Apple/ Ma(c) che bel sito!

D. Galimberti stende una sua personale rassegna dei siti, sia italiani che stranieri, dedicati agli utenti della Mela


Roma – Prima di tutto una premessa: questa breve panoramica web sull’universo Apple non ha la pretesa di voler essere un elenco esaustivo, né tanto meno l’intento di presentare una “classifica” dei migliori siti dedicati a questo mondo. Più semplicemente vuole essere un aiuto per chi si trova alle prime armi col Mac, nonché un punto di partenza per chi non lo conosce ma vorrebbe saperne di più. In ogni caso, partendo da questi siti sarà facile raggiungere con pochi click decine di altre risorse interessanti.

Tralasciando i siti “ufficiali”, come quello di Apple , dove comunque nelle sezioni dedicate agli sviluppatori è possibile recuperare una notevole mole di informazioni tecniche, forse per l’utente italiano i punti di partenza per conoscere tutto ciò che ruota intorno al suo Mac sono due (più diversi altri di contorno).

Partiamo da Macitynet .
Rinnovato completamente lo scorso anno, questo sito suddivide la propria attività in più sezioni: la principale, Macity, è quella che dà il nome al sito ed è dedicata alle news. Aggiornata più volte durante la giornata, questa pagina è un buon riferimento per chi vuole aggiornarsi quotidianamente su tutte le novità legate ad Apple. Un’altra importante sezione del sito è MacProf, che comprende notizie, recensioni e consigli tecnici dedicati a chi usa il Mac in maniera professionale: questa sezione comprende canali dedicati a CAD, video, ingegneria, medicina, studi tecnici, studi legali, scienze, ecc…
Chi invece usa il suo Macintosh a livello personale, può trovare diversi consigli nei canali della sezione “il mio Mac”, dedicati a giochi, DVD, cellulari, video facile (iMovie e WebCam), Mac a scuola, ecc… Non manca l’angolo dei palmari, chiamato “Palmipede” e dedicato in maniera pricipale a PalmOS e alle sue applicazioni. Per completare il quadro, sono presenti anche un forum di discussione e un mercatino dell?usato.

Di pari valenza di contenuti, anche se di tutt’altra ispirazione, è Tevac , un altro sito italiano definito dal suo creatore come “Open Source Mac Site”, in quanto tutti gli utenti, previa registrazione, possono collaborare all’inserimento di news e segnalazioni. L’utilità del sito va però ben oltre: sempre grazie allo spirito di collaborazione di numerosi utenti, su Tevac trovano spazio numerosi tutorial dedicati agli applicativi “storici” del Mac. Da Photoshop a FileMaker, passando attraverso diverse guide dedicate agli aggiornamenti hardware.
Anche qui non mancano canali specifici dedicati al mondo CAD, al mondo della grafica, alla programmazione con FutureBASIC e al Newton, l’ormai defunto palmare di Apple.
Anche qui, a completamento del sito, troviamo un forum per la risoluzione dei problemi, e una lista di siti utili dedicati ai più svariati argomenti (ma sempre, ovviamente, in ambito Mac).

La comunità degli utenti italiani è molto attiva anche sul newsgroup dedicato al mondo Apple, it.comp.macintosh. Proprio partendo da un’idea proposta dai più assidui frequentatori di questo gruppo di discussione, è nato FAQintosh , un luogo dove sono stati raccolti i consigli e le risposte alle domande più frequenti poste da chi si trova in difficoltà con un Mac (per esempio, una delle richieste più tipiche che si leggono ultimamente riguarda l?integrazione di un Mac in una rete di PC).

Restando in tema di comunità, nella rete si trovano i siti di tutti i club di appassionati del Mac. Ce n’è uno per quasi ogni regione italiana, ma in questa circostanza, anche per i contenuti frequentemente aggiornati del sito, segnaliamo uno dei più importanti e storici: il POC , ovvero il PowerBook Owners Club, che vanta un altissimo numero di iscritti da tutta Italia (e non solo).

