eBay succhia mezza VeriSign

Con 370 milioni di dollari si assicura la divisione pagamenti del colosso californiano, dando così nuovo fiato a PayPal e assicurandosi commissioni a cascata su tutte le transazioni. Un giochino già premiato in Borsa


San Francisco (USA) – Giornata di grandi affari ieri a Silicon Valley: eBay ha annunciato che entro la fine dell’anno acquisterà la divisione payment processing di VeriSign , il colosso delle infrastrutture business e dei domini internet. L’offerta dovrebbe raggiungere quota 370 milioni di dollari: un’inezia se confrontati con gli 1,5 miliardi di dollari bruciati da eBay per l’acquisizione di PayPal .

Il noto sito di aste si avvia questo punto a disporre della più grande e completa piattaforma di pagamenti online. Già, perché se da una parte PayPal si occupa delle transazioni consumer, Verisign è una delle soluzioni online di riferimento a livello business. Ciò significa che da domani un singolo acquisto su eBay si trasformerà quasi in “una catena di pagamenti” con un unico destinatario. Una transazione scaturita da Paypal tramite carta di credito porterà una triplice commissione ad eBay: per l’acquisto sul sito delle aste, per la transazione via Paypal e per la commissione sull’infrastruttura di sicurezza e di processo di VeriSign, insomma tripla dama in una mossa, anzi acquisto.

Secondo Scott Devitt, analista presso Legg Mason , questa acquisizione permetterà a Paypal di affermarsi ancora di più visto che diventerà il riferimento per una galassia di siti small business che fin qui hanno fatto capo a Verisign per i loro servizi, e si parla di circa 100 mila clienti. “Strategicamente la mossa si è rivelata vincente, anche sotto il profilo borsistico”, ha dichiarato Devitt.

La piattaforma software di Verisign, che nel solo 2004 ha gestito transazioni finanziarie per un valore di 40 miliardi di dollari, catalizzerà la crescita di ebay/Paypal, a detta di Mason. Le previsioni sono di raggiungere nel 2006 i 100 miliardi di dollari complessivi. Stando ai dati del secondo trimestre 2005, il 60% delle transazioni PayPal – circa 6,5 miliardi di dollari – sono avvenute su eBay; l’obiettivo è quello di espandere il restante nel settore dei servizi commerciali.

“Quasi il 22% delle transazioni online statunitensi ha sfruttato la tecnologia Verisign nel 2004; i pagamenti PayPal rappresentano il 9% dell’intero volume dei pagamenti online”, ha dichiarato Amanda Pires, portavoce Ebay, per completare il quadro finanziario. Le prospettive sono dunque rosee per i dirigenti statunitensi, che nemmeno mettono in conto gli introiti che potrebbero giungere da Skype, fresca acquisizione di settembre e facilmente abbinabile ad entrambi i sistemi di transazione finanziaria.

