AMD vede grigio

La società statunitense preannuncia risultati negativi. Colpa di Europa, Cina e dei consumatori, naturalmente. Nel mentre la spesa aziendale per l'IT è in crescita. Moderata, ma sempre crescita è

Roma – Cattive notizie in arrivo per gli investitori e gli utenti di tecnologie AMD: Sunnyvale ha fatto i conti “preliminari” sui risultati finanziari, registrando una performance negativa e di certo molto inferiore alle attese.

Agli investitori era stato in precedenza annunciato un incremento delle vendite fino al 6 per cento rispetto al primo trimestre, ma ora AMD è costretta a fare dietrofront e a preannunciare una forte riduzione pari a -11 per cento. I ricavi complessivi dovrebbero ammontare a 1,41 miliardi di dollari, dice ancora AMD, vale a dire -9,9 per cento su base annua e il trend in discesa accelererà nel corso della seconda metà del 2012.

I motivi di risultati così negativi? AMD cita “condizioni di business materializzatesi nell’ultima parte del secondo trimestre”, nello specifico vendite al di sotto delle aspettative in Cina (che rallenta la sua proverbiale crescita a doppia cifra) e in Europa (che è in depressione come e più degli anni passati) e una domanda dei consumatori inferiore alle attese che hanno avuto conseguenze sul business dei produttori OEM.

In attesa di conoscere i dati finali che AMD confezionerà per gli investitori, Gartner vede (molto) meno negativo di quanto i numeri di Sunnyvale facciano presagire – almeno per quanto riguarda la spesa tecnologica delle aziende.

Il settore corporate, dice la società di analisi, crescerà (hardware, software, servizi, dispositivi di networking, “cloud”) di un buon 3 per cento nel corso del 2012. Che ad AMD convenga investire in tecnologie di processore (x86) efficienti ed economiche più che sulle ibridazioni con ARM ?

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sia scrive:
    c'è di mezzo goggle
    Penso ci sia di mezzo google con i suoi fantastriliardi donati alla mozilla foundation, altrimenti non si spiegherebbe una scelta tanto miope ed azzardata.
  • Skywalker scrive:
    Archivio
    Il mio primo account email è del 1993.Da allora ho passato una pletora di Email Client: ELM, Pine, Minuet, Mozilla Mail, Pegasus Mail, Eudora, TheBat!, Outlook Express, Green Mail.Poi dal 2000 ho cominciato a sentire l'esigenza di un Email Client che funzionasse sia nella partizione MS Windows che in quella Linux, insistendo sulla stessa base dati. E sono passato ad Opera Mail, integrato in Opera. Poi per lavoro ho dovuto utilizzare Lotus Notes per un paio d'anni.... e da li ho imparato quanto sia importante avere i propri archivi in un formato aperto, standard e ben documentato!Ed ho migrato tutto quello che avevo dal 1993 ad oggi in Thunderbird. E da allora qualunque sistema di posta comodo io possa usare deve avere una caratteristica irrinunciabile: la posta deve poter essere archiviata in Thunderbird. Presente sia sulla partizione MS Windows (ormai poco utilizzata) che su quella Linux.Ad oggi ho TUTTO archiviato in Thunderbird, qualunque sia la mail che utilizzo, qualunque sia il fornitore.TRANNE quei due f@**#*i anni in Lotus Notes 5. Ho un intero client windows solo per leggere quegli archivi .nsf.Avere un client di posta versatile, multipiattaforma, opensource, con formati ben documentati è oggi per me IRRINUNCIABILE per avere un archivio affidabile nel tempo.Ad oggi Thunderbird fa questo.P.S: Se poi qualcuno gentile si è imbattuto in un modo ragionevole per importare in Thunderbird posta archiviata in un DB NSF Lotus Notes 5, senza dover installare un Server Domino ed un Exchange Server, ve ne sarò grato...
  • suc scrive:
    ennesimo fallimento dell'open
    come da oggetto
  • mjfox scrive:
    Io uso Gmail
    Dal 2007 ormai utilizzo solamente Gmail senza programmi aggiuntivi. Per la posta personale è la soluzione migliore: non perdo documenti e ho tutto subito disponibile su Mac, Linux, Android o sul pc degli amici. La sicurezza non è il massimo (i dati sono sempre online), ma ripeto per uso personale è ottimo.
    • ruppolo scrive:
      Re: Io uso Gmail
      - Scritto da: mjfox
      Dal 2007 ormai utilizzo solamente Gmail senza
      programmi aggiuntivi. Per la posta personale è la
      soluzione migliore: non perdo documenti e ho
      tutto subito disponibile su Mac, Linux, Android o
      sul pc degli amici. La sicurezza non è il massimo
      (i dati sono sempre online), ma ripeto per uso
      personale è
      ottimo.Il problema di GMAIL è uno solo: è un servizio di Google, quindi i tuoi dati e quelli dei tuoi corrispondenti sono alla mercé di Google, che li sfrutta per i suoi affari.
  • b b scrive:
    mail client difettoso?
    secondo me OUTLOOK EXPRESS è piu che sufficiente per la maggioranza degli utenti.il problema è sempre piu spesso l'assenza di un antivirus/antispam adegutato e la pazzia di quelli che non cancellano mai le email inutili per anni e anni.Se poi andimo proprio a guardare il pelo nell'uovo possiamo dire che quando OUTLOOK EXPRESS tenta di comprimere i messaggi e avete un PC instabile causa hardware di XXXXX o perché pieno di malware, puo capitare che vi va in crash il PC proprio mentre sta facendo la compressione e allora sono dolori.e poi sono ancora più dolori perché la maggioranza dei "cretinetti" lasciano andare la posta dentro la directory di default e così quando salta il disco C: addioooooooo!
    • Sgabbio scrive:
      Re: mail client difettoso?
      - Scritto da: b b
      secondo me OUTLOOK EXPRESS è piu che sufficiente
      per la maggioranza degli
      utenti.Peccato che:1) e considerato un software veramente insicuro, tanto più che ti apriva in automatico gli allegati mail2) Dopo XP, quel programma è morto.
      il problema è sempre piu spesso l'assenza di un
      antivirus/antispam adegutato e la pazzia di
      quelli che non cancellano mai le email inutili
      per anni e
      anni.A parte che i client di posta seri hanno un loro filtro anti spam, l'obsoleto Outlook express, no.Seconda cosa, avere un archivio di mail, male non fa.
      Se poi andimo proprio a guardare il pelo
      nell'uovo possiamo dire che quando OUTLOOK
      EXPRESS tenta di comprimere i messaggi e avete un
      PC instabile causa hardware di XXXXX o perché
      pieno di malware, puo capitare che vi va in crash
      il PC proprio mentre sta facendo la compressione
      e allora sono
      dolori.Non è il software buggato? NO! sono i malware o HW diffettoso :D
      e poi sono ancora più dolori perché la
      maggioranza dei "cretinetti" lasciano andare la
      posta dentro la directory di default e così
      quando salta il disco C:
      addioooooooo!ok, unatrollata scarsina e mediocre.... 3 su 10.
  • Gianfranco scrive:
    Era ora
    All'inizio lo usavo al posto di outlook. Era una scheggia. Spazio ad aiosa per l'email senza il limite imposto da outlook. Il backup facile è immediato. Poi la tragedia. Le ultime versioni fanno veramente pena. Non solo soffre di alcuni rallentamenti banali. Nessuna attenzione sulla sicurezza. Copiare le email integrali da Thunderbird è una cavolata. Inoltre hanno usato un meccanismo penoso delle password su firefox che se usi un programma come ccleaner ad esempio ti cancella e devi reimpostare ogni volta. Insomma i problemi ci sono. Alle volte quando alleghi o apri un messaggio ci vogliono molti minuti e devi aspettare. Molte aziende che l'ho hanno usato si sono lamentate credendo che il PC andava formattato ma per fortuna la stessa mozzilla ha reso pubblico il problema. Outlook 2012 l'hanno migliorato tantissimo. Ritorno ad usarlo con soddisfazione. Se continueranno così è meglio chiuderlo altrimenti i miglioramenti sono ben accetti.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Era ora
      - Scritto da: Gianfranco
      All'inizio lo usavo al posto di outlook. Era una
      scheggia. Spazio ad aiosa per l'email senza il
      limite imposto da outlook. Il backup facile è
      immediato. Poi la tragedia. Le ultime versioni
      fanno veramente pena. Non solo soffre di alcuni
      rallentamenti banali. Nessuna attenzione sulla
      sicurezza. Copiare le email integrali da
      Thunderbird è una cavolata. Inoltre hanno usato
      un meccanismo penoso delle password su firefox
      che se usi un programma come ccleaner ad esempio
      ti cancella e devi reimpostare ogni volta.
      Insomma i problemi ci sono. Alle volte quando
      alleghi o apri un messaggio ci vogliono molti
      minuti e devi aspettare. Molte aziende che l'ho
      hanno usato si sono lamentate credendo che il PC
      andava formattato ma per fortuna la stessa
      mozzilla ha reso pubblico il problema. Outlook
      2012 l'hanno migliorato tantissimo. Ritorno ad
      usarlo con soddisfazione. Se continueranno così è
      meglio chiuderlo altrimenti i miglioramenti sono
      ben
      accetti.Che cosa ? CClearn cancella le pass ??? HAHAHA
  • bancai scrive:
    meglio così!
    in caso mozilla hanno un concetto approssimativo di progettazione, mi sa tanto di roba inserita e tolta a seconda degli umori...in questo modo il programma sarà "stabile" e non ci saranno problemi a inserire estensioni che difficilmente saranno incompatibili in futuro...
    • maxsix scrive:
      Re: meglio così!
      - Scritto da: bancai
      in caso mozilla hanno un concetto approssimativo
      di progettazione, mi sa tanto di roba inserita e
      tolta a seconda degli
      umori...
      Fosse solo Mozilla...E' un modus operandi molto comune nel mondo open.
      • Sgabbio scrive:
        Re: meglio così!
        - Scritto da: maxsix
        Fosse solo Mozilla...
        E' un modus operandi molto comune nel mondo open.1 su 10.
  • omg scrive:
    Il titolo e' obbligatorio
    Soluzione è installare un server mail. Posta online e sei a cavallo.. oltretutto puoi sempre dire che hai la posta iCloud rotfl
  • curiosone455 scrive:
    client posta
    mi ritorna in mente Eudora ..chi lo rimpiange ?
  • Il Moralizzat ore scrive:
    Uno schifo...
    il miglior client è senza ombra di dubbioMICROSOFT OUTLOOK EXPRESSil resto è paccottiglia e noia
    • Harry85 scrive:
      Re: Uno schifo...
      - Scritto da: Il Moralizzat ore
      il miglior client è senza ombra di dubbio