Concludiamo la rassegna dei siti italiani con due risorse che potrebbero essere utili a chi è alla ricerca di software shareware e freeware. Snifffer e MacZine segnalano e recensiscono software di ogni genere, sia per MacOS classic che per MacOS X.

Ma ecco i siti esteri più interessanti.


Chi cerca software per Mac e non ha problemi con la lingua inglese non può che partire da VersionTracker . Il sito consente di fare delle ricerche mirate alla ricerca di informazioni su ogni tipo di software, dal freeware al software commerciale, per MacOS, MacOSX o PalmOS.

E’ possibile inserire delle parole chiave per cercare il software interessato e a ricerca ultimata, scegliendo dall’elenco il prodotto desiderato, si ottiene una pagina con una breve recensione e i commenti degli utenti: da questa pagina è poi possibile accedere al sito del produttore o scaricare il software (se free o shareware) o una sua demo (se è commerciale).
Il sito è sempre aggiornato e si dimostra molto utile soprattutto per la ricerca delle ultime versioni di driver, o per recuperare velocemente update o patch.

Con un approccio differente, Pure-Mac rappresenta un altro sito interessante per chi è alla ricerca di informazioni sul software per Macintosh.
In due differenti pagine per MacOS classic e per MacOS X i software vengono presentati già suddivisi in categorie e sotto-categorie.
Sicuramente meno aggiornato di VersionTracker, questo sito mostra però la sua grande utilità quando si vuole avere una panoramica generale di tutto il software disponibile per eseguire un determinato compito o lavoro.

Visto che il futuro di Apple è MacOSX, per chi vuol prendere dimestichezza con ogni aspetto del nuovo sistema operativo – dai concetti basilari a quelli più avanzati, suggerisco due siti interessanti: MacOSX.org e Mac OS X Hints .

Il primo è sicuramente consigliato a tutti, anche a chi è alle prime esperienze con il nuovo sistema operativo, mentre il secondo potrebbe essere a tratti più tecnico, quindi meno adatto a chi si sente poco esperto.

Sempre in tema di MacOS X e UNIX, accenniamo brevemente anche a The GNU Mac OS X Public Archive , il cui scopo è quello di “portare” in MacOSX tutto il software free e open source possibile.

Forse un po’ meno utile dei precedenti, ma sicuramente interessante per chi, come me, è appassionato di emulatori, vale la pena di segnalare Emulation.net .

Il sito, aggiornato frequentemente, raccoglie notizie su tutti gli emulatori disponibili per MacOS, dal celeberrimo MAME agli altri emulatori di macchine arcade, dall’Atari 2600 al Nintendo 64, dall’Apple I e II al PC-Windows: per ogni macchina emulata vengono presentati i vari emulatori disponibili, con una breve descrizione, il link alla home page, alcuni screenshot e il link per il download diretto.

Uno dei siti più curiosi del mondo Macintosh è Applefritter . Se vi chiedete come sia possibile realizzare un iMac con schermo da 21″, un ColorClassic con un cuore di G4 che faccia girare MacOSX o un Mac realizzato con famosi mattoncini della LEGO, questo è il sito che fa per voi.

Applefritter però non è solo questo: le sue pagine raccolgono numerose informazioni sulla storia dei primi computer Apple, sui cloni e sulle macchine “orfane” come l’Apple Lisa e il Newton. In definitiva si tratta di un sito notevolmente interessante per chi vuol conoscere la storia delle più famose macchine Apple.

Restando in tema di storia, è inevitabile accennare anche ad Apple-History , dove sono catalogati tutti i computer prodotti da Apple nelle loro varie versioni, con tanto di foto, periodo di produzione e informazioni tecniche sulle configurazioni.

Concludiamo questa prima rassegna con un sito molto “leggero”. Vista la possibilità di MacOS X di utilizzare delle spendide icone fotorealistiche dalle dimensioni massime di 128×128 pixel, non possiamo che consigliare una visita a Xicons , un sito dove viene data la possibilità di scaricare migliaia di icone di ogni tipo già suddivise in categorie, che fanno la gioia di chi è solito personalizzare il Desktop in ogni particolare.

