Ancora dialer sui grandi portali

Ne parla un lettore, tirando in ballo un celebre portale italiano, incappato in un dialer piuttosto insidioso. Ma sono tanti tra i siti più noti a sfruttare questo genere di pubblicità
Ne parla un lettore, tirando in ballo un celebre portale italiano, incappato in un dialer piuttosto insidioso. Ma sono tanti tra i siti più noti a sfruttare questo genere di pubblicità


Roma – Buongiorno, sono un lettore assiduo della vostra rivista web, volevo sottoporvi quanto mi è successo con un dialer e esporvi la mia opinione. Io sono un utente con connessione Libero, quindi con email di Libero spesso mi capita di finire sul portale per leggere detta email.

Nei giorni scorsi sono incappato su un banner che incitava allo scarico di canzoni in formato mp3; io sprovveduto l’ho cliccato e sono finito su un sito dove subito mi è comparsa una finestra di dialogo (che dopo purtroppo ho scoperto essere un dialer activix). In questa finestra c’era scritto di schiacciare il tasto “si” per accedere al download di brani mp3.

Io sprovveduto l’ho subito schiacciato e sono finito nell’area download dove ho scaricato una canzone di circa 4Mb in circa 40/50 minuti. Alla fine del download mi sono reso conto che la canzone non era altro che “una cover”, al che già mi sono infuriato per la presa per i fondelli.

Tre giorni dopo ricevo una telefonata dal 187 per traffico anomalo(circa 150 euro) su numerazione 709 io casco dalle nuvole e dichiaro all’operatore che non è possibile.
Alla sera mi viene il dubbio che il colpevole di tutto sia il sito dove ho scaricato la canzone mp3. Mi connetto subito, torno su Libero per trovare il banner che mi riconduca al famigerato sito…
Finalmente lo trovo lo clicco e via… mi cade la connessione con Libero e me ne parte un altra senza che io possa fare nulla…. allarmato corro verso il muro e stacco la presa.

Il giorno seguente dall’ufficio dove ho una connessione Adsl (quindi sicuro di non incappare in sorprese) torno su Libero e rifacendo il solito giro torno sul sito mp3 dove, a differenza della sera prima, mi si apre la solita finestra che mi incita a schiacciare “si”. Questa volta mi soffermo a leggere con precisione cosa c’è scritto e finalmente capisco: verso la fine della finestra Activex c’è scritto in lettere (quindi difficilmente individuabile al prima vista) che il servizio costa cinque centesimi al secondo (pari a 3 euro al minuto). Ma non è finita: se un utente malauguratamente clicca su un form dell’Activex, ogni volta che torna su quel sito la connessione a tre euro al minuto parte senza avvisi.

Trovo scandaloso che un portale come Libero accetti gente con questo tipo di dialer che nasconde i costi o peggio li scrive in secondi per trarre in inganno l’utente. Visto che i servizi dialer sono già costosi trovo giusto che se un portale non può fare a meno dei quattrini di questi signori almeno li regolamenti in maniera che un povero sprovveduto come me non incappi in bollette miliardarie, o per lo meno ne sia consapevole perché avvertito da questi signori con istruzioni e meccanismi chiari.

Cordiali saluti
Stefano P.

Gentile Stefano
abbiamo verificato anche qui in redazione la presenza del meccanismo che hai descritto, a partire da uno dei numerosi banner di dialer ospitati da Libero nella sezione del servizio webemail. Va detto per “par condicio” che servizi del tutto analoghi sono promossi da molti dei più conosciuti portali generalisti italiani.

Sui dialer è stato già scritto di tutto e di più, e chi si sentisse vittima di una truffa ha oggi una possibilità per riuscire a evitare il pagamento di spese che ritiene non dovute. Questo si deve all’indignazione che hanno suscitato in tanti utenti gli strumenti di pagamento di cui si è spesso abusato.

In bocca al lupo.
Un saluto, la redazione

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 06 2003
Link copiato negli appunti