Electronic Arts parla ancora di videogioco online

Il publisher corre di nuovo ai ripari dopo alcune dichiarazioni del COO. EA non abbandonerà i giocatori hardcore. E il gioco offline sarà sempre disponibile

Roma – Electronic Arts ancora sulla difensiva in merito alle scottanti questioni del gioco online e della proliferazione incontrollata dei titoli free-to-play (F2P), con il COO Peter Moore costretto a “chiarire” ancora una volta dichiarazioni precedentemente rilasciate in occasione del Gamescom per non scatenare l’ennesimo vespaio di polemiche da parte dei fan del ludo elettronico.

Parlando con Engadget durante la fiera dei videogiochi tedesca, Moore sembrava lasciar intendere che tutti i nuovi giochi finanziati dal publisher sarebbero stati online – una posizione a dir poco critica e criticabile, considerando il disastroso lancio di SimCity e le furenti reazioni scatenate dall’intenzione dichiarata da Microsoft per la prossima Xbox ( poi rettificata ) di costringere i proprietari a essere sempre e comunque in linea per giocare anche con i titoli in single-player .

Qualcosa non quadrava, visto che la stessa EA si era recentemente distinta per l’ abbandono dei pass online e per l’annuncio – seguito al succitato disastro di SimCity, un gioco che continua a essere discusso da critica e pubblico – che l’atteso The Sims 4 avrebbe funzionato offline senza alcuna necessità di una connessione a Internet.

E infatti Moore si serve del blog ufficiale del publisher per chiarire ciò che intendeva realmente dire al Gamescom: i giochi EA avranno una componente online al passo con le (supposte?) esigenze dei netizen sempre connessi, dice Moore, ma ciò non significa che non usciranno più titoli giocabili offline o senza una forte componente godibile interamente in single-player.

Il COO di EA fornisce poi un chiarimento anche per la questione free-to-play , sostenendo che il publisher continuerà sì a “esplorare” nuove esperienze F2P basate sulla massiccia monetizzazione post-download dei pixel ludici ma senza lasciare indietro “esperienze di core gaming” sui franchise più popolari. I giocatori sono quindi salvi. Almeno per il momento e fino al prossimo “chiarimento” del management EA.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vorkosigan scrive:
    e allora perché condividere in HD
    se non trovano differenze tra le piattaforme, chissà come mai c'è gente che condivide i DVD in blu ray così come sono e che sono quelli i preferiti da chi scarica. Se non gli interessa la qualità, perché quando c'è la preferiscono?E soprattutto... su netflix non c'è la pubblicità?Si può rivedere quante volte si vuole? per sempre?io il mio dvd lo vedo all'infinito. E quando c'è il temporale a l'antenna condominiale non mi fa vedere una mazza, io vedo i miei dvd senza problemi.Quando la connessione non funziona (ovviamente a partire da venerdì sera alle 20.30 circa) mi attacco al tram per qualsiasi cosa riguardi internet e quindi meno male che ho la libreria piena di libri DI CARTA che ho preso anche senza leggerli.Questi sistemi servono solo a limitare la pirateria, questo si. Ma non ditemi che sono migliori per il pubblico. Certo che sentire Kevin Spacey dire qualcosa, qualsiasi cosa, mi interessa :) Ma vogliamo dire che le serie su netflix non sono state mai piratate?è "impiratabile" ?
    • cicciobello scrive:
      Re: e allora perché condividere in HD

      E soprattutto... su netflix non c'è la pubblicità?
      Si può rivedere quante volte si vuole? per sempre?No, ovviamente. Per vedere il ilm quante volte vuoi dovresti scaricartelo e masterizzarlo (o metterlo su chiavetta), e netflix non lo permette.

      io il mio dvd lo vedo all'infinito.Dvd masterizzato o originale?
      E quando c'è
      il temporale a l'antenna condominiale non mi fa
      vedere una mazza, io vedo i miei dvd senza
      problemi.Non importa se sono masterizzati, appunto.

      Quando la connessione non funziona (ovviamente a
      partire da venerdì sera alle 20.30 circa) mi
      attacco al tram per qualsiasi cosa riguardi
      internet e quindi meno male che ho la libreria
      piena di libri DI CARTA che ho preso anche senza
      leggerli.In realtà nemmeno gli ebook richiedono la connessione. Se li scarichi quando la linea ti funziona, poi te li rileggi quando vuoi .