Domenico Galimberti

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Qual'è il problema
    Non vedo dove sta il problema, la multi-utenza di Linux basta e avanza a limitare questi virus, certamente che se presi da root sono pericolosi, ma da root anche il comando rm è pericoloso, inoltre sotto linux non c'è autluk ecspress che ti carica il virus appena scarichi la posta :-) (NB battuta, evitiamo flame x questa cosa)
    • Anonimo scrive:
      Re: Qual'è il problema
      secondo me quella di autluc è una leggenda metropolitana.Ho testato con Klez che ho letto un po' ovunque che abbia questa capacità metafisica. ebbene tutto quello che ho ottenuto è che quando apro il mex di posta incriminato mi appare il classico dialog box di explorer apri/salva/annulla.Quindi se l'utente preme apri si è suicidato, non diamo la colpa del tutto agli applicativi che usiamo! Inoltre è possibile impostare autluc affinché non ci permetta di vedere/eseguire anche in automatico gli allegati dei file di posta elettronica. Il problema è che la gente che si becca i worm è quella che fa i forward a tutti gli utenti nella rubrica (che a volte contiene destinatari di altre (decine) di forward nidificati) con cui non si ha nulla a che vedere, giusto per mandargli l'ennesimo, idiota, eseguibile simpatico/foto porno spiritosa/set di battute sessiste per frustrati/catene di santantonio.Secondo me questa fattispecie di utente merita di prendere qualsiasi virus perché non è capace di gestire i programmi (e il potere) che derivano dall'avere internet. Come nella legge l'ignoranza va punita, oppure saremmo tutti ignoranti (specie in italia). Qualsiasi SO si usi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Qual'è il problema
        - Scritto da: Z.e.r.o
        secondo me quella di autluc è una leggenda
        metropolitana.era una battuta, che cmq ha un fondo di verità, in quanto non tanto tempo fa autluc aveva delle falle riguardamti l'anteprima, in pratica lui leggeva automaticamente ogni mail ricevuta ,senza dir nulla, e li bastava un semplice vbscript x fare cose carine!!:-)
        Secondo me questa fattispecie di utente
        merita di prendere qualsiasi virus perché
        non è capace di gestire i programmi (e il
        potere) che derivano dall'avere internet.
        Come nella legge l'ignoranza va punita,
        oppure saremmo tutti ignoranti (specie in
        italia). Qualsiasi SO si usi.L'ignoranza è una brutta bestia, ma purtroppo(e non mi date del talebano linuxiano) a M$ fa comodo che gli utonti rimangano tali
        • Anonimo scrive:
          Re: Qual'è il problema
          non fa comodo solo a ms, perché molte volte senti persone che ti dicono "ma il mio amico esperto di linux mi ha detto che linux è meglio perchè puoi accedere direttamente all'hardware"
  • Anonimo scrive:
    Chiariamo una cosa
    Codesti fantomatici virus per linux sono solo FUD.I cretini che ci credono e che scrivono "ci godo", "benvenuti nel mondo reale" e cose simili farebbero bene a tornare a giocare con le loro scatolette findus 98 e XP oppure andare nella libreria piu' vicina e comprarsi un manuale di UNIX/LINUX.Hint : vedere capitolo sui permessi dei file.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chiariamo una cosa
      - Scritto da: KerNivore
      Codesti fantomatici virus per linux sono
      solo FUD.

      I cretini che ci credono e che scrivono "ci
      godo", "benvenuti nel mondo reale" e cose
      simili farebbero bene a tornare a giocare
      con le loro scatolette findus 98 e XP oppure
      andare nella libreria piu' vicina e
      comprarsi un manuale di UNIX/LINUX.

      Hint : vedere capitolo sui permessi dei file.Spiega per quale motivo tecnico o simile un virus per linux non puo' attecchire... io non godo di certo, ma vorrei saperne di piu'.Immaginati un utente linux che lo usa come userebbe windows, e prosegui con questo scenario...Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiariamo una cosa
        - Scritto da: Sarge
        Immaginati un utente linux che lo usa come
        userebbe windows, e prosegui con questo
        scenario...In windows, anche xp, un "utente limitato" o un "guest" può installare programmi!! Ho detto tutto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiariamo una cosa
          - Scritto da: Pifferaio


          - Scritto da: Sarge

          Immaginati un utente linux che lo usa come

          userebbe windows, e prosegui con questo

          scenario...