Da non dimenticare, inoltre, che si tratta di un matrimonio programmatico. Perché VeriSign si è impegnata anche a fornire a eBay/PayPal un sistema di autenticazione a due fattori , una soluzione avanzata basata su password e certificati digitali sincronizzati con server centrale. Anche qui si gioca in casa, dunque.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Surreale ... ma vero.
    A me hanno mandato TRE modem ethernet. Il primo me lo ha lasciato il tecnico che ha verificato la presenza della connessione, il secondo e' arrivato via corriere la settimana dopo (???).Ho chiamato il call center dicendo che ne avevo uno in piu', mi dissero che lo dovevo tenere a disposizione per il ritiro. Passa un'anno, dismetto il contratto ISDN, mi devono fare *per forza* una disconnessione e riconessione della ADSL (mah .... ). Dopo un mese circa riottengo la portante. La settimana successiva arriva il terzo modem - via corriere. totale tre modem, di cui ZERO richiesti.Sono tre anni che ho il mio fido routerino, i modem sono nello scaffale a prendere polvere.mah.
    • Anonimo scrive:
      Re: Surreale ... ma vero.
      Alice me ne ha date 2, uno dal tecnico in ufficio e uno via corriere, non si sono mai accorti, cosi a casa ho fatto tin.it senza modem, tra l?altro a casa ho un ADSL senza linea telecom fatto 10 mesi fa senza spedere un?euro, non solo un tecnico è venuto a casa mia è mi ha portato il cavo in un?altra stanza dove lo volevo io. Adesso è tutto un?altra storia.
  • AnyFile scrive:
    Truffa in commercio?
    Ma il reato di truffa in commercio e' stato abolito?
    • Anonimo scrive:
      Re: Truffa in commercio?
      - Scritto da: AnyFile
      Ma il reato di truffa in commercio e' stato
      abolito?Hanno abolito il falso in bilancio, hanno abolito la corruzione, hanno abolito tutto l'abolibile e per quello che non sono riusciti ad abolire lo fanno andare in prescrizione dopo pochi giorni, e se ancora non bastasse, puoi sempre ricusare il giudice se non ti sta simpatico.Solo per chi scarica un MP3 e' rimasta la pena di morte.
      • Anonimo scrive:
        Re: Truffa in commercio?
        Ha ragione Berlusconi: dice "Sono un ladro e faccio le leggi che vanno bene a me, mi votate?" e lo votiamo (votANO)... meglio di cosi' per lui...
  • Anonimo scrive:
    E io che volevo lasciare Libero.it
    per passare a Telecom !Abito fortunatamente in una zona coperta tranquillamente dal servizio di vari operatori e ho scelto Infostrada-Libero.Tutto va sorprendentemente bene con la linea a 640Poi mi fanno l'upgrade gratuito a 2MB e da quel momento ho passato almento 7 ore in attesa prima poi di parlare con i bambini del callcenter che mi chiedono di aprire il pannello di controllo.In sostanza un ping -t non tiene 30 response senza perderne almeno 3-5 nella migliore delle condizioni.Chiaramente immaginate cosa me ne faccio di questa connettività.Il problema è che non riesco nemmeno a comunicarlo al supporto tecnico !Credo che glielo comunicherà il mio avvocato.
  • Anonimo scrive:
    Vendi il modem
    se non risulta nessun contratto attivo e non paghi niente, puoi sempre vendere il modem e guadagni il tempo perso :p
    • AnyFile scrive:
      Re: Vendi il modem
      Immagino che abbia firmato qualcosa alla ricezione del modem .... ... pertanto non mi sembra un buon consiglio.
  • surio scrive:
    Esperienza simile alla mia...
    Avevo da qualche anno un contratto con tin.it (che e' un altro ramo di telecom italia rispetto ad Alice) e tutto andava bene, poi mi decido di comprare un router, wireless, modem, insomma quegli apparecchi tuttofare. A questo punto telefono alla tin.it chiedendo di poter restituire il vecchio modem che avevo in comodato. Mi rispondono che devo aspettare la scadenza del mio contratto (mancavano 6 mesi) e poi disdirlo con una raccomandata e attivarne uno nuovo. Ok, cosi' ho fatto. Una settimana dopo la raccomandata ho telefonato alla tin.it: mi spiegano che la richiesta e' arrivata e che devo attendere una 10ina di giorni per la disattivazione, poi mi dicono che tin.it non fa piu' contratti a privati, ma devo fare il nuovo contratto con Alice. Ok, vabbe... i prezzi erano li stessi quindi non mi cambia poi molto...Dopo 10 giorni mi accorgo che non riesco piu' a connettermi (anche se il router mi segnava la portante ancora attiva) ... "ok, avranno disattivato!" ... telefono al 187 e richiedo un abbonamento senza modem. Mi dicono subito che hanno fatto richiesta e che tra 10 giorni sara' attiva. ... dopo 1 MESE non era ancora attivo, allora piuttosto alterato chiamo Alice e mi dicono che la richiesta di abbonamento era stata respinta praticamente subito perche c'era la portante tin.it ancora attiva... 1) grazie ALICE, potevate ben avvertirmi no? Io che aspettavo come un pollo per un mese! 2) Grazie tin.it OSATE non aver ancora disattivato la portante dopo UN MESE E MEZZO dalla mia richiesta???? Indiavolato, telefono a tin.it, becco il classico telefonista svogliatissimo, gli espongo il problema, mi risponde tagliando corto, "faro' una segnalazione" ... 2 minuti dopo chiamo di nuovo, mi risponde una ragazza caritatevole, che telefona a chi di dovere e gli comunica la mia situazione disperata. La sera stessa avevo la portante disattivata. Telefono ad Alice e nel giro di mezza giornata mi attivano la nuova adsl... CONCLUDENDO, a parte l'incompetenza della maggiorparte degli addetti ai call-center, i tecnici tin.it sono degli emeriti "maleducati", per non dir altro, dato che per disattivarmi una portante ci han messo UN MESE E MEZZO! Saluti a tutti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Esperienza simile alla mia...

