Blockai, una blockchain per il copyright

Una start-up ha intenzione di usare la tecnologia alla base delle criptomonete come strumento di difesa del diritto d'autore, un sistema dalla legalità tutta da provare, negli USA e altrove

Roma – Blockai è una start-up nata con l’obiettivo di usare la blockchain per la difesa del diritto d’autore, uno strumento che prova ad adottare un sistema nato assieme a Bitcoin per scopi diversi dalla finanza digitale che ha fin qui monopolizzato le discussioni sulla tecnologia.

Proprio come su Bitcoin la blockchain tiene traccia di tutte le transazioni pubbliche basate su BTC, così la blockchain di Blockai è progettata per tracciare, in maniera teoricamente perenne, un contenuto – sia esso grafico, audio o testuale – con il suo creatore originario e il relativo certificato.

Tutto quello che occorre fare per stabilire la “ownership” di una foto, un romanzo o altro tipo di contenuto è trascinare il file corrispondente sull’interfaccia di Blockai, spiegano i fondatori, e a quel punto verrà fornito un certificato (con tanto di ID della transazione) che non può essere replicato o contraffatto.

La registrazione su Blockai è a pagamento, e il successivo tentativo di reclamare un contenuto già registrato porta ovviamente alla comparsa di un messaggio di errore. Secondo i fondatori dell’iniziativa, la validità legale dei certificati Blockai non è stata fin qui ancora testata ma l’uso della blockchain garantirebbe il risultato.

“La blockchain è la soluzione ideale per fornire la prova della creazione”, spiega il CEO di Blockai Nathan Lands, perché si tratta di un “record permanente e immutabile.” Una volta registrata, augurabilmente a opera del creatore originario, un’opera non potrà mai cambiare proprietario.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rico scrive:
    Produttori miopi
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso.I produttori insistono a installare:1- HDD con tecnologia vecchia di 50 anni, invece di SSD,2- Laptop con schermi 1366x768 anzichè 1920x1080, cioè full HD,3- Sempre e solo windows, anzichè un dual boot con Linux. (ad esempio Debian, la distro più usata anche nei server).In fondo le case automobilistiche vendono ancora bene perchè hanno proposto il Bi-Fuel (sia GPL che benzina), i produttori di PC potrebbero fare lo stesso col doppio sistema operativo. Ma niente, non ci arrivano.
    • Etype scrive:
      Re: Produttori miopi
      - Scritto da: rico
      Chi è causa del suo mal pianga se stesso.
      I produttori insistono a installare:
      1- HDD con tecnologia vecchia di 50 anni, invece
      di
      SSDSemplicemente perché il costo per GB è inferiore,è più versatile di un SSD e costa meno,questo va ad influire sul costo totale del PC che compri.Nulla ti vieta di comprarlo successivamente e di ritrovarti SSD + HDD.
      2- Laptop con schermi 1366x768 anzichè 1920x1080,
      cioè full
      HDDipende dal prezzo che sei disposto a pagare, comunque la differenza è insignificante se usi il PC per lavori da ufficio e poca altra roba,che è la maggior parte degli utilizzatori.
      3- Sempre e solo windows, anzichè un dual boot
      con Linux. (ad esempio Debian, la distro più
      usata anche nei
      server).Ci sono anche portatili dove non è preinstallato nulla, certo li puoi contare sulle dita di una mano, se smettessero con il preinstallato ci guadagnerebbe l'intera informatica.
      In fondo le case automobilistiche vendono ancora
      bene perchè hanno proposto il Bi-Fuel (sia GPL
      che benzina), i produttori di PC potrebbero fare
      lo stesso col doppio sistema operativo. Ma
      niente, non ci
      arrivano.Mica tanto, il settore automobilistico negli anni passati era in profonda crisi,inoltre c'erano anche gli incentivi per la rottamazione, oggi il settore non è che possa vantare chissà quali record di vendita.Il GPL lo puoi sempre montare successivamente.Data la crisi da cui non se ne esce uno l'auto la cambia quando quella vecchia incomincia a dare seri problemi, addirittura anche in quel caso c'è stato un boom di acquisto di auto usate.
      • Etaip scrive:
        Re: Produttori miopi
        - Scritto da: Etype
        Dipende dal prezzo che sei disposto a pagare,
        comunque la differenza è insignificante se usi il
        PC per lavori da ufficio e poca altra roba,che è
        la maggior parte degli
        utilizzatori.Beh, certo.Si sa che la differenza di DPI è insignificante dal punto di vista dello stress visivo causato dagli artefatti nel subpixel rendering.Sei proprio uno competente, guarda.Difatti la figura di palta che hai fatto sopra la dice lunga sulle tue decantate abilità informatiche.
        Ci sono anche portatili dove non è preinstallato
        nulla, certo li puoi contare sulle dita di una
        mano, se smettessero con il preinstallato ci
        guadagnerebbe l'intera
        informatica.Peccato che sia proprio il preinstallato ad essere un problema insignificante, se non per i soliti quattro cantinari come te che si lamentano per il fatto che gli OEM non si caghino il vostro linuz.
    • ... scrive:
      Re: Produttori miopi
      ...tanto per intenderci la doppia in deBBian non é un refuso...
    • Etype scrive:
      Re: Produttori miopi
      Ma quando mai? :D
    • Mario scrive:
      Re: Produttori miopi
      - Scritto da: rico
      Chi è causa del suo mal pianga se stesso.
      I produttori insistono a installare:
      1- HDD con tecnologia vecchia di 50 anni, invece
      di
      SSD,Gli ultrabook hanno gli ssd
      2- Laptop con schermi 1366x768 anzichè 1920x1080,
      cioè full
      HD,Gli ultrabook hanno schermi full HD
      3- Sempre e solo windows, anzichè un dual boot
      con Linux. (ad esempio Debian, la distro più
      usata anche nei
      server).Se vuoi usare linux sei anche in grado di installartelo in due partizioni diverse, comunque due OS su dischi piccoli ssd ci stanno strettiQuello che chiedi quindi c'è giá ma non si sono visti tutti questi grandi entusiasmi
    • ocir scrive:
      Re: Produttori miopi
      - Scritto da: rico
      (ad esempio Debian, la distro più
      usata anche nei
      server </b
      ).Debian la più usata nei server? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • rrczfdx scrive:
    marchetta
    Non ci vuole molto a capire che i tablet convertibili cresceranno. Visto che partono da zero ci vuole poco. Però non credo proprio che arriveranno a numeri in doppia cifra e non credo proprio che possano cambiare la situazione.Questa più che una previsione di mercato è una marchetta. Quelli di IDC non se ne preoccupano troppo, tanto continuano a sbagliare le previsioni e i tutti continuano a prenderli sul serio.
    • MacUserFrom 89 scrive:
      Re: marchetta
      Una costante di Gartner ed IDC, e di tutti i commentatori che ciclicamente ne rilanciano i dati, è che nella prima metà dell'anno prevedono miglioramenti entro la fine, mentre nella seconda metà dell'anno prevedo miglioramenti per il prossimo ... patetici nel cercare di essere "stimolo" alla crescita che ormai è peggio che un miraggio.
  • Biagio scrive:
    ...
    Biagio ha fatto la XXXXX.
    • Tasya Paella scrive:
      Re: ...
      Puoi incartarla e spedirla a:Microsoft CorporationOne Microsoft WayRedmond, WA 98052-7329USATel: (425) 882-8080Fax: (425) 706-7329Dopo i tagli al settore di R&D hanno bisogno di idee fresche.
  • Bravo Bravo scrive:
    I PC più navigati ?
    Le aziende, hanno i contratti di aggiornamento con Microsoft che di solito aggiorna l'intero pacchetto software, compreso i sistemi operativi.Di privati che cambiano PC solo perché si vogliono comprare il nuovo sistema operativo non ne ho mai visti poi così tanti, specialmente negli ultimi tempi ...Allora forse il problema è che Windows 10 è gratis ma ci sono altre situazioni contingenti e cioè :1 - Gira benissimo su una macchina windows 7 ready, quindi non ha bisogno di hardware particolare. Inoltre le esigenze per i giochi non esistono praticamente più, visto che si è spostato il tutto sul mercato console.2 - Il top del mercato attualmente è ancora l'INTEL I7 che è ormai ha 7 anni e costa ancora come il top del mercato. Il prezzo della fascia bassa è addirittura aumentato, con il risultato che si trovano ancora nei negozi macchine con i core duo (tanto Windows ci gira).3 - Il caso Windows 8 si pagava ma vi risulta forse che ci sia gente che appena è uscito, sia corsa a cambiare il PC per comprarsi quel "coso" ? A me risulta il contrario cioè che sui PC nuovi c'era gente che chiedeva di installare windows 7, tanto che la Microsoft ha dovuto fare uscire la famosa versione patch chiamata 8.1.Risultato, a pagamento o non a pagamento, se non c'è nulla di nuovo o se il nuovo è peggio del vecchio, e per giunta di soldi ne girano di meno, la gente non compra e le aziende non investono.Facile no ?
    • Sg@bbio scrive:
      Re: I PC più navigati ?
      Guarda che gli i7 non sono gli stessi di 7 anni fa.
      • sgabbio scrive:
        Re: I PC più navigati ?
        01/10
      • Sisko212 scrive:
        Re: I PC più navigati ?

        Guarda che gli i7 non sono gli stessi di 7 anniNon dal punto di vista dei consumi, ma Si dal punto di vista computazionale.Un i7 di 5 anni fà, bene o male, corre come un i7 di oggi... la differenza prestazionale, non è tale da far cambiare la cpu... e per i consumi energetici... una persona che usa il desktop per 2-3 ore al giorno a casa, non è che gli cambi molto.
        • Bravo Bravo scrive:
          Re: I PC più navigati ?
          - Scritto da: Sisko212

          Guarda che gli i7 non sono gli stessi di 7 anni

          Non dal punto di vista dei consumi, ma Si dal
          punto di vista
          computazionale.
          Un i7 di 5 anni fà, bene o male, corre come un i7
          di oggi... la differenza prestazionale, non è
          tale da far cambiare la cpu... e per i consumi
          energetici... una persona che usa il desktop per
          2-3 ore al giorno a casa, non è che gli cambi
          molto.Si infatti, più che i consumi sono più differenziati di prima, cioè ci sono 3 o 4 versioni per laptop e per desktop, dove cambiano le cache i core e roba simile.È un po`come la Panda, la puoi fare 4x4, 2x2, van, cargo, furgonata, con le ruote da trattore, ma è sempre una Panda.Ok che nel caso dell'i7 si può parlare di una Ferrari più che una Panda ma il discorso non cambia.
          • Orlangio scrive:
            Re: I PC più navigati ?
            Comunque anche io fino a qualche tempo fa cambiavo PC ogni 2/3 anni e facevo un bel salto perché la potenza delle CPU raddoppiava ogni 2 anni circa...Oggi in commercio ci sono dei notebook atom-like che vanno decisamente più lenti di notebook di 5/7 anni fà.
    • ........... .... scrive:
      Re: I PC più navigati ?
      - Scritto da: Bravo Bravo
      Inoltre le esigenze per i giochi non
      esistono praticamente più, visto che si è
      spostato il tutto sul mercato console.Non ne sarei così sicuro:http://it.ign.com/rise-of-the-tomb-raider-xbox-one-1/108072/news/rise-of-the-tomb-raider-per-pc-ha-venduto-il-triplhttp://www.spaziogames.it/notizie_videogiochi/console_multi_piattaforma/230064/rise-of-the-tomb-raider-nel-primo-mese-vendite-triple-su-pc-rispetto-xbox-one.aspxhttp://www.gamereactor.it/news/233193/La+versione+PC+di+Tomb+Raider+ha+superato+le+vendite+Xbox+One/Mettici anche la conferma di esclusive quali Quantum Break su PC, ed è chiaro che il trend sta cambiando.(com'era prevedibile, visto l'hardware penoso consolaro)
      • Sg@bbio scrive:
        Re: I PC più navigati ?
        - Scritto da: ........... ....
        - Scritto da: Bravo Bravo


        Inoltre le esigenze per i giochi non

        esistono praticamente più, visto che si è

        spostato il tutto sul mercato console.

        Non ne sarei così sicuro:
        http://it.ign.com/rise-of-the-tomb-raider-xbox-one
        http://www.spaziogames.it/notizie_videogiochi/cons
        http://www.gamereactor.it/news/233193/La+versione+

        Mettici anche la conferma di esclusive quali
        Quantum Break su PC, ed è chiaro che il trend sta
        cambiando.
        (com'era prevedibile, visto l'hardware penoso
        consolaro)Trollata scarsa: La notizia riguarda le vendite via DD, che per ovvie ragione su pc sono quasi totalmente la prassi per avere un gioco su pc, mentre su console no.Altra cosa: Tomb Rider era un esclusiva temporanea.
        • ........... scrive:
          Re: I PC più navigati ?
          e che mi dici di roba tipo quantum break confermato per pc? trollata scarsa anche quella?
          • Sg@bbio scrive:
            Re: I PC più navigati ?
            - Scritto da: ...........
            e che mi dici di roba tipo quantum break
            confermato per pc? trollata scarsa anche
            quella?Le politiche demenziali di microsoft non fanno testo.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: I PC più navigati ?
            - Scritto da: ...........
            e che mi dici di roba tipo quantum break
            confermato per pc? trollata scarsa anche
            quella?Le scelte demenziali di microsoft fatte per spingere windows 10, non fanno testo. Ti ricordo che in passato, quando XXXX era nel mercato delle console, metteva anche i suoi titoli su pc.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 marzo 2016 22.14-----------------------------------------------------------
      • Bravo Bravo scrive:
        Re: I PC più navigati ?
        - Scritto da: ........... ....
        - Scritto da: Bravo Bravo


        Inoltre le esigenze per i giochi non

        esistono praticamente più, visto che si è

        spostato il tutto sul mercato console.

        Non ne sarei così sicuro:
        http://it.ign.com/rise-of-the-tomb-raider-xbox-one
        http://www.spaziogames.it/notizie_videogiochi/cons
        http://www.gamereactor.it/news/233193/La+versione+

        Mettici anche la conferma di esclusive quali
        Quantum Break su PC, ed è chiaro che il trend sta
        cambiando.
        (com'era prevedibile, visto l'hardware penoso
        consolaro)Guarda io non gioco molto con i computer, ma quella gara che si faceva da ragazzini all'ultimo frame rate, o all'effettino della nebbia, oggi non la vedo più.Anzi vedo un sacco di ragazzini che gioca a CCS o a Mario Bross su Wii o in rete con WOW , fregandosene della grafica e guardando di più al divertimento.È anche una questione culturale penso, una volta la maggior parte della gente si costruiva i computer pezzo per pezzo, oggi la maggior parte della gente li compra e basta.Così una volta stavano a cercare la scheda grafica giusta per far funzionare il gioco e si giocava da soli. Oggi si compra un livello di WOW o le caramelle di CCS, si va in rete e il divertimento è un prodotto come tutti gli altri.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: I PC più navigati ?
          - Scritto da: Bravo Bravo
          - Scritto da: ........... ....

          - Scritto da: Bravo Bravo




          Inoltre le esigenze per i giochi non


          esistono praticamente più, visto che si è


          spostato il tutto sul mercato console.



          Non ne sarei così sicuro:


          http://it.ign.com/rise-of-the-tomb-raider-xbox-one


          http://www.spaziogames.it/notizie_videogiochi/cons


          http://www.gamereactor.it/news/233193/La+versione+



          Mettici anche la conferma di esclusive quali

          Quantum Break su PC, ed è chiaro che il trend
          sta

          cambiando.

          (com'era prevedibile, visto l'hardware penoso

          consolaro)

          Guarda io non gioco molto con i computer, ma
          quella gara che si faceva da ragazzini all'ultimo
          frame rate, o all'effettino della nebbia, oggi
          non la vedo
          più.

          Anzi vedo un sacco di ragazzini che gioca a CCS o
          a Mario Bross su Wii o in rete con WOW ,
          fregandosene della grafica e guardando di più al
          divertimento.

          È anche una questione culturale penso, una volta
          la maggior parte della gente si costruiva i
          computer pezzo per pezzo, oggi la maggior parte
          della gente li compra e
          basta.

          Così una volta stavano a cercare la scheda
          grafica giusta per far funzionare il gioco e si
          giocava da soli. Oggi si compra un livello di WOW
          o le caramelle di CCS, si va in rete e il
          divertimento è un prodotto come tutti gli
          altri.XXXXXXX che superficialità. Mai visto un forum videoluidico, vero ?
    • Francesco scrive:
      Re: I PC più navigati ?
      L'ultimo stock di 16 PC che ho acquistato giusto una settimana fa hanno (volutamente) W7 x64 preinstallato.In ambito aziendale con piastrellotto mi ci pulisco il...
      • Franci scrive:
        Re: I PC più navigati ?
        - Scritto da: Francesco
        L'ultimo stock di 16 PC che ho acquistato giusto
        una settimana fa hanno (volutamente) W7 x64
        preinstallato.

        In ambito aziendale con piastrellotto mi ci
        pulisco
        il...Bravo furbo! 16 PC che tra pochi anno non avranno più aggiornamenti quando il windows 10 va benissimo e non è più piastrellotto. Piuttosto prenditi macchine con gnu/linux, vanarti di essere rimasto indietro è veramente un autogol
    • Francesco scrive:
      Re: I PC più navigati ?
      L'ultimo stock di 16 PC che ho acquistato giusto una settimana fa hanno (volutamente) W7 x64 preinstallato.In ambito aziendale con piastrellotto e derivati mi ci pulisco il...
  • prova123 scrive:
    Win10
    nel mondo pc è stato come un ingresso di un elefante XXXXXXXto in una cristalleria ...
  • Rabarbaro Barbaro Zucca scrive:
    Ma Win10 non stava facendo sfracelli?
    Eppure io avevo letto PROPRIO QUI che Win10 era un sucXXXXX senza precedenti, che stava letteramente battendo ogni record! (ghost)E come mai invece adesso mi venite a dire "Windows 10 rappresenta continua a rappresentare un ostacolo piuttosto che un'occasione di rilancio"? (newbie)E come mai questo cambio di vedute? :-oE come mai 'ste zozzerie? :@
    • Tasya Paella scrive:
      Re: Ma Win10 non stava facendo sfracelli?
      - Scritto da: Rabarbaro Barbaro Zucca
      Eppure io avevo letto PROPRIO QUIE questo avrebbe dovuto metterti in guardia di brutto.
      che Win10 era
      un sucXXXXX senza precedenti,Io direi un suLXXXXX senza precedenti.
      che stava
      letteramente battendo ogni record!
      (ghost)Di mazzettate nel basso ventre dell' utenza.

      E come mai invece adesso mi venite a dire
      "Windows 10 rappresenta continua a rappresentare
      un ostacolo piuttosto che un'occasione di
      rilancio"?
      (newbie)Perché erano abituati a fare i conti senza la concorrenza.

      E come mai questo cambio di vedute? :-oVa dove ti porta il grano!

      E come mai 'ste zozzerie? :@Le pance si svuotano e vanno riempite giornalmente.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Ma Win10 non stava facendo sfracelli?
      - Scritto da: Rabarbaro Barbaro Zucca
      Eppure io avevo letto PROPRIO QUI che Win10 era
      un sucXXXXX senza precedenti, che stava
      letteramente battendo ogni record!
      (ghost)E un vero RECORD!

      E come mai invece adesso mi venite a dire
      "Windows 10 rappresenta continua a rappresentare
      un ostacolo piuttosto che un'occasione di
      rilancio"?
      (newbie)Perché tra il vendere markette, e i pc veri ci sono differenze!

      E come mai questo cambio di vedute? :-oE di moda essere voltagabbana.

      E come mai 'ste zozzerie? :@Se hai ha che fare con zozzi, ti ritrovi le zozzerie, altrimenti vieni proprio inzozzato!Spero che ho illuminato la tua serata. :)
  • Tazza Flanella scrive:
    i pronostici del zucca
    Qualcuno disse: "verrete assimilati" [cit].Per ora stanno pigliando mazzate.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: i pronostici del zucca
      - Scritto da: Tazza Flanella
      Qualcuno disse: "verrete assimilati" [cit].

      Per ora stanno pigliando mazzate.Non facciamo nomi e cogliomi.
  • Dr Kabuto scrive:
    Casi cronici PC
    Tutti a criticare MS ma poi se analizzi caso per caso vengono fuori le travi altro che pagliuzze.2 casi cronici Mac, il Guglielmo Cancelli li ha salvati dal sicuro fallimento loro producono i pc piu' inutili ed incompatibili della storia dell'informatica, senza office li puoi usare come fermacarte guarda caso ancora sviluppato della societa' fondata dal Cancelli, per tornare in pista hanno ricominciato con i lettori mp3 e poi con i cellulari, i pc non fanno per loroLinux bel progetto non lo nego, aspettiamo ogni anno il boom che non arriva, adatto al settore professionale informatico con personale qualificato, al settore embedded, dove ha preso giustamente piede ma non ancora pronto per le utenze casalinghe, alle volte sono peggio degli adolescenti che cambiano mode ed idee ogni 5 minuti, serve un maggior coordinamento tra le distro e' come cambiare ogni giorno i mobili di casa
    • casalinga scrive:
      Re: Casi cronici PC
      L' utenza "casalinga" ha già scelto: smartphone e via, non c'é niente da sfondare, le porte sono state murate.
    • MacUserFrom 89 scrive:
      Re: Casi cronici PC
      - Scritto da: Dr Kabuto
      Tutti a criticare MS ma poi se analizzi caso per
      caso vengono fuori le travi altro che
      pagliuzze.