          In windows, anche xp, un "utente limitato" o
          un "guest" può installare programmi!! Ho
          detto tutto.In windows, anche xp, un utente limitato non puo' pacioccare nella directory di sistema, ne' installare programmi che alterino le funzionalita' del SO. Non puo' installare directx (esempio stupido, ma spero di essermi spiegato).In windows, anche xp, ad un utente puo' essere impedito di tutto. Il discorso e' sui default al massimo, non sulle capacita' del SO.Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiariamo una cosa
        - Scritto da: Sarge
        Spiega per quale motivo tecnico o simile un
        virus per linux non puo' attecchire... io
        non godo di certo, ma vorrei saperne di
        piu'.se l'utente che esegue il file infetto non ha il permesso di scrivere sui file ELF, come già detto da qualcuno qui intorno, è difficile che il virus si diffonda, inoltre un utente normale non è in grado di installare programmi nel sistema come invece avviene con XP
        Immaginati un utente linux che lo usa come
        userebbe windows, e prosegui con questo
        scenario...beh non è molto difficile da fare, basta mettergli il bottoncino sul desktop, che lo fa da solo, anche se preferirei che l'"utonto" imparasse a farlo da solo, ma purtroppo non tutti voglio imparare, succede anche con win, nonostante sia così "facile"
        Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiariamo una cosa
        - Scritto da: Sarge
        Spiega per quale motivo tecnico o simile un
        virus per linux non puo' attecchire... io
        non godo di certo, ma vorrei saperne di
        piu'.

        Immaginati un utente linux che lo usa come
        userebbe windows, e prosegui con questo
        scenario...In questo caso l'utente eseguirebbe il programma, il programma cercherebbe di "attaccarsi" a tutti gli eseguibili che trova, ma non potrebbe attaccarsi a niente perche' tutti gli eseguibili di sistema sono "protetti in scrittura" per gli utenti...si puo' sempre obiettare che potrebbe cancellargli tutti i documenti... ma basterebbe poco ad insegnare all'utente ad eseguire le cose "sospette" utilizzando un apposito utente "blindato" che non possa toccare nemmeno i suoi file personali....Se usi un sistema intrinsecamente sicuro, l'unico appiglio per i virus e' l'ignoranza sul funzionamento del sistema... basta poco ad imparare qualche norma di sicurezza per vivere tranquilli e felici !!!!Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiariamo una cosa
          - Scritto da: KerNivore
          - Scritto da: Sarge



          Immaginati un utente linux che lo usa come

          userebbe windows, e prosegui con questo

          scenario...

          In questo caso l'utente eseguirebbe il
          programma, il programma cercherebbe di
          "attaccarsi" a tutti gli eseguibili che
          trova, ma non potrebbe attaccarsi a niente
          perche' tutti gli eseguibili di sistema sono
          "protetti in scrittura" per gli utenti...Questo e' fattibile anche con windows NT, naturalmente. Si puo' limitare i permessi, anche sull'esecuzione di certi applicativi.