      Telefono ad Alice e nel
      giro di mezza giornata mi attivano la nuova
      adsl... CONCLUDENDO, a parte l'incompetenza della
      maggiorparte degli addetti ai call-center, i
      tecnici tin.it sono degli emeriti "maleducati",
      per non dir altro, dato che per disattivarmi una
      portante ci han messo UN MESE E MEZZO! Saluti a
      tutti!Quelli di alice ti piacciono di piu' ?E se fossero gli stessi ? (non dico che lo sono, ma se lo fossero ?)
      • surio scrive:
        Re: Esperienza simile alla mia...
        In base all'esperienza che ho vissuto, i tecnici alice hanno fatto il loro lavoro in mezza giornata, quelli tin.it in 1 mese e mezzo.Comunque, puo' darsi che siano gli stessi tecnici, ma di sicuro i call center sono diversi.
        • MeDevil scrive:
          Re: Esperienza simile alla mia...
          - Scritto da: surio
          In base all'esperienza che ho vissuto, i tecnici
          alice hanno fatto il loro lavoro in mezza
          giornata, quelli tin.it in 1 mese e mezzo.
          Comunque, puo' darsi che siano gli stessi
          tecnici, ma di sicuro i call center sono diversi.ok, devo ammettere che anche io ho avuto lo stesso problema nel "disattivare la portante", ma per il resto devo dire che il call center di tin.it è sempre stato molto "professionale" nei miei confronti... e per quanto possa sembrare assurdo, non ho mai avuto problemi con loro.al contrario di tiscali. Contratto-fregatura, (si diceva di 4 mesi gratuiti nella 6 mbit, faccio il contratto e dicendomi che ho fatto quello a 4 non era la stessa cosa quindi niente mesi gratuiti), linea che dopo 1 mese passa da 4mbit a 512kbit (se tutto va bene), con frequenti cadute di connessione...e non parliamo del call center... ti tengono in attesa x tre ore e disperato riagganci xkè il telefono può servire oppure ti sei rotto il **** di aspettare... (ps: in questo preciso istante sto ascoltando la musica di attesa da circa 3/4 d'ora...)una sola parola: RIBELLIAMOCI. non possiamo essere sempre noi ad essere messi sotto!
  • Anonimo scrive:
    Uomo avvisato...
    ...mezzo salvato.Io mi domando: come mai, dopo innumerevoli trasmissioni televisive, interrogazioni parlamentari, articoli di giornale, denunce, costituzione di associazioni di tutela, una persona continui a comprare da loro?Prima di cambiare operatore è ovvio che si chiede in rete e agli amici qualche consiglio: chi è che consiglia Telecom? Io non ne conosco nessuno.Ormai si conoscono le aziende che curano la clientela e quelle che non lo fanno.
    • sten76 scrive:
      Re: Uomo avvisato...
      Poichè mi trovo in una situazione analoga, quali sono questi operatori che curano il cliente?Dovrei sceglierne uno e un aiuto mi sarebbe utileGrazie
      • NoOne scrive:
        Re: Uomo avvisato...
        www.vira.ithanno anche un FORUM dove dire la vostra in caso di problemi o richieste e dubbi particolari.il problema di questi operatori è che alla fine comprano le infrastrutture all'ingrosso dalla telecom...che si voglia o no bisogna sempre rimpinguare le tasche di quei parassiti==================================Modificato dall'autore il 12/10/2005 13.02.40==================================Modificato dall'autore il 12/10/2005 13.02.51
    • Anonimo scrive:
      Re: Uomo avvisato...
      - Scritto da: Anonimo
      Prima di cambiare operatore è ovvio che si chiede
      in rete e agli amici qualche consiglio: chi è che
      consiglia Telecom? Io non ne conosco nessuno.Allora vai un po' a leggere it.tlc.gestori.fastweb e vedrai tanti personaggi molto simili a quelli che su questo forum elogiano windows, la' gettano sterco su fastweb e invitanto tutti a disdire per tornare a telecom.Vai, leggi e renditi conto...
  • MeDevil scrive:
    Solo a guardare?
