Apple può attirare oltre 1 miliardo di nuovi utenti alle criptovalute

Apple può attirare oltre 1 miliardo di nuovi utenti alle criptovalute

Secondo Bloomberg, se Apple decidesse di entrare nel mondo delle criptovalute sarebbe in grado di attirare oltre 1 miliardi di nuovi utenti crypto.
Secondo Bloomberg, se Apple decidesse di entrare nel mondo delle criptovalute sarebbe in grado di attirare oltre 1 miliardi di nuovi utenti crypto.

L’idea che Apple possa un giorno entrare a pieno titolo nel mondo delle criptovalute mette gola a tutti. Si tratterebbe di un’adozione dalla portata enorme capace di attrarre un numero incredibile di nuovi interessati.

Secondo una stima di Bloomberg, qualora dovesse decidere di accedere al mondo crittografico, Apple potrebbe attirare con sé oltre 1 miliardo di nuovi utenti crypto. Un volume decisamente importante. Impensabile solo per chi non ha avuto modo di quantificare i dati di questa azienda.

Attualmente Apple detiene una riserva di cassa di circa 200 miliardi di dollari. Inoltre, circa il 50% del traffico mobile generato in America arriva da Safari, il browser proprietario della casa di Cupertino.

Al momento però nessuna mossa è ancora stata compiuta dal colosso della tecnologia mobile. Alcuni rumors però prevedono che presto potrebbe succedere qualcosa in tal senso, spingendo l’azienda a entrare nel mondo delle criptovalute. Puoi aspettare questo momento a braccia conserte, oppure aprendo un conto su Bitstamp decidendo così di investire in un mercato in forte crescita.

Apple ha tutto per entrare nel mondo delle criptovalute

Sembra che nessuno abbia dubbi sul fatto che Apple ha decisamente tutto per entrare nel mondo delle criptovalute. Prima di tutto possiede una “montagna” di clienti fidelizzati che per nulla al mondo abbandonerebbero la “Mela Morsicata”. Inoltre, conta un fatturato in costante ascesa, conseguenza anche di un lavoro assiduo nel realizzare sempre nuovi prodotti, aggiornando anche quelli già sul mercato.

Ma Apple ha anche iPhone. Questo smartphone iOS fornisce una funzionalità hardware estremamente sicura. Tale sicurezza, che è anche una certezza tra gli utenti fidelizzati, può essere un ottimo trampolino di lancio per la creazione di un portafoglio crittografico hardware destinato ai suoi consumatori che amano acquistare, vendere, investire e detenere criptovalute. Si parla quindi di strumenti adatti agli utenti che potrebbero essere davvero rivoluzionari.

L’annuncio rivelatore

Verso la fine dello scorso anno, Tim Cook, CEO di Apple, aveva risvegliato l’attenzione nei confronti di questo settore rivelando che l’azienda starebbe valutando un suo possibile ingresso graduale. Ecco cosa aveva dichiarato a dicembre in merito alle criptovalute:

È qualcosa a cui stiamo guardando, ma non è qualcosa su cui abbiamo dei piani immediati da sviluppare. Lo definirei qualcosa che non farei come il nostro saldo di cassa. Non andrei a investirlo in criptovalute, non perché non investirei i miei soldi in criptovalute, ma in quanto non credo che le persone acquistino azioni Apple per trovarsi esposte alle criptovalute. Infatti, volendo, possono investire direttamente in criptovalute con altri mezzi. Quindi io non lo farei. Non ho intenzione di prendere criptovalute nell’immediato futuro per i nostri prodotti.

Ci vorrà tempo, sicuramente. Tuttavia la direzione dovrà essere una sola: salire sul treno delle criptovalute e anche Tim Cook se ne dovrà fare una ragione. Questo mercato è in costante crescita e sta spingendo sempre più attori istituzionali a entrarci. Acquista anche tu asset digitali e diversifica le tue fonti di guadagno. Puoi farlo grazie a Bitstamp, un exchange crypto sicuro e facile da utilizzare.

*Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 mar 2022
Link copiato negli appunti