          si puo' sempre obiettare che potrebbe
          cancellargli tutti i documenti... ma Cosa che alla fine conta MOLTO di piu' di qualunque applicativo modificato... che posso sempre reinstallare. Mentre i documenti sono miei, ed insostituibili.
          basterebbe poco ad insegnare all'utente ad
          eseguire le cose "sospette" utilizzando un
          apposito utente "blindato" che non possa
          toccare nemmeno i suoi file personali....Grazie tante, questo vale per qualunque SO. Infatti vedo che onestamente non hai citato Linux.Secondo me i virus attualmente trovano vita difficile su linux proprio per questo: l'utente medio di linux ha ben poco di "medio" rispetto alla collettivita'. Auspicherei che tutti fossero cosi', ma non si puo' avere certo tutto dalla vita.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiariamo una cosa
            - Scritto da: Sarge
            - Scritto da: KerNivore
            Secondo me i virus attualmente trovano vita
            difficile su linux proprio per questo:
            l'utente medio di linux ha ben poco di
            "medio" rispetto alla collettivita'.se la collettività cui alludi usa una versione di windows 9x o Me, che non vincola l'esecuzione al possesso del permesso, ecco che questa collettività è stata messa nella condizione peggiore.E se mi parli di windows NT o 2000 o XP parli di una minoranza della tua "collettività"Se ai virus è stata data tanta possibilità lo si deve a chi ha "Guidato" questa collettività viralizzata, e cioè l'azienda monopolista che _ora_ ciancia tanto sulla sicurezza, ma fino a ieri taceva e incassava (forte della sola sua posizione di monopolio rapace)Al contrario, quindi, secondo me la vita difficile dei virus su Linux è dovuta alla concezione basilare di attenzione alla sicurezza che deriva dall'esistere nel mondo di Internet da prima dei colabrodi di microsoft. I sistemi operativi sono come il vino: più un sistema invecchia. meglio è. Linux si fonda su 30 anni di Unix. Microsoft è appena nata, in confronto, e questo risulta sempre più palese, nonostante tutto l'armamentario di marketing e di mezzi sporchi usati per restare in cima alla piramide
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiariamo una cosa
            Linux rimane ancora troppo d'elite e per esperti per fare paragoni.Il problema è che con la sua commercializzazione e massificazione, a meno che non si renda il SO accessibile a tutti gli utenti con semplicità (altrimenti diventerebbe una "scatoletta findus" per l'utente medio che non potrebbe customizzarlo o ampliarlo senza la consulenza di un "sistemista" nel caso in cui non sia in grado o non voglia incorrere nelle complicazioni della configurazione di un sistema Linux), DOVRà scoprirsi in qualche modo. Probabilmente come Windows XP/2000/NT dovrà fornire un account administrator "in chiaro" per permettere all'utente di smanettare con il sistema anche senza leggere i manuali.Dobbiamo pensare che al mondo (purtroppo) c'è gente che l'informatica non sa neanche cosa sia e poi si riempie di virus "chattando" con il nuovo computer comperato (e che non sa/non vuole saper usare) perché la televisione gli dice di fare così (d'altrone Fastweb instiga alla pirateria audio dicendo "scarichi gli mp3 delle canzoni prima che escono nei negozi", quindi anche l'utente medio potrebbe mostrare interesse, specie quando è convinto di poterlo fare facilmente e "risparmiando"). Non si può (per motivi economici e pratici purtroppo) obbligare qualsiasi persona ad avere la preparazione che vogliamo noi per svolgere una qualsiasi operazione su un computer, per due motivi: se la cosa diventasse d'obbligo, sarebbe inutile (vedete lo standard dell'istruzione italiana, che decade sempre di più proprio per rendere facile "l'obbligo" a chi non glie ne può fregare di meno).La maggior parte della filosofia open source si basa sul fatto che un qualsiasi utente possa riuscire a far funzionare il suo programma anche se esso non è sufficientemente tollerante alla variazione dei sistemi su cui girerà e, cosa molto più grave, anche se esso è scarsamente o mal documentato. Questa cosa in una visione di Linux "massificato" non è che sia proprio auspicabile. Inoltre molto spesso sono proprio i più entusiasti su Linux a fare i danni, spesso sento amici consigliare ad amici che hanno più dimestichezza con la gestione di un reattore nucleare che di quella di un computer di "passare a Linux che non è vero che è difficile da usare" (e gli allungano un CD Mandrake). Io sinceramente sconsiglio sia Linux che XP/2000 ad utenti imbranati, sono sistemi che richiedono settimane per avere un fine-tuning decente, specie se uno ci perde sopra solo un paio di ore al giorno, perché ha una vita sociale da mandare avanti! Mica tutti fanno del PC una ragione di vita! E' quello che molto spesso sfugge agli informatici fai da te (e per questo il sw open source spesso ha grossi problemi di usabilità per un utente occasionale).
  • Anonimo scrive:
    come gia da tempo affermo più linux si diffonde
    e più le case di antivirus si specializzano per produrre virus per linux.a linuxari frapoco anche a voi ve tocca l'antivirus (magari open sorcio)
    • Anonimo scrive:
      Re: come gia da tempo affermo più linux si diffonde
      - Scritto da: linxvir
      e più le case di antivirus si specializzano
      per produrre virus per linux.

