Buongiorno Vitaminic compra Gsmbox

95,1 per cento


Roma – Raggiunto l’accordo definitivo per l’acquisizione del 95,1% del capitale sociale di Gsmbox SpA, tramite conferimento azionario che darà ai soci di Gsmbox circa 4,36 milioni di azioni Buongiorno Vitaminic er un controvalore, al prezzo di riferimento di ieri, di circa 7,2 milioni di Euro.

“L’operazione – si legge in una nota – rientra nella strategia di Buongiorno Vitaminic di consolidamento della propria leadership europea nel settore dei Mobile VAS, rafforzando la posizione di n.1 in Italia e di co-leader in Spagna”.

“Gsmbox – continua la nota – ha realizzato nel 2003 ricavi aggregati per 12,5 milioni di Euro, 900 mila Euro di Ebitda e ha generato cassa per oltre un milione di Euro. A seguito dell’operazione il gruppo Buongiorno Vitaminic prevede ricavi consolidati proforma per il 2004 pari a 80 milioni di Euro”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Open office...
    Dovrebbe essere lo standard in quanto open source e quindi accessibile alla maggior parte della popolazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Open office...
      Sono daccordo, ma secondo me la "patente per guidare un computer" non serve ... non è che tra un po' mettono anche i vigili ....
  • carbonio scrive:
    il paraocchi
    sembra che in italia chi gestisce, chi legifera, e chi amministra a qualsiasi titolo, cose che hanno a che fare con l'informatica, non abbia la più pallida idea di quello che fà, non capiscono niente della rete e si inventanoil deposito in biblioteca obbligatorio, non capiscono come funziona un provider e lo obbligano a controllare tutto il traffico, non capiscono niente di informatica ma creano una bella patente che fa spillare un bel pò di euro all'ignaro studente, che non impara come tenere aggiornato il pc, come metterlo in sicurezza, non insegna come inviare dei file senza che contengano informazioni private, non insegnano che se vuoi comunicare qualcosa non devi utilizzare un formato che sia leggibile solo da te (un esempio su tutti, il Programma di una Facoltà di scienze della Comunicazione!!!!!!! ) , non insegnano che se sparisce l'icona di IE dal desktop non è sparito internet, che crea solo degli utenti che sbatteranno il muso alla prima prova reale lavorativa (vedi i danni che riescono a fare robette innoque come Sasser et simila).
    • Anonimo scrive:
      Re: il paraocchi
      Le cultura informatica non e' delle persone che legiferano, dirigono (dirigenti aziendali), perche' nella sxtragrande maggioranza dei casi sono persone che si sono avvicinate al settiore per i piu' svariati motivi. I ministri perche' li mettono li' e si devono inventare qualcosa per giustificare il loro far nulla, i dirigenti per lo stesso motivo ma solo per prendere a fine mese un lauto stipendio dopo un mese di navigate su internet.Quindi non dobbiamo stupirci della realta' .....
      • Anonimo scrive:
        Re: il paraocchi
        - Scritto da: Anonimo
        Le cultura informatica non e' delle persone
        che legiferano, dirigono (dirigenti
        aziendali), perche' nella sxtragrande
        maggioranza dei casi sono persone che si
        sono avvicinate al settiore per i piu'
        svariati motivi. I ministri perche' li
        mettono li' e si devono inventare qualcosa
        per giustificare il loro far nulla, i
        dirigenti per lo stesso motivo ma solo per
        prendere a fine mese un lauto stipendio dopo
        un mese di navigate su internet.
        Quindi non dobbiamo stupirci della realta'
        .....EmeritaCertificazione perDenaro eLucro :p
        • Anonimo scrive:
          Re: il paraocchi

