Cina, Samsung e LG multate per il cartello dei display

Insieme a quattro aziende taiwanesi avrebbero mantenuto, dal 2001 al 2006, un cartello nel mercato dei display LCD. Multe a sei zeri per tutti. Le parti in causa rivendicano un operato trasparente

Roma – Un cartello per imporre i prezzi nel mercato dei display: è il motivo per cui la Cina ha multato LG, Samsung e quattro aziende taiwanesi, condannate a sborsare una cifra totale pari a 56 milioni di dollari (17,6 milioni di euro). Le parti in causa dovranno inoltre ripagare tutti i consumatori colpiti dagli effetti del cartello.

Secondo i risultati emersi dalle indagini cinesi, i rappresentanti delle sei società di elettronica coinvolte nel caso si sarebbero incontrati regolarmente dal 2001 al 2006 per concordare le fasce di prezzo da assegnare ai display che poi avrebbero venduto ai diversi produttori sparsi nel paese asiatico. Nell’ambito della stessa fase investigativa, le autorità cinesi della National Development and Reform Commission hanno inoltre sequestrato circa 6 milioni di dollari (circa 4,5 milioni di euro) alle aziende coinvolte.

Secondo quanto riportato da China News , Samsung dovrà pagare una cifra pari a 16,2 milioni di dollari (12,4 milioni di euro), mentre a LG è stata elevata una multa pari a 18,9 milioni di dollari (14,4 milioni di euro). Alle aziende taiwanesi Chimei Innolux, AU Optronics, Chunghwa Picture Tubes e HannStar Display spetterà il pagamento della differenza nonostante neghino le responsabilità del caso.

LG sostiene di condurre i propri affari seguendo tutte le regole volte a garantire la trasparenza commerciale: “la decisione presa in Cina dalla National Development and Reform Commission riguarda i prezzi fissati dal 2001 al 2006 sugli schermi LCD. Non ci aspettavamo che questa condotta potesse colpire la nostra relazione con i consumatori o i venditori. LG Display conserva il proprio impegno nell’operare con piena trasparenza per fornire prodotti e servizi della miglior qualità”.

Xu Kunlin, rappresentante dell’autorità locale, ha comunicato che sono state proposte misure correttive che le società dovranno osservare in futuro : rispettare le leggi cinesi, tutelare la concorrenza del mercato, assicurare i diritti e gli interessi di operatori e consumatori. L’accordo prevede inoltre delle assicurazioni per la conduzione leale delle operazioni commerciali con le aziende televisive cinesi, con rispetto verso l’approvvigionamento e i servizi da garantire.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ma che dici scrive:
    Non c'è nessun errore
    Sono solo programmi diversi e quello indicato non è un fake. Io lo uso da tempo.inoltre sul sito dell'autore http://2xdsoft.de.tl ci sono tanti altri software carini. Ciao
    • sardonico scrive:
      Re: Non c'è nessun errore
      - Scritto da: ma che dici
      Sono solo programmi diversi e quello indicato non
      è un fake. Io lo uso da tempo.inoltre sul sito
      dell'autore http://2xdsoft.de.tl ci sono tanti
      altri software carini.
      CiaoCredo fosse solo un modo "creativo" di dire che esistono alternative (anche migliori) a codice aperto.
  • panda rossa scrive:
    C'e' un errore: il programma e' questo.
    C'e' un errore nell'articolo.Il programma giusto e' questo.http://code.google.com/p/quickscreenshots/Il nome ha una esse in fondo.La versione e' 1.0La licenza e' GPL3La roba descritta nell'articolo e' un fake.
    • sardonico scrive:
      Re: C'e' un errore: il programma e' questo.
      C'e' un errore anche nel commento. Il programma "giusto" e' questo.https://code.google.com/p/sharexmod/L'URL ha una esse all'inizio courtesy of "https-everywhere".La versione e' 7 e rotti.La licenza e' GPL3.Non richiede installazione di runtimes proprietari.
      • panda rossa scrive:
        Re: C'e' un errore: il programma e' questo.
        - Scritto da: sardonico
        C'e' un errore anche nel commento.
        Il programma "giusto" e' questo.
        https://code.google.com/p/sharexmod/
        L'URL ha una esse all'inizio courtesy of
        "https-everywhere".
        La versione e' 7 e rotti.
        La licenza e' GPL3.
        Non richiede installazione di runtimes
        proprietari.Caspita!Questo che dici tu ha anche l'utilissima funzione di autoupload, che e' estremamente utile.Molto meglio la tua indicazione.
        • Osvy scrive:
          Re: C'e' un errore: il programma e' questo.
          - Scritto da: panda rossa
          Caspita!
          Questo che dici tu ha anche l'utilissima funzione
          di autoupload, che e' estremamente utile.Cosa sarebbe? Grazie
          • panda rossa scrive:
            Re: C'e' un errore: il programma e' questo.
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: panda rossa

            Caspita!

            Questo che dici tu ha anche l'utilissima
            funzione

            di autoupload, che e' estremamente utile.

            Cosa sarebbe? GrazieL'autoupload?Sarebbe che te lo uppa automaticamene su un sito tipo imageshack o analoghi per poi postare il link sui forum.
          • Osvy scrive:
            Re: C'e' un errore: il programma e' questo.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Osvy

            Cosa sarebbe? Grazie

            L'autoupload?
            Sarebbe che te lo uppa automaticamene su un sito
            tipo imageshack o analoghi per poi postare il
            link sui forum.ah, ok. Grazie
Chiudi i commenti