      a linuxari frapoco anche a voi ve tocca
      l'antivirus (magari open sorcio)L'antivirus esiste già amico, si vede che non conosci Linux! Il gruppo 101 al quale appartiene l'utilizzatore di tutti i giorni verrà impostato in modo da non poter scrivere sui file ELF, fatto.Siamo paranoici? OK, il solito 101 non può nè salvare nè eseguire allegati di posta elettronica.E voi? State fremendo per il rilascio di un antivirus?
    • Anonimo scrive:
      Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
      - Scritto da: linxvir
      e più le case di antivirus si specializzano
      per produrre virus per linux.

      a linuxari frapoco anche a voi ve tocca
      l'antivirus (magari open sorcio)ma ci osno gia' gli antivirus su linux. Si usano per lo piu' per la scansione dei file che vengono espoertati con samba o dei file che girano come attachment delle email.Peccato solo che sophos costi cosi' tanto....
    • Anonimo scrive:
      Re: come gia da tempo affermo più linux si diffonde
      - Scritto da: linxvir
      e più le case di antivirus si specializzano
      per produrre virus per linux.

      a linuxari frapoco anche a voi ve tocca
      l'antivirus (magari open sorcio)Guarda che fai brutta figura a parlare di ciò che non sai :)
    • Anonimo scrive:
      Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
      - Scritto da: linxvir
      e più le case di antivirus si specializzano
      per produrre virus per linux.

      a linuxari frapoco anche a voi ve tocca
      l'antivirus (magari open sorcio)Io ho una ditta che fa hosting (e quindi soldi) solo con strumenti Free. La scelta di tali strumenti e` stata fatta in primo luogo perche` molto piu` sicuri ed affidabili della controparte Micro$oft (quando si trova) e solo in seconda battuta per il costo zero delle licenze. Purtroppo l'unico software che ho dovuto comprare e` un antivirus per il mail server. Tutto questo solo per proteggere le caselle di posta elettronica degli utenti Windows. Gli antivirus per Linux esistono da tempo. Ma non servono a Linux, servono agli utenti m$ che si collegano a Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
        fantastico!un fornitore di servizi web che ti fa la scansione antivirus prima che tu scarichi la posta! miiitico!che film era?quanti utenti avete? sei? sette? un gran bel modo per sputtanare le risorse hardware a vostra disposizione...Ma d'altronde si sa che tutte le società informatiche italiane sovradimensionano una cifra i prezzi, ne riparleremo tra un paio d'anni quando i polli saranno finiti e il 99% delle società dovrà chiudere.viva l'italia dove si forma gnete per l'informatica prendendola dai peggio posti e che solo perché dopo sa smanettare si crede il padreterno!
        • Anonimo scrive:
          Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
          - Scritto da: Z.e.r.o
          fantastico!
          un fornitore di servizi web che ti fa la
          scansione antivirus prima che tu scarichi la
          posta!
          miiitico!