          Emerita
          Certificazione per
          Denaro e
          Lucro :pROTFLNon fa una piegaPerito Elettronico 17 anni di lavoro nel campoinformatico ...l'unica patente che ho e' la Patente B (-6 punti per semaforo rosso) saluti
  • Anonimo scrive:
    gli utonti non sanno la differenza
    tra OpenOffice e MsOffice,Ie e firefox (+adblock mi raccomando che i banner son odiosi)per cui se li inizierete con prodotti Open impareranno ad usare quelli.
  • Anonimo scrive:
    NON BASTA
    Deve essere dentro l' Open Source e Open-Office.Se no l' ECDL rimane una solenne CAZZATA!
    • Anonimo scrive:
      Re: NON BASTA
      mmm...L'ECDL è una solenne cazzata...questo a priori.Poi si può discutere sulla validità di farla anche con programmi Open Source. Anche se temo che la metà dei possessori di una simile ECDL direbbero che sanno pure "aprire il sorcio".Chi ha visto come si fa un esame ECDL o cmq ha lavorato con qualcuno provvisto di ECDL sa di cosa parlo...
      • Anonimo scrive:
        Re: NON BASTA
        - Scritto da: Anonimo
        mmm...
        L'ECDL è una solenne cazzata
        ...questo a priori.

        Poi si può discutere sulla
        validità di farla anche con programmi
        Open Source. Anche se temo che la
        metà dei possessori di una simile
        ECDL direbbero che sanno pure "aprire il
        sorcio".

        Chi ha visto come si fa un esame ECDL o cmq
        ha lavorato con qualcuno provvisto di ECDL
        sa di cosa parlo...ahhahahaahha...;););););););) dici che lo chiamerebbero OPEN SORCIO?! :| :|:|(troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: NON BASTA
        sacrosanto..per passare basta saper leggere ed essere dotati di un minimo di memoria visiva (tipo rain man).la cosa più fastidiosa è che l'ecdl (per esigenze "pratiche"??)non richiede un esame critico di quello che si sta facendo, basta fare il record, 30 domande in 4' 32'' e ca$$ate simili..mah
    • Anonimo scrive:
      Re: NON BASTA
      - Scritto da: Anonimo
      Deve essere dentro l' Open Source e
      Open-Office.
      Se no l' ECDL rimane una solenne CAZZATA!IMHO lo rimane lo stesso...Tu non devi insegnare ad usare Excel o Gnumeric, ma a saper utilizzare un foglio elettronico, in generale, con una buona padronanza.Questo lo renderà in grado di apprendere velocemente l'utilizzo di eventuali nuovo programmi che potrebbero essere usati in futuro.Altrimenti è e rimane una certificazione sul pacchetto Office di MS camuffata da patente europea. Ma fare lo stesso con StarOffice ha poco senso.E comunque i programmi ECDL mancano di tante cose, prima di tutto la sensibilizzazione alla sicurezza. Come escono dalle aule della regione si prendono il Blaster o il Sasser di turno...==================================Modificato dall'autore il 10/06/2004 0.49.34
      • Anonimo scrive:
        Re: NON BASTA
        Purtroppo l'ECDL non serve a nulla, ma continuano a richiederla come requisito preferenziale nei concorsi (in uno come tecnico informatico per la regione Calabria, è richiesta come requistio FONDAMENTALE !!). La gente la prende (in quel posto...) molto volentieri. Segue un corso sugli applicativi M$ (sfido a fargli un corso di sistemi OpenSource o di applicativi non-M$...si incavolerebbero) e poi, felice e giuliva, va a fere quella specie di quiz di sarabanda, con il tempo record e le risposte più giuste (ma se io voglio rinominare un file, ho almeno due modi di farlo, perché se non seguo le "istruzioni" mi risulta la domanda errata?).Molto più interessante sarebbe un corso generico, dove si introducono dei ocncetti di informatica generali che metteranno l'utente in grado di saper gestire autonomamente qualsiasi situazione (vedi : imparare un snovo software per office perche quello che usavamo prima ci ha stancato).I corsi di ECDL (ma i corsi di informatica in generale, fatti nel bel paese) mirano ad insegnare all'utente a diventare una scimmia. Imparano a memoria la posizione delle icone e cosa ad esse è associato. Provate a chidere una conversione da byte a kbyte e li vedrete in panico.La cosa migliore,se uno vuole imparare veramente,è seguire dei corsi privati dove, con la stessa cifra,non avrai una certificazione,ma se è fatto da gente seria almeno l?ABC te lo imparano.
Chiudi i commenti