E-book, disabilità e associazione

Pubblichiamo l'intervento di Giulio Nardone, presidente dell'Associazione Disabili Visivi


Roma – Il deciso colpo di freno dato dal MIUR al progetto di fornire in tempi brevi agli alunni disabili i libri di testo in formato digitale e quindi per essi direttamente accessibile, ha profondamente deluso tutti gli interessati, ma non ci ha eccessivamente sorpresi.

Infatti, alle promesse e agli impegni ufficiali non erano seguite nei tempi brevissimi che sarebbero stati auspicabili e necessari, le azioni conseguenti e mirate che avrebbero dovuto, almeno per una volta nella storia della burocrazia italiana, bruciare le tappe e conseguire in sei mesi quello che tecnicamente si sarebbe potuto fare anche in minor tempo, ma che la cronica elefantiasi della nostra Amministrazione ora pensa di realizzare in quattordici mesi, e non è affatto sicuro che ci riesca.

Eppure non c’era da inventare proprio nulla, né da costruire nuovi macchinari e anche il know how pedagogico e didattico necessario per superare il limite di un puro e semplice cambio di formato, è ben presente in molti buoni cervelli.
Ma finora non si è neppure cominciato.
E’ quindi comprensibile lo sconforto di quei genitori che da parecchi mesi hanno chiesto con forza che dalle promesse si passasse ai fatti ed è pienamente giustificato il loro risentimento nel vedere allontanarsi il traguardo.

Quello che ci dispiace, invece, è che nel pezzo apparso su Punto Informatico del 23 scorso il portavoce dei genitori lamenti che le “associazioni dei disabili non sono sensibili a questo tema”. Sarebbe forse stato opportuno non fare di tutte le erbe un fascio, dato che il Signor Cevenini, anche se può non essere al corrente del fatto che l’Associazione Disabili Visivi, la seconda per anzianità nel panorama italiano, ha sempre agito, in conformità con le norme statutarie, per favorire l’integrazione scolastica degli alunni non vedenti ed ipovedenti e il loro diritto ad un accesso paritario alle fonti scritte dell’istruzione e della cultura, non può aver dimenticato che noi siamo stati fra i primi ad aderire all’appello dei genitori e anzi lo abbiamo fatto nostro in una lettera indirizzata ai Ministri Moratti e Stanca il 28 febbraio scorso, nella quale ci eravamo offerti anche come garanti nei confronti degli editori.

E poiché siamo stati noi per primi alla fine del 1997 ad insegnare ai ragazzi e addirittura ai bambini l’uso del PC e abbiamo digitato a mano i primi testi elettronici, quando i programmi di riconoscimento dei testi non c’erano o non erano ancora affidabili, poiché siamo stati noi ad ottenere dal Ministero delle Poste l’estensione della spedizione in franchigia anche alle registrazioni magnetiche e poi ai supporti informatici, anche negli scambi fra singoli non vedenti, e poiché è stata la nostra modesta associazione nel 1986 a finanziare di tasca propria la messa a punto della prima sintesi vocale per personal computer, e a rendere per la prima volta concretamente accessibili ai non vedenti le grandi opere di consultazione (vocabolari, dizionari, enciclopedie, prima con la registrazione su 4 piste e poi con la digitazione a mano (sic!) su supporto informatico, per tutti questi motivi l’essere accomunati in questa accusa di insensibilità ci colpisce nel vivo.

In ogni caso, in attesa che vengano onorate le promesse fatte, noi continueremo, come abbiamo fatto in trentacinque anni di vita, ad offrire ai nostri associati libri in formato audio,braille o digitale; e poiché per questa nostra attività non riceviamo alcun contributo statale, siamo a fianco dei genitori nell’auspicare che sia la mano pubblica a fornire al più presto e a tutti gli strumenti di studio e di cultura nelle forme per ciascuno più idonee, in applicazione del fondamentale principio di non discriminazione.