          che film era?guarda che sono in molti che già lo fanno.Se tu usi come collegamento quello marcio che trovi nel fustino del detersivo non ti devi lamentare....
          • Anonimo scrive:
            Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
            vabbé ma allora i virus che ricevo giornalmente dalle persone + disparate da tutto il mondo e che usa account provenienti da tutto il mondo sono tutti collegati con l'account marcio del detersivo?ti faccio uno scenario:un mail server con un milione di utentidevo fare la scansione euristica di tutta la posta di tutti gli utenti (diciamo anche solo quella in arrivo). Con l'avvento della banda larga sta prendendo sempre di più piede l'abitudine di lasciare un demone che scarica la posta diciamo ogni 5 minuti. Quanti file l'antivirus non fa in tempo a scansionare che finiscono poi sul nostro pc? se ad esempio utilizzassimo un sistema che scansionerebbe gli allegati solo quando noi effettivamente li scarichiamo quanto overload (per non parlare del maggior impiego di ram/processi per parallelizzare decine di migliaia di scansioni in parallelo) imporrebbe questo metodo ai già traballanti (hanno uno sproposito di traffico, lo sapete meglio di me) mail server di tutto il mondo?Se la cosa fosse vera la maggior parte di noi non riceverebbe alcun virus solo perché un nostro amico sprovveduto ha fatto un forward di qualche cavolata a tutta la sua rubrica non usando il campo BCC e magari lasciando anche gli header di n forward all'interno del messaggio stesso...Sta cosa si può fare in piccole aziende con un relativamente piccolo numero di utenti, non penso che la cosa possa valere a livello globale...Secondo me la spesa ucciderebbe i vantaggi.Guarda anche quanto costa l'overload a siti come yahoo o hotmail solo per fare il filtro antispam (se no perché implorerebbero le autority di tutto il mondo a varare leggi contro lo spam?)
        • Anonimo scrive:
          Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
          - Scritto da: Z.e.r.o
          fantastico!
          un fornitore di servizi web che ti fa la
          scansione antivirus prima che tu scarichi la
          posta!
          miiitico!Mitico ? mi sembra un normale servizio aggiuntivo da offrire ai clienti. Questo come tanti altri....
          quanti utenti avete? sei? sette? un gran bel
          modo per sputtanare le risorse hardware a
          vostra disposizione...Circa 1.000 caselle. Non sono tantissime certo ma se ne avessi 1.000.000 si potrebbe fare lo stesso. Tra l'altro il mail server e' un banalissimo PIII-700 con 265Mb di ram e dischi IDE dal costo irrisorio. Chiaramente le macchine sono due, identiche, in cluster. Questo mi permette di avere livelli di affidabiltà hardware praticamente vicini al 100%. E' infatti altamente improbabile, per non dire impossibile, che si verifichi un problema su tutte e due le macchine contemporaneamente. E non fa solo quello, è anche ftp server e dns. Chiaramente anche gli altri server (web, database) sono duplicati in cluster.Prova a fare le stesse funzioni a costi (anche solo lontanamente) paragonabili con strumenti M$....
          viva l'italia dove si forma gnete per
          l'informatica prendendola dai peggio posti e
          che solo perché dopo sa smanettare si crede
          il padreterno!Datti una calmata, evidentemente non sai di cosa parli.
          • Anonimo scrive:
            Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
            - Scritto da: billgheiz
            - Scritto da: Z.e.r.o

            fantastico!

            un fornitore di servizi web che ti fa la

            scansione antivirus prima che tu scarichi
            la

            posta!

            miiitico!

            Mitico ? mi sembra un normale servizio
            aggiuntivo da offrire ai clienti. Questo
            come tanti altri.
            ...

            quanti utenti avete? sei? sette? un gran
            bel

            modo per sputtanare le risorse hardware a

            vostra disposizione...

            Circa 1.000 caselle. Non sono tantissime
            certo ma se ne avessi 1.000.000 si potrebbe
            fare lo stesso. ehehe

            Tra l'altro il mail server e' un banalissimo
            PIII-700 con 265Mb di ram e dischi IDE dal
            costo irrisorio. ehehehehehehehChiaramente le macchine
            sono due, identiche, in cluster. Questo mi
            permette di avere livelli di affidabiltà
            hardware praticamente vicini al 100%. eheheheheheheheheheehhehehehehehe
            E'
            infatti altamente improbabile, per non dire
            impossibile, che si verifichi un problema
            su tutte e due le macchine
            contemporaneamente. E non fa solo quello, è
            anche ftp server e dns. Chiaramente anche
            gli altri server (web, database) sono
            duplicati in cluster.

            Prova a fare le stesse funzioni a costi
            (anche solo lontanamente) paragonabili con
            strumenti M$.
            ...

            viva l'italia dove si forma gnete per

            l'informatica prendendola dai peggio
            posti e

            che solo perché dopo sa smanettare si
            crede

            il padreterno!