      MICROSOFT OUTLOOK EXPRESS

      il resto è paccottiglia e noiaIo rimango sempre stupito da quanti masochisti ci sono al mondo ... ;)
    • Spiegatore scrive:
      Re: Uno schifo...
      - Scritto da: Il Moralizzat ore
      il miglior client è senza ombra di dubbio

      MICROSOFT OUTLOOK EXPRESS

      il resto è paccottiglia e noiaSi! E oltre a essere il migliore, adesso si ricandida pure alle elezioni!
      • Alessandro scrive:
        Re: Uno schifo...
        Stupenda! XD- Scritto da: Spiegatore
        - Scritto da: Il Moralizzat ore

        il miglior client è senza ombra di dubbio



        MICROSOFT OUTLOOK EXPRESS



        il resto è paccottiglia e noia

        Si! E oltre a essere il migliore, adesso si
        ricandida pure alle
        elezioni!
    • omg scrive:
      Re: Uno schifo...
      E' un troll vero? dimmi di si, ti prego..
    • Ubunto scrive:
      Re: Uno schifo...
      - Scritto da: Il Moralizzat ore
      il miglior client è senza ombra di dubbio

      MICROSOFT OUTLOOK EXPRESS

      il resto è paccottiglia e noiaBella questa! (rotfl)(rotfl)(rotfl)Uno dei client più trapanati della storia del software.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 luglio 2012 15.04-----------------------------------------------------------
  • becker scrive:
    ora ho deciso per Simple Mail
    E' sempre utile un client mail ma è ancora più utile se è incorporato nel browser..Dopo questa notizia ho deciso di utilizzare SimpleMail è un estensione per firefox, quindi funziona su tutte le piattaforme dove è possibile installare firefox e poi mentre navighi poi controllare le caselle email senza aprire un altro software.
    • Licenza poetica scrive:
      Re: ora ho deciso per Simple Mail

      Dopo questa notizia ho deciso di utilizzare
      SimpleMail è un estensione per firefox, quindi
      funziona su tutte le piattaforme dove è possibile
      installare firefox e poi mentre navighi poi
      controllare le caselle email senza aprire un
      altro
      software.Tu controlli ancora se un'applicazione è aperta o no?Da almeno un anno, su Mac, non è più necessario sapere quali programmi sono aperti e quali no.
      • zmubadruf scrive:
        Re: ora ho deciso per Simple Mail
        - Scritto da: Licenza poetica
        Tu controlli ancora se un'applicazione è aperta o
        no?per quale motivo non dovrebbe?
        Da almeno un anno, su Mac, non è più necessario
        sapere quali programmi sono aperti e quali
        no.per quale motivo non è più necessario?mi sembra una funzione in meno e non in più ma sono interessato
        • krane scrive:
          Re: ora ho deciso per Simple Mail
          - Scritto da: zmubadruf
          - Scritto da: Licenza poetica

          Tu controlli ancora se un'applicazione è

          aperta o no?
          per quale motivo non dovrebbe?

          Da almeno un anno, su Mac, non è più

          necessario sapere quali programmi sono

          aperti e quali no.
          per quale motivo non è più necessario?Stara' alludendo ai virus che ultimamente colpiscono anche mac (rotfl)
          mi sembra una funzione in meno e non in
          più ma sono interessato
    • Giangi scrive:
      Re: ora ho deciso per Simple Mail
      - Scritto da: becker
      E' sempre utile un client mail ma è ancora più
      utile se è incorporato nel
      browser..Opera browser, da sempre! :)io non lo ricordo perché non lo usavo, ma netscape non faceva lo stesso?
      • Gabriele scrive:
        Re: ora ho deciso per Simple Mail
        - Scritto da: Giangi
        - Scritto da: becker

        E' sempre utile un client mail ma è ancora
        più

        utile se è incorporato nel

        browser..

        Opera browser, da sempre! :)


        io non lo ricordo perché non lo usavo, ma
        netscape non faceva lo
        stesso?ESATTO :)ed è la stessa cosa che da anni fa Mozilla SeaMonkey.Gabriele
    • Gabriele scrive:
      Re: ora ho deciso per Simple Mail
      - Scritto da: becker
      E' sempre utile un client mail ma è ancora più
      utile se è incorporato nel
      browser..

      Dopo questa notizia ho deciso di utilizzare
      SimpleMail è un estensione per firefox, quindi
      funziona su tutte le piattaforme dove è possibile
      installare firefox e poi mentre navighi poi
      controllare le caselle email senza aprire un
      altro
      software.Allora tanto vale che installi SeaMonkey, sempre di Mozilla, che funziona benissimo sia come browser (segue il codice di Firefox) che come client di posta (IMHO più razionale di Thunderbird) e come news reader.C'è per tutte le piattaforme moderne :)Gabriele
      • becker scrive:
        Re: ora ho deciso per Simple Mail
        - Scritto da: Gabriele
        - Scritto da: becker

        E' sempre utile un client mail ma è ancora più

        utile se è incorporato nel

        browser..



        Dopo questa notizia ho deciso di utilizzare

        SimpleMail è un estensione per firefox, quindi

        funziona su tutte le piattaforme dove è
        possibile

        installare firefox e poi mentre navighi poi

        controllare le caselle email senza aprire un

        altro

        software.

        Allora tanto vale che installi SeaMonkey, sempre
        di Mozilla, che funziona benissimo sia come
        browser (segue il codice di Firefox) che come
        client di posta (IMHO più razionale di
        Thunderbird) e come news
        reader.

        C'è per tutte le piattaforme moderne :)

        Gabrieleil browser è sempre aggiornato all'ultima versione con gli stessi tempi di Mozilla?
        • becker scrive:
          Re: ora ho deciso per Simple Mail
          Ho provaro seamonkey non mi piace.
        • Sgabbio scrive:
          Re: ora ho deciso per Simple Mail
          - Scritto da: becker
          - Scritto da: Gabriele

          - Scritto da: becker


          E' sempre utile un client mail ma è
          ancora
          più


          utile se è incorporato nel


          browser..





          Dopo questa notizia ho deciso di
          utilizzare


          SimpleMail è un estensione per firefox,
          quindi


          funziona su tutte le piattaforme dove è

          possibile


          installare firefox e poi mentre navighi
          poi


          controllare le caselle email senza
          aprire
          un


          altro


          software.



          Allora tanto vale che installi SeaMonkey,
          sempre

          di Mozilla, che funziona benissimo sia come

          browser (segue il codice di Firefox) che come

          client di posta (IMHO più razionale di

          Thunderbird) e come news

          reader.



          C'è per tutte le piattaforme moderne :)



