Bing: ce la possiamo fare

Oltre 5 miliardi sono già stati spesi da Microsoft per rilanciare il settore delle operazioni Web. Ma le perdite non fanno disperare Redmond
Oltre 5 miliardi sono già stati spesi da Microsoft per rilanciare il settore delle operazioni Web. Ma le perdite non fanno disperare Redmond

Oltre cinque miliardi di dollari spesi negli ultimi quattro anni e nessuna intenzione di rallentare: sono i dati di Microsoft relativi al comparto delle operazioni Web e le intenzioni dichiarate dal capo divisione Yusuf Mehdi. In attesa che il mercato (e la Rete) gli dia ragione.

Nel frattempo i profitti derivanti dall’advertising online sono diminuiti del 2 per cento (per un totale di 516 milioni di dollari) e il guadagno in quote di mercato è stato solo del 3 per cento (ma non a scapito di Google, che anzi sembra aver ancora guadagnato terreno).

Le perdite miliardarie finora registrate non hanno però tolto l’ottimismo a Microsoft per quanto riguarda l’avventura del business online: il nuovo anno inizia, d’altronde, con l’approssimarsi della conclusione di un importante accordo sull’advertising online con Yahoo!. “Appena implementeremo l’affare con Yahoo! diventeremo il n. 2 per l’advertising” chiarisce Mehdi.

Per il momento Microsoft detiene la terza posizione con il 10,7 per cento del mercato dei motori di ricerca, molto dietro rispetto al 65 per cento di Google e al 17,3 per cento di Yahoo!, suo prossimo socio in affari. Seconda e terza, insieme, puntano a raggiungere il 30 per cento del mercato della ricerca online: una cifra che nelle speranze dei due attori dovrebbe costituire un bottino più che interessante.

E questa fetta di mercato, secondo Mehdi, può rendere molto di più di quanto finora speso. “È ancora presto – ha dichiarato – abbiamo ancora molta strada da fare prima di raggiungere quello che ritengo essere il nostro obiettivo”.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti