Basta con i contenuti creati dagli utenti

Lo dice ManiaTV: nata come fucina di video realizzati dall'utenza Internet, ora torna a nuova vita. Ma con una novità: d'ora in poi solo contenuti di qualità controllata

Roma – Spostare l’utente finale al centro della scena è lo sforzo compiuto dai weblog (che, privati del We , restano blog ). La scena del Web 2.0, dunque, punta il riflettore sulla gente , che scrive, produce e usa direttamente i contenuti. A questo trend del cosiddetto UGC ( User Generated Content , cioè il contenuto generato dagli utenti), c’è qualcuno che ha preferito dire no : è ManiaTV , una TV online che, come evidenzia Business Week , ha ritenuto meglio fare un passo indietro .

“La gente ama l’ entertainment di buona qualità, come pure gli inserzionisti”, dice Peter Hoskins, Chief Executive di ManiaTV. “Gli inserzionisti vogliono tenere la maggior distanza possibile dai contenuti generati dagli utenti”. Con queste parole, il responsabile della TV ha delineato un quadro in controtendenza rispetto al mondo dei video online, peraltro emerso dall’osservazione di accurate statistiche, che non sembra lasciar spazio a eccezioni. ManiaTV, infatti, per addivenire a questa conclusione, ha esaminato i dati di traffico in diversi periodi nei quali i contenuti sono stati diversificati . Quando, poco dopo le sue prime programmazioni per così dire “tradizionali”, ai contenuti di qualità commerciale è stata affiancata la possibilità di caricare filmati a la YouTube , la TV ha guadagnato molto traffico: 10 milioni di visitatori al mese, secondo le statistiche interne. Una cifra di tutto rispetto da cui, però, i responsabili hanno enucleato qualcosa di più interessante. Di quei 10 milioni, 8 continuavano a visualizzare solo i contenuti di qualità e solo 2 si rivolgevano anche ai contenuti UGC. Ancora non contento, il team ha anche esaminato i contenuti visualizzati dagli inserzionisti, rilevando che nessuno di essi visualizzava altro che contenuti tradizionali.

Così, spiega ancora Business Week , insieme all’analisi approfondita di fattori tecnici e commerciali, si è formata naturalmente la decisione di invertire la rotta e da ieri ManiaTV lo annuncia nel suo sito, evidenziando sottilmente quegli aspetti qualitativi che l’hanno condotta alla decisione.

Può essere questo episodio visto come il preludio di una generalizzata marcia indietro del Web 2.0? Sembra proprio di no e lo dimostra BlinkBox , una startup nuova di zecca, che ha saputo far buon uso della fantasia. Illustra infatti TechCrunch che il neonato sito consente agli utenti, in pieno standard Web 2.0 , di inserire un proprio commento personale in dei clip pubblicitari preesistenti (editabili e accorciabili) e comporre così un nuovo prodotto che poi può essere venduto, con il supporto dello stesso BlinkBox. Il concetto, spiega TechCrunch , ricorda quello del preesistente e simile Clip+Sling lanciato all’inizio dell’anno ma BlinkBox, quale novità appena inaugurata , rassicura sulla… incolumità delle Web 2.0 economics .

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • outsourcing scrive:
    I denari di Giuda
    Ma che inflazione in 2000 anni! 30 denari si rendevano una volta , non 15 000 dolari.
  • OpenMind64 scrive:
    Il fratello cattivo di Neo?
    Con un cognome così non può che venire in mente Matrix.Questo Anderson però deve aver scelto di prendere la pillola blu. :)Mi pare quasi di vedere uno dei tanti agenti Smith che lavorano alla RIIA che, per convincerlo a lavorare per loro, dopo che aveva avuto a che fare con TorrentSpy, pronuncia la fatidica frase: "You have a problem with authority, Mr. Anderson. You believe you are special, that somehow the rules do not apply to you. Obviously, you are mistaken. " :)
    • Franco scrive:
      Re: Il fratello cattivo di Neo?
      Anche a me è venuto subito in mente il film Matrix, ma nello specifico questo Anderson mi ricorda il tizio che vende Morpheus alle macchine in cambio di una vita da rockstar.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Il fratello cattivo di Neo?
        - Scritto da: Franco
        Anche a me è venuto subito in mente il film
        Matrix, ma nello specifico questo Anderson mi
        ricorda il tizio che vende Morpheus alle macchine
        in cambio di una vita da
        rockstar.Cypher.
  • Arcistufo scrive:
    Ha fatto strabene!
    Quante mazzate ci vorranno ancora ai pituppari lameroni prima di ficcarsi nella loro zuccaccia che bisogna passare alle reti anonimizzate?
    • uguccione500 scrive:
      Re: Ha fatto strabene!
      ..si,si...anonime... Si vede proprio come sei esperto di internet e comunicazioni! Ti è mai venuto in mente che il tuo provider sa esattamente cosa stai facendo quando e dove??? Ma cosa lo spiego a fare, tanto tu navighi anonimo...Che gente...
  • ryoga scrive:
    Uno stupido
    Per 15.000$ si e' messo contro il mondo.Per 15.000$ rischia di finire in galera per aver rivelato dati privatiPer 15.000$ rischia di finire in galera per aver bypassato accessi riservatiPer 15.000$ rischia di dover pagare di tasca propria somme molto piu' elevate (se causi un danno da 100.000$ di sicuro non ne paghi 3.000 ).15.000$ che valgono si e no 11.000 euro.Io avrei paura ad uscir di casa sapendo che il mio vicino ( americano ), potrebbe spararmi per aver rivelato il suo IP a qualcuno....
    • Silviosky scrive:
      Re: Uno stupido
      Come trovarsi in un bar dove c'è una banda di motociclisti ed insultarli tutti... usandola come scudo per ripararsi la sua faccia durerebbe poco.Questo stupido rischia, oltre il resto, anche di andare in ospedale in prognosi riservata per l'azione di qualche vicino volenteroso di fare giustizia, dandogli una bella lezione.Traditore della "Rete Libera".
    • ergo proxy scrive:
      Re: Uno stupido
      - Scritto da: ryoga
      Per 15.000$ si e' messo contro il mondo.
      Per 15.000$ rischia di finire in galera per aver
      rivelato dati
      privati
      Per 15.000$ rischia di finire in galera per aver
      bypassato accessi
      riservati
      Per 15.000$ rischia di dover pagare di tasca
      propria somme molto piu' elevate (se causi un
      danno da 100.000$ di sicuro non ne paghi 3.000
      ).

