Eee PC arriva in Italia, col 3G

Ieri Asus ha ufficialmente lanciato in Italia il suo cucciolo di notebook low cost, l'Eee PC. Nel nostro paese può essere acquistato ad un prezzo un po' più alto, insieme ad un modem HSDPA di TIM

Roma – Dopo aver debuttato dapprima in Asia e poi negli Stati Uniti, ieri l’ormai famoso subnotebook low cost di Asus , l’ Eee PC , è atterrato sui principali mercati europei, tra i quali quello italiano. Il suo segno distintivo non è la dimensione, il design o Linux, ma il prezzo: 299 euro, IVA inclusa. Un prezzo che oggi forse non è più soltanto esclusiva dell’Eee PC, ma che di sicuro ha contribuito a fare di questo ultraportatile il precursore di una nuova categoria di laptop a basso costo e, spesso, Linux-based.

La configurazione hardware dell’Eee PC è ormai ben nota , e da questo punto di vista il modello 4G appena lanciato in Italia non aggiunge nulla. O meglio, qualcosa la aggiunge, ma si tratta di un componente opzionale: una USB Card HSDPA 7.2 di TIM . Grazie ad un accordo tra Asus e il noto operatore di telefonia cellulare, i consumatori nostrani possono così acquistare, per 399 euro, una versione dell’Eee PC già preconfigurata per riconoscere la scheda modem e navigare su Internet utilizzando la tecnologia 3.5 HSDPA.

In alternativa a questa opzione è possibile accedere a un’offerta di connettività bundling (prodotto + servizio) al costo di 29 euro al mese. L’offerta HSDPA/UMTS di TIM fornisce 100 ore mensili di traffico con alcune limitazioni sui tempi di sessione: per i dettagli si rimanda al sito dell’operatore.

Il modello di Eee PC venduto insieme alla card di TIM è disponibile nei negozi Telecom e sul sito web di TIM nei colori Pearl White e Galaxy Black e si caratterizza per la presenza del logo TIM sulla cover, uno sfondo desktop dedicato, un software personalizzato e un’icona TIM ibox per l’accesso ad Internet.

L’accordo tra Asus e TIM colma, almeno in parte, una delle più grosse lacune dell’Eee PC: l’assenza di connettività cellulare integrata. E a dirla tutta, non avrebbe fatto male neppure il supporto a Bluetooth. Ma ogni pretesa deve necessariamente fare i conti con il prezzo del piccolo notebook Asus.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anonimo01 scrive:
    si sa da un pezzo
    si sa da un pezzo, e poi Apple è sempre stata presente anche prima della paccottiglia ms...per esser precisi, Apple è una delle Poche Rimaste dell'epoca d'oro (amiga)cmq, guardate alle spalle del guglielmo:[img]http://www.juzdongivaphuck.com/wp-content/uploads/2007/03/bill-gates-microsoft.jpg[/img] ;)(apple)
    • 123 scrive:
      Re: si sa da un pezzo
      penso che la foto voglia mettere in luce il fatto che "apple è alle spalle" marketing ;)il prob è che è solo marketing... :D
  • Fred scrive:
    Melinda
    Ricordiamoci sempre che Melinda e' pur sempre il marchio di una buonissima MELA
    • wbigger scrive:
      Re: Melinda
      Accidenti è vero! Tutto torna allora...:)
    • battagliacom scrive:
      Re: Melinda
      ecco perchè i software della microsoft hanno tutti questi bachi! Li mette Melinda!!!Melinda, Melinda, cosa mi combini!!!senza di te ilmondo sarebbe migliore...perchè hai voluto sposare zio Bill?
  • emmeesse scrive:
    furba
    si e' presa il piu ricco, cosi puo comprarsi i computer migliori...se ne intende.
    • pentolino scrive:
      Re: furba
      infatti, compra macintel e poi con bootcamp ci piazza sopra vista!(rotfl)
      • Categorico scrive:
        Re: furba
        - Scritto da: pentolino
        infatti, compra macintel e poi con bootcamp ci
        piazza sopra
        vista!
        (rotfl)Ma no, ora Melinda usa solo la sua "criatura", MSBob! :D...Vabbe', in fondo Vista, WinME e MSBob hanno molto in comune! :p
Chiudi i commenti