          Gabriele

          il browser è sempre aggiornato all'ultima
          versione con gli stessi tempi di
          Mozilla?Seamonkey ha una numerazione diversa.
      • No Mozilla No scrive:
        Re: ora ho deciso per Simple Mail
        - Scritto da: Gabriele
        Allora tanto vale che installi SeaMonkey, sempre
        di MozillaSeamonkey non è un software Mozilla. È sviluppato, curato e mantenuto dal Seamonkey Project. Mozilla offre loro solo l'hosting e il supporto legale.http://www.seamonkey-project.org/about
  • Stargatto scrive:
    Che Schifo!!!
    Sono davvero schifato dalla politica della Mozilla Foundation.Nell'ultimo periodo si e' visto un continuo disinteresse per i progetti *core* e il continuo investimento su progetti inutili e secondo me persi in partenza (Firefox OS, Firefox per Android, ecc).Uso Thunderbird dalle primissime versioni, ho convinto io molti miei colleghi ed amici ad usarlo perche' unica vera alternativa al predominio di Outlook nel mondo business.Thunderbird e' sempre stato un po' la cenerentola della MF, ma il fatto che voglia essere lentamente abbandonato (gia' prima usciva un aggiornamento ogni 2 anni, figuriamoci adesso...) fa presagire il peggio.Questa politica avvantaggio solo i, anzi il, competitor (vi prego, non citatemi clawsmail o evolution, sono orrendi).
    • tenny scrive:
      Re: Che Schifo!!!
      - Scritto da: Stargatto
      Sono davvero schifato dalla politica della
      Mozilla
      Foundation.
      Nell'ultimo periodo si e' visto un continuo
      disinteresse per i progetti *core* e il continuo
      investimento su progetti inutili e secondo me
      persi in partenza (Firefox OS, Firefox per
      Android,
      ecc).
      Uso Thunderbird dalle primissime versioni, ho
      convinto io molti miei colleghi ed amici ad
      usarlo perche' unica vera alternativa al
      predominio di Outlook nel mondo
      business.
      Thunderbird e' sempre stato un po' la cenerentola
      della MF, ma il fatto che voglia essere
      lentamente abbandonato (gia' prima usciva un
      aggiornamento ogni 2 anni, figuriamoci adesso...)
      fa presagire il
      peggio.
      Questa politica avvantaggio solo i, anzi il,
      competitor (vi prego, non citatemi clawsmail o
      evolution, sono
      orrendi).ho sentito questa stessa sensazione con Sunbird... ho convinto gente anche in ambito busines, colleghi, ad usarlo e poi hanno smesso lo sviluppo... se io non voglio usare thunderbird devo restare allo sviluppo di anni fa.alla fine me ne torno ad Outlook e saluti, con tutti i pro e i contro del caso.comunque TheBat rulez!!!! :)
  • sxs scrive:
    SeaMonkey
    Ma si sa come sara' per il client di posta incluso in SeaMonkey?!?Quello sarebbe il primo candidato come rimpiazzo di thunderbird malo continueranno a sviluppare?
    • Gabriele scrive:
      Re: SeaMonkey
      - Scritto da: sxs
      Ma si sa come sara' per il client di posta
      incluso in
      SeaMonkey?!?
      Quello sarebbe il primo candidato come rimpiazzo
      di thunderbird
      ma
      lo continueranno a sviluppare?Immagino di sì, SeaMonkey ha sempre seguito uno sviluppo parallelo a Firefox e Thunderbird, nel senso che puntavano più agli aspetti tecnici che all'interfaccia grafica e quindi IMHO resterà una valida alternativa.Anzi secondo me funziona meglio di Thunderbird (almeno su OSX), è meno incasinato graficamente e meno lento.Certo per esserne certi, si può chiedere sui loro newsgroup (cerca in news.mozilla.org)Gabriele
      • sxs scrive:
        Re: SeaMonkey
        [...]
        Certo per esserne certi, si può chiedere sui loro
        newsgroup (cerca in
        news.mozilla.org)
        GabrieleGrazie
  • Joe_Public scrive:
    Ha ragione Mozilla....
    Meglio concentrarsi sulla stabilità e sulla qualità del codice di TB, che mettere altre funzionalità nel codice.... per quelle ci sono le estensioni.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Ha ragione Mozilla....
      - Scritto da: Joe_Public
      Meglio concentrarsi sulla stabilità e sulla
      qualità del codice di TB, che mettere altre
      funzionalità nel codice.... per quelle ci sono le
      estensioni.Sinceramente se migliorarano l'usabilità generale, male non fa.Affermare che i client di posta sono morti poi e sempre stato una ridicolaggine.
    • Giangi scrive:
      Re: Ha ragione Mozilla....
      - Scritto da: Joe_Public
      Meglio concentrarsi sulla stabilità e sulla
      qualità del codice di TB, che mettere altre
      funzionalità nel codice.... per quelle ci sono le
      estensioni.salvo poi vederle disabilitare
      • Joe_Public scrive:
        Re: Ha ragione Mozilla....
        - Scritto da: Giangi
        - Scritto da: Joe_Public

        Meglio concentrarsi sulla stabilità e sulla

        qualità del codice di TB, che mettere altre

        funzionalità nel codice.... per quelle ci
        sono
        le

        estensioni.

        salvo poi vederle disabilitareMah, io con Lightning (giusto per fare un esempio) mi trovo benissimo, mai disattivato, ne' tantomeno TB me lo ha mai disattivato. Tu hai avuto problemi con altre estensioni?
  • Giulia scrive:
    Finalmente una ottima notizia....
    ...visto che uso seamonkey , prima netscape communicator, dal 98 (si 1998) e attualmente e' la migliore suite possibile (le persone private a cui la ho descritta la hanno subito adottata anche in versine portable), smetteranno di sviluppre i pezzi singoli (quanto ci manca alla fine di firefox per autocombusitone) e torneremo alle cose serie.Giulia
    • Giulia scrive:
      Re: Finalmente una ottima notizia....
      Aggiungo, OS/2 -
      Windows 2000 -
      WIN XP -
      Ubuntu con la stessa posta cartella di posta!
      • sxs scrive:
        Re: Finalmente una ottima notizia....
        - Scritto da: Giulia
        Aggiungo, OS/2 -
        Windows 2000 -
        WIN XP -

        Ubuntu con la stessa posta cartella di
        posta!AH! Come vedi ho chiesto informazioni a riguardo.Per me applicazione singola o setup "bundle", purche'si possa scegliere quale componente installare, e' lo stesso.P.S.: Pensa che a me sembra di essere passato dal clientdi posta mozzilla pre-thunderbird fino ad oggi (con thunderbird)mantenendo gran parte del profilo di allora.Comunque tu hai notizie che lo sviluppo del clinet di postadi Seamonkey continuera'?
  • sardonico scrive:
    Se ora i Thunderbirdiani...
    ... faranno a gara a chi trova per primo il client alternativo, il destino di TB sara' davvero segnato, sara' morto nel giro di qualche tempo.Invece, continuiamo a tenercelo stretto... se abbiamo scelto TB in mezzo a tutti gli altri un motivo c'e'!
    • revo lution scrive:
      Re: Se ora i Thunderbirdiani...
      - Scritto da: sardonico
      Invece, continuiamo a tenercelo stretto... se
      abbiamo scelto TB in mezzo a tutti gli altri un
      motivo c'e'!eh ma c'è anche un motivo se qualcuno (come me) dopo aver usato TB per anni lo ha mollato circa tre anni fa, non appena mozilla ha iniziato a "trattarlo" come firefox...da allora sono un felicissimo utente di ClawsMail (che, per inciso,.a TB gli caga addosso...)saluti
      • sardonico scrive:
        Re: Se ora i Thunderbirdiani...

        da allora sono un felicissimo utente di ClawsMail
        (che, per inciso,.a TB gli caga
        addosso...)Pero', che scostumato 'sto ClawsMail!Povero Thunderbird. Certo che essendo un uccello di tuono, probabilmente non scherza manco lui quanto a guano. :-P
        • sardonico scrive:
          Re: Se ora i Thunderbirdiani...
          "Con la lingua fuori" ce l'ha messo il parser di P.I. al posto dell'emoticon.Letto di seguito alla frase, e' contemporaneamente esilarante e stomachevole!
    • il signor rossi scrive:
      Re: Se ora i Thunderbirdiani...
      - Scritto da: sardonico
      ... faranno a gara a chi trova per primo il
      client alternativo, il destino di TB sara'
      davvero segnato, sara' morto nel giro di qualche
      tempo.
      Invece, continuiamo a tenercelo stretto... se
      abbiamo scelto TB in mezzo a tutti gli altri un
      motivo
      c'e'!è l'unico multipiattaforma che ci consente di usare lo stesso software e anche di migrare la nostra posta facilmente fra win, linux e mac... non credo morirà tanto facilmente, se non ci penserà Mozilla sicuramente ci sarà qualcuno che continuerà lo sviluppo, comunque su un client di posta non è che ci sia necessità di fare grosse cose, ormai... a mio parere, proprio la sua natura di client di posta "classico" ne definisce il limiti come funzionalità e il suo essere multipiattaforma ne è contemporaneamente il punto di forza e il limite (non può integrarsi più di tanto con le funzioni del sistema operativo ospitante). Staremo a vedere. Ogni software ha un ciclo di vita... nasce, raggiunge l'apice e muore quando i tempi cambiano. Oggi le esigenze di controllare la posta da molti device e in mobilità favoriscono molto l'approccio di gmail (web application + app mobili), mentre Thunderbird rimane utile in ambito soprattutto aziendale, ma sinceramente non conosco nessuno che non sia un informatico che per la propria posta personale non usi semplicemente un'interfaccia web. Ormai è troppo complesso pure usare un client di posta.
      • revo lution scrive:
        Re: Se ora i Thunderbirdiani...
        - Scritto da: il signor rossi
        è l'unico multipiattaforma che ci consente di
        usare lo stesso software e anche di migrare la
        nostra posta facilmente fra win, linux e mac...falsoquanto meno, c'è anche claws mail
        Oggi le esigenze di
        controllare la posta da molti device e in
        mobilità favoriscono molto l'approccio di gmail
        (web application + app mobili), mentre
        Thunderbird rimane utile in ambito soprattutto
        aziendale, ma sinceramente non conosco nessuno
        che non sia un informatico che per la propria
        posta personale non usi semplicemente
        un'interfaccia web. tu non ne conosciio invece sìe spesso si tratta di persone che semplicemente hanno un minimo di cura per la propria privacy e sicurezza
        Ormai è troppo complesso pure
        usare un client di posta.sarà perché ormai molti hanno completamente smesso di pensare in modo, anche un minimo, autonomo e critico?sarà perché farsi omologare e controllare (trad. essere servi) è più facile che cercare di mantenere una propria autonomia e consapevolezza personale (trad. autodeterminarsi)?
        • sardonico scrive:
          Re: Se ora i Thunderbirdiani...
          Bastasse scegliersi un client di posta elettronica minoritario per ritenersi liberi!
          • yaba doo scrive:
            Re: Se ora i Thunderbirdiani...
            - Scritto da: sardonico
            Bastasse scegliersi un client di posta
            elettronica minoritario per ritenersi
            liberi!e chi lo ha detto questo?piuttosto, non hai presente il semplice concetto conosciuto come "riduzione del danno"?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Se ora i Thunderbirdiani...
          - Scritto da: revo lution
          - Scritto da: il signor rossi

          è l'unico multipiattaforma che ci consente di

          usare lo stesso software e anche di migrare
          la

          nostra posta facilmente fra win, linux e
          mac...

