Ancora giù il prezzo del Cube

Apple dà un'altra bella sforbiciata al prezzo del Power Mac Cube nella speranza di ridurre le scorte di magazzino di un sistema che fino ad oggi non ha venduto come previsto


Cupertino (USA) – Nel tentativo di ridestare l’interesse dei consumatori verso il non fortunatissimo Power Mac Cube, Apple ha annunciato un nuovo taglio di 300$ sul prezzo di listino.

I modelli interessati dal deprezzamento sono il Cube 500 MHz, 30 GB di HDD e 128 MB di RAM, che scende da 2.299$ a 1.999$, ed il Cube 500 MHz, 40 GB di HDD e 256 MB di RAM, che scende da 2.699$ a 2.399$.
Il modello di fascia bassa, il 450 MHz, rimane invece fermo sul prezzo di gennaio di 1.499$.

Tagliando i prezzi, Apple spera di sbarazzarsi delle scorte di magazzino accumulate in questi mesi: fino ad oggi, infatti, l’azienda è riuscita a vendere solo un terzo delle unità previste inizialmente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    il problema non sono i processori...
    ma il software mal costruito che ci gira sopra. Windows ne è la testimonianza. Ma devono pur guadagnarci anche le industrie di hardware, cosi' si accordano coi maggiori produttori di software a scrivere codice ridondante, stralento. (ma almeno fosse stabile). rimpiango il dos dove non esistevano schermate blu.
    • Anonimo scrive:
      Re: il problema non sono i processori...
      Sottoscrivo in pieno: se il software fosse ottimizzato, richiederebbe hardware meno esasperato ed i consumi diminuirebbero di conseguenza.Ciao a tuttiPonZ- Scritto da: 8088
      ma il software mal costruito che ci gira
      sopra.
    • Anonimo scrive:
      Re: il problema non sono i processori...
      è solo nostalgia, a quei tempi non si stava meglio... infatti al posto della schermata blu c'era lo schermo nero, con il quale potevi farci poco... e ti costava un sacco fare anche quel poco...Spa.-- Scritto da: 8088
      ma il software mal costruito che ci gira
      sopra. Windows ne è la testimonianza. Ma
      devono pur guadagnarci anche le industrie di
      hardware, cosi' si accordano coi maggiori
      produttori di software a scrivere codice
      ridondante, stralento. (ma almeno fosse
      stabile). rimpiango il dos dove non
      esistevano schermate blu.
  • Anonimo scrive:
    Futuro
    Avremo dei PC grossi come pacchetti di sigarette, con a fianco un'alimentatore grosso come un baule.Poi, se l'energia fornita dall'ENEL non bastasse, potremmo sempre trasferirci in California.
    • Anonimo scrive:
      Re: Futuro
      Che non ne hanno proprio!- Scritto da: Pepso
      Avremo dei PC grossi come pacchetti di
      sigarette, con a fianco un'alimentatore
      grosso come un baule.
      Poi, se l'energia fornita dall'ENEL non
      bastasse, potremmo sempre trasferirci in
      California.
      • Anonimo scrive:
        Re: Futuro

        Che non ne hanno proprio!Piu' che altro la consumano a palate. Ma lo sai che in USA non si spengono mai le luci, giusto di notte eventualmente per dormire. E questo perche' li' pagano un forfait mensile in cambio di un consumo medio qualsiasi.Insomma praticamente se ne fregano e, se serve, ti mettono su un'altra centrale nucleare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Futuro
          - Scritto da: Stefan

          Che non ne hanno proprio!

          Piu' che altro la consumano a palate. Ma lo
          sai che in USA non si spengono mai le luci,
          giusto di notte eventualmente per dormire. E
          questo perche' li' pagano un forfait mensile
          in cambio di un consumo medio qualsiasi.
          Insomma praticamente se ne fregano e, se
          serve, ti mettono su un'altra centrale
          nucleare.Che, guarda caso, è anche esattamente quello che facevano in Russia ai bei tempi dell'impero dei Soviet, quando l'energia elettrica come bene primario era fornita ad un prezzo "simbolico"...Gli estremi si toccano...
          • Anonimo scrive:
            Re: Futuro
            Il problema e' stato la privatizzazione dell'energia elttrica in california, le due compagnie private si sono scannate abbassando i prezzi e adesso chi ne fa le spese sono i clienti che avrebbero dovuto beneficiare della privatizzazioneP.S. non sono comunista amo gli us
          • Anonimo scrive:
            Re: Futuro
            Alcune osservazioni:Non compreremo energia dalla California.La compriamo già dalla Francia che ha la più alta concentrazione di centrali nucleari del mondo. (circa il 60% di energia elettrica proviene da centrali nucleari...a due passi da casa nostra.(Sic!!)Al momemto della privatizzazione dell'energia in Cal. lo stato impose tariffe bloccate. Questo il motivo dei tanti guai di quello Stato, che stà correndo ai ripari proponendo la liberalizzazione del prezzo dell'energia elettrica.
  • Anonimo scrive:
    RISC
    Quando dicevano di passare ai RISC non vaneggiavano cosi' tanto allora...
    • Anonimo scrive:
      Re: RISC
      mi associo diamo uno sguardo alle cpu motorola che a 700mhz sono più veloci del 57% di un p4 a 1,5ghz
      • Anonimo scrive:
        Re: RISC
        Le CPU di oggi sono alla finfine tutte RISC (anche se il concetto è stato allargato) in quanto è condizione necessaria per il parallelismo spinto. Il problema dei processori per PC è che sprecano UNA MAREA di silicio per convertire il PIETOSO vecchio codice x86 nelle loro istruzioni interne.La Motorola abbandonò la compatibiltà hardware con l'uscita del PPC, l'INTEL lo sta facendo con il Merced (sempre che esca), cpu che prospetta prestazioni paurose.Già il P4, comunque, è efficiente solo se il codice è compilato per lui. Se si usa codice "vecchio", va peggio di un P3 a pari frequenza.
  • Anonimo scrive:
    Ho un'idea
    Potrebbero mettere il processore all'esterno del case, almeno mi posso accendere la sigaretta semplicemente avvicinandola alla CPUAHAHAHAHAHAHAHAH
Chiudi i commenti