E-Data incassa ancora sul download

Le attività europee di distribuzione musicale di Microsoft, Tiscali e OD2 sono ora coperte da un accordo stretto con la società che rivendica il brevetto sul download. E-Data esulta e si appresta a chiedere soldi a tutti


Roma – Chiudere rapidamente una vertenza difficile e tornare ad occuparsi solo dello sviluppo dei nuovi servizi di distribuzione via internet di musica ed altri contenuti. Questo è quanto ha spinto Microsoft, Tiscali e OD2 a siglare un accordo stragiudiziale che pone fine al caso innescato dalla denuncia a loro carico presentata da E-Data lo scorso ottobre.

E-Data in quell’occasione ha chiesto che i servizi di distribuzione musicale messi a punto dai tre big, o in via di essere lanciati, venissero sospesi o chiusi fino a quando non avessero ottenuto dalla stessa E-Data una speciale licenza a procedere. Licenza che ora è stata garantita.

Come si ricorderà, E-Data da anni rivendica la propria disponibilità di un brevetto internazionale che le offrirebbe diritti su tutte le attività commerciali che includono per i clienti la possibilità di scaricare informazioni da un server remoto per trasferirle su un proprio computer o altro supporto digitale. Dunque, la possibilità di scaricare musica da internet e masterizzarla rientrerebbe nel brevetto E-Data.

La piccola azienda, che ha già ottenuto importanti successi riuscendo a farsi pagare per il proprio brevetto anche da giganti come IBM , non ha reso noti i termini economici dell’accordo appena stretto con i tre big che aveva denunciato. Ma è ovvio che l’intesa rafforza grandemente la sua posizione e le dà l’effettiva speranza di potersi far pagare da tutti i produttori di servizi di questo tipo, e anche per quei servizi che in futuro proporranno film o altri contenuti con modalità simili.

E-Data ha spiegato che nell’accordo appena sottoscritto si sottolinea come il brevetto sia valido in tutto il mondo. “Siamo decisamente soddisfatti di questo accordo – ha affermato il chairman di E-Data Bert Brodsky – perché rafforza ulteriormente l’ampiezza e la validità del brevetto in Europa. Sebbene il servizio di OD2 stia nascendo soltanto ora, l’accordo rappresenta un messaggio importante per altre imprese che violano le nostre proprietà intellettuali”.

Sebbene Brodsky non abbia nominato specificamente quali siano queste “altre imprese”, conoscendo i progetti di Apple , è quasi certo che lo sbarco in Europa del suo servizio di distribuzione iTunes sarà condizionato da un’offensiva legale di E-Data. “Abbiamo per il momento aperto colloqui con una serie di importanti società in Europa – si è limitato ad affermare Brodsky – che violano le nostre proprietà intellettuali, e se necessario potremmo chiedere delle ingiunzioni contro queste società”. Mela avvisata mezza salvata…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • maxadamo scrive:
    Qualcuno sa se www.sco.com usa Apache ?
    Purtroppo sto dietro a un firewall e non posso giochicchiare molto.Sono curioso di sapere se SCO usa un server apache sul suo sito. Apache non e' propriamente GPL ma in pratica, leggendo i termini della licenza, e' come se lo fosse.Per il momento l'unica cosa che ho visto e che il messaggio di benvenuto di ftp.sco.com ti invita a scarica i suoi software open source :Dp.s.: sono quasi sicuro che usano un web apache o quantomeno basato su apache.Sporchi bastardi!--Massimiliano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno sa se www.sco.com usa Apache ?
      http://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www.sco.comOS Server Last changed IP address Netblock Owner Linux Apache 12-Dec-2003 216.250.128.12 NFT unknown Apache 11-Dec-2003 216.250.128.12 NFT Linux Apache 3-Sep-2003 216.250.128.12 NFT Linux Apache 21-Aug-2003 216.250.140.112 NFT Linux Apache/1.3.14 (Unix) mod_ssl/2.7.1 OpenSSL/0.9.6 PHP/4.3.2-RC 17-Jun-2003 216.250.140.112 NFT Linux Apache/1.3.14 (Unix) mod_ssl/2.7.1 OpenSSL/0.9.6 PHP/4.0.3pl1 20-Nov-2002 216.250.140.112 NFT Linux Apache/1.3.14 (Unix) mod_ssl/2.7.1 OpenSSL/0.9.6 PHP/4.0.3pl1 14-Aug-2002 216.250.140.125 NFT SCO UNIX Netscape-FastTrack/2.01 13-Aug-2002 132.147.210.109 Caldera, Inc. SCO UNIX Netscape-FastTrack/2.01 12-Aug-2002 132.147.210.109 Caldera, Inc. Linux Apache/1.3.14 (Unix) mod_ssl/2.7.1 OpenSSL/0.9.6 PHP/4.0.3pl1 8-Aug-2002 216.250.140.125 NFT
  • Anonimo scrive:
    SCO: un toccasana x i paesi asiatici
    A forza di far ridere i polli, li sta facendo skiattare tutti.
  • Salvatopo scrive:
    Proprietà intellettuale ?!?
    Scusate, vorrei sapere cosa si intende per la "proprietà intellettuale", perchè non ci sto capendo più molto, sinceramente.Io ritengo che il concetto sia più o meno questo: io ho una idea e inizio a svilupparla, poi penso bene (per motivi di vario genere) di venderla o regalarla a qualcun altro. Quindi quest'ultimo, che ha le capacità di sviluppare e vendere la mia idea, ci ricava dei soldi. Soldi che io non avrei potuto ricavare non avendo le necessarie infrastrutture.Sbaglio ?Non sono avvocato ne nulla di simile, quindi prima di formulare una giudizio vorrei sapere esattamente di che si parla.
    • maxadamo scrive:
      Re: Proprietà intellettuale ?!?
      - Scritto da: Salvatopo
      Scusate, vorrei sapere cosa si intende per
      la "proprietà intellettuale",io ho una diea in merito.Il plagio e' esistito sempre e sempre esistera'.Chi scrive un libro non ha la fortuna di poterlo compilare in modo da renderlo non plagiabile. In tal modo la proprieta' intellettuale di uno scrittore puo' essere plagiata (p.s.: pare che dai nuovi e-book non funzioni il copia e incolla e la stampa)Chi compone una musica idem.Lo stesso vale per uno scultore, per un pittore .... e cosi' via.e cosi' via ... tutto e' plagiabile.il mero concetto di proprieta' intellettuale e' una proprieta' privata priva di senso.--Massimiliano Adamo
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: Proprietà intellettuale ?!?
        - Scritto da: maxadamo