    Perchè dobbiamo noi utenti dobbiamo sempre essere i farlocchi delle società, che si prendono beffa di noi sbattendoci contro le innumerevoli "cretinate" dei call center, che non sanno cosa dire e tantomeno si preoccupano di risolverci il problema?Perchè?Paghiamo per un servizio e in quanto tale DOBBIAMO avere un servizio che faccia quanto dichiarato.Se qualcuno di voi ha iniziative su come farsi sentire e farsi rispettare, risponda a questo thread. Io non voglio starmene a guardare mentre ce lo mettono nel didietro... :@ NB: Prego i signori troll di restare alla larga da questo commento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo a guardare?
      Credo esistano già questo genere di iniziative, e si chiamano "associazioni consumatori". Non ne ho mai contattata una, ne so dirti come e se funzionino, in effetti sarei curioso anche io di saperlo, perchè ci sono davvero dei casi in cui la disperazione di non poter combattere queste situazioni con le armi giuste arriva a dei livelli inaccettabili... in bocca al lupo.
      • Anonimo scrive:
        Associazioni di consumatori
        - Scritto da: Anonimo
        Credo esistano già questo genere di iniziative, e
        si chiamano "associazioni consumatori".Le associazioni di consumatori avranno vero potere soltanto se, come negli USA, saranno possibili le "class action lawsuit", cioè la possibilità di far causa in gruppo per lo stesso motivo. In questo modo è possibile raccogliere centinaia o migliaia di persone che fanno causa ad un'azienda (tra l'altro dividendosi le spese legali), e se vincono la causa verranno risarcite tutte.Attualmente vincono una causa e poi ognuno dovrebbe fare causa seguendo il loro esempio, o magari fare richieste scaricando il modulo dal loro sito, ecc. ma tutto questo spaventa ben poco le aziende che sanno che al massimo saranno una manciata di persone a fare causa, e ameno che non ci sia una sentenza chiara della Cassazione, magari qualche tribunale dà ragione al consumatore e qualche altro all'azienda...
      • MeDevil scrive:
        Re: Solo a guardare?
        - Scritto da: Anonimo
        Credo esistano già questo genere di iniziative, e
        si chiamano "associazioni consumatori". Non ne ho
        mai contattata una, ne so dirti come e se
        funzionino, in effetti sarei curioso anche io di
        saperlo, perchè ci sono davvero dei casi in cui
        la disperazione di non poter combattere queste
        situazioni con le armi giuste arriva a dei
        livelli inaccettabili... in bocca al lupo.So che esistono. So che dovrebbero darci una mano.Ma io finora + di moduli precompilati da inviare alle aziende che forniscono il servizio, non ho visto...A parte questo che altro fanno? si girano i pollici?O magari stanno combattendo cause giuste, all'ombra e di cui noi utenti siamo ignari? (xkè se fosse così magari darei pure una mano...)Il problema e che qui siamo lasciati in balia delle onde (e degli squali).
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • Anonimo scrive:
    Non e' sempre colpa degli operatori
    Spesso infatti gli operatori dei call center sono veramente gente preparata e gentile, non ci sono cioe' solo incompetenti. O almeno a me e ad altre persone e' capiato di trovarne di quete persone, quindi sfatiamo questo luogo comune.Il problema quindi, non sono gli operatori, ma LE PROCEDURE che prevede l'azienda per cui lavorano. E' li' il problema. Se per qualsiasi consulto tecnico con Telecom si viene apostrofati con un "verra' contattato entro 48 ore" che di solito si tramutano, nel 90% dei casi, in almeno 4 giorni lavorativi, e' chiaro che gli operatori non c'entrano. Cosi' coem per tutte le altre lungaggini e attese inaccettabili.Il problema e' principalmente di chi organizza i servizi di customer care, non di chi ci lavora!La colpa e' quindi sempre di Telecom (ma anche per gli altri operatori vale lo stesso), che investe poco o niente, in questi importantissimi servizi per i clienti, con i risultati che tutti vedono.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' sempre colpa degli operatori
      - Scritto da: Anonimo

