Android market, pagamento in-app

Esordirà nei prossimi giorni. Si offre la possibilità di caricare le app per testarle in anticipo

Roma – Esordirà a breve, nei prossimi giorni, l’annunciato sistema di pagamento in-app di Android.

Un primo passo verso l’offerta di Apple agli editori (la criticata opzione di pagamento in-app con il 30 per cento degli introiti spettante a Cupertino), Google l’aveva fatta con One Pass: sistema di pagamento che “consente agli editori online di addebitare ai clienti i costi di articoli e altri contenuti” e che chiede il 10 per cento del fatturato più il 2 per cento di commissione su ogni transazione ad appannaggio del suo servizio Checkout.

In attesa dell’esordio del nuovo sistema l’Android Market offre già la possibilità di caricare e testare le app che impiegano sistemi di pagamento interni. L’utente business potrà caricare la propria applicazione sulla Developer Console, creare un catalogo di prodotti disponibili in app, stabilire il prezzo e testare internamente l’efficienza del servizio prima che arrivi al pubblico.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pierottolo scrive:
    Mah... sarà.
    Potrei sbagliarmi... ma con quello che è sucXXXXX in Giappone l'interesse turistico è assente e questo era l'unico sistema per dare via i DVD. E non ci credo che non c'è un ritorno economico... :-/
    • lellykelly scrive:
      Re: Mah... sarà.
      a pensar male...ma a pensar normale hanno dato la possibilità di trovare un aiuto economico a quelli la, quelli con l'habitat raso al suolo.e il resto del mondo? le morti che non vanno in tv non esistono.
  • Teone scrive:
    da non perdere!
    Si tratta di uno dei *viaggi* più belli della serie (al secondo posto quello in Turchia), la pista da scii refrigerata al coperto in un palazzone immenso, il tamagotchi, la scuola giapponese, il cosplay dal vivo, il naikan e lo zen... per non parlare dei trasporti, delle strade senza indirizzo ecc... Non ricordo se passarono per i luoghi devastati dal terremoto e dalle onde poi, spero che tutti quelli incontrati stiano bene
  • Funz scrive:
    Turisti "per caso"
    che "per caso" finiscono nel ristorante dove si beve il sangue del serpente appena sgozzato, e sempre "per caso" finiscono nell'altro carissimo ristorante dove un simpatico samurai affetta un pesce in maniera artistica... "per caso" non finiscono mai nei ristoranti dove gli indigeni vanno a mangiare veramente :pMe la ricordo quella puntata :p[OT] Odio quando a metà pomeriggio parte il captcha mentre sto scrivendo e quando posto mi da l'errore...
    • lellykelly scrive:
      Re: Turisti "per caso"
      per caso ci sono molte serie dove si mangia di tutto (che è quello che l'uomo ha sempre fatto) e sempre per caso ci sono serie dove chi mangia di più vince (chi pensa ai maNbini africani?).
Chiudi i commenti