        - Scritto da: Salvatopo

        Scusate, vorrei sapere cosa si intende
        per

        la "proprietà intellettuale",

        io ho una diea in merito.

        Il plagio e' esistito sempre e sempre
        esistera'.
        Chi scrive un libro non ha la fortuna di
        poterlo compilare in modo da renderlo non
        plagiabile. In tal modo la proprieta'
        intellettuale di uno scrittore puo' essere
        plagiata (p.s.: pare che dai nuovi e-book
        non funzioni il copia e incolla e la stampa)
        Chi compone una musica idem.
        Lo stesso vale per uno scultore, per un
        pittore .... e cosi' via.
        e cosi' via ... tutto e' plagiabile.
        il mero concetto di proprieta' intellettuale
        e' una proprieta' privata priva di senso.

        --
        Massimiliano AdamoIn fondo sono concetti analoghi a quanto a suo tempo espresso da Stallman nel "Manifesto GNU". Cito: (...)«Ma le persone non hanno diritto di controllare come la loro creatività viene usata?» Il "controllo sull'uso delle proprie idee" in realtà costituisce un controllo sulle vite degli altri; e di solito viene usato per rendere più difficili le loro vite.Le persone che hanno studiato con cura i vari aspetti del diritto alla proprietà intellettuale (come gli avvocati) dicono che non c'è alcun diritto intrinseco alla proprietà intellettuale. I tipi dei supposti diritti alla proprietà intellettuale riconosciuti dal governo furono creati da specifici atti legislativi per scopi specifici.Per esempio la legislazione sui brevetti fu introdotta per incoraggiare gli inventori a rivelare i dettagli delle loro invenzioni. Lo scopo era avvantaggiare la società più che avvantaggiare gli inventori. A quel tempo la validità di 17 anni per un brevetto era breve se confrontata con la velocità di avanzamento dello stato dell'arte. Poiché i brevetti riguardano solo i produttori, per i quali il costo e lo sforzo degli accordi di licenza sono piccoli in confronto all'organizzazione della produzione, spesso i brevetti non costituiscono un gran danno. E non ostacolano la gran parte degli individui che usano prodotti coperti da brevetto.L'idea del copyright non esisteva in tempi antichi, quando gli autori copiavano estesamente altri autori in opere non narrative. Questa pratica era utile, ed è il solo modo attraverso cui almeno parte del lavoro di alcuni autori è sopravvissuto. La legislazione sul copyright fu creata espressamente per incoraggiare l'originalità. Nel campo per cui fu inventata, cioè i libri, che potevano essere copiati a basso costo solo con apparecchiature tipografiche, non fece molto danno e non pose ostacoli alla maggior parte dei lettori.Tutti i diritti di proprietà intellettuale sono solo licenze concesse dalla società perché si riteneva, correttamente o meno, che concederle avrebbe giovato alla società nel suo complesso. Ma data una situazione particolare dobbiamo chiederci: facciamo realmente bene a concedere queste licenze? Che atti permettiamo di compiere con esse?Il caso dei programmi ai giorni nostri differisce enormemente da quello dei libri un secolo fa. Il fatto che la via più facile per passare una copia di un programma sia da persona a persona, che il programma abbia un codice sorgente ed un codice oggetto che sono cose distinte, ed infine il fatto che un programma venga usato più che letto e gustato, combinandosi creano una situazione in cui qualcuno che impone un copyright minaccia la società nel suo insieme, sia materialmente che spiritualmente, una situazione in cui quel qualcuno non dovrebbe farlo, che la legge lo permetta o no. (...) Traduzione originale:http://www.fsf.org/gnu/manifesto.it.html
  • Anonimo scrive:
    Prove tecniche di suicidio commerciale
    SCO, su cui non vorrei esprimermi ulteriormente visto che è stato detto già tutto, dimentica una cosa fondamentale: senza gli utenti NON VA DA NESSUNA PARTE!!!!!!Se poi gli utenti si organizzano e fanno a lei quello che lei, per ora, solo minaccia a loro?Magari lo facessimo .... sarebbe da ridere...root (http://tcproject.info)
    • Anonimo scrive:
      Re: Prove tecniche di suicidio commercia
      - Scritto da: Anonimo
      SCO, su cui non vorrei esprimermi
      ulteriormente visto che è stato detto
      già tutto, dimentica una cosa
      fondamentale: senza gli utenti NON VA DA
      NESSUNA PARTE!!!!!!Non l'ha dimenticato, infatti si vuole prendere gli utenti degli altri facendosi pagare una licenza per Linux...
  • Anonimo scrive:
    outsourcing
    e per fortuna dicevano che l'open Source toglie posti di lavoro negli States...http://www.sco.com/company/jobs/no.sec
    • Anonimo scrive:
      Re: outsourcing
      - Scritto da: Anonimo
      e per fortuna dicevano che l'open Source
      toglie posti di lavoro negli States...
      www.sco.com/company/jobs/