      2 casi cronici

      Mac, il Guglielmo Cancelli li ha salvati dal
      sicuro fallimento...La sottoscrizione di 150 milioni di $ in azioni AAPL, <b
      senza diritto di voto </b
      in assemblea degli azionisti, fu una delle condizioni di un contratto molto complesso in base al quale se qualcuno si salvò fu proprio Microsoft che era sotto proXXXXX per l'appropriazione indebita del codice di Quick Time e, per altri versi, per monopolio.https://www.youtube.com/watch?v=PEHNrqPkefIRelativamente all'importo di quei 150 milioni, per la cronaca: Jobs l'anno precedente, 1995, aveva incassato con Pixar oltre 361 milioni di dollari per Toy Story ed aveva appena incassato da Apple stessa 400 milioni di dollari per l'acquisto di NeXT Step OS.Figurarsi quanto sia sensato pensare che ci fosse il bisogno di 150 milioni per salvare Apple. Quello che serviva era la notizia che Microsoft investiva in Apple e sviluppava software per essa. La prima cosa serviva a Jobs ... la seconda serviva a Gates!Inoltre Jobs non accettò mai la proposta del suo amico intimo Larry Ellison (CEO di Oracle) per rilevare insieme tutta quanta Apple.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2016 17.32-----------------------------------------------------------
    • peppino scrive:
      Re: Casi cronici PC
      - Scritto da: Dr Kabuto
      Mac, il Guglielmo Cancelli li ha salvati dal
      sicuro fallimento loro producono i pc piu'
      inutili ed incompatibili della storia
      dell'informatica, senza office li puoi usare come
      fermacarte guarda caso ancora sviluppato della
      societa' fondata dal Cancelli, per tornare in
      pista hanno ricominciato con i lettori mp3 e poi
      con i cellulari, i pc non fanno per
      loroVeramente i Mac hanno una loro buona fetta di mercato e dispongono dei port di praticamente qualsiasi software professionale: dalla suite Adobe, ad AutoCAD e a VMware Fusion.Senza contare che OSX è l'OS più gettonato tra le comunità Rails e Node, anche per via del fatto che offre DTrace. Cosa non da poco.Inoltre è usato anche da grandi ingegneri del calibro di Bryan Cantrill.Insomma, mica robetta, eh...
      Linux bel progetto non lo nego, aspettiamo ogni
      anno il boom che non arriva, adatto al settore
      professionale informatico con personale
      qualificato, al settore embedded, dove ha preso
      giustamente piede ma non ancora pronto per le
      utenze casalinghe,Ma all'utenza casalinga non serve nemmeno più il PC.Ormai fanno tutto con lo smartphone.Che poi, manco avessero tutte queste esigenze: giusto WhatsApp/Telegram, un browser Web, l'app di Facebook e Twitter e qualche altra stupidata presa dallo store.Il PC per l'utenza casalinga è davvero eccessivo. Una macchina inutilmente complessa che ha sempre necessitato di personale qualificato o quanto meno di un uso che va oltre il cliccare a caso su dei bottoni.Che poi ormai con il cloud da un lato ed il mobile dall'altro, ormai parlare del desktop quasi come se fosse ancora il re dei mercati è piuttosto ridicolo.Ed in entrambi settori Linux non solo esiste ma è il player più grosso.Non gli serve più fare la lotta per avere spazio sul desktop, perché tanto con il cloud e con i SaaS basta un semplice browser per accedere alle applicazioni e lavorare.Tutti ormai se ne stanno rendendo conto.Persino Microsoft stessa, tanto che si sta affrettando a portare SQL Server su Linux per evitare di rimanere con la bocca asciutta in un mondo che ha sempre meno bisogno di uno specifico OS locale ma che ha sempre più bisogno di servizi ed infrastrutture.
      serve un maggior coordinamento tra le
      distro e' come cambiare ogni giorno i mobili di
      casaNon c'è bisogno di avere coordinamenti di quel tipo, perché tanto la distro di riferimento è sempre la stessa: Ubuntu.La stessa distro che tra l'altro sta diventando una costante nel cloud.Semmai quello che c'è bisogno oggi è che le distro mainstream comincino a pensare di ridurre la loro influenza sullo stack applicativo e si dedichino al solo sistema operativo e alle infrastrutture che ospiteranno le applicazioni terze.Questo perché il sistema di pacchettizzazione attuale sta arrivando al suo capolinea, in quanto crea non pochi problemi quando si parla di piattaforme interpretate e quando si parla di runtime.L'invadenza dei packager infatti porta alla distribuzione nei repository di moduli spesso non mantenuti che vanno in conflitto con le versioni in upstream presenti nei portali. E questo ha trovato grossi riscontri su Ruby, che ricordo si scontrò con Debian proprio per questo.Senza contare che la pratica di unificare lo strato applicativo a quello del sistema sotto un unico runtime in nome di una più rapida esecuzione e maggiore scalabilità si sta rivelando per quello che è: un castello di carte che è andato bene vent'anni fa, quando i software avevano tre dipendenze, ma che oggi sta portando a situazioni a dir poco spiacevoli.L'ultima è stata la lamentela di AlienBOB riguardo HandBrake e GTK+3.Tuttavia nessuno sta rimanendo a guardare.Vedasi infatti Red Hat che sta cercando con le XDG-APP di cambiare il modello di deploy unendo la filosofia dei bundle di OSX con la condivisione del runtime di Linux/UNIX.Questo lato desktop, naturalmente.Lato server/IoT invece ci si sta più orientando verso stack containerizzati come Atomic/Docker e LXD/Snappy, con il primo orientato ad avere BTRFS in backend ed il secondo ZFS.Insomma di acqua in pentola ne bolle parecchia.Bisogna solo aspettare e vedere come si evolverà la situazione.Ma di sicuro c'è che Windows non è più una soluzione viabile a lungo termine.Non sta più evolvendo. Continua a basare il suo deploy su exe/msi che ormai hanno fatto il loro tempo, anziché orientarsi verso la creazione di canali centralizzati e sistemi di packaging moderni.Si era parlato dell'integrazione di un package manager su Windows 10, ma mi pare che alla fine sia rivelato un mero vaporware.Windows oggi ha senso giusto per tenere su in piedi roba legacy che necessita delle obsolete API Win32.
      • Etype scrive:
        Re: Casi cronici PC
        - Scritto da: peppino
        Veramente i Mac hanno una loro buona fetta di
        mercatoIn quale mondo parallelo ?
        e dispongono dei port di praticamente
        qualsiasi software professionale: dalla suite
        Adobe, ad AutoCAD e a VMware
        Fusion.Che a questo punto usano windows
        Senza contare che OSX è l'OS più gettonato tra le
        comunità Rails e Node, anche per via del fatto
        che offre DTrace. Cosa non da
        poco.
        Inoltre è usato anche da grandi ingegneri del
        calibro di Bryan
        Cantrill.
        Insomma, mica robetta, eh...L'ingegnere informatico può usare di tutto, in altri campi (a meno di esigenze specifiche) può usare un OS qualsiasi.
        Non c'è bisogno di avere coordinamenti di quel
        tipo, perché tanto la distro di riferimento è
        sempre la stessa:
        Ubuntu.Distro di riferimento a livello popolare, mica Linux=UbuntuPiù che altro quella di riferimento è Debian che è alla base di molte distro, come la stessa Ubuntu.
        • peppino scrive:
          Re: Casi cronici PC
          - Scritto da: Etype
          In quale mondo parallelo ?Ha il 10% del mercato, e non è mica poco.
          Che a questo punto usano windowsNon direi.Negli studi grafici OSX è ancora considerato il top perché Quartz è un ottimo display grafico.Nella tipografia idem, perché Quartz ha built-in un font-rendering meraviglioso basato su PDF, sulla scia del suo predeXXXXXre NeXTSTEP che usava il PostScript.Nell'ingegneria del suono pure perché CoreAudio è un grande stack, ben ingegnerizzato e ottimizzato per la produzione.Quartz e CoreAudio sono due delle grosse tecnologie che avrei tanto voluto su Linux; specialmente CoreAudio visto che ALSA è un mostro.Insomma, OSX non è perfetto, ma come tutti gli OS ha delle caratteristiche interessanti.Tra l'altro in molte università e centri di ricerca cominciano pure ad essere presenti. Ed io ne ho visti tanti nei luoghi in cui ho lavorato.L'ultima azienda in ordine di tempo aveva più Mac che PC. E non scherzo.Era quasi del tutto Windows-free e UNIX-oriented: con Linux lato server e OSX lato client.
          L'ingegnere informatico può usare di tutto, in
          altri campi (a meno di esigenze specifiche) può
          usare un OS
          qualsiasi.E chi ha detto il contrario?
          Distro di riferimento a livello popolare, mica
          Linux=UbuntuNon ho mica detto che Linux=Ubuntu.Ho detto che ormai Ubuntu è il target di riferimento quando si devono sviluppare soluzioni commerciali.Chiaramente si basa sulla sua popolarità, ma d'altronde è quello ciò che rende una piattaforma un target.
          Più che altro quella di riferimento è DebianOddio, non direi.Debian è più un backend. Una base solida su cui sviluppare soluzioni.Ma rimane sempre una base.
          • panda rossa scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: Etype

            In quale mondo parallelo ?
            Ha il 10% del mercato, e non è mica poco.


            Che a questo punto usano windows
            Non direi.
            Negli studi grafici OSX è ancora considerato il
            top perché Quartz è un ottimo display
            grafico.Studi grafici, centri estetici e gioiellerie non sono un target sighificativo.
            Nella tipografia idem, perché Quartz ha built-in
            un font-rendering meraviglioso basato su PDF,
            sulla scia del suo predeXXXXXre NeXTSTEP che
            usava il
            PostScript.Quindi e' solo questione di software, non di hardware ne' di sistema operativo.
            Nell'ingegneria del suono pure perché CoreAudio è
            un grande stack, ben ingegnerizzato e ottimizzato
            per la
            produzione.
            Quartz e CoreAudio sono due delle grosse
            tecnologie che avrei tanto voluto su Linux;
            specialmente CoreAudio visto che ALSA è un
            mostro.Se sono open, ci sono anche per linux.Se non sono open, alla larga!
            Insomma, OSX non è perfetto, ma come tutti gli OS
            ha delle caratteristiche
            interessanti.Boh.

            Tra l'altro in molte università e centri di
            ricerca cominciano pure ad essere presenti. Univesita' di che cosa?Informatica?Fisica?Matematica?oppure sociologia?
            Ed io
            ne ho visti tanti nei luoghi in cui ho
            lavorato.Io ne ho visti tanti nei posti dove sono stato in vacanza: in bella vista sul tavolo della reception.
            L'ultima azienda in ordine di tempo aveva più Mac
            che PC. E non
            scherzo.Sara' la apple.
            Era quasi del tutto Windows-free e UNIX-oriented:
            con Linux lato server e OSX lato
            client.Avranno dei sistemisti capaci e dei commerciali molto attenti al look.

            L'ingegnere informatico può usare di tutto,
            in

            altri campi (a meno di esigenze specifiche)
            può

            usare un OS

            qualsiasi.
            E chi ha detto il contrario?E se puo' usare qualsiasi OS e poi usa linux, facciamoci delle domande.
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: panda rossa
            Studi grafici, centri estetici e gioiellerie non
            sono un target
            sighificativo.Beh, insomma, se sei una software house come Adobe sì, considerando che gli studi grafici sono il suo settore principale. :)
            Quindi e' solo questione di software, non di
            hardware ne' di sistema
            operativo.Huh?Quartz è il display grafico di OSX, non un software terzo.
            Se sono open, ci sono anche per linux.
            Se non sono open, alla larga!No, non sono Open Source, purtroppo.
            Boh.Beh, Quartz e CoreAudio sono giusto due.In realtà ci sarebbe anche la loro idea di bundle, anche se naturalmente oggi ha caratteristiche obsolete (metadati in XML, per dirtene una).Però l'idea in sé, che è nata su NeXTSTEP, è assai valida nel settore desktop.E difatti su Linux la si sta studiando per implementarla in maniera analoga, ma con tecnologie un po' più moderne.Oppure il sandboxing delle applicazioni lato desktop, che è una idea interessante che da noi potrebbe essere addirittura potenziata con i namespace, i cgroup e systemd-container.Fino ad oggi noi abbiamo tentato senza sucXXXXX di usare soluzioni come AppArmor/SELinux, che sul desktop sono decisamente eccessive e troppo invasive.
            Univesita' di che cosa?
            Informatica?
            Fisica?
            Matematica?

            oppure sociologia?Facoltà di Ingegneria Informatica.Il server è Debian 6 ed i client iMac con Yosemite.
            Sara' la apple.No no, non era la Apple.
            Avranno dei sistemisti capaci e dei commerciali
            molto attenti al
            look.Forse è così, però intanto c'erano e tutto funzionava. Avevano un'infrastruttura completamente UNIX e tutto sommato si stava bene.E alla fine è quello che conta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: panda rossa

            Studi grafici, centri estetici e gioiellerie
            non

            sono un target

            sighificativo.
            Beh, insomma, se sei una software house come
            Adobe sì, considerando che gli studi grafici sono
            il suo settore principale.
            :)Adobe sta all'informatica come l'ebola sta alla medicina.


            Quindi e' solo questione di software, non di

            hardware ne' di sistema

            operativo.
            Huh?
            Quartz è il display grafico di OSX, non un
            software
            terzo.Scusa se non ho mai giocato col sapientino clementoni.

            Se sono open, ci sono anche per linux.

            Se non sono open, alla larga!
            No, non sono Open Source, purtroppo.E allora alla larga!

            Boh.
            Beh, Quartz e CoreAudio sono giusto due.
            In realtà ci sarebbe anche la loro idea di
            bundle, anche se naturalmente oggi ha
            caratteristiche obsolete (metadati in XML, per
            dirtene
            una).
            Però l'idea in sé, che è nata su NeXTSTEP, è
            assai valida nel settore
            desktop.
            E difatti su Linux la si sta studiando per
            implementarla in maniera analoga, ma con
            tecnologie un po' più
            moderne.

            Oppure il sandboxing delle applicazioni lato
            desktop, che è una idea interessante che da noi
            potrebbe essere addirittura potenziata con i
            namespace, i cgroup e
            systemd-container.

            Fino ad oggi noi abbiamo tentato senza sucXXXXX
            di usare soluzioni come AppArmor/SELinux, che sul
            desktop sono decisamente eccessive e troppo
            invasive.Non ci sara' mai stata necessita'.

            Univesita' di che cosa?

            Informatica?

            Fisica?

            Matematica?



            oppure sociologia?
            Facoltà di Ingegneria Informatica.
            Il server è Debian 6 ed i client iMac con
            Yosemite.Ah ecco. Il server e' Debian.

            Sara' la apple.
            No no, non era la Apple.


            Avranno dei sistemisti capaci e dei
            commerciali

            molto attenti al

            look.
            Forse è così, però intanto c'erano e tutto
            funzionava. Avevano un'infrastruttura
            completamente UNIX e tutto sommato si stava
            bene.
            E alla fine è quello che conta.No windows, no bsod!
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: panda rossa
            Scusa se non ho mai giocato col sapientino
            clementoni.Non ti sto mica criticando, eh.Stavo solo discutendo in maniera pacata.
            Non ci sara' mai stata necessita'.In realtà non è proprio così.La necessità c'è ed infatti stanno studiando le soluzioni.Diciamo che il problema è più infrastrutturale, panda rossa.Molti problemi di frammentazione di Linux sarebbero risolvibili riducendo il numero di dipendenze necessarie, staticizzandole nel binario o distribuendole insieme ad esso.Tuttavia ci si è sempre scontrati con l'idea che avere una sola libreria nel sistema sia una soluzione migliore perché riduce i duplicati.Cosa che per carità è giusta e reale, ma che introduce il problema che ogni libreria diventa single-point-of-failure, ovvero diventa determinante al punto tale che se tolta o modificata cade tutto il sistema.E quando questo single-point-of-failure lo estendi anche nello strato applicativo allora la situazione diventa critica, perché ti obbliga a tenere bloccate le versioni di un software, poiché per poterlo aggiornare dovresti ricorre ad artifici come il cambiare le flag -L e -R a GNU ld oppure andare di <b
            LD_LIBRARY_PATH </b
            (:'().Questo Red Hat lo sta risolvendo nelle XDG-APP che permettono di creare bundle che possono condividere parte del runtime con altri bundle quando necessario, permettendo così di risparmiare spazio su disco (proprio come con i vecchi pacchetti) ma al contempo di poter installare applicazioni più recenti su distribuzioni più datate (come le LTS), dando così agli utenti di avere un core stabile e sicuro ma con uno stack applicativo non obsoleto.Senza contare che oggi, con l'avvento di BTRFS, potremmo pure pensare di risolvere il problema a livello di blocchi del file system tramite deduplicazione.Diciamo che se fino ad oggi non si è fatto nulla è perché mancavano le tecnologie.
            Ah ecco. Il server e' Debian.Naturalmente.Non penso ci siano scemi che usino OSX lato server.Finché si parla di workstation, ok. Ma lato server è da sciocchi e basta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: panda rossa

            Scusa se non ho mai giocato col sapientino

            clementoni.
            Non ti sto mica criticando, eh.
            Stavo solo discutendo in maniera pacata.Non l'ho mica presa come una critica.Mi hai fatto notare che quel coso che hai nominato e' una applicazione di sistema, e io a mia discolpa ho detto che non lo sapevo.

            Non ci sara' mai stata necessita'.
            In realtà non è proprio così.
            La necessità c'è ed infatti stanno studiando le
            soluzioni.

            Diciamo che il problema è più infrastrutturale,
            panda
            rossa.
            Molti problemi di frammentazione di Linux
            sarebbero risolvibili riducendo il numero di
            dipendenze necessarie, staticizzandole nel
            binario o distribuendole insieme ad
            esso.Non capisco che bisogno c'e'.Le dipendenze vengono risolte dal gestore di pacchetti.La filosofia dell'installa tutto e lascia tutto attivo e' tipica di M$, non certo del mondo linux.
            Tuttavia ci si è sempre scontrati con l'idea che
            avere una sola libreria nel sistema sia una
            soluzione migliore perché riduce i
            duplicati.Certo che e' migliore. Riduce i duplicati.
            Cosa che per carità è giusta e reale, ma che
            introduce il problema che ogni libreria diventa
            single-point-of-failure, ovvero diventa
            determinante al punto tale che se tolta o
            modificata cade tutto il
            sistema.Se hai N copie della stessa libreria che cosa cambia?
            E quando questo single-point-of-failure lo
            estendi anche nello strato applicativo allora la
            situazione diventa critica, perché ti obbliga a
            tenere bloccate le versioni di un software,
            poiché per poterlo aggiornare dovresti ricorre ad
            artifici come il cambiare le flag -L e -R a GNU
            ld oppure andare di <b
            LD_LIBRARY_PATH
            </b

            (:'().Oppure mantieni la retrocompatibilita' nello strato applicativo che diventa middleware.Un software che gira con la versione N di una libreria ma non gira con la versione N+1 non puo' essere condiserato un buon software.
            Questo Red Hat lo sta risolvendo nelle XDG-APP
            che permettono di creare bundle che possono
            condividere parte del runtime con altri bundle
            quando necessario, permettendo così di
            risparmiare spazio su disco (proprio come con i
            vecchi pacchetti) ma al contempo di poter
            installare applicazioni più recenti su
            distribuzioni più datate (come le LTS), dando
            così agli utenti di avere un core stabile e
            sicuro ma con uno stack applicativo non
            obsoleto.

            Senza contare che oggi, con l'avvento di BTRFS,
            potremmo pure pensare di risolvere il problema a
            livello di blocchi del file system tramite
            deduplicazione.

            Diciamo che se fino ad oggi non si è fatto nulla
            è perché mancavano le
            tecnologie.Non credo. Io queste cose le sento da anni.Saranno state solo sperimentali, ma come tecnologia c'erano gia' una decina d'anni fa.