      15.000$ che valgono si e no 11.000 euro.

      Io avrei paura ad uscir di casa sapendo che il
      mio vicino ( americano ), potrebbe spararmi per
      aver rivelato il suo IP a
      qualcuno....palesemente il motivo è un altro, 15.000 usd non sono granchè (se qualucno vuole regalarmeli io sono qui)
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Non posso commentare una notizia cosi'
    Mi vengono in mente solo insulti verso Anderson e soprattutto verso la MPAA. Non sarebbe un commento serio.
    • Angelone scrive:
      Re: Non posso commentare una notizia cosi'
      sparatelo...
      • Ricky scrive:
        Re: Non posso commentare una notizia cosi'
        Lasciamo stare i singoli ,giovani,delusi e DEBOLI...Pensiamo a chi invece li SFRUTTA.
    • Ranma Saotome scrive:
      Re: Non posso commentare una notizia cosi'
      questo venderebbe la propria madre per pochi spiccioli...FECCIA!!!
      • Max3D scrive:
        Re: Non posso commentare una notizia cosi'
        e ha fatto bene, almeno lui ci ha guadagnato qualcosa XD
      • anonimo scrive:
        Re: Non posso commentare una notizia cosi'
        ividentemente, il tipo non considera 15K$ "pochi spiccioli".E' tutta una questione di quanto valore si da al denaro....
        • DuDe scrive:
          Re: Non posso commentare una notizia cosi'
          - Scritto da: anonimo
          ividentemente, il tipo non considera 15K$ "pochi
          spiccioli".
          E' tutta una questione di quanto valore si da al
          denaro....No, e' tutta questione di prezzo tutti siamo corruttibili e' solo una questione di prezzo
          • Burp scrive:
            Re: Non posso commentare una notizia cosi'
            - Scritto da: DuDe
            No, e' tutta questione di prezzo tutti siamo
            corruttibili Ma che ne vuoi sapere.
          • ergo proxy scrive:
            Re: Non posso commentare una notizia cosi'
            - Scritto da: Burp
            - Scritto da: DuDe

            No, e' tutta questione di prezzo tutti siamo

            corruttibili

            Ma che ne vuoi sapere.eh già, infatti il mondo è pieno di sani principi e la corruzione è un fenomeno marginale.....
          • Robba scrive:
            Re: Non posso commentare una notizia cosi'
            - Scritto da: DuDe
            - Scritto da: anonimo

            ividentemente, il tipo non considera 15K$ "pochi

            spiccioli".

            E' tutta una questione di quanto valore si da al

            denaro....
            No, e' tutta questione di prezzo tutti siamo
            corruttibili e' solo una questione di
            prezzoParla per te va...
          • necc scrive:
            Re: Non posso commentare una notizia cosi'
            - Scritto da: DuDe
            - Scritto da: anonimo

            ividentemente, il tipo non considera 15K$ "pochi

            spiccioli".

            E' tutta una questione di quanto valore si da al

            denaro....
            No, e' tutta questione di prezzo tutti siamo
            corruttibili e' solo una questione di
            prezzodavvero siamo tutti corruttibili?una notte con tua madre quanto me la valuti?immagino tu non saresti disposto
        • mik.fp scrive:
          Re: Non posso commentare una notizia cosi'
          Ma la faccia... come fai ad andare in giro con quella faccia per tutto il resto della tua vita?Che stupido
        • Nanni scrive:
          Re: Non posso commentare una notizia cosi'
          - Scritto da: anonimo
          ividentemente, il tipo non considera 15K$ "pochi
          spiccioli".
          E' tutta una questione di quanto valore si da al
          denaro....15.000 $ non sono sufficienti per farsi un paio di gambe nuove...
Chiudi i commenti