziona exchange.
          • Anonimo scrive:
            Re: Nessuno trolleggia.
            - Scritto da: Maxesse
            Probabilmente nessuno trolleggia perchè
            pochissima gente conosce realmente come
            funziona exchange.Perchè, i troll windowsari conoscono postfix? No, sanno a malapena cos'è... ecco però che si riversano in massa nei forum se viene trovata una imprefezione nel server in questione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Nessuno trolleggia.


            Probabilmente nessuno trolleggia perchè

            pochissima gente conosce realmente come

            funziona exchange.

            Perchè, i troll windowsari conoscono
            postfix? No, sanno a malapena cos'è... ecco
            però che si riversano in massa nei forum se
            viene trovata una imprefezione nel server in
            questione.o forse e' perche' c'e' chi lo addita come il miglior esempio di come l'open source produca mostri inaffondabili?Un bug su postfix farebbe notizia perche' e' facile farsi male quando si cade dall'alto... e in alto ce lo hanno portato i troll della setta "linux for the masses".Exchange, essendo "shit" Microsoft, e' ovvio che sia stracolmo di bug, o soggetto a DDOS... e una cosa ovvia non fa notizia.ciao
Chiudi i commenti