      Spesso infatti gli operatori dei call center sono
      veramente gente preparata e gentile, non ci sono
      cioe' solo incompetenti. O almeno a me e ad altre
      persone e' capiato di trovarne di quete persone,
      quindi sfatiamo questo luogo comune.Su 4 telefonate:- la prima mi ha attaccato il telefono in faccia.- la seconda mi ha mandato a cag*re.- la terza mi ha detto che la linea da cui stavo chiamando era inesistente.- la quarta non parlava italiano ma un idioma del sud incomprensibile e non faceva nessuno sforzo per tentare di assomigliare ad un italiano corretto.Coincidenze? Luoghi comuni?Forse andare a cogliere il tabacco sarebbe un'opzione da valutare per questi individui
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' sempre colpa degli operatori

        Su 4 telefonate:
        - la prima mi ha attaccato il telefono in faccia.
        - la seconda mi ha mandato a cag*re.
        - la terza mi ha detto che la linea da cui stavo
        chiamando era inesistente.
        - la quarta non parlava italiano ma un idioma del
        sud incomprensibile e non faceva nessuno sforzo
        per tentare di assomigliare ad un italiano
        corretto.in ordine diverso dal tuo, ma anche a me è successa la stessa cosa...magari è vero che non tutti gli operatori telecom sono incompetenti ma quelli Competenti si contano sulle dita di una mano.. 5 in tutta italia...ottima media telecom :Dcya
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' sempre colpa degli operatori
        Infatti, a me, di 10 chiamate per problemi con la linea adsl (stavolta di tele2), mi è successo:3 volte attaccato il telefono (1 volta addirittura alla prima domanda "Ho un problema con l'adsl...");1 volta minacce (!) al telefono (finito che l'operatore poi ha riattaccato);1 volta che il servizio che ho non è ancora a 4 Mbps (da luglio fino a settembre, cioè a quando è apparso il problema, ho navigato a una media di 3 Mbps, prima era a 1,2 Mbps);tutte e 10 le volte il problema che si è presentato è sempre diverso.Non è un luogo comune, è un invito a non pagare più.
  • Anonimo scrive:
    Muro di gomma
    Ecco cosa sono i call center: un muro di gomma per dire "sì sì, noi te lo diamo il servizio d'assistenza" e allo stesso tempo sbattersene dell'utente. Tutto questo sfruttando ragazzi sottopagati che rimangono chiusi in queste nuove fabbriche del 2000. Almeno fino a che non scade il contratto di 6 mesi.(ci vorrebbe la fustigazione pubblica per le menti diaboliche ai piani alti che hanno escogitato stratagemmi come questo)
    • Baldus scrive:
      Re: Muro di gomma
      Hai perfettamente ragione!==================================Modificato dall'autore il 12/10/2005 10.49.46
    • AnyFile scrive:
      Re: Muro di gomma
      Forse la souluzione puo' essere quella di non usarli.Tornate a vecchi mezzi di comuniczione (come le lettere scritte o le e-mail, che sono certo piu' vecchie dei call center) e pretendete risposte scritte.Gli costa troppo a loro risponderci ... bene che si arrangino ... vadano a proporre le loro assurdita' altrove ...
  • Anonimo scrive:
    "modem avrebbe dovuto arrivare"orribile!
    è un qualcosa di illeggibile... al limite ,sarebbe dovuto arrivare o meglio ancora , avrebbe dovuto essere consegnato.
    • Anonimo scrive:
      Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib
      hai ragione, infatti si dice "sono dovuto fare, sono dovuto dire, eccetera".Hai fatto bene a ricordare a chi è ignorante, e non colto come noi, la giusta maniera di coniugare il verbo dovere. Bravo.
      • Anonimo scrive:
        Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib
        Beh, per quanto riguarda l'errore la correzione è giusta: l'ausiliare (avere o essere) va accordato non con il verbo servile (dover), ma con il verbo principale (arrivare); e siccome arrivare è retto dal verbo essere (si dice "sono arrivato", non "ho arrivato"), allora anche quando aggiungiamo il verbo servile "dovere" ("dover arrivare") va usato il verbo essere, quindi: "sarebbe dovuto arrivare".Però è anche odioso che, mentre stai mettendo tutta la tua passione in un discorso, c'è un altro che dimostra tutto il suo menefreghismo per la tua passione passando il tempo a controllarti gli errori di grammatica.
        • Anonimo scrive:
          Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib

          Però è anche odioso che, mentre stai mettendo
          tutta la tua passione in un discorso, c'è un
          altro che dimostra tutto il suo menefreghismo per
          la tua passione passando il tempo a controllarti
          gli errori di grammatica.Hai perfettamente ragione. Calza abbastanza bene il noto aforisma che dice più o meno: "Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito".Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib
            - Scritto da: Anonimo


