Bitpanda diventa sponsor della Nazionale Italiana di Rugby

Bitpanda diventa sponsor della Nazionale Italiana di Rugby

Bitpanda chiude un contratto di sponsorship con la Nazionale Italiana di Rugby e non solo. Vediamo tutti i dettagli da vicino.
Bitpanda chiude un contratto di sponsorship con la Nazionale Italiana di Rugby e non solo. Vediamo tutti i dettagli da vicino.

Sempre più aziende del settore fintech e crypto stanno entrando nella vita di tutti i giorni in termini di sponsorship, a seguito della diffusione crescente di entrambi i settori negli ultimi due anni. Il mercato fintech con sistemi di pagamento come carte e scambio di denaro in forma digitale è stato anche spinto dal governo in termini di adozione con il cashback di stato ad esempio.

Allo stesso modo i mercati delle criptovalute hanno registrato delle performance a tripla cifra, rimanendo ancora in estrema crescita rispetto al timeframe citato. Non è strano dunque vedere sponsorship di livello come quella di cui parliamo oggi, ovvero Bitpanda.

Sponsorship importante per Bitpanda

Troveremo il logo di Bitpanda addirittura sulla maglia della Nazionale Italiana di Rugby maschile come main sponsor, con l’aggiunta anche della nazionale under 20 per l’intera durata del torneo Sei Nazioni che inizierà il 5 febbraio 2022, tra pochi giorni.

Questo tipo di annuncio si può ripercuotere anche sui token nativi della piattaforma e sul programma BEST di cui abbiamo parlato in articoli precedenti. I movimenti del token possono favorire gli incentivi che ci sono utilizzando Bitpanda ad esempio.

Inoltre molti altri exchange o piattaforme hanno fatto contratti di questo tipo con ripercussioni sul lungo periodo della loro credibilità e solidità sul mercato. Non sono annunci da poco poiché arriviamo da un momento in cui grosse società sono arrivate a legarsi a diverse realtà dello sport.

Chi inizia in ottica investimenti può utilizzare una piattaforma come Bitpanda per muovere i primi passi e cominciare a fare investimenti a partire da 1€, magari per fare alcuni primi test e capire come funzionano i mercati con un coinvolgimento diretto con piccole cifre.

*Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 24 gen 2022
Link copiato negli appunti