      no.secBeh.... il posto è in India...Però leggendo meglio...."Job Description:Design and develop systems-level software for Linux and provide systems support by performing the following duties:[CUT]"Ripeto:"Design and develop systems-level software for Linux"Ri-ripeto:"software for Linux"Ma questi ci sono o ci fanno ?
  • Anonimo scrive:
    SCO Denuncia Linux come antiamericano /2
    2. The threat to our international competitive position. In a growing number of countries, including Britain, Germany, France, Israel, Brazil, Japan, South Korea, China and Russian,[sic] national and municipal governments are requiring that government entities use Open Source software. Instead of UNIX from any number of U.S. companies or Windows from Microsoft, governments throughout Europe and Asia are using Linux, often downloaded for free from the Internet. I find this particularly galling because that Linux software contains thousands of lines of my company's proprietary UNIX code -- for which we receive no revenue. SCO has a strong, involuntary presence in certain non-U.S. government markets -- but this is only through unauthorized use of our code in Linux software.U.S. software companies are already finding it difficult to compete with highly capable Open Source software that has gained many of its capabilities through the illegal incorporation of code "borrowed" from the rightful owners. We need to look no further than the declining revenues of the music publishing industry -- undermined by free, online downloading -- to see a warning of what could be next for our software industry.Through the years, Congress has repeatedly dealt with the tough issues of predatory pricing and "dumping". I contend that the ultimate predatory price is "free". There is no more damaging example of dumping than the widespread availability of highly capable software that devalues intellectual property by making it available at no cost -- in direct competition with the products from which it is derived.3. The threat to our national security. I assert that Open Source software -- available widely through the Internet -- has the potential to provide our nation's enemies or potential enemies with computing capabilities that are restricted by U.S. law. SCO's UNIX software is subject to export licensing restrictions, and for good reason. With the powerful multi-processing features of UNIX software, someone could build a supercomputer for military applications. My company must adhere to these restrictions: we cannot sell to North Korea, Libya, Iran, Sudan and several other nations. But a computer expert in North Korea who has a number of personal computers and an Internet connection can download the latest version of Linux, complete with multi-processing capabilities misappropriated from UNIX, and, in short order, build a virtual supercomputer.When I talk about this, some people think I'm an alarmist. I have a different view -- I think that this may have already happened. Open Source software and the GPL, unchecked, are an easy way for our adversaries to circumvent our software export restrictions. I'm bringing these troubling issues to your attention to ask you to consider them whenever you are discussing or voting on issues of the economy, intellectual property and national security. The Open Source community now includes several major corporations. These companies have been lobbying for increased government support of Open Source software. Some want government RFPs to specify Open Source software. I urge you to consider the other side because I believe that Open Source, as it is currently constituted, is a slippery slope. It undermines our basic system of intellectual property rights, and it destroys the economic reasons for innovation.As part of the effort to protect our intellectual property rights, The SCO Group has met with several U.S. government agencies. We have been encouraged to see that, unique among the organizations with which we've met, most government agencies understand the implications of SCO's case. Government agency leaders readily understand the value of copyrights, and they do not want to be in violation. This is in contrast to many corporations, who seem to have a "don't ask, don't tell" policy when it comes to understanding the source of the software they are using.Our nation's economic system is reflected in the concept and practice of Copyright. In 1980 and again in 1998, Congress took action to solidify the rule of copyright in the software industry. The GPL (which its authors call "copyleft" to emphasize that it is the opposite of copyright) should not be allowed to continue to undermine the foundation of one of our most important industries. I ask that you consider this very carefully in your role as one of our nation's leaders.Sincerely,Darl McBridePresident and CEOThe SCO Group, Inc.
    • Anonimo scrive:
      Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican
      - Scritto da: Anonimo
      2. The threat to our international
      competitive position. In a growing number of
      countries, including Britain, Germany,
      France, Israel, Brazil, Japan, South Korea,
      China and Russian,[sic] national and
      municipal governments are requiring that
      government entities use Open Source
      software. Instead of UNIX from any number of
      U.S. companies or Windows from Microsoft,
      governments throughout Europe and Asia are
      using Linux, often downloaded for free from
      the Internet. I find this particularly
      galling because that Linux software contains
      thousands of lines of my company's
      proprietary UNIX code -- for which we
      receive no revenue. SCO has a strong,
      involuntary presence in certain non-U.S.
      government markets -- but this is only
      through unauthorized use of our code in
      Linux software.