            Ah ecco. Il server e' Debian.
            Naturalmente.
            Non penso ci siano scemi che usino OSX lato
            server.Abbiamo qui nel forum gente che ha proposto una soluzione del genere ai suoi clienti! Immagina un po' che gentaglia c'e' in giro che abusa cosi' dell'ignoranza dei propri clienti!
            Finché si parla di workstation, ok. Ma lato
            server è da sciocchi e
            basta.Anche peggio che sciocchi. Ci possono essere pure risvolti penali se i dati del server non vengono gestiti con la sicurezza a norma di legge.
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: panda rossa
            Non capisco che bisogno c'e'.
            Le dipendenze vengono risolte dal gestore di
            pacchetti.
            La filosofia dell'installa tutto e lascia tutto
            attivo e' tipica di M$, non certo del mondo
            linux.Perché il modello attuale è valido solo in un'infrastruttura che condivide sempre e comunque lo stesso runtime di base.Cosa praticamente impossibile da ottenere, dato che oggi molti software possono richiedere versioni superiori delle librerie.Questa cosa si pensò in un primo momento di risolverla con i repository di terze parti, ma alla fine si sono ritrovati con più instabilità che benefici, in quanto in molti casi andando a sostituire le librerie di sistema con quelle distribuite nel repository terzo hanno destabilizzato il tutto.Attualmente una soluzione di mezzo l'ha trovata il progetto Nix.Tuttavia il loro approccio è troppo orientato alla programmazione funzionale, e sinceramente non mi piace.L'approccio scelto da Canonical sui pacchetti Snappy è più pulito.Compila come vuoi e tutto viene gestito internamente da un manifest in YAML.Quello di Red Hat è un po' più complesso perché include degli hash per il runtime che viene distribuito con le app, che in caso corrisponda ad un altro runtime di un altro bundle, viene automaticamente condiviso tramite hardlink.
            Certo che e' migliore. Riduce i duplicati.Sì, ma a scapito della flessibilità a lungo termine e della solidità dell'infrastruttura.Un'architettura orientata basata sul un single point of failure non sarà mai affidabile come un'architettura ridondante.
            Se hai N copie della stessa libreria che cosa
            cambia?Mettiamola così: <b
            Situazione attuale. </b
            Oggi abbiamo i software pippo e pluto che hanno entrambi come dipendenza libpaperino.Tutti e tre ci sono nel repository, tuttavia pippo non è all'ultima versione disponibile. Perché?Perché la nuova versione di pippo richiede una versione superiore di libpaperino.Ma libpaperino è ferma alla versione decisa in fase di feature freeze della distribuzione e non la si può aggiornare, a causa del fatto che se lo si facesse si romperebbe la compatibilità non solo con pippo ma con tutti gli altri software, che non è detto possano linkare la nuova versione di libpaperino (a causa di cambi di API).Come si risolve? Uno potrebbe dire: ok, pacchettizza libpaperino e falla convivere con l'altra versione.Ma questo non è sempre possibile, a causa del fatto che non sempre il versioning presente nel file name cambi. Anzi, a volte è capitato che rimanesse fermo, oppure che non esistesse proprio in quanto non si faceva uso di libtool a livello di sorgente.La soluzione più pulita è metti la nuova versione di libpaperino in un percorso alternativo in modo da non farla entrare in conflitto con quella installata e poi compila la nuova versione di pippo cambiando i flag del linker per fargli pescare la versione nuova della libreria.Che poi è lo stesso trucchetto usato dai ports di FreeBSD quando devono aggiornare una libreria dipendente e da FreeBSD stesso quando mette a disposizione il runtime della versione precedente.Tuttavia gli stessi sviluppatori di FreeBSD dicono di non abusare della funzionalità perché può confondere il linker e il loader e di usarla solo come ultima spiaggia, qualora non si potesse tecnicamente ricompilare.Ora, FreeBSD è un ottimo sistema operativo. Ma è un sistema lato server.E lato server il problema non sussiste.Il problema infatti sussiste lato desktop, laddove il lock-in delle versioni dei software è un problema.Persino nel mondo FreeBSD se ne sono accorti ed infatti su PC-BSD hanno inventato i PBI. <b
            Modello XDG-APP </b
            Pippo e Paperino sono due bundle differenti presenti nel repository.Entrambi hanno una copia del loro runtime di base che in principio è lo stesso in quanto le ultime versioni richiedono la stessa versione di libpaperino.Tu installi entrambi, tuttavia per evitare duplicati libpaperino viene hardlinkata nel bundle del secondo arrivato.In questa maniera hai ottenuto lo stesso beneficio del vecchio modello, ma con il vantaggio di avere una libpaperino differente da quella usata nel sistema, che potrà rimanere ad una versione più vecchia perché mantenuta in fase di sviluppo del sistema operativo.Nel frattempo esce una nuova versione di pippo e l'attuale libpaperino deve essere aggiornata.Nel nuovo bundle è presente anche la nuova versione. Una volta finito l'aggiornamento: cosa succede?Essendo che pluto aveva hardlinkato la versione vecchia inclusa nel bundle di pippo, continuerà comunque a funzionare in quanto l'hardlink in caso di rimozione del file di origine trasforma il link in una vera e propria copia, a differenza del symlink che sarebbe diventato broken.
            Oppure mantieni la retrocompatibilita' nello
            strato applicativo che diventa
            middleware.No, te l'ho scritto sopra riguardo FreeBSD: non è un metodo sicuro.Senza contare che rischi di creare un altro mostro in stile WinSxS, che fa appunto la stessa cosa che proponi tu.
            Un software che gira con la versione N di una
            libreria ma non gira con la versione N+1 non puo'
            essere condiserato un buon
            software.Beh, non è detto.Una major release di un software può decidere di aggiornare le API necessarie per funzionare. E questo vale in particolar modo quando la si è deprecata.In una major release di un software si può decidere di smettere di fare uso di API deprecate ed imporre l'aggiornamento ad una versione più recente della libreria.D'altronde si chiama major release proprio per quello.
            Non credo. Io queste cose le sento da anni.
            Saranno state solo sperimentali, ma come
            tecnologia c'erano gia' una decina d'anni
            fa.Ed il fatto che le si sente da anni è proprio la dimostrazione che il problema è sentito da un sacco di tempo.Sul fatto delle tecnologie, dipende.La deduplicazione a livello di file system la puoi fare giusto con FS come ZFS e BTRFS.E 10 anni fa c'era solo il primo, ma non su Linux. BTRFS da noi è diventato maturo solo da poco tempo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: panda rossa

            Non capisco che bisogno c'e'.

            Le dipendenze vengono risolte dal gestore di

            pacchetti.

            La filosofia dell'installa tutto e lascia
            tutto

            attivo e' tipica di M$, non certo del mondo

            linux.
            Perché il modello attuale è valido solo in
            un'infrastruttura che condivide sempre e comunque
            lo stesso runtime di
            base.
            Cosa praticamente impossibile da ottenere, dato
            che oggi molti software possono richiedere
            versioni superiori delle
            librerie.Le versioni superiori delle librerie migliorano, correggono, ottimizzano, ma non cambiano mica il paradigma.Se io scrivo la mia applicazione utilizzando la libreria pippo.1.0 che contiene la funzioneint pippo(int a, int b);quando si arrivera' alla libreria pippo.5.0 ci deve ancora essere la funzioneint pippo(int a, int b);Se le cose vengono fatte bene, non c'e' problema.
            L'approccio scelto da Canonical sui pacchetti
            Snappy è più
            pulito.
            Compila come vuoi e tutto viene gestito
            internamente da un manifest in
            YAML.

            Quello di Red Hat è un po' più complesso perché
            include degli hash per il runtime che viene
            distribuito con le app, che in caso corrisponda
            ad un altro runtime di un altro bundle, viene
            automaticamente condiviso tramite
            hardlink.


            Certo che e' migliore. Riduce i duplicati.
            Sì, ma a scapito della flessibilità a lungo
            termine e della solidità
            dell'infrastruttura.
            Un'architettura orientata basata sul un single
            point of failure non sarà mai affidabile come
            un'architettura
            ridondante.Non c'e' dubbio.Ma nel caso di una libreira, l'eventuale failure sara' in uno dei suoi moduli.Quando correggono il modulo, aggiornano la libreria, e l'unico point-of-failure diventa unica correzione che sistema tutto.

            Se hai N copie della stessa libreria che cosa

            cambia?
            Mettiamola così:
            <b
            Situazione attuale. </b

            Oggi abbiamo i software pippo e pluto che hanno
            entrambi come dipendenza
            libpaperino.
            Tutti e tre ci sono nel repository, tuttavia
            pippo non è all'ultima versione disponibile.
            Perché?
            Perché la nuova versione di pippo richiede una
            versione superiore di
            libpaperino.
            Ma libpaperino è ferma alla versione decisa in
            fase di feature freeze della distribuzione e non
            la si può aggiornare, a causa del fatto che se lo
            si facesse si romperebbe la compatibilità non
            solo con pippo ma con tutti gli altri software,
            che non è detto possano linkare la nuova versione
            di libpaperino (a causa di cambi di
            API).Ecco il problema, i cambi di API.Non si cambiano le API!!!
            Come si risolve? Uno potrebbe dire: ok,
            pacchettizza libpaperino e falla convivere con
            l'altra
            versione.
            Ma questo non è sempre possibile, a causa del
            fatto che non sempre il versioning presente nel
            file name cambi. Anzi, a volte è capitato che
            rimanesse fermo, oppure che non esistesse proprio
            in quanto non si faceva uso di libtool a livello
            di sorgente.Tutto questo e' sintomo di cialtroneria in qualche punto della catena.
            La soluzione più pulita è metti la nuova versione
            di libpaperino in un percorso alternativo in modo
            da non farla entrare in conflitto con quella
            installata e poi compila la nuova versione di
            pippo cambiando i flag del linker per fargli
            pescare la versione nuova della
            libreria.La soluzione piu' pulita e' non modificare le API nella libpaperino.
            Che poi è lo stesso trucchetto usato dai ports di
            FreeBSD quando devono aggiornare una libreria
            dipendente e da FreeBSD stesso quando mette a
            disposizione il runtime della versione
            precedente.
            Tuttavia gli stessi sviluppatori di FreeBSD
            dicono di non abusare della funzionalità perché
            può confondere il linker e il loader e di usarla
            solo come ultima spiaggia, qualora non si potesse
            tecnicamente
            ricompilare.

            Ora, FreeBSD è un ottimo sistema operativo. Ma è
            un sistema lato
            server.
            E lato server il problema non sussiste.
            Il problema infatti sussiste lato desktop,
            laddove il lock-in delle versioni dei software è
            un problema.Il lock-in e' un problema a prescindere da questa questione delle dipendenze.
            Persino nel mondo FreeBSD se ne sono accorti ed
            infatti su PC-BSD hanno inventato i
            PBI.

            <b
            Modello XDG-APP </b

            Pippo e Paperino sono due bundle differenti
            presenti nel
            repository.
            Entrambi hanno una copia del loro runtime di base
            che in principio è lo stesso in quanto le ultime
            versioni richiedono la stessa versione di
            libpaperino.
            Tu installi entrambi, tuttavia per evitare
            duplicati libpaperino viene hardlinkata nel
            bundle del secondo
            arrivato.
            In questa maniera hai ottenuto lo stesso
            beneficio del vecchio modello, ma con il
            vantaggio di avere una libpaperino differente da
            quella usata nel sistema, che potrà rimanere ad
            una versione più vecchia perché mantenuta in fase
            di sviluppo del sistema
            operativo.

            Nel frattempo esce una nuova versione di pippo e
            l'attuale libpaperino deve essere
            aggiornata.
            Nel nuovo bundle è presente anche la nuova
            versione. Una volta finito l'aggiornamento: cosa
            succede?
            Essendo che pluto aveva hardlinkato la versione
            vecchia inclusa nel bundle di pippo, continuerà
            comunque a funzionare in quanto l'hardlink in
            caso di rimozione del file di origine trasforma
            il link in una vera e propria copia, a differenza
            del symlink che sarebbe diventato
            broken.Giova ricordare che l'hardlink e' una caratteristica di tutti i filesystem non utilizzati dal sistema operativo giocattolo.

            Un software che gira con la versione N di una

            libreria ma non gira con la versione N+1 non
            puo'

            essere condiserato un buon

            software.
            Beh, non è detto.
            Una major release di un software può decidere di
            aggiornare le API necessarie per funzionare. E
            questo vale in particolar modo quando la si è
            deprecata.Quando hai deprecato, imponi una funzione CON UN ALTRO NOME!!!, e quella deprecata non la togli.
            In una major release di un software si può
            decidere di smettere di fare uso di API deprecate
            ed imporre l'aggiornamento ad una versione più
            recente della
            libreria.E il gestore di pacchetti si occupera' di aggiornare la libreria contestualmente all'applicazione da essa dipendente.
            D'altronde si chiama major release proprio per
            quello.Va bene. Se installi l'applicazione 2.0 questa installera' la libreria 2.0, ma l'altro software che usa la stessa libreria, diventata 2.0 non puo' smettere di funzionare. Vuol dire che la libreria 2.0 non e' piu' compatibile con la 1.0
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: panda rossa
            Le versioni superiori delle librerie migliorano,
            correggono, ottimizzano, ma non cambiano mica il
            paradigma.
            Se io scrivo la mia applicazione utilizzando la
            libreria pippo.1.0 che contiene la
            funzione
            int pippo(int a, int b);
            quando si arrivera' alla libreria pippo.5.0 ci
            deve ancora essere la
            funzione
            int pippo(int a, int b);

            Se le cose vengono fatte bene, non c'e' problema.Questo è come dovrebbe essere sulla carta, ma che all'atto pratico non è.Hai ragione in teoria, ma non nella pratica.
            Non c'e' dubbio.
            Ma nel caso di una libreira, l'eventuale failure
            sara' in uno dei suoi
            moduli.
            Quando correggono il modulo, aggiornano la
            libreria, e l'unico point-of-failure diventa
            unica correzione che sistema
            tutto.Sì, ma il problema è che il modulo non lo puoi correggere perché se un software usa una versione superiore delle API l'unico modo per risolvere è aggiornare la libreria e ricompilare tutto lo stack che dipende da essa, sperando che le vecchie API - seppur deprecate - siano presenti.Altrimenti devi per forza di cose installarla in un altro percorso e giocare di linker.Cosa che si dovrebbe comunque evitare.
            Ecco il problema, i cambi di API.
            Non si cambiano le API!!!Eh, vaglielo a dire agli sviluppatori di software.Soprattutto a quelli di GNOME che le cambiano ogni sei mesi asserendo frasi del tipo: "noi non abbiamo mai garantito la stabilità delle API".
            Tutto questo e' sintomo di cialtroneria in
            qualche punto della
            catena.E sono d'accordo.Ma ignorare il problema dicendo "non mi riguarda" non risolve.L'abbiamo fatto per anni e con risultati assurdi del tipo "se vuoi aggiornare l'applicazione devi aggiornare il sistema operativo".
            La soluzione piu' pulita e' non modificare le API
            nella
            libpaperino.E sono d'accordo, ma è una situazione irreale.
            Il lock-in e' un problema a prescindere da questa
            questione delle
            dipendenze.Vero, ma ne è accentuato.
            Quando hai deprecato, imponi una funzione CON UN
            ALTRO NOME!!!, e quella deprecata non la togli.Di nuovo: sono d'accordo con te.Ma questo vale solo sulla carta. All'atto pratico non funziona così, perché nessuno vuole mantenere doppie-triple API.Deprecano ed eliminano.Sono d'accordo che è sbagliato ma non ci possiamo fare nulla.
            E il gestore di pacchetti si occupera'
            di aggiornare la libreria contestualmente
            all'applicazione da essa dipendente.Sì, ma lo fa a scapito di tutto il resto che usa ancora la vecchia libreria.Te l'ho già detto: questo succede con i repository di terze parti, che infatti hanno per anni destabilizzato le distro Linux.Vedasi quel cancro di PPA su Ubuntu.
            Va bene. Se installi l'applicazione 2.0
            questa installera' la libreria 2.0,
            ma l'altro software che usa la stessa libreria,
            diventata 2.0 non puo' smettere di funzionare.
            Vuol dire che la libreria 2.0 non e' piu'
            compatibile con la 1.0Esatto. La 2.0 non è retrocompatibile con la 1.0.Perciò tutti i software che facevano capo alla 1.0 smetteranno di funzionare, a meno che non permetta una installazione multipla.Tuttavia, non lo si può fare in maniera generale perché spesso crea problemi ai linker e ai loader, perciò la soluzione migliore è fornirle in bundle, in modo che il loader/linker non le vedono mai, se non quando si chiama il software che le usa.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            Ingegneria informatica il cui parco macchine è costituito da Mac ?Evviva lo spreco di soldi per qualcosa che potevano fare benissimo con 1/3 della cifra.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Ingegneria informatica il cui parco macchine è
            costituito da Mac
            ?

            Evviva lo spreco di soldi per qualcosa che
            potevano fare benissimo con 1/3 della
            cifra.Pensa, vuol dire che il tuo bidonux fa talmente schifo che nemmeno i reparti di informatica lo vogliono.Non che ci fosse bisogno di ulteriori conferme, dato che lo stare all'1% da vent'anni è una più che adeguata dimostrazione.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: Etype

            In quale mondo parallelo ?
            Ha il 10% del mercato, e non è mica poco.Ma se non arriva al 6% :D

            Che a questo punto usano windows
            Non direi.
            Negli studi grafici OSX è ancora considerato il
            top perché Quartz è un ottimo display
            grafico.Considerato su quale base ? Perché chi lo usava pensava che era il massimo ? :DQuelli che ho visto io erano tutti Windows centrici con le suite di Adobe complete, nessuno si lamentava.
            Nella tipografia idem, perché Quartz ha built-in
            un font-rendering meraviglioso basato su PDF,
            sulla scia del suo predeXXXXXre NeXTSTEP che
            usava il
            PostScript.Come sopra...
            Nell'ingegneria del suono pure perché CoreAudio è
            un grande stack, ben ingegnerizzato e ottimizzato
            per la
            produzione.
            Quartz e CoreAudio sono due delle grosse
            tecnologie che avrei tanto voluto su Linux;
            specialmente CoreAudio visto che ALSA è un
            mostro.Come sopra...
            Insomma, OSX non è perfetto, ma come tutti gli OS
            ha delle caratteristiche
            interessanti.No, è inutile.
            Tra l'altro in molte università e centri di
            ricerca cominciano pure ad essere presenti. Ed io
            ne ho visti tanti nei luoghi in cui ho
            lavorato.Evidentemente non erano informatici, non c'è alcuna ragione di preferire un Mac ad un PC.
            Era quasi del tutto Windows-free e UNIX-oriented:
            con Linux lato server e OSX lato
            client.Ma quella è una scelta aziendale, mica significa che tutte le aziende del mondo fanno la stessa cosa.
            E chi ha detto il contrario?Se tu dici che è la soluzione preferita da ingegneri famosi.

