Apple impone nuovi nome e volto per Xtunes

Xtunes, uno dei più popolari jukebox per Linux, somiglia troppo a iTunes di Apple e, per questa ragione, deve cambiare nome e interfaccia. Così Apple comanda


Roma – Sembra proprio che Xtunes, uno dei più popolari jukebox per Linux, abbia violato “lo spazio aereo” di Apple e debba ora scontarne le – pur lievi – conseguenze. Tex9 , la piccola software house che sviluppa Xtunes , spiega infatti sul proprio sito di aver ricevuto un avviso dagli avvocati di Apple sul fatto che il loro programma viola tanto il copyright che il marchio di Apple: secondo quest’ultima Xtunes avrebbe infatti un nome e un’interfaccia grafica troppo simile a quella di iTunes , il software di Apple dedicato alla gestione e alla riproduzione della musica digitale.

Sebbene Tex9 sostenga di non aver “mai avuto l’intenzione di creare una copia esatta di iTunes, né sul lato funzionale né su estetico”, e che “la relazione fra Xtunes e iTunes non è diversa da quella che intercorre fra The Gimp e Photoshop, AbiWord e MS Word, Gnumeric e MS Excel”, la piccola società ammette di non avere le spalle abbastanza larghe per rischiare una causa legale con Apple. Tex9 ha dunque affermato di essersi accordata con la mamma del Mac per cambiare nome alla propria applicazione, ora battezzata Sumi, e modificarne l’interfaccia.

Tex9, che sembra aver preso l’ingiunzione di Apple con molta filosofia, sostiene di voler cogliere questa occasione per rinnovare profondamente l’interfaccia del proprio programma e convertirla alla nuova versione delle librerie GTK utilizzate da Gnome 2. L’aggiornamento dovrebbe concludersi entro il corrente mese.

Gli sviluppatori di Xtunes… pardon, Sumi, hanno recentemente rilasciato un plug-in commerciale – ora denominato Sumipod – che rende il loro jukebox il primo software sotto Linux in grado di interagire con iPod , il noto player audio portatile di Apple.

Poco tempo fa fu proprio un altro software capace di supportare iPod, XPod per Windows di Mediafour , a cambiare nome in XPlay in seguito alle minacce legali di Apple.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Si va bene tanto Easynews vivra' per sempre
    RIAA , BSA e compagnia bella sono bravi a fare la voce grossa con i piccoli imprenditori e le loro idee (tante) e soldi (pochi) per difendersi, Easynews nel frattempo se la ride e continuera' ad esistere per sempre con buona pace dei suddetti , ed a fronte di un abbonamento annuale abbordabilissimo si puo' scaricare di tutto, mp3 compresi, ciao ciao BSA .
    • Anonimo scrive:
      Re: Si va bene tanto Easynews vivra' per sempre

      e continuera' ad
      esistere per semprePerchè?
      • Anonimo scrive:
        Re: Si va bene tanto Easynews vivra' per sempre


        e continuera' ad

        esistere per sempre

        Perchè?senno c'e sempre il cugino dell'amico della sorella del vicino no ????vabbe che il mondo contemporaneo cerca di siolare le relazioni, comunque...
  • Anonimo scrive:
    niente mp3?
    Sono quasi arrivato ad una crisi di nervi dopo la chiusura di Audiogaxy non si riesce + a scaricare mp3, ho provato altri programmi (Winmix,Kazaa,Imesh,Blubster...) ma a causa di quel "maledetto" firewall non riesco a trovare niente al massimo qualche sito con cd da scaricare ma sempre di "roba" inglese o americana!Avete qualche idea o indirizzo di siti di musica italiana???
    • Anonimo scrive:
      Re: niente mp3?
      - Scritto da: Pippo
      Sono quasi arrivato ad una crisi di nervi
      dopo la chiusura di Audiogaxy non si riesce
      + a scaricare mp3, ho provato altri
      programmi (Winmix,E qui ti fermi, se lo usi con l'aggiornamento dei server...Fidati, è il meglio del meglio.
  • Anonimo scrive:
    Bravi, continuate così
    Sono sempre più propenso, vista l'ottusità delle case discografica, della siae, della ria et altre società, a non comprare mai più un cd originale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravi, continuate così
      - Scritto da: Carlo
      Sono sempre più propenso, vista l'ottusità
      delle case discografica, della siae, della
      ria et altre società, a non comprare mai più
      un cd originale.Siamo in 2.Devo cercare di resistere, ho appena visto un doppio di Mimmo Locasciulli, con De Gregori come ospite: sarà duro trovarlo copiato... Se potessi dare i soldi direttamente a Locasciulli, sarebbe mio.... :-)
  • Anonimo scrive:
    Il giudice non e` ignorante, e` una ASINO !!!
    Ma va a informarti CIALTRONE DI UN GIUDICE !!!!
  • Anonimo scrive:
    ma perchè...
    ... a nessun giudice verrebbe mai in mente (giustamente) di condannare la telecom perchè i mafiosi usano i telefoni per commettere reati, ma quando si tratta di internet sparano a vista?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perchè...
      - Scritto da: Vertigo
      ... a nessun giudice verrebbe mai in mente
      (giustamente) di condannare la telecom
      perchè i mafiosi usano i telefoni per
      commettere reati, ma quando si tratta di
      internet sparano a vista?La parola lobby ti dice qualcosa.Sono associazioni di aziende, personaggi che unendo le forze controllano vari aspetti della vita quotidiana controllando personaggi come politici, giudici, pubblici ufficiali...(naturalmente con la corruzione diretta ed indiretta ...leggesi aiuti in campagna elettorale)La RIIA è una lobby e il suo potere permette di fare accusare alcune entità senza un reale motivo.Questo è il modello capitalistico....
      • Anonimo scrive:
        Re: ma perchè...
        Ooohhh,finalmente ci siamo con i termini:lobby!Lobby Affaristiche io aggiungo tra cui si annoverano anche la lobby dei produttori di software (BSA),delle armi del petrolio.... e potrei continuare all'infinito!Questi pur di far soldi farebbero pagare anche l'aria che respiri!
  • Anonimo scrive:
    Non capiscono un c...o
    Considerato l'operare aggressivo ed ottuso di riaa e company mi sono sempre piu' invise le associazioni dei discografici e sono sempre meno propenso ad acquistare dischi.
  • Anonimo scrive:
    Il giudice è un ignorante!
    Come da oggetto il giudice in questo caso è risultato essere estremamente ignorante in materia. E? come dire che il creatore di pgp riuscisse a decriptare i messaggi protetti con il suo famoso metodo di crittografia a chiave pubblica.Ma che siamo impazziti?????
    • Anonimo scrive:
      Re: Il giudice è un ignorante!
      - Scritto da: Levy
      Come da oggetto il giudice in questo caso è
      risultato essere estremamente ignorante in
      materia. E? come dire che il creatore di pgp
      riuscisse a decriptare i messaggi protetti
      con il suo famoso metodo di crittografia a
      chiave pubblica.
      Ma che siamo impazziti?????perfettamente d'accordo! Sara' probabilmente questa la motivazione su cui si basera' il ricordo.Le majors avranno ancora un po' di gatte da pelare... non male per una societa' che oramai e' solo un fantasma :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Il giudice è un ignorante!