Giulio Nardone
Presidente Nazionale dell’Associazione Disabili Visivi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ahmed rizwan scrive:
    italy
    rizwan
  • ahmed rizwan scrive:
    italy
    rizwan
  • Anonimo scrive:
    Mandiamoli i nostri politici...
    tempo un anno e si fermera' tutto, mandiamoli prima che sia troppo tardi !!!!
  • Anonimo scrive:
    Mi sìpiegate perchè cio??
    Io nno capisco ma perchè' nnaumentiamo la produzione tecnoindustriale con incentivi provenienti dalla Cina e costruiamo industrie pesanti basate sul feroo?
  • Anonimo scrive:
    Maledetti mangia involtini!!!!
    Questi ci fregano e ci fregheranno sempre di più,noi ormai siam abituati a vivere nella bambagia,e non abbiam più voglia di sbatterci per migliorare,ergo finiremo presto nella m..da e staremo ancora a chiederci il perchè.C'è poco da fare abbiamo scritto parte della storia passata,ma il futuro del mondo non passerà più da qui....
    • Anonimo scrive:
      Re: Maledetti mangia involtini!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Questi ci fregano e ci fregheranno sempre di
      più,noi ormai siam abituati a vivere nella
      bambagia,e non abbiam più voglia di sbatterci per
      migliorare,ma cosa dici, parla per te.
      ergo finiremo presto nella m..da e
      staremo ancora a chiederci il perchè.C'è poco da
      fare abbiamo scritto parte della storia
      passata,ma il futuro del mondo non passerà più da
      qui....Conoscendo il peso che ha l'Italia all'estero non sarei cosi' pessimista.
  • Anonimo scrive:
    La nemesi degli idioti.
    Che non avevano di meglio da fare che sputare sull'open source un giorno e farsi causa fra loro l'altro.Una valanga gialla li sommergerà e nessuno li rimpiangerà. Gli idioti sono destinati all'estinzione, specie nel mondo degli affari (piccolo particolare sfuggito a Darwin, o forse era intenzionale, un'iguana o una testuggine sono senz'altro più interessanti di Ballmer, se non si è psichiatri, criminologi o dietologi).
  • miomao scrive:
    Tanto noi (quasi) abbiamo i brevetti...
    Perciò non potranno invadere il mercato europeo come hanno fatto con gli altri prodotti.Oramai siamo terreno di caccia delle corporation USA e guai alle nazioni canaglia.
    • gipoint scrive:
      Re: Tanto noi (quasi) abbiamo i brevetti
      Il problema sarà quando inizieranno a fare loro 300.000 brevetti all' anno.Considerando che si può brevettare anche il doppio click, per la vecchia e stanca Europa ci saranno ben poche speranze.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tanto noi (quasi) abbiamo i brevetti
      Cioè noi sotto "l'ala protettiva" dei brevetti non dovremo più temere la cina e concorrenza dei paesi suoi pari altrimenti verranno riconosciuti come stati canaglia con tutto quello che potrà succedere ?Beata ingenuità... un conto è tirare le bombe addosso ad iraq ed afganistan dove i militari si spostavano in pick-up un'altro è farlo contro un mostro territoriale dotato di atomiche (sul serio, non nascoste dentro i camion della nettezza)
      • Anonimo scrive:
        Re: Tanto noi (quasi) abbiamo i brevetti
        I brevetti all'americana indeboliranno le industrie europee del software e i singoli sviluppatori, dato che favoriranno le grandi corporation in grado di pagare migliaia di brevetti e di accordrsi con altri colossi per lo scambio di royalties. I politici del Parlamento europeo e del Consiglio dovrebbero pensare all'interesse dei cittadini, dei lavoratori e delle aziende europee e non farsi influenzare dalle pressioni di due o tre software-house d'oltreoceano!
    • Anonimo scrive:
      Re: Tanto noi (quasi) abbiamo i brevetti...
      - Scritto da: miomao
      Perciò non potranno invadere il mercato europeo
      come hanno fatto con gli altri prodotti.
      Oramai siamo terreno di caccia delle corporation
      USA e guai alle nazioni canaglia.In Cina i brevetti e i copyright valgono come il buco del culo, fra poco torneremo tutti a casa a coccolare il cane :'(
      • Anonimo scrive:
        Re: Tanto noi (quasi) abbiamo i brevetti

        In Cina i brevetti e i copyright valgono come il
        buco del culo, fra poco torneremo tutti a casa a
        coccolare il cane :'(almeno qualcuno ci guadagna
      • Anonimo scrive:
        Re: Tanto noi (quasi) abbiamo i brevetti
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: miomao

        Perciò non potranno invadere il mercato europeo

        come hanno fatto con gli altri prodotti.