            Però è anche odioso che, mentre stai mettendo

            tutta la tua passione in un discorso, c'è un

            altro che dimostra tutto il suo menefreghismo
            per

            la tua passione passando il tempo a controllarti

            gli errori di grammatica.Sbagli a valutare la cosa come menefreghismo.Se c'e' interesse per la grammatica, non implica che quello che dici sia insulso.E comunque la passione non giustifica la disattenzione, se io per passione sbaglio, sbaglio. Poi posso dire che il motivo era questo o quello.
            Calza abbastanza bene il noto aforisma che dice
            più o meno:
            "Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda
            il dito".Ma se il dito e' un ditone rosso e luminoso, al ditone gli si da una veloce occhiata.Sempre poi che le cose esposte siano questa gran luna.
        • Anonimo scrive:
          Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib
          SOno d'accordo conte. IO parlo un dialetto che mi crea confusione quando parlo italiano (non sono molto colto),e mi da fastidio quando mentre parlo di cose importanti , qualcuno mi corregge.Le correzzioni sono ben accette, ma passano in secondo piano rispetto al contenuto.In itlaia sappiamo bene che se uno che si presenta ben vesito e spara puttanate viene eletto primo ministro, chi parla di cose serie invece puntualmente "si veste male", " e' un comunista" etc etc.
          • Anonimo scrive:
            Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib

            Le correzzioni sono ben accette, ma passano in
            secondo piano rispetto al contenuto.Ah l'antica diatriba filosofica tra forma e sostanza, giunta fino ai giorni nostri sulle pagine di PI!Ognuno predica la sua ma la verita' e' che forma e sostanza sono due occhi di una stessa testa, l'uno senza l'altro e' orbo.Prova a togliere la forma o la sostanza da un discorso e il risultato sara' sempre ridicolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib
      Mah.... solite polemiche che portano al nulla....Domanda: ma si sta parlado di un problema di servizi riguardanti la telefonia, o si sta facendo un corso d'italiano applicato, o state andando in direzione politica , berlusca, rossi, .... e che palle.... Un problema risolto in 10 minuti è la risposta di chi non si perde la meta del problema. Suppongo che se fanno come voi ci metteranno un giorno e mezzo....
      • Anonimo scrive:
        Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib
        Ai raggione, mò io mè me sono roto lì co*** di quej grammaticaroli der "Laccademia de la Kruska" che me stanno sempre dimmezzo alli piede a correjermi quanno che me mi sbajo a parlà!Firmato:Un famoso giocatore di serie A a vostra scelta.
        • Anonimo scrive:
          Re: "modem avrebbe dovuto arrivare"orrib
          - Scritto da: Anonimo
          Ai raggione, mò io mè me sono roto lì co*** di
          quej grammaticaroli der "Laccademia de la Kruska"
          che me stanno sempre dimmezzo alli piede a
          correjermi quanno che me mi sbajo a parlà!
          Firmato:
          Un famoso giocatore di serie A a vostra scelta.Credevo ke eri a mio cuggino Cecco http://www.hokutoaudioteca.it/nut/film/fantozzi%20contro%20tutti/cecco.wav :D
  • Anonimo scrive:
    Quel pezzo di carta
    "Ma io mi chiedo a cosa serve quel pezzo di carta che ho firmato, allora".Che ci hai guadagnato un modem gratis.Caccia via, non ti è andata poi malaccio...Tit.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quel pezzo di carta
      - Scritto da: Anonimo
      "Ma io mi chiedo a cosa serve quel pezzo di carta
      che ho firmato, allora".

      Che ci hai guadagnato un modem gratis.
      Caccia via, non ti è andata poi malaccio...

