Eurotariffe, è la volta di TIM

Lo scenario estivo si completa con le nuove tariffe di roaming dell'operatore, che le adegua al regolamento europeo

Milano – Il nuovo regolamento europeo che disciplina le tariffe dei servizi di roaming vale per tutti gli operatori del Vecchio Continente. E sul mercato italiano, dopo gli annunci di Wind e Vodafone e la pubblicazione di una piccola guida da parte dell’ Authority TLC , ecco come si muovono gli altri due operatori, TIM e TRE .

TIM ha annunciato che la modifica dei prezzi del roaming in base al nuovo regolamento dell’Unione Europea avrà effetto dal primo ottobre: nei 27 paesi UE, gli utenti potranno parlare al costo di 49 centesimi al minuto IVA esclusa (58,8 centesimi IVA inclusa) per le chiamate effettuate e 24 centesimi al minuto IVA esclusa (28,8 centesimi IVA inclusa) per quelle ricevute, senza scatto alla risposta e costi aggiuntivi.

Sarà possibile, dal 30 luglio fino al 30 settembre, chiedere la prenotazione senza costi aggiuntivi dell’applicazione dell’opzione Eurotariff, che di fatto applica la tariffa regolamentata a livello UE. Per prenotazione si intende la possibilità di accedere all’opzione, che sarà disponibile entro 30 giorni. “Dal 1° Ottobre in poi – precisa TIM – come previsto dal nuovo regolamento UE, la nuova tariffazione in Europa sarà disponibile, senza necessità di prenotazione e attivazione, per tutti i clienti che non abbiano già precedentemente scelto una diversa opzione roaming”. Tali clienti dovranno necessariamente disattivare le loro opzioni roaming attive per poter chiamare con la nuova tariffazione (disattivazione senza applicazione di penale o costi aggiuntivi).

L’operatore propone però, dal 6 agosto, l’offerta roaming “TIM Senza Confini”, che prevede l’applicazione dell’Eurotariffa per le chiamate effettuate da un Paese europeo verso i 27 paesi membri dell’Unione (roaming originato), mentre “le chiamate ricevute nei paesi dell’UE (roaming ricevuto) non si pagheranno più”. L’offerta è in promozione – senza costi aggiuntivi – per agosto e settembre sia per i clienti Privati sia per i clienti Aziende. A partire da ottobre potrà essere attivata per i clienti privati al costo di 10 euro e sarà valida per un mese. Per i clienti Business, invece, è previsto un canone dinamico mensile di 19 euro, che dovrà essere pagato solo quando si chiama o si riceve all’estero.

TRE, per il momento, non si pronuncia in merito alla regolamentazione dell’Eurotariffa, ma è opportuno osservare che i suoi clienti possono già accedere all’offerta 3 Like Home , o “All’estero come a casa”, applicabile per tutti i clienti delle aziende del gruppo, i cui network sono operativi in parte dell’Europa (Svezia, Regno Unito, Austria, Danimarca, Irlanda), Australia e Hong Kong. Tale offerta, attivata automaticamente senza costi aggiuntivi a tutti gli utenti, consente – a chi si trova all’estero in uno dei Paesi sopra indicati – di chiamare alla sua stessa tariffa nazionale, più lo scatto alla risposta (50 centesimi di euro).

Il che potrebbe risultare più conveniente dell’Eurotariffa, soprattutto su telefonate di una certa durata: per i clienti che, ad esempio, hanno un piano tariffario che prevede un costo/chiamata di 10 centesimi al minuto, una telefonata potrebbe costare 60 centesimi se lunga un minuto, 70 se lunga due minuti, 80 per tre minuti e via calcolando (l’Eurotariffa consentirebbe invece ad un operatore mobile europeo di addebitare oltre 1,70 euro per una telefonata di tre minuti in roaming).

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • palledinome scrive:
    30 min...
    Io son volato in piscina con 1 Nokia 6110. Quando sono uscito il telefono era già spento.Ma datogli il tempo x asciugarsi ha ripreso a vivere.Mi è anche caduto dal 4° piano e tutt'ora funziona nonostante non lo usi più visto che mi si è smagnetizzata la sim e sono passato ad 1 altro operatore
  • Kandy scrive:
    Notizia curiosa!
    Notizia interessante, mancano giusto le indicazioni sui costi che sarebbero state curiose da sapere ;).ps: il titolo, comunque, è un po' da supercazzola, non si capisce mica di cosa parli l'articolo!ps2: per il moderatore, ora va bene?? :-D
  • Kandy scrive:
    Titolo supercazzola!
    Eheheh, davvero una figata sto cellacqueo, peccato che dal titolo dell'articolo si capisce mica di cosa si parli! ;)
  • Guido La Vespa scrive:
    Annate ammoriammazzati.
    Avete osato togliere il commento a Guido? E poi perchè?
  • Guido La Vespa scrive:
    Glu glu
    Noooo, Porco Dio, come sarebbe che non arriverà in Europa? Lo voglio, voglio andare a fare snorcheling col telefonino Porca Madonnaaaa!
  • Presid. Scrocco scrive:
    Tempo max: 30 minuti?
    Hmm... non capisco una cosa.O un oggetto è impermeabile, o non lo è. Cos'è questa cosa del tempo limitato? E per quale motivo?Ci hanno messo apposta qualche materiale che resiste per 30 minuti e poi si rompe? Perché non credo che la causa sia la pressione, a 1 metro sott'acqua.Ma è assurdo, è come se mi comprassi un orologio subacqueo che dopo 1 ora che sto in acqua inizia a riempirsi.Spiegatemelo, grazie! ;)
    • Kandy scrive:
      Re: Tempo max: 30 minuti?
      Dipende proprio dalla pressione: più a lungo si esercita una forza sui componenti, meno resistono poiché sollecitati oltre il punto di rottura. Anche gli orologi, eccetto alcuni particolari, non sono fatti per resistere, chessò, giorni sottacqua.
    • Kandy scrive:
      Re: Tempo max: 30 minuti?
      Potrebbe anche non trattarsi di una impermiabilizzazione completa, cmq.
Chiudi i commenti