        Oramai siamo terreno di caccia delle corporation

        USA e guai alle nazioni canaglia.

        In Cina i brevetti e i copyright valgono come il
        buco del culo, fra poco torneremo tutti a casa a
        coccolare il cane :'(Non essere pessimista, i cinesi il cane ce lo lasceranno anche mangiare :-D@^
  • The_GEZ scrive:
    Profezia ?
    Ciao a Tutti !"Quando la Cina si sveglierà, tutto il mondo tremerà"Napoleone Bonaparte, 1816 (Poi ripresa da Lenin)... Ma siamo proprio sicuri con ce lo spoteva aspettare ?
    • shezan74 scrive:
      Re: Profezia ?
      La cina si è svegliata...adesso si devono svegliare i cinesi...non si può entrare nel mondo "occidentale" sfruttando i lavoratori come bestie... o lo si può fare per un po'... fintanto che la gente non alzerà la testa...e quando alzeranno la testa allora saranno una potenza economica mondiale, ma i loro costi di produzione saranno -almeno- comparabili a quelli che conosciamo. E sarà la volta dell'africa. E noi europei venderemo servizi e saremo su tecnologie che adesso nemmeno immaginiamo... e quando la cina sarà l'europa di oggi, l'europa di oggi sarà l'europa che ancora non esiste e produrrà cose che adesso non possiamo immaginare...dubito fortemente nella grande "livella"... è vero che i potenti fanno i loro interessi, ma farci mangiare dal dragone cinese non è interesse dei nostri potenti...per una volta, forse, faranno un gioco anche a nostro favore a fronte di una minaccia esterna.
      • Anonimo scrive:
        Re: Profezia ?
        Non e' detto che loro vogliano occidentalizzarsi in tutto, chi lo sa... e poi chi dice che il nostro sistema sia quello perfetto...o il migliore. L'Europa di domani non esistera' se i governi non investiranno di piu' nella ricerca, cosa che i cinesi fanno...anche molto. Forse siamo noi che dobbiamo svegliarci...essere coscienti che non abbiamo piu' quella supremazia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Profezia ?

        non si può entrare nel mondo "occidentale"
        sfruttando i lavoratori come bestie... o lo si
        può fare per un po'... fintanto che la gente non
        alzerà la testa...Forse, se non si sono ribellati fino adesso i lavoratori è perchè da loro quel stipendio che guadagnano è più che sufficiente a garantirsi di arrivare a fine mese. Non potranno mai puntare a molto vero, ma si vede che almeno le bollette riescono a pagarle. Bisogna riconoscere in fin dei conti che uno dei beni del comunismo (probabilmente l'unico) è il costo quasi nullo dei servizi statali: niente scuole con 800 euro di libri a settembre ogni anno, niente bollette sempre più care (un consiglio per chi sta in alto: visto che siamo in crisi invece di bloccare gli aumenti delle bollette invertiamo un po' l'andazzo) ecc.La cina a molti non potrà piacere ma intanto, bisogna riconoscerlo, sta prendendo il meglio dei due sistemi comunista e capitalista e non si può dire che questa scelta non abbia portato a dei risultati di tutto rispetto con ampie prospettive per il futuro.Ora a noi occidentali arrivano solo le voci di coloro che vengono imprigionati perchè hanno delle idee diverse e perchè sfruttano internet come cassa di risonanza, ma sarebbe interessante poter fare alcune domande non solo ai soliti noti o ai cinesi che emigrano da noi ma a tutti gli altri...
        • Anonimo scrive:
          Re: Profezia ?
          - Scritto da: Anonimo

          non si può entrare nel mondo "occidentale"

          sfruttando i lavoratori come bestie... o lo si

          può fare per un po'... fintanto che la gente non

          alzerà la testa...