            Più che altro quella di riferimento è Debian
            Oddio, non direi.
            Debian è più un backend. Una base solida su cui
            sviluppare
            soluzioni.
            Ma rimane sempre una base.Ci sarà un motivo per cui viene definito OS universale, lo stesso Ubuntu si basa su Debian, ce ne sono di distro che fanno la stessa cosa.
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            No, è inutile.Quindi per te l'unico sistema operativo che ha tecnologie interessanti è Linux?
            Se tu dici che è la soluzione preferita da
            ingegneri
            famosi.Ed infatti è così.Alcuni grandi ingegneri scelgono Mac OS X come piattaforma di lavoro.
            Ci sarà un motivo per cui viene definito OS
            universale, lo stesso Ubuntu si basa su Debian,
            ce ne sono di distro che fanno la stessa
            cosa.Appunto. Hai detto bene: si basano.Stai confermando ciò che ti ho detto: è un'ottima base. Ma sempre una base.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            Quindi per te l'unico sistema operativo che ha
            tecnologie interessanti è
            Linux?No,ma di certo non lo è un OS che si può installare su un solo computer ,dal prezzo gonfiato ,altamente castrato e che richiede persino più risorse di Windows.Oltre a Linux/Unix seguo tanti piccolo progetti sconosciuti ai più, ReactOS,KolibriOS,il sucXXXXXre di AmigaOS,ecc
            Ed infatti è così.
            Alcuni grandi ingegneri scelgono Mac OS X come
            piattaforma di
            lavoro.Quei grandi ingegneri potrebbero lavorare su un computer qualsiasi senza trovare alcuna differenza per il loro lavoro. Sono loro che si autoconvincono che è la soluzione migliore ;)
            Stai confermando ciò che ti ho detto: è un'ottima
            base. Ma sempre una
            base.Ma anche se stai usando Ubuntu indirettamente stai usando Debian.Ubuntu sicuramente è la più diffusa tra le friendly popolari,dal punto di vista lavorativo però non so quanto viene usata tal quale.Debian è molto più versatile, la puoi usare come desktop,come server, alcuni ci fanno un NAS,ecc
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            No,ma di certo non lo è un OS che si può
            installare su un solo computer ,dal prezzo
            gonfiato ,altamente castrato e che richiede
            persino più risorse di
            Windows.
            Oltre a Linux/Unix seguo tanti piccolo progetti
            sconosciuti ai più, ReactOS,KolibriOS,il
            sucXXXXXre di
            AmigaOS,eccE sono tutti progetti interessanti, ma questo non vuole dire che anche gli OS più mainstream non abbiano qualche caratteristica degna di nota.Come ho detto: su OSX ci sono CoreAudio e Quartz.E magari li avessimo potuti avere su Linux, così almeno avremmo deprecato in blocco ALSA, Pango, Cairo, fontconfig e freetype2.Anche se già mandare in pensione il solo ALSA sarebbe stato decisamente meglio per tutti.Su OSX di buono ci sarebbe pure Grand Central Dispatch che come API non è niente male e che è stata pure portata su FreeBSD. C'era pure un progetto per portarla su Linux e Solaris.
            Quei grandi ingegneri potrebbero lavorare su un
            computer qualsiasi senza trovare alcuna
            differenza per il loro lavoro. Sono loro che si
            autoconvincono che è la soluzione miglioreNon su un computer qualsiasi.Bryan Cantrill, per esempio, non lavorerebbe su Linux nemmeno se lo pagassero in oro.Pensa, non userebbe nemmeno illumos che lo sviluppa per il suo SmartOS, un OS-hypervisor veramente eccellente.Lui è passato diretto da OpenSolaris a Mac OS X, in quanto dopo il primo è l'unico OS lato workstation ad offrire un'ottima implementazione di DTrace.
            Ubuntu sicuramente è la più diffusa tra le
            friendly popolari,dal punto di vista lavorativo
            però non so quanto viene usata tal
            quale.Caspita, è la distro numero 1 sul cloud.OpenStack è praticamente dominato da Ubuntu. Azure pure. AWS idem.Ubuntu negli ultimi anni è diventata una distro talmente rilevante che sta facendo le scarpe a Red Hat in molti contesti ed ha persino mandato in pensione SUSE.Juju, nota caratteristica di Ubuntu Server, è stato molto elogiato in quanto considerata una soluzione assai innovativa.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            E sono tutti progetti interessanti, ma questo non
            vuole dire che anche gli OS più mainstream non
            abbiano qualche caratteristica degna di
            nota.Sono tutti progetti che puoi installare su qualsiasi PC se vuoi smanettarci, non mi devo comprare appositamente un nuovo hardware castrato per provarli, scusa se è poco.
            Come ho detto: su OSX ci sono CoreAudio e Quartz.
            E magari li avessimo potuti avere su Linux, così
            almeno avremmo deprecato in blocco ALSA, Pango,
            Cairo, fontconfig e
            freetype2.OSX è un bloatware inefficiente e ridicolo,fortemente di impronta commerciale.Se voglio qualcosa di diverso da Linux ma "famoso" mi installo FreeBSD e cloni.
            Anche se già mandare in pensione il solo ALSA
            sarebbe stato decisamente meglio per
            tutti.Perché che ti sta facendo ALSA ?
            Su OSX di buono ci sarebbe pure Grand Central
            Dispatch che come API non è niente male e che è
            stata pure portata su FreeBSD. C'era pure un
            progetto per portarla su Linux e
            Solaris.L'unica cosa di buono di OSX è che è sempre stato snobbato dall'informatica e infatti relegato a macchine che nessuno si è mai filato.
            Non su un computer qualsiasi.
            Bryan Cantrill, per esempio, non lavorerebbe su
            Linux nemmeno se lo pagassero in
            oro.Sua limitazione...
            Pensa, non userebbe nemmeno illumos che lo
            sviluppa per il suo SmartOS, un OS-hypervisor
            veramente
            eccellente.Come sopra. Poi perché lo prendi ad esempio ?Mica per il fatto che non lo fa lui il resto del mondo è idiota !
            Caspita, è la distro numero 1 sul cloud.
            OpenStack è praticamente dominato da Ubuntu.
            Azure pure. AWS
            idem.Cioè Ms ha scelto una distro fiendly, un po' buffo non credi ? :D
            Ubuntu negli ultimi anni è diventata una distro
            talmente rilevante che sta facendo le scarpe a
            Red Hat in molti contesti ed ha persino mandato
            in pensione
            SUSE.Non è mai stata la mia preferita,ogni tanto scarico qualche nuova versione giusto per vedere che modifiche hanno fatto,quindi per curiosità.Mi spiace però constatare che rispetto al passato sia ingrassata parecchio diventando un po'pesante.La ritengo buona per chi si avvicina la prima volta a Linux perché molto semplificata nella sua gestione e con tante procedure automatiche che tolgono all'utente l'incombenza di saperne di più.Se proprio mi devo sbilanciare però,pur essendo basata su Ubuntu, nella stessa categoria preferisco Mint.
            Juju, nota caratteristica di Ubuntu Server, è
            stato molto elogiato in quanto considerata una
            soluzione assai
            innovativa.Sarà innovativa quanto ti pare,ma a meno di piccoli progetti o per esperimenti Ubuntu Server non l'ho visto da nessuna parte...
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Perché che ti sta facendo ALSA ?Semplicemente è il più grande aborto che si sia mai visto sulla faccia della terra in termini di stack audio. Peggio di lui ha fatto solo quello di Windows XP, che infatti da Vista in poi è stato deprecato.OSSv4, che è usato su tutti i sistemi UNIX eccetto OSX e Linux, è di gran lunga superiore, anche se il suo handicap è l'avere problemi con i jack perché necessita di fix in upstream.ALSA è l'esatto esempio di come uno stack audio possa diventare over-engineered quando viene sbagliato nel design.Era partito con idee innovative, ma ha finito con l'essere un mostro troppo grande per essere in-kernel, ma al contempo troppo complesso e low-level per essere gestito correttamente in user-space.Un mostro talmente complesso che è pieno zeppo di hack per-scheda video e con bug che non vengono fixati perché c'è il rischio che un hack per una scheda rovini quello di un'altra, e che ha sbagliato completamente l'idea stessa di plugin in quanto non è realmente espandibile.ALSA non ha fatto qualcosa solo a me: semplicemente non troverai mai nessuno che conosca Linux e che ti dica che ALSA è un buon stack audio. Perché non lo è.
            Sua limitazione...No, motivi tecnici: DTrace su Linux non esiste.L'unica implementazione ce l'ha Oracle, mentre dtrace4linux è in alto mare e sviluppato da un solo tizio.Senza contare che uno che è stato ingegnere Solaris per anni non andrebbe mai sul pinguino per nessun motivo al mondo, dato che le ultime innovazioni da noi sono copie spesso non all'altezza delle controparti che loro avevano progettato bene anni fa.E questa, purtroppo, è una cosa su cui possiamo solo stare zitti e fare ammenda.
            Come sopra.illumos lato desktop è inusabile da quando non c'è più la SUN perché nessuno investe in quel settore, in quanto tutti coloro che lo sviluppano hanno interessi lato server.Ha ragione a non volerlo usare, senza contare che non penso che qualcuno gli possa dare lezioni su cosa usare dato che lui illumos lo sviluppa ed è uno dei leader.Senza contare che la pratica di non usare l'OS che si sviluppa non è poi così strana.FreeBSD per esempio è storicamente sviluppato in VM e macchine da test da gente che usa OS X, alcuni dei quali per giunta stipendiati da Apple.
            Poi perché lo prendi ad esempio ?
            Mica per il fatto che non lo fa lui il resto del
            mondo è idiotaAl contrario.Lo dico perché qui si dà per scontato che chi non usi Linux o usi OSX sia un idiota.E invece ti ho portato l'esempio di uno migliori ingegneri informatici di quest'epoca che invece ha scelto proprio quella piattaforma.
            Cioè Ms ha scelto una distro fiendly, un po'
            buffo non credi ?No, considerando che come ti ho detto è la distro cloud numero 1 ovunque.
            La ritengo buona per chi si avvicina la prima
            volta a Linux perché molto semplificata nella sua
            gestione e con tante procedure automatiche che
            tolgono all'utente l'incombenza di saperne di
            più.SUSE è morta dopo che l'ha presa Novell.YaST era decente sulla carta perché era simile allo SMIT di AIX, ma era scritto con un linguaggio (YCP) che definire pessimo è un eufemismo.Da qualche tempo lo stanno riscrivendo in Ruby, ma ormai la frittata è fatta.
            Se proprio mi devo sbilanciare però,pur essendo
            basata su Ubuntu, nella stessa categoria
            preferisco
            Mint.Mint? Per carità di Dio.L'ho sempre considerato il clone taroccato di Ubuntu, già a partire da una gestione lato-sviluppo veramente amatoriale.Fabio Erculiani con Sabayon ha fatto un lavoro talmente migliore che potrebbe far sedere il team di sviluppo di Mint e dargli lezioni.
            Sarà innovativa quanto ti pare,ma a meno di
            piccoli progetti o per esperimenti Ubuntu Server
            non l'ho visto da nessuna
            parte...Vai sui grandi server e su infrastrutture cloud e la trovi.Sul deploy di Ubuntu Server non si può scherzare più, ormai.
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            Un mostro talmente complesso che è pieno zeppo di
            hack per-scheda videoAudio, volevo dire.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            Semplicemente è il più grande aborto che si sia
            mai visto sulla faccia della terra in termini di
            stack audio. Peggio di lui ha fatto solo quello
            di Windows XP, che infatti da Vista in poi è
            stato
            deprecato.A me ALSA l'unico problema che mi dava un pò di anni fa è che non mi riconosceva completamente il volume della scheda audio, praticamente il suo 100% era il 50% di Windows. Ma avevo anche una scheda audio integrata della Cmedia.Dopo qualche mese con un aggiornamento è sparito il problemaPer Windows sinceramente ho visto un peggioramento.L'audio su XP non mi ha mai dato alcun problema e c'era una corrispondenza tra audio e un solo proXXXXX.Da Vista i processi audio sono 2, non proprio il massimo dell'efficienza per una funzione banale.
            ALSA non ha fatto qualcosa solo a me:
            semplicemente non troverai mai nessuno che
            conosca Linux e che ti dica che ALSA è un buon
            stack audio. Perché non lo
            è.Fa quello che deve fare
            Senza contare che uno che è stato ingegnere
            Solaris per anni non andrebbe mai sul pinguino
            per nessun motivo al mondo, dato che le ultime
            innovazioni da noi sono copie spesso non
            all'altezza delle controparti che loro avevano
            progettato bene anni
            fa.Chiunque sviluppi per un OS specifico tenderà ad usare quello, mi sembra abbastanza scontato. Un po' come un ingegnere Ms userà Windows, ci lavora.
            E questa, purtroppo, è una cosa su cui possiamo
            solo stare zitti e fare
            ammenda.Io non ho nulla da recriminare,semplicemente perché so benissimo che chi sviluppa in tale ambito sicuramente lo fa a tempo perso e con scarse risorse,inoltre si trova spesso a che fare con compromessi. Non ha dietro di se miliardi di dollari, non prende quote dal preinstallato venduto in maniera globale ne ha al suo interno una suddivisione in team ben pagati di centinaia di dipendenti come in Ms.Io questa cosa la tengo sempre presente, non posso avere la pretesa che tutto sia perfetto al primo colpo.Proprio per questo motivo reputo molto più grave una mancanza o un bug su Windows per esempio che non su Linux.
            Lo dico perché qui si dà per scontato che chi non
            usi Linux o usi OSX sia un
            idiota.Chiediti qual'è l'utente medio di Mac OS...
            E invece ti ho portato l'esempio di uno migliori
            ingegneri informatici di quest'epoca che invece
            ha scelto proprio quella
            piattaforma.Migliore secondo chi ?Un ingegnere aereonautico che conosco e che fa anche lezioni usa Mint sul portatile per esempio.

            Cioè Ms ha scelto una distro fiendly, un po'

            buffo non credi ?
            No, considerando che come ti ho detto è la distro
            cloud numero 1
            ovunque.Per il cloud non è mica necessario ubuntu, puoi usare anche altro.
            SUSE è morta dopo che l'ha presa Novell.
            YaST era decente sulla carta perché era simile
            allo SMIT di AIX, ma era scritto con un
            linguaggio (YCP) che definire pessimo è un
            eufemismo.
            Da qualche tempo lo stanno riscrivendo in Ruby,
            ma ormai la frittata è
            fatta.C'è la sua versione open e mi risulta attiva..
            Mint? Per carità di Dio.
            L'ho sempre considerato il clone taroccato di
            Ubuntu, già a partire da una gestione
            lato-sviluppo veramente
            amatoriale.Pur essendo una sua derivata sembra più il contrario, elegante,semplice,senza tanti fronzoli.
            Fabio Erculiani con Sabayon ha fatto un lavoro
            talmente migliore che potrebbe far sedere il team
            di sviluppo di Mint e dargli
            lezioni.Che però è basata su Gentoo,altra gran bella distro madre :)
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Fa quello che deve fareNo, è quello il problema: fa molto poco di quello che dovrebbe fare; e quel poco che fa, lo fa male.
            Io non ho nulla da recriminare,semplicemente
            perché so benissimo che chi sviluppa in tale
            ambito sicuramente lo fa a tempo perso e con
            scarse risorse,inoltre si trova spesso a che fare
            con compromessi.Questo era vero un tempo, oggi no.Su Linux girano molti più milioni di dollari di quanti la SUN ne investisse in Solaris.Gli ingegneri SUN lavoravano con risorse davvero esigue, testimonianza di Tim Foster.La cosa che ha contraddistinto SUN da molti ingegneri di Linux è stata la qualità e l'essere più aperti mentalmente.La comunità Linux spesso ha insultato SUN per le sue tecnologie, perché venivano definite markettate.ZFS è stato l'esempio pratico.Quando uscì venne chiamato rampant layer violation (perché integrava file system e volume manager) e operazione di marketing perché era stato progettato a 128-bit anziché 64-bit.SUN aveva intanto spiegato che il 128-bit non era marketing ma era un rendere ZFS pronto per le infrastrutture del futuro, ma questa cosa non è stata capita.Tuttavia c'era chi aveva capito quanto grandioso fosse ZFS ed uno di questi era Torvalds, che disse addirittura che avrebbe proposto il passaggio alla GPLv3 se OpenSolaris fosse stato rilasciato sotto tale licenza, in quanto ZFS e DTrace valevano questo ed altro.Oracle intanto commissionò a Chris Mason il lavoro di creare un clone di ZFS. Tuttavia quando una tecnologia la si è insultata così tanto a causa dell'ignoranza, non è possibile fare di meglio.Ed infatti BTRFS è stato completamente sbagliato nel design e non è ancora oggi considerato da produzione perché ha molti difetti enormi che vanno ancora corretti. Difetti non facili da correggere perché radicati nell'idea stessa del file system.Sai com'è finita? Dopo che si è accorta di che aborto stavano creando, Oracle ha acquistato SUN, ha dato il ben servito a Mason ed ha basato la sua linea di prodotti sul SUN ZFS Storage Appliance, creato da Bryan Cantrill ed Adam Leventhal quando erano in SUN.
            Io questa cosa la tengo sempre presente, non
            posso avere la pretesa che tutto sia perfetto al
            primo
            colpo.Il problema è che se la comunità avesse smesso di essere arrogante e avesse con umiltà guardato altrove ed imparato oggi molte cose non sarebbero così.Lo stesso discorso si può fare per CoreAudio e Quartz.Sono due grandi tecnologie da cui possiamo imparare per migliorare le nostre.Come ti avevo detto: tutti hanno un qualcosa di interessante.Anche quelli che possono sembrare i più pietosi OS al mondo.Questo perché i sistemi operativi sono cose complesse e non c'è mai un qualcosa di universalmente superiore. C'è sempre chi ha qualcosa di meglio.L'Open Source ha il vantaggio che può prendere questo meglio ed evolvere più in fretta, tuttavia bisogna anche avere apertura mentale, altrimenti si va alla stagnazione come nel mondo closed, per poi realizzare cloni da due soldi. Vedasi Microsoft con ReFS, Storage Spaces e VSS.
            Chiediti qual'è l'utente medio di Mac OS...A me non importa chi è l'utente medio di un OS.Ci sono tanti idioti anche su Linux. Guarda i fanboy delle comunità di ArchLinux, Mint ed Ubuntu.A me interessa il sistema operativo e se ha o meno cose interessanti da studiare.
            Migliore secondo chi ?Secondo chiunque se ne intenda di informatica.Bryan Cantrill è una delle menti più brillanti nel mondo UNIX.
            Per il cloud non è mica necessario ubuntu, puoi
            usare anche
            altro.Teoricamente sì, praticamente dipende.Lato OpenStack le piattaforme di riferimento sono Ubuntu e RHEL/CentOS, con la prima che ha circa la stessa quota delle altre due messe insieme.Lato deploy su Public Cloud è un po' più variegato, ma il leader rimane sempre Ubuntu.La differenza sta nel fatto che Red Hat è forte sui vecchi deploy, mentre Ubuntu è forte sui nuovi.
            C'è la sua versione open e mi risulta attiva..Sì, ma ormai SUSE non è più rilevante come un tempo.Ha una buona community, ma è ben lontana dal prestigio di cui godeva prima.Prima quando parlavi di high-end parlavi di SUSE, oggi non più.SUSE l'ha uccisa Novell per due motivi: aveva ridotto all'osso il capitale investito nello sviluppo e si era inimicata la clientela che usava NetWare.Novell NetWare è stato un grande sistema operativo, ma ormai era arrivato al capolinea, a causa della massiccia presenza di Windows.Così acquistarono SuSE Linux e cercarono di far migrare in massa gli utenti NetWare.Ma lo fecero in maniera ancora più imbarazzante di MS che cerca di spingere Windows 10.Prima rinominarono NetWare in Novell Open Enterprise Server e poi lo "basarono" su SUSE Linux. Tutto nella più totale casualità.E alla fine ottennero due cose: gli ingegneri di SUSE se ne andarono e molta clientela NetWare si rivolse a Red Hat, rendendola il colosso che è oggi.Poi Novell è stata acquistata da The Attachmate Group che ha di nuovo scorporato le due entità: Novell e SUSE.Da lì in poi, la nuova SUSE LLC. ha riassunto tutti i vecchi ingegneri che se n'erano andati durante l'era Novell e pian piano stanno cercando di riprendersi.Poi, a sua volta The Attachmate Group è stata acquistata da MicroFocus e SUSE Linux Enterprise ha completamente aperto lo sviluppo dando vita al progetto OpenSUSE Leap.Diciamo che per ora hanno molta strada da fare, perché hanno la community ma hanno perso molta fiducia nell'enterprise.Cosa triste perché SLES è meglio di RHEL sotto tutti i punti di vista.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            Se una cosa mi va a genio la uso,altrimenti lascio.Non è che sto li a meditare per ore su quale parte era meglioDi certo non posso mettere mani su ogni cosa che non mi aggrada completamente.Per fare come dici tu dovresti avere una sorta di OS che raccoglie il meglio di ognuno e lo fa proprio,per fare questo poi dovresti essere tu di persona a farlo,questo perché un altro potrebbe nono essere del tuo stesso parere, ecco perché ti parlavo dei compromessi.A differenza di qualcuno qui dentro non ho mai detto il sistema X è il migliore del mondo, se ti piace è quello altrimenti vai su altro.Personalmente però tra tutti i sistemi Linux è quello che più mi è congeniale, proprio come filosofia.
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Per fare come dici tu dovresti avere una sorta di
            OS che raccoglie il meglio di ognuno e lo fa
            proprio,per fare questo poi dovresti essere tu di
            persona a farlo,questo perché un altro potrebbe
            nono essere del tuo stesso parere, ecco perché ti
            parlavo dei
            compromessi.C'è già chi lo sta facendo: si chiama Canonical.Canonical è da un po' che ha deciso di staccarsi dall'upstream (GNOME e Wayland) perché le politiche della comunità sono completamente fuori da ogni senso di realtà.Ha persino deciso di staccarsi dal mantra di Red Hat "solo noi sappiamo di cosa avete bisogno" basando la sua offerta di container su una sua nuova tecnologia che espande lxc, LXD, ed ha scelto ZFS come file system di riferimento anziché l'accoppiata BTRFS+systemd-container.Naturalmente sai cosa sta succedendo, no? Come con SUN, Canonical si sta beccando gli insulti.Io intanto prendo i popcorn, così se a Canonical verrà dato il via libera per ZFS, poi mi godrò le giravolte di Red Hat che si muoverà subito a distribuirlo per Fedora.E lì naturalmente tutti ad applaudire e a dire: brava Red Hat che innova sempre! Se Canonical fosse come lei...
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: Etype

