Fastweb, recedere costerà meno

L'azienda rimodula al ribasso il costo applicato dall'azienda per i clienti intenzionati a rescindere il contratto
L'azienda rimodula al ribasso il costo applicato dall'azienda per i clienti intenzionati a rescindere il contratto

Milano – Il termine “rimodulazioni”, usato ed abusato negli ultimi tempi dalle telco per indicare ritocchi tariffari che gli utenti percepiscono solitamente come aumenti, comincia ad assumere un significato differente: glielo attribuisce Fastweb , che rimodula il costo applicato per i clienti intenzionati a rescindere il contratto.

L’operatore ha infatti annunciato ieri che rescindere un contratto Fastweb costerà 49 euro.

La Società – spiega una nota – ha deciso di rivedere il sistema precedente , “in cui i costi di recesso erano decrescenti nel tempo (da un massimo di 217,20 a un minimo di zero), per privilegiare un meccanismo in cui tali oneri sono, in ogni momento della durata del contratto, chiari e trasparenti”. I nuovi costi – secondo quanto previsto dalla circolare attuativa sulla legge Bersani – saranno ora sottoposti alla valutazione dell’ Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni .

Soddisfatta Adiconsum , che in seguito alla decisione ha commentato: “La trasparenza e il ribasso del costo di recesso per i clienti Fastweb è un primo passo verso l’abolizione dei costi di chiusura dei contratti delle TLC e dei media digitali, indispensabile per restituire al consumatore la completa capacità decisionale sui servizi fruiti. Ora ci aspettiamo che tutti i gestori rispettino il principio della Bersani”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 07 2007
Link copiato negli appunti