          Forse, se non si sono ribellati fino adesso i
          lavoratori è perchè da loro quel stipendio che
          guadagnano è più che sufficiente a garantirsi di
          arrivare a fine mese.O forse, molto piu' realisticamente, chi si ribella viene incarcerato.
          Non potranno mai puntare a
          molto vero, ma si vede che almeno le bollette
          riescono a pagarle. Bisogna riconoscere in fin
          dei conti che uno dei beni del comunismo
          (probabilmente l'unico) è il costo quasi nullo
          dei servizi statali: niente scuole con 800 euro
          di libri a settembre ogni anno, niente bollette
          sempre più care (un consiglio per chi sta in
          alto: visto che siamo in crisi invece di bloccare
          gli aumenti delle bollette invertiamo un po'
          l'andazzo) ecc.
          La cina a molti non potrà piacere ma intanto,
          bisogna riconoscerlo, sta prendendo il meglio dei
          due sistemi comunista e capitalista e non si può
          dire che questa scelta non abbia portato a dei
          risultati di tutto rispetto con ampie prospettive
          per il futuro.Bla bla bla... ma che balle, fatti un viaggio in Cina e vai a scoprire il meglio di due mondi messo in pratica, poi ci racconti se la tua utopia e' vera.
          Ora a noi occidentali arrivano solo le voci di
          coloro che vengono imprigionati perchè hanno
          delle idee diverse e perchè sfruttano internet
          come cassa di risonanza, ma sarebbe interessante
          poter fare alcune domande non solo ai soliti noti
          o ai cinesi che emigrano da noi ma a tutti gli
          altri...Allora fai un visto turistico per la Cina e un bel biglietto, programmati un tour in citta' e campagne e con una guida locale parla con chi vuoi. Ne saprai piu' di tutti e ti libererai di molti luoghi comuni e sara' anche un bellissimo viaggio.
  • Anonimo scrive:
    Anche nell' hardware pero non scherzano
    Hanno programmato 20 fabbriche di chip , wafer ad altro,vogliono essere indipendenti nel 2010, hanno gia comprato pèer esempio dei diritti dalla Transmeta per un nuoovo chip epoi hanno gia fatto il V-dragon,e holetto che anche i monitor Lenovo sono ok...
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche nell' hardware pero non scherzano
      - Scritto da: Anonimo
      Hanno programmato 20 fabbriche di chip , wafer ad
      altro,
      vogliono essere indipendenti nel 2010, hanno gia
      comprato pèer esempio dei diritti dalla Transmeta
      per un nuoovo chip epoi hanno gia fatto il
      V-dragon,
      e holetto che anche i monitor Lenovo sono ok...
      Sfruttiamo questi ultimi anni finchè possiamo, fra poco i nostri capi avranno tutti quanti gli occhi a mandorla :|
  • illegalinstruct scrive:
    "affermano le fonti ufficiali di stato"
    io prenderei con le molle qualsiasi affermazione fatta dal governo cinese ; inoltre se non erro nel campo dell' IT l'india e' piu' avanti della cina .
    • Anonimo scrive:
      Re: "affermano le fonti ufficiali di stato"
      Penso anche io che nel campo software gli indiani siano molto più avanti dei cinesi ed è anche ovvio che sia così. Gli indiani parlano (quasi tutti) inglese ed è un gran vantaggio per gli sviluppatori, il mercato dei computer è libero e non c'è censura al contrario della Cina dove devi avere una specie di patente per comprare un computere non tutti i siti sono accessibili per via della fortissima censura.D'altra parte per l'hardware i cinesi sono fortissimi e se incorporeranno, pacificamente si spera, Taiwan (Cina nazionalista in opposizione alla Cina popolare) saranno veramente imbattibili dato che Taiwan, com'è noto, produce già che il 90% della componentistica dei computer.Comunque quella parte del mondo si sta dimostrando molto attiva nell'alta tecnologia e solo il tempo dimostrerà se è un bene o no.Buon download a tuttiMichele
      • Anonimo scrive:
        Re: "affermano le fonti ufficiali di stato"
        - Scritto da: Anonimoal contrario della Cina dove devi
        avere una specie di patente per comprare un
        computere ...
        MicheleQuesta mi e' nuova...
        • Anonimo scrive:
          Re: "affermano le fonti ufficiali di stato"
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo
          al contrario della Cina dove devi
          avere una specie di patente per comprare un
          computere ...
          Michele
          l'ECDL?
          • Anonimo scrive:
            Re: "affermano le fonti ufficiali di sta
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo

            al contrario della Cina dove devi

            avere una specie di patente per comprare un

            computere ...

            Michele


            l'ECDL?No, la ROTFL!
          • Anonimo scrive:
            Re: "affermano le fonti ufficiali di sta
            Penso che hai capito male, conosco perche' che nn hanno mai usato un pc e l'hanno comprato...
          • Anonimo scrive:
            Re: "affermano le fonti ufficiali di sta
            - Scritto da: Anonimo
            Penso che hai capito male, conosco perche' che nn
            hanno mai usato un pc e l'hanno comprato...Boh, io non ho capito il senso di questa frase :D
          • Anonimo scrive:
            Re: "affermano le fonti ufficiali di sta
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Penso che hai capito male, conosco perche' che
            nn

            hanno mai usato un pc e l'hanno comprato...

            Boh, io non ho capito il senso di questa frase :Dbasta avere un po' di immaginazione e sostituire la parola "perche'" al "persone", per la ragione che spesso ci sono delle persone che pensano ad una cosa ma scrivono un'altra.
  • Anonimo scrive:
    I dazi cinesi
    Lavoro per una grossa azienda di spedizioni internazionali e da un paio d'anni la Cina ha introdotto un "certificato di qualità" per l'import in Cina di materiale hardware, automobilistico e altro; in realtà certificarsi comporta il fermo della merce per circa 3 mesi presso il competente ufficio della dogana e spese di qualche migliaio di euro che andranno poi rinnovati ogni anno...di fatto un dazio d'ingresso per sviluppare la loro industria in quei settori(che presto aggiungano all'elenco anche il software? Vedi http://www.redflag-linux.com/eindex.html ). Per quanto ritengo che la Lega Nord sia ormai poco + di una banda d'idioti che andrebbe sciolta con la forza, non ci si scandalizzi se qualcuno parla di introdurre dazi contro i prodotti cinesi quando laggiù certo non si fanno scrupoli nel bloccare l'importazione di certi prodotti per dar lavoro e sviluppo al loro Paese.
    • matcion scrive:
      Re: I dazi cinesi
      Infatti dovrebbe esserci parità di trattamento da entrambe le parti.Ricordiamoci che i trattati per l'ingresso della Cina nel WTO (ed è da allora che siamo invasi di prodotti cinesi) sono durati 20 anni con USA e UE. Si può sapere come si sono accordati? O i nostri rappresentanti hanno solo calato le braghe?
      • Anonimo scrive:
        Re: I dazi cinesi
        - Scritto da: matcion
        Infatti dovrebbe esserci parità di trattamento da
        entrambe le parti.

        Ricordiamoci che i trattati per l'ingresso della
        Cina nel WTO (ed è da allora che siamo invasi di
        prodotti cinesi) sono durati 20 anni con USA e
        UE. Si può sapere come si sono accordati? O i
        nostri rappresentanti hanno solo calato le
        braghe?E' stra-nota la grande "abilità" dei cinesi nel corrompere qualsiasi politico anche nei piccoli centri urbani.
      • Anonimo scrive:
        Re: I dazi cinesi
        ma finchè chi può/deve imporre uno strumento di controllo delle importazioni è comunque direttamente o anche indirettamente interessato dai guadagni di quelle importazioni (politici-imprenditori con aziende all'estero),per quale motivo dovrebbero sbattersi per ostacolare le importazioni da certi paesi ?in altre parole se diamo in mano il governo del paese a chi ha così tanti interessi economici e che con una politica miope ha permesso l'uscita di risorse aziendali verso paesi dal basso costo di manodopera, non è logico pensare che poi possano "castigare" chi ha investito all'estero, applicando dei dazi ai prodotti che vende in Italia. Pena: la perdita del supporto alle prossime politiche 2006. Diciamo che l'uovo di Colombo sarebbe imporre dazi a prodotti che non risultino di aziende di proprietà o partecipazione UE. Ma anche in questo caso ho paura che servirà a poco. Infatti mentre i lavoratori perdono il lavoro, gli imprenditori che hanno investito all'estero i loro guadagni continuano a farli.
        • Anonimo scrive:
          Re: I dazi cinesi
          Se andiamo a vedere esistono già dei dazi quali il famoso marchio "CE" che spacciandosi per controlli di qualità in realtà boccano la merce fin quando non vengono pagate le tasse. Ma intanto querlli come le pulci penetrano ovunque e qui i controlli sono troppo pochi e blandi per far si che una politica di dazi possa limitare il mostro cinese
        • Anonimo scrive:
          Re: I dazi cinesi
          - Scritto da: Anonimo
          ma finchè chi può/deve imporre uno strumento di
          controllo [...]
          Pena: la perdita del supporto alle
          prossime politiche 2006.e' anche la mia opinone.
          Diciamo che l'uovo di
          Colombo sarebbe imporre dazi a prodotti che non
          risultino di aziende di proprietà o
          partecipazione UE. Ma anche in questo caso ho
          paura che servirà a poco. Infatti mentre i
          lavoratori perdono il lavoro, gli imprenditori
          che hanno investito all'estero i loro guadagni
          continuano a farli.Potremmo anche mensare ad una certificazione dei prodotti che attesti l'equita' del trattamento dei lavoratori da parte dell'industria che lo ha prodotto (e magari anche il giusto pagamento delle materie prime).Cosi' sarebbe impossibile commercializzare merci che vengono prodotte sfruttando dei poveracci, sia cinesi che rumeni o di qualsiasi altro paese.Se un operaio cinese mi costasse tanto quanto un operaio italiano, mi converrebbe produrre in italia, dove posso aspettarmi dei livelli qualitativi superiori. Gli industriali potrebbero smettere di "delocalizzare"Il prodotto costerebbe di piu', ma almeno la gente avrebbe i soldi per comprarlo. Non solo. Anche i cinesi, se volessero entrare nel mercato, dovrebbero iniziare a pagare di piu' la gente che cosi' potrebbe permettersi anche di comprare prodotti italiani (cosa impossibile adesso)Da un certo punto di vista il problema non e' solo economico, ma anche morale: in Italia rifiutiamo un sistema di lavoro che preveda paghe irrisorie, turni di lavoro massacranti, lavoro minorile, benissimo. PERO' accettiamo non solo la commercializzazione nel nostro paese di beni prodotti in quel modo, ma accettiamo anche che i nostri industriali investano capitali in posti del genere.E' un po' come con l'energia atomica: i cittadini non hanno votato contro l'energia atomica, di fatto hanno votato contro LE CENTRALI atomiche, ma accettano ben volentieri di consumare energia che viene prodotta spaccando atomi in centrali che guardacaso stanno a pochi metri da noi. (Praticamente una mazzata sui coglioni). Come dire: mangiare i bambini e' orribile, ma se li ammazzi te e me li cucini, un boccone lo assaggio volentieri :)Ma ovviamente vale il concetto espresso sopra: finche' ci saranno persone che traggono benefici immensi da queste disomogeneita', queste persone faranno di tutto perche' le cose rimangano cosi' come sono.ci sarebbe da votare lega... se solo non fossero dei cazzoni.
      • Anonimo scrive:
        Re: I dazi cinesi
        - Scritto da: matcion
        Infatti dovrebbe esserci parità di trattamento da
        entrambe le parti.