            Per fare come dici tu dovresti avere una
            sorta
            di

            OS che raccoglie il meglio di ognuno e lo fa

            proprio,per fare questo poi dovresti essere
            tu
            di

            persona a farlo,questo perché un altro
            potrebbe

            nono essere del tuo stesso parere, ecco
            perché
            ti

            parlavo dei

            compromessi.
            C'è già chi lo sta facendo: si chiama Canonical.
            Canonical è da un po' che ha deciso di staccarsi
            dall'upstream (GNOME e Wayland) perché le
            politiche della comunità sono completamente fuori
            da ogni senso di
            realtà.
            Ha persino deciso di staccarsi dal mantra di Red
            Hat "solo noi sappiamo di cosa avete bisogno"
            basando la sua offerta di container su una sua
            nuova tecnologia che espande lxc, LXD, ed ha
            scelto ZFS come file system di riferimento
            anziché l'accoppiata
            BTRFS+systemd-container.Vedo che sei molto improntato su Ubuntu eh.Comunque,quando Ubuntu è uscito con Unity si è tirato dietro un bel po' di critica.Francamente ho sempre apprezzato di più KDE almeno fino alla versione 3 ,oggi preferisco LXDE più snello,leggero e senza fronzoli.
            Io intanto prendo i popcorn, così se a Canonical
            verrà dato il via libera per ZFS, poi mi godrò le
            giravolte di Red Hat che si muoverà subito a
            distribuirlo per
            Fedora.
            E lì naturalmente tutti ad applaudire e a dire:
            brava Red Hat che innova sempre! Se Canonical
            fosse come
            lei...Io sto bene con EXT4,le aggiunte fanno sempre piacere ma non è che sto li aspettando i minuti.
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Vedo che sei molto improntato su Ubuntu eh.Perché è l'unica che si sta sforzando di innovare a tutti i livelli e di non diventare un mero clone che prende a caso progetti in upstream senza badare alla qualità.Canonical ha solo un problema: non ha i soldi.Purtroppo è finanziariamente debole ed i suoi sviluppatori hanno veramente poche risorse a disposizione.Ecco perché MIR e Unity 8 stanno tardando così tanto.Se avesse avuto il denaro di Red Hat oggi sarebbe in una situazione completamente diversa ed Ubuntu Touch sarebbe già diventato una piacevole realtà.IMHO hanno sbagliato a regalare Ubuntu per tutto il lifecycle.Per me si sarebbero dovuti orientare su LTS con supporto mainstream gratuito di tre/cinque anni + supporto esteso a pagamento (in stile Red Hat) per 10.
            Comunque,quando Ubuntu è uscito con Unity si è
            tirato dietro un bel po' di
            critica.Si è portato critiche perché è stata una delle prime shell che ha rotto con il passato ed ha cercato di innovare sull'interazione con il sistema operativo.Soprattutto con lo HUD.
            Io sto bene con EXT4,le aggiunte fanno sempre
            piacere ma non è che sto li aspettando i
            minuti.Io su Linux uso solo BTRFS (prima usavo XFS) come file system di root, ma aspetto ZFS e spererò una sua possibile integrazione nel sistema operativo.Altrimenti, continuerò ad usare BTRFS per il sistema e ZFS per lo storage.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            Perché è l'unica che si sta sforzando di innovare
            a tutti i livelli e di non diventare un mero
            clone che prende a caso progetti in upstream
            senza badare alla
            qualità.Secondo me la stai glorificando un po' troppo.Non è malaccio ma anche lei in più di un'occasione sbandierava a destra e a sinistra feature e progetti,poi disattesi.
            Canonical ha solo un problema: non ha i soldi.
            Purtroppo è finanziariamente debole ed i suoi
            sviluppatori hanno veramente poche risorse a
            disposizione.
            Ecco perché MIR e Unity 8 stanno tardando così
            tanto.Si ma il fondatore era un miliardario....Comunque non mi risulta che gli altri sviluppatori navighino nell'oro,a parte quelle a pagamento s'intende.
            Se avesse avuto il denaro di Red Hat oggi sarebbe
            in una situazione completamente diversa ed Ubuntu
            Touch sarebbe già diventato una piacevole
            realtà.Infatti c'era il lancio anche di uno smartphone con tale sistema, poi naufragato.
            IMHO hanno sbagliato a regalare Ubuntu per tutto
            il
            lifecycle.
            Per me si sarebbero dovuti orientare su LTS con
            supporto mainstream gratuito di tre/cinque anni +
            supporto esteso a pagamento (in stile Red Hat)
            per
            10.E poi la mollavano, in tal caso rimanevano con chi già da anni aveva quel modello.
            Si è portato critiche perché è stata una delle
            prime shell che ha rotto con il passato ed ha
            cercato di innovare sull'interazione con il
            sistema
            operativo.
            Soprattutto con lo HUD.Si ma non è piaciuto a tutti,anzi
          • peppino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Secondo me la stai glorificando un po' troppo.
            Non è malaccio ma anche lei in più di
            un'occasione sbandierava a destra e a sinistra
            feature e progetti,poi
            disattesi.Beh, c'è chi non faceva nemmeno quello.Almeno loro hanno annunciato, provato e poi se andava male hanno lasciato perdere, per poi riciclare qualche idea in altri metodi.Altri hanno solo cambiato gli sfondi e creato una nuova derivata.Alla fine quando si cerca di innovare non tutto va a gonfie vele.Ci sono un sacco di progetti che finiscono per venire buttati via perché si rivelano non efficaci come lo erano in fase di design.È il rischio che si corre quando si fa ricerca.
            Si ma il fondatore era un miliardario....E vabbe' che c'entra. Mica si può giocare tutto il patrimonio.
            Comunque non mi risulta che gli altri
            sviluppatori navighino nell'oro,a parte quelle a
            pagamento
            s'intende.Sì, ma c'è una differenza.A parte Canonical e Red Hat le altre distro non innovano a tutti i livelli e non fanno R&D. Al massimo scrivono il package manager o qualche tool.Quasi tutto ciò che hanno è preso dall'upstream, quindi risorse esigue o cospicue alla fine cambia molto poco.Semmai quello che serve a loro è la manodopera per i repository.
            Infatti c'era il lancio anche di uno smartphone
            con tale sistema, poi
            naufragato.Hanno comunque rilasciato un Meizu con Ubuntu Phone, ma per ora è ancora in fase di Beta e "riservato" ad un pubblico che vuole fare da beta tester.
            E poi la mollavano, in tal caso rimanevano con
            chi già da anni aveva quel
            modello.Beh, non è detto.Alla fine non è che hanno scelto Ubuntu anziché RHEL perché era gratis.Per quello c'è già CentOS.
            Si ma non è piaciuto a tutti,anziE per quelle persone ci sono gli altri DE. Da noi si può scegliere, per fortuna. Niente piastrelle imposte.Che poi i veri scontenti di Unity in realtà sono molto pochi e sono per lo più le classiche persone per cui qualsiasi novità è fonte di tutti i mali.Alla fine infatti Canonical non solo non ha fatto marcia indietro, ma Ubuntu è rimasta ancora la distro numero 1.
          • gino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino[cut]

            Si ma non è piaciuto a tutti,anzi
            E per quelle persone ci sono gli altri DE. Da noi
            si può scegliere, per fortuna. Niente piastrelle
            imposte.
            Che poi i veri scontenti di Unity in realtà sono
            molto pochi e sono per lo più le classiche
            persone per cui qualsiasi novità è fonte di tutti
            i
            mali.
            Alla fine infatti Canonical non solo non ha fatto
            marcia indietro, ma Ubuntu è rimasta ancora la
            distro numero
            1.sono uno scontento di unity, ma c'e' da dire a discolpa di canonical che il DE è in fase di ridefinizione, gnome 3 e plasma per KDE cambiano sostanzialmente il paradigma, canonical che avrebbe dovuto fare? avvinghiarsi a gnome 2? poi questo genere di problema in realta' non esiste: ti piace lo tieni, non ti piace lo cambi con un altro di tuo gradimento.
          • Etype scrive:
            Re: Casi cronici PC
            Ok,io chiudo alla prossima.
          • bertuccia scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype

            Ok,io chiudo alla prossima.Magari un grazie, visto che ha avuto la pazienza di spiegarti giusto 2 o 3 cosette su linux senza mandarti a quel paese per direttissima al primo messaggioah, giusto per riportarti un attimo coi piedi per terra, le statistiche di stackoverflow:* il 26,2% degli sviluppatori usa OS X* il 21,7% usa Linux** gli altri usano windows[img]http://i.imgur.com/3nCAa1d.png[/img]http://stackoverflow.com/research/developer-survey-2016#technology-desktop-operating-system* Speaking of the Linuxes, Ubuntu is tops among them with 12.3% of the entire OS market for developers.Developers, non bimbiminkia nutellosi. Nel caso non fosse chiaro quello che peppino ti spiegava con enorme pazienza-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 marzo 2016 10.45-----------------------------------------------------------
          • Etaip scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: bertuccia
            Magari un grazieGrazie? Scherzi? :DDopo che peppino ha asfaltato lui e l'altro sapientone della panda rotta dando lezioni ad entrambi sul loro stesso giocattolo preferito? (rotfl)Darsela a gambe era il minimo dopo tutte le figuracce che hanno fatto. (rotfl)Salvate tutta questa conversazione. Ci servirà per sbatterla in faccia ad entrambi quando faranno i gradassi dando dell'incompetente informatico agli altri. :D(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(I due rosichini segnaleranno il post in 3... 2... 1...)
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: Etype



            Ok,io chiudo alla prossima.

            Magari un grazie, visto che ha avuto la pazienza
            di spiegarti giusto 2 o 3 cosette su linux senza
            mandarti a quel paese per direttissima al primo
            messaggio
            ...Io ho capito una frazione infinitesima di quello che tecnicamente peppino ha illustrato ad Etype, ma ho assolutamente capito quanto sia immenso il baratro che separa un competente da un quaraquaqua informatico. D'ora in avanti mi risparmierò molto più serenamente l'apertura di certi post.Se avessi letto prima gli sviluppi di questa pagina mi sarei risparmiato di duplicare la tua indicazione alla ricerca di <b
            stackoverflow </b
            ... ma magari una doppia indicazione lo indurrà a scendere dal suo pulpito di snobismo e ad informarsi un po di più. Chissà, bisogna sempre sperare per il meglio.P.S.... ma come fai a reggere in un'atmosfera come questa di PI?... forse che di "peppino" ce n'è molti più che di "Etype" ed io passando solo di rado me li sono persi?
          • maxsix scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Ok,io chiudo alla prossima.Si dopo che ti ha randellato bellamente sei venuto a far caciara di la.Sei proprio un triste e losco figuro [cit.]
          • gino scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino[cut]
            Io su Linux uso solo BTRFS (prima usavo XFS) come
            file system di root, ma aspetto ZFS e spererò una
            sua possibile integrazione nel sistema
            operativo.
            Altrimenti, continuerò ad usare BTRFS per il
            sistema e ZFS per lo
            storage.peppino grazie per tutte le info interessanti me le studio e ti faro' sapere
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Casi cronici PC
            Mi unisco a chi ti ha ringraziato. Purtroppo non sono in grado di imparare da te quanto vorrei, ma in questa pagina hai scritto un capolavoro di <i
            costume </i
            e di <i
            rispetto </i
            che molto raramente mi è capitato di trovare in rete. Complimenti.
          • Etaip scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Se una cosa mi va a genio la uso,altrimenti
            lascio.
            Non è che sto li a meditare per ore su quale
            parte era
            meglio

            Di certo non posso mettere mani su ogni cosa che
            non mi aggrada
            completamente.

            Per fare come dici tu dovresti avere una sorta di
            OS che raccoglie il meglio di ognuno e lo fa
            proprio,per fare questo poi dovresti essere tu di
            persona a farlo,questo perché un altro potrebbe
            nono essere del tuo stesso parere, ecco perché ti
            parlavo dei
            compromessi.Quindi stai palesemente ammettendo che tutte le tue presunte conoscenze informatiche sono pari a zero. Te ne rendi conto, vero?Ti rendi conto che stai ammettendo che quando dai dell'incompetente o dell'idiota a chi non compra smartphone Android o non usa Linux, lo stai facendo basando il tutto solo su un odio ingiustificato?Ti rendi conto dell'immensa figuraccia che ti ha fatto fare peppino, una persona che ha dimostrato non solo di conoscere OSX ma anche di conoscere Linux meglio di te e di quell'altro incompetente della panda rotta?La stessa panda rotta che da tempo ormai non fa altro che collezionare figuracce e che guarda caso se n'è scappata con la coda fra le gambe dopo aver parlato con peppino, e non si è nemmeno intromessa in questa discussione come fa di solito per pararti il deretano quando c'è puzza di figuraccia.
            A differenza di qualcuno qui dentro non ho mai
            detto il sistema X è il migliore del mondo, se ti
            piace è quello altrimenti vai su
            altro.Ma anche no.In ogni santo post in cui una persona dichiara di aver scelto un prodotto diverso dalla tua idea non fai altro che insultarlo dandogli dell'incompetente, con il sostegno della panda rotta.Stavolta però vi è andata male, perché avete trovato uno con le competenze talmente alte che vi ha asfaltato entrambi dal primo all'ultimo post.
            Personalmente però tra tutti i sistemi Linux è
            quello che più mi è congeniale, proprio come
            filosofia.E allora usalo e non rompere le scatole al resto del mondo.In ogni caso complimenti davvero.Fossi in voi o cambierei nick o sparirei dalla circolazione per la vergogna, dopo quest'immensa figuraccia.
          • ... scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: Etype
            Debian è molto più versatile, la puoi usare come
            desktop,come server, alcuni ci fanno un
            NAS,eccPensa di che geni stiamo parlando se usano Debian su un NAS.Magari fanno pure i RAID con ext4. (rotfl)
        • MacUserFrom 89 scrive:
          Re: Casi cronici PC
          - Scritto da: Etype
          - Scritto da: peppino


          Veramente i Mac hanno una loro buona fetta di

          mercato

          In quale mondo parallelo ?Giusto perché è capitato di leggere di questa ricerca mentre ancora ricordavo questa tua "sparata":http://stackoverflow.com/research/developer-survey-2016È più che evidente che tu vivi in un piccolo mondo tutto tuo da cui qualsiasi altro mondo reale appare parallelo ... ma a subire le allucinazioni sei tu, non altri ... e qui si parla di oltre 50.000 sviluppatori consultati, non di qualche centinaio fatti valere per "campione statisticamente rappresentativo" di "pollastra" memoria.Riporto solo un'immagine eloquente, ma poi i dati di Xcode e di Swift potrai cercali da solo nei tanti altri diagrammi[img]http://www.macitynet.it/wp-content/uploads/2016/03/os-x-linux-3-768x440.jpg[/img]
      • Il fuddaro scrive:
        Re: Casi cronici PC
        - Scritto da: peppino
        - Scritto da: Dr Kabuto

        Mac, il Guglielmo Cancelli li ha salvati dal

        sicuro fallimento loro producono i pc piu'

        inutili ed incompatibili della storia

        dell'informatica, senza office li puoi usare
        come

        fermacarte guarda caso ancora sviluppato
        della

        societa' fondata dal Cancelli, per tornare in

        pista hanno ricominciato con i lettori mp3 e
        poi

        con i cellulari, i pc non fanno per

        loro
        Veramente i Mac hanno una loro buona fetta di
        mercato e dispongono dei port di praticamente
        qualsiasi software professionale: dalla suite
        Adobe, ad AutoCAD e a VMware
        Fusion.
        Senza contare che OSX è l'OS più gettonato tra le
        comunità Rails e Node, anche per via del fatto
        che offre DTrace. Cosa non da
        poco.
        Inoltre è usato anche da grandi ingegneri del
        calibro di Bryan
        Cantrill.
        Insomma, mica robetta, eh...


        Linux bel progetto non lo nego, aspettiamo
        ogni

        anno il boom che non arriva, adatto al
        settore

        professionale informatico con personale

        qualificato, al settore embedded, dove ha
        preso

        giustamente piede ma non ancora pronto per
        le

        utenze casalinghe,
        Ma all'utenza casalinga non serve nemmeno più il
        PC.
        Ormai fanno tutto con lo smartphone.
        Che poi, manco avessero tutte queste esigenze:
        giusto WhatsApp/Telegram, un browser Web, l'app
        di Facebook e Twitter e qualche altra stupidata
        presa dallo
        store.

        Il PC per l'utenza casalinga è davvero eccessivo.
        Una macchina inutilmente complessa che ha sempre
        necessitato di personale qualificato o quanto
        meno di un uso che va oltre il cliccare a caso su
        dei
        bottoni.

        Che poi ormai con il cloud da un lato ed il
        mobile dall'altro, ormai parlare del desktop
        quasi come se fosse ancora il re dei mercati è
        piuttosto
        ridicolo.
        Ed in entrambi settori Linux non solo esiste ma è
        il player più
        grosso.
        Non gli serve più fare la lotta per avere spazio
        sul desktop, perché tanto con il cloud e con i
        SaaS basta un semplice browser per accedere alle
        applicazioni e
        lavorare.

        Tutti ormai se ne stanno rendendo conto.
        Persino Microsoft stessa, tanto che si sta
        affrettando a portare SQL Server su Linux per
        evitare di rimanere con la bocca asciutta in un
        mondo che ha sempre meno bisogno di uno specifico
        OS locale ma che ha sempre più bisogno di servizi
        ed
        infrastrutture.


        serve un maggior coordinamento tra le

        distro e' come cambiare ogni giorno i mobili
        di

        casa
        Non c'è bisogno di avere coordinamenti di quel
        tipo, perché tanto la distro di riferimento è
        sempre la stessa:
        Ubuntu.
        La stessa distro che tra l'altro sta diventando
        una costante nel
        cloud.
        Semmai quello che c'è bisogno oggi è che le
        distro mainstream comincino a pensare di ridurre
        la loro influenza sullo stack applicativo e si
        dedichino al solo sistema operativo e alle
        infrastrutture che ospiteranno le applicazioni
        terze.
        Questo perché il sistema di pacchettizzazione
        attuale sta arrivando al suo capolinea, in quanto
        crea non pochi problemi quando si parla di
        piattaforme interpretate e quando si parla di
        runtime.
        L'invadenza dei packager infatti porta alla
        distribuzione nei repository di moduli spesso non
        mantenuti che vanno in conflitto con le versioni
        in upstream presenti nei portali. E questo ha
        trovato grossi riscontri su Ruby, che ricordo si
        scontrò con Debian proprio per
        questo.
        Senza contare che la pratica di unificare lo
        strato applicativo a quello del sistema sotto un
        unico runtime in nome di una più rapida
        esecuzione e maggiore scalabilità si sta
        rivelando per quello che è: un castello di carte
        che è andato bene vent'anni fa, quando i software
        avevano tre dipendenze, ma che oggi sta portando
        a situazioni a dir poco
        spiacevoli.
        L'ultima è stata la lamentela di AlienBOB
        riguardo HandBrake e
        GTK+3.

        Tuttavia nessuno sta rimanendo a guardare.
        Vedasi infatti Red Hat che sta cercando con le
        XDG-APP di cambiare il modello di deploy unendo
        la filosofia dei bundle di OSX con la
        condivisione del runtime di
        Linux/UNIX.
        Questo lato desktop, naturalmente.

        Lato server/IoT invece ci si sta più orientando
        verso stack containerizzati come Atomic/Docker e
        LXD/Snappy, con il primo orientato ad avere BTRFS
        in backend ed il secondo
        ZFS.

        Insomma di acqua in pentola ne bolle parecchia.
        Bisogna solo aspettare e vedere come si evolverà
        la
        situazione.

        Ma di sicuro c'è che Windows non è più una
        soluzione viabile a lungo
        termine.
        Non sta più evolvendo. Continua a basare il suo
        deploy su exe/msi che ormai hanno fatto il loro
        tempo, anziché orientarsi verso la creazione di
        canali centralizzati e sistemi di packaging
        moderni.
        Si era parlato dell'integrazione di un package
        manager su Windows 10, ma mi pare che alla fine
        sia rivelato un mero
        vaporware.

        Windows oggi ha senso giusto per tenere su in
        piedi roba legacy che necessita delle obsolete
        API
        Win32.questo dovresti spiegarglielo a quanti si riempiono la bocca con la parola CANTINARO, che i giochini quelli che funziano davvero, e per le cose serie, sono state sviluppate da ex cantinari(o cantinari, cantinari) che hanno avviato starup molto avanti anche per quella Microsoft che dalla sua ha solo quella di essere strapiana di dollaroni.
        • peppino scrive:
          Re: Casi cronici PC
          - Scritto da: Il fuddaro
          questo dovresti spiegarglielo a quanti si
          riempiono la bocca con la parola CANTINAROE tu lascia che continuino a pensarlo.Lascia che rimangano convinti che Linux sia solo uno strumento da cantinari e che Windows sia e sarà sempre l'unico sistema operativo di riferimento.Tanto il mercato già oggi gli sta sbattendo in faccia una realtà ben diversa.Quelle persone hanno solo due opzioni: togliersi le fette di prosciutto dagli occhi e cominciare a capire che il mondo cambia, oppure continuare a negare l'evidenza fino al giorno in cui questa diventerà innegabile.A me quando ridono e trollano con la storia dell'anno di linux fanno solo pena, perché molte di queste sono davvero convinte di ciò che dicono.Sono davvero convinte che l'OGGI sia il metro di riferimento per l'andamento del mercato, quando non è così.Non è OGGI che conta, perché OGGI si usa ciò che è stato pensato IERI.Ciò che conta è il DOMANI, perché DOMANI si userà ciò che viene progettato OGGI.Di conseguenza, anche se OGGI Windows lato client è fondamentale non vuol dire che lo sarà DOMANI, in quanto IERI si è sviluppato con l'idea che Windows fosse il centro dell'IT, mentre OGGI si sviluppa con l'idea che il centro sia il cloud.
          • maxsix scrive:
            Re: Casi cronici PC
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: Il fuddaro

            questo dovresti spiegarglielo a quanti si

            riempiono la bocca con la parola CANTINARO
            E tu lascia che continuino a pensarlo.
            Lascia che rimangano convinti che Linux sia solo
            uno strumento da cantinari e che Windows sia e
            sarà sempre l'unico sistema operativo di
            riferimento.
            Tanto il mercato già oggi gli sta sbattendo in
            faccia una realtà ben
            diversa.

            Quelle persone hanno solo due opzioni: togliersi
            le fette di prosciutto dagli occhi e cominciare a
            capire che il mondo cambia, oppure continuare a
            negare l'evidenza fino al giorno in cui questa
            diventerà
            innegabile.

            A me quando ridono e trollano con la storia
            dell'anno di linux fanno solo pena, perché molte
            di queste sono davvero convinte di ciò che
            dicono.
            Sono davvero convinte che l'OGGI sia il metro di
            riferimento per l'andamento del mercato, quando
            non è
            così.
            Non è OGGI che conta, perché OGGI si usa ciò che
            è stato pensato
            IERI.
            Ciò che conta è il DOMANI, perché DOMANI si userà
            ciò che viene progettato
            OGGI.
            Di conseguenza, anche se OGGI Windows lato client
            è fondamentale non vuol dire che lo sarà DOMANI,
            in quanto IERI si è sviluppato con l'idea che
            Windows fosse il centro dell'IT, mentre OGGI si
            sviluppa con l'idea che il centro sia il
            cloud.E Azure sta galoppando alla grande da quel punto di vista.
    • Etype scrive:
      Re: Casi cronici PC
      - Scritto da: Dr Kabuto
      Mac, il Guglielmo Cancelli li ha salvati dal
      sicuro fallimento loro producono i pc piu'
      inutili ed incompatibili della storia
      dell'informatica, senza office li puoi usare come
      fermacarte guarda caso ancora sviluppato della
      societa' fondata dal Cancelli, per tornare in
      pista hanno ricominciato con i lettori mp3 e poi
      con i cellulari, i pc non fanno per
      loroFin qui un applauso...
      Linux bel progetto non lo nego, aspettiamo ogni
      anno il boom che non arriva, adatto al settore
      professionale informatico con personale
      qualificato, al settore embedded, dove ha preso
      giustamente piede ma non ancora pronto per le
      utenze casalinghe, alle volte sono peggio degli
      adolescenti che cambiano mode ed idee ogni 5
      minuti, serve un maggior coordinamento tra le
      distro e' come cambiare ogni giorno i mobili di
      casaQui sbagli, Linux non è veicolato dalla vendita di hardware nel settore PC.Non ha alcun interesse nel farti cambiare computerUtenze casalinghe ? Ce ne sono di progetti per distro pronte all'uso.Persino su Windows non fila mai tutto liscio come l'olio, poi che genere di utenti vuoi quelli che alla prima XXXXXXXta si rivolge ad un tecnico ?Il computer e un OS sono cose complesse, un minimo di applicazione da parte dell'utente ci deve essere.Le distro ci sono perché ogni creatore segue una propria strada, mica puoi costringerlo a seguire progetti diversi.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Casi cronici PC
      - Scritto da: Dr Kabuto
      Tutti a criticare MS ma poi se analizzi caso per
      caso vengono fuori le travi altro che
      pagliuzze.

