Canone a basso traffico, indagini

L'Autorità delle TLC ha deciso di verificare le condizioni previste da Telecom Italia per chi chiede il riconoscimento del canone a basso traffico. Una agevolazione per chi non usa altri operatori


Roma – A quali condizioni si può ottenere da Telecom Italia il canone a basso traffico? E Telecom Italia pubblicizza abbastanza queste condizioni? Su questi due fronti, si è appreso ieri, l’Autorità TLC ha intenzione di investigare.

L’Authority per le garanzie nelle comunicazioni intende verificare se il tipo di contratto imposto da Telecom Italia non causi danni agli utenti. Vincenzo Vita, sottosegretario alle Comunicazioni, ha accennato ieri alla cosa spiegando che “l’Autorità sta svolgendo indagini per accertare se le misure adottate da Telecom Italia” per consentire agli utenti telefonici di accedere al contratto a basso traffico “siano congrue”.

L’annuncio di Vita è arrivato nel corso di una risposta ad una interrogazione che chiedeva conto del fatto che chi utilizza quel tipo di contratto non può accedere alle offerte degli altri gestori telefonici. Questa “specifica” è prevista da una delibera dell’Autorità TLC, la n.85 del 22 dicembre 1998.

Va detto che sono molti gli utenti che nel corso dell’ultimo anno, con la pioggia di offerte alternative “piovute” dagli operatori concorrenti a Telecom Italia, si sono “scontrati” con la clausola prevista dalla delibera.

Qualcuno si è anche lamentato per i tempi di “sganciamento” previsti dalle procedure Telecom per quegli utenti che vogliono cessare il contratto “a basso traffico”. Un’operazione che è prevedibile si rinnovi con frequenza in questi mesi nei quali, oltre alle tariffe alternative, scatta anche la possibilità di affidare la propria connessione ad un operatore diverso da Telecom Italia con la liberalizzazione dell’ultimo miglio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    siamo indietro
    sono stato in Giappone 2 anni e mezzo fa e c'erano gi$B!&(Bcellulari piccoli come i pi$B!&(Bpiccoli gsm che ci sono ora in Italia e soprattutto costavano MOLTO MENO che da noi, circa Lit. 50.000 . In quel momento ho capito quanto in realt$B!&(Bsiamo indietro, e come i consumatori europei siano stati presi in giro dall'industria che ha voluto far credere che il sistema GSM fosse il top della tecnologia.
  • Anonimo scrive:
    Secondo me
    passerà un bel pò di tempo prima che in Italia scoppi la mania di andare in giro con il computer cucito addosso...
Chiudi i commenti