        Ricordiamoci che i trattati per l'ingresso della
        Cina nel WTO (ed è da allora che siamo invasi di
        prodotti cinesi) sono durati 20 anni con USA e
        UE. Si può sapere come si sono accordati? O i
        nostri rappresentanti hanno solo calato le
        braghe?Soprattutto quelli europei, gli USA hanno strappato dal WTO concessioni più pesanti e immorali di quelle a favore dell'UE. Esempio, ci multano spesso e volentieri per gli aiuti all'agricoltura, che gli USA non vogliono, ma concedono agli USA l'uso degli ormoni nell'allevamento e multano l'Europa perché rifiuta le carni USA agli ormoni e il bello è che prodi aveva a disposizione una procedura prevista dai regolamenti WTO per bloccare le carni agli ormoni senza far multare l'UE, ma non lo ha fatto. Onesto c°§lione o venduto f@r@butt°?Per farvi un'idea:http://groups.google.com/groups?hl=it&lr=&threadm=B75F635E.1F245%25marco.tomat%40tin.it&rnum=1&prev=/groups%3Fq%3Dreport%2Bprodi%2Bwto%2Bormoni%26hl%3Dit%26lr%3D%26scoring%3Dr%26selm%3DB75F635E.1F245%2525marco.tomat%2540tin.it%26rnum%3D1http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=7Non sottovalutate questa faccenda, è una mazzata per l'UE e per la nostra salute molto grave e crea anche un precedente pericoloso, in pratica mostra alle multinazionali USA che possono spremere l'Europa e imporre il loro volere dando quasi nulla in cambio, tanto i loro rappresentanti al WTO sono agguerriti e intransigenti, i nostri corrotti e/o incapaci.
  • Anonimo scrive:
    adesso è una delle più grandi, domani...
    sarà la più grande, grazie ai brevetti ed alla nostra grande voglia masochistica autolesionista...
    • Anonimo scrive:
      Re: adesso è una delle più grandi, doman
      - Scritto da: Anonimo
      sarà la più grande, grazie ai brevetti ed alla
      nostra grande voglia masochistica
      autolesionista...non è masochismo, è il conto che la storia ci sta presentando per secoli di abusivismi colonialisti
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso è una delle più grandi, doman
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        sarà la più grande, grazie ai brevetti ed alla

        nostra grande voglia masochistica

        autolesionista...


        non è masochismo, è il conto che la storia ci sta
        presentando per secoli di abusivismi colonialistizitto e lavora!:@
        • Anonimo scrive:
          Re: adesso è una delle più grandi, doman
          Veramente la Cina non è mai stata veramente colonizzata :-P
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            - Scritto da: Anonimo
            Veramente la Cina non è mai stata veramente
            colonizzata :-Palcune tracce storiche ad uso degli studenti dell'era moratti: la guerra dell'oppio la rivolta dei boxer
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Veramente la Cina non è mai stata veramente

            colonizzata :-P

            alcune tracce storiche ad uso degli studenti
            dell'era moratti:
            la guerra dell'oppio
            la rivolta dei boxerCerto che si sono rivoltati, a quel tempo l'igiene intima lasciava parecchio a desiderare.
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso è una delle più grandi, doman
        non si vive di filosofia
        • Anonimo scrive:
          Re: adesso è una delle più grandi, doman
          PAGHEREMO CARO PAGHEREMO TUTTO!!!!!!L'APOCALISSE è VICINA!!!!!nooooooooooooooooooooooooooooLa cina cosè???
        • Anonimo scrive:
          Re: adesso è una delle più grandi, doman
          - Scritto da: Anonimo
          non si vive di filosofiaCome no, guarda Bobbio e Cacciari.
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso è una delle più grandi, doman
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        sarà la più grande, grazie ai brevetti ed alla

        nostra grande voglia masochistica

        autolesionista...