      Questi sistemi servono solo a limitare la
      pirateria, questo si.Nemmeno. I dvd masterizzati, e gli ebook scaricati gratis hanno tutti i vantaggi che dici tu, mentre i servizi online no. Quindi, cosa ha da offrire netflix di meglio?
  • Sgarbi scrive:
    Finalmente...
    ...qualcuno del settore che ha avuto il coraggio di dire le cose come stanno veramente.In tutta onestà trovo assurdo dover comprare un lettore blu-ray e poi comprare a botte di 30 euro i film...ma per favore, voi la pirateria la incentivate.Mettete tutto su internet, con la possibilità di comprare la visione tipo pay-tv, con un prezzo di MASSIMO 5 euro per un titolo in 3D (di più non ha alcun senso, me ne vado al cinema). Con una media di prezzo intorno ai 2-3 euro, chiunque li comprerebbe piuttosto che piratare, anche perchè avresti tutta la qualità HD disponibile, audio dolby e possibilmente anche il 3D, tutto comodatamente a casa.Ma questi signori sono affamati di denaro, vogliono tutto e vogliono troppo.
    • LettoreXYZ scrive:
      Re: Finalmente...
      Io i blu-ray su Amazon li pago tra i 6 e i 10 euro massimo (tranne le nuovissime uscite a 2 mesi dall'uscita al cinema che trovo a meno di 15 di solito). a 30 euro io non ho mai visto un blu-ray (tranne il cofanetto con la rimasterizzazione del gattopardo a 22euro).
      • Sgarbi scrive:
        Re: Finalmente...
        - Scritto da: LettoreXYZ
        Io i blu-ray su Amazon li pago tra i 6 e i 10
        euro massimo (tranne le nuovissime uscite a 2
        mesi dall'uscita al cinema che trovo a meno di 15
        di solito). a 30 euro io non ho mai visto un
        blu-ray (tranne il cofanetto con la
        rimasterizzazione del gattopardo a
        22euro).Su Amazon, che citi, il bluray di Star Trek: Into darkness, costa 28 euro.Per quanto mi riguarda è una cifra esorbitante che non pagherò mai, anche perchè una volta che l'hai visto un film, sarà difficile che lo rivedrai.Personalmente non pagherei nemmeno 10 euro, ma solo per il fatto che ritengo inutile acquistare un film su supporto fisico, preferirei vederlo e poi cancellarlo/restituirlo ecc ecc. Le videoteche di una volta facevano i soldi con me ;)
    • ewest scrive:
      Re: Finalmente...
      - Scritto da: Sgarbi
      ...qualcuno del settore che ha avuto il coraggio
      di dire le cose come stanno
      veramente.
      In tutta onestà trovo assurdo dover comprare un
      lettore blu-ray e poi comprare a botte di 30 euro
      i film...ma per favore, voi la pirateria la
      incentivate.

      Mettete tutto su internet, con la possibilità di
      comprare la visione tipo pay-tv, con un prezzo di
      MASSIMO 5 euro per un titolo in 3D (di più non ha
      alcun senso, me ne vado al cinema). Con una media
      di prezzo intorno ai 2-3 euro, chiunque li
      comprerebbe piuttosto che piratare, anche perchè
      avresti tutta la qualità HD disponibile, audio
      dolby e possibilmente anche il 3D, tutto
      comodatamente a
      casa.

      Ma questi signori sono affamati di denaro,
      vogliono tutto e vogliono
      troppo.Sono d'accordo in generale, però ricorda che non tutti hanno la banda larga.
      • cicciobello scrive:
        Re: Finalmente...

        Sono d'accordo in generale, però ricorda che non
        tutti hanno la banda
        larga.Chi non ce l'ha può sempre farsi caricare il film su chiavetta
      • Sgarbi scrive:
        Re: Finalmente...
        - Scritto da: ewest
        Sono d'accordo in generale, però ricorda che non
        tutti hanno la banda
        larga.Beh si, questo lo so...ma l'arretratezza dell'Italia non è colpa nostra o delle case discografiche.
  • Video noleggio Muflone scrive:
    Ma per favore
    Kevin Spacey, ma per favore, non vorrete mica mettere con gente del calibro di Moccia, Muccino e Moccioso.Ma per favore.
  • Number 6 scrive:
    Kevin Spacey...
    ... È Keyser Soze!!!
    • MArco scrive:
      Re: Kevin Spacey...
      - Scritto da: Number 6
      ... È Keyser Soze!!!NOOOOO!!!!!! Dovevo ancora finire di vederlo!! E io chepensavo che Verbal fosse "debole e stupido"... ;)
Chiudi i commenti