          falso
          quanto meno, c'è anche claws mail

          Oggi le esigenze di

          controllare la posta da molti device e in

          mobilità favoriscono molto l'approccio di
          gmail

          (web application + app mobili), mentre

          Thunderbird rimane utile in ambito
          soprattutto

          aziendale, ma sinceramente non conosco
          nessuno

          che non sia un informatico che per la propria

          posta personale non usi semplicemente

          un'interfaccia web.

          tu non ne conosci
          io invece sì
          e spesso si tratta di persone che semplicemente
          hanno un minimo di cura per la propria privacy e
          sicurezza


          Ormai è troppo complesso pure

          usare un client di posta.

          sarà perché ormai molti hanno completamente
          smesso di pensare in modo, anche un minimo,
          autonomo e
          critico?

          sarà perché farsi omologare e controllare (trad.
          essere servi) è più facile che cercare di
          mantenere una propria autonomia e consapevolezza
          personale (trad.
          autodeterminarsi)?Sicuramente chi ha TB su windows, se passa a mac o linux nbon avrebbe problemi per fare l'importazione (su ubuntu poi.. :D), semmai devo dirlo, il tizio sopra ha torto, non è vero che non si può fare qualcosa di nuovo per un client di posta, sparrow su Mac, ne è una prova.
        • maxsix scrive:
          Re: Se ora i Thunderbirdiani...
          - Scritto da: revo lution
          - Scritto da: il signor rossi

          è l'unico multipiattaforma che ci consente di

          usare lo stesso software e anche di migrare
          la

          nostra posta facilmente fra win, linux e
          mac...

          falso
          quanto meno, c'è anche claws mail

          Oggi le esigenze di

          controllare la posta da molti device e in

          mobilità favoriscono molto l'approccio di
          gmail

          (web application + app mobili), mentre

          Thunderbird rimane utile in ambito
          soprattutto

          aziendale, ma sinceramente non conosco
          nessuno

          che non sia un informatico che per la propria

          posta personale non usi semplicemente

          un'interfaccia web.

          tu non ne conosci
          io invece sì
          e spesso si tratta di persone che semplicemente
          hanno un minimo di cura per la propria privacy e
          sicurezza
          Scusa eh ma mi sembra di capire che te sei assolutamente sicuro che avere una casella di posta in pop3 ti tuteli la tua privacy in quanto la casella remota viene svuotata?Se é così mi spiace ma sei un povero illuso.
          • Ubunto scrive:
            Re: Se ora i Thunderbirdiani...
            - Scritto da: maxsix
            Scusa eh ma mi sembra di capire che te sei
            assolutamente sicuro che avere una casella di
            posta in pop3 ti tuteli la tua privacy in quanto
            la casella remota viene
            svuotata?

            Se é così mi spiace ma sei un povero illuso.Invece lasciare il tuo archivio di posta, completo, contenente anni di corrispondenza, liberamente e permanentemente nelle mani di questo o quel fornitore di servizi, sarebbe meglio?E dai dell'illuso agli altri? Coraggio, incoscienza, o...
          • maxsix scrive:
            Re: Se ora i Thunderbirdiani...
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: maxsix

            Scusa eh ma mi sembra di capire che te sei

            assolutamente sicuro che avere una casella di

            posta in pop3 ti tuteli la tua privacy in
            quanto

            la casella remota viene

            svuotata?



            Se é così mi spiace ma sei un povero illuso.

            Invece lasciare il tuo archivio di posta,
            completo, contenente anni di corrispondenza,
            liberamente e permanentemente nelle mani di
            questo o quel fornitore di servizi, sarebbe
            meglio?
            E dai dell'illuso agli altri? Coraggio,
            incoscienza,
            o...Io come milioni di persone non ho nulla da nascondere, quindi non mi interessa moltissimo, anche perché certe cose "delicate" non devono transitare in uno strumento come una comunissima mail ma con ben altri sistemi.L'incoscienza di fondo è la violazione del suddetto concetto.La stupidità è pretendere la tutela dei propri diritti senza pagare.L'ignoranza è credere che il mondo li fuori sia fatto di gente che ci vuole bene senza che ci conosca.Ah e ti ripeto nuovamente il concetto che si vede non hai apprezzato fino in fondo, se credi che avere una mail in pop3 ti salvi dal fatto che il fornitore del servizio non si tenga una copia di tutto quello che passa a monte (se è ovviamente di suo interesse) sei un povero illuso.Forse così ti è più chiaro.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 luglio 2012 18.00-----------------------------------------------------------
          • Ubunto scrive:
            Re: Se ora i Thunderbirdiani...
            - Scritto da: maxsix

            Io come milioni di persone non ho nulla da
            nascondere, quindi non mi interessa moltissimo,
            anche perché certe cose "delicate" non devono
            transitare in uno strumento come una comunissima
            mail ma con ben altri
            sistemi.Quindi se ti iscrivi ad un servizio, di qualsiasi genere, che usi? I codici morse? Lasciando tutto sul server, nel caso in cui ci sia una fuga di password (vedi quelle di Yahoo ad esempio: http://punto-informatico.it/3560960/PI/News/yahoo-400mila-password-circolazione.aspx), che fai?
            L'incoscienza di fondo è la violazione del
            suddetto concetto.
            La stupidità è pretendere la tutela dei propri
            diritti senza pagare.
            L'ignoranza è credere che il mondo li fuori sia
            fatto di gente che ci vuole bene senza che ci
            conosca.Invece lasciare bellamente le email su un server, dimostrerebbe coscienza e cultura? Pagata o gratis non cambia nulla rispetto al concetto di sicurezza e preservazione dei dati, nonché privacy. Una casella e-mail è un'entità comunque "esposta". Meglio tenerla vuota.Non che io non usi anche email solo tramite l'interfaccia web: quelle che indico sui siti spazzatura o potenzialmente causa di spam. Tutte le cose "importanti" invece, finiscono su una casella dedicata, puntualmente svuotata dal sottoscritto.
            Ah e ti ripeto nuovamente il concetto che si vede
            non hai apprezzato fino in fondo, se credi che
            avere una mail in pop3 ti salvi dal fatto che il
            fornitore del servizio non si tenga una copia di
            tutto quello che passa a monte (se è ovviamente
            di suo interesse) sei un povero
            illuso.
            Forse così ti è più chiaro.Tenere una copia non significa usarla direttamente, e ci sono diversi motivi per cui questo viene fatto. Dopo un certo periodo di tempo i dati vengono eliminati. Avendo una e-mail pop3 non lasci perennemente i contenuti sul server ed al contempo sei in possesso della tua copia, nella memoria locale: al sicuro ed archiviata.
          • maxsix scrive:
            Re: Se ora i Thunderbirdiani...
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: maxsix



            Io come milioni di persone non ho nulla da

            nascondere, quindi non mi interessa
            moltissimo,

            anche perché certe cose "delicate" non devono

            transitare in uno strumento come una
            comunissima

            mail ma con ben altri

            sistemi.

            Quindi se ti iscrivi ad un servizio, di qualsiasi
            genere, che usi? I codici morse?
            Se è necessario anche, stai parlando con uno che ha una patente ordinaria di radioamatore ;)
            Lasciando tutto sul server, nel caso in cui ci
            sia una fuga di password (vedi quelle di Yahoo ad
            esempio:
            http://punto-informatico.it/3560960/PI/News/yahoo-
            Perché pensi che queste cose mi spaventino?Sono effetti collaterali prevedibilissimi, visto come funziona il sistema.A maggior ragione nella mia casella di posta non transita niente di "sensibile".Se c'è chi pretende di farlo, e pure a gratis, beh è un povero illuso, per non dire di peggio.


            L'incoscienza di fondo è la violazione del

            suddetto concetto.

            La stupidità è pretendere la tutela dei
            propri

            diritti senza pagare.

            L'ignoranza è credere che il mondo li fuori
            sia

            fatto di gente che ci vuole bene senza che ci

            conosca.

            Invece lasciare bellamente le email su un server,
            dimostrerebbe coscienza e cultura? Pagata o
            gratis non cambia nulla rispetto al concetto di
            sicurezza e preservazione dei dati, nonché
            privacy. Una casella e-mail è un'entità comunque
            "esposta". Meglio tenerla
            vuota.Ininfluente, credimi. Si vede che non sai come configurare un qmail, sendmail qualunque.
            Non che io non usi anche email solo tramite
            l'interfaccia web: quelle che indico sui siti
            spazzatura o potenzialmente causa di spam.

            Tutte le cose "importanti" invece, finiscono su
            una casella dedicata, puntualmente svuotata dal
            sottoscritto.


            Ah e ti ripeto nuovamente il concetto che si
            vede

            non hai apprezzato fino in fondo, se credi
            che

            avere una mail in pop3 ti salvi dal fatto
            che
            il

            fornitore del servizio non si tenga una
            copia
            di

            tutto quello che passa a monte (se è
            ovviamente

            di suo interesse) sei un povero

            illuso.

            Forse così ti è più chiaro.

            Tenere una copia non significa usarla
            direttamente, e ci sono diversi motivi per cui
            questo viene fatto. Dopo un certo periodo di
            tempo i dati vengono eliminati.

            Avendo una e-mail pop3 non lasci perennemente i
            contenuti sul server ed al contempo sei in
            possesso della tua copia, nella memoria locale:
            al sicuro ed
            archiviata.Ripeto sono solo, tue e di molti altri, pie illusioni.Fattene una ragione.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Se ora i Thunderbirdiani...
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)- Scritto da: maxsix
            - Scritto da: Ubunto

            - Scritto da: maxsix





            Io come milioni di persone non ho nulla
            da


            nascondere, quindi non mi interessa

            moltissimo,


            anche perché certe cose "delicate" non
            devono


            transitare in uno strumento come una

            comunissima


            mail ma con ben altri


            sistemi.