        non è masochismo, è il conto che la storia ci sta
        presentando per secoli di abusivismi colonialistiOh, chi non ha mai colonizzato scagli la prima pietra, l'Europa ha subito invasioni per più di cinque secoli solo contando fra la caduta dell'impero romano e le crociate.L'islam ha colonizzato più di qualsiasi altro impero nella storia.La Cina stessa è stata ed è un intreccio inestricabile di colonizzati e colonizzatori.E tentando di colonizzare l'occidente stanno importando più o meno consapevolmente i nostri pregi e difetti, alla fine ci mischieremo e basta, solo gli integralisti d'ogni specie non si amalgameranno con gli altri, se rimarranno sanguinoso folklore, verranno più o meno contenuti con le cattive, ma senza eccedere, se tenteranno qualcosa di peggio delle Twin Towers verranno schiacciati senza pietà, senza fare prigionieri, ora è in ballo la Cina, non si fanno scrupolo di sparare alla nuca a semplici ladri...
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso è una delle più grandi, doman
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        sarà la più grande, grazie ai brevetti ed alla

        nostra grande voglia masochistica

        autolesionista...


        non è masochismo, è il conto che la storia ci sta
        presentando per secoli di abusivismi colonialistiNo ti sbagli e' la punizione divina per i peccati della carne... :D ma va!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso è una delle più grandi, doman
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        sarà la più grande, grazie ai brevetti ed alla

        nostra grande voglia masochistica

        autolesionista...


        non è masochismo, è il conto che la storia ci sta
        presentando per secoli di abusivismi colonialistiOttimo, abbiamo scoperto la regola storixa del contrappasso, grazie genio: alloa genio racconta, a quando il conto sara' presentato alla Cina per Nepal e colonizzazione di confine nel Kazakistan e impegno militare cinese nel Sudan? Perche' tu lo sai vero che la Cina da secoli si sta espandendo a danni di altre popolazioni...
    • Anonimo scrive:
      Re: adesso è una delle più grandi, doman
      - Scritto da: Anonimo
      sarà la più grande, grazie ai brevetti ed alla
      nostra grande voglia masochistica
      autolesionista...La pacchia è finita tra trent'anni la musica :D sarà cambiata.......
      • Anonimo scrive:
        Re: adesso è una delle più grandi, doman
        Non ancora ,possiamo sperare nell'avvento di colui che restaurerà la concordia nei mercati e porterà l'equilibrio nel nasdaq.SIIIIIIIIIIIII.
        • Anonimo scrive:
          Re: adesso è una delle più grandi, doman
          non sarà mai la più grande!!....ci penseranno il prode ministro calderoli e i suoi amici legaioli a fermarla mettendogli tutti quei dazi che quel bolscevico comunista di prodi non gli ha appioppato in 5 anni di presidenza UE.......uahuhauahauahuaha.....ahahahaha
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            Fidati presto tornerà il riequilibriatore e il dow jones verrà plasmato da esso.Così mirko ha detto.
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            amen
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            - Scritto da: Anonimo
            Fidati presto tornerà il riequilibriatore e il
            dow jones verrà plasmato da esso.Così mirko ha
            detto.si va bene...ma un povero esorcista predicatore tipo Milingo per tirare su il Mibtel non basterebbe?
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            Brutte notizie.il riequilibratore ha mal di testa e il pil in italia precipita del 75,6453 %.Così mirko ha detto.Dark mucca
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            - Scritto da: Anonimo
            non sarà mai la più grande!!....ci penseranno il
            prode ministro calderoli e i suoi amici legaioli
            a fermarla mettendogli tutti quei dazi che quel
            bolscevico comunista di prodi non gli ha
            appioppato in 5 anni di presidenza
            UE.......uahuhauahauahuaha.....ahahahahaRidi e scherza ma intanto l'Europa e' piu' potente economicamente della Cina.
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            non sarà mai la più grande!!....ci penseranno il

            prode ministro calderoli e i suoi amici legaioli

            a fermarla mettendogli tutti quei dazi che quel

            bolscevico comunista di prodi non gli ha

            appioppato in 5 anni di presidenza

            UE.......uahuhauahauahuaha.....ahahahaha

            Ridi e scherza ma intanto l'Europa e' piu'
            potente economicamente della Cina.Fino a quando ?
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            2021
          • Anonimo scrive:
            Re: adesso è una delle più grandi, doman
            - Scritto da: Anonimo
            2021Si, ma dai, cala ,cala !2021 è troppo! :p
Chiudi i commenti