Docente del MIT sostiene Microsoft

Nel procedimento antitrust un altro autorevole testimone della difesa afferma che un Windows ridotto non è una soluzione percorribile
Nel procedimento antitrust un altro autorevole testimone della difesa afferma che un Windows ridotto non è una soluzione percorribile


Washington (USA) – Si chiama Stuart Madnick il professore del Massachussets Institute of Technology che ha offerto a Microsoft la propria testimonianza per la difesa nel procedimento antitrust e che ha sostenuto le tesi già espresse dall’azienda e dai suoi massimi vertici, Bill Gates e Steve Ballmer.

Secondo Madnick, che si occupa specificamente di tecnologia dell’informazione, una versione “ridotta” di Windows come quella richiesta dall’accusa non avrebbe senso né per Microsoft, né per i suoi competitor, né per il mercato.

Madnick sostiene infatti che le risorse impiegate per realizzare un “Windows leggero” dovrebbero essere sottratte a quelle utilizzate per innovare Windows. Contestualmente i consumatori si troverebbero con un software incompleto con la conseguenza di una confusione generale negli utenti e tra gli sviluppatori. Inoltre non ne beneficerebbero proprio le aziende che attraverso Windows diffondono i prodotti che su quella piattaforma possono essere installati e distribuiti.

“I beneficiari di quanto richiesto dagli Stati dell’accusa – ha spiegato il professore – sarebbero le stesse aziende che appoggiano il procedimento, cioè i competitor di Microsoft. Il loro massimo vantaggio immediato arriverebbe dalle diminuite performance di Windows”.

Simili tesi sono state espresse nei giorni scorsi proprio dal chairman Microsoft, Bill Gates.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 05 2002
Link copiato negli appunti