Cina, più smartphone di tutti

Le consegne di smartphone nel paese asiatico superano quelle negli Stati Uniti per la prima volta. L'occidente resta il mercato più ricco. Ma è solo questione di tempo

Roma – In Cina sono stati venduti più smartphone che negli Stati Uniti . O, almeno, questo è quanto si apprende da una ricerca di Strategic Analytics (che è possibile scaricare integralmente a pagamento). Dal secondo al terzo trimestre le consegne sono aumentate del 58 per cento , arrivando a toccare i 24 milioni mentre negli Stati Uniti si sono fermate a 23 milioni (in diminuzione del 7 per cento rispetto al trimestre precedente).

La rapidissima crescita nello stato più popoloso del mondo è dovuta all’aumento di disponibilità di smartphone nei canali di vendita, un’aggressiva politica di sussidi da parte degli operatori di modelli di alto livello come iPhone, e una presenza emergente di modelli Android a basso costo prodotti da brand locali cinesi come ZTE.

La ricerca specifica che gli Stati Uniti potrebbero riprendersi il primato nell’ultimo trimestre dell’anno , grazie al picco previsto per gli acquisti natalizi. Il direttore di Strategic Analytics , Thomas Kang, prevede che nei prossimi due trimestri ci sarà una sorta di tendenza altalenante, ma che “durante il prossimo anno la Cina supererà il mercato statunitense continuamente. La Cina avrà risultati maggiori in ogni trimestre”.

Bisogna anche evidenziare, però, che gli USA rimangono sempre sul gradino più alto in termini di entrate generate , grazie soprattutto alle vendite di prodotti di alta gamma come iPhone: “La Cina – commenta ancora Kang – dovrà attendere ancora tre o quattro anni prima di sorpassare gli Stati Uniti in questo parametro”.

Il ventaglio di produttori presenti sul mercato è molto diverso nei due paesi: in Cina Nokia domina la classifica , con il 28 per cento del mercato (nell’ultimo trimestre l’azienda finlandese ha spedito 6,8 milioni di smartphone nel paese asiatico), subito davanti a Samsung (4,2 milioni di unità). I due brand, insieme, detengono il 46,1 per cento dell’intero mercato cinese degli smartphone. La quota di Apple è stimata intorno al 12 per cento.

Negli Stati Uniti, invece, l’azienda leader è HTC , con il 24 per cento del mercato e 5,6 milioni di smartphone spediti nell’ultimo trimestre, seguita dall’azienda di Cupertino, che possiede il 20,6 per cento del mercato e nell’ultimo trimestre ha raggiunto i 4,8 milioni di unità.

Elsa Pili

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sgabbio scrive:
    disabilitare google istant
    E passa la paura.
  • Utopia scrive:
    Inquietante piega di internet
    Secondo me internet sta prendendo una brutta piega proprio in generale... Google in primis... rispetto agli inizi del 2000 ormai si trova il 70% in meno di tutto... ricordo che 10 anni fa invece qualsiasi cosa si voleva la si trovava dopo 1 mezzora(massimo) di google... adesso non è più così, e le limitazioni soprattutto dei vari servizi esterni, torrent, megavideo etc.. non fanno altro che alimentare la mia inquietudine che internet stia diventando sempre più piccolo invece di espandersi... non avete anche voi questa impressione?
    • Ruffiano scrive:
      Re: Inquietante piega di internet
      - Scritto da: Utopia
      rispetto agli inizi del 2000 ormai si trova il
      70% in meno di tutto... Qualche esempio?
      non avete anche voi questa impressioneIo trovo tutto e di più senza problemi.
      • Utopia scrive:
        Re: Inquietante piega di internet
        Dipende da cosa cercate, ovviamente io agli inizi lo usavo in alternativa al filesharing che non era così diffuso e se dovessi rifare adesso la ricerca anche solo di una rom per il supernes oppure per vedere un film sicuramente ci metterei ore in più rispetto al pochissimo tempo degli inizi del 2000 dove c'era indubbiamente più libertà.Se cerchi cose banali trovi in maniera banale questo è ovvio.
    • nome cognome scrive:
      Re: Inquietante piega di internet

      rispetto agli inizi del 2000 ormai si trova il
      70% in meno di tutto... ricordo che 10 anni fa
      invece qualsiasi cosa si voleva la si trovavaIo ho un'impressione totalmente diversa... la ricerca dai primordi (Altervista etc etc) ad oggi è sempre più efficace: trovo tutto e in maniera sempe più efficace.
      • Utopia scrive:
        Re: Inquietante piega di internet
        Sulle potenzialità di google non si discute...ma non era questo il punto.
        • bubba scrive:
          Re: Inquietante piega di internet
          - Scritto da: Utopia
          Sulle potenzialità di google non si discute...ma
          non era questo il
          punto.ci sono anche delle ricerche in merito.. una fetta di internet e' defacto sconosciuta ai search engines... e sempre piu' sara' la fetta che urta gli avvocati ... come sempre finche una roba rimane "di frontiera" politici e avvocati non se ne accorgono... ma dopo invece... rompono l'anima in 180 Paesi per le cacchiate piu inutili (vedi Mosley, presunte violazioni altrui di (C), foto di google streetview e ogni altra quisquilia che un avvocato riesce a pensare)
  • Ali Babba scrive:
    x fortuna
    per fortuna c'è "Baidu" W la Cina!(....è più vicina).
  • nicchio scrive:
    notizia falsa ?!?
    forse ho interpretato male quanto riportato, ma se comincio a scrivere 'isoh' in google mi appare isohunt.com...idem se scrivo "bitto" cominciano ad apparirmi i primi suggerimenti con "bittorrent"...e quindi ? è una falsa notizia ? a quale scopo ?
  • eccerto scrive:
    gary fung
    a gary fung, ma vattene a fanXXXX
Chiudi i commenti