            Quindi se ti iscrivi ad un servizio, di
            qualsiasi

            genere, che usi? I codici morse?


            Se è necessario anche, stai parlando con uno che
            ha una patente ordinaria di radioamatore
            ;)


            Lasciando tutto sul server, nel caso in cui
            ci

            sia una fuga di password (vedi quelle di
            Yahoo
            ad

            esempio:


            http://punto-informatico.it/3560960/PI/News/yahoo-


            Perché pensi che queste cose mi spaventino?
            Sono effetti collaterali prevedibilissimi, visto
            come funziona il
            sistema.
            A maggior ragione nella mia casella di posta non
            transita niente di
            "sensibile".
            Se c'è chi pretende di farlo, e pure a gratis,
            beh è un povero illuso, per non dire di
            peggio.





            L'incoscienza di fondo è la violazione
            del


            suddetto concetto.


            La stupidità è pretendere la tutela dei

            propri


            diritti senza pagare.


            L'ignoranza è credere che il mondo li
            fuori

            sia


            fatto di gente che ci vuole bene senza
            che
            ci


            conosca.



            Invece lasciare bellamente le email su un
            server,

            dimostrerebbe coscienza e cultura? Pagata o

            gratis non cambia nulla rispetto al concetto
            di

            sicurezza e preservazione dei dati, nonché

            privacy. Una casella e-mail è un'entità
            comunque

            "esposta". Meglio tenerla

            vuota.

            Ininfluente, credimi. Si vede che non sai come
            configurare un qmail, sendmail
            qualunque.


            Non che io non usi anche email solo tramite

            l'interfaccia web: quelle che indico sui siti

            spazzatura o potenzialmente causa di spam.



            Tutte le cose "importanti" invece, finiscono
            su

            una casella dedicata, puntualmente svuotata
            dal

            sottoscritto.




            Ah e ti ripeto nuovamente il concetto
            che
            si

            vede


            non hai apprezzato fino in fondo, se
            credi

            che


            avere una mail in pop3 ti salvi dal
            fatto

            che

            il


            fornitore del servizio non si tenga una

            copia

            di


            tutto quello che passa a monte (se è

            ovviamente


            di suo interesse) sei un povero


            illuso.


            Forse così ti è più chiaro.



            Tenere una copia non significa usarla

            direttamente, e ci sono diversi motivi per
            cui

            questo viene fatto. Dopo un certo periodo di

            tempo i dati vengono eliminati.



            Avendo una e-mail pop3 non lasci
            perennemente
            i

            contenuti sul server ed al contempo sei in

            possesso della tua copia, nella memoria
            locale:

            al sicuro ed

            archiviata.

            Ripeto sono solo, tue e di molti altri, pie
            illusioni.
            Fattene una ragione.
    • Sfinge scrive:
      Re: Se ora i Thunderbirdiani...
      - Scritto da: sardonico
      ... faranno a gara a chi trova per primo il
      client alternativo, il destino di TB sara'
      davvero segnato, sara' morto nel giro di qualche
      tempo.
      Invece, continuiamo a tenercelo stretto... se
      abbiamo scelto TB in mezzo a tutti gli altri un
      motivo
      c'e'!si, che Microsoft ha smesso di sviluppare Outlook Express.
      • Joe_Public scrive:
        Re: Se ora i Thunderbirdiani...
        - Scritto da: Sfinge
        - Scritto da: sardonico

        ... faranno a gara a chi trova per primo il

        client alternativo, il destino di TB sara'

        davvero segnato, sara' morto nel giro di
        qualche

        tempo.

        Invece, continuiamo a tenercelo stretto... se

        abbiamo scelto TB in mezzo a tutti gli altri
        un

        motivo

        c'e'!

        si, che Microsoft ha smesso di sviluppare Outlook
        Express.Mica tanto, ora si chiama Windows Live Mail, ed è sempre gratuito :-)
  • Enjoy with Us scrive:
    Aggiornamenti Firefox e thunderbird
    A me non interessano aggiornamenti risibili che per di più rendono non funzionanti estensioni utilissime tanto per aggiungere numeri come fanno da qualche anno a Firefox! E' una XXXXXXXta controproducente... ma neppure abbandonare software utilissimo come Thunderbird con motivazioni tanto risibili... invece di sdrenarsi tanto a fare nuove ed inutili versioni di firefox perchè non continuare uno sviluppo del client di posta?
    • jayyy scrive:
      Re: Aggiornamenti Firefox e thunderbird
      - Scritto da: Enjoy with Us
      A me non interessano aggiornamenti risibili che
      per di più rendono non funzionanti estensioni
      utilissime tanto per aggiungere numeri come fanno
      da qualche anno a Firefox! E' una XXXXXXXta
      controproducente... ma neppure abbandonare
      software utilissimo come Thunderbird con
      motivazioni tanto risibili... invece di sdrenarsi
      tanto a fare nuove ed inutili versioni di firefox
      perchè non continuare uno sviluppo del client di
      posta?il client di posta serve solo ai vecchi come te
      • krane scrive:
        Re: Aggiornamenti Firefox e thunderbird
        - Scritto da: jayyy
        - Scritto da: Enjoy with Us

        A me non interessano aggiornamenti risibili
        che

        per di più rendono non funzionanti estensioni

        utilissime tanto per aggiungere numeri come
        fanno

        da qualche anno a Firefox! E' una XXXXXXXta

        controproducente... ma neppure abbandonare

        software utilissimo come Thunderbird con

        motivazioni tanto risibili... invece di
        sdrenarsi

        tanto a fare nuove ed inutili versioni di
        firefox

        perchè non continuare uno sviluppo del
        client
        di

        posta?

        il client di posta serve solo ai vecchi come teCerto, per i bimbiminkia c'e' faccialibro.
        • Basta Basta pirateria scrive:
          Re: Aggiornamenti Firefox e thunderbird
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: jayyy

          - Scritto da: Enjoy with Us


          A me non interessano aggiornamenti
          risibili

          che


          per di più rendono non funzionanti
          estensioni


          utilissime tanto per aggiungere numeri
          come

          fanno


          da qualche anno a Firefox! E' una
          XXXXXXXta


          controproducente... ma neppure
          abbandonare


          software utilissimo come Thunderbird con


          motivazioni tanto risibili... invece di

          sdrenarsi


          tanto a fare nuove ed inutili versioni
          di

          firefox


          perchè non continuare uno sviluppo del

          client

          di


          posta?



          il client di posta serve solo ai vecchi come
          te

          Certo, per i bimbiminkia c'e' faccialibro.Spettacolo. Lo hai spianato come un'autostrada.
    • ruppolo scrive:
      Re: Aggiornamenti Firefox e thunderbird
      - Scritto da: Enjoy with Us
      A me non interessano aggiornamenti risibili che
      per di più rendono non funzionanti estensioni
      utilissime tanto per aggiungere numeri come fanno
      da qualche anno a Firefox! E' una XXXXXXXta
      controproducente... ma neppure abbandonare
      software utilissimo come ThunderbirdThunderbird è una ciofeca.
  • Enjoy with Us scrive:
    Mossa sbagliata!
    Come sostengono loro e gli credo Thunderbird è usato da oltre 20 milioni di utenti, tra cui sicuramente il sottoscritto.La web mail non soddisfa assolutamente le mie necessità, ne quelle di chi abbia account multipli, ne tantomeno quelle di chi voglia poter conservare un archivio off line delle proprie mail!Qui tutti a sperticarsi per il cloud... ma nessuno che ricordi i problemi anche recenti di affidabilità anche di grosse realtà con server off line per diverse ore o addirittura perdita di dati e password?Off line vuol dire che tu non puoi consultare quei dati, perdita di password vuol dire che qualcuno può accedere a suo piacimento alle tue mail, cosa molto più improbabile se l'archivio è gestito a livello locale!Perdere dati vuol dire perdere in parte o in toto l'archivio, trattandosi poi per noi comuni mortali di servizi gratuiti, nulla puoi pretendere per simili disservizi e neanche ti puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio da un giorno per l'altro o quasi!Io capisco la nuova frontiera del mobile, ma da qui a sostenere che un client mail in locale sia inutile ce ne passa!
    • sxs scrive:
      Re: Mossa sbagliata!
      Sono d'accordo, quando e se ce ne sara' bisogno cerceremo delle alternative. Speriamo almeno che lo mantengano come dicono.
      • prova123 scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        Da quando è uscito win7 senza email client ho iniziato ad utilizzare Foxmail, con account multipli completamente personalizzabile con tutte le intestazioni che uno vuole, etc. E' gratuito mi trovo bene. Cosa non da poco importa la rubrica wab da outlook e se vuoi backuppare tutto fai uno zippone e lo archivi. Lo decompatti su un altro computer ed è pronto all'uso (è portable) ... quindi puoi tenere tutto su chiavetta e utlizzarlo da lì. Sul lavoro lo utilizzo (vers. 6.5 finale) su win7 ed a casa su winxp (e win7). Da provare! ... se non piace basta cancellare la directory e sei apposto. :)
        • prova123 scrive:
          Re: Mossa sbagliata!
          Sorry, mi ero dimenticatohttp://www.zspace.it/foxmail/gen/links.htm
          • sxs scrive:
            Re: Mossa sbagliata!
            - Scritto da: prova123
            Sorry, mi ero dimenticato