      2 casi cronici

      Mac, il Guglielmo Cancelli li ha salvati dal
      sicuro fallimento loro producono i pc piu'
      inutili ed incompatibili della storia
      dell'informatica, senza office li puoi usare come
      fermacarte guarda caso ancora sviluppato della
      societa' fondata dal Cancelli, per tornare in
      pista hanno ricominciato con i lettori mp3 e poi
      con i cellulari, i pc non fanno per
      loro

      Linux bel progetto non lo nego, aspettiamo ogni
      anno il boom che non arriva, adatto al settore
      professionale informatico con personale
      qualificato, al settore embedded, dove ha preso
      giustamente piede ma non ancora pronto per le
      utenze casalinghe, alle volte sono peggio degli
      adolescenti che cambiano mode ed idee ogni 5
      minuti, serve un maggior coordinamento tra le
      distro e' come cambiare ogni giorno i mobili di
      casaE meglio se lontano da linux ci stai tu. Ci sono già abbastanza modaioli intorno a linux.
  • iRoby scrive:
    D'accordo a cambiare PC
    Io sono d'accordo a cambiare PC ma solo per nuove tecnologie valide e motivazioni irrinunciabili.Io adoro la velocità degli SSD.Come mi piacciono le macchinette fanless. I proXXXXXri veloci che mi fanno risparmiare sulla bolletta.Sistemi grandi come 2 pacchetti di sigarette completi di tutto e che consumano 15watt come i NUC.Queste sono innovazioni e cose irrinunciabili. Non il dover cambiare PC perché il nuovo Windows ha Aero, la graficaXXXXX mangia-CPU e quindi dobbiamo cambiare PC con uno più potente solo per sollazzare la vista.Così come la fibra ottica che stanno mettendo le TLC sarà innovazione solo se venduta sotto i 20 al mese.Per ora stanno fregando la gente alla grande con delle FTTC che vanno una minkia. E orrore sono asimmetriche 100/3mbps.Giudico onesta solo una 20-30mbps simmetrica sotto i 20 euro al mese. E che vada effettivamente come tale.Il resto sono fregature!
    • Etype scrive:
      Re: D'accordo a cambiare PC
      Il PC lo cambi o per mutate esigenze o perché fritto da un fulmine
      • seven scrive:
        Re: D'accordo a cambiare PC
        - Scritto da: Etype
        Il PC lo cambi o per mutate esigenze o perché
        fritto da un
        fulmineO ?
        • maxsix scrive:
          Re: D'accordo a cambiare PC
          - Scritto da: seven
          - Scritto da: Etype

          Il PC lo cambi o per mutate esigenze o perché

          fritto da un

          fulmine

          O ?O ?
      • Sg@bbio scrive:
        Re: D'accordo a cambiare PC
        - Scritto da: Etype
        Il PC lo cambi o per mutate esigenze o perché
        fritto da un
        fulmineOppure diventa cosi vecchio che fatichi a trovare le ram a prezzi umani.
        • Etype scrive:
          Re: D'accordo a cambiare PC
          Naa non regge...
          • Sg@bbio scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            - Scritto da: Etype
            Naa non regge...Ma, se cerco delle ddr2, me le vendono a prezzi esagerati rispetto alle ddr3.
          • Etype scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            Figurati io che ti scrivo con un sistema con DDR1 :DSe ti riferisci a quelle vendute al MediaWorld si, prezzi vergognosi perché ricaricati,ma su internet mica tanto.1GB DDR2 lo trovi già sui 10 Euro sul web
          • Sg@bbio scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            - Scritto da: Etype
            Figurati io che ti scrivo con un sistema con DDR1
            :D

            Se ti riferisci a quelle vendute al MediaWorld
            si, prezzi vergognosi perché ricaricati,ma su
            internet mica
            tanto.

            1GB DDR2 lo trovi già sui 10 Euro sul webIo parlo di siti internet specializzati, dove dei banchi di ram DECENTI di DDR2 costano il doppio del loro equivalente in DDR3.
          • Etype scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            Definisci decenti.1GB DDR2 sui 10 Euro va più che bene per il 90% dell'utilizzo comune.A me un paio di anni fa un modulo della Kingston si è guastato dopo un solo anno, mai avuto problemi con ADATA,A-Force,Corsair,G.Skill,Micron,Hinyx,Samsung,eccSe poi invece ti riferisci a quelle ad alte prestazioni è un altro discorso,li però non c'entra nulla il DECENTI, è un'altra categoria.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            - Scritto da: Etype
            Definisci decenti.

            1GB DDR2 sui 10 Euro va più che bene per il 90%
            dell'utilizzo
            comune.

            A me un paio di anni fa un modulo della Kingston
            si è guastato dopo un solo anno, mai avuto
            problemi con
            ADATA,A-Force,Corsair,G.Skill,Micron,Hinyx,Samsung

            Se poi invece ti riferisci a quelle ad alte
            prestazioni è un altro discorso,li però non
            c'entra nulla il DECENTI, è un'altra
            categoria.Mi riferivo a quelle per l'uso del Dual Channel e affini, trovarne dei sostituti a prezzi umani è quasi impossibile :(
          • Etype scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            - Scritto da: Sg@bbio
            Mi riferivo a quelle per l'uso del Dual Channel e
            affini, trovarne dei sostituti a prezzi umani è
            quasi impossibile
            :(Basta che prendi gli stessi tipi di moduli , dello stesso produttore, stesse latenze ed è lo stesso, anche se non sono vendute a coppie specifiche per il dual channel.A me sia con i vecchi sistemi sia con quelli nuovi non è mai sucXXXXX nulla,mai un problema.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Sg@bbio


            Mi riferivo a quelle per l'uso del Dual
            Channel
            e

            affini, trovarne dei sostituti a prezzi
            umani
            è

            quasi impossibile

            :(

            Basta che prendi gli stessi tipi di moduli ,
            dello stesso produttore, stesse latenze ed è lo
            stesso, anche se non sono vendute a coppie
            specifiche per il dual
            channel.

            A me sia con i vecchi sistemi sia con quelli
            nuovi non è mai sucXXXXX nulla,mai un
            problema.Il problema è che non li producono più in ddr2 da anni ormai :(
          • Sg@bbio scrive:
            Re: D'accordo a cambiare PC
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Sg@bbio


            Mi riferivo a quelle per l'uso del Dual
            Channel
            e

            affini, trovarne dei sostituti a prezzi
            umani
            è

            quasi impossibile

            :(

            Basta che prendi gli stessi tipi di moduli ,
            dello stesso produttore, stesse latenze ed è lo
            stesso, anche se non sono vendute a coppie
            specifiche per il dual
            channel.

            A me sia con i vecchi sistemi sia con quelli
            nuovi non è mai sucXXXXX nulla,mai un
            problema.Il problema è che non li producono più in ddr2 da anni ormai :(
      • Sg@bbio scrive:
        Re: D'accordo a cambiare PC
        - Scritto da: Etype
        Il PC lo cambi o per mutate esigenze o perché
        fritto da un
        fulmineOppure diventa cosi vecchio che fatichi a trovare le ram a prezzi umani.
  • iRoby scrive:
    Winbloat
    "Windows 10 è attualmente disponibile come aggiornamento gratuito per gli utenti di Windows 7 e 8.x, e questa offerta a costo zero non ha fatto altro che ritardare la sostituzione dei PC più navigati."Cioè ci stanno confermando che Windows era solo bloatware pensato per fare vendere PC?
    • bertuccia scrive:
      Re: Winbloat
      - Scritto da: iRoby

      Cioè ci stanno confermando che Windows era solo
      bloatware pensato per fare vendere PC?segreto di pulcinella
    • xx tt scrive:
      Re: Winbloat

      Cioè ci stanno confermando che Windows era solo
      bloatware pensato per fare vendere
      PC?Non è solo per vendere PC, come al solito, ma anche per spiare tramite lo spyCloud obbligatorio.
    • Mario scrive:
      Re: Winbloat
      - Scritto da: iRoby
      "Windows 10 è attualmente disponibile come
      aggiornamento gratuito per gli utenti di Windows
      7 e 8.x, e questa offerta a costo zero non ha
      fatto altro che ritardare la sostituzione dei PC
      più
      navigati."E per quale motivo? Se un computer è obsoleto con win 7 lo è anche con Win 10
      Cioè ci stanno confermando che Windows era solo
      bloatware pensato per fare vendere
      PC?
      • panda rossa scrive:
        Re: Winbloat
        - Scritto da: Mario

        E per quale motivo? Se un computer è obsoleto con
        win 7 lo è anche con Win
        10Ma non lo e' con linux.
    • Mario scrive:
      Re: Winbloat
      - Scritto da: iRoby
      "Windows 10 è attualmente disponibile come
      aggiornamento gratuito per gli utenti di Windows
      7 e 8.x, e questa offerta a costo zero non ha
      fatto altro che ritardare la sostituzione dei PC
      più
      navigati."E per quale motivo? Se un computer è obsoleto con win 7 lo è anche con Win 10
      Cioè ci stanno confermando che Windows era solo
      bloatware pensato per fare vendere
      PC?
  • bradiponzi scrive:
    aspetta e spera
    2020? Nel frattempo goggole li avrà già fatti a pezzi.
  • bancai scrive:
    voglia smodata di windows 10
    quindi secondo questa ricerca la gente avrebe fatto carte false pur di avere un pc nuovo con windows 10 ...
    • ... scrive:
      Re: voglia smodata di windows 10
      - Scritto da: bancai
      quindi secondo questa ricerca la gente avrebe
      fatto carte false pur di avere un pc nuovo con
      windows 10
      ...singora con portatile dualcre/4Gram/W7: dopo 23mila proposte lei cede e clicca sul pulsante "aggiorna a W10". Risultato: pc incartato, signora piangente alla mia porta, piallamento totale, reinstallazione W7, soldini per me, signora contenta e ammonita a non cliccare mai piu' su suadenti bottoni "passa a w10".
      • Cortigiana scrive:
        Re: voglia smodata di windows 10
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: bancai

        quindi secondo questa ricerca la gente avrebe

        fatto carte false pur di avere un pc nuovo con

        windows 10

        ...

        singora con portatile dualcre/4Gram/W7: dopo
        23mila proposte lei cede e clicca sul pulsante
        "aggiorna a W10".

        Risultato: pc incartato, signora piangente alla
        mia porta, piallamento totale, reinstallazione
        W7, soldini per me, signora contenta e ammonita a
        non cliccare mai piu' su suadenti bottoni "passa
        a
        w10".Stessa cosa successa a diversi miei clienti ma purtroppo non e' sufficiente non cliccare. Questa e' una proposta che NON si puo' rifiutare.Hanno deciso che te lo vogliono installare e ti fanno partire l'aggiornamento senza che tu lo possa bloccare.Dei veri simpaticoni. Si faranno benvolere :D
        • xx tt scrive:
          Re: voglia smodata di windows 10

          Hanno deciso che te lo vogliono installare e ti
          fanno partire l'aggiornamento senza che tu lo
          possa
          bloccare.
          Dei veri simpaticoni. Si faranno benvolere :DMamma M$ ci ha già pensato per i service pack:http://www.microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=22464Bisognerebbe farne una variante per la spy edition
        • aphex_twin scrive:
          Re: voglia smodata di windows 10
          - Scritto da: Cortigiana
          Hanno deciso che te lo vogliono installare e ti
          fanno partire l'aggiornamento senza che tu lo
          possa
          bloccare.
          Dei veri simpaticoni. Si faranno benvolere :DMa non dire scemate ! :-o
      • panda rossa scrive:
        Re: voglia smodata di windows 10
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: bancai

        quindi secondo questa ricerca la gente avrebe

        fatto carte false pur di avere un pc nuovo con

        windows 10

        ...

        singora con portatile dualcre/4Gram/W7: dopo
        23mila proposte lei cede e clicca sul pulsante
        "aggiorna a W10".

        Risultato: pc incartato, signora piangente alla
        mia porta, piallamento totale, reinstallazione
        W7, soldini per me, signora contenta e ammonita a
        non cliccare mai piu' su suadenti bottoni "passa
        a
        w10".Peccato che questo utente che hai appena descritto andra' COMUNQUE ad incrementare il contatore della colonna "Utenti che hanno migrato a W10 con soddisfazione"E quando la signora nuovamente sara' forzata a migrare, quel totale verra' incrementato ancora una volta.
        • xx tt scrive:
          Re: voglia smodata di windows 10

          Peccato che questo utente che hai appena
          descritto andra' COMUNQUE ad incrementare il
          contatore della colonna "Utenti che hanno migrato
          a W10 con
          soddisfazione"

          E quando la signora nuovamente sara' forzata a
          migrare, quel totale verra' incrementato ancora
          una
          volta.Ma questo gli azionisti lo sanno e ne terranno conto quando sarà ora di tirare le somme (e i calcioni) col Padella.Il tempo è galantuomo.
          • peppino scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            - Scritto da: xx tt
            Ma questo gli azionisti lo sanno e ne terranno
            conto quando sarà ora di tirare le somme (e i
            calcioni) col
            Padella.
            Il tempo è galantuomo.Onestamente non penso che il Padella verrà cacciato tanto facilmente, considerando che IMHO sta cercando di salvare Microsoft.Se MS sta facendo certe politiche la colpa non è del Padella, ma del panzone XXXXXXXXX che ha portato l'azienda quasi al collasso, con il mondo mobile che quando sente Windows Phone ride a crepapelle, e col desktop che sul piastrell8 ha dato un bel calcio nel sedere a Microsoft e se n'è rimasta su 7 e XP.Windows 10 non è solo uno spyware, ma proprio l'emblema della crisi profonda dell'azienda.Un compromesso orribile che sembra sperare di attrarre gli utenti con la scusa di un look & feel che ricorda (molto) vagamente Windows 7 in modo da cercare di veicolare l'adozione di Metro e quindi dare a Windows 10 Mobile la possibilità di riprendere quote.Ma mi pare che questo patetico tentativo non stia dando i frutti sperati: alla gente Windows 10 non sembra piacere più di tanto.E la stupidaggine della telemetria a tutto campo è stato il colpo di grazia.Windows 10 Mobile continua a non filarselo nessuno. E tutto è rimasto com'era.Non che ci fosse bisogno di ulteriori conferme, dato che chiunque con un po' di sale in zucca avrebbe potuto prevedere uno scenario simile.Di conseguenza fallita la strategia dello "spingiamo Windows ovunque", il Padella ha tolto Windows dalla lista del "salviamo il salvabile" e IMHO sta pensando di trasformare Microsoft in un <i
            cloud & services provider </i
            portando le sue tecnologie di punta (SQL Server) su Linux, che è il padrone di casa quando si tratta di cloud ed infrastrutture high-end, e supportando quest'ultimo in quanto è la sua maggiore fonte di guadagno nel cloud (il 60% di Azure è il mano a Linux).Questa è come la vedo io. :)
          • Etype scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            Ben detto, ma proprio perché Windows era in una situazione critica con Win8 che doveva stare attenta al sucXXXXXre.Mi sembra che stiano nella classica situazione del fare un passo avanti e 3 indietro.Inoltre a Windows ormai che ci vuoi fare ?Alla stragrande maggioranza ormai nel complesso non serve niente di più rispetto a Windows 7, qualsiasi cosa aggiungi è un superfluo tanto per farlo apparire diverso ma il grosso rimane sempre lo stesso.
          • peppino scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            - Scritto da: Etype
            Ben detto, ma proprio perché Windows era in una
            situazione critica con Win8 che doveva stare
            attenta al
            sucXXXXXre.
            Mi sembra che stiano nella classica situazione
            del fare un passo avanti e 3
            indietro.Sai, credo sia stata più un rischio ed un'ingenuità da parte di Microsoft. Dico davvero.Il loro programma era chiaramente questo:1) Creare un framework che permettesse di avere app Metro che funzionassero ovunque (Universal Apps)2) Creare dei bridge per permettere il port facile da Android e iOS3) Sfruttare il monopolio del desktop per far diventare Metro un target rilevante4) Utilizzare Continuum per far diventare anche Windows 10 Mobile un grosso competitorTutto bello sulla carta. Tuttavia hanno fatto i conti senza l'oste. Di nuovo.Non è che la gente non ha voluto Windows 8 perché non c'era il tasto start.Quello era anche uno dei motivi, ma quello principale è che la gente non vuole usare roba da tablet o piastrelle sul desktop.Metro non piace. D'altronde non è piaciuto nemmeno con Windows Phone 7 in epoca pre-Windows 8.Questo perché il regno di Windows è sempre stato quello delle API Win32 e del legacy supportato, perché la retrocompatibilità era l'unico modo per mantenere le persone fedeli alla loro piattaforma.Di conseguenza, le Universal Apps erano un flop ancor prima di cominciare, perché si basavano sull'assunto infondato che tutti le avrebbero usate.E difatti il mercato non si è smosso di una virgola e Windows 10 Mobile continua ad essere irrilevante.Tuttavia, il rischio e la loro ingenuità li sta portando a perdere pure il desktop.E la cosa peggiore è che l'avversario non è Linux o OS X, che hanno le loro quote, e sono utenti a cui di Windows frega poco.Il loro competitor è Windows stesso! Si stanno facendo concorrenza in casa.Ecco perché IMHO Nadella sta cercando di affrettarsi a cambiare rotta con il resto dello stack e cercare di creare un business viabile per l'azienda in un mondo che si è lasciato Windows alle spalle. Non hanno più alternative.E dirò anche un'altra cosa: se cacciano via Nadella e tornano ad una politica in stile Ballmer, per Microsoft IMHO sarà davvero la fine.
          • xx tt scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            Ma la politica in stile Ballmer(d) la si è vista proprio nel cambiare il business: sono passati a vivere dei dati dei clienti in modo forzoso. Con tanto di "ti regalo il SO, purché tu accetti lo spionaggio".E' il modo malavitoso di fare le cose che dovrebbe far cacciare il Padella. Perché se vuoi gestire i dati dei clienti, senza la fiducia non vai da nessuna parte. E che fiducia dovrebbero avere di chi impone la telemetria e le installazioni forzate?Per non parlare del rendiconto M$ che si basa sui dati futuri come se dovesse essere un preventivo. Questo modo di nascondere le cose è un problema enorme se vuoi vendere servizi basati sulla fiducia. E ce ne vuole tanta in quest'epoca di spionaggio di massa e leggi liberticide, se stiamo parlando di un'azienda statunitense.IMHO hanno scelto l'uomo sbagliato per il dopo Ballmer(d) e dovrebbero correre ai ripari. Magari condividono la stessa mentalità piccola e farabutta del Padella, ma questo non aiuterà le aziende ad affidare loro i propri dati.
          • Etype scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            Con l'effetto spy di Win10 hanno persino peggiorato l'immagine di Windows.Ce ne era bisogno di quelle sciocchezze in particolar modo nella situazione odierna ? Chiunque con un minimo di buonsenso avrebbe preferito neppure considerare la cosa.Comunque il trucchetto di Ms era quello di calare la scure una volta che tutti sarebbero passati a Win10, visto la sua natura mutevole...
          • Etype scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            - Scritto da: peppino
            Però (ed è qui che entra in gioco la strategia di
            Nadella) sappiamo tutti che crackato o meno la
            gente potrebbe cominciare ad usare i servizi
            MS.
            Di conseguenza, meglio spingere sul cercare di
            rifilare servizi a destra e a sinistra, anziché
            tentare invano di convincerli a comprare un
            product
            key.Si ma i servizi che voleva offrire Ms erano già offerti da altri, Ms è arrivata tardi nel mobile,non poteva andare diversamente in ogni caso.
            Ecco il motivo della telemetria: capire quanti
            stanno effettivamente facendo guadagnare MS, e
            capire tramite le statistiche sull'utilizzo COSA
            migliorare per aumentare il volume di
            entrate.Quando arrivi tardi puoi usare tutti i trucchetti che vuoi, ormai è fatta.
            Ed è qui che è cascato Nadella e che ha portato
            al flop di Windows
            10.

            Sì, dico flop perché per come la vedo io già di
            flop si può
            parlare.Ma certo che è un flop, come lo è stato Win 8.Ora fanno gli spavaldi e dicono che è un sucXXXXX perché hanno fatto ricorso al gratis e ai trucchetti di Windows update, senza avrebbe fatto la stessa fine del predeXXXXXre.Inoltre non si può parlare di sucXXXXX se lo rifili con il trucco appoggiandoti a Windows update.
          • peppino scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            - Scritto da: Etype
            Si ma i servizi che voleva offrire Ms erano già
            offerti da altri, Ms è arrivata tardi nel
            mobile,non poteva andare diversamente in ogni
            caso.Sì, infatti.Non a caso l'avevo descritto all'inizio come un "patetico tentativo".Perché all'atto pratico di tentativo si tratta.Una speranza vana di cambiare le sorti di un mercato che aveva già deciso che i competitor si chiamano Android e iOS.
            Inoltre non si può parlare di sucXXXXX se lo
            rifili con il trucco appoggiandoti a Windows
            update.Ma si può parlare di flop già per il fatto che nonostante tutto l'hype che c'era durante lo sviluppo, poi di risultati concreti dopo l'uscita se ne sono visti pochi.Il boom che hanno avuto all'inizio è presto detto: tutti hanno aggiornato per ottenere la licenza gratuita. Dopodiché via col downgrade.In questa maniera si sono comunque tenuti una copia gratuita di Windows 10 qualora in futuro gli dovesse servire, ma intanto continuano ad usare l'OS di sempre.
          • Etype scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            - Scritto da: peppino
            Sai, credo sia stata più un rischio ed
            un'ingenuità da parte di Microsoft. Dico
            davvero.Ms puntava su qualcosa di nuovo per far passare l'utenza al nuovo Windows,non poteva fare un clone di Windows 7, quindi ha cercato di attrarre l'utenza mettendo qualcosa di nuovo.Hanno però immesso cose superflue che l'utente o non usa o non gli piacciono,hanno reso Windows 8 un minestrone poco piacevole sia all'utente comune sia al professionista, di fatti è stato un flop.Con Windows 10 volevano correggere il tiro, però che facevano,scartavano quello che avevano fatto su win 8 ? Sarebbe stato ammettere la propria sconfitta e i propri errori, così hanno cercato di limare qualcosa un po' qui e un po' la,il risultato però non è stato granchè visto che ti ritrovi una sorta di ibrido tra il vecchio e il nuovo.
            Il loro programma era chiaramente questo:
            1) Creare un framework che permettesse di avere
            app Metro che funzionassero ovunque (Universal
            Apps)E non ci sono riusciti, tanto che alla fine quelle app sono snobbate e vengono usate quelle classiche.
            2) Creare dei bridge per permettere il port
            facile da Android e
            iOSAlla fine ci hanno rinunciato.
            3) Sfruttare il monopolio del desktop per far
            diventare Metro un target
            rilevantee lanciare il mobile, anche qui hanno fallito.
            4) Utilizzare Continuum per far diventare anche
            Windows 10 Mobile un grosso
            competitorCome sopra.
            Non è che la gente non ha voluto Windows 8 perché
            non c'era il tasto
            start.Mi ricordo ancora il loro studio che il menu start non veniva praticamente più usato,poi...
            Questo perché il regno di Windows è sempre stato
            quello delle API Win32 e del legacy supportato,
            perché la retrocompatibilità era l'unico modo per
            mantenere le persone fedeli alla loro
            piattaforma.
            Di conseguenza, le Universal Apps erano un flop
            ancor prima di cominciare, perché si basavano
            sull'assunto infondato che tutti le avrebbero
            usate.già...
            E difatti il mercato non si è smosso di una
            virgola e Windows 10 Mobile continua ad essere
            irrilevante.
            Tuttavia, il rischio e la loro ingenuità li sta
            portando a perdere pure il
            desktop.
            E la cosa peggiore è che l'avversario non è Linux
            o OS X, che hanno le loro quote, e sono utenti a
            cui di Windows frega
            poco.
            Il loro competitor è Windows stesso! Si stanno
            facendo concorrenza in
            casa.Già tipo XP e 7 :DQuesto però deriva anche da un altro fattore, la sovrapposizione dei Windows precedenti ancora supportati.
            Ecco perché IMHO Nadella sta cercando di
            affrettarsi a cambiare rotta con il resto dello
            stack e cercare di creare un business viabile per
            l'azienda in un mondo che si è lasciato Windows
            alle spalle. Non hanno più
            alternative.Non credo ci riuscirà. Sta provando tante vie che alla fine non portano a nulla.
            E dirò anche un'altra cosa: se cacciano via
            Nadella e tornano ad una politica in stile
            Ballmer, per Microsoft IMHO sarà davvero la
            fine.Quello sarebbe autolesionismo puro.
          • Il fuddaro scrive:
            Re: voglia smodata di windows 10
            - Scritto da: peppino
            - Scritto da: xx tt

            Ma questo gli azionisti lo sanno e ne
            terranno

            conto quando sarà ora di tirare le somme (e i

            calcioni) col

            Padella.

            Il tempo è galantuomo.
            Onestamente non penso che il Padella verrà
            cacciato tanto facilmente, considerando che IMHO
            sta cercando di salvare
            Microsoft.

            Se MS sta facendo certe politiche la colpa non è
            del Padella, ma del panzone XXXXXXXXX che ha
            portato l'azienda quasi al collasso, con il mondo
            mobile che quando sente Windows Phone ride a
            crepapelle, e col desktop che sul piastrell8 ha
            dato un bel calcio nel sedere a Microsoft e se
            n'è rimasta su 7 e
            XP.

            Windows 10 non è solo uno spyware, ma proprio
            l'emblema della crisi profonda
            dell'azienda.
            Un compromesso orribile che sembra sperare di
            attrarre gli utenti con la scusa di un look &
            feel che ricorda (molto) vagamente Windows 7 in
            modo da cercare di veicolare l'adozione di Metro
            e quindi dare a Windows 10 Mobile la possibilità
            di riprendere
            quote.

            Ma mi pare che questo patetico tentativo non stia
            dando i frutti sperati: alla gente Windows 10 non
            sembra piacere più di
            tanto.
            E la stupidaggine della telemetria a tutto campo
            è stato il colpo di
            grazia.
            Windows 10 Mobile continua a non filarselo
            nessuno. E tutto è rimasto
            com'era.
            Non che ci fosse bisogno di ulteriori conferme,
            dato che chiunque con un po' di sale in zucca
            avrebbe potuto prevedere uno scenario
            simile.

            Di conseguenza fallita la strategia dello
            "spingiamo Windows ovunque", il Padella ha tolto
            Windows dalla lista del "salviamo il salvabile" e
            IMHO sta pensando di trasformare Microsoft in un
            <i
            cloud & services provider </i

            portando le sue tecnologie di punta (SQL Server)
            su Linux, che è il padrone di casa quando si
            tratta di cloud ed infrastrutture high-end, e
            supportando quest'ultimo in quanto è la sua
            maggiore fonte di guadagno nel cloud (il 60% di
            Azure è il mano a
            Linux).

            Questa è come la vedo io. :)Spiegagliela a qualcuno che ha l'avatar di una faccia da fesso, ma XXXXXXXto nero, che crede il contrario.Che poi a ben guardare win10 non e altro che piastrellotto(ovvero win7 con una grafica per XXXXXXXXX), con un nuovo layer grafico messo alla bella e buona sopra una 'vecchia' base di win 7.Il tutto si riduce a una doppia rindondanza di tutto, dal pannello di controllo, al' amministrazione di sistema, alla gestione periferiche e cosi via via.Ma coma disse mio cognato, altro idiota che giudica un os dai colori: E un windows più bello! Degno del miglior YeHH, YeHH, Developer Ballman. (rotfl)
        • Max scrive:
          Re: voglia smodata di windows 10
          Ma che stai a di? Mai sentito parlare di Installation ID? No eh? ;)L'installation ID NON cambia con l'upgrade, ergo il sistema risulterà ancora con l'OS originale e non Win10...Al solito, parli di cose che non conosci.
    • ... scrive:
      Re: voglia smodata di windows 10
      - Scritto da: bancai
      quindi secondo questa ricerca la gente avrebe
      fatto carte false pur di avere un pc nuovo con
      windows 10
      ...so che su un sito dove predominano i postatori pro-apple e' quasi una bestemmia dirlo, ma l'unica cosa per la quale ho una voglia smodata e' la cara vecchia, ormai-fuori-moda (per gli altri ma non per me) F-|-G-4! e se porta una amica e' pure meglio che si fa in tre!
  • Etype scrive:
    Surf Ace
    "Il modello Microsoft Surface, in sostanza, è destinato a fagocitare ben il 30 per cento delle vendite all'ingrosso di tablet entro il 2020."Ma dove ? Semmai quelli della concorrenza visti i prezzi del surface.
    • Al3xI98O scrive:
      Re: Surf Ace
      Ho pensato la stessa identica cosa! Costa un botto!!
    • jjletho scrive:
      Re: Surf Ace
      infatti parla di modello, non di prodotto.. e comunque è proprio quello che vuol ms. Tracciare la strada per vendere sistemi 2in1 con w10 invece che ipad o tablet android
      • MacUserFrom 89 scrive:
        Re: Surf Ace
        - Scritto da: jjletho
        infatti parla di modello, non di prodotto.. e
        comunque è proprio quello che vuol ms. Tracciare
        la strada per vendere sistemi 2in1 con w10 invece
        che ipad o tablet androidHai notato bene, si tratta del tentativo di sostituire il 2in1 come modello al tablet puro.Per ora Apple resiste. Secondo me sbaglia visto che è pure forte di un brevetto del 2008 (http://www.patentlyapple.com/patently-apple/2013/04/finally-apple-reveals-their-hybrid-notebook-tablet-details.html) che per quanto "grezzo" già preconizzava l'ipotesi che gli sviluppi ARM avrebbero permesso un uppercase multifunzionale.Tornando ai PCWindows a me pare che siano molto più sensati quelli impostati su hardware minore, fanless, piuttosto che i "tradizionali" impostati sui core 5 o 7 ma ancora condizionati pesantemente dalla dissipazione attiva che si mangia spazi ed energia. Il punto è che Intel sta ingannando parecchio sui suoi progressi, essi sono dovuti più a nuove tecnologie "altre" dal suo solo proXXXXX produttivo (DDR4 ed SSD PCIe). Il fatto, oltre a W10 che si rivela controproducente, è che i limiti intrinseci di x86 sono sempre più determinantii.
        • ... scrive:
          Re: Surf Ace
          - Scritto da: MacUserFrom 89
          - Scritto da: jjletho

          infatti parla di modello, non di prodotto.. e

          comunque è proprio quello che vuol ms.
          Tracciare

          la strada per vendere sistemi 2in1 con w10
          invece

          che ipad o tablet android

          Hai notato bene, si tratta del tentativo di
          sostituire il 2in1 come modello al tablet
          puro.
          Per ora Apple resiste. Secondo me sbaglia visto
          che è pure forte di un brevetto del 2008
          (http://www.patentlyapple.com/patently-apple/2013/
          Tornando ai PCWindows a me pare che siano molto
          più sensati quelli impostati su hardware minore,
          fanless, piuttosto che i "tradizionali" impostati
          sui core 5 o 7 ma ancora condizionati
          pesantemente dalla dissipazione attiva che si
          mangia spazi ed energia. Il punto è che Intel sta
          ingannando parecchio sui suoi progressi, essi
          sono dovuti più a nuove tecnologie "altre" dal
          suo solo proXXXXX produttivo (DDR4 ed SSD PCIe).
          Il fatto, oltre a W10 che si rivela
          controproducente, è che i limiti intrinseci di
          x86 sono sempre più
          determinantii.un 4 core RK3288 @28nm quarzato a 1.4Ghz di clock (temmeno riepido se lo tocchi, inutile perfino il dissipatore passivo) con 4Gram BASTA-E-AVANZA su qualunque PC a meno che non si parli di cose tipo gaming, rendering pesante, etc.ormai l'X86 ha senso solo in una nicchia prestazionale, punto e basta. e intel si caga addosso, deve inventarsi le peggio marchettate, corrompere e minacciare (lo ha gia' fatto, cercate le notizie di qualche mese fa) se no non stara' a galla da adesso a 5 anni.
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            Mah ... sulla resistenza di Intel sulla distanza non sarei così drastico.Ora sembra che stia tirando fuori dal suo capiente cassetto di invenzioni (prudentemente centellinate nel loro rilascio ... aggiornamenti Thunderbolt docent) la tecnologia Optane e quindi un nuovo step velocistico si raggiungerà, ma non certo grazie a progressi x86 o della litografia.Zen potrebbe essere la sua Caporetto ... sempre che le aspettative sull'ultima creazione di Jim Keller non siano tremendamente esagerate.
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            E' talmente preoccupata Intel che ha i suoi Atom su smartphone,tablet e andando più si,tutti i convertibili...
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Etype
            E' talmente preoccupata Intel che ha i suoi Atom
            su smartphone,tablet e andando più si,tutti i
            convertibili...Per quel che so Intel ha fornito i Bay-Trail sottocosto perdendo circa 1 miliardo di dollari a trimestre per parecchi trimestri fino ad accorpare le divisioni Mobile e PC Client per nascondere la voragine che quella politica aveva generato (Intel è una delle corporation che spicca la maggior percentuale di utili sul fatturato, nell'ordine di oltre il 55%)Coi Cherry Trail sembra aver cambiato politica, ma pare che gli OEM abbiano calato in modo drasticamente significativo i loro ordinativi rivolgendosi a prodotti ARM.Dimenticavo una fonte a corroborare quanto esposto: http://www.bitsandchips.it/informativa-sull-uso-dei-cookie/13-mobile/5805-intel-interrompe-i-contra-revenue-per-i-tablet-x86-e-le-vendite-nel-2015-precipitano-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2016 15.41-----------------------------------------------------------
          • bubba scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: MacUserFrom 89
            - Scritto da: Etype

            E' talmente preoccupata Intel che ha i suoi
            Atom

            su smartphone,tablet e andando più si,tutti i

            convertibili...

            Per quel che so Intel ha fornito i Bay-Trail
            sottocosto perdendo circa 1 miliardo di dollari a
            trimestre per parecchi trimestri fino ad
            accorpare le divisioni Mobile e PC Client per
            nascondere la voragine che quella politica aveva
            generato (Intel è una delle corporation che
            spicca la maggior percentuale di utili sul
            fatturato, nell'ordine di oltre il
            55%)
            Coi Cherry Trail sembra aver cambiato politica,
            ma pare che gli OEM abbiano calato in modo
            drasticamente significativo i loro ordinativi
            rivolgendosi a prodotti
            ARM.

            Dimenticavo una fonte a corroborare quanto
            esposto:
            http://www.bitsandchips.it/informativa-sull-uso-de
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 16 marzo 2016 15.41
            --------------------------------------------------certo che a legger li', intel sembra disperata.... vuole assssolutamente dei SoC x86 cheap per mobile (tanto da dare in mano quasi tutto a RockChip e tmsc) e sinceramente non so perche'...... nel senso che poi li vuole spingere con android.... e andro sta tanto bene dove sta (ARM). Troverei piu' interessante un tablet x86 dove funge BENE linux (e en-passant viene nominato anche win/android...)
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: bubba
            certo che a legger li', intel sembra
            disperata.... vuole assssolutamente dei SoC x86
            cheap per mobile (tanto da dare in mano quasi
            tutto a RockChip e tmsc) e sinceramente non so
            perche'...... nel senso che poi li vuole
            spingere con android.... e andro sta tanto bene
            dove sta (ARM). Troverei piu' interessante un
            tablet x86 dove funge BENE linux (e en-passant
            viene nominato anche
            win/android...)Se c'è una cosa certa è che le informazioni sono scarse. Appunto i "giochi di bilancio" hanno occultato sia i passati buchi che l'effettivo peso della continuazione della politica dei contra-revenue. Un altro articolo che cerca di attualizzare r di dare più respiro al discorso:http://www.bitsandchips.it/informativa-sull-uso-dei-cookie/13-mobile/5768-sofia-4g-posticipati-al-1q16-i-sofia-14nm-al-4q16Di sicuro, riguardo Intel, c'è che la distanza fra i roboanti proclami e la concreta realtà delle cose si fa sempre più consistente.Per dire: Apple attende da tempo i proXXXXXri, per i suoi portatili, Skylake con GPU Iris Pro 580. Ho fatto un confronto fra il TDP degli attuali Haswell (22 nm) e quello dei "papabili" Skylake ed ho trovato che esso cala da 47W a 45W :-o http://ark.intel.com/it/compare/93336,88972,93340,83503,83504,83505... cioè 2 generazioni, nuovo proXXXXX produttivo, transistor 3D, meraviglia dei risparmi energetici e ... 2 soli watt in meno con calo del clock della GPU, memorie più performanti con maggior banda nel quadro di SSD più performanti ...Non è che Intel sia disperata in relazione al settore mobile ... sembra che sia disperata in tutto quel che è x86 visto che ha ufficialmente dichiarato che non ci si deve più aspettare alcun tipo d'incremento prestazione nel futuro dei suoi prodotti.
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: MacUserFrom 89
            Per dire: Apple attende da tempo i proXXXXXri,
            per i suoi portatili, Skylake con GPU Iris Pro
            580. Ho fatto un confronto fra il TDP degli
            attuali Haswell (22 nm) e quello dei "papabili"
            Skylake ed ho trovato che esso cala da 47W a 45W
            :-oQuindi ti aspettavi 20W ? :D
            ... cioè 2 generazioni, nuovo proXXXXX
            produttivo, transistor 3D, meraviglia dei
            risparmi energetici e ... 2 soli watt in meno con
            calo del clock della GPU, memorie più performanti
            con maggior banda nel quadro di SSD più
            performanti
            ...Guarda che la differenza tra i 2 è di soli 8nm ,mica di 20nm.Tu buttali 2W di consumo in meno su un portatile.
            Non è che Intel sia disperata in relazione al
            settore mobile ... sembra che sia disperata in
            tutto quel che è x86 visto che ha ufficialmente
            dichiarato che non ci si deve più aspettare alcun
            tipo d'incremento prestazione nel futuro dei suoi
            prodotti.Mai quanto era disperata Apple per passare ad Intel (rotfl)
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Etype
            Quindi ti aspettavi 20W ? :DIn 2 generazioni, 2 step Tick Tock ed uno architetturale, ottenere un TDP che nemmeno raggiunge il 5% di miglioramento a me pare in totale contraddizione con qualsiasi tonante dichiarazione di Intel sui successi conseguiti.
            Guarda che la differenza tra i 2 è di soli 8nm ,mica di 20nm.
            Tu buttali 2W di consumo in meno su un portatile.Hai un'idea dei progressi dei SoC A(n) al passare dai 28 nm (2013) ai 20 nm (2014) e ora ai 16 nm (totale -12 nm)? Al confronto sono i "qualche punto percentuale" di Intel da Sandy Bridge a Skylake in 5 anni (-18 nm) che fanno davvero sorridere.
            Mai quanto era disperata Apple per passare ad
            Intel (rotfl)Ma che c'azzecca?Quel passaggio in 10 mesi di tutta quanta la gamma da una piattaforma ad un'altra (16 mesi dall'annuncio) testimonia che proprio parlare di disperazione è quanto di più impreciso si possa mai fare. Ci furono previsione (quinquennale) programmazione e tempismo come mai nella storia del settore IT.
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: MacUserFrom 89
            In 2 generazioni, 2 step Tick Tock ed uno
            architetturale, ottenere un TDP che nemmeno
            raggiunge il 5% di miglioramento a me pare in
            totale contraddizione con qualsiasi tonante
            dichiarazione di Intel sui successi
            conseguiti.Puoi sempre andare tu in Intel a fare di meglio :D
            Hai un'idea dei progressi dei SoC A(n) al passare
            dai 28 nm (2013) ai 20 nm (2014) e ora ai 16 nm
            (totale -12 nm)? Al confronto sono i "qualche
            punto percentuale" di Intel da Sandy Bridge a
            Skylake in 5 anni (-18 nm) che fanno davvero
            sorridere.A parte che gli ARM sono RISC e gli X86 CISC,su ARM si spinge di più perchè devono risiedere su piccoli device a batteria oltre per una questione di marketing (compra il mio nuovo smartphone più potente).Sono fasi che il mondo delle CPU per computer ha attraversato tanti anni fa,infatti quello era il loro periodo d'oro.
            Ma che c'azzecca?Oh si che c'azzecca altrimenti rimaneva sui PowerPC :D
            Quel passaggio in 10 mesi di tutta quanta la
            gamma da una piattaforma ad un'altra (16 mesi
            dall'annuncio) testimonia che proprio parlare di
            disperazione è quanto di più impreciso si possa
            mai fare. Ci furono previsione (quinquennale)
            programmazione e tempismo come mai nella storia
            del settore
            IT.Nooo stavano solo perdendo di brutto con la concorrenza X86,l'alternativa era il fallimento :D
        • Mario scrive:
          Re: Surf Ace
          - Scritto da: MacUserFrom 89
          - Scritto da: jjletho

          infatti parla di modello, non di prodotto.. e

          comunque è proprio quello che vuol ms.
          Tracciare

          la strada per vendere sistemi 2in1 con w10
          invece

          che ipad o tablet android

          Hai notato bene, si tratta del tentativo di
          sostituire il 2in1 come modello al tablet
          puro.
          Per ora Apple resiste. Secondo me sbaglia visto
          che è pure forte di un brevetto del 2008
          (http://www.patentlyapple.com/patently-apple/2013/Fino a quando non avrá una interfaccia che passa da quella di OSX a quella di iOS, (anche per le applicazioni) quando stacchi la tastiera, non lo fará
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Mario
            - Scritto da: MacUserFrom 89
            ....

            Per ora Apple resiste. Secondo me sbaglia

            visto che è pure forte di un brevetto del 2008

            (http://www.patentlyapple.com/patently-apple/2013/

            Fino a quando non avrá una interfaccia che
            passa da quella di OSX a quella di iOS, (anche
            per le applicazioni) quando stacchi la tastiera,
            non lo faráHai perfettamente ragione.Però la questione è, diciamo così ..., di scelte politiche e non affatto tecnica. Non solo si sa di esperimenti condotti con cluster di A7 in iMac e Mac Mini con OS X in versione ARM, ma tutta la storia di Swift è li a dimostrare che lato software l'evoluzione degli A(n) negli anni (ormai parecchi) è stata accompagnata da quella parallela degli strumenti di scrittura e riscrittura di OS ed Applicazioni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2016 14.09-----------------------------------------------------------
          • Mario scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: MacUserFrom 89
            - Scritto da: Mario

            - Scritto da: MacUserFrom 89

            ....