      U.S. software companies are already finding
      it difficult to compete with highly capable
      Open Source software that has gained many of
      its capabilities through the illegal
      incorporation of code "borrowed" from the
      rightful owners. We need to look no further
      than the declining revenues of the music
      publishing industry -- undermined by free,
      online downloading -- to see a warning of
      what could be next for our software
      industry.

      Through the years, Congress has repeatedly
      dealt with the tough issues of predatory
      pricing and "dumping". I contend that the
      ultimate predatory price is "free". There is
      no more damaging example of dumping than the
      widespread availability of highly capable
      software that devalues intellectual property
      by making it available at no cost -- in
      direct competition with the products from
      which it is derived.

      3. The threat to our national security. I
      assert that Open Source software --
      available widely through the Internet -- has
      the potential to provide our nation's
      enemies or potential enemies with computing
      capabilities that are restricted by U.S.
      law. SCO's UNIX software is subject to
      export licensing restrictions, and for good
      reason. With the powerful multi-processing
      features of UNIX software, someone could
      build a supercomputer for military
      applications. My company must adhere to
      these restrictions: we cannot sell to North
      Korea, Libya, Iran, Sudan and several other
      nations. But a computer expert in North
      Korea who has a number of personal computers
      and an Internet connection can download the
      latest version of Linux, complete with
      multi-processing capabilities
      misappropriated from UNIX, and, in short
      order, build a virtual supercomputer.

      When I talk about this, some people think
      I'm an alarmist. I have a different view --
      I think that this may have already happened.
      Open Source software and the GPL, unchecked,
      are an easy way for our adversaries to
      circumvent our software export restrictions.


      I'm bringing these troubling issues to your
      attention to ask you to consider them
      whenever you are discussing or voting on
      issues of the economy, intellectual property
      and national security. The Open Source
      community now includes several major
      corporations. These companies have been
      lobbying for increased government support of
      Open Source software. Some want government
      RFPs to specify Open Source software. I urge
      you to consider the other side because I
      believe that Open Source, as it is currently
      constituted, is a slippery slope. It
      undermines our basic system of intellectual
      property rights, and it destroys the
      economic reasons for innovation.

      As part of the effort to protect our
      intellectual property rights, The SCO Group
      has met with several U.S. government
      agencies. We have been encouraged to see
      that, unique among the organizations with
      which we've met, most government agencies
      understand the implications of SCO's case.
      Government agency leaders readily understand
      the value of copyrights, and they do not
      want to be in violation. This is in contrast
      to many corporations, who seem to have a
      "don't ask, don't tell" policy when it comes
      to understanding the source of the software
      they are using.

      Our nation's economic system is reflected in
      the concept and practice of Copyright. In
      1980 and again in 1998, Congress took action
      to solidify the rule of copyright in the
      software industry. The GPL (which its
      authors call "copyleft" to emphasize that it
      is the opposite of copyright) should not be
      allowed to continue to undermine the
      foundation of one of our most important
      industries. I ask that you consider this
      very carefully in your role as one of our
      nation's leaders.

      Sincerely,

      Darl McBride
      President and CEO
      The SCO Group, Inc.... ecco dimostrato che SCO viene usata come 'siluro' da qualche multinazionale del sw (senza fare nomi perchè altrimenti uno si becca pure una denuncia)...
    • maxadamo scrive:
      Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican
      - Scritto da: Anonimo
      2. The threat to our international ...Dear Darl,unfortunately for you, what you wrote is a bit fascist.You begin from the wrong idea that:USA can have weapons and Korea cannot haveUSA can have Unix and Korea cannot haveUSA can have weapons and Lybia cannot haveUSA can have Unix and Lybia cannot haveand so on ....in my opnion. it's better if USA don't have super-computer too.--Massimiliano
      • Ekleptical scrive:
        Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican

