FIFA deposita i marchi nel Metaverso in vista dei Mondiali 2026

FIFA deposita i marchi nel Metaverso in vista dei Mondiali 2026

FIFA segna 1-0 con largo anticipo nel Metaverse, depositando i marchi per Metaverso e Web3 in vista già della prossima Coppa del Mondo 2026.
FIFA segna 1-0 con largo anticipo nel Metaverse, depositando i marchi per Metaverso e Web3 in vista già della prossima Coppa del Mondo 2026.

La Federazione Internazionale di Calcio dell’Association, meglio conosciuta come FIFA, ha depositato i suoi marchi per Metaverso e Web3. Un goal importante che dimostra quanto interesse ci sia per questo mondo virtuale.

L’occasione sembra essere quella della prossima Coppa del Mondo 2026. Con largo anticipo, per avere tutto il tempo di realizzare quanto progettato, FIFA ha deciso di registrare il marchio per il Metaverse il 14 luglio 2022.

Ad aver rivelato questa notizia è stato Mike Kondoudis, avvocato ed esperto di marchi, che il 20 luglio 2022 ha postato su Twitter quanto deciso dalla Federazione. Una notizia fortemente bullish per il mercato del Metaverso.

Preso sempre più d’assalto da tantissimi settori, soprattutto quello del calcio, si sta rivelando un’ottima opportunità per investire. Se anche tu vuoi entrare in questo mondo apri un conto gratuito su MetaverseLife. Questo è il primo portafoglio intelligente, gestito da eToro, che ti permette di acquistare, investire, detenere e scambiare asset direttamente nel Metaverso.

FIFA e i suoi marchi nel Metaverso

Nel suo tweet, Kondoudis, che abbiamo imparato a conoscere proprio in questi ultimi anni, ha elencato su cosa si basa la domanda di marchio depositata da FIFA in merito alla Coppa del Mondo 2026. Nello specifico si tratta di:

  • scambi digitali e criptovalute;
  • abbigliamento virtuale e attrezzatura sportiva;
  • negoziazione di azioni virtuali;
  • servizi di elaborazione digitale e criptovaluta;

fifa-world-cup-2026-metaverso-criptovalute

È interessante notare che la domanda di marchio va oltre il semplice Metaverso e il Web3. Infatti, come si legge dal post di Kondoudis, FIFA sembra volersi inserire anche nelle aree che riguardano servizi finanziari come la compravendita di azioni virtuali, criptovalute e molto altro.

Quindi l’interesse sembra proprio andare ben oltre il settore marketing e commerciale dell’abbigliamento virtuale, attrezzatura sportiva e affini per il Metaverso. Ricordiamo che proprio FIFA aveva annunciato una partnership con Algorand a maggio di quest’anno:

Siamo lieti di annunciare questa partnership con Algorand. La collaborazione è una chiara indicazione dell’impegno della FIFA nella ricerca continua di canali innovativi per una crescita sostenibile dei ricavi da reinvestire ulteriormente nel calcio, garantendo trasparenza ai nostri stakeholder e ai tifosi di tutto il mondo, un elemento chiave della nostra Vision per rendere il calcio veramente globale. Non vedo l’ora di una lunga e fruttuosa collaborazione con Algorand.

Coppa del Mondo 2026: sarà diversa dalle altre sotto molti aspetti

A giugno 2022, FIFA ha annunciato che la Coppa del Mondo del 2026 sarebbe stato un torneo più grande e diverso di tutti i tempi. Infatti, saranno tre i Paesi che ospiteranno i Mondiali di Calcio: Canada, Messico e Stati Uniti. Oltre a Metaverso e Web3, il focus sarà anche sui diritti umani. Ecco cosa ha dichiarato la Federazione:

La FIFA si impegna a garantire che il torneo abbia un impatto positivo e duraturo. Questo è il motivo per cui i diritti umani sono stati una considerazione fondamentale fin dall’inizio. I nuovi requisiti della FIFA sui diritti umani per i tornei, sviluppati in consultazione con un’ampia gamma di parti interessate e con il supporto tecnico dell’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, sono stati implementati per la prima volta per un evento importante durante la gara processo per la Coppa del Mondo nel 2026. Nell’ambito della procedura di gara, i paesi ospitanti e le città ospitanti dovevano impegnarsi, tra le altre cose, a rispettare i propri obblighi ai sensi dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani e sviluppare le rispettive strategie.

*Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 lug 2022
Link copiato negli appunti