            Per ora Apple resiste. Secondo me
            sbaglia


            visto che è pure forte di un brevetto
            del
            2008



            (http://www.patentlyapple.com/patently-apple/2013/



            Fino a quando non avrá una interfaccia
            che

            passa da quella di OSX a quella di iOS,
            (anche

            per le applicazioni) quando stacchi la
            tastiera,

            non lo fará

            Hai perfettamente ragione.
            Però la questione è, diciamo così ..., di scelte
            politiche e non affatto tecnica. Non solo si sa
            di esperimenti condotti con cluster di A7 in iMac
            e Mac Mini con OS X in versione ARM, ma tutta la
            storia di Swift è li a dimostrare che lato
            software l'evoluzione degli A(n) negli anni
            (ormai parecchi) è stata accompagnata da quella
            parallela degli strumenti di scrittura e
            riscrittura di OS ed
            Applicazioni.
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 16 marzo 2016 14.09
            --------------------------------------------------È più di una scelta politica, OSX ha un file system, iOS no, quindi o lo mettono a iOS o lo tolgono a OSX
          • Mario scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Mario
            - Scritto da: MacUserFrom 89

            - Scritto da: Mario


            - Scritto da: MacUserFrom 89


            ....



            Per ora Apple resiste. Secondo me

            sbaglia



            visto che è pure forte di un
            brevetto

            del

            2008






            (http://www.patentlyapple.com/patently-apple/2013/





            Fino a quando non avrá una
            interfaccia

            che


            passa da quella di OSX a quella di iOS,

            (anche


            per le applicazioni) quando stacchi la

            tastiera,


            non lo fará



            Hai perfettamente ragione.

            Però la questione è, diciamo così ..., di
            scelte

            politiche e non affatto tecnica. Non solo si
            sa

            di esperimenti condotti con cluster di A7 in
            iMac

            e Mac Mini con OS X in versione ARM, ma
            tutta
            la

            storia di Swift è li a dimostrare che lato

            software l'evoluzione degli A(n) negli anni

            (ormai parecchi) è stata accompagnata da
            quella

            parallela degli strumenti di scrittura e

            riscrittura di OS ed

            Applicazioni.


            --------------------------------------------------

            Modificato dall' autore il 16 marzo 2016
            14.09


            --------------------------------------------------
            È più di una scelta politica, OSX ha un file
            system, iOS no, quindi o lo mettono a iOS o lo
            tolgono a
            OSXFile manager volevo dire
          • maxsix scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Mario
            - Scritto da: Mario

            - Scritto da: MacUserFrom 89


            - Scritto da: Mario



            - Scritto da: MacUserFrom 89



            ....




            Per ora Apple resiste.
            Secondo
            me


            sbaglia




            visto che è pure forte di un

            brevetto


            del


            2008










            (http://www.patentlyapple.com/patently-apple/2013/







            Fino a quando non avrá una

            interfaccia


            che



            passa da quella di OSX a quella di
            iOS,


            (anche



            per le applicazioni) quando
            stacchi
            la


            tastiera,



            non lo fará





            Hai perfettamente ragione.


            Però la questione è, diciamo così ...,
            di

            scelte


            politiche e non affatto tecnica. Non
            solo
            si

            sa


            di esperimenti condotti con cluster di
            A7
            in

            iMac


            e Mac Mini con OS X in versione ARM, ma

            tutta

            la


            storia di Swift è li a dimostrare che
            lato


            software l'evoluzione degli A(n) negli
            anni


            (ormai parecchi) è stata accompagnata da

            quella


            parallela degli strumenti di scrittura e


            riscrittura di OS ed


            Applicazioni.





            --------------------------------------------------


            Modificato dall' autore il 16 marzo 2016

            14.09





            --------------------------------------------------

            È più di una scelta politica, OSX ha un
            file

            system, iOS no, quindi o lo mettono a iOS o
            lo

            tolgono a

            OSX
            File manager volevo direChe a onor del vero è una mera applicazione anche quella.Si chiama Finder.
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Mario
            File manager volevo direCome ha già precisato <b
            maxsix </b
            il Finder è un'applicazione. Ricompilarla per iOS con Swift credo possa essere un lavoro persino semplice ... ma la questione non è quella. Mi pare logico che una volta installato OS X su ARM poi tutte le applicazioni di iOS possono tranquillamente girare in autonomia come se fossero dei Widget gestendo i loro file come fanno abitualmente in iOS. Questo sia in una finestra dedicata che a tutto schermo secondo le preferenze dell'utente.
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Mario
            È più di una scelta politica, OSX ha un file
            system, iOS no, quindi o lo mettono a iOS o lo
            tolgono a OSXMi sa che non hai le idee chiare.È ovvio che un OS non può nemmeno esistere senza un file system ... e quel che si può fare è solo <b
            renderlo accessibile </b
            ... oppure <b
            no </b
      • Etype scrive:
        Re: Surf Ace
        Ci sono già tablet con Windows ma li fa già la concorrenza e costano meno, per non parlare dei convertibili che ci sono già da tempo.Android non lo scalzi, l'utente avrà lo stesso sistema dello smartphone, quindi niente di nuovo, a differenza di iPad esiste Android X86 già installato su alcuni tablet ;)
    • Darth Vader scrive:
      Re: Surf Ace
      - Scritto da: Etype
      "Il modello Microsoft Surface, in sostanza, è
      destinato a fagocitare ben il 30 per cento delle
      vendite all'ingrosso di tablet entro il
      2020."

      Ma dove ? Semmai quelli della concorrenza visti i
      prezzi del
      surface.Concordo: Surface è troppo caro.
      • Il fuddaro scrive:
        Re: Surf Ace
        - Scritto da: Darth Vader
        - Scritto da: Etype

        Concordo: Surface è troppo caro. E win10 e una presa in giro.
        • Cortigiana scrive:
          Re: Surf Ace
          E di Winzooz 10 Spyware Edition che si installa a tradimento senza che ci si possa opporre ne vogliamo parlare?Adesso diranno che hanno fatto un errore! L'ennemillesimo :D
          • xx tt scrive:
            Re: Surf Ace

            Adesso diranno che hanno fatto un errore!
            L'ennemillesimoMa una class action contro la M$ non si può proprio fare?I suoi "aggiornamenti forzati" costano parecchio in termini di tempo e soprattutto di compensi per i tecnici da parte di chi non è in grado di piallare il SO da solo
          • panda rossa scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt

            Adesso diranno che hanno fatto un errore!

            L'ennemillesimo

            Ma una class action contro la M$ non si può
            proprio
            fare?

            I suoi "aggiornamenti forzati" costano parecchio
            in termini di tempo e soprattutto di compensi per
            i tecnici da parte di chi non è in grado di
            piallare il SO da
            soloChi non e' in grado di piallare il SO da solo, o impara o si da' alla zappa.La gente quando era analfabeta ha imparato a scrivere e nessuno ha mai preteso che la Bic facesse penne a prova di analfabeta.Lo stesso deve valere per i computer.O la gente impara ad usarli o non li usa!
          • seven scrive:
            Re: Surf Ace
            I mestieri non sono binari.E neanche il mondo lo è.
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: seven
            I mestieri non sono binari.
            E neanche il mondo lo è.Ma molte cose lo sono.
          • seven scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: seven

            I mestieri non sono binari.

            E neanche il mondo lo è.

            Ma molte cose lo sono.Sono semplificazioni, adatte per la limitata mente umana.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: panda rossa
            Chi non e' in grado di piallare il SO da solo, o
            impara o si da' alla
            zappa.

            La gente quando era analfabeta ha imparato a
            scrivere e nessuno ha mai preteso che la Bic
            facesse penne a prova di
            analfabeta.
            Lo stesso deve valere per i computer.
            O la gente impara ad usarli o non li usa!Parla per te! :@A me tutti i babbuini che non sanno nemmeno formattare un SO mi fanno guadagnare degli ottimi extra!L'hanno scorso ho giusto portato in vacanza la morosa in Madagascar.Lascia che continuino così.Anzi, che aggiornino tutti a Windows 10, così poi vengono in massa a chiedermi di fare downgrade.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: nome e cognome
            L'hanno scorso ho giusto portato in vacanza la
            morosa in
            Madagascar.s/hanno/anno
          • panda rossa scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: nome e cognome
            - Scritto da: panda rossa

            Chi non e' in grado di piallare il SO da
            solo,
            o

            impara o si da' alla

            zappa.



            La gente quando era analfabeta ha imparato a

            scrivere e nessuno ha mai preteso che la Bic

            facesse penne a prova di

            analfabeta.

            Lo stesso deve valere per i computer.

            O la gente impara ad usarli o non li usa!
            Parla per te! :@
            A me tutti i babbuini che non sanno nemmeno
            formattare un SO mi fanno guadagnare degli ottimi
            extra!
            L'hanno scorso ho giusto portato in vacanza la
            morosa in
            Madagascar.

            Lascia che continuino così.
            Anzi, che aggiornino tutti a Windows 10, così poi
            vengono in massa a chiedermi di fare
            downgrade.Perche' tu hai un tornaconto.Per me invece e' il contrario: se non ci fosse questa massa informe di utonti, ma avessero tutti la consapevolezza di risolversi le problematiche lato client in autonomia, io potrei dedicare ai server il 100% del mio tempo.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Surf Ace

            lato client in autonomia, io potrei dedicare ai
            server il 100% del mio
            tempo.Ma non dicevi che i tuoi server non richiedono interventi?
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            Ma una class action contro la M$ non si può
            proprio
            fare?Se non ti piace non lo installi o semplicemente passi ad altro
            I suoi "aggiornamenti forzati" costano parecchio
            in termini di tempo e soprattutto di compensi per
            i tecnici da parte di chi non è in grado di
            piallare il SO da
            soloImparare è troppo difficile ?Se anche uno non lo sa fare basta cercare su internet.
          • xx tt scrive:
            Re: Surf Ace

            Se non ti piace non lo installi o semplicemente
            passi ad
            altroQui non si sta parlando di un'azione attiva (installazione). Si sta parlando di un qualcosa di passivo: l'utonto che sta usando win7 e si ritrova forzosamente la spyEdition.Stiamo parlando del reato di frode informatica:https://it.wikipedia.org/wiki/Frode_informatica"Il delitto di frode informatica è commesso da "chiunque", alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o INTERVENENDO SENZA DIRITTO con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti, PROCURA A SÉ O AD ALTRI UN INGIUSTO PROFITTO CON ALTRUI DANNO"-nella EULA del win7 non mi pare ci sia scritto di potermi rifilare la spyEditio a tradimento-il profitto per la M$ è la raccolta dati degli utenti (quantomeno con la telemetria non disabilitabile)-il danno per l'utonto è il dover piallare o subire. SENZA aver accettato tutto questo con una qualche EULA
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            Qui non si sta parlando di un'azione attiva
            (installazione). Si sta parlando di un qualcosa
            di passivo: l'utonto che sta usando win7 e si
            ritrova forzosamente la
            spyEdition.Ah l'utonto, nulla gli vieta però di fare una ricerca su internet e porvi rimedio.
            Stiamo parlando del reato di frode informatica:
            https://it.wikipedia.org/wiki/Frode_informatica
            "Il delitto di frode informatica è commesso da
            "chiunque", alterando in qualsiasi modo il
            funzionamento di un sistema informatico o
            telematico o INTERVENENDO SENZA DIRITTO con
            qualsiasi modalità su dati, informazioni o
            programmi contenuti in un sistema informatico o
            telematico o ad esso pertinenti, PROCURA A SÉ O
            AD ALTRI UN INGIUSTO PROFITTO CON ALTRUI
            DANNO"si ok, ed io aggiungerei anche il ridicolo vanto di Ms quando dice che Win 10 si trova su milioni di computer e quindi è un sucXXXXXne.
            -nella EULA del win7 non mi pare ci sia scritto
            di potermi rifilare la spyEditio a
            tradimentoEh se pensi all'EULA di Windows allora stiamo freschi.In tutto è scritto in maniera così vaga e generalizzata che in pratica tutto è permesso,oltre a renderti conto che in pratica non sei padrone di nulla.
            -il profitto per la M$ è la raccolta dati degli
            utenti (quantomeno con la telemetria non
            disabilitabile)Si questo è vero.
            -il danno per l'utonto è il dover piallare o
            subire. SENZA aver accettato tutto questo con una
            qualche
            EULAMa l'utonto si dovrebbe informare anziché prendere tutto alla leggera.
          • xx tt scrive:
            Re: Surf Ace

            Ma l'utonto si dovrebbe informare anziché
            prendere tutto alla
            leggera.E quando si è informato, cosa fa?Spesso non ci sono reali alternative al monopolio di Redmond. Monopolio creato esattamente rendendo winzozz+office pseudo obbligatori.IMHO qualcosa sta per cambiare con i SO alla QubeOS, che permettono SO multipli da usarsi contemporaneamente.Tipo questo screenshot:https://www.qubes-os.org/attachment/wiki/QubesScreenshots/r2b3-windows-seamless-1.pngCosì l'utonto potrebbe avere winzozz sotto controllo: in caso di installazione forzata di qualcosa di indesiderato o virus, basterà fare clic su un pulsantone per ripristinare la snapshot di qualche ora prima, e si torna al winzozz precedente. Il padrone non è più a Redmond, bensì tra la tastiera e il monitor.Il concetto di malware potrebbe essere superato: la VM dove navighi (collegata alla rete) è separata da quella dove hai i documenti (e che non è collegata alla rete).Inoltre ogni volta che apri un software, viene creata una VM temporanea: quando hai finito la VM viene cestinata assieme a tutti i malware che tu possa aver preso. Sarebbe abbastanza dura per i produttori di malware, perché alla fine passano quasi sempre per una pagina web.
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            E quando si è informato, cosa fa?Non aggiorna a Win 10 per esempio.
            Spesso non ci sono reali alternative al monopolio
            di Redmond. Monopolio creato esattamente rendendo
            winzozz+office pseudo
            obbligatori.Questo perché la gente continua ad usarli supinamente.Se basi tutto il tuo lavoro su prodotti Ms è ovvio che non ne uscirai mai.Se vuoi un clone di Windows c'è ReactOS, in particolare quando passerà in beta.Per molte applicazioni ti basta Wine su Linux
            Così l'utonto potrebbe avere winzozz sotto
            controllo: in caso di installazione forzata di
            qualcosa di indesiderato o virus, basterà fare
            clic su un pulsantone per ripristinare la
            snapshot di qualche ora prima, e si torna al
            winzozz precedente.Per quello ci sono anche alte soluzioni come le sandbox
            Inoltre ogni volta che apri un software, viene
            creata una VM temporanea: quando hai finito la VM
            viene cestinata assieme a tutti i malware che tu
            possa aver preso. Sarebbe abbastanza dura per i
            produttori di malware, perché alla fine passano
            quasi sempre per una pagina
            web.Fino a quando non superano anche le VM, mica i produttori di malware rimangono guardare.
          • xx tt scrive:
            Re: Surf Ace

            Non aggiorna a Win 10 per esempio.Ma l'utonto non aggiorna a win10: è il suo winzozz che si autoaggiorna a tradimento.
            Questo perché la gente continua ad usarli
            supinamente.
            Se basi tutto il tuo lavoro su prodotti Ms è
            ovvio che non ne uscirai
            mai.Ma se il mercato è quello...cosa vuoi farci? Un corso obbligatorio per tutti di SO?
            Se vuoi un clone di Windows c'è ReactOS, in
            particolare quando passerà in
            beta.Campa cavallo...
            Per molte applicazioni ti basta Wine su LinuxTi basta anche la Virtualbox con un winXP
            Per quello ci sono anche alte soluzioni come le
            sandboxLe sandbox sono usate anche in QubeOS. Solo che si va oltre
            Fino a quando non superano anche le VM, mica i
            produttori di malware rimangono
            guardare.Non è detto che possano fare più di tanto. Alla fine sono alla mercé del clic dell'utonto o della falla del Flash.E poi dipende da che tipo di VM hai:http://theinvisiblethings.blogspot.ch/2012/09/how-is-qubes-os-different-from.htmlvedere sezione:"How is Qubes better than just running a bunch of VMs in VMWare or Virtual Box?"
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            Ma l'utonto non aggiorna a win10: è il suo
            winzozz che si autoaggiorna a
            tradimento.Ma se sai dove intervenire non aggiorna
            Ma se il mercato è quello...cosa vuoi farci? Un
            corso obbligatorio per tutti di
            SO?E che corso ti servirebbe ?
            Campa cavallo...Già oggi lo puoi usare.
            Ti basta anche la Virtualbox con un winXPMa così dovrai avere sempre Windows :D
            Non è detto che possano fare più di tanto. Alla
            fine sono alla mercé del clic dell'utonto o della
            falla del
            Flash.Non è detto neanche che non lo possano fare.
          • xx tt scrive:
            Re: Surf Ace

            Ma se sai dove intervenire non aggiornama allora non si parla più utonti
            E che corso ti servirebbe ?Per capire le qualità dei SO per scegliere meglio, ad esempio
            Già oggi lo puoi usare.Ma è una alfa. Dopo anni e anni non è ancora arrivata in beta. E per usarlo dovrei aspettare una versione stabile, in teoria.
            Ma così dovrai avere sempre Windows :DSe è sotto controllo e lo tiro fuori dal cassetto quando mi serve, perché no?
            Non è detto neanche che non lo possano fare.Già...ma finora quanti virus sono usciti dalle VM? E soprattutto: da quale tipo di VM sono uscite? (gestite dal SO principale/gestite a livello di macchina)Non sono tantissimi i modi di scappare da una VM e prima o poi verranno tappati tutti i buchi, perché si tratta di qualche infimo buchino, non del consueto colapasta.
          • Etype scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            ma allora non si parla più utontiSe vogliono rimanere in tale stato tutta la vita affari loro
            Per capire le qualità dei SO per scegliere
            meglio, ad
            esempioE internet non ti da nessun aiuto ?
            Ma è una alfa. Dopo anni e anni non è ancora
            arrivata in beta. E per usarlo dovrei aspettare
            una versione stabile, in
            teoria.Si è un alfa ma si può già usare co ni programmi più semplici e comuni,sarà stabile quando raggiungerà la versione beta.
            Se è sotto controllo e lo tiro fuori dal cassetto
            quando mi serve, perché
            no?Lo puoi fare già oggi con alcuni programmi.
            Già...ma finora quanti virus sono usciti dalle
            VM? E soprattutto: da quale tipo di VM sono
            uscite? (gestite dal SO principale/gestite a
            livello di
            macchina)Eh ma se è come dici alla fine incomincerà ad esserci un interesse verso quella direzione. Non è che chi scrive malware si arrende tanto facilmente.
            Non sono tantissimi i modi di scappare da una VM
            e prima o poi verranno tappati tutti i buchi,
            perché si tratta di qualche infimo buchino, non
            del consueto
            colapasta.Tutti non penso proprio, ci sarà sempre qualcosa di sfruttabile, poi come ho detto sopra l'interesse crescerà.
          • ... scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: Etype
            Si è un alfa ma si può già usare co ni programmi
            più semplici e comuni,sarà stabile quando
            raggiungerà la versione
            beta.Cioè mai.O forse tra altri dieci anni.E intanto il mondo va avanti.Ma piantala...
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            ...
            in caso di installazione forzata di
            qualcosa di indesiderato o virus, basterà fare
            clic su un pulsantone per ripristinare la
            snapshot di qualche ora prima, e si torna al
            winzozz precedente.Mi sembra persino un po' ridicolo da ricordare, ma questo non è altro che il tipo di sicurezza fornita da <b
            Time Machine </b
            (sistema di backup Apple) che sui Mac è in uso dall'ottobre 2007 (da Leopard) cioè oltre 8 anni.https://support.apple.com/it-it/HT201250
          • xx tt scrive:
            Re: Surf Ace
            Ma un conto è ripristinare il SO principale, un altro è ripristinare una VM. Specialmente se il SO principale è un allevamento di malware che neanche Pasteur quando faceva gli esperimenti...come fai a fidarti? Ripristinare una VM infetta da un SO principale sano, invece, è molto più sicuro.
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            Specialmente se il SO principale è un allevamento
            di malware ...L'ultimo malware per OS X (una versione di Linux.Encoder adattata) è stato distribuito con un aggiornamento "sostituito fraudolentemente" di un'applicazione di P2P dalle ore 20 italiane di venerdì 4 marzo 2016 ed è stato rimosso alle 4 di mattina di domenica 6 marzo 2016. Nel frattempo, dopo poche ore, era stato bloccato dagli strumenti integrati in OS X. Quindi è durato 32 ore, è stato scaricato da 6500 utenti e non ha creato problemi a nessuno di essi perché era programmato per agire dopo 3 giorni.Ci sono OS ed OS e ci sono Software House e Software House ...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 marzo 2016 00.03-----------------------------------------------------------
          • xx tt scrive:
            Re: Surf Ace

            Ci sono OS ed OS e ci sono Software House e
            Software HouseIn realtà non ci vorrebbe molto...tutti i malware dei winari arrivano da qualche link da cliccare.Il disastro che vediamo deriva dalla mania di far eseguire qualcosa a un browser. Perché un browser che è fatto per leggere debba anche inventarsi sistema-operativo lo sa solo zio Bill coi suoi maledettissimi ActiveX...
          • MacUserFrom 89 scrive:
            Re: Surf Ace
            - Scritto da: xx tt
            ...tutti i malware
            dei winari arrivano da qualche link da cliccare.Questo ransomware per OS X, KeRanger, era stato iniettato in una versione di Trasmissione (software di P2P) poi proditoriamente sostituita sul server degli sviluppatori (decisamente poco previdenti costoro).Quindi nessun link da cliccare, ma proprio un autentica maialata dall'inizio alla fine.Durata poco, però, perché grazie ad un attento monitoraggio dei tecnici d Palo Alto Networks, una società che si occupa di sicurezza, è stato scoperto nel giro di poche ore e debellato appunto in 32 ore totali.
    • ... scrive:
      Re: Surf Ace
      - Scritto da: Etype
      "Il modello Microsoft Surface, in sostanza, è
      destinato a fagocitare ben il 30 per cento delle
      vendite all'ingrosso di tablet entro il
      2020."qualunuqe cosa si stiano fumando, che la facciano girare perche deve essere proprio forte!
Chiudi i commenti