        You begin from the wrong idea that:
        USA can have weapons and Korea cannot have
        USA can have Unix and Korea cannot have
        USA can have weapons and Lybia cannot have
        USA can have Unix and Lybia cannot haveBeh, credo che la pressochè totalità degli abitanti USA, Europei e Giapponesi siano d'accordo con queste premesse!
        • maxadamo scrive:
          Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican
          - Scritto da: Ekleptical

          You begin from the wrong idea that:

          USA can have weapons and Korea cannot
          have

          USA can have Unix and Korea cannot have

          USA can have weapons and Lybia cannot
          have

          USA can have Unix and Lybia cannot have

          Beh, credo che la pressochè
          totalità degli abitanti USA, Europei
          e Giapponesi siano d'accordo con queste
          premesse!e io credo che la pressoche' totalita' degli abitanto libici. koreani, and so on NON siano in accordo con queste premesse.Tu ti sei spiegato bene: ognuno difende se stesso.Io non so se mi sono spiegato bene. Cio' che volevo dire (riguardo alla questione delle armi tirata in ballo da SCO) e' che quelle armi nessuno ha il diritto di usarle. Ne gli usa ne la korea. .... d'altra parte .... a crimini di guerra siamo messi tutti bene: gli americani sono stati i secondo dopo i tedeschi, ad aver subito un processo per crimini di guerra nel vietnam, dal tribunale messo in piedi da bertrand russel.--Massimiliano
      • Kheru scrive:
        Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican
        - Scritto da: maxadamoO__________________OEsisti !? .. sei ancora vivo .... :'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(da quanto tempoooo, chissà se Thorin legge e/o si ricorda 8) :D
        --
        Massimiliano==================================Modificato dall'autore il 22/01/2004 21.12.19
    • Ekleptical scrive:
      Re: SCO Denuncia Linux come antiamericano /2

      Our nation's economic system is reflected in
      the concept and practice of Copyright.Beh, che piaccia o no, è vero!Al di là della questione specifica "Linux ci ha derubato", sulla quale non sono in grado di rispondere (e non lo è nessuno, a meno che non lavoriate per SCO), il resto di quello che dice è fondamentalmente corretto, che vi piaccia o no!
      • Anonimo scrive:
        Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican
        - Scritto da: Ekleptical[pfuu...]Sei il solito (troll)
      • maxadamo scrive:
        Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican
        - Scritto da: Ekleptical

        Our nation's economic system is
        reflected in

        the concept and practice of Copyright.

        Beh, che piaccia o no, è vero!
        Al di là della questione specifica
        "Linux ci ha derubato", bah .... ti senti derubato da linux?Credi veramente alle assurdita' millantate da SCO?Sulla mera questione tecnica viene fuori che:1) SYSV e' utilizzato sul 90% degli unix (e nessuno di questi paga diritti a SCO)2) il codice per multiprocesso di cui parla SCO non e' piu' utilizzato in Linux.3) la menata del filesystem e' una pura bioata.4) SCO unix era uno unix paurosamente obsoleto gia' al suo tempo megliore. In altre parole se c'e' da copiare perche' copiare dal peggior Unix presente nel mercato? Perche' non prendere sorgenti di Irix, Solaris o AIX piuttosto che da SCO?il quarto punto e' quello che piu' mi fa riflettere.quanto agli embraghi unilaterali decisi dagli usa ... lasciano veramente il tempo che trovano.--Massimiliano
    • Kheru scrive:
      Re: SCO Denuncia Linux come antiamerican
      - Scritto da: Anonimo
      3. The threat to our national security. I
      assert that Open Source software --
      available widely through the Internet -- has
      the potential to provide our nation's
      enemies or potential enemies with computing
      capabilities that are restricted by U.S.
      law.uhm ... non mi pare che Blaster, CoderRed e cuGGini abbiano fatto pochi danni su un OS americanissimo quale quello M$ :-/
      Sincerely,