            http://www.zspace.it/foxmail/gen/links.htmGrazie, io si di questo Sylpheedhttp://sylpheed.sraoss.jp/en/ma non l'ho mai usato, dicono che e' buono.Comunqe per il momento e per qualche anno penso che thunderbird restera'
        • Joe_Public scrive:
          Re: Mossa sbagliata!
          - Scritto da: prova123
          Da quando è uscito win7 senza email client ho
          iniziato ad utilizzare Foxmail, con account
          multipli completamente personalizzabile con tutte
          le intestazioni che uno vuole, etc.Veramente Win7 ha il client email (Windows Mail) solo che è disattivato e parzialmente inusabile. Ci sono delle patch su Internet per riattivarlo. In pratica torna ad essere lo stesso client email di Vista (e quindi un aggiornamento di Outlook Express).
    • testing scrive:
      Re: Mossa sbagliata!
      ovviamente hai anche il tuo server di posta in casa? il fatto di usare un client pop o imap non elimina il fatto che la tua posta sia online...
      • Basta Basta pirateria scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: testing
        ovviamente hai anche il tuo server di posta in
        casa? il fatto di usare un client pop o imap non
        elimina il fatto che la tua posta sia
        online...Che e' un po' come dire:"mi possono saccheggiare la casa anche con un super antifurto installato" quindi tanto vale lascio la porta apertaAbbastanza stupido come ragionamento direi.....
      • krane scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: testing
        ovviamente hai anche il tuo server di posta in
        casa? il fatto di usare un client pop o imap non
        elimina il fatto che la tua posta sia online...PGP e passa la paura.
    • Harry85 scrive:
      Re: Mossa sbagliata!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Qui tutti a sperticarsi per il cloud... ma
      nessuno che ricordi i problemi anche recenti di
      affidabilità anche di grosse realtà con server
      off line per diverse ore o addirittura perdita di
      dati e
      password?
      Off line vuol dire che tu non puoi consultare
      quei dati, perdita di password vuol dire che
      qualcuno può accedere a suo piacimento alle tue
      mail, cosa molto più improbabile se l'archivio è
      gestito a livello
      locale!
      Perdere dati vuol dire perdere in parte o in toto
      l'archivio, trattandosi poi per noi comuni
      mortali di servizi gratuiti, nulla puoi
      pretendere per simili disservizi e neanche ti
      puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio
      da un giorno per l'altro o
      quasi!
      Io capisco la nuova frontiera del mobile, ma da
      qui a sostenere che un client mail in locale sia
      inutile ce ne
      passa!Quoto totalmente.E per quanto riguarda la possibile profilazione, contrariamente a quanto qualcuno ha qui scritto c'è differenza se l'email resta sul server per un secondo o per dieci anni: se resta un secondo ed ORA nessuno mi sta profilando sono a posto, il restarci per dieci anni da ai profilatori dieci anni di tempo da ora per profilarmi.Chi mi garantisce che se adesso non ho problemi io non ce li possa avere fra qualche anno?Chi mi garantisce che se finora nessuno ha ficcanasato nella mia posta non lo farà qualcuno domani, se le mie email restano a disposizione altrui per anni?Capito la differenza? Non è difficile ... ;)Comunque, la cosa davvero grave dei servizi email in cloud è proprio il non poter accedere alla posta offline (cosa diceva quella email dell'alXXXXXri? ...), la sicurezza (es. password) e l'essere legati (incrociando le dita ...) al buon funzionamento dei server di mail di entità esterne.Certamente posso pensare ad un privato che, se non ha queste preoccupazioni, si affida ad un servizio email puramente in cloud. Ma per un'azienda sarebbe una pazzia.
      • becker scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: Harry85
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Qui tutti a sperticarsi per il cloud... ma

        nessuno che ricordi i problemi anche recenti di

        affidabilità anche di grosse realtà con server

        off line per diverse ore o addirittura perdita
        di

        dati e

        password?

        Off line vuol dire che tu non puoi consultare

        quei dati, perdita di password vuol dire che

        qualcuno può accedere a suo piacimento alle tue

        mail, cosa molto più improbabile se l'archivio è

        gestito a livello

        locale!

        Perdere dati vuol dire perdere in parte o in
        toto

        l'archivio, trattandosi poi per noi comuni

        mortali di servizi gratuiti, nulla puoi

        pretendere per simili disservizi e neanche ti

        puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio

        da un giorno per l'altro o

        quasi!

        Io capisco la nuova frontiera del mobile, ma da

        qui a sostenere che un client mail in locale sia

        inutile ce ne

        passa!


        Quoto totalmente.

        E per quanto riguarda la possibile profilazione,
        contrariamente a quanto qualcuno ha qui scritto
        c'è differenza se l'email resta sul server per un
        secondo o per dieci anni: se resta un secondo ed
        ORA nessuno mi sta profilando sono a posto, il
        restarci per dieci anni da ai profilatori dieci
        anni di tempo da ora per
        profilarmi.
        Chi mi garantisce che se adesso non ho problemi
        io non ce li possa avere fra qualche
        anno?
        Chi mi garantisce che se finora nessuno ha
        ficcanasato nella mia posta non lo farà qualcuno
        domani, se le mie email restano a disposizione
        altrui per
        anni?
        Capito la differenza? Non è difficile ... ;)

        Comunque, la cosa davvero grave dei servizi email
        in cloud è proprio il non poter accedere alla
        posta offline (cosa diceva quella email
        dell'alXXXXXri? ...), la sicurezza (es. password)
        e l'essere legati (incrociando le dita ...) al
        buon funzionamento dei server di mail di entità
        esterne.
        Certamente posso pensare ad un privato che, se
        non ha queste preoccupazioni, si affida ad un
        servizio email puramente in cloud. Ma per
        un'azienda sarebbe una
        pazzia.Se ti vogliono profilare in modo pesante non c'è niente che tiene. La casella email si può svuotare scaricando i messaggi ma non puoi sapere se rimangono le copie delle tue email sul server visibili solo agli amministratori.
        • Harry85 scrive:
          Re: Mossa sbagliata!
          - Scritto da: becker
          Se ti vogliono profilare in modo pesante non c'è
          niente che tiene. La casella email si può
          svuotare scaricando i messaggi ma non puoi sapere
          se rimangono le copie delle tue email sul server
          visibili solo agli
          amministratori.Se ti vogliono profilare in maniera pesante lo fanno probabilmente da subito e amen.Ma io preferisco sempre dargli meno possibilità e non più possibilità.Per esempio, con gente "alla Zuckerberg" in giro preferisco ridurre le possibilità che fra cinque anni il servizio email in cloud, andato a finire in mano a chi non rispetta la privacy degli utenti, si trovi CERTAMENTE tutte le mie email a disposizione.Al massimo, voglio che se le trovi FORSE a disposizione, in tutto o in parte, se sono ancora su vecchi backup fatti a suo tempo dagli amministratori.E, ripeto, questo non è comunque il problema più grave del modello "email in cloud".
      • Basta Basta pirateria scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: Harry85
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Qui tutti a sperticarsi per il cloud... ma

        nessuno che ricordi i problemi anche recenti di

        affidabilità anche di grosse realtà con server

        off line per diverse ore o addirittura perdita
        di

        dati e

        password?

        Off line vuol dire che tu non puoi consultare

        quei dati, perdita di password vuol dire che

        qualcuno può accedere a suo piacimento alle tue

        mail, cosa molto più improbabile se l'archivio è

        gestito a livello

        locale!

        Perdere dati vuol dire perdere in parte o in
        toto

        l'archivio, trattandosi poi per noi comuni

        mortali di servizi gratuiti, nulla puoi

        pretendere per simili disservizi e neanche ti

        puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio

        da un giorno per l'altro o

        quasi!

        Io capisco la nuova frontiera del mobile, ma da

        qui a sostenere che un client mail in locale sia

        inutile ce ne

        passa!


        Quoto totalmente.

        E per quanto riguarda la possibile profilazione,
        contrariamente a quanto qualcuno ha qui scritto
        c'è differenza se l'email resta sul server per un
        secondo o per dieci anni: se resta un secondo ed
        ORA nessuno mi sta profilando sono a posto, il
        restarci per dieci anni da ai profilatori dieci
        anni di tempo da ora per
        profilarmi.
        Chi mi garantisce che se adesso non ho problemi
        io non ce li possa avere fra qualche
        anno?
        Chi mi garantisce che se finora nessuno ha
        ficcanasato nella mia posta non lo farà qualcuno
        domani, se le mie email restano a disposizione
        altrui per
        anni?
        Capito la differenza? Non è difficile ... ;)

        Comunque, la cosa davvero grave dei servizi email
        in cloud è proprio il non poter accedere alla
        posta offline (cosa diceva quella email
        dell'alXXXXXri? ...), la sicurezza (es. password)
        e l'essere legati (incrociando le dita ...) al
        buon funzionamento dei server di mail di entità
        esterne.
        Certamente posso pensare ad un privato che, se
        non ha queste preoccupazioni, si affida ad un
        servizio email puramente in cloud. Ma per
        un'azienda sarebbe una
        pazzia.Stra quoto- i client webmail sono un'abberrazione mentale.
      • maxsix scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: Harry85
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Qui tutti a sperticarsi per il cloud... ma

        nessuno che ricordi i problemi anche recenti di

        affidabilità anche di grosse realtà con server

        off line per diverse ore o addirittura perdita
        di

        dati e

        password?

        Off line vuol dire che tu non puoi consultare

        quei dati, perdita di password vuol dire che

        qualcuno può accedere a suo piacimento alle tue

        mail, cosa molto più improbabile se l'archivio è

        gestito a livello

        locale!

        Perdere dati vuol dire perdere in parte o in
        toto

        l'archivio, trattandosi poi per noi comuni

        mortali di servizi gratuiti, nulla puoi

        pretendere per simili disservizi e neanche ti

        puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio

        da un giorno per l'altro o

        quasi!