            Datti una calmata, evidentemente non sai di
            cosa parli.mai visto un post contante di quelle palle non so come faccia pi a tenerlo nel suo serverma.
          • Anonimo scrive:
            Re: come gia da tempo affermo più linux si diffond
            - Scritto da: pallepallerosseegialle...
            mai visto un post contante di quelle palle
            non so come faccia pi a tenerlo nel suo
            serverUeila` sapientone! Invece di replicare con argomentazioni da asilo infantile prova a scrivere qualcosa di piu` concreto, in modo da poter imbastire una discussione con qualche fondamento tecnico. Altrimenti torna a giocare con il pongo. Certo, per parlare bisogna conoscere l'argomento ... ma vedo che tu preferisci l'estrema sintesi, forse dettata dalla tua estrema ignoranza.
  • Anonimo scrive:
    Ma come si piglia?
    Scusate, non ho capito una cosa: ma come si piglia sotto linux?Eseguendo sorgenti di terzi come root?Se e' cosi', chi e' quel mona che lo fa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come si piglia?
      - Scritto da: fDiskolo
      Scusate, non ho capito una cosa: ma come si
      piglia sotto linux?

      Eseguendo sorgenti di terzi come root?

      Se e' cosi', chi e' quel mona che lo fa?Forse i due che hanno postato prima di te.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come si piglia?
      Non credo sia facile come col finestra col quale basta un click per sputtanare tutto.
  • Anonimo scrive:
    ci godo
    davvero molto
    • Anonimo scrive:
      Re: ci godo
      Da capire dove sia la goduria?Certo che se almeno avessi avuto le palle per firmati sarebbe stato diverso......
      • Anonimo scrive:
        Re: ci godo
        - Scritto da: conteblade
        Da capire dove sia la goduria?Si capisce, si capisce. Ogni volta che gente un po boriosa si sgonfia qualcuno gode!
        Certo che se almeno avessi avuto le palle
        per firmati sarebbe stato diverso......Oh no, non lo farei mai! Ho troppa paura che per ritorsione qualche craker del mulino bianco mi entri nel computer (prima che smile.D gli palli il disco fisso!).Ho troppa paura!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: ci godo
          Devo dire che il tuo livello di intelligenza e proprio sotto la norma,mi spieghi il motivo per cui dovrebbero entrare dentro il tuo computer a dannagertelo,Ricordati che quelle persone che tu identifichi come vandali,hanno altre cose piu interessanti da fare, e caro amico fantasma,sappi che e grazie anche a quelle persone di cui tu hai cosi tamta paura stupidamente,che la tecnologia va avanti codeste persone non hanno tempo da perdere a rompere le palle a te,hanno cose piu inportanti da fare,es scrivere un antivirus che riesca a salvarti il culo quando il tuo pc si prendera un qualsiasi virus,in guiroe sai quale sara la cosa bella,se quel antivirus quando lo lanci ti presentasse un bel messaggio dicendoti AAAAA scusa ma non posso lavorare non mela sento di toglierti la goduria:-)cmq sia se questo e il tuo divertimento be contento tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: ci godo

            Devo dire che il tuo livello di intelligenza
            e proprio sotto la norma,mi spieghi ilnon lo metto in dubbio!
            motivo per cui dovrebbero entrare dentro il
            tuo computer a dannagertelo,Ricordati cheironia, questa sconosciuta!
          • Anonimo scrive:
            Re: ci godo
            - Scritto da: il solito, grazieDevo dire una cosa uno è infettare il file uno è far dei danni al sistema.Linux a differenza di windows ti permette di usare il computer come utente normale e non come administrator/root.Saluti GazziNet
  • Anonimo scrive:
    Influenza
    Miei cari Pinguini, questa è l'alba della decadenza... benvenuti nel mondo vero!
    • Anonimo scrive:
      Re: Influenza
      - Scritto da: Moopy
      Miei cari Pinguini, questa è l'alba della
      decadenza... benvenuti nel mondo vero!Bhè, in effetti... voi lo sapete bene vero? Ormai ogni risveglio per voi è una decadenza...
Chiudi i commenti