Concorrenza, l'Antitrust grazia Vodafone

L'operatore britannico si salva dagli artigli dell'Authority, che prosegue l'istruttoria su TIM e Wind per valutare eventuali situazioni di abuso di posizione dominante nel mercato della telefonia mobile

Roma – Vodafone ha conquistato la fiducia dell’ Antitrust . L’istruttoria avviata nel 2005 dall’Authority sugli accordi di apertura del mercato della telefonia mobile agli operatori virtuali, si chiuderà senza sanzioni per l’operatore britannico.

Vodafone, insieme a TIM e Wind , da oltre due anni era sotto la lente del Garante della Concorrenza e del Mercato, per la presunta violazione degli articoli 81 e 82 (intesa e abuso di posizione dominante) del Trattato comunitario sull’accesso alle reti mobili. L’istruttoria era stata aperta su esposto di alcune telco (Tele2, Trans World Communication Italia, Startel International, ReteItaly, Elsacom), che avevano segnalato all’Authority il comportamento ostile, mantenuto dai tre gestori mobili, alla possibile apertura alla figura del MVNO.

L’Antitrust ha dunque ritenuto che le intese stipulate da Vodafone con BT e con Carrefour , insieme all’accordo preliminare sottoscritto con Poste Italiane , siano operazioni tese all’apertura del mercato italiano della telefonia mobile.

Il comunicato pubblicato dall’Autorità riferisce: “L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 24 maggio 2007, ha deciso di accettare, rendendoli vincolanti, gli impegni presentati da Vodafone nell’ambito dell’istruttoria avviata il 23 febbraio 2005 anche nei confronti di Telecom e Wind, per violazione della normativa sulla concorrenza. Il procedimento nei confronti di Vodafone viene dunque chiuso senza sanzione”.

La sottoscrizione della partnership Vodafone-BT sarebbe stata decisiva: “BT – spiega l’Authority – potrà erogare un’ampia gamma di servizi di comunicazione alla propria clientela in tecnica GSM, GPRS e UMTS e, in particolare, competere nell’offerta di servizi integrati fisso-mobile e mobile-mobile in special modo alla clientela aziendale. Le condizioni economiche previste nel contratto con riferimento alla terminazione, inoltre, consentono a BT Italia di formulare offerte fisso-mobile alla clientela aziendale che siano in concorrenza con quelle formulate da Vodafone”.

“Il contratto preliminare con Poste Italiane S.p.A. – afferma il comunicato – conferma inoltre concretamente la disponibilità di Vodafone alla negoziazione della fornitura di servizi di accesso alla propria rete anche ad altri operatori, ed assume particolare rilevanza vista la capillarità della rete di punti vendita di cui Poste Italiane S.p.A. dispone”.

Questo riguarda ovviamente solo Vodafone: l’Antitrust si deve ancora esprimere in merito a TIM e Wind, superstiti nell’istruttoria, la cui scadenza è stata fissata, dopo l’ennesima proroga per il 10 agosto 2007.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MeX scrive:
    ma non era illegale?
    appropriarsi di nomi a dominio per la rivendita a prezzo maggiorato?Bah...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non era illegale?
      loro li comprano per mettere su publicità e contenuti , non per rivenderli ,è ovvio che a lungo andare si creeranno una serie di mirror dello sito , rendendo impossibile il direct searching.
  • Anonimo scrive:
    AH, SI'?
    Io ho venduto 2 degli 8 domini "eu" che avevo sottoscritto. E l'ho fatto sperando in un piccolo investimento. Sono un cybersquatter :'( ... Invece, questi che lo fanno in grande non fanno cybersquatter ma "fanno un investimento"... (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: AH, SI'?
      - Scritto da:
      Io ho venduto 2 degli 8 domini "eu" che avevo
      sottoscritto. E l'ho fatto sperando in un piccolo
      investimento. Sono un cybersquatter :'( ...
      Invece, questi che lo fanno in grande non fanno
      cybersquatter ma "fanno un investimento"...
      (rotfl)QUOTO. Ma come si fa a incensare un'idea tanto balorda? :@
  • Anonimo scrive:
    Pura avanguardia
    Ma certo, comprare nomi di dominio, pura avanguardia, contributo tecnologico incredibile eh? ROTFL... squallore assoluto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Pura avanguardia
      pura avanguardia ..... ma anche no ! non ho capito il senso del "direct search" (newbie)(newbie)
      • Anonimo scrive:
        Re: Pura avanguardia
        - Scritto da:
        pura avanguardia ..... ma anche no !
        non ho capito il senso del "direct search"
        (newbie)(newbie)Praticamente i poveri dementi che pensano che il modo migliore per trovare, che so, dei siti che trattino dell'argomento "uncinetto" sia digitare uncinetto.it (o uncinetto.com) invece di usare un motore di ricerca, si trovano automaticamente sui loro siti. Idea rivoluzionaria eh?
        • Anonimo scrive:
          Re: Pura avanguardia
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          pura avanguardia ..... ma anche no !

          non ho capito il senso del "direct search"

          (newbie)(newbie)

          Praticamente i poveri dementi che pensano che il
          modo migliore per trovare, che so, dei siti che
          trattino dell'argomento "uncinetto" sia digitare
          uncinetto.it (o uncinetto.com) invece di usare un
          motore di ricerca, si trovano automaticamente sui
          loro siti. Idea rivoluzionaria
          eh?si, per gli incapaci all'uso del Web, si.tra l'altro, io nemmeno mi vanterei di aver rubato x milioni di domini...che str0n5i!
Chiudi i commenti