Echosign, autenticazione non proprio autentica?

L'azienda appena acquisita da Adobe è stata denunciata per violazione di proprietà intellettuale
L'azienda appena acquisita da Adobe è stata denunciata per violazione di proprietà intellettuale

Proprio nel momento della sua acquisizione da parte di Adobe, l’azienda specializzata in firme elettroniche EchoSign è stata denunciata da RPost, azienda che opera nel suo stesso settore.

Sul sito di RPost l’azienda si autodefinisce “pioniere nel campo dei servizi di firma elettronica” e proprio per riaffermare questo principio ha ora denunciato per violazione brevettuale sia EchoSign che Adobe, che ne è appena diventata proprietaria .

RPost mette sul tavolo cinque brevetti: i numero 6,182,219 , 6,571,334 , 7,707,624 , 7,865,557 e 7,966,372 .

Prima di questa causa, tuttavia, ne ha già avviata una contro un’ altra concorrente come Docusign, e contro il servizio postale statunitense, quello svizzero e quello canadese.

Adobe ha riferito di non voler commentare l’accusa, mentre RPost ha affermato che la denuncia ha coinciso solo incidentalmente con l’acquisto di EchoSign da parte di Adobe: il fatto è che il servizio da esso offerto solo nell’ultimo periodo si sarebbe evoluto sulla falsariga delle tecnologie brevettate ora contestate.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti