CED, nuove interfacce per l'accesso ai dati

Due consorzi per velocizzare lo scambio e l'accesso alle informazioni su server e data center, un obiettivo necessario in virtù del rallentamento nella crescita delle performance delle CPU pure
Due consorzi per velocizzare lo scambio e l'accesso alle informazioni su server e data center, un obiettivo necessario in virtù del rallentamento nella crescita delle performance delle CPU pure

Il gotha dell’industria tecnologica si è impegnato a formalizzare una nuova specifica chiamata “Open Coherent Accelerator Processor Interface” ( OpenCAPI ), un’interfaccia innovativa il cui obiettivo è continuare a far crescere le prestazioni dei data center in un mercato in cui i processori centrali non macinano GHz come invece facevano un tempo.

Il consorzio OpenCAPI può contare sul supporto di AMD, Dell EMC, Google, Hewlett Packard Enterprise, IBM, Mellanox Technologies, Micron, NVIDIA e Xilinx, tutti uniti per l’obiettivo di superare le prestazioni attualmente disponibili su bus PCI Express (16 Gbps) fino a raggiungere i 25 Gigabit al secondo .

Nell’ambito della nuova interfaccia, spiegano i proponenti , le CPU potranno connettersi in maniera diretta alle tecnologie di memoria avanzate in via di realizzazione o finalizzazione ( variazione di fase , Intel 3D Xpoit/ Optane ecc.) e “acceleratori” hardware basati su design custom (ASIC, FPGA). OpenCAPI non “peserà” sulla CPU con nuove routine software, permettendo l’indirizzamento virtuale delle nuove memorie e migliorando la velocità di accesso ai dati fino a 10 volte rispetto a oggi.

Le specifiche di OpenCAPI saranno rilasciate in formato “open”, e dovrebbero comparire sotto forma di prodotto commerciale prima di tutto nei sistemi hardware IBM basati su architettura POWER9, nella seconda metà del 2017. Poi arriveranno i server di Google e Rackspace, nome in codice “Zaius”, anch’essi basati su CPU POWER9 di Big Blue.

OpenCAPI intende fornire vantaggi ad applicazioni quali il machine learning e altri scenari di utilizzo intensivi, un obiettivo a cui prevedibilmente gioverà anche il nuovo consorzio che ha dato notizia di sé in questi giorni chiamato Gen-Z .

I player impegnati in Gen-Z si sovrappongono in maniera significativa a quelli di OpenCAPI, ma dalle interfacce di networking si passa in questo caso a un design per la gestione delle nuove memorie a livello di hardware. Un nuovo protocollo , anch’esso open, promette di ottimizzare l’uso delle memorie basate su blocchi con una banda superiore ai 100 Gbps e latenze inferiori ai 100 nanosecondi.

Gen-Z mira a realizzare una tecnologia “trasparente”, capace di essere implementata sui nuovi sistemi senza alcuna modifica al software e ai sistemi operativi già in commercio.

Sia per OpenCAPI che per Gen-Z, in ogni caso, il nome eccellente che manca nell’elenco dei supporter è Intel : Santa Clara preferisce ancora investire sui suoi design proprietari, anche se niente vieta l’adozione dei nuovi standard aperti anche al colosso delle CPU x86.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 10 2016
Link copiato negli appunti