      Darl McBride
      President and CEOsfigato :p:D
      The SCO Group, Inc.
  • Anonimo scrive:
    SCO denuncia Linux come antiamericano /1
    Lettera spedita ai membri del congresso ieri:The Honorable _____ ____ Cannon HOB Washington, DC 20515Dear Honorable _______________:I am writing to draw your attention to an important controversy that has become one of the dominant issues in the software industry. The way in which this issue is resolved will have very important ramifications for* our nation's economy * our continued ability to lead the world in technology * our international competitive position in the global software industry, and even for* our national security.The source of this controversy is the rapid spread of a form of software called "Open Source software." The most widely used Open Source product is a software environment called Linux. Open Source Linux software is developed and enhanced by a loose, worldwide group of volunteers usually called "the Open Source community." Through the work of this community of volunteers, lately abetted by the efforts of several major computing companies, Linux software has become a popular way to run computer server systems, Web sites, networks and many applications.Innovation in software in itself is not a problem -- the new computing technologies have long been an engine of growth for our nation. But there are two serious problems associated with the spread of Linux and the Open Source approach to software development and distribution.First, Linux and Open Source software are developed and distributed (often at no cost) under a scheme called the GNU General Public License (GPL) which, some believe, is in direct contradiction to U.S. Copyright law, to the Digital Millennium Copyright Act (DMCA), and to the recent Supreme Court decision in Eldred v. Ashcroft. I have attached a document that describes in detail the problems of the GPL and the ways in which it violates current U.S. statutes.Those who designed the GPL readily admit that they created this license to have the effect of "freeing" software -- taking it out of the realm of copyright protection by placing it in the public domain. The author of the GPL is well-known for his view that proprietary software (meaning software as an intellectual asset from which the designer can derive profit) is unacceptable. The GPL seeks to commodatize software by reducing its monetary value to zero and making it freely available to anyone. The GPL is carefully designed to have a viral effect -- it "frees" the software that is proprietary, licenseable, and a source of income from the companies that developed it. Until now it has been generally agreed that the GPL has never faced a legal test. SCO is involved in a major software intellectual property case through which the GPL will face such a test.The second problem with Open Source software is that it is not all original. Linux software contains significant UNIX software code that has been inappropriately, and without authorization, placed in Linux. I know this because my company, the SCO Group, owns the rights to that UNIX code originally developed by AT&T. SCO holds licenses to this valuable asset with more than 6,000 companies, universities, government agencies and other organizations. But as the use of Linux has grown, license revenue from UNIX has shrunk. Why wouldn't it? Why would someone license UNIX code from SCO and other legitimate providers when they can get much of that same code, for free, in Linux? The damage this has inflicted on SCO's UNIX business is an example of what could happen to the entire software industry if the current Open Source model continues. For this reason, SCO has taken legal action against those who, we believe, have misappropriated our most important corporate asset. By taking action, our company has become a target for sometimes vicious attacks -- including online attacks that have repeatedly shut down our company Web site. Despite this, we are determined to see those legal cases through to the end because we are firm in our belief that the unchecked spread of Open Source software, under the GPL, is a much more serious threat to our capitalist system than U.S. corporations realize. I believe that this threat is manifest in these important areas:1. The threat to the U.S. information technology industry. Our economic recovery appears to be well underway, but it is still fragile and could be thrown off track. Just as technology and innovation have led the U.S. economy during previous boom periods, many assume that this will happen again. But imagine a major new technology buying cycle in which revenue from software sales shrinks. Free or low-cost Open Source software, full of proprietary code, is grabbing an increasing portion of the software market. Each Open Source installation displaces or pre-empts a sale of proprietary, licensable and copyright-protected software. This means fewer jobs, less software revenue and reduced incentives for software companies to innovate. Why should a software company invest to develop exciting new capabilites when their software could end up "freed" as part of Linux under the GPL?Economic damage to the U.S. software industry could have serious repercussions if this continues unchecked. International Data Corporation forecasts that the global software industry will grow to $289 billion by 2007. Beyond the economic stimulus provided by the software industry, U.S. sales taxes on that amount of software will be somewhere between $17 billion to $21 billion.Our economy has already been hurt by offshore outsourcing of technology jobs. I'm sure you've seen this among your constituents. What if our technology jobs continue to move offshore at the same time the economic value of innovative software declines? For more than 20 years, software has been one of the leading examples of innovation and value-creation in our economy. When software becomes a commodity with nearly zero economic value, how will our economy make up for this loss?- continua -
  • MemoRemigi scrive:
    Scusate, non è mica domani...
    .. il giorno delle grassissime risate in cui SCO(reggia) sarà costretta a mostrare le famose linee di codice presumevolmente copiate da unix ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate, non è mica domani...
      Mi sembrava qualche giorno fa.. Il 14...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate, non è mica domani...
        - Scritto da: Anonimo
        Mi sembrava qualche giorno fa.. Il 14...Il 12.... Data che è arrivata.... ed è passata....SCO ha avuto il becco di dichiarare che per mostrare le prove avrebbe avuto bisogno dei sorgenti delle ultime versioni di AIX....http://www.groklaw.net/article.php?story=20040114194241382Punto 14 del documento.L'unica cosa che sono riusciti a dire è che il codice di JFS è di provenienza IBM. La scoperta dell'acqua calda....
        • Giambo scrive:
          Re: Scusate, non è mica domani...
          - Scritto da: Anonimo
          SCO ha avuto il becco di dichiarare che per
          mostrare le prove avrebbe avuto bisogno dei
          sorgenti delle ultime versioni di AIX....No, aspetta, fammi capire bene, SCO dice che c'e' del codice rubato in AIX, ma chiede di poter vedere il codice di AIX ?Come se io dicessi: Posso indovinare la carta che hai scelto dal mazzo, ma prima devo vedere la carta ?
          • MemoRemigi scrive:
            Re: Scusate, non è mica domani...
            - Scritto da: Giambo
            No, aspetta, fammi capire bene, SCO dice che
            c'e' del codice rubato in AIX, ma chiede di
            poter vedere il codice di AIX ?
            Come se io dicessi: Posso indovinare la
            carta che hai scelto dal mazzo, ma prima
            devo vedere la carta ?A me suno proprio così !Sono patetici.SCO: la vergogna dell'informatica !
          • hoff scrive:
            Re: Scusate, non è mica domani...