        Io capisco la nuova frontiera del mobile, ma da

        qui a sostenere che un client mail in locale sia

        inutile ce ne

        passa!


        Quoto totalmente.

        E per quanto riguarda la possibile profilazione,
        contrariamente a quanto qualcuno ha qui scritto
        c'è differenza se l'email resta sul server per un
        secondo o per dieci anni: se resta un secondo ed
        ORA nessuno mi sta profilando sono a posto, il
        restarci per dieci anni da ai profilatori dieci
        anni di tempo da ora per
        profilarmi.
        Chi mi garantisce che se adesso non ho problemi
        io non ce li possa avere fra qualche
        anno?
        Chi mi garantisce che se finora nessuno ha
        ficcanasato nella mia posta non lo farà qualcuno
        domani, se le mie email restano a disposizione
        altrui per
        anni?
        Capito la differenza? Non è difficile ... ;)

        Comunque, la cosa davvero grave dei servizi email
        in cloud è proprio il non poter accedere alla
        posta offline (cosa diceva quella email
        dell'alXXXXXri? ...), la sicurezza (es. password)
        e l'essere legati (incrociando le dita ...) al
        buon funzionamento dei server di mail di entità
        esterne.
        Certamente posso pensare ad un privato che, se
        non ha queste preoccupazioni, si affida ad un
        servizio email puramente in cloud. Ma per
        un'azienda sarebbe una
        pazzia.Te la dico io invece la pazzia dentro le aziende, ovvero quando ti si sXXXXXXX al commerciale il file pst di outlook o la cache di thunderbird per account pop3.Li ho visto System integrator letteralmente fuggire dalle finestre per non essere terminati sul posto.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Mossa sbagliata!
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)- Scritto da: maxsix
          - Scritto da: Harry85

          - Scritto da: Enjoy with Us


          Qui tutti a sperticarsi per il cloud...
          ma


          nessuno che ricordi i problemi anche
          recenti
          di


          affidabilità anche di grosse realtà con
          server


          off line per diverse ore o addirittura
          perdita

          di


          dati e


          password?


          Off line vuol dire che tu non puoi
          consultare


          quei dati, perdita di password vuol
          dire
          che


          qualcuno può accedere a suo piacimento
          alle
          tue


          mail, cosa molto più improbabile se
          l'archivio
          è


          gestito a livello


          locale!


          Perdere dati vuol dire perdere in parte
          o
          in

          toto


          l'archivio, trattandosi poi per noi
          comuni


          mortali di servizi gratuiti, nulla puoi


          pretendere per simili disservizi e
          neanche
          ti


          puoi lamentare se magari ti chiudono il
          servizio


          da un giorno per l'altro o


          quasi!


          Io capisco la nuova frontiera del
          mobile, ma
          da


          qui a sostenere che un client mail in
          locale
          sia


          inutile ce ne


          passa!





          Quoto totalmente.



          E per quanto riguarda la possibile
          profilazione,

          contrariamente a quanto qualcuno ha qui
          scritto

          c'è differenza se l'email resta sul server
          per
          un

          secondo o per dieci anni: se resta un
          secondo
          ed

          ORA nessuno mi sta profilando sono a posto,
          il

          restarci per dieci anni da ai profilatori
          dieci

          anni di tempo da ora per

          profilarmi.

          Chi mi garantisce che se adesso non ho
          problemi

          io non ce li possa avere fra qualche

          anno?

          Chi mi garantisce che se finora nessuno ha

          ficcanasato nella mia posta non lo farà
          qualcuno

          domani, se le mie email restano a
          disposizione

          altrui per

          anni?

          Capito la differenza? Non è difficile ... ;)



          Comunque, la cosa davvero grave dei servizi
          email

          in cloud è proprio il non poter accedere alla

          posta offline (cosa diceva quella email

          dell'alXXXXXri? ...), la sicurezza (es.
          password)

          e l'essere legati (incrociando le dita ...)
          al

          buon funzionamento dei server di mail di
          entità

          esterne.

          Certamente posso pensare ad un privato che,
          se

          non ha queste preoccupazioni, si affida ad un

          servizio email puramente in cloud. Ma per

          un'azienda sarebbe una

          pazzia.

          Te la dico io invece la pazzia dentro le aziende,
          ovvero quando ti si sXXXXXXX al commerciale il
          file pst di outlook o la cache di thunderbird per
          account
          pop3.
          Li ho visto System integrator letteralmente
          fuggire dalle finestre per non essere terminati
          sul
          posto.
    • Alberto scrive:
      Re: Mossa sbagliata!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Come sostengono loro e gli credo Thunderbird è
      usato da oltre 20 milioni di utenti, tra cui
      sicuramente il
      sottoscritto.concordo :)ma a loro che gliene frega? ecco una leggera differenza con il mondo business... se sviluppi gratis per avere nulla, ecco che del cliente te ne importa relativamenteHo preso la stessa XXXXXXXX con almeno altri 6 progetti open. Tutti fermati :(Io sono PRO open... ma o imparo a sviluppare (mi pare una gran pretesa per un utente... io ho da lavorare, non da farmi gli strumenti) oppure dovrò ricredermi
      La web mail non soddisfa assolutamente le mie
      necessità, ne quelle di chi abbia account
      multipli, ne tantomeno quelle di chi voglia poter
      conservare un archivio off line delle proprie
      mail!esattamente identico.credo che il "nuova generazione" dell'articolo indichi questo... magari passeranno 20 anni, arriveranno a lavorare...e poi si inventeranno una novità eccezionale, ovvero i file in locale.
      Qui tutti a sperticarsi per il cloud... ma
      nessuno che ricordi i problemi anche recenti di
      affidabilità anche di grosse realtà con server
      off line per diverse ore o addirittura perdita di
      dati e
      password?esatto. Chiaro che può succedere anche a te ... per cui nel cloud ci metterei al massimo dei backup cifrati (da me).
      Off line vuol dire che tu non puoi consultare
      quei dati, perdita di password vuol dire che
      qualcuno può accedere a suo piacimento alle tue
      mail, cosa molto più improbabile se l'archivio è
      gestito a livello
      locale!hehe :) non ti avevo letto, altrimenti non lo avrei riscritto.è anche vero che il solo transito su server può consentire il collecting ... ma se il tuo provider non è google magari no. E se usi la cifratura (ok, sempre più raro) magari ancora meno.Non dico di arrivare ad avere un proprio server in casa, ma i provider esistono ancora e fanno un ottimo lavoro.
      Perdere dati vuol dire perdere in parte o in toto
      l'archivio, trattandosi poi per noi comuni
      mortali di servizi gratuiti, nulla puoi
      pretendere per simili disservizi e neanche ti
      puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio
      da un giorno per l'altro o
      quasi!infatti.e se hai 15 account da salvare con "il cellulare" ? (sistema google)
      Io capisco la nuova frontiera del mobile, ma da
      qui a sostenere che un client mail in locale sia
      inutile ce ne
      passa!idem.poi vedi i fantastici sistemi di backup della posta degli iCosi ...
      • ruppolo scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: Alberto
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Come sostengono loro e gli credo Thunderbird
        è

        usato da oltre 20 milioni di utenti, tra cui

        sicuramente il

        sottoscritto.

        concordo :)
        ma a loro che gliene frega? ecco una leggera
        differenza con il mondo business... se sviluppi
        gratis per avere nulla, ecco che del cliente te

        ne importa relativamente
        Ho preso la stessa XXXXXXXX con almeno altri 6
        progetti open. Tutti fermati
        :(
        Io sono PRO open... ma o imparo a sviluppare (mi
        pare una gran pretesa per un utente... io ho da
        lavorare, non da farmi gli strumenti) oppure
        dovrò
        ricredermiE cosa aspetti prima di ricrederti? Che ti chiudano altri 6 progetti?Io mi tengo alla larga da tutta la roba open (ed è inutile che mi si ricordi che OS X ha diversi progetti open, in quanto c'è Apple a gestirli, quindi dormo sonni tranquilli).
        idem.
        poi vedi i fantastici sistemi di backup della
        posta degli iCosiNon c'è alcun backup della posta degli iCosi, perché gli iCosi sono concepiti per usare il protocollo IMAP.
    • maxsix scrive:
      Re: Mossa sbagliata!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Come sostengono loro e gli credo Thunderbird è
      usato da oltre 20 milioni di utenti, tra cui
      sicuramente il
      sottoscritto.
      La web mail non soddisfa assolutamente le mie
      necessità, ne quelle di chi abbia account
      multipli, ne tantomeno quelle di chi voglia poter
      conservare un archivio off line delle proprie
      mail!
      Qui tutti a sperticarsi per il cloud... ma
      nessuno che ricordi i problemi anche recenti di
      affidabilità anche di grosse realtà con server
      off line per diverse ore o addirittura perdita di
      dati e
      password?
      Off line vuol dire che tu non puoi consultare
      quei dati, perdita di password vuol dire che
      qualcuno può accedere a suo piacimento alle tue
      mail, cosa molto più improbabile se l'archivio è
      gestito a livello
      locale!
      Perdere dati vuol dire perdere in parte o in toto
      l'archivio, trattandosi poi per noi comuni
      mortali di servizi gratuiti, nulla puoi
      pretendere per simili disservizi e neanche ti
      puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio
      da un giorno per l'altro o
      quasi!
      Io capisco la nuova frontiera del mobile, ma da
      qui a sostenere che un client mail in locale sia
      inutile ce ne
      passa!Guarda io sono assolutamente convinto che di quei 20 M di utenti il 70% hanno account imap auto configurato dai vari google, yahoo et simila.Quindi perché continuare ad investire tempo e risorse in un progetto destinato a morire?
      • Sgabbio scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: maxsix

        Guarda io sono assolutamente convinto che di quei
        20 M di utenti il 70% hanno account imap auto
        configurato dai vari google, yahoo et
        simila.

