Compri un Mac, trovi un Pinguino

Due rivenditori statunitensi hanno iniziato la commercializzazione di computer Apple con Linux preinstallato. Ciambelle senza il buco?


Roma – Linux sembra guadagnare interesse, anche se a piccoli passi, nel mercato dei Mac. Questo mese due rivenditori americani di computer targati Apple, Terra Soft e QliTech , hanno annunciato l’inizio della commercializzazione di alcuni modelli di Mac con Linux preinstallato.

La pratica di offrire sistemi con Linux già installato risale, nel mondo dei PC, a diversi anni addietro: QliTech, ad esempio, afferma di vendere PC con Linux a partire dal 1998. Se nel mondo dei Mac Linux aveva fino ad oggi trovato ben pochi appigli a cui attaccarsi, pare che oggi qualcosa stia cambiando, e questo anche grazie alla maggiore affinità di Mac OS X con le radici Unix di Linux e all’arrivo dei primi sistemi server di Apple: gli XServe.

Terra Soft ha iniziato la commercializzazione di PowerMac con Yellow Dog Linux preinstallato a partire dalla metà di agosto, mentre QliTech sostiene di aver appena concluso i test sulla linea di portatili iBook e PowerBook di Apple, ma a breve conta di rendere disponibili anche PowerMac e server con configurazione a rack.

A differenza di Terra Soft, che offre in bundle con i propri prodotti unicamente Yellow Dog Linux, QliTech dà agli utenti la possibilità di scegliere fra le distribuzioni PPC di SuSE, Mandrake, Debian e Gentoo.

Anche Terra Soft si è detta molto interessata ad offrire, a breve, sistemi XServe basati su Linux. Sebbene i nuovi server di Apple siano stati progettati per funzionare con la versione server di Mac OS X, secondo alcuni potrebbero offrire a Linux una chance in più per diffondersi su di un mercato chiuso e così di nicchia come quello di Apple.

Sul fronte desktop, invece, Linux potrebbe rivelarsi un’alternativa assai poco gettonata, soprattutto se comparato ad un sistema operativo, Mac OS X, che riesce a coniugare al meglio un’elegante e sofisticata interfaccia grafica con un cuore Unix. Senza contare, poi, che in tutti questi anni Linux ha ottenuto ben scarsi risultati, nel mondo desktop, anche per quel che riguarda il più grande e diversificato settore dei PC.

Sia Terra Soft che QliTech – la prima certificata da Apple come “‘Value Added Reseller” e la seconda come “Authorized Apple Reseller” – garantiscono che le macchine vendute con Linux preinstallato sono identiche, sia nel prezzo che nell’hardware, a quelle fornite da Apple.

Ora resta da vedere se quello lanciato da Terra Soft e QliTech sia un trend destinato a crescere o, al contrario, sia solo una trovata di marketing destinata a sgonfiarsi in breve tempo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ancora down?
    ..sbaglio o il sito dei 4 ladroni è ancora down?se si...BWUAHAHAHAHAHA!!(p.s. cos'è che dovrebbero fare loro? cracking? ma xpiacere..)
  • Anonimo scrive:
    [OT] AHAHA IL SITO DELLA RIAA e' KO
    scusate se vado OTprovate a collegarvi al sito della riaa ahahhaahahhahahahahahabravi.. vogliono hackerare i pc degli utenti... e si sono beccati un hackerata al loro sito ahahaperacottari!
  • Anonimo scrive:
    pubblicita' e cause varie
    I tizi stanno cercando di farsi pubblicita'. Probabilmente porteranno in tribunale l'attivita' della RIAA, che contrasta contro i diritti alla privacy e alla liberta' di pensiero.Per quanto possa sembrare polemico, l'azione "a tappeto" della RIAA porterebbe all'eliminazione di altri contenuti perfettamente originali e autorizzati che girano sui network peer to peer. E queste sarebbero una dolorosa spina nel fianco in un eventuale processo in tribunale secondo me.Vediamo cosa succede... in un mondo governato dal profitto a tutti i costi (vedi la Siae in Italia), questo ha l'aria di essere un processo interessante...
    • Anonimo scrive:
      Re: pubblicita' e cause varie
      tenendo inoltre conto del fatto che se a qualche utente succede di perdere documenti importanti per colpa di un qualche gingillo RIAA che ha ravanato un po' troppo nel PC potrebbero scatenarsi una serie di azioni legali..cmq IHMO un bell'esempio di serieta' di un provider. Che poi lo faccia per i suoi interessi è un altro conto...DarKStaR
  • Anonimo scrive:
    Che risate!
    "impedirà il cracking RIAA sui computer degli utenti"Muahahaha, e chi impedirà invece il contrario visto che hanno subito un defece al sito proprio l'altro giorno? Che buffoni quelli della RIAA.
  • Anonimo scrive:
    Non ho capito
    Cosa vuol dire "Nessuna violazione di copyright - spiega la nota - perché questi file avranno semplicemente dimensioni simili a quelle di file audio mp3 da 3 o 4 minuti codificati a 128 Kbps. Eventuali clienti che si connettano al nostro peer-to-peer e tentassero poi di accedere illegalmente al nostro network saranno immediatamente bloccati da IWT e i dati raccolti saranno mantenuti e distribuiti".? Me la potete spiegare?Grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho capito
      - Scritto da: hhhhhhhh
      Cosa vuol dire "Nessuna violazione di
      copyright - spiega la nota - perché questi
      file avranno semplicemente dimensioni simili
      a quelle di file audio mp3 da 3 o 4 minuti
      codificati a 128 Kbps. Eventuali clienti che
      si connettano al nostro peer-to-peer e
      tentassero poi di accedere illegalmente al
      nostro network saranno immediatamente
      bloccati da IWT e i dati raccolti saranno
      mantenuti e distribuiti".? Me la potete
      spiegare?

      GrazieVuol dire che metteranno files finti, simili per dimensioni e nome ai veri .mp3, che faranno da esca per coloro che intendono craccarli - presumibilmente la RIAA userà dei sistemi automatici e non li distinguerà dai veri brani.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho capito


        Vuol dire che metteranno files finti, simili
        per dimensioni e nome ai veri .mp3, che
        faranno da esca per coloro che intendono
        craccarli - presumibilmente la RIAA userà
        dei sistemi automatici e non li distinguerà
        dai veri brani.Ah ecco. E io che pensavo "ecco da dove mi potro' scaricare un po' di mp3"
  • Anonimo scrive:
    GRANDE!!!...
    C'è bisogno di altri commenti?... :)))
  • Anonimo scrive:
    tanto poi si tireranno indietro
    alla fine ci rimetteranno il culoin america a questa gente danno dei "comunisti" e quindi vengono sempre inculati
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno si sta svegliando??
    Bè, tira e tira, ho come l'impressione che qualcuno si sta svegliando...sono piccole cose e piccoli inizi, ma finalmente vedo un piccolissimo e lontanissimo barlume di lucidità...bene...e ora aspetto fiumi di parole su questo argomento...NotteVan'zz
Chiudi i commenti