            No, aspetta, fammi capire bene, SCO dice che
            c'e' del codice rubato in AIX, ma chiede di
            poter vedere il codice di AIX ?
            Come se io dicessi: Posso indovinare la
            carta che hai scelto dal mazzo, ma prima
            devo vedere la carta ?No, beh, come paragone non c'entra...E' piuttosto come se ti dicessi: "secondo me mi hai rubato dei soldi, dammi la tua carta di credito che prelevo tutti i tuoi soldi, me li porto a casa e li esamino per capire se sono i miei. Ma non te li rubo, eh, stai tranquillo!"
  • Anonimo scrive:
    SCO è alla disperazione
    Circondata reagisce con mazzate a casaccio a destra e a manca fino a che non si mazzolerà da sola.Sono solo degli skizzati arroganti e presto si vedrà che fine faranno le loro assurde accuse e finalmente la SCO sparirà dalle cronache oltre che dal SW.
  • Anonimo scrive:
    Schiavoni sei un mito!
    Ottima illustrazione: come al solito una via di mezzo tra professionalità (vera) e Pakistano !!! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Schiavoni sei un mito!
      mi unisco ai complimenti: l'illustrazione è bellissima e lapidaria, son qui che sogghigno tutto sballonzolante!:)- Scritto da: Anonimo

      Ottima illustrazione: come al solito una via
      di mezzo tra professionalità (vera) e
      Pakistano !!! :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Schiavoni sei un mito!
        Quoto in pieno. Davvero complimenti!- Scritto da: Anonimo
        mi unisco ai complimenti: l'illustrazione
        è bellissima e lapidaria, son qui che
        sogghigno tutto sballonzolante!

        :)

        - Scritto da: Anonimo



        Ottima illustrazione: come al solito
        una via

        di mezzo tra professionalità
        (vera) e

        Pakistano !!! :D
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Schiavoni sei un mito!
      - Scritto da: Anonimo

      Ottima illustrazione: come al solito una via
      di mezzo tra professionalità (vera) e
      Pakistano !!! :Dsigh sigh commosso :o(e sono cosi al naturale) :DLucaS
      • Anonimo scrive:
        Re: Schiavoni sei un mito!
        Wallace & Gromit?(se ci ho azzeccato ottima citazione!!!)
        • Luca Schiavoni scrive:
          Re: Schiavoni sei un mito!
          - Scritto da: Anonimo
          Wallace & Gromit?

          (se ci ho azzeccato ottima citazione!!!)beh.. tu sai vero perche' il simbolo di Linux E' un pinguino ? ;)perche' e' QUEL pinguino di Wallace and Gromit, che tanto piaceva ad un certo Torvalds.. quindi piu' che una citazione e' il vero pinguino di Linux, diffidate dalle imitazioni :)LucaS
    • Anonimo scrive:
      Re: Schiavoni sei un mito!
      - Scritto da: Anonimo

      Ottima illustrazione: come al solito una via
      di mezzo tra professionalità (vera) e
      Pakistano !!! :DE soprattutto valida per ben due notizie:- SCO vs Novell- RIAA vs utenti P2P
  • Anonimo scrive:
    Li comprano
    Prima o poi Mamma Blue li compra (rectius: LI SCALA IN BORSA) e li manda tutti a pescare in riva ad un lago.
  • Anonimo scrive:
    PI BASTA!
    Secondo me il risalto dato a tutta questa storia e' TROPPO!Sco fattura 25/30 milioni di dollari/annoNovell fattura 1 Miliardo di dollari/annoIBM ne fatura 100 Miliardi!!!E' come se sul corriere della sera ogni 3 giorni la primapagina fosse dedicata a mia zia arteriosclerotica cheminaccia di denuncia il Papa.Ok la tutela delle minoranze, ma diamo il giusto peso alle cose!
    • Anonimo scrive:
      Re: PI BASTA!
      - Scritto da: Anonimo
      Secondo me il risalto dato a tutta questa
      storia e' TROPPO!
      Sco fattura 25/30 milioni di dollari/anno
      Novell fattura 1 Miliardo di dollari/anno
      IBM ne fatura 100 Miliardi!!!secondo me se c'e' ancora in giro gente che non ha capito bene la questione.. e' bene che sene parli.cosa significa il fatturato?ma sai di cosa stai parlando? se un azienda rivendica il diritto su Linux puo' anche essere in perdita e far causa a Apple (che sara' la prossima)e meno male che e' cosi. o forse se uno guadagna meno.. perde qualsiasi diritto? io sono dalla parte di SCO.Zia
      • Anonimo scrive:
        Re: TROLL DETECTED !!!
        - Scritto da: Anonimo

        IBM ne fatura 100 Miliardi!!!

        secondo me se c'e' ancora in giro gente che
        non ha capito bene la questione.. e' bene
        che sene parli.Premetto che non sono l'autore del post.
        cosa significa il fatturato?Giro d'affari.
        ma sai di cosa stai parlando? Lui sì, tu evidentemente no.
        se un azienda rivendica il diritto su Linux
        puo' anche essere in perdita e far causa a
        Apple (che sara' la prossima)
        e meno male che e' cosi. o forse se uno
        guadagna meno.. perde qualsiasi diritto?No, sempilcemente IBM scala SCO e poi la liquida.Capito, mago della finanza ?
        io sono dalla parte di SCO. (troll) Sei un troll (troll)(troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: PI BASTA!