        materia. E? come dire che il creatore di
        pgp

        riuscisse a decriptare i messaggi protetti

        con il suo famoso metodo di crittografia a

        chiave pubblica.Siamo d'accordissimo,ma quello che non capisco è come sia possibile che il giudice non sia stato istruito a dovere sulle tecnologie di crittografia.AD ogni modo, quagliando, il sistema non funge più sin d'ora?Faggiano ha detto
    • Anonimo scrive:
      Ah ah ah!
      Bhe la lotta sarà dura ma tutti insieme possiamo farcela!NON COMPRATE + CD ORIGINALI!Vedrete che i prezzi si abbasseranno
  • Anonimo scrive:
    e soulseek?
    vediamo se chiuderanno anche un programmino perfettamente p2p come soulseek... io penso d no :)www.slsk.org
    • Anonimo scrive:
      Re: e soulseek?
      - Scritto da: giannib
      vediamo se chiuderanno anche un programmino
      perfettamente p2p come soulseek... io penso
      d no :)

      www.slsk.orgIo direi che la trippa gratis per i gatti spilorci (come direbbe alien) è finita.
      • Anonimo scrive:
        Re: e soulseek?

        Io direi che la trippa gratis per i gatti
        spilorci (come direbbe alien) è finita. E' la classica vittoria di Pirro. Per uno che ne chiudono ne riaprono 10 sempre più complessi e sempre meno intercettabili.Io direi che se i discografici vorranno portare a casa la pagnotta è ora che si mettano a lavorare senza lucrare troppo altrimenti resteranno che un pugno di mosche in mano.
      • Anonimo scrive:
        Re: e soulseek?

        Io direi che la trippa gratis per i gatti
        spilorci (come direbbe alien) è finita. Scusa se riprendo qui, ma immagino che sul forum di ieri difficilmente ci saresti tornato.Mi hai lasciato col commento"Immagino che il tuo "ecc." significhi copie di Windows, di Office, di Photoshop, giochi vari...E immagino anche che questo utilizzo costituisca il 90% dei 60 milioni di CD che tu citi.Per quanto riguarda invece il rimanente 40% dici che non si sa se venga utilizzato per copiare musica legale o illegale.L'ipocrisia non ti manca davvero:-)"Be', mi hai attaccato un po' ingiustamente: semplicemente perchè quelle non erano parole mie; forse ti era sfuggito che stavo riportando un articolo (http://www.unonet.it/articoli/e-comm/0389182.asp). Sicuramente ti era sfuggito il link, altrimenti avresti letto che in Canada la proposta di legge è di tassare i CD con 1,23 dollari (un bel po' di più dei nostri 3 centesimi). E che si ha l'intenzione di tassare perfino le memorie flash (sempre con la scusa che verranno utilizzate in modo illegale). IMHO siamo alla follia.I dati che mi contesti (e per i quali mi dai dell'ipocrita), sono stati pubblicati dal Canadian Private Copying Collective, non me li sono certo inventati. Può anche darsi che se li siano inventati loro, per carità: me se li vuoi smontare, penso che dovrestio argomentare un po' meglio, visto che la loro relazione è un po' più di un giudizio personale ed è supportata da diverse rilevanze statistiche. Che la CPCC sia faziosa, poi, sarebbe difficile sostenerlo, dal momento che si tratta di una sorta di SIAE (http://www.dww.com/articles/billc32article.htm): infatti la stessa CPCC è daccordo con l'imposizione della tassa sui mergini. Ciononostante, rende pubblici quei dati, gli stessi che tu ritieni falsi e frutto della mia spudorata ipocrisia.
Chiudi i commenti