      Tit.Con il firnware bloccato magari
  • Anonimo scrive:
    E' la prassi, ma c'è di più.
    Quella descritta nell'articolo non è una strana avventura, ma la prassi quotidiana.Il 90% degli addetti ai call center, non solo non ha fisicamente accesso ai sistemi telecom e non sa nulla del settore della telefonia, ma spesso risponde ... da casa propria. Il fatto è che Telecom, per risparmiare sulla forza lavoro, assume a tempo indeterminato e si affida anche al telelavoro, senza spendere un euro sulla formazione.Il fatto è che il servizio al cliente non è conveniente e si preferisce creare dei muri di gomma per scoraggiare chi intende lamentarsi.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' la prassi, ma c'è di più.
      - Scritto da: Anonimo
      Quella descritta nell'articolo non è una strana
      avventura, ma la prassi quotidiana.
      Il 90% degli addetti ai call center, non solo non
      ha fisicamente accesso ai sistemi telecom e non
      sa nulla del settore della telefonia, ma spesso
      risponde ... da casa propria. Il fatto è che
      Telecom, per risparmiare sulla forza lavoro,
      assume a tempo indeterminato e si affida anche al
      telelavoro, senza spendere un euro sulla
      formazione.
      Il fatto è che il servizio al cliente non è
      conveniente e si preferisce creare dei muri di
      gomma per scoraggiare chi intende lamentarsi.Che dire, io ho un contratto ADSL con Tele2 e un problema da quasi due mesi (la velocità di connessione è di circa 40 kbps!).Ormai chiamo ogni cinque giorni e non ho alcun risultato positivo; ma ogni volta mi tocca rispiegare tutto (mi sembra strano che Tele2 non abbia uno storico) e, con una media del 30% di telefonate riagganciate (quando capita l'operatore con poca fantasia), ogni risposta è sempre diversa, mai una uguale.Ciò mi fa pensare che la mia linea ADSL ha tutti i mali possibili, se per ogni chiamata c'è un problema diverso; ma la realtà è che il collegamento è sempre lento.Che fare? Beh, per adesso ci sono due bollette da pagare, e stanno prendendo molta polvere; e le prossime faranno la stessa fine, finché Tele2 non risolve il problema (tra l'altro, uno degli operatori mi ha detto che Tele2 non può risolvere niente, perché sono problemi miei...).Mi disattiveranno l'ADSL? Pazienza, tanto di guadagnato, vista la qualità dei servizi delle aziende italiane.Avrò guai di tipo legale? Anche loro, ma nel frattempo passeranno tanti anni, e io già sarò felicemente stabilito all'estero (ovviamente, non per questo motivo).Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' la prassi, ma c'è di più.
        NON ti preoccupare di scappar via dall'italia, perche i nostri deputati stanno alacremente lavorando su una nuova legge che accorcia i tempi di prescrizione dei reati relativi a fatture non pagate:se l'utente e' una spa con piu' di 100 impiegati sara' di 10 gg,sel l'utente e' una srl sara' di 30 ggse l'utente e' un suddito allora 10 anni... di GALERA !!!ciao PS prima te ne vai meglio e' per te.. quanto ti invidio.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' la prassi, ma c'è di più.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Quella descritta nell'articolo non è una strana

        avventura, ma la prassi quotidiana.

        Il 90% degli addetti ai call center, non solo
        non

        ha fisicamente accesso ai sistemi telecom e non

        sa nulla del settore della telefonia, ma spesso

        risponde ... da casa propria. Il fatto è che

        Telecom, per risparmiare sulla forza lavoro,

        assume a tempo indeterminato e si affida anche
        al

        telelavoro, senza spendere un euro sulla

        formazione.

        Il fatto è che il servizio al cliente non è

        conveniente e si preferisce creare dei muri di

        gomma per scoraggiare chi intende lamentarsi.

        Che dire, io ho un contratto ADSL con Tele2 e un
        problema da quasi due mesi (la velocità di
        connessione è di circa 40 kbps!).

        Ormai chiamo ogni cinque giorni e non ho alcun
        risultato positivo; ma ogni volta mi tocca
        rispiegare tutto (mi sembra strano che Tele2 non
        abbia uno storico) e, con una media del 30% di
        telefonate riagganciate (quando capita
        l'operatore con poca fantasia), ogni risposta è
        sempre diversa, mai una uguale.

        Ciò mi fa pensare che la mia linea ADSL ha tutti
        i mali possibili, se per ogni chiamata c'è un
        problema diverso; ma la realtà è che il
        collegamento è sempre lento.

        Che fare? Beh, per adesso ci sono due bollette da
        pagare, e stanno prendendo molta polvere; e le
        prossime faranno la stessa fine, finché Tele2 non
        risolve il problema (tra l'altro, uno degli
        operatori mi ha detto che Tele2 non può risolvere
        niente, perché sono problemi miei...).

        Mi disattiveranno l'ADSL? Pazienza, tanto di
        guadagnato, vista la qualità dei servizi delle
        aziende italiane.

        Avrò guai di tipo legale? Anche loro, ma nel
        frattempo passeranno tanti anni, e io già sarò
        felicemente stabilito all'estero (ovviamente, non
        per questo motivo).

