C'è chi vuole sia Blu-ray che HD DVD

Thomson, uno dei colossi che ha appoggiato lo standard Blu-ray fin dall'inizio, ha deciso di mettere i piedi in un'altra staffa e supportare anche il formato rivale, già abbracciato da cinque studios di Hollywood
Thomson, uno dei colossi che ha appoggiato lo standard Blu-ray fin dall'inizio, ha deciso di mettere i piedi in un'altra staffa e supportare anche il formato rivale, già abbracciato da cinque studios di Hollywood


Manhasset (USA) – Nessuna scommessa azzardata da parte di Thomson sul mercato dei DVD di nuova generazione. Al contrario di quanto hanno fatto molti suoi rivali, schieratisi a favore dell’uno o dell’altro standard, il colosso dell’elettronica di consumo ha infatti deciso di investire su entrambi i formati in lotta, Blu-ray e HD DVD.

Per la fine del 2005 Thomson ha intenzione di avviare la produzione dei supporti ottici a laser blu, che commercializzerà attraverso il proprio business Tecnhicolor, e dei player HD DVD, che distribuirà con il proprio nome in Europa e con il marchio RCA negli USA e altri stati.

Il supporto di Thomson allo standard HD DVD ha destato un certo interesse fra gli analisti: il nome dell’azienda compare infatti tra i membri fondatori della Blu-ray Disc Association , il consorzio che sviluppa e promuove le specifiche alla base della tecnologia Blu-ray. Ma a sorprendere ancor di più è il fatto che la società abbia dato priorità alla commercializzazione dei player HD DVD: non sembra un caso, del resto, che Thomson abbia annunciato questa scelta dopo che, alla fine di novembre, cinque fra i più grossi studios americani hanno ufficialmente abbracciato lo standard HD DVD. Il produttore ha infatti spiegato di voler assicurare alle major cinematografiche la disponibilità dei primi lettori in tempo per le festività natalizie del 2005: in questo stesso periodo Paramount Pictures, Universal Pictures, New Line Cinema e Warner Bros Studios distribuiranno i loro primi film su HD DVD.

Sebbene partita in anticipo rispetto al suo diretto rivale, Blu-ray viene oggi vista dall’industria come una tecnologia maggiormente orientata al settore professionale e aziendale piuttosto che a quello consumer. Non bisogna tuttavia dimenticare eccezioni importanti come 20th Century Fox, Disney e Sony, che utilizzeranno Blu-ray per distribuire film in alta definizione. Sony, massima promotrice di Blu-ray, supporterà inoltre questo standard sulla sua prossima console da gioco , una mossa che potrebbe contribuire non poco alla diffusione di Blu-ray nei salotti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 12 2004
Link copiato negli appunti