      Secondo me il risalto dato a tutta questa
      storia e' TROPPO!Non credo. Qui abbiamo due vecchi nomi dell'IT, considera SCO o Novell, due volponi del settore, che si stanno scannando. Dare risalto alla cosa mi sembra il minimo sinceramente.Se non parlassero di certe cose perche' non c'e' fatturato toccherebbe andarle a cercare altrove.
      Sco fattura 25/30 milioni di dollari/anno
      Novell fattura 1 Miliardo di dollari/anno
      IBM ne fatura 100 Miliardi!!!E allora? A parte che le cifre sono sbagliate.
      E' come se sul corriere della sera ogni 3
      giorni la prima
      pagina fosse dedicata a mia zia
      arteriosclerotica che
      minaccia di denuncia il Papa.Ahahaha. Molto divertente. Certo se tua zia fosse l'Arcivescovo di Canterbury andrebbe proprio cosi'.
      Ok la tutela delle minoranze, ma diamo il
      giusto peso alle cose!A caso?
  • AlbertoPd scrive:
    controverso emendamanento n.2
    già con l'inglese io ci so poco, chiedevo:c'e' nessuno che ha provato a leggere questo emendamento?è realmente così ambiguo nella sua interpretazione?
  • Anonimo scrive:
    Che faccia.......
    Fra le accuse scagliate contro Novell, l'azienda guidata da Darl McBride ne ha evidenziato cinque: l'aver registrato, come accennato in precedenza, brevetti su UNIX che non le appartengono; l'aver fatto "rivendicazioni pubbliche false e ingannevoli" in merito ai copyright di UNIX; l'aver "dichiarato il falso allo scopo di impedire che clienti e potenziali clienti potessero intrecciare rapporti d'affari con SCO"; l'aver tentato, "in mala fede, di togliere a SCO la possibilità di proteggere i propri brevetti"; e, infine, l'aver causato "un'irreparabile danno" alla proprietà intellettuale di SCO, al suo business e alla sua reputazione dando "un'interpretazione falsa e ingannevole su chi detiene i copyright di UNIX e UnixWare".***********In pratica tutte cose che Sco fa nei confronti di Linux, come dire il bue che dice cornuto all'asino....Cmq mi piacerebbe sapere quante aziende utilizzatrici di Linux hanno acquistato la licenza sco in base alle loro minaccie. Qualcuno lo sa? i sono documentazioni?
  • bacarozz83 scrive:
    Re: Come bypassare il problema?
    assisterò in diretta alla fine di SCObuahahahahahaaaaaasco si stà parmalizzando!!!fossi dipendente sco mi dimetterei(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Come bypassare il problema?

      sco si stà parmalizzando!!!Parmalattizzando se proprio vuoi usare questo termine grassie!Shiva
  • Fred scrive:
    OT: nota per la redazione
    piccolo errore "Novell cedette alla rivale "alcune" - o "tutte", come sostiene SCO - proprietà di Linux: mentre la prima insiste nel dire che quell'accordo "sostituire linux con unix
    • la redazione scrive:
      Re: OT: nota per la redazione
      Fatto, grazie ;-)- Scritto da: Fred
      piccolo errore

      "Novell cedette alla rivale "alcune" - o
      "tutte", come sostiene SCO -
      proprietà di Linux: mentre la prima
      insiste nel dire che quell'accordo "

      sostituire linux con unix

  • Anonimo scrive:
    Prima o poi...
    Troveremo una notizia del tipo: SCO denuncia se stessa!!!andando avanti così non sapranno più chi denunciare...Jack Rackham
    • Anonimo scrive:
      Re: Prima o poi...
      - Scritto da: Anonimo
      Troveremo una notizia del tipo: SCO denuncia
      se stessa!!!E sarebbe l'unica causa in grado di vincere!
      • Anonimo scrive:
        Re: Prima o poi...
        Secondo me ormai li guardano male anche in tribunale a questi della SCO, quando arrivano a fare l'ennesima denuncia ci saranno tutti quelli del tribunale che bisbigliano "a rieccoli"Jack Rackham
      • Anonimo scrive:
        Re: Prima o poi...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Troveremo una notizia del tipo: SCO
        denuncia

        se stessa!!!

        E sarebbe l'unica causa in grado di vincere!Questo è ancora da vedere, mi pare.
Chiudi i commenti