        Ciao.Occhio che poi arriva la società di recupero crediti e ti blocca l'auto o ti vende la casa (non sto scherzando, anche se per la casa bisogna temere solo per le multe).
        • Anonimo scrive:
          Re: E' la prassi, ma c'è di più.
          - Scritto da: Anonimo

          Occhio che poi arriva la società di recupero
          crediti e ti blocca l'auto o ti vende la casa
          (non sto scherzando, anche se per la casa bisogna
          temere solo per le multe).

          Vero, ma non ho niente intestato a me.Se la vedranno gli avvocati.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' la prassi, ma c'è di più.
      - Scritto da: Anonimo
      si affida anche al telelavoroce ne fossero di aziende che si affidano al telelavoro; avremmo milioni di macchine in meno sulle strade e migliaia di morti in meno ogni anno, senza contare lo stress dovuto alle perdite di tempo (code in autostrada,treni perennemente in ritardo etc etc etc )
  • Anonimo scrive:
    C'è di peggio...
    Un cliente mi ha chiesto di andare a casa sua per installargli il modem di Alice, non risultando alcun segnale di linea io stacco il modem consigliandolo di chiamare la Telecom. Dopo 2 settimane di inutile attesa invia la raccomandata per dare disdetta per inadempienza.... dopo 4 mesi gli arriva una fattura di 1400 euro (si millequattrocento) relative alla sua presunta connessione ad internet. Almeno l'operatore contattato gli ha detto di non pagare e che si tratta sicuramente di un errore (di solito dicono paga che poi te li ridiamo)......
  • Anonimo scrive:
    La triste verità..
    ..è che quel pezzo di carta firmato sembra servire sempre più a LORO per spennarci e far la voce grossa e sempre meno a noi per far valere i nostri diritti e le nostre ragioni.Basta leggerli questi contratti (e non mi riferisco solo agli Isp) : per il cittadino medio sono un insieme di "supercazzole prematurate", farebbero prima a scriverli in arabo o a non rilasciarli del tutto.Ciao :)
    • AnyFile scrive:
      Re: La triste verità..
      A me il contratto non me lo hanno neanche fatto firmare ... anzi non me ne hanno nenache spedito una copia ... hanno detto (sempre quelli dei call center, mai una persona ufficiale che risponda) che non serve ....
      • Anonimo scrive:
        Re: La triste verità..
        registrano la conversazione quando chiedi l'attivazione
        • Anonimo scrive:
          Re: La triste verità..
          Devono avvertirti all'inizio della telefonata che ti stanno registrando, altrimenti penso sia illegale...
        • nattu_panno_dam scrive:
          Re: La triste verità..
          - Scritto da: Anonimo
          registrano la conversazione quando chiedi
          l'attivazioneInfatti, il contratto lo accetti quando attivi il servizio, ma a loro non frega un cazzo mandartene una copia per conoscenza, e manco prima della sottoscrizione.
        • AnyFile scrive:
          Re: La triste verità..
          Ma loro mica mi hanno letto per telefono il contratto ... mi hanno solo detto che c'e' una promozione eccezionale bla bla ... bla ...bla ...
          • Anonimo scrive:
            Re: La triste verità..
            sono call center indipendenti con gente pagata un tot ad attivazione...dubito che possano risalire a un operatore non loro e se trovi il disonesto te la attiva alla bastarda...
  • Anonimo scrive:
    Povero sciocco che rifiuta....
    Tu che non sai scrutare l'infinità dei cavi ottici, ti meriti questo purgatorio telefonico!!!!! Per questo ora verrai punito con le fustigazioni, che ti rischiaranno la tua mente obliata!!!! ahahahahhaah stupidi stolti che vi veggiate e rifiutate l'infinito!!!! ahhahahahaha Potere all'infinito!!!!!Il Profeta
    • Anonimo scrive:
      Re: Povero sciocco che rifiuta....
      Mi sà che il profeta è da diversi anni che aspetta il modem ormai! :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Povero sciocco che rifiuta....
        - Scritto da: Anonimo
        Mi sà che il profeta è da diversi anni che
        aspetta il modem ormai!
        :|Lui si collega con la sfera di cristallo. :'(
      • Anonimo scrive:
        [OT] Grazie..
        - Scritto da: Anonimo
        Mi sà che il profeta è da diversi anni che
        aspetta il modem ormai!
        :|HAHAHAHAHAHAHHAHA!!!!Una delle risposte più belle nella storia mondiale delle risposte.Ho riso una mezz'ora buona.Hai tutta la mia riconoscenza!!
Chiudi i commenti