E Panasonic s'inventa la lampadina ibrida

Una piccola lampadina ad incandescenza inglobata all'interno di una moderna lampada fluorescente. E' questo l'escamotage ideato da Panasonic per portare nelle eco-lampadine la comodità dell'accensione istantanea

Tokyo – Negli ultimi anni la tecnologia alla base delle lampade fluorescenti è costantemente migliorata, riducendo – senza però eliminare del tutto – le relative limitazioni: prima fra tutte, il tempo necessario per l’accensione e la completa illuminazione. Panasonic afferma di aver aggirato questo problema sviluppando un nuovo tipo di lampada fluorescente capace, al pari delle convenzionali lampadine a incandescenza, di accendersi istantaneamente.

la lampadina Il “trucco” sta nel fatto che la nuova eco-lampadina di Panasonic, chiamata Pa-Look Ball Premium Q, utilizza un sistema di illuminazione ibrido : al centro delle spire in vetro, contenenti il gas nobile e il materiale fluorescente, Panasonic ha incastonato una piccola lampadina ad incandescenza , chiamata Quick Lamp , capace di emettere il 60% della luminosità di cui è capace la Premium Q entro un secondo dall’accensione. Quando il bulbo fluorescente raggiunge il pieno fulgore, la Quick Lamp viene automaticamente spenta.

Panasonic non ha precisato che tipo di lampadina abbia utilizzato per la propria Quick Lamp, ma è plausibile si tratti di un modello alogeno .

“Le lampadine fluorescenti hanno attratto l’interesse globale sia per la loro elevata efficienza energetica e durata, sia per la capacità di emettere una luce calda simile a quella delle lampadine a incandescenza”, ha spiegato Panasonic. “Questo tipo di lampadine, però, è oggi considerato poco adatto per l’utilizzo in ambienti dove la luce viene accesa e spenta di frequente, come le stanze da bagno. La Premium Q unisce l’accensione rapida dei modelli a incandescenza con tutti i vantaggi forniti dalla tecnologia a fluorescenza, migliorando inoltre l’efficienza di quest’ultima”.

Pa-Look Ball Premium Q

La Premium Q emette la stessa quantità di luce di una classica lampadina da 54 watt, consumando però solo 10 watt : calcolatrice alla mano, il livello di efficienza è di circa l’8% più elevato rispetto ad una tipica lampada fluorescente oggi in commercio.

Panasonic afferma che la propria lampadina stabilisce anche nuovi primati sia nella longevità , pari a 13mila ore, sia nel numero di accensioni/spegnimenti, stimati intorno ai 40mila: la durata complessiva, secondo l’azienda, è del 30% superiore a quella dell’attuale generazione di bulbi Pa-Look Ball Premium e 13 volte più elevata rispetto alle comuni lampadine a filamento .

Le nuove lampadine Prenium Q di Panasonic saranno introdotte in Giappone entro la fine del mese.

Update (ore 0,22) – Diversi lettori hanno giustamente fatto notare che l’azienda italiana Beghelli produce già una lampadina ibrida. Panasonic sembra dunque arrivare quanto meno seconda.

( fonte seconda immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Akiro scrive:
    business
    dopo le macchine mangia-soldi dei bar ed il lotto truccato, adesso importeranno anche questo metodo per spremere i soliti drogati di tv e giochi.il tutto in nome del dio business8 )
    • ndr scrive:
      Re: business
      Ed in nome dei polli che si fanno spennare.Se uno è così imbecille si merita di perdere tutti i soldi.
      • Akiro scrive:
        Re: business

        Se uno è così imbecille si merita di perdere
        tutti i soldi.non sono d'accordo.basti pensare che c'è sempre qualcuno più "furbo" e comunque se dobbiamo dimostrarci più bravi solo a fregare il prossimo siamo proprio una razza destinata all'estinzione.
        • ndr scrive:
          Re: business
          Come tutte le specie viventi, niente di nuovo sotto il sole...oltre al fatto che le dinamiche di popolazione sono regolate da ben altri fattori. Ad ogni modo da quando siamo scesi dagli alberi il più furbo vince e procrea, non ci vedo niene di male. Non puoi confondere la stupidità di una persona con un eventuale reato, che in quel caso sarebbe da biasimare. Qua non ci sono scuse, se uno si butta dal ponte non puoi accusare chi l'ha costruito.
Chiudi i commenti