Blu, chieste condanne per top manager

I PM


Roma – I pubblici ministeri che seguono il caso dell’ex gestore di telefonia mobile Blu sulla vicenda dell’asta per le licenze UMTS hanno chiesto per i 19 amministratori dell’azienda che sia loro comminata una pena di un anno di reclusione, mille euro di multa e l’interdizione a stringere contratti con la PA per l’intera durata della pena.

I nomi degli imputati accusati dai PM per concorso in turbativa d’asta sono: Giancarlo Elia Valori, Enrico Casini e Angelo Milanello (Blu), Pasquale Pio Cannatelli (Mediaset), Davide Croff (ex Bnl), Francesco Gaetano Caltagirone e Fabio Gera (Gruppo Caltagirone), Gianni Mion (Edizioni Holding), Alberto Meomartini e Sergio Primus (Italgas), Bob Warner (British Telecom), Vito Gamberale (Autostrade), William Bruce Hicks (Vistacom), Luigi Cera e Ferdinand Willeit (Sitech), Giovanni Calabretta, Enzo Concina, Salvatore Pino e Agostino Spoglianti.

Per Luigi Abete e Gilberto Benetton i PM hanno invece chiesto l’assoluzione per non aver commesso il fatto.

Secondo i PM i manager coinvolti sapevano prima della partecipazione alla gara che avrebbero dovuto poi ritirarsi in modo da recuperare la fidejussione di 4mila miliardi di lire.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 12 2004
Link copiato negli appunti