        Quindi perché continuare ad investire tempo e
        risorse in un progetto destinato a
        morire?Stai dicendo corbellerie...da quando in qua un client di posta e destinato a morire perchè si usa imap ?
      • ruppolo scrive:
        Re: Mossa sbagliata!
        - Scritto da: maxsix
        Guarda io sono assolutamente convinto che di quei
        20 M di utenti il 70% hanno account imap auto
        configurato dai vari google, yahoo et
        simila.IMAP non impedisce di avere la copia locale di tutto, ed infatti è così che avviene normalmente.
        Quindi perché continuare ad investire tempo e
        risorse in un progetto destinato a
        morire?Su questo hai ragione.
    • ruppolo scrive:
      Re: Mossa sbagliata!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Perdere dati vuol dire perdere in parte o in toto
      l'archivio, trattandosi poi per noi comuni
      mortali di servizi gratuiti, nulla puoi
      pretendere per simili disservizi e neanche ti
      puoi lamentare se magari ti chiudono il servizio
      da un giorno per l'altro o
      quasi!Ma non sei tu il paladino dei servizi gratuiti?
  • maxsix scrive:
    Un peccato, ma..
    ... Comprendo la scelta.Thunderbird é stato la vera alternativa ad outlook (o la più credibile) per anni, ma é anche vero che oramai i web client funzionano talmente bene che non si sente quasi più l'esigenza di un client di posta specifico.Aggiungiamoci poi che moltissima posta oramai è contenuta nei vari server di faccialibro, google e affini beh c'è ben poco da obbiettare.Sul discorso di Firefox sono molto d'accordo. Oramai siamo ad un ritmo di aggiornamenti che sta toccando il ridicolo e lo sviluppatore sottolinea quello che in realtà sta avvenendo in tutto il mondo Open source. Ovvero la confusione totale, la mancanza di direttive precise, un interesse che vada oltre al sviluppare a tutti i costi per far vedere chi ce l'ha più lungo.
    • crumiro scrive:
      Re: Un peccato, ma..
      Ma lo sai che stavolta sono proprio d'accordo con te ;)
    • revo lution scrive:
      Re: Un peccato, ma..
      - Scritto da: maxsix
      ... Comprendo la scelta.
      Thunderbird é stato la vera alternativa ad
      outlook (o la più credibile) per anni, ma é anche
      vero che oramai i web client funzionano talmente
      bene talmente bene per chi? per le multinazionali o per i loro clienti/prodotto?talmente bene per cosa? per tracciare, profilare,spiare?
      che non si sente quasi più l'esigenza di un
      client di posta specifico.sì, forse chi non si cura minimamente della propria privacy e sicurezza non sente questa esigenza...
      Aggiungiamoci poi che moltissima posta oramai è
      contenuta nei vari server di faccialibro, google
      e affini beh c'è ben poco da obbiettare.eh no... ci sarebbe molto da obiettare...
      Sul discorso di Firefox sono molto d'accordo.
      Oramai siamo ad un ritmo di aggiornamenti che sta
      toccando il ridicolo e lo sviluppatore sottolinea
      quello che in realtà sta avvenendo in tutto il
      mondo Open source. confermo e concordoma purtroppo è normale dato che il cosiddetto "opensource" (che significa tutto e niente) è nato per contrastare il copyleft e far rientrare profitto e sfruttamento capitalista dalla porta di servizio...
      Ovvero la confusione totale,
      la mancanza di direttive precise, un interesse
      che vada oltre al sviluppare a tutti i costi per
      far vedere chi ce l'ha più lungo.no... piuttosto per mirare al solo e unico obiettivo di aumentare i profitti, senza nessun rispetto per quelli che dovrebbeso essere utenti di sistemi "aperti" e "liberi" e che invece si ritrovano a essere clienti/prodotto di sistemi di sfruttamento e tecnocontrollo...
      • testing scrive:
        Re: Un peccato, ma..
        rispondo anche a te: ma hai un server di posta in casa? ... se sì ok ma mi dici cosa cambia dal punto di vista della presunta profilazione se il messaggio rimane sul server 1 secondo o 10 anni? ...Su thunderbird la mail di yahoo o gmail non arriva con il piccione...
        • yaba doo scrive:
          Re: Un peccato, ma..
          - Scritto da: testing
          rispondo anche a te: ma hai un server di posta in
          casa? ... se sì ok ma mi dici cosa cambia dal
          punto di vista della presunta profilazione se il
          messaggio rimane sul server 1 secondo o 10 anni?ma mi stai prendendo in giro?secondo te non cambia nulla in termini di privacy/tracking/profilazione se (a) leggi/scarichi la posta con un client da un pc fisso (a cui magari ti colleghi da remoto) o se invece (b) la leggi via web sempre da luoghi diversi collegandoti in modo diverso (gsm/umts/wifi ecc.) con cellulare/smartphone, tablet ecc. (magari tutti con anche gps e wifi attivi)???secondo te non cambia nulla in termini di privacy/tracking/profilazione se (a) leggi la posta con google chrome oppure con (b) Slypeed/ClawsMail?
          Su thunderbird la mail di yahoo o gmail non
          arriva con il piccione...su chrome però arriva insieme a cookies, javascript, collegamenti api ecc. ecc. ...
    • Alberto scrive:
      Re: Un peccato, ma..
      - Scritto da: maxsix
      ... Comprendo la scelta.
      Thunderbird é stato la vera alternativa ad
      outlook (o la più credibile) per anni, ma é anche
      vero che oramai i web client funzionano talmente
      bene che non si sente quasi più l'esigenza di un
      client di posta
      specifico.io l'esigenza di avere tutto il mio archivio mail ce l'ho eccome: ho usato decine e decine di account diversi negli anni, provider diversi, ho l'esigenza di avere tutto a portata, che internet ci sia o non ci sia ... e se c'è non voglio scaricare un allegato da 20 mega ogni volta che mi serve, se ce l'ho qui a casa, con il testo che lo accompagna e magari con la risposta subito dopo - se mi serve. I giga che offrono gratuitamente i vari google & soci sono sufficienti a coprire un mio uso di UN anno.E soprattutto potrebbero chiudere o variare le policies o dire al governo usa di scartabellare tra la mia roba, anche vecchissima (non basta di certo il solo transito in un server per andare in cerca di dati di 7 anni fa... magari ricevuti da 3 account diversi in diversi anni)
      Aggiungiamoci poi che moltissima posta oramai è
      contenuta nei vari server di faccialibro, google
      e affini beh c'è ben poco da
      obbiettare.Io ho molto da obiettare. E' come la banca. Se mi assicuri che non opererai prestiti forzosi o prelievi a tradimento (vedi 6 per 1000 quella volta oppure i prestiti forzosi ad alcune categorie di anni fa) allora potrei considerare interessante l'alternativa al materasso e al barattolino di caffè.Ma se non mi dai niente, non vedo perché sia migliore la tua alternativa, ovvero che TU abbia la mia roba, invece che ce l'abbia io.Certo, lo sharing e l'accessibilità da remoto sono fichissime ma... preferisco raggiungere casa MIA da remoto, che la tua dove tu tieni la mia roba.Anche il "cloud" che fa tanto fico... per le aziende è il PRIVATE cloud quello da considerare; e direi non solo per loro.[...]
      • maxsix scrive:
        Re: Un peccato, ma..
        - Scritto da: Alberto

        Anche il "cloud" che fa tanto fico... per le
        aziende è il PRIVATE cloud quello da considerare;
        e direi non solo per
        loro.

        [...]appunto che è avere un server imap aziendale (dentro o fuori i muri e tutto da valutare).Quindi a maggior ragione thunderbird o un client di posta specifico non ha più molto senso di esistere.La naturale conseguenza delle cose.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Un peccato, ma..
          - Scritto da: maxsix
          Quindi a maggior ragione thunderbird o un client
          di posta specifico non ha più molto senso di
          esistere.

          La naturale conseguenza delle cose.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)perchè mai ? No seriamente questa mi fa ridere paurosamente :D
    • ruppolo scrive:
      Re: Un peccato, ma..
      - Scritto da: maxsix
      ... Comprendo la scelta.
      Thunderbird é stato la vera alternativa ad
      outlook (o la più credibile) per anni,Ovvero dalla padella alla brace.
      ma é anche
      vero che oramai i web client funzionano talmente
      bene che non si sente quasi più l'esigenza di un
      client di posta
      specifico.Ma stai scherzando?
      Aggiungiamoci poi che moltissima posta oramai è
      contenuta nei vari server di faccialibro, google
      e affini beh c'è ben poco da
      obbiettare.C'è tutto da obiettare!Un client di posta IMAP permette di avere i messaggi sia in locale che sul server, con i vantaggi di entrambi i sistemi.
      Sul discorso di Firefox sono molto d'accordo.
      Oramai siamo ad un ritmo di aggiornamenti che sta
      toccando il ridicolo e lo sviluppatore sottolinea
      quello che in realtà sta avvenendo in tutto il
      mondo Open source.Si potrebbe definire una sorta di collasso.
      Ovvero la confusione totale,
      la mancanza di direttive precise, un interesse
      che vada oltre al sviluppare a tutti i costi per
      far vedere chi ce l'ha più
      lungo.Passatempo e gioco, questo è l'open source. Si fa quello che piace in quel momento, non quello che serve.Se ne accorgeranno quelli di Trento.
  • krein559 scrive:
    ERSD
    Buon articolo![img]http://www.digoko.info./kv.gif[/img]
Chiudi i commenti