Commissioni e canone mensile POS

Commissioni e canone mensile POS, quanto pagano realmente i commercianti?

Commissioni e canone mensile sui pagamenti POS, gli esercenti pagano veramente tanto oppure si affidano ai servizi sbagliati? Ecco la risposta.
Commissioni e canone mensile sui pagamenti POS, gli esercenti pagano veramente tanto oppure si affidano ai servizi sbagliati? Ecco la risposta.

Ancora non è chiaro se il limite POS resterà a 60 euro oppure scenderà a 30 euro. In attesa della decisione definitiva da parte del governo, vediamo quanto pagano i commercianti di commissioni e canone mensile per le transazioni elettroniche.

Un aspetto questo che, al di là delle chiacchiere da bar e delle rimostranze che provengono da più parti, in pochi prendono in considerazione, a patto i diretti interessati.

Da un lato ci sono coloro che trovano estremamente comodo pagare un semplice caffè con una carta di pagamento o tramite un’app, dall’altro invece quella categoria di cittadini poco avvezzi alla tecnologia e che preferiscono ancora il denaro contante nel portafoglio piuttosto che una carta.

In mezzo, come dicevamo, i commercianti, che vedono in questa riforma un modo per pagare meno commissioni POS.

Queste commissioni sono al centro di molte discussioni ormai da tempo. Commercianti, aziende e liberi professionisti devono anche pagare i costi operativi del POS, tipo il costo del terminale e il canone mensile.

Commissioni e canone mensile POS, spese veramente esagerate?

commissioni e canone mensile

Le spese inerenti a commissioni e canone mensile per l’utilizzo del POS sono veramente esagerate e insostenibili oppure ci sono delle soluzioni economiche?

Una risposta univoca non esiste, poiché molto dipende dal terminale e dall’operatore scelto, ma anche dall’entità degli importi incassati da ogni transazione.

Le partite IVA, poi, possono richiedere il credito di imposta, che è del 30% delle commissioni, con l’accesso in questo modo al rimborso ordinario sulle spese sostenute per tutte le transazioni.

Il risparmio, quindi, parte tutto dalla scelta del terminale POS. SumUp e Axerve sono le due società a cui affidarsi in questo momento per questo servizio.

Col circuito SumUp non si pagano canoni mensili e prezzo di attivazione, con una percentuale di commissione pari al 1,95% su ogni transazione.

I terminali tra cui scegliere sono SumUp Air a 39,99 euro, SumUp Air con base di ricarica a 44,99 euro, SumUp Solo a 79,98 euro e SumUp 3G + Stampante a 129,99 euro. Accedere QUI per procedere all’acquisto.

Invece Axerve offre due soluzione con terminale incluso: POS Easy a canone mensile, con costo di attivazione pari a 16 euro e nessuna commissione sulle transazioni fino a 30.000 euro, e POS Easy a commissioni, con costo di attivazione di 96 euro e commissioni al 1%.

Cliccare QUI per scegliere una delle soluzioni Axerve.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 dic 2022
Link copiato negli appunti