FIMI: la riscossa dei CD

Dopo ben 11 anni, le vendite degli album sono tornate a crescere. Merito di un generale calo dei prezzi e del recupero del repertorio italiano. E la buona novella è giunta anche sul fronte download e streaming

Roma – Non accadeva da ormai 11 lunghi anni. Le vendite dei CD musicali sono tornate a crescere, precisamente del 9 per cento nei primi sei mesi di questo 2010 . Almeno secondo le ultime osservazioni della società d’analisi Deloitte , raccolte per conto della Federazione Industria Musicale Italiana (FIMI).

Dopo 11 anni di declino, le vendite degli album sono dunque tornate a sorridere, con un fatturato complessivo di circa 50 milioni di euro contro i 45 del 2009 . Una crescita che ha sorpreso alcuni osservatori , garantita – secondo il comunicato stampa diramato da FIMI – da almeno due fattori chiave.

In primis, il generale calo dei prezzi , in modo particolare per quelle registrazioni che hanno ormai guadagnato l’ineluttabile alone del tempo. Vecchie registrazioni, in sostanza, a cui si dovrebbe aggiungere un secondo motivo: il recupero del repertorio italiano. Quest’ultimo – sempre secondo i dati raccolti – sarebbe cresciuto del 33 per cento , rappresentando una fetta pari al 53 per cento di tutto il settore contro il 42 per cento del repertorio internazionale.

A crescere sarebbe stato l’intero mercato discografico, lievitato del 7,7 per cento nel primo semestre del 2010 per un fatturato – tra digitale e fisico – di 67,1 milioni di euro . E le buone notizie sono giunte anche dal fronte del download e dello streaming online, aumentati rispettivamente del 34 e del 38 per cento .

“Complessivamente – si legge nel comunicato stampa di FIMI – la musica digitale, con oltre 11 milioni di euro di ricavi nel primo semestre del 2010 e un incremento del 15 per cento rispetto all’anno precedente, rappresenta circa il 18 per cento del mercato fisico rispetto al 14 per cento di sei mesi fa”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti